Google, quello che gli utenti amano

Nuovo sito che accorpa tutti i servizi di BigG in un'unica pagina. Come a dire che tutte le ricerche portano a Google

Roma – Google ha esordito senza clamori con una nuova idea di sito, wdyl.com : con esso sembra voler creare “un’interfaccia utente unica per cercare su più canali”.

L’home dell’indirizzo www.wdyl.com mostra la frase “Cosa Ami?” ( What Do You Love? , wdyl) e la consueta semplicità di design di Mountain View.

Usando il search box e cliccando sul pulsante in blu con un cuore, il servizio cerca dei termini inseriti contemporaneamente la traduzione su Google Translate, i libri sull’argomento presenti su Google Books, i video di YouTube, offerte di acquisti ad essi legati via Product Search e ancora immagini su Image, dati su Google Trends ed eventuali localizzazioni su Google Maps. Inoltre risultati sono disponibili per Moderator, Patent Search, Blog Search e gli altri servizi offerti da Moutain View. Infine, c’è la possibilità di scaricare Earth e vengono forniti i link a Calendar, Gmail, Groups e Alert.

Ad ognuno dei servizi cui è associata la ricerca è riservato un box navigabile e ingrandibile senza lasciare la pagina con i risultati .

Data l’estrema estensione dei campi di ricerca, il migliore effetto del servizio è dato dai termini generici: con “cioccolato”, per esempio, vengono proposte immagini allettanti, brevetti legati alla sua lavorazione, l’indicazione di offerte online di cioccolatini et similia , cioccolaterie individuate su Google Maps, la traduzione del termine in varie lingue, nonché libri e video sul dolce argomento.

In generale e soprattutto, però, la pagina rappresenta una sorta di vetrina per i servizi di Mountain View: ogni riquadro mette a disposizione un pulsante per raggiungere l’indirizzo del singolo servizio di Google.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • StefanoAI scrive:
    NO alla censura http://agcdm.com
    Con i tempi che corrono meglio conoscere quali sono i mezzi che dovremo utilizzare per navigare nella rete senza censura.http://agcdm.com
    • ruppolo scrive:
      Re: NO alla censura http://agcdm.com
      - Scritto da: StefanoAI
      Con i tempi che corrono meglio conoscere quali
      sono i mezzi che dovremo utilizzare per navigare
      nella rete senza
      censura.
      http://agcdm.comE se poi qualcuno in divisa suona alla porta del civico 5 di via Pompeo?
  • Davide277 scrive:
    Legge fascista
    ma che bravi tenere unalegge fascista superata ormai è da riscrivere da anni sono vecchie quelle norme non più applicabileAh già siamo in Italia succede questo e atlro
  • enriker scrive:
    regolamentare meglio il diritto d'autore
    Bisogna anche regolamentare meglio il diritto d'autore (oltre a pensare al controllo), insomma penso che con questa tutela di legge non si può pretendere di avere una rendita vitalizia sempre sullo stesso lavoro, ci devono essere dei limiti temporali. Bisogna limitare anche gli intermediari (che sono troppi) che non c'entrano con chi ha creato l'opera.Alcuni esempi: se compro un DVD poi per avere anche una file per il lettore MP4 lo devo compare di nuovo (i DVD sono protetti, è illegale levare la protezione, quindi dopo averlo acquistato non possono convertire il video in un altro formato per mio uso personale!!!), vi pare giusto pagare un diritto d'autore due volte solo per avere lo stesso film in un altro formato!!Se pago i diritti del film pagando il biglietto al cinema perchè non ho il diritto di averne una copia su DVD o un file (quante volte devo pagarlo il diritto d'autore!!)
  • aw4y scrive:
    evolviamoci!
    Gentile Maurizio Ascione,in una parola: EVOLUZIONE.Mi dispiace per i gestori delle videoteche tanto quanto mi dispiace che non ci siano piu quelli che ferrano i cavalli, scomparsi dopo l'avvento di una strana tecnologia "pirata": l'automobile.Evolviamoci, gli amanuensi se la saranno presa a morte con Gutenberg, ma insomma...le cose vadano come devono andare!
  • Maurizio Ascione scrive:
    la rete
    Salve, ringrazio Marco Calamari per il suo scritto sulla situazione che si sta vivendo in italia. Vorrei precisare che sono contro alla censura, perche limita la volontà e libertà dell'individuo, ma vorrei darvi un input. Fino a qualche anno fa piu di 800.000 persone mangiavano con il videonoleggio e cinema. tra videotecari, distributori, grossisti vari industria produzione macchine, gestionali e quant'altro, per un semplice capriccio dei piu ad oggi sono rimasti senza lavoro. Molti di voi potrebbero dire si è una cavolata, perchè i soldi se li sono fatti. No ragazzi le cose non funzionano cosi. In Italia tutte le videoteche e cinema pagano una siae molto elevata e pesante proprio per il il diritto d'autore. Vi sembra giusto che noi paghiamo un film che poi verrà piratato gratuitamente piu di 70 ? ragazzi in italia si è abbusato di un sistema che permetteva la condivisione di file. Negli altri stati del nord dove i livelli di servizio della banda larga superano alla grande quelli in italia le statistiche di chi usa p2p e streaming sono sempre di piu in calo, come mai? forse perchè sono consapevoli che scaricare o visionare film opere in generale d'autore senza retribuirne il titolare di diritti, poteva essere un'arma che si ritorceva contro ai stessi utenti.Chi è quel folle che oggi farebbe del suo mestiere la vendita o distribuzione di musica? come mai non c'è un grande ricambio del mondo musicale e cinematografico? forse perche per gli investitore non vale la pena buttare soldi in una economia in perdita!!! ultima news anche la nostra amata Cine Città sta per chiudere, cosa vi sentite di dire alle famiglie dei carpentieri e operai che lavorano li? a voi i commenti e spero di aver suscito un po di domande.
    • Picchiatell o scrive:
      Re: la rete
      - Scritto da: Maurizio Ascioneegregio ha presente tutte le presenti/future piattaforme di vendita legale online di film-canzoni-ebook magari ...?al di la della pirateria vi hanno fregato alla grande vendendovi negozi materiale ect ect ect che non sarete in grado di ammortizzare...con un ricarico del 200-300% rispetto alla grande distribuzione ed hanno fatto benissimo...
      • Maurizio Ascione scrive:
        Re: la rete
        io parlavo di tutte quelle attività che sono li da tempo, molto tempo. Sono a conoscenza della vendita legale di materiale audio/video e libri e tutto il resto, e dico di piu. Ad oggi lavoro ad un progetto, diventado wisp ovvero un Internet service provider in wireless copro piu di 10 comuni della mia provincia. So dunque come funziona la rete, e l'utilizzo che se ne fa. Posso affermare che il malcostume della pirateria porta una perdita commerciale di fatturato di tutto il comparto di miliardi. Diamo per scontato che le videoteche andavano a morire, ma cosa mi dite di tutti quei dipendenti che fanno parte dell'industria specializzata di produzione? sappiate che la televisione, una parte del cinema italiano, una volta anche il cinema estero, comunque tutte quelle persone che fine stanno facendo? lo streaming legale se ci pensate darebbe anche a loro da vivere no? e quello piratato? anche io ho scaricato qualche film, ma opere che in commercio non trovavo più e allora sono andato sul messo p2p. Cio non toglie che la filosofia di internet è tra le piu democratiche che il mondo possa avere, ma proprio per questo difficile da mantenere. Ricordiamoci che esiste una intrinseca auto regolamentazione nel web. I ragazzi che si muovono dietro il mondo open source sanno che la loro licenza permette la libera diffusione di questi progetti, e molti progetti open vengono poi sviluppati anche da aziende. questo è un mondo democratico e di civile convivenza. Abusare del "sacro fuoco della conoscenza " ovvero il web porta a scottarsi. approvo dunque una forma di censura che blocchi dei comportamenti che portano discapito alla societa. p.s. pubblico anche la mia paura che una forma di censura non gestita bene porterebbe a delle gravi forme di dittatorialità, esempio "cina" o tutti gli stati dell'africa in rivoluzione. Unico solievo so che ci sono dei ragazzi, super-eroi che vengono chiamati hacker, che controllano e divulgano l'informazione. Sappiate che il vero hacker ha delle regole di umanita ed ugualianza, di voglia di sapere e di essere libero. il resto io li chiamo solo navigatori.
        • Joe Tornado scrive:
          Re: la rete
          Dei commenti equilibrati ... strano ! Di solito ci si presenta qui chiedendo il taglio delle mani per i pirati.
          • luppolo scrive:
            Re: la rete
            - Scritto da: Joe Tornado
            Dei commenti equilibrati ... strano ! Di solito
            ci si presenta qui chiedendo il taglio delle mani
            per i
            pirati.ai quali i pirati NON rispondo MAI, perchè non sanno su che specchi arrampicarsi... :D
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: la rete

      Salve, ringrazio Marco Calamari per il suo
      scritto sulla situazione che si sta vivendo in
      italia. Vorrei precisare che sono contro alla
      censura, perche limita la volontà e libertà
      dell'individuo, ma vorrei darvi un input. Fino a
      qualche anno fa piu di 800.000 persone mangiavano
      con il videonoleggio e cinema. tra videotecari,
      distributori, grossisti vari industria produzione
      macchine, gestionali e quant'altro, per un
      semplice capriccio dei piu ad oggi sono rimasti
      senza lavoro.Vero. Ma lo stesso si può dire per i maniscalchi quando è stata inventata l'automobile, o per i venditori di ghiaccio quando è stato inventato il frigorifero.Sono rimasti senza lavoro, sì... ma semplicemente perchè il lavoro che svolgevano non era più necessario.Distribuire i dvd costa, è vero: occorre inciderli, preparare le scatole, inscatolarli, caricarli sui camion (o sulle navi), scaricarli, portarli alle videoteche, tenerli in ordine, pulirli...Ma vale la pena di fare tutti questi passaggi, quando lo stesso risultato si può ottenere con una connessione a internet? Direi di no.
      Molti di voi potrebbero dire si è
      una cavolata, perchè i soldi se li sono fatti. No
      ragazzi le cose non funzionano cosi. In Italia
      tutte le videoteche e cinema pagano una siae
      molto elevata e pesante proprio per il il diritto
      d'autore.Appunto. Quindi, togliendo soldi a loro, si tolgono soldi anche alla SIAE. E se la siae perde soldi, non posso dire che mi dispiaccia, visto che è sulo una struttura parassita.
      Vi sembra giusto che noi paghiamo un
      film che poi verrà piratato gratuitamente piu di
      70 ?Certo che no. Perciò, vi suggerisco di non comprarlo.
      ragazzi in italia si è abbusato di un
      sistema che permetteva la condivisione di file.No si è abusato. Lo si è usato.
      Negli altri stati del nord dove i livelli di
      servizio della banda larga superano alla grande
      quelli in italia le statistiche di chi usa p2p e
      streaming sono sempre di piu in calo, come mai?Forse si sono stufati: quando hai scaricato tutti i film che ti interessano, non scarichi più. I film rimanenti sono di generi che non ti interessano.Esempio: se a me piacciono solo i film di un certo regista, una volta scaricata l'opera omnia, non ho altro da scaricare. Nè mi interessa che quel regista produca ancora (anzi, magari tale regista è morto...)
      forse perchè sono consapevoli che scaricare o
      visionare film opere in generale d'autore senza
      retribuirne il titolare di diritti, poteva essere
      un'arma che si ritorceva contro ai stessi
      utenti.In che modo?
      Chi è quel folle che oggi farebbe del suo
      mestiere la vendita o distribuzione di musica?Nessuno, è ovvio. Ma nessuno di noi ne sente la mancanza. Da anni non entro più in un negozio di dischi... e se il negozio scompare, nemmeno me ne accorgo. Anzi, se al suo posto apre una pizzeria, io sono contento, perchè mi interessa di più la possibilità di comprare una pizza, che quella di comprare un cd.
      come mai non c'è un grande ricambio del mondo
      musicale e cinematografico?La gente nasce, va in pensione e muore come al solito.
      forse perche per gli
      investitore non vale la pena buttare soldi in una
      economia in perdita!!!Non posso dire che mi dispiaccia, visto che quando investivano, investivano contro gli interessi degli utenti.
      ultima news anche la
      nostra amata Cine Città sta per chiudere, cosa vi
      sentite di dire alle famiglie dei carpentieri e
      operai che lavorano li?Che, se chiude, al suo posto si costruirà qualcos'altro, e quindi ci vorranno ancora più operai e carpentieri, per buttare giù le strutture esistenti e costruire quelle nuove.

      a voi i commenti e spero di aver suscito un po di
      domande.Certo... ma sono domande che sono già state affrontate.
    • Guybrush scrive:
      Re: la rete
      - Scritto da: Maurizio Ascioneparente di Ciro?
      Salve, ringrazio Marco Calamari per il suo[...]
      dell'individuo, ma vorrei darvi un input.Input? Cioè una di quelle cose che entra non dico come non dico dove?
      Fino a
      qualche anno fa piu di 800.000 persone mangiavano[...]
      tutte le videoteche e cinema pagano una siae
      molto elevata e pesante proprio per il il diritto
      d'autore.E' giusto: le tasse si pagano!
      Vi sembra giusto che noi paghiamo un
      film che poi verrà piratato gratuitamente piu di
      70 ?Più di 70 cosa? E a te che ti importa di quello che fanno dei privati a casa loro? Fai qualcosa che il P2P non offre, prendi esempio da chi col videonoleggio ci guadagna: PrimaFila in via macchia saponara, Roma. Pizza e film a domicilio.Sta facendo soldi a palate.
      ragazzi in italia si è abbusato di un
      sistema che permetteva la condivisione di file.Sai scrivere meglio, dai.Non si è aBBusato di niente. La rete funziona così, le persone funzionano così. L'informazione rimane tale finché conoscibile e comunicabile.
      Negli altri stati del nord dove i livelli di
      servizio della banda larga superano alla grande
      quelli in italia le statistiche di chi usa p2p e
      streaming sono sempre di piu in calo, come mai?Perché è in crescita il traffico cifrato. Man mano che le varie società di raccolta diventano sempre più pervasive e intrusive la gente si difende e le difese sono proporzionali al livello di istruzione della popolazione.
      forse perchè sono consapevoli che scaricare o
      visionare film opere in generale d'autore senza
      retribuirne il titolare di diritti, poteva essere
      un'arma che si ritorceva contro ai stessi
      utenti.Questa frase è spettacolare.Devo dire che il tuo concetto di proteZZione del diritto d'autore è ancora più esteso.Addirittura visionare un'opera (e un brano musicale come lo visioni? Leggi lo spartito?).
      Chi è quel folle che oggi farebbe del suo
      mestiere la vendita o distribuzione di musica?Già.Chi fa musica di solito suona.I diritti si chiedono a chi prende la mia musica e decide di usarla per attività a scopo di lucro. Cioè era così il secolo scorso. Adesso si chiede di pagare anche a chi ascolta per ogni ascolto.
      come mai non c'è un grande ricambio del mondo
      musicale e cinematografico?4/10Chi l'ha detto? Trovo ogni giorno centinaia di nuovi artisti.Molti sono "monnezza talentuosa" ma qua e la' spunta qualche perla vera.
      forse perche per gli
      investitore non vale la pena buttare soldi in una
      economia in perdita!!!Stiamo parlando di Arte o di Business?
      ultima news anche la
      nostra amata Cine Città sta per chiudere, cosa vi
      sentite di dire alle famiglie dei carpentieri e
      operai che lavorano li?Cambiano lavoro.E' -
      NORMALE
      • luppolo scrive:
        Re: la rete
        - Scritto da: Guybrush
        Chi l'ha detto? Trovo ogni giorno centinaia di
        nuovi
        artisti.
        Molti sono "monnezza talentuosa" ma qua e la'
        spunta qualche perla
        vera.C'è sempre stata la "monnezza talentuosa", solo che adesso è molto più facile scoprirla, purtroppo... :(
    • panda rossa scrive:
      Re: la rete
      - Scritto da: Maurizio Ascione
      Salve, ringrazio Marco Calamari per il suo
      scritto sulla situazione che si sta vivendo in
      italia. Vorrei precisare che sono contro alla
      censura, perche limita la volontà e libertà
      dell'individuo, ma vorrei darvi un input. Fino a
      qualche anno fa piu di 800.000 persone mangiavano
      con il videonoleggio e cinema. tra videotecari,
      distributori, grossisti vari industria produzione
      macchine, gestionali e quant'altro, per un
      semplice capriccio dei piu ad oggi sono rimasti
      senza lavoro.Faccio io una controdomanda.Quanti erano i negozi che sviluppavano le pellicole fotografiche fino a pochi anni fa, e che adesso, grazie alle macchine fotografiche digitali, sono rimasti senza lavoro?Ci sono due categorie di imprenditori di commercio: quelli intelligenti che quando si rendono conto che il business non rende piu' cambiano business, e i videotecari.
      Molti di voi potrebbero dire si è
      una cavolata, perchè i soldi se li sono fatti. No
      ragazzi le cose non funzionano cosi. In Italia
      tutte le videoteche e cinema pagano una siae
      molto elevata e pesante proprio per il il diritto
      d'autore. Vi sembra giusto che noi paghiamo un
      film che poi verrà piratato gratuitamente piu di
      70 ? ragazzi in italia si è abbusato di un
      sistema che permetteva la condivisione di file.Quale medico ti ha prescritto di aprire un videonoleggio o ti ha impedito di cedere l'attivita' quando non era piu' remunerativa?
      Negli altri stati del nord dove i livelli di
      servizio della banda larga superano alla grande
      quelli in italia le statistiche di chi usa p2p e
      streaming sono sempre di piu in calo, come mai?
      forse perchè sono consapevoli che scaricare o
      visionare film opere in generale d'autore senza
      retribuirne il titolare di diritti, poteva essere
      un'arma che si ritorceva contro ai stessi
      utenti.O forse perche' ormai hanno scaricato tutto quello che c'era da scaricare.
      Chi è quel folle che oggi farebbe del suo
      mestiere la vendita o distribuzione di musica?Un folle, appunto.
      come mai non c'è un grande ricambio del mondo
      musicale e cinematografico? Come no? C'e' eccome.
      forse perche per gli
      investitore non vale la pena buttare soldi in una
      economia in perdita!!! Io vedo stadi dei concerti pieni, cinema pieni, teatri pieni.Dove sarebbe l'economia in perdita?
      ultima news anche la
      nostra amata Cine Città sta per chiudere, cosa vi
      sentite di dire alle famiglie dei carpentieri e
      operai che lavorano li?Di andare a lavorare da un'altra parte.
      a voi i commenti e spero di aver suscito un po di
      domande.
      • Guybrush scrive:
        Re: la rete
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Maurizio Ascione[...]
        Faccio io una controdomanda.
        Quanti erano i negozi che sviluppavano le
        pellicole fotografiche fino a pochi anni fa, e
        che adesso, grazie alle macchine fotografiche
        digitali, sono rimasti senza
        lavoro?La maggior parte erano negozi di OTTICA e son tornati a vendere occhiali, macchine fotografiche, binocoli, termometri ecc...qualcuno no.Qualcuno continua imperterrito a sviluppare pellicole e a stampar foto... su ogni supporto possibile.Cosi' puoi fare grembiuli, tende, lenzuola cuscini, asciugamano... ecc... con le tue foto/disegni preferiti.
        Ci sono due categorie di imprenditori di
        commercio: quelli intelligenti che quando si
        rendono conto che il business non rende piu'
        cambiano business, e i
        videotecari.Che possono anche essere intelligenti e sviluppare il proprio business di conseguenza.[...]
        Quale medico ti ha prescritto di aprire un
        videonoleggio o ti ha impedito di cedere
        l'attivita' quando non era piu'
        remunerativa?Forse l'impossibilità di cedere e l'incapacità di capire che il trend non era più positivo.[...]
        O forse perche' ormai hanno scaricato tutto
        quello che c'era da
        scaricare.La verità è che dopo aver scaricato terabyte di materiale hai abbastanza da fare per i prossimi 10 anni... e ti passa la voglia.

