Google investe sulle app

Milioni di dollari per gestire i domini .app e nuovo advertising per le app del suo store per Android

Roma – Per Google questi sono i giorni delle app: da un lato ha deciso di metter mano al sistema di advertising legato alle applicazioni ospitate sul proprio Play Store e al motore di ricerca interno, dall’altro si è aggiudicata la gestione dei domini .app .

Con il traguardo di un miliardo di utenti superato, Google Play cerca ora di riorganizzare il suo sistema offrendo agli sviluppatori nuovi strumenti per farsi notare, e dotandosi di nuove soluzioni per metterlo a frutto: naturalmente attraverso la pubblicità ad mostrare agli utenti Android.

Il tutto passa dal sistema di esplorazione delle app a disposizione sullo store: come già avviene per il motore di ricerca, Google introdurrà nelle prossime settimane i risultati sponsorizzati anche all’interno della ricerca di app, per il momento solo con un programma pilota sui dispositivi di un numero limitato di utenti.

Tutto questo, naturalmente, tenendo sempre in considerazione gli strumenti di promozione delle app a disposizione degli utenti che hanno fatto il loro esordio quasi un anno fa.

La mossa è stata subito criticata da parte di alcuni osservatori , che ritengono che Mountain View stia spingendo troppo sullo sfruttamento commerciale dei suoi utenti.

L’altro lato della medaglia è d’altronde legata al fatto che Google dimostra di voler puntare forte sulle app. Per farlo ha intensificato gli investimenti: così, Mountain View ha stanziato 7 miliardi di dollari a favore di sviluppatori di app per Android e la cifra record di 25 milioni di dollari per aggiudicarsi l’ amministrazione del gTLD .app . Un’operazione che sembra aprire a infinite possibilità di marketing per le applicazioni Android e non solo.

Infine, Google non sembra rinunciare a voler offrire l’informazione più utile e sembra volersi concentrare sull’accuratezza dei risultati proposti dalla ricerca mobile: per farlo utilizzerà anche i dati indicizzati delle app che verranno impiegati per contribuire a determinare l’importanza di una determinata informazione.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AxAx scrive:
    Viva le tastiere
    a morte il touch.
  • mano scrive:
    big M idee per il futuro
    http://comps.canstockphoto.com/can-stock-photo_csp6875942.jpg
  • Maronso Alfuccia scrive:
    Microsoft, il futuro si tocca con mano
    [img]http://lh5.ggpht.com/-CUsh_CvYD_s/UfDZt_spH0I/AAAAAAAAGwE/iI73Ua7xgMQ/Hair-Expo---Generation-Next---Ka-Pow%25255B4%25255D.jpg[/img]
  • Zucca Vuota scrive:
    Mi sembra una interpretazione riduttiva
    Caro Maruccia, Io interpreto in modo diverso questo filmato (ma forse sono viziato dal fatto che ho già visto quelli precedenti che risalgono almeno al 2008 e che erano prodotti soprattutto dal gruppo Office).Più che un mondo con onnipresenti schermi touch mi sembra che si mostri un mondo iperconnesso con strumenti di collaborazione molto avanzati. Dal punto di vista dell'interattività ci sono touch screen e ologrammi ma anche penne, interface gestuali, realtà aumentata. Come dispositivi ci sono tablet, wearable devices, telefoni, pareti interattive... persino protesi intelligenti e connesse.
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: Mi sembra una interpretazione riduttiva
      Questo è del 2010: https://www.youtube.com/watch?v=qO7ICgqV7dM.Alcune di queste tecnologie Microsoft le sta già producendo (ad esempio mega schermi touch per collaborare e la traduzione automatica). Nel 2010 erano solo idee. Ora stanno diventando prodotti.
    • zucchino scrive:
      Re: Mi sembra una interpretazione riduttiva
      - Scritto da: Zucca Vuota
      Caro Maruccia,

      Io interpreto in modo diverso questo filmato (ma
      forse sono viziato dal fatto che ho già visto
      quelli precedenti che risalgono almeno al 2008 e
      che erano prodotti soprattutto dal gruppo
      Office).

      Più che un mondo con onnipresenti schermi touch
      mi sembra che si mostri un mondo iperconnesso con
      strumenti di collaborazione molto avanzati.


