Google, link a favore della vita

Coloro che cerchino informazioni sul suicidio verranno indirizzati a un numero di sostegno. Approccio già utilizzato per indirizzare direttamente al centro antiveleni

Roma – L’insondabile approccio algoritmico per le risposte offerte da Google agli utenti si sta dotando di alcune eccezioni per argomenti molto delicati. Dalla settimana scorsa, in particolare, il motore di ricerca nella sua pagina statunitense ha iniziato a suggerire un numero di telefono da chiamare nel caso in cui un utente effettui una ricerca che possa essere in qualche modo collegata con il suicidio.

“Modi per commettere un suicidio” e “pensieri suicidi” sono due delle query che conducono adesso a un’icona con un telefono rosso, che riporta il numero verde della National Suicide Prevention Lifeline . E che ha una posizione di maggior rilievo anche rispetto ai link di advertising.

È la seconda volta che Mountain View predispone un servizio del genere: la prima risale a qualche mese fa, quando BigG ha deciso di fornire il numero del national poison control in seguito a ricerche del tipo “emergenza veleno”. In questo caso sarebbe stato su suggerimento di un utente, una mamma che, cercando aiuto in Rete perché la figlia aveva ingerito un qualche tipo di veleno, aveva avuto difficoltà a rintracciare l’informazione.

Roni Zeiger di Google ha peraltro affermato che a Mountain View stanno “guardando ad altre possibili ricerche” che possano essere adeguate in maniera analoga, migliorando i risultati scodellati dall’algoritmo o dai link sponsorizzati e aiutando le persone a trovare magari non proprio quello che stanno cercando, ma in questo caso quello di cui hanno bisogno .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruppolo scrive:
    Microsoft è incapace
    di mantenere Windows fuori da x86. È proprio per questa inettitudine che Intel è bloccata su x86 da decenni. Beh, con x86 è nata, con x86 perirà.
    • RUZZOLO scrive:
      Re: Microsoft è incapace
      - Scritto da: ruppolo
      di mantenere Windows fuori da x86. È proprio per
      questa inettitudine che Intel è bloccata su x86
      da decenni. Beh, con x86 è nata, con x86
      perirà.E con Intel perirà anche la tua cara Apple, visto che negli ultimi anni usa proXXXXXri di quella marca.
      • krane scrive:
        Re: Microsoft è incapace
        - Scritto da: RUZZOLO
        - Scritto da: ruppolo

        di mantenere Windows fuori da x86. È proprio per

        questa inettitudine che Intel è bloccata su x86

        da decenni. Beh, con x86 è nata, con x86

        perirà.
        E con Intel perirà anche la tua cara Apple, visto
        che negli ultimi anni usa proXXXXXri di quella
        marca.Anche su iphone / ipad ?
      • onda scrive:
        Re: Microsoft è incapace
        Ma tanto alla apple cosa gliene importa dei mac ormai i suoi introiti derivano per lo piú da gadget con Arm per fighetti e donnine alla moda
      • rover scrive:
        Re: Microsoft è incapace
        Entro 5 anni apple non commercializzerà più computer, ma solo gadget.
    • rover scrive:
      Re: Microsoft è incapace
      Buono ruppolo!non perdere tempo qui, sei atteso su altri thread.
  • Macboy scrive:
    Ce ne mette Intel a staccare la spina...
    Quanti fantastiliardi ci ha investito (e perso) nel progetto ITANIC?E pensare che hanno venduto invece il settore che faceva proXXXXXri ARM. Che polli!!!
    • non so scrive:
      Re: Ce ne mette Intel a staccare la spina...
      Non hai capito bene l'articolo. Non è Intel ma MS che stacca la spina a Itanium.Intel perde il 5% nel settore Itanium, che però in non perderà come clienti, perchè chi usava Windows su Itanium probabilmente passerà a Xeon ed i soldi ad Intel arriveranno come prima.Da nessuna parte si dice che Intel cesserà la produzione di Itanium per i restanti clienti HP-UX e VMS. Anzi si dice il contrario, cioè che non vuole mollare questo settore di nicchia.- Scritto da: Macboy
      Quanti fantastiliardi ci ha investito (e perso)
      nel progetto
      ITANIC?
      E pensare che hanno venduto invece il settore che
      faceva proXXXXXri ARM. Che
      polli!!!
  • Nonriescoa Fareillogi n scrive:
    5% rispetto a x86? Ma che dite?
    Avete fatto un po' di confusione...Ho visto anch'io quel grafico, di cui adesso non trovo più il link, e dice che Windows è installato solo sul 5% degli Itanium, non che il 5% delle installazioni Windows è su Itanium e il 95% su x86! Se così fosse, sarebbbero MILIONI di macchine e Microsoft non avrebbe nulla di cui preoccuparsi.La verità è proprio che il mercato Itanium è saldamente in mano ad HP con i suoi HP-UX e OpenVMS, e almeno loro ci guadagnano, altrimenti chiuderebbero bottega. E siamo arrivati alla situazione attuale perché HP ha rimpiazzato Alpha (su cui giravano gli stessi sistemi operativi) con Itanium, e per il software è bastata una ricompilata o poco più.
    • Alessandro Del Rosso scrive:
      Re: 5% rispetto a x86? Ma che dite?
      Ciao, hai pienamente ragione, in effetti quel 5% non tornava neppure a me :) Correggo la notizia. Ancora grazie per la segnalazione, ciao!- Scritto da: Nonriescoa Fareillogi n
      Avete fatto un po' di confusione...

      Ho visto anch'io quel grafico, di cui adesso non
      trovo più il link, e dice che Windows è
      installato solo sul 5% degli Itanium, non che il
      5% delle installazioni Windows è su Itanium e il
      95% su x86! Se così fosse, sarebbbero MILIONI di
      macchine e Microsoft non avrebbe nulla di cui
      preoccuparsi.

      La verità è proprio che il mercato Itanium è
      saldamente in mano ad HP con i suoi HP-UX e
      OpenVMS, e almeno loro ci guadagnano, altrimenti
      chiuderebbero bottega. E siamo arrivati alla
      situazione attuale perché HP ha rimpiazzato Alpha
      (su cui giravano gli stessi sistemi operativi)
      con Itanium, e per il software è bastata una
      ricompilata o poco
      più.
    • free for all scrive:
      Re: 5% rispetto a x86? Ma che dite?
      Non sai leggere , ti riporto quanto e' scritto:"Windows è installato su appena il 5% dei sistemi basati su Itanium. Sulla quasi totalità delle restanti macchine gira il sistema operativo HP-UX"esattamente viene riportato che sulla totalita' della macchine itanium windows rappresenta il 5% ed invece HP-UX rappresenta il 95%, chiaro e semplice (e corretto!).
  • Massimilian o Adamo scrive:
    e mo' che fa HP?
    sembrerebbe un bel problema per HP.Impossibile cambiare CPU nel giro di pochi anni, impossibile far tornare i propri clienti su PA-RISC, impossibile proporgli una nuova versione x86_64 dopo così poco tempo.Difficile anche tecnicamente, poiché l'ultima versione di HP-UX IA64 offre compatibilità binaria con i programmi scritti per PA-RISC (sarà emulazione, sarà quel che sarà).Ma cosa dovrebbero fare con una nuova eventuale versione? Dovrebbero offrire compatibilità binaria per pa-risc e per ia64?
    • Nonriescoa Fareillogi n scrive:
      Re: e mo' che fa HP?
      Il problema è della Microsoft, non di HP :)(vedi mio commento sotto) Windows gira sul 5% degli Itanium, il resto è tutto HP-UX e un po' di OpenVMS.
Chiudi i commenti