Google Maps, ovunque tu sia stato

Google Maps, ovunque tu sia stato

Nuova funzione dimostra come le mappe della Grande G traccino gli spostamenti degli utenti. Per aiutarli anche a ricordare dove hanno parcheggiato la macchina
Nuova funzione dimostra come le mappe della Grande G traccino gli spostamenti degli utenti. Per aiutarli anche a ricordare dove hanno parcheggiato la macchina

Google ha messo a disposizione nel suo servizio di mappe una nuova funzione di cronologia , che permette di tener traccia di tutti i propri spostamenti.

Your Timeline

Per il momento l’opzione, che si chiama Your Timeline , è disponibile solo per alcuni utenti e solo nella versione desktop e nell’app Android di Google Maps. Tuttavia Big G ha già fatto intendere che progressivamente verrà estesa a tutti. Your Timeline permette di visualizzare su mappa tutti i propri tragitti, giorno per giorno, collegando eventualmente a questi anche le foto scattate in determinati luoghi e caricate su Google Foto.

Per rassicurare gli utenti circa le possibili questioni di privacy, Mountain View si è premurata di riferire che non si tratta di dati liberamente accessibili e che possono essere consultati solo dall’utente cui fanno riferimento. Rappresenta insomma di un servizio diverso da quel People Sense che starebbe sviluppando Microsoft e da Nearby Friends di Facebook, che mettono questi dati al servizio delle relazioni sociali.

Si tratta in ogni caso di dati già raccolti da Google e consultabili attraverso la funzione Location History : posizione geolocalizzata, spostamenti, tempi di percorrenza e via dicendo. Il livello di dettaglio – suggerisce Google tra l’orgoglioso e l’inquietante – arriva a poter aiutare l’utente a ricordare dove ha parcheggiato la macchina .

Comunque sia, la prima preoccupazione sollevata dal servizio va proprio naturalmente alla privacy, soprattutto perché Your Timeline rende esplicita e facilmente navigabile la quantità di dati che Mountain View controlla: dati (comprensivi dei propri spostamenti) che sono il prezzo da pagare per fruire di certi servizi.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 22 lug 2015
Link copiato negli appunti