Google Earth strumento militante

I servizi di Google sono usati ormai da attivisti di ogni credo. Da chi li usa per controllare i voti a chi organizza proteste ambientali. Google Earth e Google Maps sono strumenti irrinunciabili

Roma – Google Maps e Google Earth vengono sempre più adottati dagli attivisti di ogni genere in tutto il mondo come strumenti capaci di dare tutto un nuovo spessore alle loro istanze, fornendo un riferimento dinamico e ipertestuale in qualsiasi luogo del Pianeta.

Non è un caso, dunque, che stia alzando rumore proprio in queste ore la “brigata” I Love Mountains , un sito di sostegno alla montagna, dichiaratamente contro la rimozione delle cime dei monti e distruzione dei panorami per l’estrazione del carbone. Le mappe di Google si rivelano utilissime per illustrare a sostenitori e curiosi il punto esatto di esecuzione di operazioni di brillamento. “Se puoi mostrare alla gente che c’è una connessione diretta (tra le persone e quella zona, il fatto, ndR), assume rilevanza diversa nella loro vita di tutti i giorni”, dice al giornale Mary Anne Hitt, direttore esecutivo del sito.

Ma sono moltissimi gli esempi di impiego delle mappe di Google con le più varie finalità. Dole Food Company , ad esempio, sfrutta Google Earth per tracciare le banane che commercializza negli Stati Uniti. Con uno speciale codice applicato su ogni esemplare, da inserirsi in un sito appositamente creato, il consumatore interessato può individuare e vedere con precisione il luogo in cui cresce la pianta che ha dato il frutto. Di tutt’altra area dello scibile, il blog The Cristian Science Monitor : impiega i servizi di Google per mostrare immagini satellitari interattive delle zone devastate del Darfur .

In ballo con Google Earth anche organizzazioni stranote, come Greenpeace , che sfrutta i servizi di BigG per tracciare gli spostamenti delle balene. E c’è anche chi ne fa un singolare impiego politico , come pure chi ne fa un prodotto a metà tra il serio e il ludico , per gironzolare virtualmente nelle strade. Si può addirittura mappare la Settimana Internazionale delle Pulizie .

I moltissimi esempi dimostrano chiaramente che Google Maps e Google Earth, inizialmente visti da molti come prodotti , si stanno affermando invece come servizi globali a pienissimo titolo, di grande utilità e in piena integrazione tra loro. E la stessa Google lo spiega, in un video esplicativo:

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • paolino scrive:
    class action in italia? NOOOOO
    Basta leggere questa notizia per capire perchè i nostri simpatici politicanti (quelli della cosiddetta sinistra compresi) NON vogliono la class action... andrebbe contro gli interessi dei loro padroni.
  • Pro Soul scrive:
    Insabbiate
    Beh l'hanno fatto con 9/11 non vedo perchè non dovrebbero farlo con questo...
    • Lillo scrive:
      Re: Insabbiate
      Ehm con 9/11 gli interessi erano un tantino più multimilionari: controllo di oleodotti in Afghanistan, e depredamento dell'Iraq. E armi a go go da scaricare su civili e radere al suolo un'intera nazione... Per rinnovare gli arsenali e far fare soldi agli armaioli...
  • roberts pierre scrive:
    presto anche da noi
    la class action in italia e' passata grazie ad un ERRORE (li paghiamo 20.000 euro al mese per pigiare un bottone e non sanno nemmeno farlo bene) di un deputato di FI, quindi avanti con i blog e gli spazi di aggregazione che presto anche noi potremo fargli un c*lo cosi'!!!! in italia c'e' talmente tanta illegalita' diffusa che se almeno una volta su cento una procura dovesse riuscire ad evitare la prescrizione potremmo smettere di lavorare e dedicarci esclusivamente alle cause in class action
    • Daniele scrive:
      Re: presto anche da noi
      altra buona riforma del nostro tanto bistrattato governo
      • Il professore scrive:
        Re: presto anche da noi
        - Scritto da: Daniele
        altra buona riforma del nostro tanto bistrattato
        governoE ci siete cascati. Ma che bravi. Ma andarvi a leggere cosa sia la "riforma" no eh? Scoprire che TU non puoi denunciare in class action e lo possono fare solo le associazioni di industriali? Oppure che se vinci devi fare una causa per ribadire che hai vinto?Dai su... cascate dai peri e camminate.
        • Pro Soul scrive:
          Re: presto anche da noi
          Lo stavo per scrivere io :)Purtroppo c'è ancora troppa gente che guarda la tv
        • fred scrive:
          Re: presto anche da noi

          Piuttosto vorrei far notare lo schifo dei membri
          dell'opposizione, che hanno fatto di tutto per
          affossare una norma a tutela dei cittadini, che
          ovviamente va contro agli interessi di berlusca e
          soci.sottoscrivo; sembra che i politici di opposizione siano solo interessati a fare la guerra a quelli di maggioranza fregandosene completamente di noi quando dovrebbero collaborare perlomeno su tutto cio che c'e' di interesse comune.
        • BSD_like scrive:
          Re: presto anche da noi
          Meno RAI3 eh!!http://www.piforum.it/b.aspx?i=2116720Come sottolinea il tuo collega di forum, e il presidente dell'associazione, la Class Action approvata è un pasticcio all'italiana e fasulla, non è uguale a quella degli States!Per poter intraprendere una class action, devi far parte di determinate corporazioni "(Associazioni di consumatori finanziate dallo Stato ed altre associazioni scelte dal Governo), uniche ad avere il monopolio dell'azione giudiziaria".Negli States come ti riporta questo art. di PI:"Una denuncia che Hart spera di trasformare in una class action, portandosi quindi dietro i molti utenti Comcast che non digeriscono certe discutibili pratiche di filtering"chiunque può intraprendere un'azione legale che può diventare una class action.Infine, il motivo per cui l'opposizione ha votato contro questa norma, era solo quello di mettere in difficoltà il governo.Infine ancora, la norma non è stata introdotta dal consiglio dei ministri, ma da 2 esponenti dell'attuale maggioranza (in altri tentativi l'introduzione nel consiglio dei min. è stata rimandata, chiediti perchè. È stata introdotta stavolta, perchè hanno acocntentato tutte le modifiche, pur di non cadere in questa fase. Se mi presentavo anche io con richieste accontentavano anche me.Infine per ultimo, quella votata insieme a tutta la finanziaria è solo uno dei passaggi; ora andrà alla camera dove subirà altre modifiche; tornerà al senato dove rischierà la maggioranza di cadere ancora, infine tornerà alla camera: solo a ridosso di natale si saprà come andrà a finire.
          • Funz scrive:
            Re: presto anche da noi
            Effettivamente pare che possano intentare una class action solo le associazioni dei consumatori. Comunque non mi pare tragica come la fanno questi di Generazione attiva.L'inghippo sta qui: l'emendamento dichiama l'articolo 139 del dlgs 6 settembre 2005, n.206 che rimanda al 137:http://gazzette.comune.jesi.an.it/2005/235/4.htm Art. 137.Elenco delle associazioni dei consumatori e degli utentirappresentative a livello nazionale1. Presso il Ministero delle attivita' produttive e' istituitol'elenco delle associazioni dei consumatori e degli utentirappresentative a livello nazionale.2. L'iscrizione nell'elenco e' subordinata al possesso, dacomprovare con la presentazione di documentazione conforme alleprescrizioni e alle procedure stabilite con decreto del Ministrodelle attivita' produttive, dei seguenti requisiti:a) avvenuta costituzione, per atto pubblico o per scritturaprivata autenticata, da almeno tre anni e possesso di uno statuto chesancisca un ordinamento a base democratica e preveda come scopoesclusivo la tutela dei consumatori e degli utenti, senza fine dilucro; b) tenuta di un elenco degli iscritti, aggiornato annualmente conl'indicazione delle quote versate direttamente all'associazione pergli scopi statutari;c) numero di iscritti non inferiore allo 0,5 per mille dellapopolazione nazionale e presenza sul territorio di almeno cinqueregioni o province autonome, con un numero di iscritti non inferioreallo 0,2 per mille degli abitanti di ciascuna di esse, da certificarecon dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta' resa dal legalerappresentante dell'associazione con le modalita' di cui agliarticoli 46 e seguenti del testo unico delle disposizioni legislativee regolamentari in materia di documentazione amministrativa, di cuial decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445;d) elaborazione di un bilancio annuale delle entrate e delleuscite con indicazione delle quote versate dagli associati e tenutadei libri contabili, conformemente alle norme vigenti in materia dicontabilita' delle associazioni non riconosciute;e) svolgimento di un'attivita' continuativa nei tre anniprecedenti;f) non avere i suoi rappresentanti legali subito alcuna condanna,passata in giudicato, in relazione all'attivita' dell'associazionemedesima, e non rivestire i medesimi rappresentanti la qualifica diimprenditori o di amministratori di imprese di produzione e serviziin qualsiasi forma costituite, per gli stessi settori in cui operal'associazione.3. Alle associazioni dei consumatori e degli utenti e' preclusaogni attivita' di promozione o pubblicita' commerciale avente peroggetto beni o servizi prodotti da terzi ed ogni connessione diinteressi con imprese di produzione o di distribuzione.4. Il Ministero delle attivita' produttive provvede annualmenteall'aggiornamento dell'elenco.5. All'elenco di cui al presente articolo possono iscriversi anchele associazioni dei consumatori e degli utenti operantiesclusivamente nei territori ove risiedono minoranze linguistichecostituzionalmente riconosciute, in possesso dei requisiti di cui alcomma 2, lettere a), b), d), e) e f), nonche' con un numero diiscritti non inferiore allo 0,5 per mille degli abitanti dellaregione o provincia autonoma di riferimento, da certificare condichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta' resa dal legalerappresentante dell'associazione con le modalita' di cui agliarticoli 46 e seguenti del citato testo unico, di cui al decreto delPresidente della Repubblica n. 445 del 2000.6. Il Ministero delle attivita' produttive comunica allaCommissione europea l'elenco di cui al comma 1, comprensivo anchedegli enti di cui all'articolo 139, comma 2, nonche' i relativiaggiornamenti al fine dell'iscrizione nell'elenco degli entilegittimati a proporre azioni inibitorie a tutela degli interessicollettivi dei consumatori istituito presso la stessa Commissioneeuropea.[...]
          • ...... scrive:
            Re: presto anche da noi
            ADUC, E' UNA BUFALA"Con questa class action ci vorranno 20 anni prima di aver definitivamente ragione ed ottenere un risarcimento- lamenta invece il segretario dell'Aduc, Primo Mastrantoni- E' una bufala. I cittadini che volessero costituirsi in associazione per la tutela dei loro diritti non potrebbero farlo. Per esempio i danneggiati Parmalat non potrebbero ricorrere in quanto tali, anche con una loro associazione". I consumatori potranno rivolgersi alle associazioni riconosciute dal Governo e che da questo ne prendono le sovvenzioni. "Insomma più che una azione giudiziaria collettiva avremo una azione giudiziaria controllata. Bel risultato!" conclude Mastrantoni.Come inserita qui, è una normativa pensata per compensare i danneggiati di grandi acquisti commerciali. Che poi oltrettutto avrà a che fare con le lungaggini (ulteriormente aggravate da varie class action) della giustizia italiana
    • classe scrive:
      Re: presto anche da noi
      La maggior parte dei nostri politici sono delle bestie e non meritano di sedere dove siedono e avere tutti i privilegi che hanno.Lo dimostra il caso di questo senatore che sbaglia e piange, pensando alle poltrone del suo schieramento piuttosto che al bene dei cittadini che dovrebbe rappresentare.
  • Cavallo GolOso scrive:
    il risultato non sarà l'eliminazione
    non credo che il risultato, anche in caso di vincita della class action, sarà l'eliminazione dei filtri, bensì l'indicazione chiara (o almeno apparentemente chiara) del fatto che il filtraggio avviene.il solito "se ti avverto posso fregarti"
Chiudi i commenti