        Chi è quel folle che oggi farebbe del suo

        mestiere la vendita o distribuzione di musica?

        Un folle, appunto.Stra-quoto. La musica si fa e si ascolta. Se chi ascolta paga, chi suona ha l'obbligo di farlo bene.[...]
        Io vedo stadi dei concerti pieni, cinema pieni,
        teatri
        pieni.
        Dove sarebbe l'economia in perdita?Stai parlando con un troll eh?

        ultima news anche la

        nostra amata Cine Città sta per chiudere, cosa
        vi

        sentite di dire alle famiglie dei carpentieri e

        operai che lavorano li?

        Di andare a lavorare da un'altra parte.Straquoto.GT
        • panda rossa scrive:
          Re: la rete
          - Scritto da: Guybrush
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: Maurizio Ascione
          [...]

          Faccio io una controdomanda.

          Quanti erano i negozi che sviluppavano le

          pellicole fotografiche fino a pochi anni fa, e

          che adesso, grazie alle macchine fotografiche

          digitali, sono rimasti senza

          lavoro?
          La maggior parte erano negozi di OTTICA e son
          tornati a vendere occhiali, macchine
          fotografiche, binocoli, termometri
          ecc...
          qualcuno no.
          Qualcuno continua imperterrito a sviluppare
          pellicole e a stampar foto... su ogni supporto
          possibile.
          Cosi' puoi fare grembiuli, tende, lenzuola
          cuscini, asciugamano... ecc... con le tue
          foto/disegni
          preferiti.Geniale!Dov'e' che ce n'e' uno di questi?

          Ci sono due categorie di imprenditori di

          commercio: quelli intelligenti che quando si

          rendono conto che il business non rende piu'

          cambiano business, e i

          videotecari.
          Che possono anche essere intelligenti e
          sviluppare il proprio business di
          conseguenza.In tal caso non farebbero piu' i videotecari... ;)

          Quale medico ti ha prescritto di aprire un

          videonoleggio o ti ha impedito di cedere

          l'attivita' quando non era piu'

          remunerativa?
          Forse l'impossibilità di cedere e l'incapacità di
          capire che il trend non era più
          positivo.Quindi si ricade nella dicotomia di cui sopra.

          O forse perche' ormai hanno scaricato tutto

          quello che c'era da

          scaricare.

          La verità è che dopo aver scaricato terabyte di
          materiale hai abbastanza da fare per i prossimi
          10 anni... e ti passa la
          voglia.Il computer scarica anche quando non lo guardo... 8)
          • Guybrush scrive:
            Re: la rete
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Guybrush

            - Scritto da: panda rossa[...]

            preferiti.

            Geniale!
            Dov'e' che ce n'e' uno di questi?A Roma in via Ozanam (niente nomi, telefoni o altro... se interessa alza i tacchi e cerca), ma ci sono tanti ex fotografi che campano dignitosamente con questi servizi.Tornerò a servirmi di loro: sono bravi :-)


            Ci sono due categorie di imprenditori di[...]

            In tal caso non farebbero piu' i videotecari...
            ;)Pizza e Film, via di macchia saponara sempre a roma.Non è il nome del negozio, ma è quello che fanno: vendono pizza e ti portano a casa il film insieme alla pizza.Veloci, bravi... su 10 euro per il cibo, 2-3 da dare al fattorino, 2 euro di noleggio film non pesano granché.La pizza è pure discreta.
            Il computer scarica anche quando non lo guardo...Si, ma i film prima o poi li vorrai guardare... se no che li scarichi a fare? E uno "scaricone" che in realtà è una persona normale scarica, guarda almeno una volta e mette da parte... o magari si compra l'originale perché gli è piaciuto e pensa che valga la pena tenerlo in bella mostra sullo scaffale (mai sottovalutare il feticismo), ma quando hai 10000 ore di film & telefilm, a 2 ore a sera hai film per quasi 15 anni.Una persona normale si accontenta.Chiaro che chi è appassionato di cinema scarica di più, ma sono convinto che acquisti anche di più.GT
          • panda rossa scrive:
            Re: la rete
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: panda rossa
            > - Scritto da: Guybrush
            > > - Scritto da: panda rossa
            [...]
            > > preferiti.
            >
            > Geniale!
            > Dov'e' che ce n'e' uno di questi?

            A Roma in via Ozanam (niente nomi, telefoni o
            altro... se interessa alza i tacchi e cerca), ma
            ci sono tanti ex fotografi che campano
            dignitosamente con questi
            servizi.
            Tornerò a servirmi di loro: sono bravi :-)Bravi e utili.Mi e' sempre interessato poter stampare delle foto mie su oggetti regalo, e questo non lo posso certo fare con la laser a colori dell'ufficio. ;)
            Pizza e Film, via di macchia saponara sempre a
            roma.
            Non è il nome del negozio, ma è quello
            che fanno: vendono pizza e ti portano a casa il
            film insieme alla
            pizza.Bello, ma poi se lo vengono anche a riprendere il film?Oppure e' copia omaggio?Che io di sicuro non ci vado a restituirlo: siamo nel 2011!
          • Guybrush scrive:
            Re: la rete
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Guybrush[...]
            Bello, ma poi se lo vengono anche a riprendere il
            film?
            Oppure e' copia omaggio?
            Che io di sicuro non ci vado a restituirlo: siamo
            nel
            2011!No, devi riconsegnarlo te... il sistema non è ancora perfetto.Non so se, con un abbonamento, puoi avere pizza e film ogni settimana: consegni al fattorino il film vecchio e prendi quello nuovo.Però ha riscosso un bel sucXXXXX.GT
    • Funz scrive:
      Re: la rete
      - Scritto da: Maurizio Ascione
      Salve, ringrazio Marco Calamari per il suo
      scritto sulla situazione che si sta vivendo in
      italia. Vorrei precisare che sono contro alla
      censura, perche limita la volontà e libertà
      dell'individuo, ma vorrei darvi un input. Fino a
      qualche anno fa piu di 800.000 persone mangiavano
      con il videonoleggio e cinema. Ottocentomila persone? La popolazione di una città come Torino fatta solo di videonoleggiatori e gestori di cinema? Direi che c'era una bella rendita parassitaria, allora.Piuttosto: non pensiamo a quei milioni di maniscalchi e stallieri che hanno perso il lavoro in seguito all'invenzione dell'auto? :p
      • panda rossa scrive:
        Re: la rete
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: Maurizio Ascione

        Salve, ringrazio Marco Calamari per il suo

        scritto sulla situazione che si sta vivendo in

        italia. Vorrei precisare che sono contro alla

        censura, perche limita la volontà e libertà

        dell'individuo, ma vorrei darvi un input. Fino a

        qualche anno fa piu di 800.000 persone
        mangiavano

        con il videonoleggio e cinema.

        Ottocentomila persone? La popolazione di una
        città come Torino fatta solo di videonoleggiatori
        e gestori di cinema? Direi che c'era una bella
        rendita parassitaria,
        allora.Considerando che la popolazione italiana conta all'incirca 50 milioni di abitanti, 800.000 e' molto piu' dell'1%Vale a dire un videotecaro ogni 100 abitanti, oppure un videotecaro ogni 30/40 famiglie.Ci credo che fanno la fame, altro che p2p.
  • maurizio carena scrive:
    1984
    quando smetteremo di sovvenzionare il REGIME con tasse, canoni, il nostro share, la nostra indifferenza. quando cominceremo a fare come hanno fatto i popoli arabi, allora e solo allora avremo fatto il primo passo per non essere + schiavi.perchè il problema è che siamo così intrinsecamente schiavi che non vediamo + nemmeno le sbarre della gabbia.e una di quelle sbarre è la "autorità garante" delle comunicazioni. "Garante"...che coraggio a chiamare così una cupola lobbysta. Il 1984 è qui.
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
    Com'è sucXXXXX in Francia con la HADOPI, finalmente le reti anonime si diffonderanno e saranno veloci come la rete normale.NON VEDO L'ORA CHE SUCCEDA.FORZA AGCOM!!! SIAMO TUTTI CON VOI!!! :D
    • Franky scrive:
      Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      Com'è sucXXXXX in Francia con la HADOPI,
      finalmente le reti anonime si diffonderanno e
      saranno veloci come la rete
      normale.
      NON VEDO L'ORA CHE SUCCEDA.
      FORZA AGCOM!!! SIAMO TUTTI CON VOI!!! :DL'anonimato in rete e' cosa buona e giusta...
      • Guybrush scrive:
        Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
        - Scritto da: Franky
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato[...]
        L'anonimato in rete e' cosa buona e giusta...Peccato solo che non esiste.Al massimo puoi ritardare la tua identificazione.GT
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
          - Scritto da: Guybrush
          - Scritto da: Franky

          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          [...]

          L'anonimato in rete e' cosa buona e giusta...

          Peccato solo che non esiste.
          Al massimo puoi ritardare la tua identificazione.
          Se non ti identificano entro 24 mesi se la prendono in saccoccia.ritardare è una cosa buona.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
          - Scritto da: Guybrush
          - Scritto da: Franky

          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          [...]

          L'anonimato in rete e' cosa buona e giusta...

          Peccato solo che non esiste.
          Al massimo puoi ritardare la tua identificazione.Non sai di cosa parli. Non stiamo parlando di un semplice proxy che calerebbe le braghe di fronte a un'ordinanza, ma di interi sistemi creati appositamente per garantire l'anonimato e che di fronte a un'ordinanza possono solo allargare le braccia dicendo "non lo so".
          • teschio scrive:
            Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
            bounce proxy, chain proxy.. tempi legali per nuove richieste e di adempimento.. ciao ciao
          • Guybrush scrive:
            Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: Guybrush

            - Scritto da: Franky


            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            [...]


            L'anonimato in rete e' cosa buona e giusta...



            Peccato solo che non esiste.

            Al massimo puoi ritardare la tua
            identificazione.

            Non sai di cosa parli. Non stiamo parlando di un
            semplice proxy che calerebbe le braghe di fronte
            a un'ordinanza, ma di interi sistemi creati
            appositamente per garantire l'anonimato e che di
            fronte a un'ordinanza possono solo allargare le
            braccia dicendo "non lo
            so".So di cosa parlo non fosse altro che fa parte del mio lavoro dal 1996: l'anonimato in Rete non può esistere, non con le connessioni via TCP/IP.Hai sempre un punto di partenza e un punto di arrivo che deve rispondere.Se ti cercano non puoi evitare di essere trovato, puoi solo fargli perdere MOLTO tempo. L'unico modo per non essere rintracciabile è non usare la Rete.GT
          • panda rossa scrive:
            Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
            - Scritto da: Guybrush
            So di cosa parlo non fosse altro che fa parte del
            mio lavoro dal 1996: l'anonimato in Rete non può
            esistere, non con le connessioni via
            TCP/IP.
            Hai sempre un punto di partenza e un punto di
            arrivo che deve
            rispondere.
            Se ti cercano non puoi evitare di essere trovato,
            puoi solo fargli perdere MOLTO tempo. Vero.Ma questo tempo, puo' benissimo essere infinito.Se io cambio IP piu' velocemente di quanto loro ci mettono a rintracciarlo, non mi troveranno mai connesso, e quindi mai in flagranza.E a quel punto non sono piu' io, ma chi usava quel computer il colpevole, e sta a loro dimostrare che sono io.Esattamente come quando un'auto compie un reato: o beccano quello alla guida, mentre guida, oppure non e' sufficiente ne' essere il proprietario dell'auto, ne' essere sull'auto al momento del reato per essere considerati colpevoli.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
            contenuto non disponibile
          • Guybrush scrive:
            Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
            @Panda Rossa
            Vero.
            Ma questo tempo, puo' benissimo essere infinito.No, solo molto lungo.Lo so, può essere lungo una vita, anche due, ma occorre ribadire che NON è infinito.
            Se io cambio IP piu' velocemente di quanto loro
            ci mettono a rintracciarlo, non mi troveranno mai
            connesso, e quindi mai in
            flagranza.No, puoi cambiare IP quante volte vuoi, puoi passare tra tutti i firewall del mondo, ma il tuo PC o qualunque altro dispositivo utilizzi per la connessione lascia sempre una firma e diventa, per definizione stessa di connessione, visibile. Dovresti cambiare IP e Computer (e con le macchine virtuali questo diventa possibile) allora avresti qualche chance di non essere individuato subito.Chiaro: stiamo parlando di tecniche di individuazione ben al disopra di quelle a disposizione dei comuni netizen (e insomma anche tool grafici e non come netscan o wireshark hanno i loro limiti), ma possibili se a cercarti è un governo o un'altra organizzazione abbastanza potente.
            E a quel punto non sono piu' io, ma chi usava
            quel computer il colpevole, e sta a loro
            dimostrare che sono
            io.NI. E' un trucco che puoi usare qualche volta, poi diventa evidente e chi ti cerca sa già dove andare a parare.
            Esattamente come quando un'auto compie un reato:
            o beccano quello alla guida, mentre guida, oppure
            non e' sufficiente ne' essere il proprietario
            dell'auto, ne' essere sull'auto al momento del
            reato per essere considerati
            colpevoli.Per fare il giochetto che dici devi avere un access point in vista oppure sfruttare un router altrui come punto di acXXXXX.A meno di non entrare di soppiatto in casa di qualcuno puoi ottenere questi risultati utilizzando la cara vecchia "cantenna" per il wifi, Cain & Abel o un virus scritto ad hoc per il router del vicino.CantennaLa punti verso il router "bersaglio" per illuminarlo col tuo segnale.Inizi a craccarlo, tanto il log non c'è e pure che c'è non se ne fanno nulla a parte scoprire che il mac address dell'attaccante è quello di un certo router venduto a istambul (non devo insegnarti io che il mac address si può cambiare ed è da cambiare ogni volta).Una volta craccato ti copi la password, ti crei un secondo account (o addirittura cambi tutto il firmware, tanto quando mai se ne accorgeranno) e ti ci connetti.Dovresti essere abbastanza furbo da ripetere l'operazione con tanti router a distanze opportune così che quando metteranno sulla mappa i "puntini" comparirà il disegno di un dito medio.Se no individuano prima la zona e poi intercettano le emissioni.Per il metodo via internet con router altrui come proxy: ti connetti attraverso un ISP, entri in un altro ISP e poi vai a craccare il router di un altro... rotfl.Magari combinando i due metodi, forse. Però quanta banda ti rimane?- Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Guybrush

            > So di cosa parlo non fosse altro che fa[...]
            E' perfettamente anonimo dal punto di vista del
            TCP/IP
            -chi si attacca al wi-fi di un altro
            -chi si attacca al cavo di un altro
            -chi lavora in posti privilegiati dal punto di
            vista della struttura della rete (tecnici degli
            ISP e via
            dicendo)Vedi la risposta data sopra.Finché hai una connessione effettuata tramite TCP/IP sei, per definizione, rintracciabile. Fattene una ragione.
            Ovviamente deve usare come client un apparecchio
            che non lo collega in nessun modo al suo
            proprietario.Un simpaticone che aveva un blog un po', come dire, spiritoso si divertiva a diffamare tanta gente famosa. Usava una combinazione di sistemi anti-intercettazione che rendevano le comunicazioni tra lui e il suo server assolutamente inattaccabili.Lo hanno preso scrivendogli una mail, con virus in allegato.Ribadisco: devi essere molto abile e ricordarti SEMPRE che sei rintracciabile, altrimenti ti sentirai troppo sicuro (un po' come un winaro e il potentiFFimo antiviruF McAFFe) e commetterai l'errore o trascurerai qualcosa che si rivelerà determinante.Non esiste l'anonimato sulle connessioni TCP/IP.GT
          • krane scrive:
            Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            - Scritto da: Guybrush


            - Scritto da: Franky



            - Scritto da: Luco, giudice di linea



            mancato [...]



            L'anonimato in rete e' cosa buona e



            giusta...


            Peccato solo che non esiste.


            Al massimo puoi ritardare la


            tua identificazione.

            Non sai di cosa parli. Non stiamo parlando di un

            semplice proxy che calerebbe le braghe di fronte

            a un'ordinanza, ma di interi sistemi creati

            appositamente per garantire l'anonimato e che di

            fronte a un'ordinanza possono solo allargare le

            braccia dicendo "non lo so".
            So di cosa parlo non fosse altro che fa parte del
            mio lavoro dal 1996: l'anonimato in Rete non può
            esistere, non con le connessioni via TCP/IP.
            Hai sempre un punto di partenza e un punto di
            arrivo che deve rispondere.
            Se ti cercano non puoi evitare di essere trovato,
            puoi solo fargli perdere MOLTO tempo. L'unico
            modo per non essere rintracciabile è non usare la
            Rete.
            GTAnche sul pianeta fisicamente puoi essere trovato: basta che controllino fisicamente ogni metro quadrato del pianeta.
          • Guybrush scrive:
            Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Guybrush[...]
            Anche sul pianeta fisicamente puoi essere
            trovato: basta che controllino fisicamente ogni
            metro quadrato del
            pianeta.Non necessariamente, se usi una carta di credito, ma il concetto è quello.GT
          • panda rossa scrive:
            Re: FORZA AGCOM VAI CON LA CENSURA!!!
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: krane
            > - Scritto da: Guybrush
            [...]
            > Anche sul pianeta fisicamente puoi essere
            > trovato: basta che controllino fisicamente
            ogni
            > metro quadrato del
            > pianeta.

            Non necessariamente, se usi una carta di credito,
            ma il concetto è
            quello.E anche qui, presupponi che la mia carta di credito stia nella mia tasca...
  • Feder nityo scrive:
    mondo reale
    Qualcuno gentilmente mi dovrebbe spiegare perchė il mondo reale è regolato da leggi scritte durante il ventennio fascista, mentre internet al contrario deve essere un'isola felice e anarchica.Si straparla di libertà del web, mentre nel mondo reale persino il volantinaggio senza preavviso è un reato da galera, gli sbirri ti strappano di mano gli striscioni, i carabinieri strappano i manifesti atei perchè urterebbero i poveri cattolici.. Etc etcPer non parlare di tutte le scartoffie, autorizzazioni, bolli, per fare qualsiasi cosa.Troppo comodo buttarsi su internet per evitare la burocrazia del mondo reale.O siamo tutti uguali sempre dinanzi la legge o ė un fallimento totale della società
    • Franky scrive:
      Re: mondo reale
      - Scritto da: Feder nityo
      Qualcuno gentilmente mi dovrebbe spiegare
      perchė il mondo reale è regolato da leggi
      scritte durante il ventennio fascista, mentre
      internet al contrario deve essere un'isola felice
      e
      anarchica.
      Si straparla di libertà del web, mentre nel mondo
      reale persino il volantinaggio senza preavviso è
      un reato da galera, gli sbirri ti strappano di
      mano gli striscioni, i carabinieri strappano i
      manifesti atei perchè urterebbero i poveri
      cattolici.. Etc
      etc
      Per non parlare di tutte le scartoffie,
      autorizzazioni, bolli, per fare qualsiasi
      cosa.
      Troppo comodo buttarsi su internet per evitare la
      burocrazia del mondo
      reale.
      O siamo tutti uguali sempre dinanzi la legge o
      ė un fallimento totale della
      societàscusa ma qual'e'il nocciolo del tuo discorso?Siccome non puoi liberamente manifestare il tuo pensiero attaccando manifesti in strada ... a tuo avviso sarebbe saggio vietare anche l'espressione del libero pensiero anche in rete ?E questo aiuterebbe il progresso della democrazia nel mondo reale secondo te ? Ma io sti ragionamenti assurdi francamente non li capisco...E poi la censura nel web gioverebbe al laicismo dello stato, dato che hai accennato a manifesti che parlano di questo?E poi basta con questa XXXXXXX che internet e' anarchico...internet si autoregolamenta...e non e' anarchico...se tieni veramente alla liberta' nel mondo reale...inizia a difendere la liberta' di opinione e di espressione sul web... ed a proporre l'abolizione di norme censorie come il "reato di stampa clandestina" che risale al 1947... una volta che si riguadagna perfettamente la liberta' di parola...poi sara' facile...anche proporre parlare di laicismo dello stato...
    • krane scrive:
      Re: mondo reale
      - Scritto da: Feder nityo
      Qualcuno gentilmente mi dovrebbe spiegare
      perchė il mondo reale è regolato da leggi
      scritte durante il ventennio fascista, mentre
      internet al contrario deve essere un'isola felice
      e anarchica.
      Si straparla di libertà del web, mentre nel mondo
      reale persino il volantinaggio senza preavviso è
      un reato da galera, gli sbirri ti strappano di
      mano gli striscioni, i carabinieri strappano i
      manifesti atei perchè urterebbero i poveri
      cattolici.. Etc etcNel tuo paragone internet e' il muro su cui si attacca il volantino, che fai vuoi arrestare il muro ???
      Per non parlare di tutte le scartoffie,
      autorizzazioni, bolli, per fare qualsiasi
      cosa.
      Troppo comodo buttarsi su internet per evitare la
      burocrazia del mondo reale.Se guadagni via rete non devi pagare le tasse ?
      O siamo tutti uguali sempre dinanzi la legge o
      ė un fallimento totale della societàInternet e' un mezzo, come una strada. O forse credi che abbia volonta ?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: mondo reale
      contenuto non disponibile
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    Agcom e la fabbrica del ghiaccio
    http://www.partito-pirata.it/content/agcom-e-la-fabbrica-del-ghiaccio Agcom e la fabbrica del ghiaccio
    • ahboh scrive:
      Re: Agcom e la fabbrica del ghiaccio
      - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
      http://www.partito-pirata.it/content/agcom-e-la-fa
      Agcom e la fabbrica del ghiaccio quante parole al vento.
  • Pepito il breve scrive:
    basta, siete dei CIALTRONI
    siete solo dei cialtroni.lascio PI, per sempre.
    • Guybrush scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      - Scritto da: Pepito il breve
      siete solo dei cialtroni.

      lascio PI, per sempre.Chi è stato a clonargli l'account?GT
    • krane scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      - Scritto da: Pepito il breve
      siete solo dei cialtroni.
      lascio PI, per sempre.Un'altra volta ?
      • ninjaverde scrive:
        Re: basta, siete dei CIALTRONI
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: Pepito il breve

        siete solo dei cialtroni.


        lascio PI, per sempre.

        Un'altra volta ?Rinasce dalle ceneri come la Fenice! (rotfl)
      • Picchiatell o scrive:
        Re: basta, siete dei CIALTRONI
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: Pepito il breve

        siete solo dei cialtroni.


        lascio PI, per sempre.

        Un'altra volta ?lo aveva detto anche mister b ma poi...
    • ahboh scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      - Scritto da: Pepito il breve
      siete solo dei cialtroni.

      lascio PI, per sempre.quanto mi dispiace :(salutami HJ mi raccomando
    • Umi-Bozu scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      - Scritto da: Pepito il breve
      siete solo dei cialtroni.

      lascio PI, per sempre.Sai bene anche tu che non lo farai
    • Prepuzio il breve scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      - Scritto da: Pepito il breve
      siete solo dei cialtroni.

      lascio PI, per sempre.Dì giuro!Magari ritirati in un laogai.
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI

      lascio PI, per sempre.Di nuovo? (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Jerry Garcia scrive:
        Re: basta, siete dei CIALTRONI
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        lascio PI, per sempre.

        Di nuovo? (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Ci vorrebbe l'emoticon della faccina che saluta agitando il fazzoletto (rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • Franky scrive:
          Re: basta, siete dei CIALTRONI
          - Scritto da: Jerry Garcia
          - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT


          lascio PI, per sempre.



          Di nuovo? (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)

          Ci vorrebbe l'emoticon della faccina che saluta
          agitando il fazzoletto
          (rotfl)(rotfl)(rotfl)al max possiamo usare questa :'(Ciao Pepito..Buone vacanze salutami i politici italioti se li vedi in vacanza in Cina...
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      Tanto lo sappiamo che tornerai... non resisti.Facendo così ti rendi solo ridicolo.
      • Franky scrive:
        Re: basta, siete dei CIALTRONI
        - Scritto da: uno qualsiasi
        Tanto lo sappiamo che tornerai... non resisti.

        Facendo così ti rendi solo ridicolo.ma te ci credi ?(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Joe Tornado scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      Sei mejo te !
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      - Scritto da: Pepito il breve
      siete solo dei cialtroni.

      lascio PI, per sempre.Sarà la duecentesima volta. Ormai non ci crede più nessuno.Se non sei un pagliaccio dimostra di essere un uomo e mantieni la tua parola.
    • say no scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      - Scritto da: Pepito il breve
      siete solo dei cialtroni.

      lascio PI, per sempre.ma vattene su plutone
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      contenuto non disponibile
    • 6903 scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      - Scritto da: Pepito il breve
      siete solo dei cialtroni.

      lascio PI, per sempre.di nuovo?
    • Funz scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      - Scritto da: Pepito il breve
      siete solo dei cialtroni.

      lascio PI, per sempre.(rotfl)nessuno ha tenuto il conto delle volte?
    • Darwin scrive:
      Re: basta, siete dei CIALTRONI
      - Scritto da: Pepito il breve
      siete solo dei cialtroni.

      lascio PI, per sempre.Adiòs....
  • Franco Carraro scrive:
    Ma come scrivete?
    è uno degli articoli meno chiari che io abbia mai letto, ma esprimere i concetti in modo un pò piu semplice da renderli usufruibili a tutti no?
    • Franky scrive:
      Re: Ma come scrivete?
      - Scritto da: Franco Carraro
      è uno degli articoli meno chiari che io abbia mai
      letto, ma esprimere i concetti in modo un pò piu
      semplice da renderli usufruibili a tutti
      no?Francamente e' uno dei migliori articoli che io abbia mai letto...rarissimi in Italia...e non vedo cosa ci sia da capire...l'articolo riassume le tappe della censura dal 2007 ad oggi...ripercorrendo le scuse che sono state via via adottate per dare origine alla macchina censoria...Non ha nulla di particolarmente tecnico o enigmatico...non capisco questa critica...(ed io sono uno che critica stampa e giornali in continuazione...)
  • Guybrush scrive:
    Come funziona una rete
    Vi sono diversi strati tra l'hardware e l'applicazione, ma senza scendere nel dettaglio del modello iso/osi vediamo di chiarire una volta per tutte un concetto che mi preme in particolare.Sia A-B una rete che consta di soli due nodi.In una rete di questo genere l'unico modo per impedire/alterare la comunicazione tra i nodi è di tagliare il cavo o obbligare entrambe i soggetti ad utilizzare apparecchiature sottoposte a controllo.In caso di 3 nodi e 2 collegamenti (AC e BC) A-C-Bè sufficiente che sia C ad avere i dispositivi di controllo.Nel caso in cui tra A e B si crei una connessione di qualche tipo, tuttavia, il ruolo di C viene meno e si torna al punto di prima.Così se creo un tunnel HTTPS tra il mio browser ed un sito terzo e poi da quel punto inizio a navigare... oh! Cielo, ho aggirato il blocco.Questo è solo uno dei numerosi metodi che si possono utilizzare, neanche troppo originale.Le "barriere" tanto agognate dall'industria dell'intrattenimento e dai governi di tutto il pianeta (il nostro Silvio, dopo il referendum, ha pensato bene di servirsi dell'AGCOM per tentare di bloccare la rete) hanno come primo effetto collaterale quello di impedire/censurare effettivamente le comunicazioni con i soliti metodi (browsing, p2p eccetera).MA quando hai milioni di persone (in continuo aumento) che vogliono acXXXXX a determinate informazioni senza filtri di sorta e che da un giorno all'altro si ritrovano senza, tu non hai "risolto" il problema.Hai messo in moto leggi che non puoi aggirare.Sono le leggi di mercato e hai appena scatenato la "DOMANDA".O sei pronto a soddisfarla con una "OFFERTA" adeguata o quei milioni di persone di cui sopra si attiveranno, ognuno col suo modesto click, per scardinare il blocco perché il primo che trova la risposta diventa ricco sfondato.GT
  • sandro6201 scrive:
    FINALMENTE UNA PIATTAFORMA B2B GRATUITA
    Ciao, ecco la pagina TASTE OF ITALY, clicca "Mi Piace" sulla pagina e passa il link http://www.facebook.com/TASTEOFITALYB2B ai tuoi amici se hai a cuore il brand ITALIA. Condividila coi tuoi amici in bachecaClicca "Mi piace" e passa il link ai tuoi amici. Grazie
  • Pepito il breve scrive:
    siete solo dei pezzenti
    copiate, copiate pure, ma il cerchio si restringe sempre piu'.farete la stessa fine delle radio pirata, dimenticate nella spazzatura della storia.
    • ahboh scrive:
      Re: siete solo dei pezzenti
      - Scritto da: Pepito il breve
      copiate, copiate pure, ma il cerchio si restringe
      sempre
      piu'.

      farete la stessa fine delle radio pirata,
      dimenticate nella spazzatura della
      storia.tu hai perso ogni diritto di parola dopo aver detto di essere filocinese.
      • Franky scrive:
        Re: siete solo dei pezzenti
        - Scritto da: ahboh
        - Scritto da: Pepito il breve

        copiate, copiate pure, ma il cerchio si
        restringe

        sempre

        piu'.



        farete la stessa fine delle radio pirata,

        dimenticate nella spazzatura della

        storia.

        tu hai perso ogni diritto di parola dopo aver
        detto di essere
        filocinese.Perche' avevi dubbi sul fatto che lo fosse? Tutti i censori sono filo-cinesi....il loro sogno e' vedere ogni paese del mondo ridotto in quello stato...
    • sandro6201 scrive:
      Re: siete solo dei pezzenti
      NON HO CAPITO CON CHI CE L'HAI.
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: siete solo dei pezzenti
        - Scritto da: sandro6201
        NON HO CAPITO CON CHI CE L'HAI.Con la natura.E vai a dargli torto.
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: siete solo dei pezzenti

      copiate, copiate pure,Il Sapere si fonda sulla copiatura e rielaborazione del Sapere precedente.[yt]UH59kLUYxEw[/yt] ABOLIRE IL COPYRIGHT P-)
      • Pepito il breve scrive:
        Re: siete solo dei pezzenti
        ah ecco se lo dice beppe grillo siamo a posto.
        • ziovax scrive:
          Re: siete solo dei pezzenti
          Veramente lo ha detto Aristotele....
          • krane scrive:
            Re: siete solo dei pezzenti
            - Scritto da: ziovax
            Veramente lo ha detto Aristotele....Peputo fa un po' di confusione se si parla di filosofia...
          • Pepito il breve scrive:
            Re: siete solo dei pezzenti
            anche aristotele disse un sacco di XXXXXXXte.
          • ahboh scrive:
            Re: siete solo dei pezzenti
            - Scritto da: Pepito il breve
            anche aristotele disse un sacco di XXXXXXXte.non è l'unico...
          • Freud scrive:
            Re: siete solo dei pezzenti
            - Scritto da: Pepito il breve
            anche aristotele disse un sacco di XXXXXXXte.Ma certo, non si preoccupi! Lei ha capito tutto e tutti quelli che non la pensano come lei dicono XXXXXXXte, come quel cialtrone di Aristotele. Sì, sì, sono tutti cialtroni. Ora faccia il bravo e si rilassi, che procediamo con un bell'elettroshock e la trapanazione del cranio. Vedrà che un giorno, forse, ne azzeccherà una anche lei.
          • Ozymandias scrive:
            Re: siete solo dei pezzenti
            - Scritto da: Pepito il breve
            anche aristotele disse un sacco di XXXXXXXte.Forse, ma al tuo confronto è un dilettante...
    • Debugger scrive:
      Re: siete solo dei pezzenti
      - Scritto da: Pepito il breve
      copiate, copiate pure, ma il cerchio si restringe
      sempre
      piu'.

      farete la stessa fine delle radio pirata,
      dimenticate nella spazzatura della
      storia.Vero, non si meritano altro:http://www.pantareiweb.com/body/forum/3/viewtopic.php?f=2&t=1594&start=0http://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=26452http://www.julienews.it/notizia/cronaca/cd-contraffatti-arrestato-gestore-di-una-videoteca/47067_cronaca_2_1.htmlhttp://www.napolitoday.it/cronaca/sequestri-cd-dvd-falsi-videoteca-casalnuovo.htmlhttp://www.spoletonline.com/?page=articolo&id=31920ecc. ecc. ecc.
  • Videoteca Genesi scrive:
    Le videoteche applaudono
    Videoteche, videoteche online, ecc. ringraziano l'Agcom nella persona del Dott. Calabro per l'inziativa intrapresa. Assicuriamo alla legge questi delinquenti.
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: Le videoteche applaudono

      Videoteche, videoteche online, ecc. ringraziano
      l'Agcom nella persona del Dott. Calabro per
      l'inziativa intrapresa.Ma davvero credete che ora le videoteche si riempiranno di gente? :-sDefinire ingenua questa speranza è anche troppo gentile...
      • ahboh scrive:
        Re: Le videoteche applaudono
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        Videoteche, videoteche online, ecc. ringraziano

        l'Agcom nella persona del Dott. Calabro per

        l'inziativa intrapresa.

        Ma davvero credete che ora le videoteche si
        riempiranno di gente?
        :-s

        Definire ingenua questa speranza è anche troppo
        gentile...come per magia rientreranno anche nel paniere Istat, altrochè!da me sono appena state chiuse due videoteche storiche che c'erano ancora prima che io nascessi, in una di loro noleggiavo i giochi Playstation la bellezza di 13 anni fa...
      • Prepuzio il breve scrive:
        Re: Le videoteche applaudono
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        Videoteche, videoteche online, ecc. ringraziano

        l'Agcom nella persona del Dott. Calabro per

        l'inziativa intrapresa.

        Ma davvero credete che ora le videoteche si
        riempiranno di gente?
        :-s

        Definire ingenua questa speranza è anche troppo
        gentile...hahaha, ma davvero. L'ultima volta che ho messo piede in una videoteca c'era ancora il muro di Berlino e non intendo entrarci più.
      • Picchiatell o scrive:
        Re: Le videoteche applaudono
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        Videoteche, videoteche online, ecc. ringraziano

        l'Agcom nella persona del Dott. Calabro per

        l'inziativa intrapresa.

        Ma davvero credete che ora le videoteche si
        riempiranno di gente?
        :-s

        Definire ingenua questa speranza è anche troppo
        gentile...veramente le uniche videoteche aperte fatturano solo per i video hard...e perche' propongono altra "merce" ...naturalmente senza scontrino fiscale...
    • ziovax scrive:
      Re: Le videoteche applaudono
      - Scritto da: Videoteca Genesi
      Videoteche, videoteche online, ecc. ringraziano
      l'Agcom nella persona del Dott. Calabro per
      l'inziativa intrapresa. Lo ringrazio anche io.
      Assicuriamo alla legge
      questi
      delinquenti.Quali leggi? Le ultime leggi sono quelle del 2006, quello che AGCOM ha deciso è che la sua CNCP (che serviva contro la pedoXXXXXgrafia, ma poi ha funzionato solo per il gioco d'azzardo) può procedere all'oscuramento di un sito senza l'intervento e la tutela dell'autorità giudiziaria.
    • amarezza scrive:
      Re: Le videoteche applaudono
      ed io continuerò a scaricare allegramente :-D sono 10 anni che non metto piede in videoteca e mai più lo metterò.
    • Alessandro scrive:
      Re: Le videoteche applaudono
      io resto convinto che è un troll..
      • Picchiatell o scrive:
        Re: Le videoteche applaudono
        - Scritto da: Alessandro
        io resto convinto che è un troll..indipendentemente dal troll ne trovi di ex-videotecari che ragionano cosi'...
    • Debugger scrive:
      Re: Le videoteche applaudono
      - Scritto da: Videoteca Genesi
      Videoteche, videoteche online, ecc. ringraziano
      l'Agcom nella persona del Dott. Calabro per
      l'inziativa intrapresa. Assicuriamo alla legge
      questi
      delinquenti.Ecco assicuriamo alla legge questi videotechini:http://www.pantareiweb.com/body/forum/3/viewtopic.php?f=2&t=1594&start=0http://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=26452http://www.julienews.it/notizia/cronaca/cd-contraffatti-arrestato-gestore-di-una-videoteca/47067_cronaca_2_1.htmlhttp://www.napolitoday.it/cronaca/sequestri-cd-dvd-falsi-videoteca-casalnuovo.htmlhttp://www.spoletonline.com/?page=articolo&id=31920ecc. ecc. ecc.I gestori delle videoteche sono stati fra i primi, ma a piratare davvero, a fini di lucro. Non facciamo gli ipocriti...
  • ahboh scrive:
    mi gioco tutto l'apparato riproduttore..
    ... che non succederà un fico secco. scommettiamo?
    • Videoteca Genesi scrive:
      Re: mi gioco tutto l'apparato riproduttore..
      Scritto da: ahboh
      ... che non succederà un fico secco. scommettiamo?Certo! scegli tu il premio per chi vince la scommessa.
      • ahboh scrive:
        Re: mi gioco tutto l'apparato riproduttore..
        - Scritto da: Videoteca Genesi
        Scritto da: ahboh

        ... che non succederà un fico secco.
        scommettiamo?

        Certo! scegli tu il premio per chi vince la
        scommessa.mmmh... il libretto rosso di Mao autografato da Pepito il breve!
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: mi gioco tutto l'apparato riproduttore..
        - Scritto da: Videoteca Genesi
        Scritto da: ahboh

        ... che non succederà un fico secco.
        scommettiamo?

        Certo! scegli tu il premio per chi vince la
        scommessa.Ok a non capire un ca...ppero, ma sai leggere?
  • Davide277 scrive:
    cambiamo nome al pese
    Bene pepito se ragioni così allora tra poco chi non la pensa come i potenti verrà censurato dalla rete Il nuoo stato sarà La Reppllica Popolare Italiana governata dal Pdl di Berlusconi tutti gli altri partiti saranno fuori legge e chi non rispetta il presidente del pdl viene censurato Se vuoi una nazione così vacci allora in Cina invece di sprare cavolate Questo regolamento è uno shifo assurdo perchè chi scarica lo fa per avere le cose gratisChi vuole spendere 7 euro di biglietto ogni sabato o musica a 20 euro Nessuno se non sei figlio di papà Rendiamo conto che se non si abbassano i prezzi o si crea un sistema legale la pirateria ci sarà sempreQuesto che verrà portato cambierà nulla perchè tanto esistono metodi per raggiungerlo lo stesso e anche i più stupidi (nel senso buono ) impareranno a usarli e continueranno a farlo AGCOM invece di perdere tempo con ste cavolate appliccasse le nuove norme comunitarie e aste per coprire tutto il paese con la fibra ottica
  • teschio scrive:
    mah.. povera italia,,
    Così si toglie lavoro agli ISP italiani e io mi faccio un tunnelling SSH su un PC in russia, anzi metto su un servizio ad abbonamento.. chi lo vuole?
    • Foxxie scrive:
      Re: mah.. povera italia,,
      Perché in Russia?Francia e Paesi Bassi sono tanto vicini, ho anche conoscenze lì...
      • teschio scrive:
        Re: mah.. povera italia,,
        perchè c'è più freddo e se devo fare una farm la faccio dove risparmio per raffreddare i pc.. poi il ping non è che cambi molto tra francia e russia.. e ho l'impressione che in russia siano più liberali.
  • sonogaspare scrive:
    AGCOM = Berlusconi !
    AGCOM agenzia di Regime , anomala e non riconosciuta a livello comunitario: Agenzia nata dalle costole del Cavaliere per boicottare la Rai e che oggi alza la testa sempre ed esclusivamente dietro i dettati del cavaliere a discapito di tutta la Popolazione ! Agenzia inventata e utile solo ed esclusivamente per gli interessi del Solito Innominato : BERLUSCONI ! Che vuole impedire a qualsiasi costo che la gente sappia, si informi e si culturizzi ! Non come Lui ch'è rimasto ignorante e buzzurro ! Silvio : non basta avere la cravatta a posto e i colpi di pennarello in testa, quello che è importante è il contenuto della Tua materia grigia |
    • Pepito il breve scrive:
      Re: AGCOM = Berlusconi !
      e chissenefrega ... se non e' lui e' la SIAE o altri ... se io spendo migliaia di euro per produrre un film o un video e tu me lo copi su youtube avro' pure il diritto di farti causa o no ? siete solo ladri e scroconi e pure conigli coperti dall'anonimato del monitor, fate schifo.
      • Rover scrive:
        Re: AGCOM = Berlusconi !
        Hai centrato il problema!Hai diritto di fare causa, davanti ad un giudice.E non davanti ad AGCOM.Quello di cui si dibatte è il ruolo che AGCOM vuole attribuirsi: giudice, che non le compete.Poi l'eliminazione del copyright, ecc sono tutte balle scritte dai soliti scrocconi inveterati.
      • Un lettore scrive:
        Re: AGCOM = Berlusconi !

        siete solo ladri e scroconi e pure conigli
        coperti dall'anonimato del monitor, fate
        schifo.Allora perché frequenti questo forum?
      • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
        Re: AGCOM = Berlusconi !

        siete solo ladri COPIARE NON SIGNIFICA RUBARE http://www.penale.it/page.asp?IDPag=24 Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13 novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449 (2110/2003) ...non configurabilità del reato di furto dei files mediante duplicazione (o copiatura)...http://www.penale.it/page.asp?IDPag=903 Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26 ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n. 44840 ...è da escludere la configurabilità del reato di furto nel caso di semplice copiatura...
        coperti dall'anonimato... detto dal sig. Pepito il breve (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl) ABOLIRE IL COPYRIGHT P-)
        • Pepito il breve scrive:
          Re: AGCOM = Berlusconi !
          peccato fossero probabilmente (manco sto a leggere i links) riferiti a copia di sicurezza per uso personale e non certo alla distribuzione worldwide su reti torrent e warez.puoi girare la frittata come vuoi, ma e' illegale distribuire e copiare anche solo in parte materiale protetto, tanto meno in tutto il mondo con pochi clicks come e' possibile oggi a qualunque 13enne brufoloso e rinXXXXXXXXto.vuoi davvero distruggere il sistema ? inizia a pestare qualche carabbbiniere, poi se resti vivo mi racconti, altro che warez e XXXXXXX online.
          • Umi-Bozu scrive:
            Re: AGCOM = Berlusconi !
            - Scritto da: Pepito il breve
            peccato fossero probabilmente (manco sto a
            leggere i links) Già questo ti qualifica.
            riferiti a copia di sicurezza
            per uso personale e non certo alla distribuzione
            worldwide su reti torrent e
            warez.

            puoi girare la frittata come vuoi, ma e' illegale
            distribuire e copiare anche solo in parte
            materiale protetto, tanto meno in tutto il mondo
            con pochi clicks come e' possibile oggi a
            qualunque 13enne brufoloso e
            rinXXXXXXXXto.Non avessi la consapevolezza che sei un troll conclamato direi che sei troppo stupido per capire la differenza tra copiare e distribuire.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: AGCOM = Berlusconi !
            il punto della questione e' tra chi FA e chi come voi invece ruba e scrocca e vuole magari pure farci soldi sopra, tutto il resto sono elucubrazioni fine a se' stesse.
          • Umi-Bozu scrive:
            Re: AGCOM = Berlusconi !
            - Scritto da: Pepito il breve
            il punto della questione e' tra chi FA e chi come
            voi invece ruba e scrocca e vuole magari pure
            farci soldi sopra, tutto il resto sono
            elucubrazioni fine a se'
            stesse.Il punto della questione è per te inattingibile.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: AGCOM = Berlusconi !
            aho' visto che siete cosi' bravi a criticare perche' non vi fate voi film, musica, software, e tutto il resto ? purtroppo a parte poca roba in CC e GPL non si e' visto altro !chi di voi, intendo VOI lettori crea e distribuisce materiale proprio a gratis ?
          • Umi-Bozu scrive:
            Re: AGCOM = Berlusconi !
            - Scritto da: Pepito il breve
            aho' visto che siete cosi' bravi a criticare
            perche' non vi fate voi film, musica, software, e
            tutto il resto ? purtroppo a parte poca roba in
            CC e GPL non si e' visto altro
            !

            chi di voi, intendo VOI lettori crea e
            distribuisce materiale proprio a gratis
            ? Come dicevo, il punto della questione è per te inattingibile
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: AGCOM = Berlusconi !

            puoi girare la frittata come vuoiSei tu che ti rifiuti di capire.Copiare non è uguale a rubare perché l'informazione viene duplicata e non sottratta Vediamo se con un disegnino ci arrivi...[yt]IeTybKL1pM4[/yt] ABOLIRE IL COPYRIGHT P-)
          • Pepito il breve scrive:
            Re: AGCOM = Berlusconi !
            ebbasta, hai rotto i XXXXXXXX.
          • Franky scrive:
            Re: AGCOM = Berlusconi !
            - Scritto da: Pepito il breve
            ebbasta, hai rotto i XXXXXXXX.Ah si eh ? Appena ho tempo lo remixo e ne faccio una versione rock.. e te lo posto ogni 5 commenti (rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • ahboh scrive:
          Re: AGCOM = Berlusconi !
          - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

          siete solo ladri

          COPIARE NON SIGNIFICA RUBARE

          http://www.penale.it/page.asp?IDPag=24
          Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13
          novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449
          (2110/2003)
          ...non configurabilità del reato di furto dei
          files mediante duplicazione (o
          copiatura)...

          http://www.penale.it/page.asp?IDPag=903
          Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26
          ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n.
          44840
          ...è da escludere la configurabilità del reato di
          furto nel caso di semplice
          copiatura...


          coperti dall'anonimato

          ... detto dal sig. Pepito il breve
          (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)

          ABOLIRE IL COPYRIGHT

          P-)tu chi sei, l'ennesimo paladino del nulla? vai a giocare a rimpiattino con Alfonso Luigi Marra và.
  • Pepito il breve scrive:
    non e' censura ma GIUSTIZIA !
    volete l'anarchia ? volete il far west ? spiacente, ma finalmente si sta per mettere fine al far west digitale e vi ricordo che voi stessi lo avete creato quindi non lamentatevi con noi giustizialisti.civilta' vuol dire in primis regole chiare e uguali per tutti.
    • Burp scrive:
      Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
      - Scritto da: Pepito il breve
      volete l'anarchia ? volete il far west ?
      spiacente, ma finalmente si sta per mettere fine
      al far west digitale e vi ricordo che voi stessi
      lo avete creato quindi non lamentatevi con noi
      giustizialisti.

      civilta' vuol dire in primis regole chiare e
      uguali per
      tutti.I cinesi non avrebbero saputo dirlo meglio.
      • Pepito il breve scrive:
        Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
        magari avessimo la legislazione che hanno in paesi seri come la cina, siamo indietro di vent'anni e ce n'e' di strada da fare ancora.
        • Pepito il breve scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
          apparte che non capisco perche' citate i blog come se fosse solo roba politica quando nei fatti i blog di maggior sucXXXXX e' solo robaccia di gossip, sport, humour, cucina, lifestyle, fashion, trash femminile, IT/ICT, tecnologia, etc .. quelli politici sono forse il 5% del totale se proprio va bene.
        • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !

          magari avessimo la legislazione che hanno in
          paesi seri come la cinaFacile parlare con il sedere al sicuro.Prova ad andare in Cina e a dire pubblicamente quello che ti passa per la testa... auguri!
          • Pepito il breve scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            io l'ho fatto ma io sono filo cinese.
          • Franky scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: Pepito il breve
            io l'ho fatto ma io sono filo cinese.bravo...fatti dare una poltrona al governo allora...i censori filo-cinesi sono i benvenuti nel parlamento italiano...
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !

            io sono filo cinese.E vantatene anche...http://lepersoneeladignita.corriere.it/2011/06/30/cina-gli-uomini-di-legge-messi-fuorilegge/
          • Pepito il breve scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            beh saranno anche XXXXX miei, o devo per forza essere filo americano come voi ?
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !

            beh saranno anche XXXXX mieiMa guarda che a nessuno interessano le tue motivazioni.Sapere che ti autodefinisci filo cinese è più che sufficiente.
    • Andreabont scrive:
      Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
      La tua giustizia chiude un autoatrada solo perche' qualcuno supera il limite di velocita'.Ok che il senso di giustizia e' relativo e personale, ma qui si sta esagerando.Poi lo spettro del sequestro (non censura, usiamo i termini giusti) di siti per idee non conformi con le tue e' dietro l'angolo.
      • Pepito il breve scrive:
        Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
        nel momento che e' troppo facile e istantaneo cambiare server o ISP e' ovvio che servano regole piu' ferree del normale.e in primis, e' inammissbile che si possa pubblicare anonimamente cialtroneria di politica, accuse, etc .. passi per cagate di gossip o di cucina ma i blogs politici devono essere regolamentati al pari delle testate editoriali.se tu accusi qualcuno facendone il nome e il cognome ti devi a tua volta firmare con nome e cognome, non esistono le denuncie anonime.
        • bubba scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
          - Scritto da: Pepito il breve
          nel momento che e' troppo facile e istantaneo
          cambiare server o ISP e' ovvio che servano regole
          piu' ferree del
          normale.

          e in primis, e' inammissbile che si possa
          pubblicare anonimamente cialtroneria di politica,
          accuse, etc .. passi per cagate di gossip o di
          cucina ma i blogs politici devono essere
          regolamentati al pari delle testate
          editoriali.

          se tu accusi qualcuno facendone il nome e il
          cognome ti devi a tua volta firmare con nome e
          cognome, non esistono le denuncie
          anonime.Io sto progettando una legge che vieti di parlare a quelli che hanno nel nome la parola "Pepito". Ovviamente retroattiva.Oh sara' legge, quindi la devi rispettare e subirne le conseguenze.Cosa dici? ti sembra una legge assurda e iniqua? sopratutto perche retroattiva? Beh pazienza,no. E' legge, quindi per definizione buona e giusta, O NO? O forse se un parlamento delegittimato fa leggi merdose e assurde, queste vanno contrastate e boicottate?
          • Pepito il breve scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            sai a me che mi frega, vivo all'estero, e manco in europa, fate pure tutte le seghe di leggi e leggine che volete.
          • ahboh scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: Pepito il breve
            sai a me che mi frega, vivo all'estero, e manco
            in europa, fate pure tutte le seghe di leggi e
            leggine che
            volete.sei solo l'ennesimo italiano non residente in italia che ama sputare sentenze senza cognizione di causa.
        • Un lettore scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !

          e in primis, e' inammissbile che si possa
          pubblicare anonimamente cialtroneria di politica,Allora firmati con nome e cognome.
        • Franky scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
          - Scritto da: Pepito il breve
          nel momento che e' troppo facile e istantaneo
          cambiare server o ISP e' ovvio che servano regole
          piu' ferree del
          normale.

          e in primis, e' inammissbile che si possa
          pubblicare anonimamente cialtroneria di politica,
          accuse, etc .. passi per cagate di gossip o di
          cucina ma i blogs politici devono essere
          regolamentati al pari delle testate
          editoriali.

          se tu accusi qualcuno facendone il nome e il
          cognome ti devi a tua volta firmare con nome e
          cognome, non esistono le denuncie
          anonime.vallo a dire alla gdf allora che raccoglie le denuncie anonime...
    • Ubunto scrive:
      Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
      - Scritto da: Pepito il breve
      civilta' vuol dire in primis regole chiare e
      uguali per
      tutti.Colossale sciocchezza: civiltà vuol dire in primis regole GIUSTE ed EQUE.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 giugno 2011 10.25-----------------------------------------------------------
      • Pepito il breve scrive:
        Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
        bravo, e tu appunto auspichi una societa' dove sia libero rubare e XXXXXXX la pagnotta altrui.
        • Giodigem scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
          Prima di scrivere dovresti tornare a prendere qualche lezione di grammatica:"apparte" non esiste e si scrive "a parte". "denuncie" è errato e si scrive senza la i ovvero "denunce". Detto questo, ti ricordo che delegando il controllo sui contenuti di internet a un ente terzo, succederà quello che sta succedendo su tutti gli altri campi, ovvero che questo ente terzo non sarà mai parziale e applicherà le regole in base ai propri interessi.Internet è una risorsa assoluta perchè a differenza delle altre forme di espressione si autoregolamenta, una persona può dire la sua opinione, che può essere una stupidaggine assoluta, ma proprio in quanto tale il web la neutralizzerebbe e la renderebbe ininfluente. Vuoi un esempio di questo? Wikipedia, la più grande ed eccezionale fonte di informazione di sempre, sulla quale può scrivere chiunque, ma se scrivi baggianate ti scoprono e non vieni pubblicato. I nostri giornali finanziati anche con i soldi miei e tuoi(di destra, di sinistra, verdi, rossi, bianchi o blu) a chi rispondono sui contenuti che scrivono ? a loro stessi e ai loro padroni (solitamente i partiti o qualche lobby) o ai cittadini ? Medita se la tua materia grigia te lo consente...
          • Pepito il breve scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            azzz .. siamo a posto allora ...che si "autoregolamenti" lo dicevano anche del cosiddetto "mercato", chiedi a un po' a greci e spagnoli e irlandesi come sta andando a finire.e che mi si citi wikipedia come summa di tutto questo sforzo, concedimi di andare al XXXXX a defecare va'.e' esattamente quelli come te che i poteri forti vogliono avere come cittadini "istruiti", inorgoglisciti pure...
          • Franky scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: Pepito il breve
            azzz .. siamo a posto allora ...

            che si "autoregolamenti" lo dicevano anche del
            cosiddetto "mercato", chiedi a un po' a greci e
            spagnoli e irlandesi come sta andando a
            finire.

            e che mi si citi wikipedia come summa di tutto
            questo sforzo, concedimi di andare al XXXXX a
            defecare
            va'.

            e' esattamente quelli come te che i poteri forti
            vogliono avere come cittadini "istruiti",
            inorgoglisciti
            pure...infatti come sappiamo i veri rivoluzionari sono tutti ignoranti...ed apprendono le cose da fonti attendibili come la tv di stato...
        • Un lettore scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
          - Scritto da: Pepito il breve
          bravo, e tu appunto auspichi una societa' dove
          sia libero rubare e XXXXXXX la pagnotta
          altrui.Se hai le palle per dire il tuo vero nome troverò tutte le tue foto e mi impegno a farne di simili con licenza libera da regalare alle aziende.
          • t a n y s t r o p h e u s scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !

            Se hai le palle per dire il tuo vero nome troverò
            tutte le tue foto e mi impegno a farne di simili
            con licenza libera da regalare alle
            aziende.Vista la risoluta integerrima impostazione del pepito, sono sicuro che Pepito Il Breve e` il vero nome e cognome!
        • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !

          sia libero rubare COPIARE NON SIGNIFICA RUBARE http://www.penale.it/page.asp?IDPag=24 Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13 novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449 (2110/2003) ...non configurabilità del reato di furto dei files mediante duplicazione (o copiatura)...http://www.penale.it/page.asp?IDPag=903 Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26 ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n. 44840 ...è da escludere la configurabilità del reato di furto nel caso di semplice copiatura...
        • Franky scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
          - Scritto da: Pepito il breve
          bravo, e tu appunto auspichi una societa' dove
          sia libero rubare e XXXXXXX la pagnotta
          altrui.no questo c'e' gia'...noi auspichiamo una civilta' dove i prepotenti siano messi alla porta...e non tutelati dalla legge...
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
          - Scritto da: Pepito il breve
          bravo, e tu appunto auspichi una societa' dove
          sia libero rubare e XXXXXXX la pagnotta
          altrui.No, auspico una società dove sia possibile moltiplicare i pani e i pesci.
    • say no scrive:
      Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
      - Scritto da: Pepito il breve
      volete l'anarchia ? volete il far west ?
      spiacente, ma finalmente si sta per mettere fine
      al far west digitale e vi ricordo che voi stessi
      lo avete creato quindi non lamentatevi con noi
      giustizialisti.

      civilta' vuol dire in primis regole chiare e
      uguali per tutti.stai dicendo in pratica (con una certa "nostalgia", vero?) che ti piacerebbe ci fosse ancora il duce?
      • Pepito il breve scrive:
        Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
        certo sarebbe facile guardare a berlino, roma, o mosca, ma la luce la vedo solo a Pechino al momento.
        • ahboh scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
          - Scritto da: Pepito il breve
          certo sarebbe facile guardare a berlino, roma, o
          mosca, ma la luce la vedo solo a Pechino al
          momento.sì, la luce di un'atomica... peccato solo per il debito pubblico americano...
        • Franky scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
          - Scritto da: Pepito il breve
          certo sarebbe facile guardare a berlino, roma, o
          mosca, ma la luce la vedo solo a Pechino al
          momento.Non ti preoccupare Pepito presto raggiungeremo gli standard cinesi ed iraniani e potrai finalmente tornare in patria...
    • Un lettore scrive:
      Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
      - Scritto da: Pepito il breve
      volete l'anarchia ? volete il far west ?
      spiacente, ma finalmente si sta per mettere fine
      al far west digitale e vi ricordo che voi stessi
      lo avete creato quindi non lamentatevi con noi
      giustizialisti.

      civilta' vuol dire in primis regole chiare e
      uguali per
      tutti.Guarda che non chiudono mica i siti di foto :)
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !

      civilta' vuol dire in primis regole chiare e
      uguali per tutti.Già, peccato che le attuali regole sul copyright limitano la diffusione della Cultura per gli interessi economici di pochi.Quindi le regole vanno cambiate: ABOLIRE IL COPYRIGHT La Cultura è di tutti, dobbiamo riprendercela.P-)
      • Pepito il breve scrive:
        Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
        esatto, la cultura NON e' un diritto e NON e' per tutti.se non ci sei ancora arrivato la cultura che ti regalano e' esattamente quella che vogliono che tu assorba... sveglia !! la cultura vera costa e la devi cercare e spesso non e' online, e giustamente.
        • Un lettore scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
          - Scritto da: Pepito il breve
          esatto, la cultura NON e' un diritto e NON e' per
          tutti.Lasciamo il popolo ignorante?Ti risponderei se non avessi la certezza che sei solo un troll.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            hahahama se ancora non ci sei arrivato e' il popolo che si "auto-seleziona" e decide eventualmente di restare ignorante, nonostante la scuola obbligatoria e tutto il resto.
          • krane scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: Pepito il breve
            hahaha
            ma se ancora non ci sei arrivato e' il popolo che
            si "auto-seleziona" e decide eventualmente di
            restare ignorante, nonostante la scuola
            obbligatoria e tutto il resto.Guarda che la tua dimostrazione continua di questo ci ha reso chiarissimo il concetto che stai descrivendo eh.
          • Umi-Bozu scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: Pepito il breve
            hahaha

            ma se ancora non ci sei arrivato e' il popolo che
            si "auto-seleziona" e decide eventualmente di
            restare ignorante, nonostante la scuola
            obbligatoria e tutto il
            resto.Proprio per questo la cultura è un diritto: perché puoi decidere se esercitarlo oppure no.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            ti sbagli, non puo' essere un diritto nel momento che necessita in primis la "volonta' di sapere".sai meglio di me che la gente normale si interessa solo di gossip, sport, e poco altro ed e' allergica ai libri e se legge solo mezzo articolo di giornale gia' ha il mal di testa.il sapere e' potere esattamente per il fatto che non e' scritto sui muri a portata di tutti, e dopotutto sarebbe deleterio se lo fosse visto che la gente non avendo le basi per comprenderlo prenderebbe solo lucciole per lanterne.illudersi come fate voi hippies che basti scaricare libri da un elicottero per cambiare il mondo e' esattamente come chi negli anni 60voleva iniettare acidi negli acquedotti credendo che la gente si svegliasse fuori .. ebbene non e' cosi' e anzi la gente comune vi sbattera' i libri in faccia, della cultura oggi non se ne fa niente quasi nessuno, dovresti essertene accorto anche da solo.
          • krane scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: Pepito il breve
            ti sbagli, non puo' essere un diritto nel momento
            che necessita in primis la "volonta' di
            sapere".Anche il voto e' un diritto che necessita la volonta' di votare.
          • Umi-Bozu scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: Pepito il breve
            ti sbagli, non puo' essere un diritto nel momento
            che necessita in primis la "volonta' di
            sapere".
            Anche il lavoro è un diritto e necessita "in primis della volontà di lavorare". Quello che dici non c'entra nulla con la definizione del diritto
            sai meglio di me che la gente normale si
            interessa solo di gossip, sport, e poco altro ed
            e' allergica ai libri e se legge solo mezzo
            articolo di giornale gia' ha il mal di
            testa.E con questo? SI dovrebbero chiudere le biblioteche?
            il sapere e' potere esattamente per il fatto che
            non e' scritto sui muri a portata di tutti
            dopotutto sarebbe deleterio se lo fosse visto che
            la gente non avendo le basi per comprenderlo
            prenderebbe solo lucciole per
            lanterne.E con questo? Bisognerebbe fare un test a chiunque entri in una biblioteca per valutare se "ha le basi per comprendere ciò che leggerà"?
            illudersi come fate voi hippies che basti
            scaricare libri da un elicottero per cambiare il
            mondo e' esattamente come chi negli anni
            60
            voleva iniettare acidi negli acquedotti credendo
            che la gente si svegliasse fuori .. ebbene non e'
            cosi' e anzi la gente comune vi sbattera' i libri
            in faccia, della cultura oggi non se ne fa niente
            quasi nessuno, dovresti essertene accorto anche
            da
            solo.Neanche rispondo nel merito, perché piuttosto è il tuo ragionamento per preconcetti e luoghi comuni ad essere antropologicamente e psicologicamente interessante, che sia una posa o una convinzione reale. Come se non tu fossi veramente convinto della forza delle tue idee, tendi a inquadrare il tuo interlocutore in categorie giudicate socialmente "deprecabili": hippies drogati, ladri, scrocconi, credendo di guadagnare una posizione di forza nei loro confronti.
          • Debugger scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: Pepito il breve
            il sapere e' potere esattamente per il fatto che
            non e' scritto sui muri a portata di tutti, e
            dopotutto sarebbe deleterio se lo fosse visto che
            la gente non avendo le basi per comprenderlo
            prenderebbe solo lucciole per
            lanterne.Il sapere è potere per diversi motivi, tra cui non farsi XXXXXXX da chi le spara e cerca di far credere di saperne di più.
            illudersi come fate voi hippies che basti
            scaricare libri da un elicottero per cambiare il
            mondo e' esattamente come chi negli anni
            60
            voleva iniettare acidi negli acquedotti credendo
            che la gente si svegliasse fuori .. ebbene non e'
            cosi' e anzi la gente comune vi sbattera' i libri
            in faccia, della cultura oggi non se ne fa niente
            quasi nessuno, dovresti essertene accorto anche
            da
            solo.Altra fallacia. Qui si parla di avere libero acXXXXX alla cultura (chiunque voglia, può), non di fare supposte di cultura a chi ha altri interessi.
          • shevathas scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !

            Proprio per questo la cultura è un diritto:
            perché puoi decidere se esercitarlo oppure
            no.ma non c'è scritto da nessuna parte che i diritti debbano essere a costo zero, soprattutto se qualcuno deve pagare affinché tu possa godere di tali diritti.Banalmente il poter possedere una ferrari è un diritto ? si compreso nel diritto alla proprietà privata, ma non per questo posso andare dal concessionario e prendermene, a gratis, una.
          • Umi-Bozu scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: shevathas
            ma non c'è scritto da nessuna parte che i diritti
            debbano essere a costo zero, soprattutto se
            qualcuno deve pagare affinché tu possa godere di
            tali
            diritti.Dove ho sostenuto che i diritti devono essere a costo zero? Ho risposto a chi diceva che la cultura non è un diritto.
            Banalmente il poter possedere una ferrari è un
            diritto ? si compreso nel diritto alla proprietà
            privata, ma non per questo posso andare dal
            concessionario e prendermene, a gratis,
            una.Non puoi andare dal concessionario e prenderla gratis perché anche lui gode del diritto di proprietà. Lui può cederti il suo diritto di proprietà sulla macchina in cambio di soldi, o anche regalandotela.Lo stato ha il compito di tutelare e permettere di usufruire di questo diritto. Nel caso della cultura, lo stato ha il dovere di allestire scuole, biblioteche e altri spazi dove tale diritto possa essere esercitato. Sta a te decidere se andarci oppure no
          • Franky scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: Umi-Bozu
            Ho risposto a chi diceva che la cultura non è un
            diritto.
            Non puoi andare dal concessionario e prenderla
            gratis perché anche lui gode del diritto di
            proprietà. Lui può cederti il suo diritto di
            proprietà sulla macchina in cambio di soldi, o
            anche
            regalandotela.No questo...mai...tu paghi la Ferrari...e ti viene concessa una licenza nella quale ti impegni a non ospitare nella tua autovettura nessuno dei tuoi amici..a non cederla a terzi.ed a non prestarla ed a non conviderla con nessuno per fargli provare la sua prodigiosa potenza... perche' ricordati...:1 Ferrari prestata/condivisa= 1 Ferrari in meno venduta e quindi sei un ladro...se fai una cosa del genere, capito ?Chiedilo a Ruppolo che te lo dice pure lui...pensa per esempio se la Apple si mettesse a costruire automobili...pensi che potresti farci quello che ti pare nella auto che hai appena acquistato ?Che ci potresti montare quello che ti pare?Certo che no...comportati da persona onesta e rispetta la volonta' ed i diritti del costruttore d'auto...quindi niente pomiciate nel retro dell'auto capito? E ricordati che la puoi usare solo in Padania...se vai al sud al suo interno contiene un DRM che disattiva il motore non appena lasciata la Padania...e che non ti venga in mente di manomettere tale meccanismo perche' e' reato, capito?
          • shevathas scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !

            No questo...mai...tu paghi la Ferrari...e ti
            viene concessa una licenza nella quale ti impegni
            a non ospitare nella tua autovettura nessuno dei
            tuoi amici..a non cederla a terzi.ed a non
            prestarla ed a non conviderla con nessuno per
            fargli provare la sua prodigiosa potenza...
            cosa che avviene quando la ferrari invece di comprarla, ovvero averne il pieno possesso, ti limiti a prenderla a nolo per un giorno. Ovvio che il noleggiatore, colui che ti cede temporaneamente alcuni diritti sulla macchina, può fissare limitazioni all'uso maggiori rispetto a quelle che avrebbe chi ha il pieno possesso della macchina. Le opere audiovideo non le acquisti, ti limiti a noleggiarle, con condizioni spesso balorde, questo è vero. E quindi non hai i diritti che avresti se ne avresti il pieno possesso.
          • Umi-Bozu scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: shevathas
            cosa che avviene quando la ferrari invece di
            comprarla, ovvero averne il pieno possesso, ti
            limiti a prenderla a nolo per un giorno. Ovvio
            che il noleggiatore, colui che ti cede
            temporaneamente alcuni diritti sulla macchina,
            può fissare limitazioni all'uso maggiori rispetto
            a quelle che avrebbe chi ha il pieno possesso
            della macchina.


            Le opere audiovideo non le acquisti, ti limiti a
            noleggiarle, con condizioni spesso balorde,
            questo è vero. E quindi non hai i diritti che
            avresti se ne avresti il pieno
            possesso.La questione è un po' diversa. Nel caso di opere audiovideo (così come di libri), acquistandole ottieni un diritto di proprietà "tradizionale" sul supporto fisico (il cd, il dvd, il libro puoi romperli, bruciarli, mangiarli ecc. ecc.). Il problema è stabilire quali diritti acquisisci riguardo al "contenuto" del supporto. è evidente che non ne acquisisci la proprietà intellettuale: quella rimane all'autore. Non acquisisci neanche il diritto di sfruttamento commerciale, che rimane all'editore. Il diritto che acquisisci è quello di fruire del contenuto, ovvero di "assistere" alla rappresentazione contenuta sul supporto. Come se pagassi un biglietto per un concerto che si replica ogni volta che vuoi.
          • panda rossa scrive:
            Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
            - Scritto da: Franky
            - Scritto da: Umi-Bozu


            Ho risposto a chi diceva che la cultura non è un

            diritto.


            Non puoi andare dal concessionario e prenderla

            gratis perché anche lui gode del diritto di

            proprietà. Lui può cederti il suo diritto di

            proprietà sulla macchina in cambio di soldi, o

            anche

            regalandotela.

            No questo...mai...tu paghi la Ferrari...e ti
            viene concessa una licenza nella quale ti impegni
            a non ospitare nella tua autovettura nessuno dei
            tuoi amici..a non cederla a terzi.ed a non
            prestarla ed a non conviderla con nessuno per
            fargli provare la sua prodigiosa potenza...

            perche' ricordati...:

            1 Ferrari prestata/condivisa= 1 Ferrari in meno
            venduta e quindi sei un ladro...se fai una cosa
            del genere, capito
            ?

            Chiedilo a Ruppolo che te lo dice pure
            lui...pensa per esempio se la Apple si mettesse a
            costruire automobili...pensi che potresti farci
            quello che ti pare nella auto che hai appena
            acquistato
            ?
            Che ci potresti montare quello che ti pare?Solo carburante apple, naturalmente, erogabile dagli appositi distributori apple, gli unici che hanno la pompa col profilo a forma di mela morsicata invece che circolare, perche' possano entrare correttamente nel serbatoio della applecar col buco profilato allo stesso modo (giusto per impedire alle pompe normali di infilarcisi).In questo modo puoi metterci solo il prezioso carburante apple (il fatto che costi il triplo e' trascuarbile).E guai a XXXXXXXXXare il buco del serbatoio per poter fare il pieno da altre pompe: e' una gravissima violazione dei diritti di jobs, che resta il proprietario dell'auto che tu hai pagato.
            Certo che no...comportati da persona onesta e
            rispetta la volonta' ed i diritti del costruttore
            d'auto...quindi niente pomiciate nel retro
            dell'auto capito? Il sesso e' contro tutte le policy apple.I sedili posteriori sono disegnati con gli spigoli arrotondati, ma con dei braccioli che ne impediscono l'uso improprio.
            E ricordati che la puoi usare
            solo in Padania...In trentino ad essere precisi. Dove crescono le mele!
        • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !

          la cultura NON e' un diritto e NON e' per
          tutti.NO, il libero acXXXXX alla Cultura è un diritto inalienabile di ogni essere umano. ABOLIRE IL COPYRIGHT P-)
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
          - Scritto da: Pepito il breve
          esatto, la cultura NON e' un diritto e NON e' per
          tutti.La cultura è un diritto ed è di tutti. E se qualcuno vuole impedirlo, merita solo fame e sofferenza.Quindi, se il P2P ti porta a patire la fame e a soffrire, tanto meglio.
        • Joe Tornado scrive:
          Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !

          esatto, la cultura NON e' un diritto e NON e' per
          tutti.Sono d'accordo, la tua ignoranza abissale è una conferma di quanto sostieni !
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
      - Scritto da: Pepito il breve
      volete l'anarchia ? Si.
    • Franky scrive:
      Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
      - Scritto da: Pepito il breve
      volete l'anarchia ? volete il far west ?
      spiacente, ma finalmente si sta per mettere fine
      al far west digitale e vi ricordo che voi stessi
      lo avete creato quindi non lamentatevi con noi
      giustizialisti.

      civilta' vuol dire in primis regole chiare e
      uguali per
      tutti.il far west lo abbiamo creato...quando abbiamo fatto mettere piede a chiunque su internet... se no i censori dovevano al max possedere un televisore...non un mezzo potente e democratico come la rete....e venire a dire cretinate come questa... internet non e' un far west anche se il fatto che commenti come il tuo siano accettati te lo fa credere...ha i suoi regolamenti...i suoi sistemi di votazione...la sua morale...la sua etica...che certo non ha nulla a che fare con quella bieca e meschina di 4 tiranni avari interessati solo a riempirsi le tasche ed a limitare la liberta' di tutti...
    • ziovax scrive:
      Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
      - Scritto da: Pepito il breve
      civilta' vuol dire in primis regole chiare e
      uguali per
      tutti.MA MAGARI!!!Il lavoro che ho fatto oggi, mi sarà pagato sino a 90 anni dopo la mia morte.
    • il solito bene informato scrive:
      Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
      - Scritto da: Pepito il breve
      volete l'anarchia ? volete il far west ?
      spiacente, ma finalmente si sta per mettere fine
      al far west digitale e vi ricordo che voi stessi
      lo avete creato quindi non lamentatevi con noi
      giustizialisti.GIUSTIZIALISTA?e la vittima di questi reati per cui si chiede giustizia, chi sarebbe?
      • panda rossa scrive:
        Re: non e' censura ma GIUSTIZIA !
        - Scritto da: il solito bene informato
        - Scritto da: Pepito il breve

        volete l'anarchia ? volete il far west ?

        spiacente, ma finalmente si sta per mettere fine

        al far west digitale e vi ricordo che voi stessi

        lo avete creato quindi non lamentatevi con noi

        giustizialisti.

        GIUSTIZIALISTA?
        e la vittima di questi reati per cui si chiede
        giustizia, chi
        sarebbe?E pure il corpo del reato quale sarebbe?
  • gio scrive:
    filtraggio indirizzi ip
    La censura del DNS si puo' "saltare" tramite whois e inserendo l'indirizzo ip al posto del classico indirizzo(FQDN).Mi sfugge come sfuggire al non ancora applicato,mi sembra di aver capito, filtraggio ip.Forse appoggiandosi a qualche servizio VPN.Certamente la maggior parte degli utenti non potrebbe scappare da questo sistema e quindi l'obiettivo per i censori sarebbe raggiunto.
    • Sgabbio scrive:
      Re: filtraggio indirizzi ip
      vedrai che imparano ad usare i proxy :D
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: filtraggio indirizzi ip
      - Scritto da: gio
      Mi sfugge come sfuggire al non ancora
      applicato,mi sembra di aver capito, filtraggio
      ip.http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2807035&m=2807287#p2807287
      Certamente la maggior parte degli utenti non
      potrebbe scappare da questo sistema e quindi
      l'obiettivo per i censori sarebbe
      raggiunto.Dici? Eppure tanti hanno saputo seguire la mia guida, l'hanno copiata su forum, l'hanno messa sui blog, ne hanno fatto video su youtube.Non si può censurare internet, il passaparola è più forte.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 giugno 2011 23.33-----------------------------------------------------------
      • immagina che scrive:
        Re: filtraggio indirizzi ip
        e come fai a far transitare i dati di megavideo su tor,su 3 , 4 pc,fai rimbalzare 600kb al secondo tra i vari pc?mmm anche i link e i log nei forum io li rivedrei, provasei in errore,poi credi a quello che vuoi
        • Guybrush scrive:
          Re: filtraggio indirizzi ip
          - Scritto da: immagina che
          e come fai a far transitare i dati di megavideo
          su tor,su 3 , 4 pc,fai rimbalzare 600kb al
          secondo tra i vari
          pc?Dipende dal numero di PC coinvolti.Più è grande e più banda c'è a disposizione.
          mmm anche i link e i log nei forum io li rivedrei, provaNon esiste la sola porta 80, ce ne sono altre 65534.GT
        • mmmm scrive:
          Re: filtraggio indirizzi ip
          non conosco i protocolli per bene ma se volessero fare i pignoli/ignoranti/rompim... gli basterebbe il fatto che qualcosa passi per il tuo pc perchè tu l'abbia scaricato...
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: filtraggio indirizzi ip
          contenuto non disponibile
      • Gabriele scrive:
        Re: filtraggio indirizzi ip
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
        Dici? Eppure tanti hanno saputo seguire la mia
        guida, l'hanno copiata su forum, l'hanno messa
        sui blog, ne hanno fatto video su
        youtube.Che fai se, com accaduto per alcuni siti, l'ISP interviene direttamente sul routing e manda in dev/null le richeste guardando l'IP di destinazione?G.
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Caro Marco, hai dimenticato...
    ... altri due casi molto importanti di censura di cui, guardacaso, non si parla quasi mai:- il sito di Molleindustria per "Operazione Pretofilia". Ne avevi parlato tu stesso qui:http://punto-informatico.it/2031881/PI/Commenti/cassandra-crossing-internet-un-reato-opinione.aspx- il sito del Boylove Day (che non contiene alcun tipo di pedoXXXXXgrafia) di cui ricordo l'ottima analisi di Daniele Minottihttp://punto-informatico.it/2031873/PI/Commenti/sed-lex-quando-ministro-viola-legge.aspxA questo poi si aggiungono le vergognose (e completamente svianti) dichiarazioni del ministro Carfagna in merito alla legalità dei disegni giapponesi di tipo lolicon e shotaconhttp://www.pariopportunita.gov.it/index.php/quinonsitocca/1916-shotacon-e-lolicon-manga-la-versione-giapponese-della-pedoXXXXXgrafiaal contrario di quanto sostiene il ministro Carfagna, sia lolicon che shotacon SONO ASSOLUTAMENTE LEGALI IN ITALIA . Le cose gravi sono che lo fa sul suo sito istituzionale di ministro e non su una homepage o su un blog personale, e la seconda cosa grave è che non l'ha mai smentito.Per chi non lo sapesse lolicon e shotacon sono venduti in Italia alla luce del sole. La legge è sempre quella all'epoca di "Operazione Pretofilia" e i motivi della legalità di lolicon e shotacon sono gli stessi di quelli già detti all'epoca dall'avvocato Minotti per Operazione Pretofilia": non trattandosi di fotoritocchi o fotomontaggi e non partendo da immagini di minori reali, non possono essere illegali per la legge italiana.
    • bubba scrive:
      Re: Caro Marco, hai dimenticato...


      A questo poi si aggiungono le vergognose (e
      completamente svianti) dichiarazioni del ministro
      Carfagna in merito alla legalità dei disegni
      giapponesi di tipo lolicon e
      shotacon
      http://www.pariopportunita.gov.it/index.php/quinon
      al contrario di quanto sostiene il ministro
      Carfagna, sia lolicon che shotacon SONO
      ASSOLUTAMENTE LEGALI IN ITALIA . Le cose gravi
      sono che lo fa sul suo sito istituzionale di
      ministro e non su una homepage o su un blog
      personale, e la seconda cosa grave è che non l'ha
      mai
      smentito.

      Per chi non lo sapesse lolicon e shotacon sono
      venduti in Italia alla luce del sole. La legge è
      sempre quella all'epoca di "Operazione
      Pretofilia" e i motivi della legalità di lolicon
      e shotacon sono gli stessi di quelli già detti
      all'epoca dall'avvocato Minotti per Operazione
      Pretofilia": non trattandosi di fotoritocchi o
      fotomontaggi e non partendo da immagini di minori
      reali, non possono essere illegali per la legge
      italiana.ecco bravo. ne hai ricordata un altra : la XXXXXXXta galattica dei fotoritocchi! pene vere per reati virtuali... la psicopolizia.Prima me n'e' venuta un altra (non direttamente censoria, ma vessatoria) : http://daily.wired.it/news/internet/addio-alle-web-radio-e-tv-libere-in-italia.html
  • Certo certo scrive:
    Re: Mh.
    - Scritto da: MegaLOL
    E cosa pensavi, che una simile risorsa economica
    e tecnologica dovesse rimanere proprietà di
    quattro sfigati che discutevano di Guerre
    Stellari?Nooo, doveva essere al servizio di iTunes e dell'App prot prot Store. Tutti lo pensavamo.
  • master scrive:
    Subito Moratoria
    http://notizie.virgilio.it/notizie/politica/2011/6_giugno/29/internet_senatori_pd_subito_moratoria_e_calabro_spieghi,30290489.htmldai dai che si svegliano ;)
  • Alessio scrive:
    Rideremo e di gusto
    Quando ai pensionati neodrogati di youtube e facebook (e ce ne sono, ah se ce ne sono, visti anche i soldi con cui hanno finanziato negli ultimi anni la digitalizzazione della terza età) gli verrà cancellato il loro trastullo preferito.
    • ninjaverde scrive:
      Re: Rideremo e di gusto
      - Scritto da: Alessio
      Quando ai pensionati neodrogati di youtube e
      facebook (e ce ne sono, ah se ce ne sono, visti
      anche i soldi con cui hanno finanziato negli
      ultimi anni la digitalizzazione della terza età)
      gli verrà cancellato il loro trastullo
      preferito.Magari, ma non avverrà mai!!!I trastulli imperversano sempre di più, le cose utili e la cultura, in particolare la vera cultura che comprende anche i concetti delle libertà e della vita, quella si che è in serio pericolo. :(
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    Un autore ha il diritto di eliminare...
    Un autore ha il diritto di eliminare una voce? http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/06/28/un-autore-ha-il-diritto-di-eliminare-una-voce/128865
    • bubba scrive:
      Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
      - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
      Un autore ha il diritto di eliminare una
      voce?
      http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/06/28/un-autoottimo articolo. anche se ovviamente prende in cosiderazione solo un elemento della vasta galassia della p.i/ingegno/norme/diritti
    • krane scrive:
      Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
      - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
      Un autore ha il diritto di eliminare una
      voce?
      http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/06/28/un-autoSe uno scrive un libro, lo distribuisce e poi prova a venirselo a riprendere, anche rimborsandomelo, a casa mia non lo faccio entrare.
      • shevathas scrive:
        Re: Un autore ha il diritto di eliminare...


        Se uno scrive un libro, lo distribuisce e poi
        prova a venirselo a riprendere, anche
        rimborsandomelo, a casa mia non lo faccio
        entrare.e questo cosa c'entra ? se tu hai pagato il libro hai pagato anche una licenza perpetua per usufruirne in maniera personale (ovvero tu e una tua eventuale cerchia "famigliare", parenti amici et conoscenti).
        • bubba scrive:
          Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
          - Scritto da: shevathas



          Se uno scrive un libro, lo distribuisce e poi

          prova a venirselo a riprendere, anche

          rimborsandomelo, a casa mia non lo faccio

          entrare.

          e questo cosa c'entra ? se tu hai pagato il libro
          hai pagato anche una licenza perpetua per
          usufruirne in maniera personale (ovvero tu e una
          tua eventuale cerchia "famigliare", parenti amici
          et
          conoscenti).mai firmato nessun contratto o EULA che dicesse questo /o il suo contrario)
          • ruppolo scrive:
            Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: shevathas





            Se uno scrive un libro, lo distribuisce e poi


            prova a venirselo a riprendere, anche


            rimborsandomelo, a casa mia non lo faccio


            entrare.



            e questo cosa c'entra ? se tu hai pagato il
            libro

            hai pagato anche una licenza perpetua per

            usufruirne in maniera personale (ovvero tu e una

            tua eventuale cerchia "famigliare", parenti
            amici

            et

            conoscenti).
            mai firmato nessun contratto o EULA che dicesse
            questo /o il suo
            contrario)Il contratto l'hai accettato con l'acquisto del libro.Altrimenti anche il venditore potrebbe dirti "non ho firmato alcun contratto di garanzia" nel momento il cui, ipoteticamente, gli riporti un libro a cui mancano delle pagine.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: bubba

            - Scritto da: shevathas







            Se uno scrive un libro, lo distribuisce e
            poi



            prova a venirselo a riprendere, anche



            rimborsandomelo, a casa mia non lo faccio



            entrare.





            e questo cosa c'entra ? se tu hai pagato il

            libro


            hai pagato anche una licenza perpetua per


            usufruirne in maniera personale (ovvero tu e
            una


            tua eventuale cerchia "famigliare", parenti

            amici


            et


            conoscenti).

            mai firmato nessun contratto o EULA che dicesse

            questo /o il suo

            contrario)

            Il contratto l'hai accettato con l'acquisto del
            libro.I contratti sono validi se si firmano! I contratti di licenza hanno molti dubbi in quel proposito.
            Altrimenti anche il venditore potrebbe dirti "non
            ho firmato alcun contratto di garanzia" nel
            momento il cui, ipoteticamente, gli riporti un
            libro a cui mancano delle
            pagine.La garanzia è una legge, se permetti non è la stessa cosa, protettore degli approfittatori :D
          • shevathas scrive:
            Re: Un autore ha il diritto di eliminare...

            I contratti sono validi se si firmano! I
            contratti di licenza hanno molti dubbi in quel
            proposito.
            per quel tipo di contratti la forma scritta non è obbligatoria.
            La garanzia è una legge, se permetti non è la
            stessa cosa, protettore degli approfittatori
            :Danche la protezione dei diritti d'autore, per quanto sballata possa essere è una legge.
          • collione scrive:
            Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
            - Scritto da: shevathas

            I contratti sono validi se si firmano! I

            contratti di licenza hanno molti dubbi in quel

            proposito.


            per quel tipo di contratti la forma scritta non è
            obbligatoria.
            ma non è un contratto, è una cessione in bonus, per cui io ti pago e tu mi dai il benema non si pensa che questo possa essere minimamente assimilabile alle licenze come quelle che abbiano sul softwaretant'è che lo stesso possesso fisico del libro ne dà il diritto all'uso
            anche la protezione dei diritti d'autore, per
            quanto sballata possa essere è una
            legge.certo ma rimane il problema di raggiungere un compromesso tra diritti privati e diritti pubbliciil guaio è che da molti anni a questa parte, i diritti delle multinazionali e di tutti i soggetti privati forti scavalcano sistematicamente i diritti di tutti i cittadinic'è una massima del diritto romano che recita "societas delinquere non potest" ad indicare il fatto che le leggi in definitiva sono fatte dal popolo per il popolose questi signori sono così sicuri dei fatti loro perchè non demandano al popolo ( referendum ) le scelte da fare?
          • Hiperlon scrive:
            Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
            - Scritto da: collione

            se questi signori sono così sicuri dei fatti loro
            perchè non demandano al popolo ( referendum ) le
            scelte da
            fare?allora cominciamo a raccolgiere le firme!!!!Meglio che stare qui a cazzeggiare.Volete scommettere che se si abbandonano le tesi estremistichedella abolizione pura e semplice del CR e si discute con gli autori-solo quelli o prevalentemente quelli- per raggiungere un compromesso, la soluzione o un avvio alla soluzione si trova?
          • krane scrive:
            Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
            - Scritto da: Hiperlon
            - Scritto da: collione

            se questi signori sono così sicuri dei

            fatti loro perchè non demandano al

            popolo ( referendum ) le scelte da

            fare?
            allora cominciamo a raccolgiere le firme!!!!
            Meglio che stare qui a cazzeggiare.Gia fatto, piu' volte sia da da parte dell'associazione consumatori che da varie associazioni private. In qualche ministero c'e' un cassetto pieno di firme, se non le hanno gia' usate come carta igenica.Qualche altra idea geniale ???
            Volete scommettere che se si abbandonano le
            tesi estremistiche della abolizione pura e
            semplice del CR e si discute con gli
            autori-solo quelli o prevalentemente
            quelli- per raggiungere un compromesso, la
            soluzione o un avvio alla soluzione si
            trova?
          • Ozymandias scrive:
            Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
            - Scritto da: collione
            ma non è un contratto, è una cessione in bonus,
            per cui io ti pago e tu mi dai il beneNo, è un contratto a tutti gli effetti. In particolare, si tratta di un contratto verbale, per il quale non è necessaria la forma scritta come indicato nell'art. 1350 C.C. (v. anche http://it.wikipedia.org/wiki/Forma_(diritto))
          • ruppolo scrive:
            Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: shevathas


            I contratti sono validi se si firmano! I


            contratti di licenza hanno molti dubbi in quel


            proposito.




            per quel tipo di contratti la forma scritta non
            è

            obbligatoria.



            ma non è un contratto, è una cessione in bonus,
            per cui io ti pago e tu mi dai il
            beneÈ un contratto, altrimenti l'Articolo 1492 del Codice Civile (riguardante la garanzia) non parlerebbe di "risoluzione del contratto".
            certo ma rimane il problema di raggiungere un
            compromesso tra diritti privati e diritti
            pubbliciDi quali diritti pubblici parli?
          • ruppolo scrive:
            Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: bubba


            - Scritto da: shevathas









            Se uno scrive un libro, lo distribuisce e

            poi




            prova a venirselo a riprendere, anche




            rimborsandomelo, a casa mia non lo faccio




            entrare.







            e questo cosa c'entra ? se tu hai pagato il


            libro



            hai pagato anche una licenza perpetua per



            usufruirne in maniera personale (ovvero tu e

            una



            tua eventuale cerchia "famigliare", parenti


            amici



            et



            conoscenti).


            mai firmato nessun contratto o EULA che
            dicesse


            questo /o il suo


            contrario)



            Il contratto l'hai accettato con l'acquisto del

            libro.

            I contratti sono validi se si firmano!Quindi cosa fai quando ti presenti in un negozio con un prodotto da riparare in garanzia? Hai firmato il contratto? Il venditore l'ha firmato? No? E allora perché dovrebbe darti la garanzia, se non c'è alcun contratto?
            I
            contratti di licenza hanno molti dubbi in quel
            proposito.Tu hai dubbi, non i contratti.


            Altrimenti anche il venditore potrebbe dirti
            "non

            ho firmato alcun contratto di garanzia" nel

            momento il cui, ipoteticamente, gli riporti un

            libro a cui mancano delle

            pagine.

            La garanzia è una legge, se permetti non è la
            stessa cosa, protettore degli approfittatori
            :DLa garanzia è una Legge? Quindi io ti devo dare la garanzia? No, il venditore deve dartela. Ma come... la legge non è uguale per tutti? Allora perché io non devo dartela?Riposta: quando concludi un acquisto e ricevi lo scontrino, entrambe le parti sono legate da un contratto con diritti e obblighi. Non a caso l'articolo 1492 del Codice Civile inerente la garanzia parla proprio di "Risoluzione del contratto". Un contratto che ha valore in Legge anche se non firmato (altrimenti il venditore direbbe che il contratto non è valido, visto che lui non ha firmato nulla, e non onorerebbe la garanzia).
          • panda rossa scrive:
            Re: Un autore ha il diritto di eliminare...
            - Scritto da: ruppolo
            Quindi cosa fai quando ti presenti in un negozio
            con un prodotto da riparare in garanzia? Hai
            firmato il contratto? Il venditore l'ha firmato?
            No? E allora perché dovrebbe darti la garanzia,
            se non c'è alcun
            contratto?C'e una legge.I contratti vengono firmati quando contengono condizioni ulteriori, a vantaggio del cliente, rispetto alla legge.Per esempio un venditore puo' fornirti una garanzia extra limitatamente ad una certa categoria di problematiche, in tal caso si firma un contratto.Altrimenti si applicano le condizioni previste dalla legge.Le clausole vessatorie, che sono limitative rispetto a quanto previsto dalla legge, non sono valide, anche se le hai controfirmate.

            I

            contratti di licenza hanno molti dubbi in
            quel

            proposito.

            Tu hai dubbi, non i contratti.Non abbiamo dubbi.E i contratti non ci sono.




            Altrimenti anche il venditore potrebbe
            dirti

            "non


            ho firmato alcun contratto di garanzia"
            nel


            momento il cui, ipoteticamente, gli
            riporti
            un


            libro a cui mancano delle


            pagine.



            La garanzia è una legge, se permetti non è la

            stessa cosa, protettore degli approfittatori

            :D

            La garanzia è una Legge? Si, c'e' una legge che impone un periodo di garanzia, dipendente dalla natura della merce.
            Quindi io ti devo dare la garanzia? Se mi vendi qualcosa, si.Se produci qualcosa, si.
            No, il venditore deve dartela. Ma anche il produttore deve garantire che quel prodotto rispetta determinate caratteristiche previste dalla legge.
            Ma
            come... la legge non è uguale per tutti? Allora
            perché io non devo
            dartela?

            Riposta: quando concludi un acquisto e ricevi lo
            scontrino, entrambe le parti sono legate da un
            contratto con diritti e obblighi. Non a caso
            l'articolo 1492 del Codice Civile inerente la
            garanzia parla proprio di "Risoluzione del
            contratto". Un contratto che ha valore in Legge
            anche se non firmato (altrimenti il venditore
            direbbe che il contratto non è valido, visto che
            lui non ha firmato nulla, e non onorerebbe la
            garanzia).Embe'.Guarda che e' per tutelare il cliente, non il venditore.Il venditore ha gia' preso i soldi, e non ha bisogno di ulteriori tutele.Di fatti tutte le tutele che riguardano il venditore sono nei pagamenti, che devono essere corrisposti come da contratto (es. i pagamenti a 30gg)
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    ABOLIRE IL COPYRIGHT
    Chi lucra sulla Cultura non accetterà mai di perdere la sua gallina dalle uova d'oro. E quindi spingerà sempre e comunque per la censura di Internet. L'unica soluzione è la soluzione finale: ABOLIRE IL COPYRIGHT P-)
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
      - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
      L'unica soluzione è la soluzione finale:Uhmm... soluzione finale... soluzione finale... non ricordo bene quandoe da chi ma sta cosa l'ho gia' sentita dire...Mah.A.
    • ruppolo scrive:
      Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
      - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
      Chi lucra sulla Cultura non accetterà mai di
      perdere la sua gallina dalle uova d'oro.Ah, non si deve lucrare sulla cultura? Allora che ti acculturi a fare? Tanto per far passare il tempo?
      • Sgabbio scrive:
        Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
        Quanto sei triste e grigio.
      • Darwin scrive:
        Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
        - Scritto da: ruppolo
        Ah, non si deve lucrare sulla cultura?No.Perchè la cultura deve essere sempre aperta a tutti, sia per chi se lo può permettere economicamente, sia per chi non può permetterselo.
        Allora che
        ti acculturi a fare? Tanto per far passare il
        tempo?Per utilizzare le competenze acquisite per migliorare la società.
      • Burp scrive:
        Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        Chi lucra sulla Cultura non accetterà mai di

        perdere la sua gallina dalle uova d'oro.

        Ah, non si deve lucrare sulla cultura? Allora che
        ti acculturi a fare? Tanto per far passare il
        tempo?Che tristezza Ruppolo.C'è chi vuole imparare, conoscere, capire...Poi sai, chi non ha cultura, come minimo viene facilmente manipolato dal reparto marketing di qualche azienda di iGadget.
      • Rover scrive:
        Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
        ma tu riesci ad avere una visione meno mercantile delle cose?
      • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
        Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        Ah, non si deve lucrare sulla cultura? Allora che
        ti acculturi a fare? Tanto per far passare il
        tempo?Sei di uno tristezza abissale.Se per te i soldi sono tutto allora si spiegano molte cose.E, detto senza ironia, provo anche un po' di pena per te, per tutto quello che ti perdi e che va oltre il denaro.
        • panda rossa scrive:
          Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
          - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

          Ah, non si deve lucrare sulla cultura? Allora
          che

          ti acculturi a fare? Tanto per far passare il

          tempo?

          Sei di uno tristezza abissale.

          Se per te i soldi sono tutto allora si spiegano
          molte
          cose.Se ne spiegherebbero molte di piu' alla luce del fatto che non ne ha.
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
        Fai tristezza.
      • Franky scrive:
        Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        Chi lucra sulla Cultura non accetterà mai di

        perdere la sua gallina dalle uova d'oro.

        Ah, non si deve lucrare sulla cultura? Allora che
        ti acculturi a fare? Tanto per far passare il
        tempo?Guarda e' una delle frasi piu' penose che ho sentito dire negli ultimi due anni...Tu studi solo per fare quattro soldi? Veramente sei cosi veniale e cosi' superficiale da non capire che la cultura promuove innanzitutto la crescita personale e la crescita sociale e solo in un secondo momento quella economica?La cultura e' uno strumento per interpretare e capire il mondo innanzitutto...(ed anche mi si consenta, per non farsi prendere in giro!!)
        • ruppolo scrive:
          Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
          - Scritto da: Franky
          - Scritto da: ruppolo

          - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT


          Chi lucra sulla Cultura non accetterà mai di


          perdere la sua gallina dalle uova d'oro.



          Ah, non si deve lucrare sulla cultura? Allora
          che

          ti acculturi a fare? Tanto per far passare il

          tempo?

          Guarda e' una delle frasi piu' penose che ho
          sentito dire negli ultimi due anni...Ovvio, io non parlo come il gregge.
          Tu studi
          solo per fare quattro soldi?Esattamente. E questo perché i soldi servono per vivere.
          Veramente sei cosi
          veniale e cosi' superficiale da non capire che la
          cultura promuove innanzitutto la crescita
          personale e la crescita sociale e solo in un
          secondo momento quella
          economica?In un secondo momento? Ma tu ogni giorno cosa mangi, pane e cultura o pane e salame?
          La cultura e' uno strumento per interpretare e
          capire il mondo innanzitutto...Certo, ma l'ora di cena fa presto ad arrivare...
          (ed anche mi si
          consenta, per non farsi prendere in
          giro!!)Allora mi spieghi come mai tutti gli italiani si fanno prendere in giro dai politici e in particolare dal presidente del consiglio. Nessuno ha studiato?
          • panda rossa scrive:
            Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
            - Scritto da: ruppolo
            Ovvio, io non parlo come il gregge.


            Tu studi

            solo per fare quattro soldi?

            Esattamente. E questo perché i soldi servono per
            vivere.I soldi servono per vevere solo per chi fa parte del gregge.Gli spiriti liberi non hanno bisogno di soldi per vivere.

            Veramente sei cosi

            veniale e cosi' superficiale da non capire
            che
            la

            cultura promuove innanzitutto la crescita

            personale e la crescita sociale e solo in un

            secondo momento quella

            economica?

            In un secondo momento? Ma tu ogni giorno cosa
            mangi, pane e cultura o pane e
            salame?Discorso gretto e materialista degno del peggior videotecaro.Se invece di star qui a perdere tempo a difendere apple, andassi a fare le pulizie in casa di chi ha bisogno, avresti il tuo pane e salame, visto che ci tieni tanto.

            La cultura e' uno strumento per interpretare
            e

            capire il mondo innanzitutto...

            Certo, ma l'ora di cena fa presto ad arrivare...E' un discorso che posso accettare da un disoccupato con famiglia a carico, non da uno che difende apple e passa la maggior parte del suo tempo a cazzeggiare in rete.

            (ed anche mi si

            consenta, per non farsi prendere in

            giro!!)

            Allora mi spieghi come mai tutti gli italiani si
            fanno prendere in giro dai politici e in
            particolare dal presidente del consiglio. Nessuno
            ha studiato?No, caro, non tutti.Tanti, forse, quanto basta per permettere alla casta di continuare a fare i suoi porci comodi, ma non tutti.
      • Funz scrive:
        Re: ABOLIRE IL COPYRIGHT
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        Chi lucra sulla Cultura non accetterà mai di

        perdere la sua gallina dalle uova d'oro.

        Ah, non si deve lucrare sulla cultura? Allora che
        ti acculturi a fare? Tanto per far passare il
        tempo?Che persona orribile.Vali solo per quello che hai nel portafogli. D'altronde, se compri roba Apple, è scontato che la pensi così.
  • shevathas scrive:
    meritarsi la rete
    Forse, dopotutto, la Rete come l'avevano concepita i suoi padri proprio non ce la meritiamo, ed ha ragione V quando dice che "... se cerchiamo un colpevole, dobbiamo solo guardarci allo specchio". purtroppo con la rete si è sbagliato molto, si è usato ed abusato troppo del giocattolo e, adesso, purtroppo il giocattolino viene tolto. Invece di usarla per comunicare e magari creare movimenti per chiedere, politicamente, il cambio di certe leggi e l'aggiornamento alle nuove tecnologie del vecchio diritto d'autore usando intelligentemente il voto si è preferito scopiazzare il più possibile convinti di essere i più intelligenti.Riguardo a faccialibro&co, bastava ricordare che non esiste il pasto gratis, e che l'apparente libertà di faccialibro la si paga anche dandogli il diritto di censurare a suo arbitrio quello che gli pare se quanto scriviamo non gli aggrada.Quello che mi fa ridere di molti che frignano sui loro diritti su FB è che FB almeno è onesto e te lo scrive esplicitamente quando accetti di iscriverti. Ci siamo comportati come bambini che hanno pensato solamente a suonare la trombetta, sempre e comunque, non pensando che a furia di suonare a proposito alla fine babbo la trombetta c'è l'avrebbe fatta sparire.
    • age scrive:
      Re: meritarsi la rete
      - Scritto da: shevathas
      Ci siamo comportati come bambini che hanno
      pensato solamente a suonare la trombetta, sempre
      e comunque, non pensando che a furia di suonare a
      proposito alla fine babbo la trombetta c'è
      l'avrebbe fatta
      sparire.non credo sia un paragone giusto un padre tiene hai prorpi figli, il loro comportameto e più paragonabile a quello di un bulletto di quartire (di quelli che alla fine finiscono sempre male)
    • Sgabbio scrive:
      Re: meritarsi la rete
      - Scritto da: shevathas

      purtroppo con la rete si è sbagliato molto, si è
      usato ed abusato troppo del giocattolo e, adesso,
      purtroppo il giocattolino viene tolto.

      Invece di usarla per comunicare e magari creare
      movimenti per chiedere, politicamente, il cambio
      di certe leggi e l'aggiornamento alle nuove
      tecnologie del vecchio diritto d'autore usando
      intelligentemente il voto si è preferito
      scopiazzare il più possibile convinti di essere i
      più
      intelligenti.Ste cose si fanno, il problema è che l'altra parte ignora bella mente, non so se ricordi.
      Riguardo a faccialibro&co, bastava ricordare che
      non esiste il pasto gratis, e che l'apparente
      libertà di faccialibro la si paga anche dandogli
      il diritto di censurare a suo arbitrio quello che
      gli pare se quanto scriviamo non gli
      aggrada.Tristemente vero, vale anche per altri siti che non riesntrano della categoria dei social network.
      Quello che mi fa ridere di molti che frignano sui
      loro diritti su FB è che FB almeno è onesto e te
      lo scrive esplicitamente quando accetti di
      iscriverti.Tra mille mila paragrafi che non leggera mai nessuno.
      Ci siamo comportati come bambini che hanno
      pensato solamente a suonare la trombetta, sempre
      e comunque, non pensando che a furia di suonare a
      proposito alla fine babbo la trombetta c'è
      l'avrebbe fatta
      sparire.hmm.. no.
      • shevathas scrive:
        Re: meritarsi la rete

        Tra mille mila paragrafi che non leggera mai
        nessuno.
        il problema in questo caso è che loro l'hanno scritto, sei tu che non hai letto ed hai cliccato a cuor leggero su accetto. E questo ti mette automaticamente dalla parte del torto. FB e compagnia cantante non sono servizi pubblici, sono società private che "regalano" i loro servizi in cambio di dati e compagnia bella.E i rapporti con loro sono regolati proprio da quei millemila paragrafi, tu non gli hai letti ? mi spiace sei tu in torto.PSho usato il tu impersonale, sgabbio, non sentirti tirato in causa direttamente-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 giugno 2011 15.53-----------------------------------------------------------
        • Sgabbio scrive:
          Re: meritarsi la rete
          Anche perchè io non uso facebook :D Il problema è appunto che con la scusa delle condizioni di utilizzo scritte per le lunghe, possono metterci qualsiasi cosa. Questo non va bene, dovrebbero fare un giro di vite a queste pratiche secondo me :D
          • shevathas scrive:
            Re: meritarsi la rete

            Il problema è appunto che con la scusa delle
            condizioni di utilizzo scritte per le lunghe,
            possono metterci qualsiasi cosa.


            Questo non va bene, dovrebbero fare un giro di
            vite a queste pratiche secondo me
            :Dfaccio da avvocato del diavolo: nell'ottica di FB è conveniente scrivere tutto, varie ed eventuali comprese, per evitare il più possibile rogne legali e pararsi il più possibile il fondoschiena. Considera che la fantasia degli americani, e FB è americano, per spillare soldi con cause fantasiose è quasi infinita. Basta ricordare la storia, non so quanto vera, del gatto nel microonde.Secondariamente non puoi impedire che vengano scritti contratti ultra dettagliati; (ed ultra lunghi :( )
          • Sgabbio scrive:
            Re: meritarsi la rete
            Bhe si, in america è tristemente noto per questo.Però siamo in italia e fanno lo stesso, nonostante non c'è la causa facile (o quasi).Comunque dovrebbero vietare contratti fatti apposta per non essere letti.
          • shevathas scrive:
            Re: meritarsi la rete
            - Scritto da: Sgabbio
            Bhe si, in america è tristemente noto per questo.
            Però siamo in italia e fanno lo stesso,
            nonostante non c'è la causa facile (o
            quasi).
            generalmente si prende un contratto tipo e lo si fa adattare al paese, quando non tradurre brutalmente.
            Comunque dovrebbero vietare contratti fatti
            apposta per non essere
            letti.come potresti definire, legalmente, un contratto fatto apposta per non essere letto ? :/
          • Sgabbio scrive:
            Re: meritarsi la rete
            - Scritto da: shevathas
            generalmente si prende un contratto tipo e lo si
            fa adattare al paese, quando non tradurre
            brutalmente.ah bhe... peggio quando un sito internazionale, opera pure in italia, con tanto di localizzazione, ma i suoi termini sono in inglese :D

            come potresti definire, legalmente, un contratto
            fatto apposta per non essere letto ?
            :/Utilizzo voluto di un linguaggio vago e l'uso di parole di uso non comune, che serve a disorientare chi legge.Visto che termini di servizio e affini, si rivolgono a tutti, dovrebbero essere leggibili per tutti.Mica siamo tutti azzeccagarbugli !
          • shevathas scrive:
            Re: meritarsi la rete
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: shevathas



            generalmente si prende un contratto tipo e lo si

            fa adattare al paese, quando non tradurre

            brutalmente.


            ah bhe... peggio quando un sito internazionale,
            opera pure in italia, con tanto di
            localizzazione, ma i suoi termini sono in inglese
            :D





            come potresti definire, legalmente, un contratto

            fatto apposta per non essere letto ?

            :/

            Utilizzo voluto di un linguaggio vago e l'uso di
            parole di uso non comune, che serve a
            disorientare chi
            legge.

            Visto che termini di servizio e affini, si
            rivolgono a tutti, dovrebbero essere leggibili
            per
            tutti.

            Mica siamo tutti azzeccagarbugli !il problema è che la perizia sulla leggibilità del contratto la fanno proprio questi ultimi :(
          • Sgabbio scrive:
            Re: meritarsi la rete
            ma lo fanno apposta per renderlo illeggibile, per dare lavoro ai loro simili :D
          • panda rossa scrive:
            Re: meritarsi la rete
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: Sgabbio

            Bhe si, in america è tristemente noto per
            questo.

            Però siamo in italia e fanno lo stesso,

            nonostante non c'è la causa facile (o

            quasi).


            generalmente si prende un contratto tipo e lo si
            fa adattare al paese, quando non tradurre
            brutalmente.


            Comunque dovrebbero vietare contratti fatti

            apposta per non essere

            letti.

            come potresti definire, legalmente, un contratto
            fatto apposta per non essere letto ?
            :/Quando il tempo di leggere e capire il contratto e' di piu' del tempo che il servizio ti farebbe risparmiare rispetto a fare tutto da solo.
    • krane scrive:
      Re: meritarsi la rete
      - Scritto da: shevathas
      Forse, dopotutto, la Rete come l'avevano
      concepita i suoi padri proprio non ce la
      meritiamo, ed ha ragione V quando dice che "...
      se cerchiamo un colpevole, dobbiamo solo
      guardarci allo specchio".
      purtroppo con la rete si è sbagliato molto, si è
      usato ed abusato troppo del giocattolo e, adesso,
      purtroppo il giocattolino viene tolto.Che spengano internet allora...
    • Hiperlon scrive:
      Re: meritarsi la rete
      - Scritto da: shevathas
      purtroppo con la rete si è sbagliato molto, si è
      usato ed abusato troppo del giocattolo e, adesso,
      purtroppo il giocattolino viene tolto.

      Invece di usarla per comunicare e magari creare
      movimenti per chiedere, politicamente, il cambio
      di certe leggi e l'aggiornamento alle nuove
      tecnologie del vecchio diritto d'autore usando
      intelligentemente il voto si è preferito
      scopiazzare il più possibile convinti di essere i
      più
      intelligenti.
      Si sa, certe "rivoluzioni" è più comodo farle nel confortdella propria cameretta, perchè realizzare e rendere operativa una controlobby che non insegua utopie come l'eliminazione assoluta del CR ma qualcosa di più accettabile per entrambe le parti è troppo noioso.E alora ci meritiamo proprio l'internet che verrà, in stile cinese.
      • bubba scrive:
        Re: meritarsi la rete
        - Scritto da: Hiperlon
        - Scritto da: shevathas


        purtroppo con la rete si è sbagliato molto, si è

        usato ed abusato troppo del giocattolo e,
        adesso,

        purtroppo il giocattolino viene tolto.



        Invece di usarla per comunicare e magari creare

        movimenti per chiedere, politicamente, il cambio

        di certe leggi e l'aggiornamento alle nuove

        tecnologie del vecchio diritto d'autore usando

        intelligentemente il voto si è preferito

        scopiazzare il più possibile convinti di essere
        i

        più

        intelligenti.


        Si sa, certe "rivoluzioni" è più comodo farle nel
        confort
        della propria cameretta, perchè realizzare e
        rendere operativa una controlobby che non insegua
        utopie come l'eliminazione assoluta del CR ma

        qualcosa di più accettabile per entrambe le parti
        è troppo
        noioso.
        E alora ci meritiamo proprio l'internet che
        verrà, in stile
        cinese.Un po e' vero, ma E' MOLTO COMODO E AUTOASSOLUTORIO dire cosi.... la verita' e' che il parlamento del Nano e' totalmente asservito ai suoi mostruosi conflitti di interesse (che ovviamente lambiscono anche ampli stralci delle cosidette opposizioni) e che quindi delle proposte di LEGGE di iniziativa popolare se ne FOTTONO. Basti dire che non riescono nemmeno a votare una cosa che pare LAPALISSIANA a chiunque... ossia non ricandidare della gente condannata in via definitiva... una cosa che non ci sarebbe neanche bisogno di chiedere. Beh una tale proposta esiste, ed e' tenuta al caldo nei cassetti, finche non marcisce. Figuriamoci prendere in considerazione norme per calare il VERGOGNOSO periodo di protezione determinato dal copyright... ma poi di che parliamo .. in questi stessi anni si sono fatti scrivere norme dalla UNIVIDEO (cfr. caso Carlucci), hanno messo la tassa sui supporti di massa, difeso strenualmente l'illegale bollino siae, ecc.ecc
        • Hiperlon scrive:
          Re: meritarsi la rete
          - Scritto da: bubba
          Un po e' vero, ma E' MOLTO COMODO E
          AUTOASSOLUTORIO dire cosi.... la verita' e' che
          il parlamento del Nano e' totalmente asservito ai
          suoi mostruosi conflitti di interesse (che
          ovviamente lambiscono anche ampli stralci delle
          cosidette opposizioni) e che quindi delle
          proposte di LEGGE di iniziativa popolare se ne
          FOTTONO.
          Il nano c'entra, ma non è solo lui. Anche sull'altra sponda nonn brillano per amore per la rete.Quella che latita è la volontà popolare, intendo (escluse violenze gratutite che in generale non mi piacciono) manifestazioni tipo NO-TAV.Ha interesse o no la maggiornaza delgi italiani ad una riforma della legge sul diritto d'autore? Io pemso di sì. Il metodo migliore è quello degli attacchi al sito dell' AGCOM? Io penso proprio di no!Bisogna coinvolgere la gente che di rete sa poco, la usa ma non è che sia proprio addentro ai pericoli incombenti.
          • bubba scrive:
            Re: meritarsi la rete
            - Scritto da: Hiperlon
            - Scritto da: bubba


            Un po e' vero, ma E' MOLTO COMODO E

            AUTOASSOLUTORIO dire cosi.... la verita' e' che

            il parlamento del Nano e' totalmente asservito
            ai

            suoi mostruosi conflitti di interesse (che

            ovviamente lambiscono anche ampli stralci delle

            cosidette opposizioni) e che quindi delle

            proposte di LEGGE di iniziativa popolare se ne

            FOTTONO.


            Il nano c'entra, ma non è solo lui. Anche
            sull'altra sponda

            nonn brillano per amore per la rete.
            Quella che latita è la volontà popolare, intendo
            (escluse violenze gratutite che in generale non
            mi piacciono) manifestazioni tipo
            NO-TAV.
            Ha interesse o no la maggiornaza delgi italiani
            ad una riforma della legge sul diritto d'autore?
            Io pemso di sì. Il metodo migliore è quello degli
            attacchi al sito dell' AGCOM? Io penso proprio di
            no!ma certo che no... dare un calcio all'agcom al max serve per far parlare qualche giornale dell'argomento (che cmq non e' inutile) e manifestare dissenso.. certo NON riforma alcuna legge... e diciamolo, serve anche come piccolo godimento personale... perche tanto sai che "i vecchi tromboni cmq non ti ascoltano"
            Bisogna coinvolgere la gente che di rete sa poco,
            la usa ma non è che sia proprio addentro ai
            pericoli
            incombenti.Cosa NON facile, come ben saprai... le TV (1' mezzo di informazione per il 95% degli italiani) sono guidate dal nano in massima parte ... e quando non lo sono beh... sono guidate da murdoch (il berluscnano australiano) e da telecom (un altro editore/produttore/venditore di contenuti... che pero' FORSE ,essendo contemporaneamente ISP, potrebbe essere quello maggiormente sensibile all'argomento) e poi manca totalmente la sensibilita' e conoscenza sull'argomento dei giornalisti "leader" .Pero' pero' ..l'idea della La7 forse potrebbe avere qualche speranza... saprei anche a chi far fare il conduttore! A una insospettabile Costamagna!
      • Franky scrive:
        Re: meritarsi la rete
        - Scritto da: Hiperlon
        - Scritto da: shevathas


        purtroppo con la rete si è sbagliato molto, si è

        usato ed abusato troppo del giocattolo e,
        adesso,

        purtroppo il giocattolino viene tolto.



        Invece di usarla per comunicare e magari creare

        movimenti per chiedere, politicamente, il cambio

        di certe leggi e l'aggiornamento alle nuove

        tecnologie del vecchio diritto d'autore usando

        intelligentemente il voto si è preferito

        scopiazzare il più possibile convinti di essere
        i

        più

        intelligenti.


        Si sa, certe "rivoluzioni" è più comodo farle nel
        confort
        della propria cameretta, perchè realizzare e
        rendere operativa una controlobby che non insegua
        utopie come l'eliminazione assoluta del CR ma

        qualcosa di più accettabile per entrambe le parti
        è troppo
        noioso.
        E alora ci meritiamo proprio l'internet che
        verrà, in stile
        cinese.beh se c'e' l'internet cinese...ci saranno anche le tecnologie anticensura usate dai cinesi...ed anche i dissidenti in stile cinese...Vorra ' dire che ci uniremo ai forum di discussione anticensura e per la liberta' di espressione insieme agli iraniani ai cinesi ed ai coreani...dopo tutto i dissidenti sono simpatici...
    • collione scrive:
      Re: meritarsi la rete
      - Scritto da: shevathas
      purtroppo con la rete si è sbagliato molto, si è
      usato ed abusato troppo del giocattolo e, adesso,
      purtroppo il giocattolino viene tolto.
      dunque sei d'accordo sul fatto di rendere illecita la vendita dei coltelli?
      • Franky scrive:
        Re: meritarsi la rete
        - Scritto da: collione
        - Scritto da: shevathas


        purtroppo con la rete si è sbagliato molto, si è

        usato ed abusato troppo del giocattolo e,
        adesso,

        purtroppo il giocattolino viene tolto.



        dunque sei d'accordo sul fatto di rendere
        illecita la vendita dei
        coltelli?ai tempi di fidonet...fidonet Italia fu quasi interamente distrutta dal "fidonet crackdown"...un inchiesta(che non porto' a nulla di concreto) partita per "combattere la pirateria software"...quindi la storia si ripete...questi "detentori di miliardi e quindi di soli diritti (derivanti dai miliardi che hanno) ma privi di doveri" alla fine stanno privando dei propri diritti il resto dell'umanita'... hanno distrutto la cultura della libera conoscenza negli anni'70...(zio Bill vi dice niente?)hanno gia' fatto fuori in passato una rete amatoriale telematica nel nostro paese...ed ora sono ritornati a rompere l'anima...ma chi di noi ha la cultura per capire cio' ? Chi di noi conosce la storia della telematica italiana? su punto-informatico molti...nel resto d'Italia non tanti...
  • ruppolo scrive:
    Perché, il personal computer si?
    "Forse, dopotutto, la Rete come l'avevano concepita i suoi padri proprio non ce la meritiamo"
    • krane scrive:
      Re: Perché, il personal computer si?
      - Scritto da: ruppolo
      "Forse, dopotutto, la Rete come l'avevano
      concepita i suoi padri proprio non ce la
      meritiamo"In effetti la rete e' nata, nell'idea dei suoi fondatori, allo scopo di condividere conoscenze e cultura.
      • PinguinoCattivo scrive:
        Re: Perché, il personal computer si?
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: ruppolo

        "Forse, dopotutto, la Rete come l'avevano

        concepita i suoi padri proprio non ce la

        meritiamo"

        In effetti la rete e' nata, nell'idea dei suoi
        fondatori, allo scopo di condividere conoscenze e
        cultura.In realtà prima ancora era stata concepita con finalità militari :(
    • Un lettore scrive:
      Re: Perché, il personal computer si?
      - Scritto da: ruppolo
      "Forse, dopotutto, la Rete come l'avevano
      concepita i suoi padri proprio non ce la
      meritiamo"Il tuo produttore preferito infatti sta procedendo a rimuovere anche il libero arbitrio nell'uso del Personal Computer. :)
      • ruppolo scrive:
        Re: Perché, il personal computer si?
        - Scritto da: Un lettore
        - Scritto da: ruppolo

        "Forse, dopotutto, la Rete come l'avevano

        concepita i suoi padri proprio non ce la

        meritiamo"

        Il tuo produttore preferito infatti sta
        procedendo a rimuovere anche il libero arbitrio
        nell'uso del Personal Computer.
        :)Confondi l'uso con lo smanettamento.
      • ruppolo scrive:
        Re: Perché, il personal computer si?
        - Scritto da: Un lettore
        - Scritto da: ruppolo

        "Forse, dopotutto, la Rete come l'avevano

        concepita i suoi padri proprio non ce la

        meritiamo"

        Il tuo produttore preferito infatti sta
        procedendo a rimuovere anche il libero arbitrio
        nell'uso del Personal Computer.
        :)Confondi l'uso con lo smanettamento.
        • ninjaverde scrive:
          Re: Perché, il personal computer si?


          Il tuo produttore preferito infatti sta

          procedendo a rimuovere anche il libero arbitrio

          nell'uso del Personal Computer.

          :)

          Confondi l'uso con lo smanettamento.Non credo che si tratti di "smanettamento"... e poi cosa vuol dire smanettamento?Il fatto è che con nuovi sitemi in particolare di microzozz diventa pressochè impossibile agire a basso livello (assembly) e questo perchè il sistema in fondo si autoprotegge.Ossia si proteggere "per il benessere dell'utente" (si fa per dire), ma in realtà si limitano le possibilità di agire sulla macchina come si vorrebbe.Quindi si limitano i diritti del possessore della macchina stessa.Tra un pò uscirà un nuovo windows adatto ai bimbi e per gli utoni.Non dico che la facilità d'uso sia un difetto, dopo tutto anche gli utoni devono imparare, ma limitare i tecnici è tutta un'altra storia.Vuol dire limitare la libertà d'uso di un oggetto creato per non avere limitazioni, se non quelle limitazioni che sono intrinseche alla tecnologia stessa.
          • loool scrive:
            Re: Perché, il personal computer si?
            quanta ignoranza e mal conoscenze :sisi:
          • ninjaverde scrive:
            Re: Perché, il personal computer si?
            - Scritto da: loool
            quanta ignoranza e mal conoscenze :sisi:Beato te che hai le conoscenze.Però sarebbe buona regola rispondere a tono, visto che non ho le conoscenze... invece di trolleggiare.
          • mmmm scrive:
            Re: Perché, il personal computer si?
            non mi pare windows abbia limitazioni nuove, è solamente diventato più user friendly nel tempo ma lo puoi modificare fino a un certo punto ed è sempre stato così. E poi scusa se vuoi tutto c'è linux. Parli come se avessero tolto l'ISA dalla macchina e l'abbiano sostituita con la JVM...
          • ninjaverde scrive:
            Re: Perché, il personal computer si?
            - Scritto da: mmmm
            non mi pare windows abbia limitazioni nuove, è
            solamente diventato più user friendly nel tempo
            ma lo puoi modificare fino a un certo punto ed è
            sempre stato così. E poi scusa se vuoi tutto c'è
            linux. Parli come se avessero tolto l'ISA dalla
            macchina e l'abbiano sostituita con la
            JVM...Ho capito, però un mio amico che usa (ancora) l'assembly mi ha riferito che con Vista e Win7 non può fare le stesse cose che fa con win98...Anche per via delle "complicazioni" che vi sono sugli HD di grandi capacità (ad esempio).Inoltre gli è anche capitato di testare un suo programma e che questo fosse stato "succhiato" in rete dalla Microzozz...(senza che vi sia stata una spedizione volontaria) e che al suo reclamo gli hanno risposto che quel programma era "pericoloso"... poi se lo sono tenuto e forse copiato...Ora non so citare i particolari, ma non credo prorio che il mio amico mi racconti delle favole (non ne ha il movente)....Poi che win sia un sistema "chiuso" da tempo lo sappiamo....Ne deduco però che La microzozz abbia molta cura nel celare la tecnologia di base, sempre meglio e sempre di più, anche per proteggere meglio i suoi "brevetti", quelli che in Europa non sarebbero neanche ammessi.
          • mmmm scrive:
            Re: Perché, il personal computer si?
            sulle limitazioni dell'assembly forse si riferisce al visual studio che se metti 64bit non ti fa scrivere assembly puro ma vuole che usi delle funzioni equivalenti per le simd. Ma è per portabilità che l'hanno fatto. Nel peggiore dei casi scrivi con un altro ide, la limitazione non è in windows di per se.Per gli HD grossi penso le limitazioni provengono dal bios, forse cambia se hai UEFI.Per il risucchio in rete forse centra con le segnalazioni dei programmi che crashano ed è normale che crashi se è in sviluppo. Cmq disattivabili.Alla fine cmq è normale che cerchino di tutelarsi ma fin qui mi pare tutto ammissibile.
  • Get Real scrive:
    Non è questo...
    Non è che "Forse, dopotutto, la Rete come l'avevano concepita i suoi padri proprio non ce la meritiamo".Ma, semplicemente, l'altra parte è TROPPO POTENTE.Non c'è mai stato, non c'è, e non ci sarà mai NULLA da fare.
    • lol scrive:
      Re: Non è questo...

      Ma, semplicemente, l'altra parte è TROPPO POTENTE.
      Non c'è mai stato, non c'è, e non ci sarà mai
      NULLA da
      fare.non è vero, l'altra parte è una piccola nicchia che combatte contro miliardi di persone.non fermeranno mai l'informazione, l'unico modo è la distruzione dell'infrastruttura ma hanno troppo da perdere
      • t a n y s t r o p h e u s scrive:
        Re: Non è questo...

        non è vero, l'altra parte è una piccola nicchia
        che combatte contro miliardi di
        persone.
        non fermeranno mai l'informazione, l'unico modo è
        la distruzione dell'infrastruttura ma hanno
        troppo da
        perdereCome "insegna" The Bugs Life.
      • Get Real scrive:
        Re: Non è questo...
        - Scritto da: lol
        non è vero, l'altra parte è una piccola nicchia
        che combatte contro miliardi di
        persone.Miliardi di persone che non stanno facendo assolutamente nulla. Dove sono le rivolte in favore della "libertà di internet"?Da nessuna parte.Se "miliardi di persone" stessero davvero battendosi per la "libertà di internet", il Partito Pirata avrebbe ottenuto un enorme sucXXXXX invece della cocente delusione che ha rimediato.Il punto è che a "miliardi di persone" non importa nulla della "libertà di internet".Guarda in faccia la realtà onestamente, vedrai che è così.
        non fermeranno mai l'informazione, l'unico modo è
        la distruzione dell'infrastruttura ma hanno
        troppo da
        perdereNon hanno bisogno di distruggerla, la stanno acquistando pezzo per pezzo, e la controlleranno.
        • Mighael scrive:
          Re: Non è questo...
          il punto è che le persone normali non vengono informate, la tv non ne parla siti di giornali salvo alcuni rari casi non ne parlano, e a chi non è un tecnico è difficile spiegare cosa vogliono fare e perchè è importante che ci sia un giudice a decidere la sorte di internet e non un privato.In italia ci sono pochissime startup di Internet Company mentre nel resto d'europa spuntano fuori come funghi. Gli investitori hanno paura di investire sul web perchè non ci sono certezze ho visto un sacco di società chiudere o spostarsi all'estero.
        • anony scrive:
          Re: Non è questo...
          - Scritto da: Get Real
          Miliardi di persone che non stanno facendo
          assolutamente nulla. Dove sono le rivolte in
          favore della "libertà di
          internet"?
          Da nessuna parte.perché, per ora, non ce n'è bisogno. sai quanto è facile (e quanti modi ci sono) per accedere ai siti cosiddetti "oscurati"?lascia pure che si divertano a "censurare" internet con le loro inutili ed inapplicabili leggi, quando invece non fanno altro che rafforzarla in quel modo.sai come si dice: rendi una cosa "proibita" e...
          • Get Real scrive:
            Re: Non è questo...
            - Scritto da: anony
            perché, per ora, non ce n'è bisogno. sai quanto è
            facile (e quanti modi ci sono) per accedere ai
            siti cosiddetti
            "oscurati"?
            Per ora. Le porte saranno chiuse.
            lascia pure che si divertano a "censurare"
            internet con le loro inutili ed inapplicabili
            leggi, quando invece non fanno altro che
            rafforzarla in quel
            modo.
            Non hai capito: le leggi servono solo a dare forza giuridica al completo sovvertimento di internet e al suo asservimento ai voleri delle major.
            sai come si dice: rendi una cosa "proibita" e...... E nessuno saprà che esiste. Non siamo più negli anni Venti. Ora la gente non si ribella più e segue la strada del minimo sforzo.Non illuderti. La delusione potrebbe portati ad un terribile sconforto.
          • anony scrive:
            Re: Non è questo...
            - Scritto da: Get Real
            Per ora. Le porte saranno chiuse.mi sembri quelli che profetizzano la 'fine del mondo' e altre storielle simili... peccato che poi costoro si ritrovino sempre e matematicamente costretti a spostare la data in avanti di qualche anno (visto che la suddetta fine del mondo non avviene mai quando "previsto").tu mi dirai: "per ora!"certo... ma è il presente che conta. o forse tu vivi nell'anno 2025?
            ... E nessuno saprà che esiste. Non siamo più
            negli anni Venti. Ora la gente non si ribella più
            e segue la strada del minimo
            sforzo.i fatti sembrano dire il contrario.basti pensare al caso "thepiratebay" per esempio: più se ne parla (bene o male non importa), più cercano di bloccarlo, oscurarlo, ecc.e, di conseguenza,sempre di più la gente ne viene a conoscenza e cerca di accederci/usarlo. spesso riuscendoci, anche con metodi "alternativi" se necessario.ed il tutto proprio col "minimo sforzo" di cui parli, comodamente da casa propria.
            Non illuderti. La delusione potrebbe portati ad
            un terribile
            sconforto.la mia non è una delusione, bensì una certezza comprovata da fatti.vedremo se le tue profezie sulla "fine di internet" si avvereranno, o se sarai costretto a spostare la data ancora un po' più in là. ;)
          • age scrive:
            Re: Non è questo...
            - Scritto da: anony
            - Scritto da: Get Real


            Per ora. Le porte saranno chiuse.

            mi sembri quelli che profetizzano la 'fine del
            mondo' e altre storielle simili... peccato che
            poi costoro si ritrovino sempre e matematicamente
            costretti a spostare la data in avanti di qualche
            anno (visto che la suddetta fine del mondo non
            avviene mai quando
            "previsto").

            tu mi dirai: "per ora!"
            certo... ma è il presente che conta. o forse tu
            vivi nell'anno
            2025?


            ... E nessuno saprà che esiste. Non siamo più

            negli anni Venti. Ora la gente non si ribella
            più

            e segue la strada del minimo

            sforzo.

            i fatti sembrano dire il contrario.
            basti pensare al caso "thepiratebay" per esempio:
            più se ne parla (bene o male non importa), più
            cercano di bloccarlo, oscurarlo,
            ecc.
            e, di conseguenza,sempre di più la gente ne viene
            a conoscenza e cerca di accederci/usarlo. spesso
            riuscendoci, anche con metodi "alternativi" se
            necessario.
            ed il tutto proprio col "minimo sforzo" di cui
            parli, comodamente da casa
            propria.


            Non illuderti. La delusione potrebbe portati ad

            un terribile

            sconforto.

            la mia non è una delusione, bensì una certezza
            comprovata da
            fatti.

            vedremo se le tue profezie sulla "fine di
            internet" si avvereranno, o se sarai costretto a
            spostare la data ancora un po' più in là.
            ;)Dal anno 2013 su voyager roberto giacobbo presenta "la fine di Internet"
          • anonimo scrive:
            Re: Non è questo...
            immagino tu sappia di cosa stai parlando,sai che piratebay non potrebbe portarti i peer alla tua connessione , sai come funziona invece megaupload,che è un tantino diverso,sai anche , mio saccente utente che se blocco gli altri tracker tu ti puoi stare sulla tua paginetta di piratebay senza peer e seedma queste sono cose che tu sai immagino,eppure sei tranquillo sull'impossibilità di fermarti
          • anony scrive:
            Re: Non è questo...
            - Scritto da: anonimo
            immagino tu sappia di cosa stai parlando,sai che
            piratebay non potrebbe portarti i peer alla tua
            connessione , sai come funziona invece
            megaupload,che è un tantino diverso,sai anche ,
            mio saccente utente che se blocco gli altri
            tracker tu ti puoi stare sulla tua paginetta di
            piratebay senza peer e
            seedblocca, blocca. sto ancora aspettando il momento in cui sarà tutto bloccato... ma proprio tutto.comunque sì, a grandi linee son tutte cose che so già.
            ma queste sono cose che tu sai immagino,eppure
            sei tranquillo sull'impossibilità di
            fermartipiù che altro direi impraticabilità, o poca probabilità di essere fermato.o meglio: di fermare milioni di persone intenzionate a non essere fermate.
          • markoer scrive:
            Re: Non è questo...
            - Scritto da: anony[...]
            blocca, blocca. sto ancora aspettando il momento
            in cui sarà tutto bloccato... ma proprio
            tutto.In Cina è già così. È solo una questione di investimento economico - l'Italia non ha i soldi per pagarsi un "grande firewall".Cordiali saluti
          • Guybrush scrive:
            Re: Non è questo...
            - Scritto da: markoer
            - Scritto da: anony
            [...]

            blocca, blocca. sto ancora aspettando il momento

            in cui sarà tutto bloccato... ma proprio

            tutto.

            In Cina è già così. È solo una questione di
            investimento economico - l'Italia non ha i soldi
            per pagarsi un "grande
            firewall".


            Cordiali salutiAlcuni miei colleghi sono stati in cina e la situazione è leggermente diversa da come la descrivono i vertici del partito.Tant'è che, non riuscendo ad intercettare le comunicazioni dei dissidenti tentano, sistematicamente, di violare le loro mailbox.Per tutti: la rete non la fermi con la censura.Puoi rendere le cose difficili e spingere la massa degli utenti sulla via del "minimo sforzo".Google in questo è maestra, ma pure molti altri soggetti.L'unico modo per fermare effettivamente la rete è spegnerla, vietare le cose è il miglior modo per renderle più appetibili.GT
          • markoer scrive:
            Re: Non è questo...
            Ci riescono, ci riescono. Non so quanto siano aggiornati i tuoi report, ma è semplicemente un fatto di risorse. Non ci sono problemi tecnici, tanto per capirci.Cordiali saluti
          • krane scrive:
            Re: Non è questo...
            - Scritto da: markoer
            Ci riescono, ci riescono. Non so quanto siano
            aggiornati i tuoi report, ma è semplicemente
            un fatto di risorse. Non ci sono problemi
            tecnici, tanto per capirci.Se i tuoi sono piu' aggiornati facceli vedere :)
            Cordiali saluti
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Non è questo...

            Per ora. Le porte saranno chiuse.Per ogni porta che chiudi se ne aprono due.
            Non hai capito: le leggi servono solo a dare
            forza giuridica al completo sovvertimento di
            internet e al suo asservimento ai voleri delle
            major.Quindi, non servono a nulla.


            sai come si dice: rendi una cosa "proibita" e...

            ... E nessuno saprà che esiste. Non siamo più
            negli anni Venti. Ora la gente non si ribella più
            e segue la strada del minimo
            sforzo.Passando sopra a chi si mette in mezzo, e calpestandolo.

            Non illuderti. La delusione potrebbe portati ad
            un terribile
            sconforto.Vai tranquillo, ci siamo già cautelati.
        • panda rossa scrive:
          Re: Non è questo...
          - Scritto da: Get Real
          - Scritto da: lol


          non è vero, l'altra parte è una piccola nicchia

          che combatte contro miliardi di

          persone.

          Miliardi di persone che non stanno facendo
          assolutamente nulla. Nulla?Chiedi un po' alla sony.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Non è questo...

          Miliardi di persone che non stanno facendo
          assolutamente nulla.Appunto. Non stanno nemmeno pagando. Aspettiamo solo che l'altra parte muoia di fame.
          Dove sono le rivolte in
          favore della "libertà di
          internet"?
          Da nessuna parte.Non sono quelle le rivolte che portano ai risultati. