Google nel calcio italiano

Gira in rete un'immagine molto significativa apparsa sugli spalti di una partita di calcio

Roma – Potrà certamente non piacere ai tifosi della Juventus, una delle più celebri squadre dei campionati italiani di calcio, ma la presa in giro della tifoseria avversaria apparsa sugli spalti nel corso di una partita non può non essere citata nelle cronache.

Si tratta all’apparenza della prima volta che la rete, in particolare Google, sbarca con un coup de théatre, e forse suo malgrado, tra i tifosi italiani, che lo hanno “usato” per un “banner” di enormi dimensioni e dal contenuto inequivocabile.

Pubblicata da Axell ecco qui sotto la fotografia dai contenuti “estremi” ma non per questo meno significativi:
Google sugli spalti

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • silvius scrive:
    Ma che fa l'attuale governo per il DTT?
    Per me ha solo voluto in questi due anni bloccare la situazione , frenando soprattutto i canali RAI che trainano la maggior parte dell'utenza televisiva. Una domanda mi sorge spontanea : Ma in sardegna , passata completamente al digitale , il sistema funziona oppure hanno gli stessi problemi riscontrati da Pagliero?
  • jetkid scrive:
    Ma cosa centra...?
    - Scritto da: Mauro Pagliero
    ... ...
    Su questo punto mi sono scontrato con
    l'Ispettorato Territoriale del Piemonte e Valle
    d'Aosta del Ministero delle Comunicazioni il
    quale sostiene, con tutta una serie di
    contraddizioni anche scritte, che i "miei"
    Gap-fillers: a) non possiedono le caratteristiche
    tecniche per essere considerati tali (pur essendo
    stata rispettata ogni specifica tecnica che li
    contraddistingue), b) irradiano segnali DVB-T
    anziché DVB-H, (ignorando che il DVB-H è un
    derivato del
    DVB-T).
    Tutto si riduce poi ad una vera e propria
    barzelletta quando, in una relazione redatta
    dallIspettorato Territoriale Piemonte e Valle
    dAosta del Ministero delle Comunicazioni
    prodotta al TAR del Piemonte, si legge
    testualmente: "I DUE SISTEMI CONCEPITI CON
    TECNOLOGIE DIVERSE, PER QUANTO NOTO A QUESTO
    ISPETTORATO, NON POSSONO COESISTERE ALL'INTERNO
    DELLE STESSO TRASMETTITORE, NON ESISTE CIOÈ UNA
    TECNOLOGIA MISTA, NON ESISTONO CIOÈ TRASMETTITORI
    TELEVISIVI IN GRADO DI EMETTERE INDIFFERENTEMENTE
    SEGNALI IN TECNICA DVB-H E IN TECNICA DVB-T ,
    COME INVECE INDICATO NEL RICORSO DELLA
    E21Se non sbaglio, il DVB-T è lo standard europeo per il digitale terrestre e il DVB-H per le trasmissioni digitali terrestri per gli smartphone.Ora, partendo da quanto citato della risposta del Signor pagliero, non capisco bene il problema... cosa centra lo standard H con le tv? il fatto che non possano esistere dei ripetitori ibridi (tipo H e tipo T) è un abbaglio preso dai tecnici del ministero delle comunicazioni? e poi cosa centra con il problema delle autorizzazioni? E in relazione alla E21? che cos'è la E21?
  • alemotr scrive:
    DTT Un grande IMBROGLIO!!!
    Io sono una vittima del "GRANDE BLUFF" DTT ordito da Berluska & co. A suo tempo comprai subito il decoder pensando di trovare qualcosa di simile al satellitare. Invece sono passati due anni e il numero di canali disponibili sono pochissimi, per paradosso sono più i canali a pagamento di mediaset e la7 che quelli liberi!?!?! Il lancio del DTT voluta dalla "BANDA BASSOTTO BERLUSKA" è stata un'altra operazione "AD PERSONAM", in quanto uscito malamente dal digitale satellitare a pagamento e rientrato con i canali DTT a pagamento senza uscire una lira di suo, dato che il DTT e finanziato con i soldi pubblici. L'italia e un paesa di santi, navigatori di BERLUSKI e di FESSI....Alemotr
    • pippo cizzo scrive:
      Re: DTT Un grande IMBROGLIO!!!
      sempre meno canali...da quando ho il DTT i canali sono sempre di più diminuiti...credo che sia uno dei più grandi pacchi di tutta la storia tecnologica recente
      • sazemaster scrive:
        Re: DTT Un grande IMBROGLIO!!!
        hahah ma c'è ancora gente che sta appresso alla televisione e a ste cagate come il DTT??
  • Mauro Pagliero scrive:
    solo la punta di un iceberg
    Il problema gap-filler è solo la punta di un iceberg che emerge da un mare di contraddizioni dovute alla miscellanea di interpretazioni personali, (purtroppo a volte troppo personali), di una legge che non c'è.
  • DuDe scrive:
    Da quello che ho capito
    Parrebbe che il problema sia nei gap-cosi, ossia secondo una normativa possono essere installati senza problemi secondo un'altra normativa bisogna chiedere autorizzazioni e via dicendo, in sostanza a causa della doppia normativa, sono dovuti tornare indietro, almeno mi sembra di aver capito questo
  • Mauro Pagliero scrive:
    per tutti da Pagliero
    Mi rendo conto di quanto la materia sia nuova e complicata, tanto dal punto di vista tecnico quanto dal punto di vista giuridico. Non basterebbe però un intero dossier, (come quello in preparazione per le azioni giusdizionali a tutela dei ns. diritti), per trattare l'argomento in modo completo. In sintesi le problematiche che mi hanno fatto "gettare la spugna" sono tre:la PRIMA riguarda l'attuale legislazione che autorizza, ed in parte finanzia, la sperimentazione della DTT (Digital Terrestrial Television) prevedendo la semplice conversione di un impianto analogico in digitale lasciando però agli operatori l'incombenza di fare il "miracolo", come se fosse all'ordine del giorno trasformare "l'acqua in vino".Tanto intelligente è stata l'idea di creare delle aree "all digital" per la sperimentazione quanto si è rivelato assente l'indispensabile dialogo con il Ministero delle Comunicazioni e relativi Organi Periferici per risolvere i problemi che giorno dopo giorno si sono presentati in tale manovra. In un bouquet digitale le informazioni numeriche devono essere univoche per essere decodificate da un set top box. La maggior parte dei decoder presenti in Valle d'Aosta sono "free to air", con un software obsoleto in grado di "leggere" solo alcune informazioni del DTT, e si "impallano" in presenza di codifiche più complete ed in continua evoluzione. Se poi si aggiunge il dato di fatto che la totale assenza di coordinamento sull'assegnazione dei pids (audio-video-mhp-txt-lcn) ha comportato il problema di far "impazzire" i decoders che, nel ritrovarsi il pid video del segnale di un'emittente identico per numerazione al pid audio trasmesso da un'altra, si completa la "frittata" ottenendo il risultato che l'utente stacca la scart del decoder e riattacca il vecchio vhs! la SECONDA riguarda le radici vere e proprie della tecnologia DTT, in base alla quale è possibile riutilizzare un medesimo canale irradiandolo da più postazioni, senza problemi di interferenze e completandone in modo capillare la copertura. Questa tecnologia, definita "SFN" (single frequency network), consente, riducendo la potenza dell'impianto principale (e quindi anche abbassando il livello di inquinamento elettromagnetico), di capillarizzare l'area di servizio attraverso l'introduzione di una serie di "Gap Fillers" (traduzione letterale "compilatore di buchi") che, con una potenza ERP molto ridotta, sullo stesso canale e nella stessa area di servizio, vanno a completare la copertura dell'impianto principale, ottimizzando inoltre anche la ricezione mobile e indoor.Su questo punto mi sono scontrato con l'Ispettorato Territoriale del Piemonte e Valle d'Aosta del Ministero delle Comunicazioni il quale sostiene, con tutta una serie di contraddizioni anche scritte, che i "miei" Gap-fillers: a) non possiedono le caratteristiche tecniche per essere considerati tali (pur essendo stata rispettata ogni specifica tecnica che li contraddistingue), b) irradiano segnali DVB-T anziché DVB-H, (ignorando che il DVB-H è un derivato del DVB-T).Tutto si riduce poi ad una vera e propria barzelletta quando, in una relazione redatta dallIspettorato Territoriale Piemonte e Valle dAosta del Ministero delle Comunicazioni prodotta al TAR del Piemonte, si legge testualmente: "I DUE SISTEMI CONCEPITI CON TECNOLOGIE DIVERSE, PER QUANTO NOTO A QUESTO ISPETTORATO, NON POSSONO COESISTERE ALL'INTERNO DELLE STESSO TRASMETTITORE, NON ESISTE CIOÈ UNA TECNOLOGIA MISTA, NON ESISTONO CIOÈ TRASMETTITORI TELEVISIVI IN GRADO DI EMETTERE INDIFFERENTEMENTE SEGNALI IN TECNICA DVB-H E IN TECNICA DVB-T , COME INVECE INDICATO NEL RICORSO DELLA E21Ma ci si vuole rendere conto, una volta per tutte, del rischio che corrono le aziende nel mettere i propri investimenti nelle mani di questi soggetti? In tutto il mondo, anche in quello non all-digital si scrive e si parla di tecnologia DVB, di modulazione mista, gerarchica, dedicata, DVB-T/DVB-H, e noi, IN ITALIA, abbiamo professori che fanno i sermoni su ciò che esiste e non esiste senza sapere di cosa parlano??? No grazie, io non metto le mie aziende nelle mani di questi soggetti!!! la TERZA, ben più grave, è l'interrogativo che mi sono posto in questi ultimi mesi. Questi problemi derivano da una volontà politica di frenare il vero sviluppo e la vera sperimentazione del digitale terrestre anche nelle aree "all-digital" o semplicemente dall'ignoranza tecnica riscontrata nel settore DTT? A seguito delle prime "incomprensioni" nate con l'Ispettorato Territoriale del Piemonte e Valle d'Aosta, ogni mia comunicazione scritta è stata inviata per conoscenza ad una serie di soggetti che si sono dimostrati latitanti. Assente anche ogni riscontro del Servizio Ispettivo e Registro dell'Autorità per le Garanzie nelle Telecomunicazioni alla quale era stata inviata, prima specifica richiesta sulla legittimità dell'attivazione dei così detti "gap-fillers", e poi regolare comunicazione di censimento dei Gap-Fillers stessi che ora, a distanza di oltre un anno dalla loro attivazione, mi vengono contestati.
    • Galileo Galilei scrive:
      Re: per tutti da Pagliero
      Cito:"La maggior parte dei decoder presenti in Valle d'Aosta sono "free to air", con un software obsoleto in grado di "leggere" solo alcune informazioni del DTT, e si "impallano" in presenza di codifiche più complete ed in continua evoluzione."quindi se invece che usare degli scatolotti "stupidi" si fosse usato un sistema diverso, magari aggiornabile, una parte dei problemi si sarebbe risolta?Giusto?
      • Mauro Pagliero scrive:
        Re: per tutti da Pagliero
        Quegli "scatolotti stupidi" sono aggiornabili, ma se manca un dialogo costruttivo con le case costruttrici sulle necessità di up-grade vengono abbandonati. Tieni presente che Mediaset distribuisce propri decoder con software proprietario e case produtrici come Nokia e Thomson hanno rinunciato alla produzione dei set top Box! Noi abbiamo cercato, ed in parte eravamo riusciti, a far trasmettere gli aggiornamenti anche per i vecchi decoder che avevano ripreso a far vedere qualcosa.
        • ciliani scrive:
          Re: per tutti da Pagliero

          e case produtrici come Nokia e
          Thomson hanno rinunciato alla produzione dei set
          top Box!Ma come, il DDT e' la tecnologia bellissima del futuro e due colossi come Nokia e Thomson ci rinunciano? Ma non sara' che il DDT non funziona ed e' gia' morto ed e' il solito imbroglio per far cacciare quattrini al consumatore in attesa di passare tutti sul satellite?Oppure vogliamo dire che Nokia e Thomson sono degli stupidi e non hanno fiutato l'affarone?Con il satellite e internet il DDT non ha senso, un decoder satellitare costa meno di un decoder ddt. Un satellite copre un continente, altro che gap-fillers.
          • Abusivo scrive:
            Re: per tutti da Pagliero

            Ma come, il DDT e' la tecnologia bellissima del
            futuro e due colossi come Nokia e Thomson ci
            rinunciano?Colossi un paio di ciufoli. Nella tecnologia dei Set-Top box Nokia, Thomson e Philips sono degli outsider.Ti dice niente il marchio Pace?
            Con il satellite e internet il DDT non ha senso,
            un decoder satellitare costa meno di un decoder
            ddt. Un satellite copre un continente, altro che
            gap-fillers.E dàlli! Togliamo internet dall'equazione, stiamo parlando di broadcasting digitale!Un STB Sat e uno Terrestre sono uguali, cambia solo il tuner, non c'è ragione per differenze di prezzo.Il DVB-T non è in concorrenza con il satellite, è il rimpiazzo della TV analogica. Se vuoi trasmettere un TG regionale in Val d'Aosta non affitti un transponder su Hot Bird. Sai quanto costa?
          • ciliani scrive:
            Re: per tutti da Pagliero

            Il DVB-T non è in concorrenza con il satellite, è
            il rimpiazzo della TV analogica. Se vuoi
            trasmettere un TG regionale in Val d'Aosta non
            affitti un transponder su Hot Bird. Sai quanto
            costa?Probabilmente hai ragione, ma sul satellite free-to-air e' pieno di telelombardia di sotto, telepugliachannel di sopra e altre emittenti che mi sembrano locali e senza grandi mezzi.
          • Abusivo scrive:
            Re: per tutti da Pagliero
            Come faccia TizianaSat a stare su un trasponder di HotBird, seppure con una banda così ridicola, è un mistero che mi assilla da anni...
          • bubba scrive:
            Re: per tutti da Pagliero
            - Scritto da: Abusivo
            Come faccia TizianaSat a stare su un trasponder
            di HotBird, seppure con una banda così ridicola,
            è un mistero che mi assilla da
            anni...aggiungiamo anche che canali stile telepugliachannel di sopra hanno il 75% della programmazione di televendite e di hotline porniche... sara' forse xche pagare il transponder costa parecchio? :P idealmente veicolare via DTT (a regime=+ canali dove ora ne trasmette 1 solo) dovrebbe costare parecchio di meno
          • Vodafone: portafogli vuoto garantito scrive:
            Re: per tutti da Pagliero
            - Scritto da: ciliani

            e case produtrici come Nokia e

            Thomson hanno rinunciato alla produzione dei set

            top Box!

            Ma come, il DDT e' la tecnologia bellissima del
            futuro e due colossi come Nokia e Thomson ci
            rinunciano?Si chiama DTT. Digital terrestrial television. Almeno impara l'inglese. O vuoi fare il beota a vita?Quanto ai tuoi colossi, sapevi che persino MacDonald ha deciso di non produrre decoder? E sapevi che persino Armani ha deciso di non produrre decoder?E, ultimamente, anche la Sony ha deciso di non produrre materassi: pesano troppo.Mettiamo in chiaro: ognuno è bravo a fare alcune cose e non altre. La Nokia fa ottimi cellulari. Ma sui decoder non se la cava bene. E non fa decoder. Li faceva, non li fa più, nonostante la Finlandia sia già tecnologicamente tutta in digitale terrestre.Stesso discorso per la Thomson.Le marche importanti sul digitale terrestre sono ben altre. Sono la ADB, la Humax, la Telesystem. Vuoi un buon decoder? A queste marche devi rivolgerti.Non certo alla Nokia.
            Ma non sara' che il DDT non funziona ed e' gia'
            mortoE su quale base? Pensa che tra pochi mesi tutti gli Stati Uniti adotteranno il digitale terrestre. Più che morto è appena sbocciato.
            Oppure vogliamo dire che Nokia e Thomson sono
            degli stupidiNon che la Nokia faccia sempre tutto perfetto...diresti mai che la Microsoft abbia fatto un buon affare con lo Zune? Eppure è la Microsoft, non Bau Bau Micio Micio.La Nokia si è focalizzata su quel che sa fare meglio.
            Con il satellite e internet il DDT non ha sensoL'Inghilterra è uno dei primi mercati per il sat e per l'adsl, nonché per la telefonia mobile. Eppure anche l'Inghilterra sta passando al digitale terrestre. In Inghilterra, Sky sta addirittura producendo per il digitale terrestre, visto che su sat non riesce ad accalappiare nuovi clienti. O Sky è stupida, oppure tu hai qualche conoscenza che Sky non ha.,
            un decoder satellitare costa meno di un decoder
            ddt. Un satellite copre un continente, altro che
            gap-fillers.
    • Dario Carta scrive:
      Re: per tutti da Pagliero
      Chiedo scusa se mi permetto: ma le vostre aziende che investono in questo tipo di "fallimento", non hanno una regolamentazione su cui basarsi? Voglio dire: prima di investire non viene fatta da voi una valutazione sui potenziali rischi e uno studio analitico sulle falle tecnologiche formali, burocratiche e pratiche?Quello che mi sembra assurdo è che si sia avviato un progetto, con il vostro consenso, senza aver chiaro ciò su cui si stava investendo.Possibile che ve ne siate resi conto solo dopo?Questo non mi è chiaro.Per il resto, capisco i problemi che vi si presentano ora e responsabilmente anche io, avessi perdite dovute ad un investimento sbagliato, mi comporterei allo stesso modo.Quello che posso dire è che tutta la storia del DTT è stata sparata in piazza troppo velocemente. Che ho visto la famiglia Berlusconi lucrarci su un bel po' e che ho visto un ex-ministro Gasparri non aver nemmeno idea di ciò che stava proponendo. Se da non-imprenditore tutto questo poteva essere quantomeno sospetto, credo che da imprenditore sarebbe stato assolutamente sconsigliabile l'investimento.Certo che a fronte di un rischio del genere, ci possono essere state "certezze" che hanno convinto le imprese a passare al DTT. Questa è l'unica spiegazione che mi so dare.Saluti,DarioD.
    • picchiatello scrive:
      Re: per tutti da Pagliero
      - Scritto da: Mauro Pagliero mi vengono
      contestati.Ringrazio Mauro Pagliero per la risposta, e per avere scelto di avere un colloquio franco con i frequentatori di questo forum, merita di essere pubblicata sugli articoli di P.I.
      • Mauro Pagliero scrive:
        Re: per tutti da Pagliero
        - Scritto da: picchiatello
        - Scritto da: Mauro Pagliero
        mi vengono

        contestati.

        Ringrazio Mauro Pagliero per la risposta, e per
        avere scelto di avere un colloquio franco con i
        frequentatori di questo forum, merita di essere
        pubblicata sugli articoli di
        P.I.Credetemi, in questo forum, in poche ore, ho trovato più gente pronta a confrontarsi di quanto ne abbia trovata presso la Pubblica Amministrazione in un anno.Ognuno di Voi esprime un parere degno di attenzione e di risposta. Purtroppo mi diventa difficile trovare il tempo di rispondere a tutti nel dettaglio ma cercherò di farlo nelle prossime ore notturne.Mi limito per ora ad indurVi alle seguenti riflessioni:Stiamo parlando di sperimentazione, è quindi naturale che in questa fase vengano alla luce i problemi connessi alla nuova tecnologia, ciò che è deleterio è lessere poi bloccati dallo stesso Ministero delle Comunicazioni che, evidentemente senza prima conoscerne gli aspetti, questa sperimentazione la ha promossa;La sperimentazione avviene in area definita all digital, su di un territorio che conta circa 120.000 abitanti, di conseguenza, non si può certo parlare di speculazione economica o di ritorni di mercato.Per le emittenti che rappresento gli investimenti erano mirati ad acquisire e sviluppare, (non a tavolino ma sul territorio), tutta quella esperienza necessaria da esportare anche nei nostri progetti legati a Piemonte e Lombardia.
    • Abusivo scrive:
      Re: per tutti da Pagliero
      Non dò la croce addosso a lei, Paglieri. Anzi, grazie per questo confronto.Ma il DTV, come dicono in molti qui, è "vecchio". Perché in Italia "sperimentiamo" tecnologie che altrove sono la norma?Perché chi ha fatto i regolamenti non ha parlato con qualche tecnico per stilare qualche linea guida invece di lasciare tutti liberi di scoprire l'acqua calda?Credo di avere appena risposto alla domanda "perché Pagliero è tornato indietro all'analogico"...
    • Golia scrive:
      Re: per tutti da Pagliero
      Grazie per la spiegazione.Con questo post l'articolo è decisamente più chiaro.
    • Marcello Romani scrive:
      Re: per tutti da Pagliero
      Vorrei solo puntualizzare che la traduzione letterale di "Gap Fillers" non è "compilatori di buchi" ma "riempitore di lacune".
  • Pinco Pallino qualsiasi scrive:
    Per la redazione
    Scusate, capisco la difficoltà del vostro lavoro, ma non credete che rendere comprensibile a tutti i concetti espressi dagli esperti ne sia la parte più utile e probabilmente gratificante, oltre che professionale?Dopo i commenti sulla scarsa comprensibilità dell'articolo precedente sullo stesso argomento mi sarei aspettato un maggior sforzo di spiegare i concetti sottostanti in questo.Giusto per capirci:Cos'è un gap filler?Cosa dice (in parole povere) la normativa nuova? E quella vecchia?Qual'è l'interpretazione che gli operatori (nuovi) si aspettano? Qual'è l'interpretazione che viene invece fatta? Chi avvantaggia? Perchè?...
  • NoOne scrive:
    Gap-fillers
    http://www.crit.rai.it/eletel/2002-1/21-contents.htm" The present article describes the tests carried out at the CRIT premises related to the DTT portable indoor reception and the evaluation of the in-band gap-fillers used to significatively improve the reception quality in those building areas which are scarcely covered by the DVB-T service."Morale: lo switch-off dell'analogico e (cito dall'autore)"Purtroppo lo scoraggiante "muro di gomma" sul perdurare dell'applicazione della lacunosa e vecchia materia legislativa che nulla diceva sui "gap-fillers", unita all'interpretazione "restrittiva" della recentissima normativa che, al contrario, legittima l'installazione degli stessi senza preventiva richiesta"sta a significare che di fatto NON si sta concedendo (come si dovrebbe) l'installazione *senza preventiva richiesta e autorizzazione* di ripetitori/amplificatori per il DTT rendendo di fatto minore la copertura rispetto all'analogico.Ecco perchè il sistema è "a paredere": i costi pubblicitari sono in proporzione alla copertura di utenti che il sistema è in grado di raggiungere.Totale: soldi spesi (investimenti) e meno copertura (=meno entrate dalle pubblicità). Bello! Italian Style
    • JLopez scrive:
      Re: Gap-fillers
      Ecco, se è così, la cosa assume un senso finalmente.Grazie!
    • Kubel76 scrive:
      Re: Gap-fillers
      Quindi il motivo della decisione risiede nel fatto che per i installare i ripetitori sono costretti a chiedere il permesso (quindi con tutti i problemi annessi di "non vogliamo l'antenna che fa male al condominio") o perchè sono costretti a pagare per poterli installare ?
      • NoOne scrive:
        Re: Gap-fillers
        Se ho ben capito si tratta della burocrazia che continua a non lasciare installare questi ripetitori necessari a parificare la copertura con il segnale analogico, nonostante (pare!) non ci sia bisogno di autorizzazioni. E' un "nonsenso italiano". Hai presente il: "la Legge non ammette ignoranza"? Perchè se non posso essere un ignorante non mi danno una laurea in Legge?Sulle esposizioni o rischi per la salute non posso entrare nel merito. A occhio posso solo dire che le frequenze del digitale terrestre sono prossime o identiche all'analogico (se non erro... eventualmente correggetemi) per cui a parità di potenza di uscita e di frequenza non vi è nessuna differenza rispetto all'irraggiamento elettromagnetico che subiamo ora.
    • entromezzanotte scrive:
      Re: Gap-fillers
      Concordo che da entrambi articoli si capisce veramente poco(tante parole, poco di concreto).Cosa sono i gap-filters ? Come funzionano ?Dove vanno installati ? Sulle proprietà di chi ?Quale normativa li blocca ? Perché ?
  • hjkhjk scrive:
    da utente: NO DRM
    da utente dico solo che resisterò fino all'ultimo al digitale e forse poi non lo metterò, abbandonando la tv.perchè?perché ci vogliono impedire di videoregistrare, ecco perché. Ci vogliono togliere il controllo e imporre orari, palinsesti, visione di pubblicità (vedi quegli orrendi bannerini ora...) io ormai videoregistro e guardo il giorno dopo, mi gestisco io il tempo della pubblicità (e giuro che qualcuna la guardo perchè mi incuriosisce) se vogliono il controllo, che se lo tengano, tutto quanto.
    • Vodafone: portafogli vuoto garantito scrive:
      Re: da utente: NO DRM
      - Scritto da: hjkhjk
      da utente dico solo che resisterò fino all'ultimo
      al digitale e forse poi non lo metterò,
      abbandonando la
      tv.

      perchè?
      perché ci vogliono impedire di videoregistrare,Non mi sembra proprio.Sky mette molti vincoli, ma su dtt (mediaset premium inclusa) si registra senza alcun problema. Registrare una trasmissione televisiva non è reato. E su dtt si registra senza problemi.
      imporre orari, palinsesti, visione di pubblicitàNon per dire, ma la pubblicità è imposta pure su internet.Puoi pure eliminarne parte, ma non tutta.Poi che hai contro la pubblicità?E' l'unico modo per ottenere qualcosa gratis.Non sei obbligato a comprare quello che vedi in tv!
      • Abusivo scrive:
        Re: da utente: NO DRM

        Non mi sembra proprio.
        Sky mette molti vincoli, ma su dtt (mediaset
        premium inclusa) si registra senza alcun
        problema.Forse hjkhjk si riferiva al fatto che possono infilarci un bel Macrovision quando vogliono.Ma è come opporsi alla diffusione dell'automobile perché qualcuno potrebbe utilizzarla per fare una rapina.
        • Vodafone: portafogli vuoto garantito scrive:
          Re: da utente: NO DRM

          Forse hjkhjk si riferiva al fatto che possono
          infilarci un bel Macrovision quando
          vogliono.
          Ma è come opporsi alla diffusione dell'automobile
          perché qualcuno potrebbe utilizzarla per fare una
          rapina.Quello è un rischio di qualsiasi cosa che esista in digitale... Non è cosa ristretta al dtt (su cui al momento non c'è nessuna restrizione e si può passare tutto da tv a computer e a dvd recorder come si vuole.Semmai è Sky a porre limitazioni, ma lì siamo al monopolio...monopolio che è persino riuscito ad imporre una tassa mensile sulla possibilità di registrare i programmi via mysky... roba da folli. E la gente abbocca.
          • gerry scrive:
            Re: da utente: NO DRM
            - Scritto da: Vodafone: portafogli vuoto garantito
            Semmai è Sky a porre limitazioni, ma lì siamo al
            monopolio...monopolio che è persino riuscito ad
            imporre una tassa mensile sulla possibilità di
            registrare i programmi via mysky... roba da
            folli. E la gente
            abbocca.ehmmm.... non sono soli... http://rivideo.mediaset.it/ :$
    • Guido Iodice scrive:
      Re: da utente: NO DRM
      Per i DRM vedi qui: http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2080101
  • Rododendro scrive:
    Scusa Pagliero....
    ... ma con tutta la buona volonta', francamente non si capisce UBM (*).Il pubblico che ti legge vorrebbe capire qualcosa dalla tua esperienza negativa. Per esempio, vorrebbe capire se vale la pena di investire anche solo 90 euro per comprare un decoder, se poi aziende come la tua (che avevano fatto di tutto per convincere l'utenza a passare al digitale) si tirano indietro.Che me ne faccio del DTT ? Ci vedo, a pagamento, le partite che prima non vedevo neanche gratis ?Di cosa ti lamenti, di preciso? Che, nonostante i soldi investiti, hai trovato ostacoli normativi insormontabili, sia nella legge di prima che in quella attuale?(*) UBM=Una Beata Mazza
    • interceptor scrive:
      Re: Scusa Pagliero....
      Concordo con Rododendro.Ci ho capito poco anch'io.Mi riservo di leggerlo con più calma...Saluti
    • Zoolander scrive:
      Re: Scusa Pagliero....
      Concordo, non è affatto chiaro il motivo del ritorno all'analogico.
    • Lillo scrive:
      Re: Scusa Pagliero....
      Io credo che non ne possa parlare apertamente.Io sono convinto che il DTT come è configurato in Italia sia ad uso e abuso dei soli RAI, Mediaset e un paiod i altre figure.
  • demi scrive:
    non si capisce niente
    dopo la prima notizia dove non si capiva il motivo del ritorno all'analogico, molti avevano chiesto un approfondimento. Oggi PI pubblica un'altra notizia/lettera, ed ancora una volta non si capisce bene il motivo del ritorno all'analogico.Se deve rimanere un mistero, ditelo, almeno me ne faccio una ragione... ma se noi comuni mortali potessimo ottenere una spiegazione logica, sarebbe cosa assai gradita.
    • Mimmo scrive:
      Re: non si capisce niente
      - Scritto da: demi
      dopo la prima notizia dove non si capiva il
      motivo del ritorno all'analogico, molti avevano
      chiesto un approfondimento.Si capiva benissimo gia' allora: (Il ministero) attraverso i propri organi periferici, costringe gli operatori locali a lavorare secondo l'interpretazione di una legge scritta esclusivamente per l'emissione analogica e che di fatto ne impedisce lo sviluppo e la sperimentazione. Dove non e' chiaro?
      Oggi PI pubblica un'altra notizia/lettera, ed
      ancora una volta non si capisce bene il motivo
      del ritorno all'analogico.Ecco il motivo, uguale a quello gia' scritto:il perdurare della vecchia legge. La vecchia legge non dice nulla delle scelte che possono portare all'innovazione. A questa si aggiunge una interpretazione "restrittiva" della recentissima normativa. Per cui chi vuole innovare si trova bloccato dalle vecchie leggi e dalle nuove interpetate in maniera poco elastica.
      Se deve rimanere un mistero, diteloRimarra' sempre un mistero se non sai comprendere i periodi lunghi. Se non comprendi una frase spezzala.
      • pinco pallino qualunque scrive:
        Re: non si capisce niente
        - Scritto da: Mimmo[CUT]
        Si capiva benissimo gia' allora:

        (Il ministero) attraverso i propri organi
        periferici, costringe gli operatori locali a
        lavorare secondo l'interpretazione di una legge
        scritta esclusivamente per l'emissione analogica
        e che di fatto ne impedisce lo sviluppo e la
        sperimentazione.

        Dove non e' chiaro?[CUT]Non è chiaro che cosa dica la legge per costringerli a non usare il dtt.Non era chiaro prima e non è chiaro adesso.Non è che PI si stia adeguando al "tanta fuffa" che trasmettono in tv?Spero che la mia sia solo una ipotesi malsana.
        • Koala scrive:
          Re: non si capisce niente
          - Scritto da: pinco pallino qualunque
          - Scritto da: Mimmo
          [CUT]

          Si capiva benissimo gia' allora:



          (Il ministero) attraverso i propri organi

          periferici, costringe gli operatori locali a

          lavorare secondo l'interpretazione di una legge

          scritta esclusivamente per l'emissione analogica

          e che di fatto ne impedisce lo sviluppo e la

          sperimentazione.



          Dove non e' chiaro?
          [CUT]

          Non è chiaro che cosa dica la legge per
          costringerli a non usare il
          dtt.
          Non era chiaro prima e non è chiaro adesso.

          Non è che PI si stia adeguando al "tanta fuffa"
          che trasmettono in
          tv?
          Spero che la mia sia solo una ipotesi malsana.in tv solo veline maffigurati
      • Vodafone: portafogli vuoto garantito scrive:
        Re: non si capisce niente

        Si capiva benissimo gia' allora:Come no...
        Dove non e' chiaro?Tutto l'ultimo paragrafo a me è incomprensibile.Un minimo di spiegazione non credo ci sarebbe stato male...Esattamente cosa della vecchia legislazione per l'analogico dà problemi?
      • CarCarlo scrive:
        Re: non si capisce niente
        In verità qualche esempio esplicativo per i non addetti (come me) non ci starebbe male.Mi sembra di capire che tutto si riduca all'esistenza di due norme, una recente (e restrittiva), e una precedente ma ancora in vigore che però non tratta un particolare argomento ossia i "gap-fillers".Ma cosa sono i "gap-fillers"? Forse se si capisse questo si capirebbe anche il nocciolo del problema.Da Google scopro che:"I Gap-Fillers sono dispositivi ripetitori in bassa potenza sviluppati per i segnali digitali COFDM (il segnale che usa il sistema DTT n.d.r) in cui i canali di ingresso e di uscita sono gli stessi"e che:"attraverso l'installazione di questi Gap-Fillers vieneritrasmesso il segnale del ripetitore principale, verso le zone del territorio non coperte, permettendo a tutti i cittadini di ricevere correttamente i canali e/o i servizi erogati."In sostanza la solita cozzaglia di leggi dello stato italiano emanate da quella massa di rubasoldi che si chiamano "onorevoli", teoricamente"vuole portare vantaggi in termini di pluralità dellinformazione, moltiplicazione dellofferta in termini di canali, contenuti, informazione ecc. ecc. ecc. attraverso un uso razionale dello spettro quale consente il sistema DTT" ma praticamente impedisce che il segnale possa arrivare alle case delle persone.Ora comincio a capire qualche cosa pure io.Ciao.
      • Zoolander scrive:
        Re: non si capisce niente
        - Scritto da: Mimmo
        Si capiva benissimo gia' allora:

        (Il ministero) attraverso i propri organi
        periferici, costringe gli operatori locali a
        lavorare secondo l'interpretazione di una legge
        scritta esclusivamente per l'emissione analogica
        e che di fatto ne impedisce lo sviluppo e la
        sperimentazione.

        Dove non e' chiaro?Primo, non è affatto chiaro il perché impedisce il digitale: a casa mia dire solo che "impedisce lo sviluppo e la sperimentazione" non equivale affatto spiegare *perché* "impedisce lo sviluppo e la sperimentazione".Secondo, per lo stesso motivo (che non e' ancora dato sapere) non avrebbe neanche dovuto cominciare a trasmettere in digitale, ed invece le due tv erano completamente passate al digitale, e solo dopo sono tornate all'analogico.
  • picchiatello scrive:
    Sembra solo a me ...
    Sembra solo a me o l'utima parte della lettera: "Purtroppo lo scoraggiante "muro di gomma" sul perdurare dell'applicazione della lacunosa e vecchia materia legislativa che nulla diceva sui "gap-fillers", unita all'interpretazione "restrittiva" della recentissima normativa che, al contrario, legittima l'installazione degli stessi senza preventiva richiesta, si è ultimamente trasformato in un dannoso, insormontabile ed intollerabile scoglio, che ha reso necessaria la pur dolorosa scelta di abbandonare le trasmissioni in tecnica digitale ed il relativo sviluppo, con ritorno alle trasmissioni analogiche."e' un cicinin nebulosa...?
    • Ebolo scrive:
      Re: Sembra solo a me ...
      Incredibilmente rimane nebulosa anche dopo aver capito cosa è un "gap-filler" !!!Non saprei mi viene in mente che sia collegato al discorso fatto in precendenza sui rapporti con le grandi televisioni... ma non è chiaro.Ebolo.
    • Ebolo scrive:
      Re: Sembra solo a me ...
      http://millecanali.it/mc/newseventi/news/dettaglio/index.asp?id=21897Qui c'è qualcosa sulle leggi....ma ancora mi manca qualcosa per capire cosa lo ha convinto a mollare...Ebolo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 ottobre 2007 01.55-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti