Google Lively è la chat 3D distribuita

Ambienti da popolare con avatar tridimensionali, pagine web da popolare di ambienti. Lively anticipa il web a tre dimensioni?
Ambienti da popolare con avatar tridimensionali, pagine web da popolare di ambienti. Lively anticipa il web a tre dimensioni?

Gli account di Google hanno un corpo: stanno iniziando a pascolare in rete, stanno iniziando a riversarsi nelle stanze allestite online presso pagine web e blog. Interagiscono a mezzo browser, dialogano in ambienti che ciascuno può ritagliare su misura, socializzano a mezzo fumetto. Google ha lanciato Lively .

Un'isola di Lively Sviluppato nel 20 per cento del tempo di lavoro che la Grande G ha concesso a Niniane Wang per lavorare a intuizioni personali, sperimentato con la collaborazione della Arizona State University, Lively si proprone di “far esperire alle persone una nuova dimensione del web”. Non si tratta di una chat o di una piattaforma di social networking ordinaria: benché condivida con Google Friend Connect la capacità di disseminarsi in pagine web , di sparpagliarsi nei blog e di integrarsi con Facebook e prossimamente con MySpace, Lively consente una modalità di interazione simile a quella offerta da Second Life. I netizen impersonano avatar tridimensionali, popolano ambienti che ciascuno può tappezzare di foto o di video estratti da YouTube ma non esiste un unico ambiente nel quale gli avatar possono convergere, non esiste per ora la possibilità di creare e integrare oggetti originali e di sconfinare rispetto alle personalizzazioni predefinite, non esiste la possibilità di condurre una vita alternativa a tutti gli effetti.

Ogni ambiente corrisponde a un link, si possono ospitare cittadini della rete nella propria dimora: dalle lande ghiacciate ai mondi fantscientifici passando per le scacchiere simulate , gli avatar possono scambiarsi abbracci virtuali e conversare amabilmente a mezzo fumetti. Stanno proliferando inoltre le stanze dedicate alle conversazioni piccanti, agevolate dalla proiezione di video pruriginosi incastonati in schermi nello schermo .

Gli utenti stanno sperimentando, stanno tastando il terreno: c’è chi lamenta di essere incappato in problemi di login, c’è chi si è scontrato con dei crash, c’è chi non sembra tollerare di dover attendere una versione per Mac, dato che finora il plugin di Lively è installabile e utilizzabile dai soli utenti Windows equipaggiati di Firefox o Explorer.

Google non ha ancora in serbo un modello di business per Lively: in rete c’è chi sostiene che la grande G possa riempire le stanze di annunci pubblicitari basati sull’interpretazione della conversazioni che vi si intessono. Ma da Mountain View hanno spiegato che la pubblicità non è ancora nei piani . Certo è che ci sono aziende che si stanno muovendo e stanno allestendo i propri spazi per iniziare ad interagire con gli utenti in una dimensione ancora da scoprire.

Ci sono analisti che intravedono in Lively i prodromi dell’Internet 3D, basato su un semplice plugin, disseminato in rete e fruibile attraverso il browser. È questa una speculazione che molti hanno già formulato a proposito di Second Life: come annunciato da tempo , sta muovendo in questa direzione sperimentando l’ integrazione con metamondi paralleli quali quello architettato da IBM.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 07 2008
Link copiato negli appunti