Google forgia l'alternativa ad ActiveX

Svelato un progetto open source che nei prossimi anni potrebbe consentire alle web application di accedere alla piena potenza delle CPU dei client, aprendo la strada ad applicazioni online più complesse e performanti

Roma – Coniugare i vantaggi forniti dalle web application, quali neutralità, portabilità e sicurezza, con i vantaggi tipici delle applicazioni desktop, primo fra tutti la capacità di sfruttare appieno la potenza di calcolo dei computer client. Questo, a grandi linee, l’obiettivo perseguito da Google con il nuovo progetto open source Native Client , di cui è appena stata rilasciata una prima versione di test.

Tecnicamente parlando, Native Client è una tecnologia che permette alle web application di eseguire codice x86 nativo sul client , superando le limitazioni tipiche dei linguaggi di scripting. Questa caratteristica fa sì che le applicazioni web possano accedere alla piena potenza della CPU locale, e agire in modo molto simile al software desktop tradizionale.

“I PC di oggi possono eseguire miliardi di istruzioni per secondo, ma le attuali applicazioni web possono accedere solo a una piccola frazione di questa potenza di calcolo”, ha affermato Brad Chen, del Native Client Team di Google, in questo post . “Native Client è una tecnologia di ricerca, e l’obiettivo di questa release è mostrare tale tecnologia a ricercatori, esperti di sicurezza e community open source per ottenere il loro feedback e i loro contributi”.

Chen ha spiegato che Native Client potrà essere utilizzato, ad esempio, per aggiungere ad un sito di photo-sharing degli strumenti di fotoritocco che consentano all’utente di modificare le proprie immagini senza lasciare il sito. “Oggi sarebbe possibile fornire tale funzionalità utilizzando una combinazione di JavaScript e di elaborazione server side. Questo approccio, tuttavia, richiede il trasferimento delle immagini dal server al browser e viceversa, e potrebbe rivelarsi così lento da scoraggiare l’utente”, ha proseguito lo sviluppatore. “Con la possibilità di far girare in modo trasparente del codice nativo sulla macchina dell’utente, gli sviluppatori potranno implementare l’intero processo di elaborazione delle foto sulla CPU desktop, minimizzando in questo modo la quantità di dati trasferiti (le immagini rimangono infatti sul server, ndr) e le latenze”.

Native Client si compone di un motore runtime , di un plug-in per i browser e di tool per la compilazione basati sul noto software open source GCC.

Qualcuno ha già definito Native Client l’alternativa open source alla tecnologia ActiveX di Microsoft , ma in realtà – sebbene le due tecnologie abbiano finalità simili – l’approccio di Native Client è molto differente da quello adottato da BigM, e per certi versi più simile al progetto Alchemy di Adobe .

Chen sostiene che Native Client non è stato pensato per sostituire le tecnologie web esistenti , come AJAX, Flash, JavaFX o Silverlight. “Riteniamo che gli sviluppatori possano usare questa tecnologia insieme ad altre per creare applicazioni che offrano un’esperienza più ricca e dinamica di quanto fosse possibile fino ad oggi”.

Come ogni tecnologia che tenta di mettere a disposizione delle applicazioni web le risorse locali dei client, anche Native Client dovrà fare i conti con il fattore sicurezza : una web application capace di eseguire codice nativo sul client potrebbe infatti rivelarsi estremamente dannosa. Per scongiurare tale possibilità, Google ha spiegato che le applicazioni Native Client gireranno – come quelle Java – all’interno di una sandbox, e non potranno contenere certe sequenze di istruzioni. Il motore runtime sarà inoltre in grado di rilevare e bloccare in automatico ogni porzione di codice potenzialmente pericolosa, ma realizzare tutto rappresenterà una vera sfida per il progetto di Google: sfida che BigG spera di superare con l’aiuto della comunità.

Attualmente il plug-in di Native Client, scaricabile da qui , è compatibile con i browser Firefox, Safari, Opera e Google Chrome e con le versioni x86 di Windows, Linux e Mac OS X. Gli sviluppatori contano di portare presto il software anche su altre architetture hardware, quali ARM e PowerPC.

Il codice di Native Client è accompagnato dalla New BSD License .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • manenti luca scrive:
    cinema XXXXX yotube
    scopate pompini leccate XXXXXXXX
  • Andreabont scrive:
    Lettere a casaccio?
    A me sembra che mandino lettere a casaccio... considerando qaunta gente si è vista accusata di scaricare porno da internet quando non lo usa se non per mandare mail e vedere che tempo fa il giorno successivo.I casi sono 2:O sono tutti dei gran bugiardi e anche le vecchiette scaricano illegalmente porno da internet oooure mandano le lettere a casaccio.Sarò ottimista, ma credo che le mandino a casaccio, per intimidire più persone possibile.
  • anmt scrive:
    ESTORSIONE E CALUNNIA
    Andrebbero denunciati per tentata estorsione e calunnia.Cavolo ma sti inglesi sono tutti pecoroni ?
  • Max Alberto scrive:
    Che schifo di civiltà
    non si fa in tempo ad inventare qualcosa che possa essere utile a vivere tutti meglio che il popolo dei deficienti si ingegna su come farne un uso scorretto, illecito e dannoso.In questi casi più che le multe a chi ha scaricato, dovrebbero mettere in galera prima di tutto chi ha caricato in internet quel materiale pornografico. Con la droga si punisce chi si droga o chi spaccia ?
    • Rin Kobayashi scrive:
      Re: Che schifo di civiltà
      - Scritto da: Max Alberto
      non si fa in tempo ad inventare qualcosa che
      possa essere utile a vivere tutti meglio che il
      popolo dei deficienti si ingegna su come farne un
      uso scorretto, illecito e
      dannoso.
      In questi casi più che le multe a chi ha
      scaricato, dovrebbero mettere in galera prima di
      tutto chi ha caricato in internet quel materiale
      pornografico. Con la droga si punisce chi si
      droga o chi spaccia
      ?Ohmadonna, che mai ti ha fatto il porno? Lo consideri alla stessa stregua di una droga, ma l'essere umano non è drogato di porno, semplicemente estremamente attratto dal sesso e da tutto ciò che lo riguarda ed è normale e naturale che sia così.Io con il porno non ho nessun problema, né con il sesso, non vedo assolutamente alcuna ragione per cui il porno debba essere proibito se non sciocche superstizioni religiose, se _tu_ hai problemi con il porno e con la tua sessualità, bé, fai a meno di guardartelo e fai a meno di segarti, che vuoi che ti dica... ma non hai né tu, né altri, il benché minimo diritto di scegliere anche per gli altri che invece con il sesso non hanno alcun fastidio.Il problema, qui, non è il porno, ma il fatto che lo si usi per ricattare qualcuno, cosa ben diversa.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 dicembre 2008 09.08-----------------------------------------------------------
      • Godai Yusaku scrive:
        Re: Che schifo di civiltà

        Io con il porno non ho nessun problema,Su questo non ho dubbi(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
  • Alessandra scrive:
    si devono cambiare le leggi
    si deve solo cambiare la legge e fare in modo che il diritto d'autore sia UNA ECCEZIONE, una concessioneforse si faranno un po' più umili, meno arroganti
  • Erick Everhard scrive:
    la evil Angel è fantastica!
    non avrei mai conosciuto la Evil Angel se non fosse stato per il p2p.ci sono titoli di altre ditte simili, come la JM che semplicemente comprerò e non avrei mai nemmeno conosciuto se non fosse stato per il p2p; e che dire di Max Hardcore? Ma chi lo avrebbe mai conosciuto senza p2p?forse negli states, ma dalle nostre parti?L'unica soluzione se si ha paura dello "sguardo malevolo dei benpensanti" è farsi buddisti, evitare di desiderare qualsiasi cosa, in ogni modo.meditazione zensilenzioeliminare il bisogno
  • attonito scrive:
    scarico solo porno amatoriale
    come da oggetto
    • Selen scrive:
      Re: scarico solo porno amatoriale
      - Scritto da: attonito
      come da oggettoIl porno amatoriale non esiste più da anni. Il fatto che venga girato in stile Blair Witch Project non vuol dire nulla
      • goldenboy scrive:
        Re: scarico solo porno amatoriale
        - Scritto da: Selen
        - Scritto da: attonito

        come da oggetto

        Il porno amatoriale non esiste più da anni. Il
        fatto che venga girato in stile Blair Witch
        Project non vuol dire
        nullaCome non esiste più!?Vuoi dire che oltre alla mia ieri sera c'erano altre telecamere? :| :s :$
        • Selen scrive:
          Re: scarico solo porno amatoriale
          - Scritto da: goldenboy

          Come non esiste più!?
          Vuoi dire che oltre alla mia ieri sera c'erano
          altre
          telecamere?
          :| :s :$Tesoro... il tuo nick mi fa pensare a pratiche diverse dal porno amatoriale...
          • Giggi Giggi scrive:
            Re: scarico solo porno amatoriale
            - Scritto da: Selen
            - Scritto da: goldenboy



            Come non esiste più!?

            Vuoi dire che oltre alla mia ieri sera c'erano

            altre

            telecamere?

            :| :s :$

            Tesoro... il tuo nick mi fa pensare a pratiche
            diverse dal porno
            amatoriale...LOOOOOOOL !!! (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: scarico solo porno amatoriale
            contenuto non disponibile
      • MegaJock scrive:
        Re: scarico solo porno amatoriale
        - Scritto da: Selen
        Il porno amatoriale non esiste più da anni. Il
        fatto che venga girato in stile Blair Witch
        Project non vuol dire
        nullaCioè ad un certo tempo la Sylvia Saint di turno si mette a strillare "Jooooosh! DOVE SEI JOOOOOOSH!"?
    • manenti luca scrive:
      Re: scarico solo XXXXX amatoriale
      - Scritto da: attonito
      come da oggetto
  • momin scrive:
    Ricattatori
    Sono dei semplici ricattatori.Ci fosse un giudice non venduto, li sbatterebbe in galera.Da un punto di vista etico, sono un gradino più sotto di quelli che fanno phishing.
    • krane scrive:
      Re: Ricattatori
      - Scritto da: momin
      Sono dei semplici ricattatori.
      Ci fosse un giudice non venduto, li sbatterebbe
      in galera.
      Da un punto di vista etico, sono un gradino più
      sotto di quelli che fanno phishing.Bisogna criptare tutto : navigazione, email, p2p non permettere che qualsiasi sistemista legga tutto quello che fai.
    • Paolini scrive:
      Re: Ricattatori
      Cerco un film con Gaia Botta' per poi farmi ricattare.
    • zaza scrive:
      Re: Ricattatori
      Sono arrabbiati perchè hanno scoperto che i video più scaricati erano quelli dove le loro madri erano protagoniste
  • soulista scrive:
    L'ho già detto e continuerò...
    ... a ripetermi: W IL PORNO AMATORIALE.
  • Enjoy with Us scrive:
    Vedo che il progetto facciamoci amare...
    ... prosegue speditamente!Quindi non contenti di attirarsi l'odio popolare ingiungendo pagamenti esosi anche a malati gravi (Vedi PI di ieri) ora cercano anche di ricattare gli ignari cittadini!Bello il sistema, invio a pioggia un pò di lettere minacciose a qualsiasi utenza ADSL e se non paghi ti diffamo pubblicamente!Scusate ma non è un reato? Anche un tantinello più grave dell'eventuale condivisione di materiare protetto via P2P?E con i Fake come la mettiamo?Assurdo poi che il legislatore debba farsi carico di difendere un'industria dalla dubbia utilità come quella del porno! Da una parte si proibisce alle prostitute di esercitare e dall'altra si vogliono proteggere i DRM sui filmati pornografici?
    • MegaJock scrive:
      Re: Vedo che il progetto facciamoci amare...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Assurdo poi che il legislatore debba farsi carico
      di difendere un'industria dalla dubbia utilità
      come quella del porno!
      Parla per te, il mondo sarebbe più triste senza la trilogia di Pink Velvet.
    • Erick Everhard scrive:
      Re: Vedo che il progetto facciamoci amare...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      ... prosegue speditamente!
      Quindi non contenti di attirarsi l'odio popolare
      ingiungendo pagamenti esosi anche a malati gravi
      (Vedi PI di ieri) ora cercano anche di ricattare
      gli ignari
      cittadini!
      Bello il sistema, invio a pioggia un pò di
      lettere minacciose a qualsiasi utenza ADSL e se
      non paghi ti diffamo
      pubblicamente!

      Scusate ma non è un reato? Anche un tantinello
      più grave dell'eventuale condivisione di
      materiare protetto via
      P2P?ricatto, estorsione, diffamazione, intimidazione, violenza privata?:)ci metterei su una bella causa bella pesante e lì si un bel po' di pubblicità con nomiecognomi "salve sono mario rossi e faccio il panettiere a Londra; la tiziodigital, che lavora per la pornhouz corporation ha ottenuto senza chiedere un mandato ad un giudice, senza avvertire nessuno e comunque in modo negligente e fallace, di spiare i dati del traffico internet della gente, di guardare quello che fanno come degli avvoltoi.pensando (e sbagliando) che io avessi preso del materiale pornografico, agendo con un comportamento che ho visto solo nei film di hollywood quando i criminali minacciano e ricattano le vittime, mi hanno detto che se non avessi pagato un riscatto di 500 sterline per la mia reputazione, non la avrei più riavuta ... io naturalmente non ho fatto niente di tutto questo ma loro si, loro hanno fatto quello che vi dico: ecco la lettera dell'avvocato John Maverducknz della Legal Digital Biribiri ... se qualcun altro è stato raggiunto da lettere simili a torto, lo invito a chiedere i danni per tutto quanto: come può uno che commette vari crimini (spionaggio, diffamazione, ricatto ... ) dare a me del criminale? "Mario Rossi
      E con i Fake come la mettiamo?
      Assurdo poi che il legislatore debba farsi carico
      di difendere un'industria dalla dubbia utilità
      come quella del porno!

      Da una parte si proibisce alle prostitute di
      esercitare e dall'altra si vogliono proteggere i
      DRM sui filmati
      pornografici?
  • bubba scrive:
    spettacolare , ben spiegato qui
    http://cabalamat.wordpress.com/2008/11/20/davenport-lyons-digiprotect-and-evil-angel-criminal-scammers/che in effetti e' citato anche nell'articolo. Com'e' che mi ricorda una certa Mediadefender (ora crepata, ale!) , Mediasentry (ora SafeNet) e altri prodi difensori del marcio
    • Safenet Operator 46 scrive:
      Re: spettacolare , ben spiegato qui

      Mediasentry (ora SafeNet) eNo un attimo, non facciamo confusione:Mediasentry è una divisione di SafeNet Inc. che si occupa di offrire servizi alle Major e company.SafeNet Inc. è una realtà molto più grossa e si occupa di fornire tecnologie di cifratura, comunicazione e protezione dati ai governi (leggi: USA) che ne hanno bisogno.Concludo dicendo che ormai il nome "SafeNet" è stra-abusato da parte di cani e porci (come in questo caso) :(...e nel caso te lo stessi chiedendo: no, io sono di un altra safenet (anonimo)
      • SFnet node admin scrive:
        Re: spettacolare , ben spiegato qui

        Concludo dicendo che ormai il nome
        "SafeNet" è stra-abusato da parte di cani
        e porci (come in questo caso)
        :(Quoto, è una vergogna che non esista la 'prior art' sui nomi dei progetti.

        ...e nel caso te lo stessi chiedendo: no, io sono
        di un altra safenet
        (anonimo)ri-Quoto.
  • 0verture scrive:
    Ma quando arrivano queste lettere...
    ...di minaccia, perchè di minacce stiamo parlando una bella contro denuncia con richiesta di risarcimento danni non di 500 ma di 5000 sterline ?
    • chojin scrive:
      Re: Ma quando arrivano queste lettere...
      - Scritto da: 0verture
      ...di minaccia, perchè di minacce stiamo parlando
      una bella contro denuncia con richiesta di
      risarcimento danni non di 500 ma di 5000 sterline
      ?Il piccolo problema è che il cittadino medio non ce li ha i soldi per sostenere le spese legali e la magistratura è messa male ovunque nel mondo--raramente funziona, non solo in Italia.
      • 0verture scrive:
        Re: Ma quando arrivano queste lettere...
        Beh non esageriamo, si tratta in fondo di una causa civile a livello di Forum.Mi diffami ed io ti chiedo i danni. Voglio 5000 sterline, Sant Lickers me ne darà 2500.Poi non è detto che in Inghilterra non funzioni come in America dove viene su il precedente e dopo tutti s'attaccano come le zecche.100/200 cause dove devono pagare i danni a tutti e vedi come quelli si danno una calmata
      • Strider scrive:
        Re: Ma quando arrivano queste lettere...
        E tu da civile la fai diventare penale: li denunci per ricatto e intimidazione a scopo di estorsione. Chiedi a qualunque avvocato, si può fare.Molti consumatori non sono a conoscenza dei loro diritti, e gente come questa se ne approfitta. Stessa cosa per le compagnie di incasso debiti.Ricordate che l'avvocato di Logistep è stata radiata dall'albo. Niente più aule di tribunale per lei, niente più studi legali. Solo spazzole e secchi. :D
    • fred scrive:
      Re: Ma quando arrivano queste lettere...
      basta attendere che pubblichino il tuo nome con la lista di cio' che hai scaricato (porno) e tu li denunci per violazione della privacy.
  • 01234 scrive:
    ma ci rendiamo conto?
    neppure i "detentori dei diritti" (sic) sapevano e immaginavano...questi sono dei banditi...e poi sempre co'sta storia "è come rubare" :-Oma i ladri sono LORO!!!!
  • Den Lord Troll scrive:
    Hentai-go
    proprio a sud delle alpi !
  • Rin Kobayashi scrive:
    Strategia RIAA
    Vedo che funziona anche in altri frangenti. (rotfl) Vabbé, io mi metto apposto subito la coscienza: sono gay e spesso frequento http://w**.boyreview.co*/ ma le 500 sterline proprio non le pago. (rotfl)
    • fred scrive:
      Re: Strategia RIAA
      E' una violazione troppo forte perche' non ci sia un intervento da parte del legislatore inglese a tutela dei coinvolti;gli autori della strategia stanno andando incontro a guai perche' per quanto le leggi da quelle parti siano a favore del copyright violazioni alla privacy in particolare sui gusti personali, diffuse previo intercettazione telematica sono al di fuori del consentito consentito.
      • Rin Kobayashi scrive:
        Re: Strategia RIAA
        - Scritto da: fred
        E' una violazione troppo forte perche' non ci sia
        un intervento da parte del legislatore inglese a
        tutela dei
        coinvolti;
        gli autori della strategia stanno andando
        incontro a guai perche' per quanto le leggi da
        quelle parti siano a favore del copyright
        violazioni alla privacy in particolare sui gusti
        personali, diffuse previo intercettazione
        telematica sono al di fuori del consentito
        consentito.E speriamo che li incontrino questi guai, ma che siano grossi e dolorosi e speriamo che di nome facciano Motumbo [Google Immagini per maggiori info]. Ma finché un privato potrà andare da un ISP e ottenere nome e cognome del proprietario di un determinato indirizzo IP queste cose succederanno. Ieri per la musica, oggi per il porno, domani per qualcos'altro... e sarà ancora più semplice quando ad ogni cittadino sarà assegnato un indirizzo IP univoco (come si auspica il buon Maroni), nasceranno quindi dei database (legali o meno) contenenti le associazioni nome e ip e non sarà più necessario nemmeno rivolgersi all'ISP.
        • Cobra Reale scrive:
          Re: Strategia RIAA
          - Scritto da: Rin Kobayashi
          - Scritto da: fred

          E' una violazione troppo forte perche' non ci
          sia

          un intervento da parte del legislatore inglese a

          tutela dei

          coinvolti;

          gli autori della strategia stanno andando

          incontro a guai perche' per quanto le leggi da

          quelle parti siano a favore del copyright

          violazioni alla privacy in particolare sui gusti

          personali, diffuse previo intercettazione

          telematica sono al di fuori del consentito

          consentito.

          E speriamo che li incontrino questi guai, ma che
          siano grossi e dolorosi e speriamo che di nome
          facciano Motumbo [Google Immagini per maggiori
          info].


          Ma finché un privato potrà andare da un ISP e
          ottenere nome e cognome del proprietario di un
          determinato indirizzo IP queste cose
          succederanno. Ieri per la musica, oggi per il
          porno, domani per qualcos'altro... e sarà ancora
          più semplice quando ad ogni cittadino sarà
          assegnato un indirizzo IP univoco (come si
          auspica il buon Maroni), nasceranno quindi dei
          database (legali o meno) contenenti le
          associazioni nome e ip e non sarà più necessario
          nemmeno rivolgersi
          all'ISP.Motumbo a quei despoti del copyright farà solo un favore, dato che dopo il suo trattamento essi potranno dire con certezza assoluta di essere ricchi sfondati! ;)[img]http://miojopastoso.files.wordpress.com/2008/02/5_motumbo_metrosexual.jpg[/img]
    • Giambo scrive:
      Re: Strategia RIAA
      - Scritto da: longinous

      Eh che vuoi che ti dica... ce le ho tutte...

      (rotfl)

      Ti dimentichi che sei pure un terrorista?Gira voce che abbia perfino acquistato Windows Vista :o ...
      • Cobra Reale scrive:
        Re: Strategia RIAA
        - Scritto da: Giambo
        - Scritto da: longinous



        Eh che vuoi che ti dica... ce le ho tutte...


        (rotfl)



        Ti dimentichi che sei pure un terrorista?

        Gira voce che abbia perfino acquistato
        Windows Vista :o
        ...Allora non c'è che dire: è proprio un caso patologico (rotfl)
Chiudi i commenti