      Dal punto di vista dell'interattività ci sono
      touch screen e ologrammi ma anche penne,
      interface gestuali, realtà aumentata. Come
      dispositivi ci sono tablet, wearable devices,
      telefoni, pareti interattive... persino protesi
      intelligenti e
      connesse.A venduto, a ridicolo, finiscila di fare il tirapiedi di schifsoft.
  • prova123 scrive:
    Redmond pubblica ...
    ... un nuovo video che descrive la "vision" aziendale per la produttività del futuro, un futuro in cui le tastiere sono quasi scomparse ed è tutto un toccare schermi per scorrere foto a destra e a manca. Futuro? E' il passato ed i dispositivi li chiamarono tablet! :D
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: Redmond pubblica ...
      - Scritto da: prova123
      Futuro? E' il passato ed i dispositivi li
      chiamarono tablet!
      :DGuarda il filmato.
    • anverone99 scrive:
      Re: Redmond pubblica ...
      - Scritto da: prova123
      un futuro in cui le tastiere sono quasi scomparse ed
      è tutto un toccare schermi per scorrere foto a
      destra e a
      manca.Bello il trailer!.. che film e'??Quando esce al cinema vado a vederlo! :-)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 febbraio 2015 00.49-----------------------------------------------------------
      • ivp scrive:
        Re: Redmond pubblica ...

        Bello il trailer!.. che film e'??
        Quando esce al cinema vado a vederlo! :-)Mi pare che il titolo sia "Keep in Touch, Satia". Un mondo dove lo spazio storage parte da 10PB, la connettività mobile worldwide potremmo chiamarla 400G, e qualunque display sarà 128K. Uscirà quando il cinema sarà a 256K, così da apprezzare davvero le banalità mostrate dal trailer.Sarcasmo a parte, 25 anni fa avevo trenta chili di monitor sul tavolo, un 386 con 8MB di ram, il modem a 2400 bps ... e quando vedevo quella selva di pannelli "touch" su Star Trek, mi veniva da ridere!
        • Guybrush scrive:
          Re: Redmond pubblica ...
          - Scritto da: ivp[...]
          Sarcasmo a parte, 25 anni fa avevo trenta chili
          di monitor sul tavolo, un 386 con 8MB di ram, il
          modem a 2400 bps ... e quando vedevo quella selva
          di pannelli "touch" su Star Trek, mi veniva da
          ridere!E adesso sembra abbiano preso ispirazione da Avatar.Quello che vedo è il motivo per cui tengo i miei figli lontani dal computer e vicino al prato.Abituarli adesso ad una interfaccia che tra 10 anni sarà stramorta è stupido, meglio che abbiano esperienza di cose che tra 10 anni saranno ancora là in attesa di esser godute (si spera).GThttp://c.punto-informatico.it/l/profilo.aspx?n=Guybrush* Il post è in tema con il thread in cui viene inserito e con il forum* Il post non offende la dignità di nessuno* Il post non è un commento a come un'altro post è stato scritto da altri, non è focalizzato sul fornire correzioni ortografiche ma è invece produttivo ai fini della discussione in corso e dell'oggetto del post a cui si risponde* Il post non contiene materiali XXXXXgrafici o link a siti a luci rosse* Il post è stato copiato su file di testo ed è pronto ad essere re-inserito qualora T1000 dovesse di nuovo sbagliarsi.PS: questa è la mia nuova sign.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 marzo 2015 11.40-----------------------------------------------------------
          • 074522 scrive:
            Re: Redmond pubblica ...
            - Scritto da: Guybrush
            GT
            http://c.punto-informatico.it/l/profilo.aspx?n=Guy
            PS: questa è la mia nuova sign.Ma lo vuoi capire che a noi delle tue fatine non ce ne frega niente ?
          • Precisino scrive:
            Re: Redmond pubblica ...
            Scusa, ci ho messo un po' a capire che lo fai apposta.
          • piaccapi scrive:
            Re: Redmond pubblica ...
            - Scritto da: Precisino
            Scusa, ci ho messo un po' a capire che lo fai
            apposta.E fa bene.Io ci ho rinunciato.Non si può più commentare, soprattutto quando si chiedono ad un probabile troll le ragioni del suo intervento, che arriva il t-1000 e sbraca a nastro.
          • Passante scrive:
            Re: Redmond pubblica ...
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: ivp
            [...]

            Sarcasmo a parte, 25 anni fa avevo trenta chili

            di monitor sul tavolo, un 386 con 8MB di ram, il

            modem a 2400 bps ... e quando vedevo quella

            selva

            di pannelli "touch" su Star Trek, mi veniva da

            ridere!

            E adesso sembra abbiano preso ispirazione da
            Avatar.Quello dei puffi grandi ?
          • ivp scrive:
            Re: Redmond pubblica ...

            E adesso sembra abbiano preso ispirazione da Avatar.
            Quello che vedo è il motivo per cui tengo i miei
            figli lontani dal computer e vicino al prato.
            Abituarli adesso ad una interfaccia che tra 10
            anni sarà stramorta è stupido, meglio che abbiano
            esperienza di cose che tra 10 anni saranno ancora
            là in attesa di esser godute (si spera).Concordo.
Chiudi i commenti