Google investe nei programmatori cinesi

BigG difende la propria scelta di eseguire quanto richiesto dalla censura cinese e annuncia un centro di sviluppo a Pechino. Lanciato anche Gu Ge, ovvero Google alla cinese


Pechino – Google intende accelerare nei propri investimenti in Cina e il suo CEO, Eric Schmidt, ha già annunciato la creazione di una sede di sviluppo a Pechino che aprirà le porte alle menti più brillanti partorite dalle università cinesi, e si parla di migliaia di sviluppatori.

Schmidt è stato in Cina per presentare Gu Ge, o “Canzone della valle”, il nuovo logo e i nuovi servizi cinesi di Google e ha difeso a spada tratta la scelta del colosso di Mountain View di adattarsi alle normative cinesi e di accettare dunque i molti paletti imposti dalla censura di Stato sui suoi servizi. Una scelta assai controversa e contestata da più parti e che ha portato l’azienda, assieme a Yahoo e Microsoft a confrontarsi con il Congresso negli USA.

“Riteniamo che la decisione che abbiamo preso, quella di rispettare le leggi in Cina – ha dichiarato il CEO della multinazionale del search – sia stata assolutamente quella giusta”. “Sarebbe arrogante – ha proseguito – arrivare in un paese dove solo adesso iniziamo ad operare e dire a quel paese come debbano andare le cose”. Schmidt ha sottolineato come anche in paesi democratici come la Germania Google deve sottostare a certe leggi, che vietano ad esempio in quel paese di ospitare link a siti di ispirazione nazista.

Davanti alla platea di Pechino che ascoltava la presentazione, Schmidt è andato anche oltre, dichiarando: “Guardiamo alla crescita della Cina, all’investimento e ad un popolo intelligente, e siamo ammirati di quanto è accaduto qui. E applaudiamo il governo, i leader chiave dell’industria e tutti voi che avete ottenuto il grandissimo risultato della crescita di Internet in Cina”.

Che Google voglia andare fino in fondo nella propria avventura cinese in assoluto accordo con il regime è ulteriormente testimoniato proprio dal centro di sviluppo che vedrà la luce a Pechino e sul quale Schmidt non ha voluto fornire molti dettagli in quanto, ha spiegato, la progettazione è ancora nelle fasi iniziali. Ma il centro già entro la metà di quest’anno dovrebbe poter contare su un personale di 150 persone e nei prossimi anni questo numero potrebbe arrivare “ad alcune migliaia”.

Schmidt non ha nascosto che con ogni probabilità il nuovo lab di Google si affermerà come il maggiore dell’azienda al di fuori degli Stati Uniti e si avvarrà dei migliori programmatori cinesi. Dalle università del paese, infatti, “stanno emergendo moltissimi programmatori molto molto validi – ha spiegato – Così intendiamo muoverci ora per assumere i migliori e i più brillanti”.

Se oggi le attività cinesi di Google entrano solo in minima parte nella propria redditività, ha concluso Schmidt, Google si aspetta molto di più in futuro, visto che da pochissimo tempo ha ottenuto le autorizzazioni necessarie a lanciare i propri sistemi di advertising locale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Non finisce qui
    Quando succedono queste cose bisogna sempre puntare il dito su quella gente che ci guadagna zitti e buoni.Siccome, avendo molti domini, sia miei che di clienti miei, mi capite che per ogni registrazione, cambio mnt etc. mi tocca inviare un secondo/terzo fax - per errori! assurdissimi.Nel fatto di cellulari.it, provate un pò a contare quante richieste sono elencate... poi aggiungeteci i fax inviati doppi, quelli illegibili hahaSecondo me c'è chi ci ride e non intende cambiare niente.E vi siete mai chiesti come mai la politica non ha nessuna intenzione di bloccare gli SPAME chiedetevi anche perchè noi gestori dobbiamo pagare il traffico del server, e l'utente una seconda volta quando ci naviga.... capito?Ci manderò le Iene prima o poi ;)Insomma, pensandoci un po c'è qualcuno in linea che se ne gode un mondo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta un fax per perdere un dominio
    A seguito di quanto ho visto mi sento di affermare il fatto che il NIC non ha responsabilità alcuna.Il NIC, allo scopo di regolamentare l'assegnazione emana delle procedure a cui tutti gli aspiranti assegnatari di dominio debbono sottostare al momento della registrazione.Se una procedura è stata precedentemente accettata (registrando un dominio)non è ragionevole, in seguito ad un proprio errore, mettere in discussione un sistema che abbiamo consentito ed accettato.Il fatto del fax illeggibile è una cosa che capita a chiunque abbia un fax ogni tanto di ricevere fax illeggibli, la leggerezza degli assegnatari del dominio (forse complice anche il disinteressamento del Maintainer)è la vera causa della cancellazione.Gli archivi whois del NIC sono pubblici, una semplice controllatina non avrebbe fatto male, infatti, se fosse stata eseguita non ci sarebbe stato questo brutto guaio.E' comunque comprensibile una dimenticanza, anche se di questo genere, errare è umano.Per quanto riguarda il nuovo assegnatario del dominio, dovrebbe capire che gestire un'attività ottenuta a seguito di uno sbaglio altri, e che ha provocato sofferenze, non può portare bene.Sempre tornando ai fax, come sistema di registrazione, è preferibile continuare ad utilizzare questo metodo, infatti in caso di modulistica on-line, come accade per tutte le altre estensioni, difficilmente riusciremmo a registrare un buon dominio (magari cancellato perchè voluto), se li prendebbero le grandi società come già sta accadendo per tutte le altre estensioni. Per quanto mi riguarda al NIC ho trovato sempre molta serietà.Spero comunque vivamente che la questione dei cellulari si risolva nel miglior modo possibile, per tutti.
    • scala40 scrive:
      Re: Basta un fax per perdere un dominio
      Sono Imbriaco Angela , il mio nick di scala40 mi è stato tolto volutamente , perchè chi usa il potere pensa di calpestare chiunque , scollegandomi completamente da tutto internet per ricavarne denaro , ora io avevo un nick registrato al tribunale di roma , visto che ...punto informatico è registrato al tribunale di roma , chiedo la restituzione del mio nick di scala40 e che possa scrivere col mio nick di scala40 in tutto internet , allora che microsoft lo usi il mio nick scala40 per fare giochi in tutto internet , mi deve dare dei soldi per poterlo usare , che io il ricavato lo devolgo in beneficenza in modo che possa salvare delle vite umane , cioè ciò che rappresentava il mio nick scala40 e che rappresenta ......diritti umani e valori umani di tutto il mondo , quindi ho scritto a microsoft e spero che microsoft comprenda e se lo ha pagato il nick scala40 si faccia risarcire da chi glielo ha venduto , perchè io non mi rassegno che ci sono persone che vivono nella sofferenza e muoiono per ogni respiro che faccio e potrei salvargli la vita , poi non permetto che mi calpestino il mio cuore dove ho i veri valori della vita e i veri diritti umani di tutto il mondo di cui io li rappresento , poi calpestando mè hanno calpestato i diritti umani di tutto il mondo dove cè un accordo internazionale che i diritti umani vanno rispettati e non calpestati e il mio nick di scala40 per mè rappresentava mio padre che non ho più e mi manca tanto e che avevo dedicato a mio padre il mio nick di scala40 per darmi il coraggio di scrivere le sofferenze che subivo e gridarle a tutto il mondo da parte di chi si ritiene potente e crede di schiacciare i deboli col loro potere , spero che mi venga ridato il più presto possibile e che Bill Microsoft , comprenderà benissimo il dolore che posso provare per essere stata calpestata con tutti i diritti umani che io rappresento e che mi risponda a ciò che le ho scritto scala40_1959 perchè per colpa di prepotenti ora sono con questo nick ma io rivoglio il mio scala40 così . Cordiali saluti a tutti voi , inviandovi un cielo di sorrisi e chiedo al titolare di punto informatica come mai non ho più il giornale di punto informatica e se me lo può inviare a nome di scala40 .....grazie ...un saluto con un cielo di sorrisi :-D . da scala40 Angela Imbriaco
  • dancipi scrive:
    solita marea di se e di ma.
    Se io ho a che fare con un'azienda e mi arriva un ordine in cui non si legge un dato, non strappo l'ordine senza avvisare il mio cliente.Il problema è la statalzzazione del sistema del registro dei domini, dove nessuno fà oltre il suo.Succede in percentuale altissima di questicasi di lettere annullate per una virgola o una data non messa qua o la.
  • Anonimo scrive:
    Ma non sarà tutta una scusa?
    Che nessuno se ne voglia male ma...il diavoletto mi suggerisce un pensiero cattivo cattivo... @^ ma non sarà che è tutta una messa in scena per creare "il caso" che mette in crisi l'attuale tutela dei marchi e le regole del NIC italiano?Le pretese sono a dir poco presuntuose soprattutto dal punto di vista legale perchè il NIC ha lavorato nel rispetto delle regole attuali, giuste o sbagliate che siano.Domanda aperta allo staff di cellulari.it:ma se qualcuno di voi parcheggia l'auto in doppia fila per prendere il caffè e all'improvviso vi "sembra di sentire" il vigile che fischia... vi catapultate immediatamente per farvi vedere oppure continuate a sorseggiare il vostro caffè e con calma, dopo aver pagato e scambiato due chiacchiere con la cassiera, uscite a discutere con il vigile (che nel frattempo vi ha già pennellato) dicendo LEI NON SA CHI SONO IO...??!?Ma daiii.-- Beniamino
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non sarà tutta una scusa?
      Certo... abbiamo creato un caso del genere per mettere in crisi il Nic, e il suo specchiato sistema di regole.Il paragone che fai con il vigile non ha senso perchè come già ripetuto abbiamo agito nel massimo rispetto delle regole, e nessuno ha avvisato NOI della mancata ricezione della comunicazione.L'invidia è veramente una brutta bestia...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma non sarà tutta una scusa?
        beh, per 10 euro all'anno potevate anche rinnovarlo fino al 2010 e fare il cambio mantainer in tutta tranquillita'.. pur con 20 fax illeggibili....ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma non sarà tutta una scusa?
          Ma non era una questione di prezzo e di rinnovo!Il maintainer che avevamo prima aveva chiuso! Per questo siamo stati messi in NO-MNT.
  • Anonimo scrive:
    I domini vanno amministrati
    La registrazione al NIC è una procedura amministrativa , attiva in Italia e necessaria per identificare il responsabile della gestione del dominio.Tuttavia lo stato del dominio non è dato dal solo FAX. Lo stato di registrazione del dominio può in qualunque momento essere visualizzato mediante i WHois, software o servizi WEBUno dei servizi Web disponibili èhttp://www.nic.it/StatoReg/mentre uno dei tanti Whois in versione software (ovviamente sotto licenza Free) si trova all'indirizzohttp://www.freedownloadscenter.com/Network_and_Internet/Network_Information_Tools/Free_Whois.htmlUn buon amministratore di dominio dopo aver inviato il fax dovrebbe utilizzare almeno uno di questi sistemi per verificare lo stato del dominio che ha confermato, e in caso in cui lo stato non venga modificato in REGISTERED contattare il NIC, ovvero rimandare immediatamente il fax.Sprovveduto l'amministratore del dominio di cellulari.it che si è affidato alla buona sorte , ovvero al buon funzionamento dei reciproci fax.Inoltre il documento che in NIC richiede può essere inviato anche tramite raccomandata. Basta procedere con sufficiente anticipo,ma per chi ha investito anni in una attività online non dovrebbe essere un problema provvedere per tempo....oppure no ?
  • Anonimo scrive:
    Basta nic.it
    Purtroppo esistono anche società che fanno questo lavoro, rubare i domini altrui.Ancora in Italia siamo rimasti al fax, a regole vecchie o per lo meno che fanno comodo a pochi il tutto naturalmente sotto il controllo del nic (che non controlla nulla).Il caso di cellulari.it è ecclatante, in quanto il nic.it ci fa capire che chiunque può registrarsi un dominio senza che si tuteli il leggittimo propietario e/o marchio.La società che ha rubato il dominio ha cellulari.it la conosco molto bene, fanno appunto questo lavoro rubano i domini per poi specularci sopra.Voglio ricordare a tutti e sopratutto al nic.it che secondo il loro regolamento di assegnazione dei nomi a dominio .it "l'Articolo 10 primo comma ultimo periodo - E' Comunque vietato l'accaparramento ed il cybersquatting dei nomi a dominio" e comunque effettuata in palese malafede dal soggetto assegnatario.Personalmente vorrei consigliare a cellulari.it di fare subito causa a questa società in modo che si tolgano il vizio di rubare le cose altrui.Per quanto riguarda il nic putroppo comandano loro e le regole se le fanno come e quando vogliono.In bocca al lupo per il dominio.a.
  • Anonimo scrive:
    Procedue inadeguate..forse incompetenza!
    Quando si avvia una procedura di trasferimento MNT se questa non va a buon fine il dominio rimane presso il vecchio MNT e non viene disattivato, a meno che il vecchio MNT non invii un fax con richiesta di mettere in stato di NO-MNT il dominio. Il dominio rimane nello stato di NO_MNT per 3 mesi e l'owner viene avvisato via Raccomandata del cambio di stato.Quando si esegue un cambio MNT il nuovo Maintainer come minimo dovrebbe seguire il suo nuovo cliente (cellulari.it) nella procedure di trasferimento e verificarne lo stato. Non solo: la comunicazione che il trasferimento non può essere eseguito (perchè il fax e illeggibile o per altri motivi) non arriva all'owner del dominio ma arriva al nuovo Maintainer......forse è il caso che questo MNT cambi lavoro......altro che procedure inadeguate.Cordiali salutiAlessandro Gaspari
  • Anonimo scrive:
    guardate dal sito riservato ai provider
    Guardate quante richieste di registrazione ha avuto il dominio cellulari.itsono 659. Solo 1 è stata accettata.stato registrazione domini RAIN Registrar Advanced INterfaceoperazioni comunicazioni informazioni tecniche stato registrazioni riservatoNome Dominio: Dominio Maintainer Data Registrazione Expire Data Richiesta Data Ultima Lettera Data Ultima Modulo Arbit. Status cellulari.it -- 1999-02-12 2006-01-27 -- 2003-01-17 2003-01-27 n.d. Cancellato2006-03-31 cellulari.it GALACTICA-MNT -- -- 2000-02-09 2000-02-09 -- n.d. Respinto2000-02-18 cellulari.it THOMAS-DOLEZAL-MNT -- -- 2005-08-09 2005-08-09 -- SI Annullato2005-08-10 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- -- -- 2006-04-03 n.d. Respinto2006-04-03 cellulari.it ARUBA-MNT -- -- -- -- 2006-04-01 n.d. Respinto2006-04-03 cellulari.it TOPHOST-MNT -- -- -- -- 2006-04-02 n.d. Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it PWS-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it PWS-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it PWS-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it PWS-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it PWS-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it PWS-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it PWS-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it PWS-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it PWS-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it PWS-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it PWS-MNT 2006-04-11 2007-04-11 2006-04-01 2006-04-01 2006-04-11 NO Registrato cellulari.it ARUBA-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it ARUBA-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it ASCIO-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Annullato2006-04-03 cellulari.it ARUBA-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it ARUBA-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it ARUBA-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it ARUBA-MNT -- -- 2006-03-31 2006-03-31 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-04-01 2006-04-01 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-04-01 2006-04-01 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-04-01 2006-04-01 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-04-01 2006-04-01 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-04-01 2006-04-01 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-04-01 2006-04-01 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-04-01 2006-04-01 -- NO Respinto2006-04-03 cellulari.it VIENNAWEB-MNT -- -- 2006-04-01 2006-04-01 -- NO Respinto
  • Mijato scrive:
    Lettera aperta a Ghisolfi
    Egregio Giacomo,la CR (commissione regole) del NIC, che ha preso il potere legislativo della estinta NA (naming authority) per quanto mi è dato di sapere lavora fin da quando si è insediata su nuove regole di naming. Non è stato certo cellulari.it a dare la spinta a questo cambiamento, anche se a vicenda, a titolo puramente accademico, può essere ricordata come altre (per altri versi): q8.it - mastercard.it - armani.it etc.Io che in NA c'ero da quando gli anni iniziavano per 19 ti posso dire che di abolizione di LAR e del fax si parlava fin da quando potevano registrare solo le aziende e solo un dominio pro capite. Il fax non sarà molto, ma in Italia un pezzo di carta firmato ha ancora un valore legale, cosa che non ha una email o un modulo elettronico. E' stata proprio la RA (ora semplicemente Registro) che fa parte del NIC, a difendere strenuamente il fax e sai perchè?Perchè ogni tanto si sveglia l'imprenditore di turno che viene toccato nel vivo e fa il diavolo a quattro, non acetta le regole e cita il NIC in tribunale (vedi poste.it) per nascondere le proprie responsabilità e scaricarle sul registro. Allora, meglio avere una firma su un pezzo di carta che dice che le regole le hai lette e le accetti, così che anche il più ignorante in tecnologia dei giudici veda nella LAR il buon vecchio contratto del Codice Civile, bello firmato, e tenga boni i bollenti spiriti del citanti in giudizio.D'altronde in Italia agli imprenditori piace farsi le regole da sè... :-)E' curioso, no? E' proprio per evitare comportamenti come il tuo attuale, teso a scaricare le responsabilità su un Registro che fa semplicemente le sue regole, le applica e ti fa firmare che ne sei a conoscenza, che viene tenuta accesa quella macchina infernale che ti ha messo nei guai (a tuo dire, a mio parere è il nuovo MNT che dovrebbe essere oggetto dei tuoi strali e di una bella causa civile).E' curioso anche che durante la mia militanza di NA abbia sempre sparato a zero sul Registro e che curiosamente ora mi trovi a difenderlo...Ma ciò che è importante è che tu riavrai il tuo nome a dominio, con una spesa tutto sommato contenuta, proprio grazie alle Procedure di Riassegnazione volute dal NIC, in un paio di mesi e senza svenarti per una causa civile che - ben che ti vada - ti restituirà il dominio quando ormai nessuno ti verrà più a cercare lì. Non vedo caso più lampante di questo per una PDR, dato il tuo marchio registrato ed in paio di mesi al massimo, riavrai il tuo dominio con buona pace di tutti.E questo grazie al NIC, perchè se lasciavi scadere un cellulari.com o .net .... lì si che erano dolori!Ti auguro buona fortuna, a te e agli altri, anche se confermo il "bischero" (ma non è una grande offesa a Firenze, è bonario....)
    • Anonimo scrive:
      Re: Lettera aperta a Ghisolfi

      E questo grazie al NIC, perchè se lasciavi
      scadere un cellulari.com o .net .... lì si che
      erano dolori!Su Netsol si registrano fino a 100 anni eh
    • Anonimo scrive:
      Re: Lettera aperta a Ghisolfi
      ottima esposizione, non si poteva spiegare meglio di cosi'!
    • Anonimo scrive:
      Re: Lettera aperta a Ghisolfi
      Ancora non riesco a capire dopo una giornata di discussione perchè:1) SI venga additati come coglioni quando la realtà è che c'è una indagine in corso ed è molto probabile che le responsabilità siano in capo ad altri soggetti che non è possibile.2) Si faccia un velato riferimento agli imprenditori che si fanno le regole... ma chi vuole farsi le regole?Le regole devono però rispettare le leggi.Bene che ci sia una commissione arbitrale, ma 60 giorni per riunirsi sono tanti, forse con tutti questi milioni di dominii da gestire una commissione arbitrale più snella e veloce non sarebbe male.Io non so perchè si dica che sono stati lanciati strali sul NIC. Gli strali sono stati lanciati sulle procedure, che sono così vulnerabili che basta una eventuale negligenza del maintainer a causare una serie di violazioni così palesi.Basta poco, e al NIC lo sanno bene e ci stanno lavorando.3) Che il NIC abbia qualche "chiamiamola così" difficoltà di ricezione dei FAX anche dai commenti emersi è esperienza comune.Tutti quelli che hanno a che fare con il NIC hanno dovuto rimandare i FAX... La posta elettronica firmata ha da pochi mesi valore legale, con un grado di sicurezza ben superiore ad un FAX.Ma non si riesce a non darsi del bischero, e a eventualmente puntare il dito su fenomeni che difficilmente arricchiscono la rete ma invece causano danni gravissimi e arricchimenti di pochi soggetti specializzati.Ma qualcuno trova bello quello che pubblicano le società di questo tipo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Lettera aperta a Ghisolfi
      Ancora non riesco a capire dopo una giornata di discussione perchè:1) SI venga additati come coglioni quando la realtà è che c'è una indagine in corso ed è molto probabile che le responsabilità siano in capo ad altri soggetti che non è possibile.2) Si faccia un velato riferimento agli imprenditori che si fanno le regole... ma chi vuole farsi le regole?Le regole devono però rispettare le leggi.Bene che ci sia una commissione arbitrale, ma 60 giorni per riunirsi sono tanti, forse con tutti questi milioni di dominii da gestire una commissione arbitrale più snella e veloce non sarebbe male.Io non so perchè si dica che sono stati lanciati strali sul NIC. Gli strali sono stati lanciati sulle procedure, che sono così vulnerabili che basta una eventuale negligenza del maintainer a causare una serie di violazioni così palesi.Basta poco, e al NIC lo sanno bene e ci stanno lavorando.3) Che il NIC abbia qualche "chiamiamola così" difficoltà di ricezione dei FAX anche dai commenti emersi è esperienza comune.Tutti quelli che hanno a che fare con il NIC hanno dovuto rimandare i FAX... La posta elettronica firmata ha da pochi mesi valore legale, con un grado di sicurezza ben superiore ad un FAX.Ma non si riesce a non darsi del bischero, e a eventualmente puntare il dito su fenomeni che difficilmente arricchiscono la rete ma invece causano danni gravissimi e arricchimenti di pochi soggetti specializzati.Ma qualcuno trova bello quello che pubblicano le società di questo tipo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Lettera aperta a Ghisolfi
      Qui si parla spesso di regole, ma meno di legge e giurisprudenza. Anche chi lavora al Nic forse non conosce bene le leggi italiane. Non é così scontato che il vecchio assegnatario ne possa tornare in possesso in virtù di un "marchio registrato". Per questo motivo risulta molto delicata e vulnerabile la faccenda delle procedure di assegnazione / cancellazione dei domini.Uno che registra un marchio non sempre ne può rivendicare l'uso esclusivo, inoltre un marchio é un segno distintivo e originale, di solito un logo, un'immagine, un insieme di lettere, parole etc... il carattere di originalità e capacità di distinguersi è una discriminante importante ai fini dell'esclusività dell'uso.Cellulari é un nome generico di uso comune per cui quindi non é rivendicabile l'uso esclusivo. Non mi stupirei che di fronte ad un giudice questa tesi passasse. Se poi non si dimostra 1 -mala fede e 2- concorrenza sleale, a maggior ragione non é affatto scontato che il dominio venga riassegnato al vecchio assegnatario.
  • Anonimo scrive:
    L'avvocato del diavolo.
    Caso più che mai attuale e molto frequente. Quello che però non viene chiarito in questo articolo è lo stato del dominio che deduco sia in NO-PROVIDER-MNT. Uno dei più frequenti motivi di cancellazione dei domini .it è, infatti il mancato completamento della procedura di ripristino del dominio che consiste nell'invio di fax al NIC Italia col quale si richiede il cambio maintainer da NO-PROVIDER-MNT al provider che lo dovrà mantenere. Questa procedura deve essere ultimata entro i 90 gg canonici dalla messa nello stato di NO-PROVIDER-MNT. Purtroppo come spesso capita ci sono persone che prendono con leggerezza questa situazione e presumono che le cose vadono per il meglio senza verificare l'esito finale del fax inviato. Le procedure del NIC Italia hanno un sacco di pecche a mio parere ma questa volta credo che la colpa sia da un'altra parte.Francesco MarchettiOlimont.com
    • Anonimo scrive:
      Re: L'avvocato del diavolo.
      Infatti la colpa non è del NIC, ma delle procedure del NIC.L'applicazione di questo regolamento è stata integrale, ma non sufficiente a tutelare adeguatamente chi su un dominio investe e costruisce.Non si può continuare ad attaccarsi alle raccomandate e ai FAX.Infatti ora si andrà per tribunali... bella tutela dei diritti...Mi chiedo come mai il NIC si sia preso 4 giorni prima di concedere la registrazione, se fosse stato tutto così lineare, sarebbe stata concessa al volo.Strano che nello stesso invio di FAX su 4 pagine solo una (quella di cellulari.it) risultasse illeggibile...Una serie di interessanti coincidenze.Come il fatto che la Seocom SRL che tratta di queste cose ha sede a Pisa. E il suo amministratore risiede proprio a Pisa, pur essendo nato ben lontano da li...Tutte cose che non dimostrano nulla, ma sono comunque simpatiche da mettere in fila...Visto che il problema dei FAX illeggibili mi sembra un problema diffuso nei rapporti con il NIC, forse si dovrebbero pensare tutele maggiori da maintainer poco efficienti e professionali.Magari semplicemente rapportandosi anche con l'intestatario del dominio in caso di comunicazione difettosa... Ma insomma è chiedere così tanto??
  • Anonimo scrive:
    FAX illeggibile???
    Impiegato: - "Accidenti, sempre tutto in disordine questo ufficio, dove cavolo è finito il tagliacarte?"Un cliente distinto da poco entrato: - Scusi, vorrei registrare il dominio qualsiasinome.it...- Mi dispiace, non si può (controllando nel computer), è già assegnato. Anzi, per quel che ne sappiamo il leggittimo proprietario neppure lo vuole vendere, sa, ci vive con quel dominio...- Capisco, quindi non ci sono altre alternative? (lasciando cadere distrattamente una grossa busta imbottita sulla scrivania)- (facendo finta di non accorgersi della busta e rivolgendo lo sguardo altrove) Spero che non si dimentichino di ricaricare il toner del fax, ogni tanto ci dà dei problemi... C'è già abbastanza disordine in ufficio... :D :D :D
  • Anonimo scrive:
    Non è andata esattamente così...
    Quanto accaduto al dominio cellulari.it mi spinge a scrivere una serie di considerazioni volutamente provocatorie.Vi spiego cosa, secondo me, è accaduto oggettivamente.CELLULARI.IT:La vittima della situazione senza ombra di dubbio... ma fino ad un certo punto!L'articolo su punto informatico cita:
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è andata esattamente così...
      Si, bravo, belle considerazioni Beniamino.E' proprio il legittimo assegnatario quello che ha registrato.Bravo Beniamino!Adesso leggiti qualcosa a riguardo della Legge sulla tutela dei Marchi, Beniamino.Poi facci una riflessione e vediamo se le procedure del NIC possono essere migliorate.La ricostruzione che hai fatto è errata in molti punti, ma è inutile stare li a correggerla...Viene quasi da augurarsi per gente così che la Seocom e le sue tante sorelline e cuginette mettao le mani su più domini possibile. Poi si che il Web sarà bello.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è andata esattamente così...

        Adesso leggiti qualcosa a riguardo della Legge
        sulla tutela dei Marchi, Beniamino.Se si sono registrati cellulari.it come marchio, devono far causa e poi eventualmente riassegnarsi il dominio.
        Poi facci una riflessione e vediamo se le
        procedure del NIC possono essere migliorate.Se serve un documento firmato che attesti la responsabilita' di quello che viene pubblicato per il momento e' dura firmare un'email.
        Viene quasi da augurarsi per gente così che la
        Seocom e le sue tante sorelline e cuginette
        mettao le mani su più domini possibile. Poi si
        che il Web sarà bello.La gente e' pigra ed e' portata a pensare che chi ha il dominio che corrisponde con quello che cerca abbia terminato la sua ricerca in Internet, chiaramente non e' così con il tempo la gente lo capira' e lo stesso faranno i motori di ricerca non basandosi piu' sull'url del sito ma solo sui contenuti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è andata esattamente così...
        Purtroppo c'è la teoria e la pratica.In teoria lei e lo staff di cellulari.it avete pienamente ragione, a dimostrazione le imminenti modifiche del nic al proprio regolamento a tutela dei marchi.In pratica cellulari.it, principalmente per diretta responsabilità e superficialità, ha perso il dominio!Perchè all'epoca e fino alle modifiche delle procedure del nic esiste questo rischio, infatti alcuni mantainer propongono, ad un costo aggiuntivo, il servizio di brand-protection...Questo caso farà storia, il NIC ha ragione, lo staff di cellulari.it ha il diritto di riavere il dominio ma nel frattempo lo ha perso non avendo rispettato i tempi e le procedure attuali del NIC, il nuovo assegnatario del dominio cellulari.it ha avuto la possibilità di acquistare il dominio e lo ha fatto senza nessun abuso di procedura.Tutti hanno ragione e nessuno ha torto, questa è la nostra lenta, pigra e stanca Italia dell'innovazione tecnologica che affida il completamento di una procedura di assegnazione domini ad uno strumento FAX obsoleto e utilizzato soprattutto per lo scambio di comunicazioni con paesi con scrittura ad ideogrammi (come il cinese, arabo, giapponese, vedi Essere Digitali N. Negroponte).Ironico "anonimo" evitando di scrivere ripetutamente il mio lungo nome avresti risparmiato del traffico da dedicare forse a contenuti più intelligenti... ma purtroppo mi rendo conto di chiederti una cosa impossibile da realizzare :-)-- Beniamino- Scritto da: Anonimo
        Si, bravo, belle considerazioni Beniamino.
        E' proprio il legittimo assegnatario quello che
        ha registrato.
        Bravo Beniamino!Non sarà legittimo ma è stato il primo a richiederne la registrazione nel rispetto delle procedure del NIC irrispettose attualemnte della tutela dei Marchi.
        Adesso leggiti qualcosa a riguardo della Legge
        sulla tutela dei Marchi, Beniamino.Lo farò sicuramente, grazie per l'invito, non si finisce mai di imparare!Dovresti seguire l'esempio anche tu.
        Poi facci una riflessione e vediamo se le
        procedure del NIC possono essere migliorate.Non c'è bisogno di inventare nulla, basta usare come riferimento altri NIC che hanno una gestione più efficiente dei domini, ma se ritieni di avere una soluzione innovativa che sconvolgerà il pianeta devi farti subito avanti e proporti al NIC Internazionale... che aspetti!
        La ricostruzione che hai fatto è errata in molti
        punti, ma è inutile stare li a correggerla...Infatti non perdere tempo a correggermi e investi quel tempo a registrarti in modo da lasciare dei messaggi firmati e non anonimi, così da dare una firma alle tua fatiche sinaptiche.
        Viene quasi da augurarsi per gente così che la
        Seocom e le sue tante sorelline e cuginette
        mettao le mani su più domini possibile. Poi si
        che il Web sarà bello.Gente come Seocom è parte del sistema di innovazione, senza di loro, come senza i virus writer o i phishers o hackers l'innovazione sarebbe molto più lenta e senza stimoli.Certo mi rendo conto che hackers e speculatori di domini possono risultare scomodi per chi ha una visione limitata delle cose.Io non mi arrabbio se la pensi diversamente da me, anche tu però devi rispettare opinioni diverse dalle tue:-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Non è andata esattamente così...
          La cosa che fa rabbia è l'impressione neanche troppo velata che a molti faccia piacere così.Neanche fossimo un odiato usurpatore o dei subdoli profittatori.Quello che ti posso dire è che per Cellulari.it lavorano tante persone che hanno fatto molte rinunce per tenere insieme la cosa negli anni del crollo del settore Internet.Non entro nel merito delle tue scelte su ciò che ritieni utile o inutile per il sistema.Certo che per il tuo discorso anche il crimine è una cosa positiva perchè contribuisce all'evoluzione dei mezzi per contrastarlo... Mi sfugge la positività di questo processo...Sembrerebbe un circolo vizioso...
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è andata esattamente così...
            ma stiamo scherzando???ma quale CRIMINE?????mettiamo in chiaro una cosa:l'attuale assegnatario (SeoCom S.r.l.) non ha commesso nessun crimine. ha seguito le procedure.certo se andiamo a vedere le richieste di registrazione, possiamo renderci conto che stava puntando ad ottenere la riassegnazione : http://www.nic.it/mod/StatoReg/index.cgi?lang=it&dominio=cellulari.itma comunque resta il fatto che e' tutto secondo le regole. Il dominio era stato cancellato. Sono passati i 3 mesi. E' stato richiesto e riassegnato.Chi doveva seguire le pratiche di rinnovo/modifica del dominio non l'ha fatto bene. licenziatelo.L'unica soluzione e' trovare un accordo con SeoCom.Offritegli un banner o che so' io...Spero che non vi rivenga assegnato per diritto, perche' questo diritto semplicemente non esiste. E non tiriamo fuori il discorso dei marchi registrati perche' con i domini (almeno quelli .it) non c'entra niente (e spero continui ad essere cosi'). Il web e' libero e cosi' i domini. Certo il tutto deve essere regolamentato (e questo e' gia' in essere). Pero' finiamola di vedere sempre tutto nell' ottica del bussiness: io ho il marchio registrato e quindi quel dominio mi spetta di diritto. Non e' e non deve essere cosi'. Avete perso il dominio. Certo potete intentare causa. ma non a SeoCom, ma al Nic per accertare che abbiano fatto le cose con perizia. E se cosi' risulta, rassegnatevi.Non ce l'ho con cellulari.it (che per altro seguo e spero riesca a risolvere) ma ce l'ho con chiunque accampi diritti che non ha. Fosse successo a Mario Rossi titolare del dominio mariorossi.it, l'unica cosa su cui avrebbe potuto contare sarebbe stato un bel "bravo pirla". Quindi non vedo perche' per cellulari.it dovrebbe non essere lo stesso. E non ditemi che per voi e' diverso perche' su quel dominio ci avete costruito sopra una societa'. Peggio ancora, ci dovevate stare molto piu' attenti in questo caso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è andata esattamente così...
            Il nome a dominio è ormai pacificamente considerato dalla dottrina e da una giurisprudenza pressoché unanime un segno distintivo al pari della ditta, dell?insegna e del marchio. Tale qualificazione è stata normativamente riconosciuta con l?entrata in vigore del nuovo Codice sulla Proprietà Industriale (D.Lgs 30/2005) che consente di difendere il nome a dominio dagli atti di contraffazione e di usurpazione posti in essere da terzi mediante un giudizio ordinario ovvero il ricorso alla tutela cautelare. In particolare l?art. 133 C.P.I. consente all?autorità giudiziaria di disporre oltre all?inibitoria all?uso del dominio illegittimamente registrato, anche il suo trasferimento provvisorio, se del caso subordinato alla prestazione di idonea cauzione da parte del beneficiario del provvedimento.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è andata esattamente così...

            Ma smettiamola di considerare tutto nell'ottica del businness??Francamente frasi così fanno solo ridere... secondo te Seocom SRL per cosa l'ha registrato il dominio libero e bello?Per difendere le libertà digitali?Per non fare entrare il grande businness nella rete?Queste situazioni prosperano sulla beata fresconaggine di qualcuno.Fresconaggine parecchio arrogantella, o interessata?
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è andata esattamente così...
            no, nessun interesse.Il concetto e' semplicemente uno. Esistono regole che vanno rispettate. Sicuramente vanno migliorate, ma finche' non saranno modificate, ci si deve attenere a quelle in essere.Ammettete di aver commesso una "leggerezza"!Cmq io resto del mio parere. I domini internet non devono essere in alcun caso garantiti per legge. Eventuali arbitrariati devono essere delegati ad una commissione che valuta le ragioni delle due parti. Questo credo che gia' avvenga. Sicuramente si puossono migliorare i criteri di giudizio di detta commissione.Ma portare questi casi in tribunale, non dovrebbe essere permesso. Vedi ad esempio il caso Armani.it. Avrebbe dovuto decidere una commissione, invece Armani (lo stilista) ha preteso di portare la cosa in tribunale, creando un precedente pericolosissimo a mio avviso.Cosa potrebbe succedere in uno scenario di questo tipo:sto' cercando un nome per una mia societa' di consulenza web. Passo davanti ad un negozio di frutta e verdura (aperto dal 1980) e ne leggo il nome: "Arancia"Decido che potrebbe essere un buon nome.Controllo la disponibilita' del dominio: disponibile.Lo registro e metto in piedi il mio sito (senza registrare il marchio).Se ci fossero leggi come quelle che proponete cosa succederebbe in questi casi:Dopo 2 anni,1) il negozio di cui sopra decide di vendere via web(io non ho il marchio registrato, fatturo come libero professionista)2) orange.com decide di aprire una filiale in italia e registra il marchio arancia3)una societa' di bibite mi cita in giudizio perchè il mio dominio e' troppo simile al suo (aranciata.it)4)potrei andare avanti ancora per molto...Se mi risolvete questi piccoli dubbi potrei iniziare a rivedere le mie posizioni sulla questione dei diritti sui nomi a dominio...E non ditemi "dovevi registrare il marchio" perche' allora al fatto che se uno ha un marchio tutto gli e' dovuto.Questo esempio e' molto diverso dal caso cellulari.it, ma le problematiche di fondo equiparabili.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è andata esattamente così...
            Purtroppo la leggerezza, che c' è stata, non la posso ammettere io. Specialmente se c'era una società contrattualmente delegata ad occuparsi in toto della questione dominio.Ad ulteriore prova del fatto che non siamo speculatori di domini, ma cerchiamo nel nostro piccolo, di portare un contributo alla rete.Sarà il giudice a dirimere la questione su chi ha sbagliato, ma è lapalissiano che se uno ha una delega ad occuparsi della questione ed è pagato per questo, risponderà del danno che la sua negligenza ha causato.Detto questo rimane il fatto che il dominio è andato in vendita al primo della fila, ed è questo che non ha alcun senso. E anche al NIC mi confermano che hanno in mente correttivi che RISOLVERANNO questa evenienza specifica. Il dominio dopo la cancellazione definitiva rimarrà per alcuni giorni registrabile solo per il detentore precedente.Questo ucciderebbe l'attività di tanti furbastri che ci sguazzano, e che leggono in abbondanza questo forum. Spero che l'attività di questi :::::::::::::: della rete sia resa il più difficile possibile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è andata esattamente così...
            E' corretto permettere che solo il vecchio detentore del dominio lo possa confermare dopo la scadenza per un certo periodo.Ma qui parliamo di 3 mesi dove nessuno ha fatto niente per rinnovare il dominio. 3 mesi durante i quali il detentore del dominio poteva rinnovare (e solo lui poteva), visto che i tentativi registrati sono stati tutti respinti prima del 1 aprile.Se si pensa che aggiungendo 1 mese ulteriore, dopo i 3 mesi possa risolvere va bene.Nacerà allora il caso di quello che non ha rinnovato per 3 mesi e nel mese aggiuntivo si è dimenticato e si lamenterà il primo giorno successivo alla registrazione da parte di un altro.Concordo con una cosa: se hai un dominio e ci costruisci sopra un business, quello diventa la parte fondamentale del business stesso. Se lo lasci scadere, l'unico con cui ti puoi arrabbiare sei tu stesso. In poche parole secondo me c'è qualcuno all'interno di cellulari.it che ha sbagliato.Il mondo è pieno di furbi pronti ad approfittarne, e questo mi dispiace perchè rende la vita tutti meno libero e più complicata.Allo stesso modo però, quando è stato registrato il dominio la prima volta, è stata negata la stessa possibilità a qualcun altro solo perchè è stato più lento.Stavolta le parti si sono invertite, e a giore sono altri...E' forse una lezione da imparare per non peccare di superficialità. Le regole sono quelle e sono conosciute, bastava rispettarle.Alfonso
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è andata esattamente così...
            Adesso saranno altri a doverle rispettare... Comunque fa piacere vedere che da questo forum traspare una grande voglia di Seocom e sorelle...Bell'affare
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è andata esattamente così...
        - Scritto da: Anonimo
        Si, bravo, belle considerazioni Beniamino.
        E' proprio il legittimo assegnatario quello che
        ha registrato.
        Bravo Beniamino!In effetti quello che ora l'ha registrato E' il legittimo prorpietario. Non ha fatto nulla di illegale. Ha seguito le REGOLE di registrazione dei domini .it.La potete mettere come volete, ma e' lo staff di cellulari.it a non averle seguite. punto.

        Adesso leggiti qualcosa a riguardo della Legge
        sulla tutela dei Marchi, Beniamino.
        La legge sulla tutela dei marchi non c'entra una fava con la registrazione dei domini internet. E spero che continuera' ad essere cosi'. Ad esempio, per arginare questo problema, i domini .eu hanno avuto un periodo di tempo riservato ai soli detentori di marchi. Ora che e' finito chiunque puo' registrare un qualunque dominio .eu senza paura che un detentore di marchio possa un giorno saltar fuori e reclamarne il diritto. questo e' giustissimo. Il caso in questione e' diverso, ma il concetto e' che se ci sono delle regole chiare, queste vanno seguite. punto.
        Poi facci una riflessione e vediamo se le
        procedure del NIC possono essere migliorate.
        certamente che possono essere migliorate e spero lo facciano al piu' presto. In ogni caso questo non sanera' la situazione di cellulari.it. Le REGOLE c'erano, giuste o sbagliate. non le hanno seguite. Dovranno trovare un accordo con l'attuale assegnatario.
        La ricostruzione che hai fatto è errata in molti
        punti, ma è inutile stare li a correggerla...

        Viene quasi da augurarsi per gente così che la
        Seocom e le sue tante sorelline e cuginette
        mettao le mani su più domini possibile. Poi si
        che il Web sarà bello.Questo e' un problema che esiste da molto tempo. Spero che si riescano a fare delle regole per impedire comportamenti del genere. ma non e' facile.
  • Mijato scrive:
    Secondo me il NIC non c'entra
    Si fa presto a tirare addosso la croce al NIC, specialmente se si ascolta solo una campana (mi meraviglio di PI).Il NIC comunica ad *entrambi* i maintainer - e solo a questi - l'intoppo della procedura di cambio MNT.Ok, il fax era illeggibile ed è il problema, ma DUE dico DUE società sono state avvisate di questo e se conosco bene la struttura del NIC lo avranno fatto più volte prima di discontinuare il dominio.Passi per il MNT uscente che può essere fallito o comunque fregarsene poco se il dominio che gli stanno levando va in malora. Ma il MNT che sta registrando, perbacco, quello si che deve essere attento !!Tra l'altro, un MNT che prende in carico un tale dominio solitamente se ne interessa un po'. Metto dentro altre due ipotesi, visto che nessuno ci dice i particolari (a parte la notizia del fax, che mi sembra solo sensazionalismo!):1) cellulari.it ha affidato il suo DN ad un nuovo maintainer poco esperto2) cellulari.it voleva diventare egli stesso maintainer del proprio dominio (I cosiddetti ENT) come ogni serio business basato su internet dovrebbe fare, anzichè affidarsi a terzi e poi piangere col NIC e accettare l'elemosina di Luca Sambucci (che saluto anche se ci ho litigato tempo fa, bel gesto davvero)....
  • Anonimo scrive:
    Il Nic è fermo al 1985
    In realtà il NIC si è fermato nell'epoca in cui le mail erano ancora una novità.La mia azienda registra una media di 10/20 domini al mese per i vari clienti e per i .IT è sempre un incubo.Spesso ci ritroviamo a dover cambiare Mantainer e per farlo occorre compilare un modulo in cui sono riportati tutti i dati dell'intestatario e dell'azienda che rappresenta.La cosa bella è che se ti dimentichi di scriverci la provincia o magari nella LAR era riportata l'azienda PIPPO s.n.c. e tu ci scrivi solo PIPPO (ma tutti gli altri dati coincidono) ti mandano indietro il modulo.Non vi dico per cambiare i dati dell'intestatario, in 9 casi su 10 conviene riportare nel modulo di cambio MNT gli stessi dati della LAR.Il tutto tramite FAX che oltretutto è spesso occupato.La cosa più bella è che stanno attenti a tutti i dati (inutili) ma la firma non la guardano mai, puoi anche farci uno scarabocchi che tanto non ci fanno caso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Nic è fermo al 1985
      Lo sai che nel 2006, le mail, non hanno alcun valore legale, se non sono quelle certificate?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il Nic è fermo al 1985
        perche', i fax con firma falsa inviati regolarmente da innumerevoli maintainer ne hanno? :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Il Nic è fermo al 1985
          Un punto è il valore LEGALE Di un documento, un conto sono le palesi irregolarità.Un FAX ha valore legale in tribunale, un email nisba.
  • bit01 scrive:
    Re: IN ITALIA SIAMO ANCORA AI FAX!!!

    Perchè un fax non può essere creato ? lui forse
    canta ma tu dici vaccate.TU dici vaccate. Le e-mail non rappresentano una sicurezza come un fax o una lettera o una raccomandata. Al giorno d'oggi potresti ricevere una bella email da gates@microsoft.com senza tanti problemi. Prova a contestare qualcosa con una e-mail in mano o con fax o una lettera firmata e prova a drimi quale delle due vale di più. La carta è ancora importante perchè l'informatica non ha saputo sostituirla in modo altrettanto sicuro e inequivocabile tant'è vero che tutto oggi si basa ancora sulla carta e poco sulle e-mail.Anche io come lui
    registro domini, e quanto devi spedire 20 volte
    lo stesso maledetto fax, ti passa la poesia. 1
    volta è illegbibile, una volta non gli piace la
    firma, una volta non è mai arrivato...ma
    dai...sono un branco di ciarlatani e dilettanti,
    punto e a capo. La cosa assurda, è che sei anche
    in ballo dell'umore del tizio che legge il fax...
    è capitato mille volte che un fax rifiutato da un
    operatore, fosse tranquillamente accettato il
    giorno successivo da altri...ma per piacere và.
    Ha ragione l'autore del post...dobbiamo fare
    tutto all'italiana e produrre carta su
    carta....siamo rimasti gli unici deficienti in
    tutto il mondo, che debbono spedire un fax per
    registrare un dominio.E' il sistema che non funziona, non è colpa del fax o della carta in se. Hai citato errori/inadempienze umane, non tecnologiche. Se ricevo un fax e non lo leggo o non rispondo in caso di illegibilità sono IO lo stupido NO il sistema.Preferisco di gran lunga un errore umano sporadico che una fiducia cieca nella tecnologia che potrebbe mettere a rischio il MIO dominio e i MIEI dati. Questo perchè la tecnologia e l'informatica oggi NON sono sicure, punto. C'è sempre il baco nascosto, il trucco, lo stratagemma che aspetta solo di essere scoperto.
    • Anonimo scrive:
      Re: IN ITALIA SIAMO ANCORA AI FAX!!!
      fatto sta che per la registrazione delle altre estensioni di dominio non serve nessun fax, tutto automatico, regolare. pannello web. stop.
  • scala40 scrive:
    un dominio può essere tolto e venduto
    Un saluto a tutti voi col sorriso :-d ...... Vorrei raccontarvi il mio dominio di scala40 .Circa due anni fa mi sono iscritta in lycos chat col nome di scala40 , non sapevo neppure cosa fosse una chat , ma per umiliazioni subite perchè in chat ci sono solo belle donne e non sacco di merd. come mè , la mia testardagine e curiosità entrai in lycos , mi registrai come scala40 perchè era il gioco di carte preferito da mio padre che io non ho più da 12 anni e mi manca tantissimo e per sentirmelo affianco per darmi la forza di scrivere a tutto il mondo le ingiustizie che stavo subendo e magari in mezzo alle mie ingiustizie cerano ingiustizie di altre persone solo che non hanno avuto il coraggio o la forza di scriverlo a tutto il mondo , non sapendo cosa serviva un profilo misi nel profilo il mio cuore con tutti i valori   di mè e che custodisco nel mio cuore , I DIRITTI UMANI DI TUTTO IL MONDO , la povertà di tutto il mondo , i bambini di tutto il mondo , disabili , malati , anziani , Madre Teresa Di Calcutta , Padre Pio come esempio di chi ha vissuto e aiutato la povertà , ma io ringrazio tutte le persone che donano il loro tempo preziosa a donare un sorriso o una mano a chi soffre , qualuncque sofferenza sia :-D , ma si resono conto che scala40 avrebbe reso come siti di giochi di carte e tanti altri siti di giochi ne fecere 1.400 di siti col nome scala40 .Mi bloccarono il pc e mi scollegarono completamente da tutto internet pur di avere il mio nick di scala40 tra cui poi un dominio col nome scala40 lo mettevano in vendita , mi chiedo se questo sia stato possibile farlo una mente sola o tante menti messe assieme e se è con tante menti messe assieme non rientra nel codice associazione a delincquere? Solo perchè io rappresentavo la povertà e la povertà e la povertà sono poche le persone che la difendono invece il denaro sono tutti pronti a volerne anche andando contro legge e calpestando i diritti umani di tutto il mondo che sono difesi da accordi internazionali di cui anche l'ITALIA ha firmato l'accordo io sono Italiana e chiedo allo Stato Italiano che venga fatta chiarezza e io rivorrei il mio nick di scala40 in Lycos e tutto internet e che chi ha commesso questo crimine chieda scusa a tutti gli Stati che hanno firmato l'accordo di rispettare i diritti umani di tutto il mondo .Distinti saluti , le invio un sorriso che entri nella sua famiglia e nelle famiglie di tutto il mondo :-d .Imbriaco Angela
    • Anonimo scrive:
      Re: un dominio può essere tolto e vendut
      - Scritto da: scala40
      Un saluto a tutti voi col sorriso :-d ......
      Vorrei raccontarvi il mio dominio di scala40
      .Circa due anni fa mi sono iscritta in lycos
      chat col nome di scala40 , non sapevo neppure
      cosa fosse una chat , ma per umiliazioni subite
      perchè in chat ci sono solo belle donne e non
      sacco di merd. come mè , la mia testardagine e
      curiosità entrai in lycos , mi registrai come
      scala40 perchè era il gioco di carte preferito da
      mio padre che io non ho più da 12 anni e mi manca
      tantissimo e per sentirmelo affianco per darmi
      la forza di scrivere a tutto il mondo le
      ingiustizie che stavo subendo e magari in mezzo
      alle mie ingiustizie cerano ingiustizie di altre
      persone solo che non hanno avuto il coraggio o
      la forza di scriverlo a tutto il mondo , non
      sapendo cosa serviva un profilo misi nel
      profilo il mio cuore con tutti i valori di mè e
      che custodisco nel mio cuore , I DIRITTI UMANI DI
      TUTTO IL MONDO , la povertà di tutto il mondo , i
      bambini di tutto il mondo , disabili , malati ,
      anziani , Madre Teresa Di Calcutta , Padre Pio
      come esempio di chi ha vissuto e aiutato la
      povertà , ma io ringrazio tutte le persone che
      donano il loro tempo preziosa a donare un sorriso
      o una mano a chi soffre , qualuncque sofferenza
      sia :-D , ma si resono conto che scala40 avrebbe
      reso come siti di giochi di carte e tanti altri
      siti di giochi ne fecere 1.400 di siti col nome
      scala40 .Mi bloccarono il pc e mi scollegarono
      completamente da tutto internet pur di avere il
      mio nick di scala40 tra cui poi un dominio col
      nome scala40 lo mettevano in vendita , mi chiedo
      se questo sia stato possibile farlo una mente
      sola o tante menti messe assieme e se è con
      tante menti messe assieme non rientra nel codice
      associazione a delincquere? Solo perchè io
      rappresentavo la povertà e la povertà e la
      povertà sono poche le persone che la difendono
      invece il denaro sono tutti pronti a volerne
      anche andando contro legge e calpestando i
      diritti umani di tutto il mondo che sono difesi
      da accordi internazionali di cui anche l'ITALIA
      ha firmato l'accordo io sono Italiana e chiedo
      allo Stato Italiano che venga fatta chiarezza e
      io rivorrei il mio nick di scala40 in Lycos e
      tutto internet e che chi ha commesso questo
      crimine chieda scusa a tutti gli Stati che
      hanno firmato l'accordo di rispettare i diritti
      umani di tutto il mondo .Distinti saluti , le
      invio un sorriso che entri nella sua famiglia e
      nelle famiglie di tutto il mondo :-d .Imbriaco
      AngelaMetti i punti, le virgole e le maiuscole: sono arrivato a metà senza capirci niente e poi ho lasciato perdere. Oltre alla punteggiatura, anche la sintassi.Non si può scrivere così male! Spero solo che tu sia straniera.
    • Anonimo scrive:
      Re: un dominio può essere tolto e vendut
      Non ci ho capito una mazza!
    • Anonimo scrive:
      Re: un dominio può essere tolto e vendut
      Fantastico. 10 e lode.Anche io sono un professionista come te, siamo merce rara. Creiamo un albo dei troll. Dobbiamo distinguerci dai dilettanti. :)
      • Anonimo scrive:
        Re: un dominio può essere tolto e vendut
        - Scritto da: Anonimo
        Fantastico. 10 e lode.
        Anche io sono un professionista come te, siamo
        merce rara. Creiamo un albo dei troll. Dobbiamo
        distinguerci dai dilettanti. :)Forse non è un troll, se ho ben capito le hanno tolto il nick scala40 su lycos e crede sia stata vittima di un complotto internazionale... su : http://www.beppegrillo.it/2005/11/il_delitto_paga.html c'è un commento in cui chiede di riavere il nick da chi gliel'ha rubato :|
        • Anonimo scrive:
          Re: un dominio può essere tolto e vendut
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Fantastico. 10 e lode.

          Anche io sono un professionista come te, siamo

          merce rara. Creiamo un albo dei troll. Dobbiamo

          distinguerci dai dilettanti. :)

          Forse non è un troll, se ho ben capito le hanno
          tolto il nick scala40 su lycos e crede sia stata
          vittima di un complotto internazionale...
          su :
          http://www.beppegrillo.it/2005/11/il_delitto_paga.E doveva tirare in ballo i "diritti umani"?Cara Imbriaco Angela, leggo tutti i tuoi post. Sei un mito! Ti prego continua a scrivere!E rimani così che lo sei!
        • Anonimo scrive:
          Re: un dominio può essere tolto e vendut
          - Scritto da:

          - Scritto da: Anonimo

          Fantastico. 10 e lode.

          Anche io sono un professionista come te,

          siamo merce rara. Creiamo un albo dei troll.

          Dobbiamo distinguerci dai dilettanti. :)
          Forse non è un troll, se ho ben capito le
          hanno tolto il nick scala40 su lycos e crede
          sia stata vittima di un complotto
          internazionale...

          su :
          http://www.beppegrillo.it/2005/11/il_delitto_paga.Ha scassato i 00 a troppa gente e qualche lamerotto l'ha floddata per un po' mi sa (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: un dominio può essere tolto e venduto
      Ciao scala40 sono milanista17 ho letto il tuo racconto bello...... ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: un dominio può essere tolto e vendut
      - Scritto da: scala40
      Un saluto a tutti voi col sorriso :-d ......
      Vorrei raccontarvi il mio dominio di scala40
      .Circa due anni fa mi sono iscritta in lycos
      chat col nome di scala40 , non sapevo neppure
      cosa fosse una chat , ma per umiliazioni
      subite perchè in chat ci sono solo belle
      donne e non sacco di merd. come mè , la mia
      testardagine e curiosità entrai in lycos ,
      mi registrai come scala40
      , ma si resono conto che scala40 avrebbe reso
      come siti di giochi di carte e tanti altri
      siti di giochi ne fecere 1.400 di siti col
      nome scala40 .Mi bloccarono il pc e mi
      scollegarono completamente da tutto internet
      pur di avere il mio nick di scala40 tra cui
      poi un dominio col nome scala40 lo mettevano
      in vendita , mi chiedo se questo sia stato
      possibile farlo una mente sola o tante menti
      messe assieme e se è con tante menti messe
      assieme non rientra nel codice associazione a
      delincquere? Ma guarda, io invece ho sentito che ti sei messa a rompere le OO in vari forum, e la gente ti detestava per la pessima abitudine di lanciare il sasso e nascondere la mano, ovvero non rispondere mai a chi controbatteva le tue affermazioni, come farai con me del resto.Posso altresi' confermarti che hai rotto le OO a parecchie persone con i tuoi modi da bot spammer.
      Solo perchè io rappresentavo la povertà e la Tu rappresenti solo una malata.
      internazionali di cui anche l'ITALIA ha
      firmato l'accordo io sono Italiana e chiedo
      allo Stato Italiano che venga fatta chiarezza
      e io rivorrei il mio nick di scala40 in Lycos
      e tutto internet e che chi ha commesso questo
      crimine chieda scusa a tutti gli Stati che
      hanno firmato l'accordo StraLOL(rotfl)
      • scala40 scrive:
        Re: un dominio può essere tolto e vendut
        Ti chiedo di scusarmi perchè se non rispondo a ciò che mi scrivete è o perchè non vi leggo , oppure perchè non riesco a leggervi , è da poco che mi sono accorta che riesco a leggere e in questo caso ciò che mi hai scritto tu , ti faccio notare che io non ho mai fatto uso di spam , quando ho scritto delle lettere di aiuto per il nostro prossimo , ho inviato le lettere a tutto il mondo per aiutare chi aveva bisogno di aiuto , ma le lettere le ho inviate una alla volta , quindi quello non è uso di spam , ti faccio notare che io mi ero iscritta alla diamond quando ho fatto un messaggio multiplo ma però con la diamond lo potevo fare così riportava , questo messaggio riportava i ringraziamenti da parte mia a tutti gli amici che avevo in lista , per dirgli grazie amici e amiche per non avermi lasciata sola nella sofferenza , senza sapere chi ero avete contribuito a salvarmi la vita ....grazie di esistere ..Non cè cosa più bella di donare un aiuto col sorriso a chi soffre . Questo vuol dire uso di spam ? invece la verità è un altra , facevo segnalazioni di scorrettezze senza guardare in faccia a nessuno e se trovavo un profilo che non rispecchiava il regolamento di lycos lo facevo presente , questo ha dato fastidio a molte persone perchè non potevano fare ciò che volevano , come ora sono stata bannata da lycos , perchè ho fatto segnalazioni di profili non veritieri , ecco come prima cosa chiusa in gabbia , siccome io sono cocciuta e non mi arrendo se ho ragione e siccome ho ragione , mi hanno bloccata l'accesso . Comunque i testimoni di ciò che ho scritto ci sono , e gentilmente la prossima volta che mi scrive , vistro che stà scrivendo a una madre che ha quasi 50 anni , mi porti il rispetto usando frasi più rispettose , perchè la educazione e il rispetto dovrebbero far parte dei veri valori . Siccome io tengo moltissimo ai veri valori , come porto rispetto esigo rispetto anche da dietro un monitor . Cordiali saluti Angela scala40
    • Anonimo scrive:
      Re: un dominio può essere tolto e venduto
      (linux) ciao Angela sono Valentina bello ciò che scrivi anche utile.....complimenti...
      • Anonimo scrive:
        Re: un dominio può essere tolto e vendut
        - Scritto da:
        (linux) ciao Angela sono Valentina bello ciò che
        scrivi anche utile.....complimenti...Utile ? Ma se non e' neanche possibile aprire un dibattito su quello che scrive perche' non risponde, tanto vale che scriva sui giornali se non vuole che le si risponda.
        • scala40 scrive:
          Re: un dominio può essere tolto e vendut
          Un saluto a tutti voi :-DCiao amici , ciao Valentina , un saluto a Beppe Grillo , Beppe Grillo tu mi hai capita cosa intendevo non solo perchè ho scritto anche nel tuo sito , ma perchè avrai cliccato scala40 e siccome mi leggi da anni e sai che scala40 lo ho messo io entrando in internet hai capito tutto , ma non serve spiegazioni a chi fa il sordo volutamente o finge volutamente di non capire , poi per chi mi ha scritto che io sono una malata ......io ci sono stata dal pisicologo nominato dal giudice , non mi risulta che mi abbia trovata malata mentale , anzi ha scoperto che ciò che ho scritto in tutto internet è verità , anche subire ingiustizie fa parte di malattia , ma non quella mentale , ma malattie di ogni genere che fa male al cuore e ti uccidono dentro e io mi sono sentita uccisa dentro come vera madre e ex moglie . Ma se darebbero i diritti a chi li ha eviterebbero tante forme di malattie compreso anche quelle mentali e chiedo allo Stato Europeo di farci risarcire dallo Stato Italiano che ci toglie i nostri diritti volutamente . Cordialmente saluto tutti inviandovi un cielo di sorrisi . Dalla vostra amica Imbriaco Angela scala40
    • Anonimo scrive:
      Re: un dominio può essere tolto e venduto
      (win) ciao! scala40 angela amica mia perché non mi rispondi su msn stamattina? che sei su lycos percaso? Valentina
  • Anonimo scrive:
    Agire subito
    Penso che siano possibili e necessarie due cose:1)E' possibile proporre l'azione di ingiustificato arricchimento, anche perchè un' altra azienda si sta avvalendo e soprattutto "si avvarrà" di quello che è "un marchio" della testata(quindi di una entità che ha comunque carattere imprenditoriale). Anche perchè i soggetti che hanno subito l'azione erano in buona fede.2)Si potrebbe ricorrere anche alla disciplina sui segni distintivi: Sia se il "marchi" era registrato sia se non lo era, la legge dovrebbe tutelare chi lo ha esercitato anche senza registrazione, per lo meno nei limiti in cui questo fino al 31 marzo è stato esercitato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Agire subito
      Si, vabbè... ma qui il problema è un'altro: stai sicuro che mi accorgevo che cellulari.it era stato cancellato la LAR l'avrei mandata subito....
    • Anonimo scrive:
      Re: Agire subito
      Infatti è quello che si sta facendo... peccato che tanti dei commenti fossero solo tesi a sfottere o a dire che le procedure erano giuste.Pochi hanno capito che il punto non è quando o come il Fax sia stato mandato, ma come sia possibile che qualcosa che spetta a qualcuno per LEGGE, venga sottratto tramite un REGOLAMENTO, che ha delle falle clamorose.Tanto clamorose che il NIC riconosce apertamente che il fenomeno del cybersquotting è in grandissima ascesa e dovranno al più presto modificare questi assurdi regolamenti che si prestano a favorire illeciti.Giacomo Ghisolfi
      • Anonimo scrive:
        Re: Agire subito
        intanto, sui domini, per legge non spetta niente a nessuno. C'e' un bel regolamento, buono o no che sia, che deve essere rispettato. E spero che continui ad essere cosi'. Altrimenti hai voglia a difendersi dalle societa' che accampano diritti su questo o quel dominio. Basta! e' ora che la finiate di pensare che tutto vi sia dovuto PER LEGGE solo perche' avete un marchio. esiste gia' una regolamentazione. adattatevi
        • Anonimo scrive:
          Re: Agire subito
          Che ridere...esiste già un regolamento adattatevi! Forse una rilettura del "REGOLAMENTO" dello stato in cui vivi ti può aiutare meglio a capire: Il Codice Civile ItalianoDISPOSIZIONI SULLA LEGGE IN GENERALECAPO IDelle fonti del dirittoArt. 1 Indicazione delle fontiSono fonti del diritto:1) le leggi (Cost. 70 e seguenti, 117, 138; prel. Cod. Civ. 2, 10 e seguenti);2) i regolamenti (prel. Cod. Civ. 3 e seguenti);3) gli usi (prel. Cod. Civ. 8 e seguenti).Magari anche una rilettura dell' Art.4 ti può aiutare:Art. 4 Limiti della disciplina regolamentariI regolamenti (prel Cod. Civ. 3) non possono contenere norme contrarie alle disposizioni delle leggi.Come vedi il regolamento nazionale dispone che si debba ubbidire alle leggi...e non ai, pur autorevoli, regolamenti del NIC.
          • Anonimo scrive:
            Re: Agire subito
            ma basta! siamo su internet. adeguati ai regolamenti che la definiscono. avete fato una cazzata. ammettilo e basta.E cmq questi regolamenti che ti ostini a non riconoscere alla fine ti restituiranno il "tuo" dominio (mai sentito parlare di arbitrariato e procedura di riassegnazione? eppure dovresti aver firmato un bel fogliettino di carta al tempo della registrazione....)http://www.nic.it/RA/domini/contestazione.htmleh ma probabilmente e' colpa dei comunisti...
          • Anonimo scrive:
            Re: Agire subito
            Ma cosa c'entrano i comunisti?Cosa ne sai tu delle mie idee politiche?Io ho votato per quella parte politica!E' incredibile la superficialità di certi clichè... probabilmente perchè nell'articolo hanno scritto la parola management di cellulari.itussignur...
  • Anonimo scrive:
    via i fax !
    mi sfugge qualcosa..ci si lamenta che il controllo via fax è troppo poco ?in realtà è troppo.possibile che per registrare un it ci vogliono 2/3 giorni contro i 10 minuti di un com ?Tutte le estensioni basano registrazioni straferimenti sulla email amministrativa, perché noi dobbiamo sempre essere diversi ?Pure sto schifo di .eu si è adattato a queste procedure.Però, voglio dire, cellulari.it non ha mai pensato di controllare come normalmente si fa l'esito della procedura ? Si sa già checon gli .it ci son sempre problemi, sarebbe ora di aumentare i costi di registrazione a causa del tempo che ci fa perdere il nic..fax intasato, ricezioni maldestre, inedaguatezza delle lar,..Triste situazione cmqmi spiace per l'editore
  • Anonimo scrive:
    e capitato anche a me
    Primo fax illegibile, subito dopo arriva un'altra richiesta e qualcun altro registra il nostro dominio posizionato in testa ai motori di ricerca. Un anno di impegno per posizionare il sito buttato al vento.Comunque registrando diversi domini .it all'anno ho notato che ogni volta devo inviare due volte la LAR all'authority, un pò strano, il secondo va sempre a buon fine. Il problema naturalmente non è nel nostro fax che altri ricevono senza problemi.Capita anche ad altri questa situazione o sono io lo sfigato?Mario
    • Anonimo scrive:
      9 --
    • Anonimo scrive:
      Re: e capitato anche a me

      Primo fax illegibile, subito dopo arriva un'altra
      richiesta e qualcun altro registra il nostro
      dominio posizionato in testa ai motori di
      ricerca. Un anno di impegno per posizionare il
      sito buttato al vento.
      Comunque registrando diversi domini .it all'anno
      ho notato che ogni volta devo inviare due volte
      la LAR all'authority, un pò strano, il secondo va
      sempre a buon fine. Il problema naturalmente non
      è nel nostro fax che altri ricevono senza
      problemi.

      Capita anche ad altri questa situazione o sono io
      lo sfigato?

      MarioIl mantainer a cui ti rivolgi puo' controllare se l'invio del fax e' andato a buon fine ed assisterti in caso di problemi, a causa della concorrenza e della diminizione dei prezzi ovviamente questi costi di assistenza non vengono piu' sostenuti dai provider e ti devi arrangiare.Il nic presuppone che le procedure siano seguite da un mantainer e non direttamente dall'azienda o privato che desiderano quel dominio infatti le comunicazioni vengono inviate al mantainer e non a chi ha inviato il fax.Per giocare utilizzate domini .com .net .org molto piu' facili da registrare ma ricordatevi sempre di rinnovarli.
      • Anonimo scrive:
        Re: e capitato anche a me

        Il nic presuppone che le procedure siano seguite
        da un mantainer e non direttamente dall'azienda o
        privato che desiderano quel dominio infatti le
        comunicazioni vengono inviate al mantainer e non
        a chi ha inviato il fax.Infatti il mio provider/mantainer non mi avvisa quando c'è stato qualche problema di comunicazione col nic. Da un lentissimo pannello di controllo è possibile leggere i messaggi che l'authority invia al provider e quindi ci si accorge del problema. Basterebbe semplicemente avvisare il cliente, invece no, devi stare lì a controllare continuamente se e andato tutto per il verso giusto.Viva l'italia e il modo in cui le aziende (tutte) trattano i loro clienti
  • Anonimo scrive:
    che superficialita'....
    non capisco:il tuo lavoro (in questo caso) si basa sul tuo dominio, che hai dal 1998, a un certo punto cambi maintener (perche' magari quello nuovo ti fa' risparmiare due lirette) e non ti preoccupi se la procedura vada a buon fine ????!!!!!ok: lo sbaglio e' del tuo nuovo maintener, ma lui (il mnt) che cosa ci ha perso? un cliente. Te cosa ci hai perso? il lavoro intero.....Ma di cosa ti occupi? fai il meccanico? fai il panettiere? fai il professore? no..... ti occupi di un sito..... forse era meglio se stavi zitto: io, come penso anche altri, incomincio valutare in maniera diversa la professionalita' con cui svolgi il tuo lavoro.... e, quindi, la qualita' del tuo sito....
    • Anonimo scrive:
      che bambino
      Non conosci i fatti ma sputi sentenze come una vipera velenosa.Il maintainer è stato cambiato perchè quello di prima ha ceduto l'attività ad un nuovo maintainer che ci ha assicurato di gestire tutta la procedura a dovere.Non è stato fatto, ma questo non ti autorizza a trarre conclusioni false e basate su deduzioni completamente errate.Il tempo sarà galantuomo.Tu non lo sarai mai, fallito anonimo.Giacomo Ghisolfi
      • Anonimo scrive:
        Re: che bambino
        Premessa: Non sono quello del primo post ma uno che di mestiere fa il maintainer e che adesso ha capito finalmente il giro... Però qui la questione non è stata ben spiegata nell'articolo e chiaramente chi per lavoro fa questo tutti i giorni si è dato delle logiche spiegazioni basate sull'esperienza comune.Mi sa che si è sparato a zero sul NIC mentre banalmente si è trattato di una disattenzione del MNT.Che poi il cliente non si sia accorto del pasticcio, questo è abbastanza comune. Infatti difficilmente il cliente capisce/interessa capire come funzionano le procedure e si affida al MNT che paga proprio per questo... Certo se non legge la raccomandata del NIC che lo avvisa che ha 3 mesi per riattivare il dominio.... ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: che bambino
          E' chiaro che parte della responsabilità sia del MNT, ma il punto in questione non è di chi è la colpa nel caso specifico ma: "Perchè non ci sono regolamenti che tutelano quello che le leggi da tempo tutelano e proteggono"? Il punto è molto chiaro anche al NIC che sta lavorando appunto a regolamenti nuovi che prevengano questo tipo di vicende.Giacomo Ghisolfi
          • Anonimo scrive:
            Re: che bambino
            esatto. regolamenti. non LEGGI. Qui siamo su internet e questa deve essere regolamentata non legiferata (all' italiota magari...).PROBABILMENTE modificheranno il regolamento.PROBABILMENTE in meglio.SICURAMENTE non avete seguito quello in vigore ORA.ps. non ce l'ho con cellulari.it anzi... ma una cazzata e' una cazzata... non comportiamoci come SILVIO...
          • Anonimo scrive:
            Re: che bambino
            - Scritto da: Anonimo
            esatto. regolamenti. non LEGGI. Qui siamo su
            internet e questa deve essere regolamentata non
            legiferata (all' italiota magari...).Io ho detto che servono nuovi regolamenti che si attengano meglio alle leggi già in vigore.Dio ci scampi dal parlamento italiano che legifera su internet.Non voglio leggi nuove, ma il rispetto dei diritti.E i diritti non sono derogabili per regolamento.Darsi una rilettura al codice civile aiuterebbe a comprendere meglio il regolamento non del NIC ma dello stato in cui viviamo.:)
            PROBABILMENTE modificheranno il regolamento.
            PROBABILMENTE in meglio.
            SICURAMENTE non avete seguito quello in vigore
            ORA.

            ps. non ce l'ho con cellulari.it anzi... ma una
            cazzata e' una cazzata... non comportiamoci come
            SILVIO...
          • Anonimo scrive:
            Re: che bambino

            Non voglio leggi nuove, ma il rispetto dei diritti.
            E i diritti non sono derogabili per regolamento.
            Darsi una rilettura al codice civile aiuterebbe a
            comprendere meglio il regolamento non del NIC ma
            dello stato in cui viviamo.Non so' tu ma io non vivo su internet.
  • Anonimo scrive:
    Bene, grazie.
    Grazie per l'articolo, lo metterò qui su:http://redtomahawk.blogspot.com/Ciao
  • Anlan scrive:
    Re: Disattenzioni e Tecnologia
    - Scritto da: lonehawk
    Quindi probabilmente è accaduto questo:
    Cellulari.it si è rivolta a Pippo Srl, società di
    mantaining domini internet, perchè prendesse in
    carico il proprio dominio.
    Uno dei due (Cellulari.it o Pippo Srl) ha mandato
    il fax con una macchina con lo scanner scassato,
    o la firma non era leggibile, o i dati erano
    incompleti.
    Il NIC ha quindi SICURAMENTE avvisato Pippo Srl
    che il fax non andava bene.Sbagliato !Cellulari.it aveva come mantainer pluto e voleva passare a pippo. Ha mandato la lettera illeggibile e la comunicazione email arriva pluto (il vecchio mantainer) non a pippo. Il NIC infatti nelle sue comunicazioni utilizza solo il mantainer corrente e Pippo non può essere il mantainer corrente fino a quando la lettera non è leggibile ed il cambio mantainer è stato perfezionato.Poi le LAR andrebbero lette perchè si richiede espressamente che il registrante dichiari di conoscere le norme di assegnazione e di gestione dei domini. Pertanto il registrante è pienamente ed unicamente responsabile nel seguire l'intero iter di trasferimento.
    • Anonimo scrive:
      Re: Disattenzioni e Tecnologia
      E siccome siamo in Italia ed il dominio era particolarmente interessante, non sarà che il fax è "diventato" illeggibile e la mail si è "casualmente" persa per strada?Come disse un nostro Senatore a vita "a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca" :))
    • Anonimo scrive:
      Re: Disattenzioni e Tecnologia
      Erano veramente in tanti a fargli la posta.... :p http://www.nic.it/mod/StatoReg/index.cgi?lang=it&dominio=cellulari.it e premere la "i" azzurra a sx del domnio.Altro che complotto, lo sapeva mezzo mondo ;)
    • lonehawk scrive:
      Re: Disattenzioni e Tecnologia
      - Scritto da: Anlan
      Sbagliato !

      Cellulari.it aveva come mantainer pluto e voleva
      passare a pippo. Ha mandato la lettera
      illeggibile e la comunicazione email arriva
      pluto (il vecchio mantainer) non a pippo.
      Il NIC infatti nelle sue comunicazioni utilizza
      solo il mantainer corrente e Pippo non può
      essere il mantainer corrente fino a quando la
      lettera non è leggibile ed il cambio mantainer è
      stato perfezionato.Veramente, per mia esperienza diretta, è il contrario:http://www.nic.it/RA/domini/cambio-pm.html il Registro invia ad entrambi i provider/maintainer coinvolti nell'operazione l'avviso di cambio provider, ed invita il nuovo provider/maintainer ad inviare il modulo di registrazione aggiornato per xyz.it. Eventuali errori contenuti nella richiesta di cambio provider/maintainer sono notificati al nuovo provider/maintainer. Nel caso di errori, dopo la segnalazione, il Registro procede a respingere la richiesta. Lone
      • Anlan scrive:
        Re: Disattenzioni e Tecnologia
        - Scritto da: lonehawk
        Veramente, per mia esperienza diretta, è il
        contrario:
        http://www.nic.it/RA/domini/cambio-pm.htmlAnche noi siamo mantainer e ti posso assicurare che in caso di lettera illeggibile l'unico contattabile è il vecchio perchè quello nuovo non si legge .Ne ho giusto una decina in archivio di mail del nic che comunica a noi uscenti che il cambio non può essere effettuato perchè o la lettera è illegibile o perchè mancano dati (o sono errati). Se vuoi te le mando.Tutto questo comunque NON toglie il fatto che il registrant del dominio è parte attiva dell'operazione ed è suo compito accertarsi che tutto vada a buon fine.
        • Anonimo scrive:
          Re: Disattenzioni e Tecnologia
          Invece il NIC ha contattato il NUOVO maintainer, nonostante dicesse che il Fax era illeggibile...
        • Anonimo scrive:
          Re: Disattenzioni e Tecnologia
          - Scritto da: Anlan
          - Scritto da: lonehawk

          Veramente, per mia esperienza diretta, è il

          contrario:

          http://www.nic.it/RA/domini/cambio-pm.html

          Anche noi siamo mantainer e ti posso assicurare
          che in caso di lettera illeggibile l'unico
          contattabile è il vecchio perchè quello nuovo
          non si legge.

          Ne ho giusto una decina in archivio di mail del
          nic che comunica a noi uscenti che il cambio non
          può essere effettuato perchè o la lettera è
          illegibile o perchè mancano dati (o sono errati).si,arriverà a voi e al nuovo
  • Anonimo scrive:
    Si ma...
    Prima di perdere un dominio si viene avvertiti 4 mesi prima della scadenza, e arriva anche una lettera al domicilio del proprietario...Evidentemente cellulari.it ha aspettato l'ultima settimana?....mah...
  • Anonimo scrive:
    leggerezza
    "Oggi, in piena era digitale, ci siamo amaramente resi conto che basta un fax parzialmente illeggibile a mettere a serio rischio il futuro di aziende e lavoratori".appunto ....... una raccomnadata o una richiesta per controllare se tutto fosse a posto no ?x me c'è puzza di bruciato.
  • Anonimo scrive:
    .IT? Per carità...
    Non ha alcun senso registrare un .IT e poi affidarsi ad un hosting italiano... Andate su un .COM/.NET e sceglietevi un hosting all'estero. Costa infinitamente meno, avete più spazio, più servizi, più banda, più tutto..IT? Che senso ha?
  • Anonimo scrive:
    VERGOGNA!!!
    è assolutamente assurdo e sbagliato, spero che il prossimo ministro si dia da fare per tutelare queste aziende e soprattutto per cambiare le procedure di registrazione da paleolitico.
  • Anonimo scrive:
    poca professionalità amministrativa
    Essendo Cellulari.it una realtà aziendale molto importante nel web italiano avrebbe dovuto pagare la quota del dominio almeno 1 mese prima della scadenza.Inoltre esiste il periodo nel quale il dominio viene bloccato per 3 mesi, nei quali il registar può "riprenderselo".non ho parole a riguardo dell'amministrazione di Cellulari.it
    • Anonimo scrive:
      Re: poca professionalità amministrativa
      L'amministrazione di Cellulari.it ha mandato per tempo tutta la documentazione. Tutta.Non so perchè parli di pagamento del dominio che è stato pagato eccome. QUi il punto è un altro: il regolamento di assegnazione dei domini non tutela i marchi e le realtà esistenti e si pone in conflitto con le leggi esistenti in materia. E' un problema talmente sentito, anche dal NIC, che ci hanno messo 4 giorni per assegnarlo, perchè si sono resi conto anche loro che qualcosa non andava.Se è stato finalmente assegnato è stato su nostra sollecitazione per potere agire in giudizio contro chi non ha titolo per detenere quel dominio.Se per qualsiasi ragione scade il marchio nike.it o fiat.it, questo non estingue i diritti in capo al titolare del marchio.La testata cellulari.it è registrata. Punto.Il problema è talmente sentito che a partire da Luglio il NIC MODIFICHERA' queste regole. Anche dopo la cancellazione del dominio, questo rimarrà ad ESCLUSIVA disposizione di chi lo aveva già registrato e degli aventi diritto su un marchio o una denominazione commerciale.Prima di insultare bisognerebbe essere certi di avere informazioni un po più approfondite.
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • opazz scrive:
    Per chi non lo sapesse..
    Dopo aver mandato FAX per una prima registrazione o il rinnovo del dominio, tenete sotto controllo con un whois lo stato del vostro caro dominio.Chi ha sistemi linux, ha il comando integrato.Chi non li avesse, può usufruire di una interfaccia web, del NIC direttamente collegata al loro DB che indica lo stato delle registrazioni:http://www.nic.it/StatoReg/Da quel redirect potete inserire il dominio escluso ovviamente della parte di terzo livello (www o quant'altro) e vedere in che stato è il dominio.Ricordo a tutti, che in base alla legge sulla privacy, e l'informativa che si sottoscrive al momento di invio della LAR, si autorizza alla diffusione dei propri dati personali attraverso questo mezzo.
    • TieFighter scrive:
      Re: Per chi non lo sapesse..

      Dopo aver mandato FAX per una prima registrazione
      o il rinnovo del dominio, tenete sotto controllo
      con un whois lo stato del vostro caro dominio.Il rinnovo, questo e' secondo me il problema
      • augliaro scrive:
        Re: Per chi non lo sapesse..


        Dopo aver mandato FAX per una prima registrazione

        o il rinnovo del dominio, tenete sotto controllo

        con un whois lo stato del vostro caro dominio.
        Il rinnovo, questo e' secondo me il problemaE quindi cosa cambia in sostanza? Forse che si deve curare di più i controlli?
  • Anonimo scrive:
    Comunicazione NIC mai ricevuta !
    che strano .... anch'io ho avviato una procedura di passaggio per un dominio ... poi il silenzio ... solo telefonando per accertarmi che fosse tutto ok mi hanno detto che il fax era stato respinto... Mai ricevuta alcuna comunicazione dal NIC!
  • Anonimo scrive:
    Anche a noi è successo, sempre loro...
    Anche alla mia società dove lavoro è successo un qualche cosa di analogo, una bella mattina ci siamo svegliati e al posto della nostra home page è apparso una specie di portale di ricerca: anche qui c'è stato un problema durante il cambio di mantainer: la cosa che mi lascia da pensare, invece, è che la riassegnazione del nostro dominio .it e quello di cellulari.it hanno in comune la stessa società/persona. Ora, l'attività sul nostro dominio era da poco partita per cui non è stato un grosso problema per noi registrare un altro dominio, ma mi chiedo: che interesse aveva questa società a registrare in tutta fretta un dominio con un nome così specifico (il nostro conteneva il nome della nostra ragione sociale)???Mumble... mumble..... a meno che............
  • Anonimo scrive:
    stessa vicenda con Seocom
    Putroppo mi è successa la stessa cosa e proprio la Seocom, nella persona di Salvatore Trani, ha registrato il dominio che "avevo perso".La cosa scandalosa non è il modo di gestire i domini .IT del NIC (che può anche andare bene, anche se porta via un sacco di tempo) ... la cosa scandalosa, dicevo, è che ci siano degli avvolti che si gettino sul primo domini scaduto per trarne dei profitti.Esistono dei servizi a cui ci si può registrare (pagando) che ti inviano la lista dei domini in scadenza.Queste società vivono facendo ricomprare i domini!!!Infatti il mio dominio l'ho dovuto ricomprare da loro perchè una causa di riassegnazione, che sicuramente avremmo vinto, sarebbe stata troppo lunga e avrebbe fatto perdere guadagni.
    • isidone scrive:
      Re: stessa vicenda con Seocom
      ciao anche a me è successo uguale... ma non sono nemmeno stato in grado di contattare questi "signori" per contrattare la restituzione. Come hai fatto??grazieiside
    • Anonimo scrive:
      Re: stessa vicenda con Seocom
      Salve, anch'io ho avuto lo stesso problema e non riesco nemmeno a contattare la Seocom, potresti dirmi come hai fatto?GrazieMarco
  • Anonimo scrive:
    Esperienza Simile
    Gestendo hosting, un mio cliente per sua dimenticanza si dimentico' di rinnovare il dominio... Appena dopo 24 ore il nic aveva un altro proprietario... Abbiamo provato in tutti i modi a riaverlo ma non c'e' stato nulla da fare... L'unica e che cellulari.it si metta d'accordo con il nuovo proprietario sperando che l'abbia fatto senza scopo di lucro... purtroppo la ragione e' dalla parte sua.
    • DonChuck scrive:
      Re: Esperienza Simile
      - Scritto da: Anonimo
      Gestendo hosting, un mio cliente per sua
      dimenticanza si dimentico' di rinnovare il
      dominio... Appena dopo 24 ore il nic aveva un
      altro proprietario... Abbiamo provato in tutti i
      modi a riaverlo ma non c'e' stato nulla da
      fare... L'unica e che cellulari.it si metta
      d'accordo con il nuovo proprietario sperando che
      l'abbia fatto senza scopo di lucro... purtroppo
      la ragione e' dalla parte sua.La ragione è dalla parte di hi è più forte, se fosse stato un armani, un dell (giusto per citare alcuni casi discussi anche su PI) o un ferrari, non ci sarebbero stati problemi...Se cellulari.it dopo 8 anni non ha il sacrosanto diritto di avere la priorità sul nome a dominio è uno scandalo che va cambiato. E' vero che il primo che arriva ha ragione, ma non può valere per nomi consolidati da anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Esperienza Simile
      Non ci vogliono 24 ore. Dalla scadenza del dominio alla riassegnazione, in base al regolamento, passano MESI.
      • Anonimo scrive:
        Re: Esperienza Simile
        Passano 3 mesi dalla messa in stato no-mnt. Ma una cosa che NON può succedere è che un abusivo si appropri di ciò che PER LEGGE non gli spetta.Il REGOLAMENTO del NIC non ha valore di LEGGE.Infatti il NIC stesso ci ha suggerito di procedere per via giudiziaria per riottenere ciò che è stato assegnato con regole che collidono con le leggi.Giacomo Ghisolfi
  • yusaku scrive:
    Ho registrato un dominio
    ho preso un dominio .it (perchè il com era già occupato) per un mio piccolo sito amatoriale. Operazione da mezza giornata ma col nostro simpatico nic si è protratta fino a 10 giorni.Ogni volta fax illeggibile, fax ricevuto parzialmente e cose del genere. Insomma ho dovuto inviare il fax 7 volte. Rischiando pure che scadesse la prenotazione del nome che era di 10 giorni. Che schifo :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho registrato un dominio
      Per lavoro mando maree di LAR. Concordo che la procedura sia obsoleta, ma basta usare un buon fax e il NIC non perde un colpo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho registrato un dominio

      ho preso un dominio .it (perchè il com era già
      occupato) per un mio piccolo sito amatoriale.
      Operazione da mezza giornata ma col nostro
      simpatico nic si è protratta fino a 10 giorni.
      Ogni volta fax illeggibile, fax ricevuto
      parzialmente e cose del genere. Insomma ho dovuto
      inviare il fax 7 volte. Rischiando pure che
      scadesse la prenotazione del nome che era di 10
      giorni. Che schifo :@La procedura non e' stata pensata perche' tu invii un fax, ma perche' lo invii il tuo provider/maintainer. Ovviamente se tu ti affidi ad un provider low-low-low cost, che non si fa pagare abbastanza per gestire tutta la pratica e preferisce farti montare il dominio come se fosse un mobile dell'Ikea, dopo non ti puoi lamentare se il "mobile" e' venuto su storto ...P.S. la "prenotazione del nome" non esiste. La procedura prevede due azioni distinte, l'invio della LAR (lettera di assunzione di responsabilità) via fax o per posta, e l'invio del modulo elettronico via e-mail. Si possono fare anche contemporaneamente - e i provider seri infatti mandano prima la lettera, poi aspettano la conferma di ricezione e mandano via e-mail il modulo ...
      • Mijato scrive:
        Re: Ho registrato un dominio

        La procedura non e' stata pensata perche' tu
        invii un fax, ma perche' lo invii il tuo
        provider/maintainer. Assolutamente falso. Il fax deve essere firmato dall'admin-c che deve essere l'utilizzatore, la persona fisica o un firmatario della società intestataria, nel caso.Non è questione di low low cost: I mantainer che firmano e mandano da se le LAR sono solo HIGLY FARABUTT :-) perchè così si intestano il dominio a se stessi, quindi in caso un giorno li volessi abbandonare troveresti la sgradita sorpresa che si tengono il dominio e non ti permettono di cambiare, o peggio, al momento che il dominio vale qualcosa te lo ciulano senza problemi. Casi come questi, in passato, ne ho visti a CENTINAIA da parte di web agency o intermediari smanettoni, persino per conto di grosse società che ancora non avevano ben presente il significato di nome a dominio.Ora, per fortuna, c'è più informazione.==================================Modificato dall'autore il 13/04/2006 16.06.46
        • Anonimo scrive:
          Re: Ho registrato un dominio
          - Scritto da: Mijato

          La procedura non e' stata pensata perche' tu

          invii un fax, ma perche' lo invii il tuo

          provider/maintainer.

          Assolutamente falso. Il fax deve essere firmato
          dall'admin-c che deve essere l'utilizzatore, la
          persona fisica o un firmatario della società
          intestataria, nel caso.

          Non è questione di low low cost: I mantainer che
          firmano e mandano da se le LAR sono solo HIGLY
          FARABUTT :-) perchè così si intestano il dominio
          a se stessi, quindi in caso un giorno li volessi
          abbandonare troveresti la sgradita sorpresa che
          si tengono il dominio e non ti permettono di
          cambiare, o peggio, al momento che il dominio
          vale qualcosa te lo ciulano senza problemi.
          Casi come questi, in passato, ne ho visti a
          CENTINAIA da parte di web agency o intermediari
          smanettoni, persino per conto di grosse società
          che ancora non avevano ben presente il
          significato di nome a dominio.

          Ora, per fortuna, c'è più informazione.

          ==================================
          Modificato dall'autore il 13/04/2006 16.06.46te quot tut
  • Anonimo scrive:
    C'e' qualcosa che non mi torna
    Vediamo di chiarire come funziona le procedure di cambio mantainer.Da quello che si capisce dall'articolo, cellulari.it stava cambiando mantainer per cui ha mandato il fax del cambio dal mnt-a al mnt-b. Questo fax e' risultato illegibile, probabilmente il mnt-a non ha pagato il rinnovo. E fin qui ok.Ma il fatto e' che il trasferimento tra il mnt-a e il mnt-b non si riduce al solo invio del fax.Il nuovo mantainer deve mandare il modulo elettronico in cui indica i nuovi dns server per il dominio in questione.In questo caso, non essendoci di mezzo un documento di cambio mantainer, il nic avra' notificato al mnt-b che lui non era autorizzato a operare sul dominio cellulari.it in quanto in carico al mnt-a.Per cui non e' solo un fax perso e una mail di fax illegibile che e' andata persa ma anche questo mail in cui il nic comunica al mnt-b che lui non e' il mnt per cellulari.it? Che e' un fatto molto strano in quanto al mnt viene sempre notificato se un modulo elettronico e' stato accettato o respinto per qualche motivo.Inoltre se il mnt-a comunica al nic di non gestire piu' il dominio e dall'admin del dominio non giunge comunicazione di cambio mantainer il domino viene messo in NO-PROVIDER-MNT, e solo dopo tre mesi dalla data di messa in stato di NO-PROVIDER-MNT, qualora l'assegnatario non abbia provveduto ad effettuare il cambio provider/maintainer, si effettua la cancellazione del dominio.infatti come si evince da una ricerca su nic.it, il domino e' "morto" il 2006-01-27 ed e' stato registrato di nuovo il 2006-04-11.Quindi potremmo anche dire che quelli di cellulari.it hanno dormito per tre mesi e non e' una cosa successa da un giorno all'altro come l'articolo vuole fare credere.Per cui, o qualcosa nell'articolo e' omessa, o c'e' qualcosa che non mi torna.Emiliano Bruni (info@ebruni.it)
    • Anonimo scrive:
      Re: C'e' qualcosa che non mi torna
      Hai pienamente ragione, potevano sicuramente provvedere con più attenzione i vecchi titolari di cellulari.it
    • Anonimo scrive:
      Re: C'e' qualcosa che non mi torna
      Quanto hai scritto e' corretto. Inoltre, quandoil dominio viene messo in NO-PROVIDER viene inviata una lettera al proprietario informandolo della situazione. quindi i tizi di cellulari.it hanno commesso due errori fondamentali:a) si sono affidati ad un maintainer incompetenteb) se ne sono altamente fregati di qualsiasi comunicazione e di controllare lo stato del trasferimento.una eventuale riassegnazione del dominio sarebbe del tutto contraria alle procedure ed effettuata solo per ragioni mediatiche. "chi e' causa del suo mal, pianga se stesso" "..invece di scrivere a punto informatico " :)
      • Anonimo scrive:
        Re: C'e' qualcosa che non mi torna
        Il punto è un altro: il regolamento di assegnazione dei domini non tutela i marchi e le realtà esistenti e si pone in conflitto con le leggi esistenti in materia. E' un problema talmente sentito, anche dal NIC, che ci hanno messo 4 giorni per assegnarlo, perchè si sono resi conto anche loro che qualcosa non andava.Se è stato finalmente assegnato è stato su nostra sollecitazione per potere agire in giudizio contro chi non ha titolo per detenere quel dominio.Se per qualsiasi ragione scade il marchio nike.it o fiat.it, questo non estingue i diritti in capo al titolare del marchio.La testata cellulari.it è registrata. Punto.Il problema è talmente sentito che a partire da Luglio il NIC MODIFICHERA' queste regole. Anche dopo la cancellazione del dominio, questo rimarrà ad ESCLUSIVA disposizione di chi lo aveva già registrato e degli aventi diritto su un marchio o una denominazione commerciale.Prima di insultare bisognerebbe essere certi di avere informazioni un po più approfondite.Cosa significa poi riassegnazione per via mediatica (?!) La riassegnazione sarà per via giudiziaria purtroppo, con tutti i tempi e le spese che ne conseguono. Vorrei ricordare ancora una volta che i "Regolamenti" devono ubbidire alle "Leggi" e queste alla "Costituzione". Non si può citare il regolamento del NIC come la bibbia. Se il regolamento del NIC, collide con dei diritti garantiti dalla legge (tutela dei marchi e anche la riservatezza delle cominucazioni addirittura garantita costituzionalmente) dovranno porre rimedio.Infatti da tutti i colloqui che abbiamo avuto con il NIC stesso, hanno ben chiara la situazione e si stanno muovendo, con i loro tempi, per modificare regolamenti che si prestano ad abusi di questo tipo.Giacomo Ghisolfi
        • Anonimo scrive:
          Re: C'e' qualcosa che non mi torna
          - Scritto da: Anonimo

          Giacomo GhisolfiGuarda che zappare la terra non è mica tutto questo male, anzi. Provi a fare un lavoro che sia alla sua altezza, magari poi ha anche meno frustrazioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: C'e' qualcosa che non mi torna
            Sempre ad insultare da anonimo... ci vuole gran coraggio immagino... bravo... Tu cosa hai fatto nella vita?Giacomo
        • Anonimo scrive:
          Re: C'e' qualcosa che non mi torna
          Salve Giacomo GhisolfiPurtroppo c'è la teoria e la pratica.In teoria lei e lo staff di cellulari.it avete pienamente ragione, a dimostrazione le imminenti modifiche del nic al proprio regolamento a tutela dei marchi.In pratica cellulari.it, principalmente per diretta responsabilità e superficialità, ha perso il dominio!Perchè all'epoca e fino alle modifiche delle procedure del nic esiste questo rischio, infatti alcuni mantainer propongono, ad un costo aggiuntivo, il servizio di brand-protection...Non credo che il post precedente volesse insultare qualcuno con il termine utilizzato solo provocatoriamente :-)Questo caso farà storia, il NIC ha ragione, lo staff di cellulari.it ha il diritto di riavere il dominio ma nel frattempo lo ha perso non avendo rispettato i tempi e le procedure attuali del NIC, il nuovo assegnatario del dominio cellulari.it ha avuto la possibilità di acquistare il dominio e lo ha fatto senza nessun abuso di procedura.Tutti hanno ragione e nessuno ha torto, questa è la nostra lenta, pigra e stanca Italia dell'innovazione tecnologica che affida il completamento di una procedura di assegnazione domini ad uno strumento FAX obsoleto e utilizzato soprattutto per lo scambio di comunicazioni con paesi con scrittura ad ideogrammi (come il cinese, arabo, giapponese, vedi Essere Digitali N. Negroponte).-- Beniamino
        • Anonimo scrive:
          Re: C'e' qualcosa che non mi torna
          Giacomo, siete rimasti 3 mesi senza informarvi sulla cosa. Non vi sembra un po' esagerato? Quando il dominio e' stato messo in NO-PROVIDER-MNT vi deve essere arrivata una lettera. Che fine ha fatto?
          • Anonimo scrive:
            Re: C'e' qualcosa che non mi torna
            La lettera è arrivata eccome e noi nei tempi abbiamo risposto. Non è stata fatta prima per ragioni interne di riorganizazzione. Ma il punto non è questo... Il marchio e i segni distintivi d'azienda sono tutelati, e quando questa situazione si risolverà, i fatti verranno a galla.Giacomo
          • Anonimo scrive:
            Re: C'e' qualcosa che non mi torna
            Scusate ma se voi:lasciate andare in NO-PROVIDER il dominio,fate passare tre mesi senza intervenire,ricevete a mezzo raccomandata l'avviso del nic che il dominio sta per essere cancellato e non agiteperchè vi lamentate?Il dominio non è stato cancellato per un fax illeggibile, ma solo per vostra incuria.I mantainer non c'entrano nulla, nei tre mesi avreste potuto cambiarne almeno un cinquantina .
          • Anonimo scrive:
            Re: C'e' qualcosa che non mi torna
            Ok, avete risposto inviando il fax. Ma quando? Due giorni prima della scadenza? Una settimana prima?Ok, ma anche in questo caso, io personalmente avrei tempestato di telefonate il NIC per i successivi n giorni mancanti finchè non mi assicuravano di aver ricevuto il fax, il modulo elettronico del nuovo mantainer e finchè non vedevo la rimozione del flag NO-PROVIDER-MNT.Tra parentesi, come persona che colloquia spesso con il NIC, li ho trovati sempre pienamente disponibili e cordiali nel tentare di venire incontro alle varie problematiche che normalmente accadono nella gestione di migliaia di TLD.Senza entrare nel merito della registrazione del marchio, che ovviamente peserà sulla riassegnazione del dominio, concorderete sicuramente con me con il fatto che, magari, una maggiore attenzione da parte vostra (cellulari.it) vi avrebbe sicuramente evitato questo "disastro".Emiliano Bruni
          • Anonimo scrive:
            Re: C'e' qualcosa che non mi torna
            Non posso entrare in ulteriori dettagli che riguardano un accertamento giudiziario. Dalle carte risulterà chi ha agito correttamente e chi no. Rimane scoperto il solito fatto: ha senso che un dominio di una testata registrata finisca per regolamento nelle mani del primo che manda un FAX a mezzanotte e 2 centesimi di secondo?Per regolamento attuale del NIC si. Altre authority hanno regolamenti più sofisticati che prevedono la verifica di eventuali diritti maturati in precedenza tramite registrazione di marchi o di testate giornalistiche.Repubblica o il Giornale o Il Corriere non hanno diritto alla tutela del loro marchio?Se per qualche accidente uno dei predetti domini dovesse scadere, quello che emerge da questo forum è che è giusto che finisca nelle mani di chi fa speculazione su questa attività...Ma che senso ha?
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • Anonimo scrive:
            Re: C'e' qualcosa che non mi torna
            alla faccia della censura, i cinesi sono niente in confronto ai moderatori di PIora non si può usare neanche una classica parola milanese ..... che non ripeto ..... semai mi mandano l'fbi a casavery very funny
          • Anonimo scrive:
            Re: C'e' qualcosa che non mi torna
            Che senso ha?Il senso è che avendo il tempo a disposizione e fregandosene il messaggio che si dà è quello di non interesse.Se scadesse il dominio del corriere e non lo registrassero nei 3 mesi successivi cosa si deve fare? Lasciarlo a loro per sempre senza pagare? Questo significa che non ci sarebbe interesse a chi detiene il corriere ad avere un sito con tale nome. Allora ben venga un altro che ha interese invece ad averlo.Attenzione che questo è valido anche per i brevetti e se non si rinnovano si perde il diritto. Non vale una cosa del tipo "Sono stato il primo a registrarlo..." lo devi pure mantenere. Se poi ti sei tanto sbattuto per diffonderne il nome e alla fine te ne freghi, la colpa e tua!Eugenio
          • Anonimo scrive:
            Re: C'e' qualcosa che non mi torna
            Il dominio è stato cancellato il 1 Aprile, prima era in stato No-MNT.Informati
        • Anonimo scrive:
          Re: C'e' qualcosa che non mi torna
          - Scritto da: Anonimo
          Il punto è un altro: il regolamento di
          assegnazione dei domini non tutela i marchi e le
          realtà esistenti e si pone in conflitto con le
          leggi esistenti in materia. E' un problema
          talmente sentito, anche dal NIC, che ci hanno
          messo 4 giorni per assegnarlo, perchè si sono
          resi conto anche loro che qualcosa non andava.
          Se è stato finalmente assegnato è stato su nostra
          sollecitazione per potere agire in giudizio
          contro chi non ha titolo per detenere quel
          dominio.
          Se per qualsiasi ragione scade il marchio nike.it
          o fiat.it, questo non estingue i diritti in capo
          al titolare del marchio.
          La testata cellulari.it è registrata. Punto.
          Il problema è talmente sentito che a partire da
          Luglio il NIC MODIFICHERA' queste regole. Anche
          dopo la cancellazione del dominio, questo rimarrà
          ad ESCLUSIVA disposizione di chi lo aveva già
          registrato e degli aventi diritto su un marchio o
          una denominazione commerciale.
          Prima di insultare bisognerebbe essere certi di
          avere informazioni un po più approfondite.
          Cosa significa poi riassegnazione per via
          mediatica (?!) La riassegnazione sarà per via
          giudiziaria purtroppo, con tutti i tempi e le
          spese che ne conseguono. Vorrei ricordare ancora
          una volta che i "Regolamenti" devono ubbidire
          alle "Leggi" e queste alla "Costituzione". Non si
          può citare il regolamento del NIC come la bibbia.
          Se il regolamento del NIC, collide con dei
          diritti garantiti dalla legge (tutela dei marchi
          e anche la riservatezza delle cominucazioni
          addirittura garantita costituzionalmente)
          dovranno porre rimedio.
          Infatti da tutti i colloqui che abbiamo avuto con
          il NIC stesso, hanno ben chiara la situazione e
          si stanno muovendo, con i loro tempi, per
          modificare regolamenti che si prestano ad abusi
          di questo tipo.

          Giacomo GhisolfiSignor Ghisolfi, lasci perdere. Purtroppo in questo fora lei troverà sia persone che capiscono il caso e che in certo qualmodo si sente solidale nei suoi confronti, sia persone che, putroppo, scrivono solo per scrivere scaricando con gli insulti le frustrazione della vita quotidiana.La cosa peggiore è che quest'ultima categoria è quella di maggior numero.Molti di noi le siamo solidali in questa situazione tutta italiana; coloro che scrivono insultando non meritano risposta.Alessandro Del Piero (non il calciatore)
          • BiGAlex scrive:
            Re: C'e' qualcosa che non mi torna

            Signor Ghisolfi, lasci perdere. Purtroppo in
            questo fora lei troverà sia persone che capiscono
            il caso e che in certo qualmodo si sente solidale
            nei suoi confronti, sia persone che, putroppo,
            scrivono solo per scrivere scaricando con gli
            insulti le frustrazione della vita quotidiana.
            Io sono pienamente d'accordo con le persone che dicono che se non sei interessato al tuo dominio e lo lasci scadere (e lasci scadere anche i 3 mesi successivi per riacquistarlo) e qualcun'altro lo acquista sono affari tuoi.Ho anche io un dominio e so cosa significa curare un sito (per quanto piccolo il mio possa essere).Scusate, ma se non vi curate delle vostre cose e le lasciate in balia del vento, cosa pretendete?Penso che prima di prendersela con i "razziatori di nomi a dominio", dovreste prendervela con voi stessi, con i vostri ritardi, con la vostra leggerezza nell'affrontare la situazione e _POI_ con chi (senza aver commesso alcun reato!) ha acquistato il dominio... secondo le attuali regole voi non eravate più interessati a registrarlo nuovamente. Sarà superficialità, impreparazione al problema, disorganizzazione o quel che volete, ma il nic mica vi può conservare il dominio per sempre perchè vi chiamate cellulari.it? E perchè non dovrebbe conservare il mio che si chiama bigalex.it e sul quale vendo anche dei beni? Perchè non sono una società importante quanto voi? Perchè non mi faccio pubblicità come voi? O perchè non ho un bel logo come il vostro?Ma secondo voi se il sito non ve lo curate voi (o una società da voi incaricata), vi aspettate che lo faccia io o il nic? Ognuno badi alle proprie cose, e vivremo per sempre felici!!!Mha!Alessio Periloso
          • Anonimo scrive:
            Re: C'e' qualcosa che non mi torna
            SUl fatto che ognuno deve badare alle proprie cose, nessun dubbio.Infatti è stato fatto. L'errore è di altri.Sul fatto che questo estingua il diritto al proprio nome per darlo al primo della fila del NIC... vedremo chi ha ragione.Se scadesse per qualsiasi ragione il dominio repubblica.it, pensate di poterlo registrare ed utilizzare?Non c'entra nulla l'essere grandi con un logo contro questi piccoli Robin Hood/Seocom (che coraggio) che approfittano di situazioni come questa. Cellulari.it è una testata giornalistica, come Punto informatico, in cui lavorano diverse persone, Seocom ha soltanto intenzione di approfittare di questa situazione a suo vantaggio, appropriandosi del traffico costruito in 7 anni di attività e del nome di una testata giornalistica on-line.Grazie a dio esistono leggi che aiutano a dirimere situazioni come questa e la tutela viene data a chi ha costruito qualcosa, piuttosto che ai predatori o ai segaioli del regolamento del NIC.Ma qualcuno di quelli che scrivono su questo forum ha mai letto qualche altro regolamento o legge oltre il regolamento del NIC?Pare proprio di no
          • BiGAlex scrive:
            Re: C'e' qualcosa che non mi torna
            - Scritto da: Anonimo
            SUl fatto che ognuno deve badare alle proprie
            cose, nessun dubbio.
            Infatti è stato fatto. L'errore è di altri.Sarebbero? Il NIC? Per favore... il nic non può pensare a tutto lui!
            Sul fatto che questo estingua il diritto al
            proprio nome per darlo al primo della fila del
            NIC... vedremo chi ha ragione.Infatti! Ma soprattutto che nella registrazione del nome a dominio le regole del nic le avete accettate sottoscrivendo un contratto ;)
            Se scadesse per qualsiasi ragione il dominio
            repubblica.it, pensate di poterlo registrare ed
            utilizzare?Bhe, partendo dal presupposto che non scada perchè repubblica.it bada ai propri interessi, ai propri dipendenti ed a quanto ha costruito, la domanda non si porrebbe.In ogni caso, se scadesse, e scadesse anche il mese successivo, dimostrerebbe di non essere interessata alla ri-registrazione del dominio e quindi si, l'acquisterei e ci farei quel che mi pare. La pubblicità ed il traffico che sarà generato a causa del nome lo considererei una sorta di "eredità", essendo di fatto "morta" la vecchia società.
            Non c'entra nulla l'essere grandi con un logo
            contro questi piccoli Robin Hood/Seocom (che
            coraggio) che approfittano di situazioni come
            questa.
            Cellulari.it è una testata giornalistica, come
            Punto informatico, in cui lavorano diverse
            persone, Seocom ha soltanto intenzione di
            approfittare di questa situazione a suo
            vantaggio, appropriandosi del traffico costruito
            in 7 anni di attività e del nome di una testata
            giornalistica on-line.Che ha consentito a "dei robin-hood" di appropriarsi del suo dominio perchè non se n'è curata. Applauso.Se per questo qualcuno dovesse perdere il proprio posto di lavoro, certo non credo se la prenderà con seocom, ma con voi che vi siete disinteressati del vostro marchio, del bene della società e conseguentemente anche dei vostri dipendenti. Applauso.
            Grazie a dio esistono leggi che aiutano a
            dirimere situazioni come questa e la tutela viene
            data a chi ha costruito qualcosa, piuttosto che
            ai predatori o ai segaioli del regolamento del
            NIC.

            Ma qualcuno di quelli che scrivono su questo
            forum ha mai letto qualche altro regolamento o
            legge oltre il regolamento del NIC?Certo, e ti ricordo che il contratto di accettazione delle clausole del nic l'hai letto e firmato.Secondo le regole del nic, indipendentemente da quanto puoi essere importante, se ti scade il contratto, ti danno un altro mese per poterlo rinnovare. Non facendolo, rendi disponibile il dominio a chiunque altro.Lo sapevi perchè hai letto e firmato anche questa clausola. Ora non ti sta bene. Scusa ma che pretendi, che cambino le regole per te?O forse non hai letto il contratto e l'hai firmato?Le regole vanno rispettate, che tu sia cellulari.it, bigalex.it, microsoft.com, repubblica.it o chiunque altro. Se il mio dominio dovesse scadere per un motivo o per un altro e non lo rinnovassi, so bene che non mi resterebbe altro che prendermi a schiaffi da solo perchè sono un idiota.Stesso dovreste fare... anzi, probabilmente no, perchè seocom probabilmente vi restituirà il dominio dietro compenso, quindi potrete riaverlo.Che dire più? Imparate dai vostri errori!Ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: C'e' qualcosa che non mi torna
      analisi perfetta!aggiungo che potrebbe anche essere che il NIC non ha inviato la mail al b-MNT (a me è successo!) o l'ha inviata ad un MNT con il nome simile (che avrà detto: 'bo? e questi chi sono??') (a me è successo pure questo!).in ogni caso il b-MNT poteva sicuramente controllare la situazione del dominio su RAIN (sarebbe Registrar Advanced INterface, via web, riservata ai MNT..)salutisandro
  • Anonimo scrive:
    C'e' qualcosa che non mi torna
    Vediamo di chiarire come funziona le procedure di cambio mantainer.Da quello che si capisce dall'articolo, cellulari.it stava cambiando mantainer per cui ha mandato il fax del cambio dal mnt-a al mnt-b. Questo fax e' risultato illegibile, probabilmente il mnt-a non ha pagato il rinnovo. E fin qui ok.Ma il fatto e' che il trasferimento tra il mnt-a e il mnt-b non si riduce al solo invio del fax.Il nuovo mantainer deve mandare il modulo elettronico in cui indica i nuovi dns server per il dominio in questione.In questo caso, non essendoci di mezzo un documento di cambio mantainer, il nic avra' notificato al mnt-b che lui non era autorizzato a operare sul dominio cellulari.it in quanto in carico al mnt-a.Per cui non e' solo un fax perso e una mail di fax illegibile che e' andata persa ma anche questo mail in cui il nic comunica al mnt-b che lui non e' il mnt per cellulari.it? Che e' un fatto molto strano in quanto al mnt viene sempre notificato se un modulo elettronico e' stato accettato o respinto per qualche motivo.Inoltre se il mnt-a comunica al nic di non gestire piu' il dominio e dall'admin del dominio non giunge comunicazione di cambio mantainer il domino viene messo in NO-PROVIDER-MNT, e solo dopo tre mesi dalla data di messa in stato di NO-PROVIDER-MNT, qualora l'assegnatario non abbia provveduto ad effettuare il cambio provider/maintainer, si effettua la cancellazione del dominio.infatti come si evince da una ricerca su nic.it, il domino e' "morto" il 2006-01-27 ed e' stato registrato di nuovo il 2006-04-11.Quindi potremmo anche dire che quelli di cellulari.it hanno dormito per tre mesi e non e' una cosa successa da un giorno all'altro come l'articolo vuole fare credere.Per cui, o qualcosa nell'articolo e' omessa, o c'e' qualcosa che non mi torna.
  • Anonimo scrive:
    dalle nostre parti...
    dalle nostre parti si dice che siano stati un po' dei "pirla" :| a voi capire a chi ci si stia riferendo...
  • giucar scrive:
    Mettiamo in puntini sulle " i " ??
    Giusto per identificare meglio il problema, credo da operatore del settore, che la colpa di tutta questa vicendastia quasi per intero sul Mantainer (MNT) che ha operato il cambio per conto di cellulari.itIn effetti la "burocrazia" italiana, chiede che sia una entita' (MNT) ad interfacciarsi con il NIC.MNT che il proprietario del dominio paga "anche profumatamente" per risovergli i problemi.Se il fax non si legge il NIC manda email a questa entita'.Se i tizi del MNT non leggono i messaggi (che sono in doppia lingua) o ancora peggio NON si interessano di controllare l'andamento del cambio di un dominio cosi' importante .....beh... con mio grosso dispiacere e' meglio che facciano altro e che cellulari.it chieda subito i danni a questi signori.Da anni che opero con il NIC non ho mai avuto problemi del genere, ed anche i disservizi sono stati ben gestiti.Saluti ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??
      Che il maintainer venga pagato "anche profumatamente per risolvere i problemi" mi sembra un'affermazione azzardata.La maggioranza dei maintainer vende il dominio sotto i 15 euro con un margine lordo (sottolineo lordo) di 10 euro.Se la gestione della pratica da un punto di vista tecnico ed amministrativo dura più di pochi minuti si è in perdita.Qualsiasi consulente qualificato ha tariffe orarie a partire da 50 euro euro / h (persino i meccanici chiedono cifre vicine ai 50 euro / h).Chi PRETENDE assistenza e consulenza deve essere disposto a pagarla.Le aziende non sono onlus finanziate dallo Stato, dall'UE o dalle Fondazioni, ma devono avere un utile per tirare avanti.Detto questo sono perfettamente d'accordo sul fatto che molti maintainer lavorino male e questo non è accettabile!Però bisogna anche essere intellettualmente onesti e dire che il mercato italiano continua a premiare maintainer truffaldini che offrono servizi scadenti e nessuna assistenza. Perchè? perchè costano meno.Bisogna anche capire che pagando 10 euro non si può avere a disposizione un ingegnere informatico con esperienza decennale per colmare le proprie lacune!(Sul "NIC" stendo un velo pietoso e non continuo la discussione).Spero che questo non alimenti polemiche ma che serva come spunto di riflessione ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??
        - Scritto da: Anonimo [megaflame]
        (Sul "NIC" stendo un velo pietoso e non continuo
        la discussione).

        Spero che questo non alimenti polemiche ma che
        serva come spunto di riflessione ...eccezionale :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??
      - Scritto da: giucar
      Giusto per identificare meglio il problema, credo
      da operatore del settore, che la colpa di tutta
      questa vicenda
      stia quasi per intero sul Mantainer (MNT) che ha
      operato il cambio per conto di cellulari.itSi ma perche' Cellulari.it o chiunque altro non puo' avere un contatto diretto con il NIC? Cioe' se tu mandi fax a me io rispondo a te che non e' leggibile no?
      • Anonimo scrive:
        Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??
        Basterebbe aggiungere una comunicazione elettronica ANCHE al titolare del dominio...Non sembra gran fatica con i DB che hanno...Ma non sta nella procedura...e a quanto sembra ci sono molti zeloti felici di questo regolamento.Giacomo Ghisolfi
        • Anonimo scrive:
          Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??
          - Scritto da: Anonimo
          Basterebbe aggiungere una comunicazione
          elettronica ANCHE al titolare del dominio...
          Non sembra gran fatica con i DB che hanno...
          Ma non sta nella procedura...e a quanto sembra ci
          sono molti zeloti felici di questo regolamento.

          Giacomo GhisolfiPalle, ti mandano anche una raccomandata casa avvisandoti della scadenza. Contadino.Annisto Annibale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??
            Contadino sei tu, caro Annibale.La raccomandata la abbiamo ricevuta e abbiamo spedito tutto per tempo.Purtroppo c' è in giro gente superficiale come te che non riesce a capirlo.E che ancora adesso NON riesce a capire il punto della questione.
      • Mijato scrive:
        Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??

        Si ma perche' Cellulari.it o chiunque altro non
        puo' avere un contatto diretto con il NIC? Cioe'
        se tu mandi fax a me io rispondo a te che non e'
        leggibile no?Certo che può, basta che diventi maintainer di se stesso (ENT).Paghi MOLTO di più che a registrare il dominio dal maintainer, devei avere le infrastrutture tecniche e la preparazione per gestirlo ma poi non HAI PIU' INTERMEDIARI di mezzo tra te e i NIC.Solo in Italia si pretende di basare un business milionario su una società che fornisce un servizio da 7 euro (fossero pure 20 o 50!!)... e con questo ho detto tutto. Sono improvvisati.Visto che cellulari.it ha 11 dipendenti, sicuramente ha uno o due server e tanta banda, bastava che diventasse ENT ed avrebbe evitato tutti i problemi.Metteva su un piccolo DNS primario (l'altro lo offre il NIC), si prendeva un buon tecnico del DNS per gestirlo (che probabilmente ha già in casa) e si pagava i suoi 250 euro all'anno... come fanno molte società SERIE.Gli sta bene, secondo me. Per i bischeri non c'è paradiso.
        • Anonimo scrive:
          Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??
          - Scritto da: Mijato

          Certo che può, basta che diventi maintainer di se
          stesso (ENT).

          Paghi MOLTO di più che a registrare il dominio
          dal maintainer, devei avere le infrastrutture
          tecniche e la preparazione per gestirlo ma poi
          non HAI PIU' INTERMEDIARI di mezzo tra te e i
          NIC.Ho un' azienda, che non si occupa di informatica, mi interessa questo discorso, anche solo da un punto di vista "culturale".Mi sapresti indicare dove posso trovare documentazione che spieghi come si fa?Mi sembra che tu sia molto ferrato in materia, io non saprei nemmeno cosa cercare.
          • Mijato scrive:
            Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??
            Certamente, leggi qui:http://www.nic.it/RA/reg-pm/NuoviContratti.html
          • Anonimo scrive:
            Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??
            - Scritto da: Mijato
            Certamente, leggi qui:

            http://www.nic.it/RA/reg-pm/NuoviContratti.htmlGrazie delle informazioni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??
          Per i bischeri non c' è il paradiso?Vergognati, e ricorda che ride bene...
        • Anonimo scrive:
          Re: Mettiamo in puntini sulle " i " ??
          Bischero sei tu, e anche un poco ottuso.Ti ho già detto che non abbiamo un attività milionaria e che siamo una testata giornalistica.Per te che sei un tecnocrate che ha anche seduto sulle auguste poltrone della RA, è difficile capire la differenza tra una testata giornalistica e un affare milionario.Noi, come già scritto, deleghiamo qualcuno per occuparsi della questione. Lo hanno fatto male, ne risponderanno.La soluzione che proponi è astuta come quella di suggerire di comprare un Hangar a uno che usa l'aereo una volta all'anno...Devi smetterla di sfottere, visto soprattutto i grandi esiti dei regolamenti che, come hai scritto, anche tu hai contribuito a creare.
  • xuneel scrive:
    per comunicare il cambio di mantainer???

    per comunicare al NIC il cambio di mantainer, ossia dell?azienda che si interfaccia con il NIC per ?manutenere? i domini dei propri clienti.Scusate, ma che cavolo significa?Non me ne intendo di domini .it, ma so che se voglio cambiare i dati del WHOIS, ovvero il contatto tecnico il contatto amministrativo ecc. basta contattare il registrar e chiedergli di cambiare i dati (ad es. cambio d'indirizzo ecc.) oppure, i registrar più decenti possiedono un pannello d'amministrazione, dov'é possibile effettuare i cambiamenti autonomamente.Qui si parla di rinnovo del dominio. Per i .com so che bisogna rinnovarlo prima che scada, altrimenti il dominio si "libera" alla mercé di tutti.Cellulari.it dovrebbe aver spedito che so, un fax per comunicare di voler tenere il dominio. Oppure dovrebbe aver pagato il classico rinnovo del dominio.A mio avviso l'incompetenza non è del NIC ma di cellulari.it, che avrebbe dovuto pagare il rinnovo per qualche anno in più, onde evitare di scordarsi di perdere il dominio.I webmaster che hanno un sito commerciale, spesso rinnovano il dominio per 10 anni e magari lo rinnovano qualche mese prima che scada di nuovo.Chi non cura questi dettagli è destinato a perdere il proprio dominio.Comunque sia qualcuno p.f. mi spieghi perchè mai 'sto fax ha fatto perdere il dominio. Non è tanto il fax ma credo che sia stato perso perchè non è stato pagato il rinnovo. Se cellulari.it avesse pagato fino al 2010 probabilmente il fax per cambiare qualche dettaglio tecnico non sarebbe stato così fondamentale per la conservazione del dominio. No?Vabbhé, cmq sia mi dispiace lo stesso, è una seccatura e posso capire lo stato d'animo dei responsabili di cellulari.it, ma avrebbero dovuto prendere più sul serio le cose.Non sono gli altri a venire da te ad avvisdarti, ma sei tu che devi preoccuparti che tutto vada bene, soprattutto quando i NIC sono inefficienti.Quando le cose sono efficienti allora sì, si può stare tranquilli e affidare la propria sorte all'efficienza del servizio.Buona fortuna.
    • Anonimo scrive:
      Re: per comunicare il cambio di mantaine
      Le cose non sono proprio così.I "registrant" , per il .IT sono i "Maintainers" che si interfacciano col NIC.La gestione "contabile" dei .IT è un po' diversa dai .com. Il NIC fattura ogni tre mesi il maintainer, che a sua volta fatturerà il cliente finale, proprio come fra aziende, ne più ne meno.Sul fatto poi che se non pago i .com ritorna dopo un periodo più o menol ungo disponibile, per i.IT il dominio lo perdo solo se me ne voglio volontariamente sbarazzare scrivendo un fax al nic e dichiarando la mia intenzione.Quindi a meno di disattenzioni che lo lascino "scoperto" è praticamente impossibile perderlo.
    • Anonimo scrive:
      Re: per comunicare il cambio di mantaine
      - Scritto da: xuneel

      per comunicare al NIC il cambio di mantainer,
      ossia dell?azienda che si interfaccia con il NIC
      per ?manutenere? i domini dei propri clienti.

      Scusate, ma che cavolo significa?

      Non me ne intendo di domini .it, ma so che se
      voglio cambiare i dati del WHOIS, ovvero il
      contatto tecnico il contatto amministrativo ecc.
      basta contattare il registrar e chiedergli di
      cambiare i dati (ad es. cambio d'indirizzo ecc.)
      oppure, i registrar più decenti possiedono un
      pannello d'amministrazione, dov'é possibile
      effettuare i cambiamenti autonomamente.ciao!io ho un problema simile, ovvero ho un pool di IP fissi che corrispondono semplicemente alla connessione adsl fatta con il mio ISP (telecozz) mi è successo di notare che facendo un whois presso il RIPE i dati erano errati (numeri di telefono errati, nomi di persone sbagliate... ecc) ma SOPRATTUTTO che dopo un cambio di IP , risultava ancora il MIO nome su un vecchio set di indirizzi.sorpresa sorpresa: dopo un po' di tempo mi arriva dello SPAM dal mio stesso dominio (apparentemente). faccio i miei bravi controlli negli headers e scopro che non proviene dai nostri IP ... guardo di chi sono... e scopro che sono i nostri vecchi indirizzi!cerco i dati di chi li ha ora... E SONO IO!ma io non ho più quegli indirizzi!!!!!!ho chiamato telecozz, ho esposto il problema e non sapevano che farci... ed il tipo di assistenza era MOLTO PIU' "cool" di quello del 191 (mica 187) ... alla faccia....che posso fare?
      • Mijato scrive:
        Re: per comunicare il cambio di mantaine

        ciao!
        io ho un problema simile, ovvero ho un pool di IP
        fissi che corrispondono semplicemente alla
        connessione adsl fatta con il mio ISP (telecozz) ?????????
        che posso fare?Scrivere O/T davanti al messaggio e studiare...
  • Giambo scrive:
    Whois dice che:
    giambo@phobos:~
    whois cellulari.it*************************************************** Please note that any results obtained are a ** subgroup of the data contained in the database ** ** The full objects' data can be visualised at: ** http://www.nic.it/RA/database/index.html ***************************************************domain: cellulari.itorg: Seocom S.r.l.admin-c: ST2158-ITNICtech-c: ST2158-ITNICpostmaster: ST2158-ITNICzone-c: ST2158-ITNICnserver: 70.86.151.218 ns1.notthelastone.comnserver: 70.86.151.219 ns2.notthelastone.comremarks: Fully Managedremarks: Valore contestato / challenged value (12-04-2006)mnt-by: PWS-MNTcreated: 20060411expire: 20070411source: IT-NICperson: Salvatore Traniaddress: SeoCom S.r.l.address: Corso di Porta Romana 87/201address: 20122 Milano (MI) - Italynic-hdl: ST2158-ITNICsource: IT-NIC"Valore contestato" ?Salvatore Trani risulta pure sotto seocom.it ... Boh ?
    • Mijato scrive:
      Re: Whois dice che:
      Il flag "valore contestato / challenged value" significa che è aperta una contetstazione del nome a dominio da parte del vecchio assegnatario (cellulari.it o la società che lo gestiva) verso il nuovo intestatario (Seecom), cosa che si fa mandando una raccomandata alla RA, per poi - successivamente - aprire una procedura di riassegnazione o una procedura arbitrale.Tra l'altro, l'articolo riporta alcune imprecisioni perche parla impropriamente di "procedura di ri-assegnazione" per il semplice cambio di proprietà, mentre chiama "procedura di contestazione" la vera procedura di riassegnazione, che altro non è che una specie di giudizio con cui si stabilisce se un assegnatario ha o meno diritto ad un nome a dominio. La procedura è operata da operatori esterni alla RA, seppur accreditati, detti Enti Conduttori (... della procedura di riassegnazione) ed è a pagamento (onere del richiedente la procedura).
    • FuSioN scrive:
      Re: Whois dice che:
      Quelli di Seocom sono delle grandissime teste di m...E si, che mi denuncino pure per diffamazione.. non me ne frega niente.Hanno fatto LO STESSO con un forum di una community italiana (chiamato OMFG, non so se qualcuno lo conosce...)avevamo il dominio www.omfg.it, e con un "trucchetto" e raggiro del genere, il dominio è stato perso e ora acquistato da questo caro signore della Seocom che ci ha messo un circuito pubblicitario/spammingOra ci siamo spostati su un dominio con un TLD diverso, ma è chiaro il danno di immagine che provoca una cosa del genere.Questa gente è la ***rovina*** di internet.Andrebbero eliminati a vista, e negato loro qualsiasi tipo di accesso a internet.Sono dei criminali.E non ci si può fare nulla, non si hanno carte da giocare, non ci si può lamentare.Bisogna solo stare zitti e guardare come al NIC, che queste cose dovrebbe risolverle e difendere, non glie ne freghi sostanzialmente nulla.. basta che si paghi, no?Il sistema di registrazione/gestione dei domini .IT è uno dei peggiori al mondo.. ma del resto, italia style.Triste.
      • Anonimo scrive:
        Re: Whois dice che:
        - Scritto da: FuSioN
        Quelli di Seocom sono delle grandissime teste di
        m...
        E si, che mi denuncino pure per diffamazione..
        non me ne frega niente.

        Hanno fatto LO STESSO con un forum di una
        community italiana (chiamato OMFG, non so se
        qualcuno lo conosce...)

        avevamo il dominio www.omfg.it, e con un
        "trucchetto" e raggiro del genere, il dominio è
        stato perso e ora acquistato da questo caro
        signore della Seocom che ci ha messo un circuito
        pubblicitario/spamming
        Ora ci siamo spostati su un dominio con un TLD
        diverso, ma è chiaro il danno di immagine che
        provoca una cosa del genere.

        Questa gente è la ***rovina*** di internet.
        Andrebbero eliminati a vista, e negato loro
        qualsiasi tipo di accesso a internet.
        Sono dei criminali.
        E non ci si può fare nulla, non si hanno carte da
        giocare, non ci si può lamentare.

        Bisogna solo stare zitti e guardare come al NIC,
        che queste cose dovrebbe risolverle e difendere,
        non glie ne freghi sostanzialmente nulla.. basta
        che si paghi, no?

        Il sistema di registrazione/gestione dei domini
        .IT è uno dei peggiori al mondo.. ma del resto,
        italia style.
        Triste.Sono il Direttore di Seocom, Lei è già denunciato.
        • Anonimo scrive:
          Re: Whois dice che:
          Penso che il problema non sia delle persone che investono il loro tempo e denaro in questo mercato, ma delle persone come voi, invidiose di qualiasi cosa..questo è l'italian style.Pensate che seocom ha amici nel nic solo perchè registra i domini migliori? Non credete che forse hanno solo sviluppatto un'infrastruttura che gli permete di farlo meglio di voi altri?Per registrare un dominio servono due cose; previsione della scadenza e invio massiccio di fax...seocom è riuscita a fare ciò, semplicemente..Saluti,Andrea
    • Anonimo scrive:
      Salvatore Trani = amici nel Nic
      L'amico Salvatore Trani probabilmente ha delle care amicizie all'interno del Nic Italia che gli permettono di portarsi a casa tutti i domini piu' forti.Tanto all'amico che lavora al Nic basta dire che il fax e' illeggibile e.... l'unico leggibile (guarda caso) e' quello di Seocom srl.Evviva l'Italia , evviva il Nic !
  • Anlan scrive:
    Gli errori non sono del Nic
    Come fatto notare da qualcuno è impensabile che chi ha fatto del proprio dominio un lavoro non se ne occupi quotidianamente per vedere se è tutto a posto.Inoltre la mail di risposta del Nic (come erroneamente indicato nell'articolo) non avrebbe dovuto arrivare al proprietario del dominio bensì al mantainer cessato: questa, eventualmente, è l'unica anomalia perchè in caso di "sostituzione del mantainer" è verosimile che ci siano "beghe" in corso.Il servizio telefonico del Nic, poi, è uno dei più gentili e solerti che conosco. Basta una telefonata: ti allunga la vita.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli errori non sono del Nic
      Esatto.Il proprietario del dominio in trasferimento e' tenuto a controllare periodicamente lo stato del trasferimento su www.nic.it/mod/StatoReg/index.cgiSe non lo fa, peggio per lui.E se addirittura si disinteressa per 3 mesi consecutivi, si puo' dire che se lo e' meritato... vedi http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1425796&tid=1425796&p=1
    • opazz scrive:
      Re: Gli errori non sono del Nic
      Concordo ogni singola tua parola, aggiungerei che chi ha interesse del proprio dominio, può tramite uno strumento whois verificare lo stato del medesimo, praticamente ogni minuto..
      • Anlan scrive:
        Re: Gli errori non sono del Nic
        Aggiungo anche un'altra cosa in riferimento a questo "infelice" passaggio dell'articolo."E tutto questo non mette forse a rischio la libertà di stampa? E, ancora, visto che le email indirizzate alla redazione di Cellulari.it potrebbero ora finire in mano a terzi che nulla hanno a che vedere con la testata, come si risolvono i problemi di privacy che ne conseguono?"Le norme sulla privacy ed il conseguente (nonchè necessario) DPS sanciscono e richiedono che il gestore dei dati faccia ogni cosa in suo potere per proteggere la privacy dei propri corrispondenti.La redazione di Cellulari.it lo ha fatto ? Secondo me no: se ne sono sbattuti le palle alla grande. A termini di legge sarebbero anche passibili di qualche sanzione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Gli errori non sono del Nic
          - Scritto da: Anlan
          Aggiungo anche un'altra cosa in riferimento a
          questo "infelice" passaggio dell'articolo.

          "E tutto questo non mette forse a rischio la
          libertà di stampa? E, ancora, visto che le emailgia', ma ce lo vedi il dominio televisivo tipo rete4 che finisce sotto controllo di uno di rifondazione? non e' la stessa cosa?ps: @Anlan, tutto cio' che si puo' fare con Linux non si puo' fare con winz allo stesso modo. winz non lo puoi aprire, se a te sembra poco ...
        • Anonimo scrive:
          Re: Gli errori non sono del Nic
          Ma come ti permetti di dire che ce ne siamo sbattuti alla grande?? Cosa conosci dei fatti?Come fai a fare insinuazioni sulla base di un rendiconto giornalistico?Le mail dei nostri database non c'entrano nulla con questa vicenda, e per quanto riguarda coloro che ci scrivono è forse colpa nostra se a causa di un regolamento che non tutela diritti garantiti dalla legge, questo è stato assegnato al primo che si presenta in fila?Anche se questo può dare l'orgasmo a qualche fanatico dei regolamenti e delle procedure del NIC (talmente bacate che le stanno riscrivendo loro stessi), comunque viola diritti garantiti per legge.Ma questo non interessa, molto più semplice dare dei coglioni e finirla li...Giacomo Ghisolfi
          • Mijato scrive:
            Re: Gli errori non sono del Nic
            Ghisolfi, visto che sei qui dicci tutto: come stanno le cose?A chi hai dato incarico di registrare il dominio? A un "macinatore" di domini o a chi? Perchè non te la prendi con chi ti doveva avvisare (il MNT entrante)?Poi, non potevate diventare ENT e gestirvelo da voi?Ragazzi, fate su un business milionario su un qualcosa che dimostrate di non conoscere (i regolamenti dei DN) e poi vi lamentante se vi danno di bischero?O peggio, ve la prendete col fax, che è l'ultimo responsabile. Queste sono le regole, per voi e per solo un milioncino di altri assegnatari.A proposito, mi auguro che tu sappia che del dominio sei solo "assegnatario" e non "proprietario". E comunque uno di quei "fanatici delle regole" si chiama Luca Sambucci e ti sta salvando il culo prestandoti cellulari.com==================================Modificato dall'autore il 13/04/2006 16.44.28
          • Anonimo scrive:
            Re: Gli errori non sono del Nic
            Noi non facciamo un attività milionaria sui dominii, per questo non siamo esperti come i tanti Cyber sqotter che si sono inutilmente avventati.Fare noi i mantainer? Ma se siamo una testata giornalistica? Non è la nostra attività.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gli errori non sono del Nic
            Si so che del dominio sono assegnatario e non proprietario.Quello che dico è che il dominio ora ha un assegnatario illegittimo. Questo è palese, anche se si attiene alle regole del NIC.Facciamo un esempio: se un dipendente in malafede con dolo fa scadere un dominio non completando le procedure correttamente e poi avvisa il cugino di registrarselo (sempre secondo le regole del NIC) questo è corretto?Non è il nostro caso, ma almeno questo si presta di meno alle ironie sul letargo invernale.Quindi i regolamenti vanno aggiornati...
          • Anonimo scrive:
            Re: Gli errori non sono del Nic

            Si so che del dominio sono assegnatario e non
            proprietario.
            Quello che dico è che il dominio ora ha un
            assegnatario illegittimo. Questo è palese, anche
            se si attiene alle regole del NIC.
            Facciamo un esempio: se un dipendente in malafede
            con dolo fa scadere un dominio non completando le
            procedure correttamente e poi avvisa il cugino di
            registrarselo (sempre secondo le regole del NIC)
            questo è corretto?
            Non è il nostro caso, ma almeno questo si presta
            di meno alle ironie sul letargo invernale.

            Quindi i regolamenti vanno aggiornati...Un'azienda che affida a un qualsiasi dipendente la gestione di un prezioso dominio???Ma vogliamo scherzare?Se facesse un errore simile non meriterebbe nemmeno di definirsi "azienda".Nel database di ogni dominio appare il nome di un responsabile... che deve occuparsi personalmente del dominio!!!I regolamenti (per chi li conosce) funzionano bene.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gli errori non sono del Nic
            Che incompetente che sei...
          • Anlan scrive:
            Re: Gli errori non sono del Nic
            - Scritto da: Anonimo
            Ma come ti permetti di dire che ce ne siamo
            sbattuti alla grande?? Cosa conosci dei fatti?
            Come fai a fare insinuazioni sulla base di un
            rendiconto giornalistico?
            Non faccio insinuazioni. Faccio commenti pubblici ad un articolo pubblico. Capisco che vi roda ma avete gestito la questione con grande leggerezza (sbattuti alla grande).I tempi di invio della lettera ed il mancato controllo se il trasferimento ad altro mantainer era andato a buon fine non vi mettono certo nella situazione di poter dire : "siamo stati fregati".
            Le mail dei nostri database non c'entrano nulla
            con questa vicenda, e per quanto riguarda coloro
            che ci scrivono è forse colpa nostra se a causaC'entrano c'entrano : adesso il mantainer del dominio ed il suo registrante ci mettono 5 minuti a creare un nuovo MX con un bel catch-all di tutta la posta inviata a cellulari.it e ... ciao ciao ad eventuali dati o comunicazioni riservate.
            di un regolamento che non tutela diritti
            garantiti dalla legge, questo è stato assegnato
            al primo che si presenta in fila?Ma quali diritti ? La regola del primo che arriva meglio alloggia è derogata solo dalla tutela di marchi registrati. Sul primo punto non c'è dubbio che da soli siete passati in fondo alla lista e sul secondo a meno che non abbiate depositato il marchio "cellulari" (oppure qualcuno di voi si chiami Mario Cellulari) dubito fortemente che possiate recriminare alcunchè.
            Anche se questo può dare l'orgasmo a qualche
            fanatico dei regolamenti e delle procedure del
            NIC (talmente bacate che le stanno riscrivendo
            loro stessi), comunque viola diritti garantiti
            per legge.Ditto : non hai alcun diritto se non osservi le regole.
            Ma questo non interessa, molto più semplice dare
            dei coglioni e finirla li...Purtroppo si : avete commesso un errore e ne pagate le conseguenze. Invece di lamentarvi tentate un accordo con il registrant attuale perchè altrimenti la vostra iniziativa rischia di sprofondare.
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • Anlan scrive:
            Re: Gli Errori non sono del NIC
            Staremo a vedere-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 maggio 2006 23.57-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli errori non sono del Nic

      Come fatto notare da qualcuno è impensabile che
      chi ha fatto del proprio dominio un lavoro non se
      ne occupi quotidianamente per vedere se è tutto a
      posto.Quotidianamente????Non mi pare che sia in discussione il nic semmai le regoleps. quotidianamente????
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli errori non sono del Nic
      Ma hai mai mandato un fax al nic?Sono gli unici che li perdono o li trovano illegibili!!!!Alla larga 8(
  • bit01 scrive:
    La contropartita
    In internet, quando capita qualcosa di questo tipo che oscura l'immagine virtuale che una socità si era data, incredibilmente la stessa acquisisce nel giro di poco tempo ancora più pubblicità e visibilità. E' un paradosso ma dal caso di cellulari.it se ne possono scrivere di cose. Io che non sono un frequentatore del sito mai e poi mai mi sarei accorto dell'accaduto. Stamattina e nei prossimi giorni, incuriosito dalla notizia penso lo frequenterò più spesso per sapere come andrà a finire.Non gli rimane altro che pensare come rigirare questo inconveniente a loro favore.________________________http://bit01.wordpress.com
  • Anonimo scrive:
    E' colpa di Berlusconi!
    In 5 anni non ha saputo modernizzare il nostro paese! Meno male che c'è Prodi, ora si tornerà alle raccomandate con ricevuta di A/R.
  • Anonimo scrive:
    una lettera
    minchium ragazzi.....una lettera, una telefonata...allunga la vita.... bel modo di curarsi i clienti...per cose così delicate ci vuole un telegramma/posta prioritaria/telefonata!!!non mi pare così difficile.Counque finisca la causa legale spero che la giuria tenga conto della non curanza da parte di NIC.pietoso arrivare a perdere posto di lavoro, soldi, sforzi, per un misero fax. by incazzato
    • Anonimo scrive:
      una lettera? un romanzo!

      minchium ragazzi.....una lettera, una
      telefonata...allunga la vita.... bel modo di
      curarsi i clienti...
      per cose così delicate ci vuole un
      telegramma/posta prioritaria/telefonata!!!
      non mi pare così difficile.
      Counque finisca la causa legale spero che la
      giuria tenga conto della non curanza da parte di
      NIC.
      pietoso arrivare a perdere posto di lavoro,
      soldi, sforzi, per un misero fax.
      by incazzatoIn realta' non e' stato per un "misero fax". La storia e' diversa da come l'hanno raccontata...Capitolo 1 - Il provider precedente e' fallito (nel 2005, probalmente)Capitolo 2 - Il dominio e' scaduto a gennaio 2006 e il NIC ha mandato *una raccomandata* al proprietario del dominio dicendogli che era stato messo in stato NO-PROVIDER e aveva tempo tre mesi per trovarsi un altro provider.Capitolo 3 - Il gestore di cellulari.it, conscio dell'importanza del sito, ... ha dormito fino a meta' marzo!Capitolo 4 - Svegliatosi dal letargo invernale, il gestore di cellulari.it si e' ingegnato per proteggere il suo importante sito e ha scelto ... uno dei provider piu' economici sul mercato!Capitolo 5 - Il provider economico scelto e' economico perche' le pratiche non le fa lui, ma le lascia fare al cliente - quindi il cliente ha iniziato da solo la procedura mandando al NIC il fax al posto del provider.Capitolo 6 - Il cliente, conscio che il dominio cellulari.it era importantissimo, non ha ovviamente verificato che il fax fosse arrivato (se avesse guardato lo "stato registrazioni" nel sito del NIC, avrebbe scoperto subito che il fax non risultava ricevuto)Capitolo 7 - Il cliente non si e' preoccupato neppure di chiedere al provider scelto se tutto era andato bene prima della scadenza, tanto il dominio era cosi' importante che a nessun altro sarebbe venuto in mente di registrarlo ...Finale a sorpresa - Il giorno della scadenza si scatena una guerra all'ultimo sangue tra i provider-accattoni per accaparrarsi il dominio, e vince PWS-MNT - tutti i dettagli della battaglia su http://www.nic.it/mod/StatoReg/index.cgi?lang=it&dominio=cellulari.it ...Epilogo - L'ormai ex proprietario del sito, invece di darsi del coglione, decide di atteggiarsi a vittima per farsi un minimo di pubblicita'. E urla la sua ira contro ... l'unico che non c'entra nulla in questa storia, il NIC italiano.
      • Anonimo scrive:
        Re: una lettera? un romanzo!
        Ecco un altro che non si firma, l'EX proprietario del sito in questione sono io. Non ho dormito fino a metà marzo come scrivi. Era in corso il trasferimento ad una società che doveva ancora essere costituita prima di quella data.Capisco che l'invidia per chi sa fare solo post anonimi sia grande, ma il punto della questione è che il dominio www.cellulari.it NON può essere ceduto a chi non ne è il legittimo detentore del marchio...tutto qui.Sono stufo di sentire i commenti dei segaioli del regolamento del NIC, quelli tanto bravi e tanto svegli e professionali che passano le giornate a consultare il Whois del NIC invece che a lavorare.Per quanto riguarda la pubblicità, vista la solidarietà che c' è per aziende che non fanno altro che fare cyber-sqotting, non c' è che da rallegrarsi.Giacomo Ghisolfi
  • Anonimo scrive:
    Ben gli sta!
    Se hanno affidato ad un fax illeggibile le sorti del proprio dominio, se hanno mancato di verificare che fosse andato a buon fine, e non per giorni ma per mesi.... ben gli sta'.Se se ne sono freagati del dominio... allora non era poi cosi' importante!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ben gli sta!
      - Scritto da: Anonimo
      Se hanno affidato ad un fax illeggibile le sorti
      del proprio dominio, se hanno mancato di
      verificare che fosse andato a buon fine, e non
      per giorni ma per mesi.... ben gli sta'.Connetti il cervello prima di aprire bocca ed impara a leggere.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ben gli sta!
        Sono d'accordo anch'io su cio' che ha detto.Io come mezzo di lavoro ho l'auto e me ne prendo piu' cura.- Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Se hanno affidato ad un fax illeggibile le sorti

        del proprio dominio, se hanno mancato di

        verificare che fosse andato a buon fine, e non

        per giorni ma per mesi.... ben gli sta'.

        Connetti il cervello prima di aprire bocca ed
        impara a leggere.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ben gli sta!
          Inoltre non e' che oggi ho spedito il fax e domani perdo il dominio.Oggi spedisco il fax. Per tre mesi sia quelli di cellulari.it sia il nuovo mantainer se ne fregano se qualcosa e' andato storto e poi si lamentano di aver perso il dominio.Anch'io sono uno che l'asticella dell'olio la controlla spesso....
  • Anonimo scrive:
    Non è la prima volta...
    Anche mio cugino che ha un negozio di computer con sito annesso (www.ecomputer.it),è stato vittima dello stesso scherzo. Ha preso il dominio da Tuonome.it e con la scusa del fax mai arrivato, glie l'hanno cancellato. 1 giorno dopo guarda caso è stato rivenduto ad un altro che ha chiesto 3000 euro a mio cugino per riaverlo. Secondo me è una strategia che fanno con i domini trafficati. Sarebbero da denunciare tutti!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è la prima volta...
      ì
      Anche mio cugino che ha un negozio di computer
      con sito annesso (www.ecomputer.it),è stato
      vittima dello stesso scherzo. Ha preso il dominio
      da Tuonome.it e con la scusa del fax mai
      arrivato, glie l'hanno cancellato. 1 giorno dopo
      guarda caso è stato rivenduto ad un altro che ha
      chiesto 3000 euro a mio cugino per riaverlo.Chi e' causa del suo mal, pianga se' stesso.Chi piu' spende, meno spende.... devo continuare?
      Secondo me è una strategia che fanno con i domini
      trafficati. Sarebbero da denunciare tutti!... sfruttare l'imbecillita' altrui non e' un reato ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è la prima volta...
        Sfruttare l'imbecillità altrui non è reato?Quando poi dovrai pagarci i danni e molto salati, sulla imbecillità tua, allora saranno altri a ridere...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è la prima volta...
        il fax è stato mandato ed a noi risultava essere giunto a destinazione, dato che se non arriva viene stampato un messaggio di errore. Poi tu rappresenti la media degli esseri inutili che frequenta questo forum. Invece di insultasre gli altri, abbi il coraggio di metterti davanti ad un muro e di sbatterci violentemente la testa contro, tanto non ti serve a nulla.
  • s. scrive:
    Può succedere...
    ... ma succede perchè qualcuno (non il NIC) è stato disattento.Quando al NIC arriva un fax per il cambio MNT, nel giro di poche ore o di un paio di giorni al massimo il NIC trasmette una mail al vecchio e al nuovo MNT per avvisare che:- ci sono problemi (fax sbagliati o illeggibili, per esempio)- non ci sono problemi (e il nuovo MNT deve compilare un modulo online per attivare il cambio)Se il nuovo MNT sta attento alla cosa, è impossibile che non si renda conto che dopo qualche giorno di attesa non è arrvato nulla. In quel caso può essere sufficiente o andare ad interrogare direttamente il DB del NIC o rispedire il fax.Certo che se tutta la faccenda viene gestita con allegra ed incompetente disinvoltura, queste cose invece possono capitare.E, sinceramente, la colpa non è del NIC.A proposito poi della diatriba .com o .it, avete mai provato a cambiare MNT di domini .com quando il MNT non è d'accordo?Magari quando il MNT è l'unico che ha le chiavi di accesso alla procedura di validazione del trasferimento?
    • Anonimo scrive:
      Re: Può succedere...
      - Scritto da: s.
      ... ma succede perchè qualcuno (non il NIC) è
      stato disattento.

      Quando al NIC arriva un fax per il cambio MNT,
      nel giro di poche ore o di un paio di giorni al
      massimo il NIC trasmette una mail al vecchio e al
      nuovo MNT per avvisare che:
      - ci sono problemi (fax sbagliati o illeggibili,
      per esempio)
      - non ci sono problemi (e il nuovo MNT deve
      compilare un modulo online per attivare il
      cambio)

      Se il nuovo MNT sta attento alla cosa, è
      impossibile che non si renda conto che dopo
      qualche giorno di attesa non è arrvato nulla. In
      quel caso può essere sufficiente o andare ad
      interrogare direttamente il DB del NIC o
      rispedire il fax.

      Certo che se tutta la faccenda viene gestita con
      allegra ed incompetente disinvoltura, queste cose
      invece possono capitare.
      E, sinceramente, la colpa non è del NIC.Quoto in pieno, io sono un maintainer "piccolino" e quando si tratta di trasferimenti e/o registrazioni spiego al cliente come 1) fare un fax formalmente corretto (sapeste quanti mettono solo una parte dei dati) e 2) di scrivere con caratteri "grossi" - E poi 3) se entro due-tre girni non vedo niente vado, come già scrittosul DB del NIC.A onor del vero prima mi arrivavano le email del NIC che mi comunicavano se c'era un problema, mentre ultimamente mi arrivano molto più di rado.

      A proposito poi della diatriba .com o .it, avete
      mai provato a cambiare MNT di domini .com quando
      il MNT non è d'accordo?
      Magari quando il MNT è l'unico che ha le chiavi
      di accesso alla procedura di validazione del
      trasferimento?Sui .COM & C. è meglio non parlare. Coi vari REGISTRANT-LOCK ogni volta è un bagno di sangue. Certo in 5 minuti lo gegistri ma se lo devi spostare..... :-(
      • Anonimo scrive:
        Re: Può succedere...


        A proposito poi della diatriba .com o .it, avete

        mai provato a cambiare MNT di domini .com quando

        il MNT non è d'accordo?

        Magari quando il MNT è l'unico che ha le chiavi

        di accesso alla procedura di validazione del

        trasferimento?
        Sui .COM & C. è meglio non parlare. Coi vari
        REGISTRANT-LOCK ogni volta è un bagno di sangue.
        Certo in 5 minuti lo gegistri ma se lo devi
        spostare..... :-(immagino che in "& c." includa i .org...potresti dare qualche dettaglio? io ho un .org, al momento non mi interessa cambiare, ho appena rinnovato per 2 anni, ma sapere in che grane si può incorrere mi farebbe comodo.grazie
        • s. scrive:
          Re: Può succedere...
          - Scritto da: Anonimo
          immagino che in "& c." includa i .org...

          potresti dare qualche dettaglio? io ho un .org,
          al momento non mi interessa cambiare, ho appena
          rinnovato per 2 anni, ma sapere in che grane si
          può incorrere mi farebbe comodo.
          grazieUn dominio viene normalmente registrato da un Mantainer (MNT) per conto di un cliente.Il MNT si occupa della fornitura di tutti i necessari servizi di hosting.Per cambiare il MNT (per qualsiasi motivo) di un .it il cliente trova il MNT nuovo, spedisce un fax al NIC e nel giro di pochi giorni il dominio è trasferito al nuovo MNT.Per cambiare il MNT di un dominio registrato negli States (com, net, org, biz, ecc...) l'Autorità di registrazione chiede conferma mediante una mail inoltrata all'indirizzo indicato al momento della registrazione.Normalmente questo indirizzo e-mail è l'indirizzo del vecchio MNT che, se vuole creare difficoltà, non risponde alla mail.In sintesi:con il .it il cliente fa quello che vuolecon il . com la palla è in mano al MNT che ha registrato il dominioIo ai miei clienti consiglio il .it proprio per questo motivo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Può succedere...
            - Scritto da: s.

            - Scritto da: Anonimo


            immagino che in "& c." includa i .org...



            potresti dare qualche dettaglio? io ho un .org,

            al momento non mi interessa cambiare, ho appena

            rinnovato per 2 anni, ma sapere in che grane si

            può incorrere mi farebbe comodo.

            grazie

            Un dominio viene normalmente registrato da un
            Mantainer (MNT) per conto di un cliente.
            Il MNT si occupa della fornitura di tutti i
            necessari servizi di hosting.

            Per cambiare il MNT (per qualsiasi motivo) di un
            .it il cliente trova il MNT nuovo, spedisce un
            fax al NIC e nel giro di pochi giorni il dominio
            è trasferito al nuovo MNT.

            Per cambiare il MNT di un dominio registrato
            negli States (com, net, org, biz, ecc...)
            l'Autorità di registrazione chiede conferma
            mediante una mail inoltrata all'indirizzo
            indicato al momento della registrazione.
            Normalmente questo indirizzo e-mail è l'indirizzo
            del vecchio MNT che, se vuole creare difficoltà,
            non risponde alla mail.

            In sintesi:
            con il .it il cliente fa quello che vuole
            con il . com la palla è in mano al MNT che ha
            registrato il dominio

            Io ai miei clienti consiglio il .it proprio per
            questo motivo.ok capito il senso.grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: Può succedere...
      io mi sono preso il "mionome" .bize quando volevo cambiare mantainer, ci hanno messo 3 mesi a darmi il codice per cambiare, proprio due gironi dopo che ho dovuto ripagargli l anno.vabbe erano solo 20 euro, pero che zanza.
  • Anonimo scrive:
    stesso nome, differenti domini
    provate a digitare www.cefalunews.net e .com
  • Anonimo scrive:
    BASTA!
    Dall'articolo non si comprende quale sia il dolo causato dal Registro:- non si evince che il Registro ha dato comunicazione QUATTRO MESI prima della scadenza, ma i titolari di cellulari.it hanno atteso l'ultima settimana per inviare la LAR...- non si dice nemmeno che forse è colpa del maintainer che non si è attivato per tempo, dopo che il fax era illeggibile...Ma questo è un articolo giornalistico o il desiderio di fare polemica gratuita?Il Registro applica semplicemente delle regole...
    • Anonimo scrive:
      Re: BASTA!
      Infatti il registro applica solamente delle regole.Forse è il caso di migliorare le regole per la salute della gestione dei domini.O l'occupazione dei domini è una pratica salutare per il sistema?Se il dominio è libero e nessuno lo rivendica OK... ma se per un disguido, di qualunque tipo, viene cancellato, questo non estingue altri diritti garantiti dalla legge. La legge come si sa ha valore superiore ai regolamenti.Tutto quiGiacomo Ghisolfi
  • Anonimo scrive:
    Ma chi ce lo fa fare?
    A parte la vicenda in sè, che è relativa ad un dominio vecchio di anni, ma scusate, finalmente Internet ha abbattuto tutti i confini nazionali, finalmente è possibile liberarsi in un secondo della burocrazia italiota e nonostante tutto c'è chi continua a registrare domini ".it".Io ho abbandonato gli ".it" da anni, ho due ".com" e vivo felice, vadano al diavolo quei 4 burocrati italioti che per gestire l' Internet italiana viaggiano a fax e raccomandate, quando un ".com" lo si attiva in 5 minuti da casa con la carta di credito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi ce lo fa fare?
      Attivi un .COM in 5 minuti, con nomi come "James Bond"... :)Il Registro .IT ha scelto la strada più "burocratica" per cercare di mantenersi quanto più corretto possibile, evitando gli abusi che si vedono in altri registri.Prima di parlare, informatevi di come funzionano altri registri (es. ES, FR, DE)...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma chi ce lo fa fare?
        Si si... fra poco la registrazione si fara con piccione viaggiatore e segnali di fumo.... la correttezza dovè?.. il fax è andato perso... è questa la correttezza? bravo!!!! Informati meglio, ... nel mondo intero queste cose (oggi) si fanno entro 24 ore, basta una firma e un paio di persone di riferimento per tutti, pagate per prendersi la responsabilità! in italia.... nullaosta, bollo di qui, cedolino di la... firma e controfirma... quasi quasi per andare al cesso devi passare da un consolato! Ma daiiii!!!!!
        • AranBanjo scrive:
          Re: Ma chi ce lo fa fare?
          - Scritto da: Anonimo
          Si si... fra poco la registrazione si fara con
          piccione viaggiatore e segnali di fumo.... la
          correttezza dovè?.. il fax è andato perso... è
          questa la correttezza? bravo!!!!
          Informati meglio, ... nel mondo intero queste
          cose (oggi) si fanno entro 24 ore, basta una
          firma e un paio di persone di riferimento per
          tutti, pagate per prendersi la responsabilità! in
          italia.... nullaosta, bollo di qui, cedolino di
          la... firma e controfirma... quasi quasi per
          andare al cesso devi passare da un consolato!
          Ma daiiii!!!!!Il fax, a quanto ho capito, non è stato perso. Risultava illeggibile. In questi casi arriva una e-mail al maintainer che avvisa l'illeggibilità del fax. Se il maintainer non è in grado di fare il suo lavoro.....Intanto non ci vogliono nullaosta, bolli o cedolini come dici tu. Per fare il cambio serve la lettera di cambio provider/maintainer e una nuova LAR. Due firme in totale. Trovo che la procedura sia corretta e permetta di identificare certamente chi ha registrato un dominio. Non come per i .com, dove basta un nome fasullo....ByezAranBanjo
    • Sirswatch scrive:
      Re: Ma chi ce lo fa fare?
      Guarda, una volta tanto il NIC è una cosa italiana CHE FUNZIONA !come già indicato da altri, per i .com / .net /.org eccetera eccetera se capiti in mano a un ISP pagliaccio, improvvisato o poco serio sei fregato perchè di solito questo genere di ISP si AUTOINTESTA il dominio o almeno mette come email dell'admin-c una propria email. Ciò significa che il tuo dominio NON sarà MAI tuo perchè NON potrai mai spostarlo. Ora c'è anche il registrar-lock: se l'ISP non te lo sblocca, puoi dire addio al tuo dominio !Invece al NIC italiano basta una lettera del legale rappresentate dell'azienda / persona fisica che ha registrato il dominio per operare le modifiche. Certo ci vuole che il maintainer a cui ci si affidi sia professionale e non il solito cantinaro che lavora in nero !Nel caso specifico di cellulari.it probabilmente si sono affidati a uno dei tanti isp banda illimitata, spazio illimitato, giochi, ricchi premi e cotillons, tutto per 20 euro anno iva compresa.
  • Anonimo scrive:
    Io continuo a vederlo....
    .... http://cellulari.it/ (senza www) e vedo pure le pagine interne..http://cellulari.it/html/schedacel.asp?ID=004826 Cioè, sta cosa non la capisco. :|
    • Skin Bracer scrive:
      Re: Io continuo a vederlo....
      - Scritto da: Anonimo
      .... http://cellulari.it/ (senza www)

      e vedo pure le pagine interne..
      http://cellulari.it/html/schedacel.asp?ID=004826

      Cioè, sta cosa non la capisco. :|Prova a svuotare la cache del browser e dell'eventuale proxy.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io continuo a vederlo....
        - Scritto da: Skin Bracer
        Prova a svuotare la cache del browser e
        dell'eventuale proxy.No, che c'entra... dice "aggiornato al 13 aprile 2006"
        • Anonimo scrive:
          Re: Io continuo a vederlo....
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Skin Bracer


          Prova a svuotare la cache del browser e

          dell'eventuale proxy.

          No, che c'entra... dice "aggiornato al 13 aprile
          2006"magari i tuoi DNS puntano al record vecchio, non si sono quindi -ANCORA- aggiornati.
  • Anonimo scrive:
    boicottate i domini .it
    prendetevi un dominio .info, .net o qualsiasi altro: tanto i .it sono gestiti da culo. e questa e' l'ennesima dimostrazione. lampante di come non valga la pena sbattersi per poi non avere nemmeno tutelati i propri diritti. Lasciate che marciscano nel loro stesso guano.
  • Anonimo scrive:
    Basta tenere d'occhio il database
    del nic. Se il fax non è accettato si vede subito.
    • xlthlx scrive:
      Re: Basta tenere d'occhio il database
      esatto. e' successo anche a me, ma ho visto subito che la richiesta era stata rifiutata.ho inviato un nuovo fax ed e' andato tutto a posto.e poi per inviare un fax basta avere un modem, non e' questa gran difficolta'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta tenere d'occhio il database

      del nic. Se il fax non è accettato si vede subito.Oppure affidarsi ad un operatore serio, che segue direttamente la pratica del dominio.Si spendono cento euro in piu', magari, ma non si rischia nulla ...
  • sambucci scrive:
    Ok, li aiuto io
    La vera assurdità è che nel 2006 il NIC italiano vada ancora avanti con i fax!!Per il momento ai ragazzi di cellulari.it li aiuto io, mettendo temporaneamente a disposizione il mio dominio cellulari.com con un redirect automatico.Giusto per metterci una pezza. Spero che riescano a riprendersi cellulari.it in qualche modo.Luca
    • Anonimo scrive:
      Re: Ok, li aiuto io
      grande...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ok, li aiuto io
        comprateli ancora i .it ....fate affaroni...Lamers..eheheh
        • Shu scrive:
          Re: Ok, li aiuto io
          - Scritto da: Anonimo
          comprateli ancora i .it ....
          fate affaroni...
          Lamers..
          ehehehNon che coi .com vada tanto meglio, eh...Giusto il primo di aprile (bello scherzo) un registrar americano si e` fregato un dominio intestato a noi, e non sappiamo ancora come ha fatto, visto che noi non abbiamo acconsentito al trasferimento semplicemente non rispondendo alla mail di richiesta.Eppure adesso ce l'hanno loro e abbiamo un mezzo contenzioso in atto.
    • condor63 scrive:
      Re: Ok, li aiuto io

      aiuto io, mettendo temporaneamente a disposizione
      il mio dominio cellulari.com con un redirect
      automatico.Veramente un bel gesto. :) Ciao
    • djm scrive:
      Re: Ok, li aiuto io

      Per il momento ai ragazzi di cellulari.it li
      aiuto io, mettendo temporaneamente a disposizione
      il mio dominio cellulari.com con un redirect
      automatico.Sei un grande! Mi viene da ringraziarti per loro! ;-)(e loro nella sfortuna sono stati fortunati a trovare uno come te)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ok, li aiuto io
      Bravo ! Questo deve essere il Web ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ok, li aiuto io
        Bravo. Questi di .it si sono montati la testa con questa storia dei fax leggibili ........ Per intanto mi viene da dire di denunciare quanti sono implicati nella vicenda per i danni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ok, li aiuto io
          Sei un grande. Fatti comunque mandare una richiesta da parte loro, solo per farti evitare problemi futuri. Ah, la richiesta non fartela mandar via fax .... :D
    • tillo scrive:
      Re: Ok, li aiuto io
      - Scritto da: sambucci
      La vera assurdità è che nel 2006 il NIC italiano
      vada ancora avanti con i fax!!Questo è il motivo per cui la mia azienda non fa da register per questi domini... ci perdono solo loro, fin'ora nessuno ci ha mai chiesto insistentemente un dominio .it
      Per il momento ai ragazzi di cellulari.it li
      aiuto io, mettendo temporaneamente a disposizione
      il mio dominio cellulari.com con un redirect
      automatico.Sei un mito, bravissimo. Io non l'avrei fatto per motivi di interesse dell'azienda, ma ti stimo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ok, li aiuto io
        Anche io, che faccio hosting e registro domini, sconsiglio vivamente i .it ai miei clienti, sia per questi problemi, che per la burocrazia richiesta. la stessa cosa e' successa anche a me con un mio cliente, che tra fax illeggibili e richieste di documenti via fax, ancora piu' illeggibili, e fax persi durante il trasferimento, sono finiti col dominio scaduto subito preso da un approfittatore, che ha voluto 500? per restituire il dominio (bada bene.. non per VENDERLO, che e' vietato, ma come mancato guadagno e recupero spese per la pubblicizzazione sui motori web.gia'.. peccato che il dominio era del mio cliente da 4 anni e sui motori c'era da un bel pezzo... e il mancato guadagno... lasciamo perdere...ma aveva il coltello dalla parte del manico, quindi zitto e paga...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ok, li aiuto io
      Grazie a nome di tutta la Redazione e lo Staff di Cellulari.itSei stato veramente generoso.Ci sentiamo prestoGiacomo
      • Anonimo scrive:
        Re: Ok, li aiuto io
        - Scritto da: Anonimo
        Grazie a nome di tutta la Redazione e lo Staff di
        Cellulari.it
        Sei stato veramente generoso.

        Ci sentiamo presto

        GiacomoSi, Si ... e' stato molto generoso ... purche' un domani non ci speculi su questo "favore"!
        • sambucci scrive:
          Re: Ok, li aiuto io
          - Scritto da: Anonimo
          Si, Si ... e' stato molto generoso ... purche' un
          domani non ci speculi su questo "favore"!Non lo farò.Niente pop-up nè pop-under a tradimento, promesso. :-)ciao,Luca
    • Anonimo scrive:
      9 --
  • Anonimo scrive:
    E' giusto così
    Si rivolgessero a qualcuno iscritto al famoso albo da ora in poi.. così lo perderanno ogni anno il dominio!!!Non mi dispiace neanche un po' a dire la verità.. soldi fatti ESCLUSIVAMENTE sul nome di dominio come minimo richiedono attenzione alla registrazione di quest'ultimo. Per carità.. la registrazione e la manutenzione di un dominio .i t richiedono procedure che sono inverosimili, ma c'è un numero di telefono al nic che risposnde dopo 5 secondi di attesa.. bastava stare attenti!Pagassero il nuovo intestatario se lo rivogliono! E imparino a far seguire le procedure a gente competente!
  • Anonimo scrive:
    Tutela del nuovo proprietario.
    Era tanta l'eccitazione di avere "preso al volo" il dominio che hanno scritto "dominio in costruzione" che non vuol dir nulla.A parte la battuta, chi ha registrato il dominio l'ha fatto in maniera regolare (non entro nel merito della buona/mala fede) e adesso ha tutto il diritto di tenerselo.Cellulari.it può chiedere i danni alla NIC ma i nuovi proprietari non c'entrano.Più complesso il discorso privacy. Se cambio residenza le lettere arrivano al vecchio proprietario, ma hanno un "nome e cognome" che le rende identificabili. Qui una mail arriverebbe ad info@cellulari.it webmaster@cellulari.it e così via. In tal caso è corretto rimandare al mittente tutte le mail del dominio @cellulari.it (es. nome.cognome@cellulari.it) direttamente dal server (senza mai scaricarle).Sono escluse quelle generiche che adesso sono dei nuovi proprietari (ed è legittimo che le scarichino e le aprino), ma se leggendole si rendono conto che la mail non era indirizzata a loro, devono reinviarla al mittente e cestinare la copia in locale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutela del nuovo proprietario.
      aprino.... APRINO????spero sia un errore di digitazione anche se non credo
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutela del nuovo proprietario.
      Non vorrei fare il pignolo, ma "sito in costruzione", non l'ha scritto nessuno, è una pagina che mettono in automatico, quando compri un dominio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutela del nuovo proprietario.

      Era tanta l'eccitazione di avere "preso al volo"
      il dominio che hanno scritto "dominio in
      costruzione" che non vuol dir nulla.Non credo siano eccitatissimi, quelli che lo hanno preso fanno di mestiere lo "sfruttamento dell'imbecillita' altrui": si accaparrano i domini "sbadatamente persi" e poi si fanno pagare per restituirli.
      A parte la battuta, chi ha registrato il dominio
      l'ha fatto in maniera regolare (non entro nel
      merito della buona/mala fede) e adesso ha tutto
      il diritto di tenerselo.Sempre meglio che non poterli riavere perche' l'ha registrato uno a cui serve ...
      Cellulari.it può chiedere i danni alla NIC ma i
      nuovi proprietari non c'entrano.E neppure il NIC c'entra. L'unico che ha sbagliato qui e' l'ex proprietario di cellulari.it, che non ha seguito attentamente il dominio ne' si e' affidato ad un operatore serio perche' glielo seguisse ...
  • Anonimo scrive:
    NIC che usa il fax????
    Inverosimile che utilizzano un modo di comunicazione cosi obsoleto.....Spero che dovranno pagare fino all'ultimo centesimo dei danni che hanno provocati! Sarà una bella lezioni a questi imbeccili incompetenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: NIC che usa il fax????
      - Scritto da: Anonimo
      Inverosimile che utilizzano un modo di
      comunicazione cosi obsoleto.....
      Spero che dovranno pagare fino all'ultimo
      centesimo dei danni che hanno provocati! Sarà una
      bella lezioni a questi imbeccili incompetenti.ahahha... che bello il fax. E' con un fax che mi sono guadagnato un aumento di 250 Euro sulla busta paga...e poi il licenziamento.. dopo 8 mesi... ...beh, avevo lasciato un po' di tracce... :D
    • Anonimo scrive:
      Re: NIC che usa il fax????
      Usano davvero ancora il fax? Il NIC è così arretrato da farci ridere appresso da tutto il resto del mondo. VERGOGNA!!
    • Anonimo scrive:
      Re: NIC che usa il fax????
      bhe non c'e' da stupiersi di queste cosa, a Pisa le fanno, non e' la prima e non sara' l'ultima.
    • HotEngine scrive:
      Re: NIC che usa il fax????
      - Scritto da: Anonimo
      Inverosimile che utilizzano un modo di
      comunicazione cosi obsoleto.....Già, probabilmente usano il fax perchè ha valore giuridico in un tribunale, al contrario delle semplic email.
      • opazz scrive:
        Re: NIC che usa il fax????
        Infatti, dato che la posta elettronica e e certificata la usano in 4 gatti, il fax rimane come unica prova documentale, valida in tribunale.Vorrei vedere quanti si comprerebbero una casella di posta elettronica certificata, stile legalmail, per comprarsi un dominio.
      • Anonimo scrive:
        Re: NIC che usa il fax????
        - Scritto da: HotEngine
        - Scritto da: Anonimo


        Inverosimile che utilizzano un modo di

        comunicazione cosi obsoleto.....

        Già, probabilmente usano il fax perchè ha valore
        giuridico in un tribunale, al contrario delle
        semplic email.Concordo completamente, del resto il problema è alla radice: in italia per quanto si possa fare i fighetti con le email, le firme digitali e compagnia, non contano nulla e ci vogliono anni per dimostrarne la loro veridicità in queste situazioni. Un bel caro vecchio e robusto fax.... la cosa scandalosa è che la qualità della linea del NIC di pisa è quantomeno giurassica, cambiatela! per fare un fax c'ho messo 2 giorni! siamo nel 2006 sveglia!!!
  • Anonimo scrive:
    Nic Incompetente
    Questo è accaduto perchè è il nic in quel periodo aveva il fax rotto e di è ben guardato nell'informare i provider o mettere un comunicato sul sito. Nello stesso periodo volevo registrare anche io un dominio .it e ho avuto gli stessi problemi con più di 6 fax respinti in due settimane di cui 2 a metà marzo che risultano dispersi. L'unica cosa che può giustificare ciò è che molto probabilmente avevano il fax rotto...Alla fine ho dovuto inviare una lettera in porta prioritaria.Il messaggio di errore che mi veniva intoltrato era lo stesso "trasmissione fax interrotta e lettera Lar incompleta o illegibile"....detto questo c'è anche da dire che gli amministratori del sito avrebbero cmq dovuto controllare lo stato della registrazione nel db del Nic.Che shifo di situazione.....al nic gli si rompe il fax e uno perde un dominio del genere.... :| Bà..
    • Anonimo scrive:
      Re: Nic Incompetente
      la cosa assurda è che i loro fax devono essere veramente vecchi, perchè diversi fax che gli ho mandato con macchine fax nuovissime non riuscivano neanche a connettersi. Ho dovuto ripescare un vecchio fax amstrad di 10 anni fa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nic Incompetente
      Woaw !!!! un'ente cosi importante per un paese come l'Italia... un solo fax ?Metti le chiappe sul cerchietto del rigore che ti calcio io!
      • Anonimo scrive:
        Re: Nic Incompetente
        sul fatto che sia un ente ho i miei dubbi, se non sbaglio è una ramo dell'uinersita' di pisa, come il policlinico umberto primo di roma è la facolta di medicina.....quindi da universitari che stanno li a fare pratica, da professori del cavolo che intascano mazzette e vogliono fare l'albo degli informatici per segare le gambe a tutti, da parassitismo degli studi come sono tutte le varie segreterie..cosa ti aspetti?
  • Anonimo scrive:
    ...e la raccomandata?
    Forse non ho capito una mazza, ma se non è arrivato il fax di cambio mnt, e nessuno ha pertanto pagato la nic, il dominio scade, ma va in un periodo che nessuno lo può registrare e la nic ti manda addirittura una raccomandata... sono forse cambiate le regole?
    • Anonimo scrive:
      Re: ...e la raccomandata?
      Si infatti per i domini .it c'era un periodo di tempo in cui nessun poteva prendere il dominio una volta scaduto. Se non ricordo male dovevano passare 60 giorni.
    • Anonimo scrive:
      Re: ...e la raccomandata?
      Pochi mesi fa', mi è arrivata una raccomandata dal NIC per avvisare che stavo per perdere il dominio. Non mi interessava più e non l'avevo rinnovato. Mi sembra strano che il NIC non l'abbia inviata anche a Cellulari.it.Casomai bisogna vedere se il nominativo del destinatario era aggiornato, ma questo sarebbe colpa di Cellulari.itQualcuno non dice il vero in quasta storia...
      • Anonimo scrive:
        Re: ...e la raccomandata?
        D'accordo su tutto il 3d. O l'articolo non la dice tutta o la colpa in realta' e di cellulari.it e del nuovo mantainer che hanno cestinato mail, avvisi e raccomandate.
        • Anonimo scrive:
          Re: ...e la raccomandata?
          Anche a me è arrivata una raccomandata dalla NIC per segnalare che stavo perdendo un dominio .it che non avevo intenzione di rinnovare.
  • Anonimo scrive:
    ....complimenti al responsabile ITC!
    ...volete pagare poco i responsabili ITC? ecco cosa vi capita, questo e' una leggerezza da vero incompetente!
  • Anonimo scrive:
    [OT] ma avete letto?!
    a me fa ridere la frase"DOMINIO IN COSTRUZIONE..." sa molto di troll
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] ma avete letto?!
      come ho già detto in un altro thread:Non vorrei fare il pignolo, ma "sito in costruzione", non l'ha scritto nessuno, è una pagina che mettono in automatico, quando compri un dominio.
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] ma avete letto?!
        - Scritto da: Anonimo
        come ho già detto in un altro thread:
        Non vorrei fare il pignolo, ma "sito in
        costruzione", non l'ha scritto nessuno, è una
        pagina che mettono in automatico, quando compri
        un dominio.e dato che rispondo per tutti i *.cellulari.it (quindi sia per www. , che per forum. ) non è che quelli che ancora non della "nuova amministrazione" si collegano, hanno ancora i cookie settati, di fatto consegnano login/password al nuovo "gestore" che prontamente "segna/ cataloga/raccoglie" qualche informazione in più ? :| :|
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] ma avete letto?!
          Questo non lo so, ma non credo. Per avere questi dati credo serva un database, e quando compri un dominio, a parte una pagina asp e pochi altri file, non c'è nulla nell'ftp. Quindi di fatto, credo sia impossibile. però non ci metterei la mano sul fuoco, eh!o_O
  • Anonimo scrive:
    Non vi preoccupate lo riavranno...
    Non vi preoccupare lo riavranno dal tizio che se lo sara' nuovamente registrato alla modica cifra di x000 euro...
    • djm scrive:
      Re: Non vi preoccupate lo riavranno...
      Certo che.. caspita, che rapidità nella riassegnazione, chissà come avranno fatto a sapere i nuovi proprietari così in fretta che si era liberato quel dominio. E poi, che strano che i vecchi proprietari non abbiano avuto un diritto di prelazione... Comunque secondo me basta una causa e lo riavranno. Già che ci sono chiedano anche un po' di danni, mi sembra giusto.
  • Anonimo scrive:
    un classico.
    a questo, io che non ho tanti soldoni, penso sempre.fornire SEMPRE un indirizzo secondario perché potresti perdere il dominio e restare PERSINO tagliato fuori dalle comunicazioni.tanto vale COMPRARE un alias come pobox.com o altri e girare qualsiasi freemail che ti aggradi.nonchè fornire costantemente un mirror, sempre, in homepage e nelle comunicazioni via mail, in modo che la clientela non resti mai col sedere per arianon ti salvi il culo, d'accordo, ma almeno limiti il danno, e soprattutto non resti isolato con le comunicazioni, che è la cosa peggiore.
    • djm scrive:
      Re: un classico.
      Io ho un .it e un .com: uso il .com come principale, lo trovo più sicuro, l'ho registrato per 10 anni e non ci penso più.
      • Anonimo scrive:
        Re: un classico.
        - Scritto da: djm
        Io ho un .it e un .com: uso il .com come
        principale, lo trovo più sicuro, l'ho registrato
        per 10 anni e non ci penso più.minchia, 10 anni !e quanto hai pagato ?
        • Anonimo scrive:
          Re: un classico.
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: djm

          Io ho un .it e un .com: uso il .com come

          principale, lo trovo più sicuro, l'ho registrato

          per 10 anni e non ci penso più.

          minchia, 10 anni !
          e quanto hai pagato ?perchè? ti ha mica detto che l'ha pagato!??? :D :D :D :D
  • Anonimo scrive:
    CVD
    Questa è la conferma che la gestione dei .it è uno degli esempi più brutti e lampanti della burocrazia all'italiana.Poco tempo fa scrivevo che io registro e consiglio ai miei clienti (sia pure con rammarico) di registrare soltanto .com, .org., e .net, per evitare la burocrazia dei fax e delle LAR del .itQualcuno rispose che tutta questa burocrazia dà più sicurezza e che rende più difficile che il tuo dominio non venga rinnovato e passi ad un altro.Invece i fatti mi danno purtroppo ragione...
    • Anonimo scrive:
      Re: CVD
      Hai mai provato a trasferire un .com?A volte e' meglio perderlo e registrarne uno nuovo!Comunque sottoscrivo la registrazione di domini .it fa schifo, ricordo che nel '99 ci voleva dalle 3 settimane ad un mese per registrare un .it poi gradualmente con gli anni si e' passato alla settimana e poi alle 24-48 di oggi.
      • Anonimo scrive:
        Re: CVD
        - Scritto da: Anonimo
        Hai mai provato a trasferire un .com?

        A volte e' meglio perderlo e registrarne uno
        nuovo!Un .com non sono mai riuscito a trasferirlo io... alla fine resta dov'è non c'è verso

        Comunque sottoscrivo la registrazione di domini
        .it fa schifo, ricordo che nel '99 ci voleva
        dalle 3 settimane ad un mese per registrare un
        .it poi gradualmente con gli anni si e' passato
        alla settimana e poi alle 24-48 di oggi.Anche qui però ne accadono spesso di tutti i colori... 2 domini da registrare, stesso fax identico da mandare tranne per gli opportuni dati ovviamente cambiati, uno registrato subito, l'altro 1 mese dopo aver reinviato il fax decine di volte...
        • Anonimo scrive:
          Re: CVD
          ma che cazzo ditese il vostro benemerito provider non mette la sua mail al posto della vostra per trasferire un .com un .net o un .org vi arriva una mail con un link, inserite una password preassegnata e avete fatto...ma siccome i coglioncelli dei provider mettono la loro mail come mail di riferimento il vostro dominio non lo sposterete mai...
        • tillo scrive:
          Re: CVD
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Hai mai provato a trasferire un .com?



          A volte e' meglio perderlo e registrarne uno

          nuovo!

          Un .com non sono mai riuscito a trasferirlo io...
          alla fine resta dov'è non c'è verso[...]Continuo a leggere di trasferimenti impossibili... forse perché si tratta di un'azienda, ma io non ho mai avuto problemi.Il tempo medio è di 48-72 ore, siamo già arrivati a 3 settimane una volta, ma per sola colpa del proprietario che non ha accettato in tempo. È lento, lentissimo, ma funziona. Ed è sicuramente più veloce e semplice nonché meno costoso della registrazione dei domini .it, che per la cronaca non registriamo.
      • Anonimo scrive:
        Re: CVD
        - Scritto da: Anonimo
        Hai mai provato a trasferire un .com?Sì, e l'unico problema è che ci vuole un po' di tempo.Comunque tutti i web host provider seri permettono anche di mantenere il dominio con il registrant attuale, e di reindirizzare semplicemente il DNS sull'IP del proprio server (per esempio, è possibile registrare il dominio con Aruba richiedendo soltanto la gestione dei DNS e poi magari reindirizzarli su un web host provider inglese o americano).
  • Anonimo scrive:
    Tranquilli
    Adesso Prodi sistema pure questo, Stanca era Stanco.Fa paura questa vicenda.
  • Anonimo scrive:
    Poveretti...
    Sono andato sul loro sito... e ho clickato sui banner ;) lol
    • Anonimo scrive:
      Re: Poveretti...
      - Scritto da: Anonimo
      Sono andato sul loro sito... e ho clickato sui
      banner ;) lole che c'è da LOLlare?
Chiudi i commenti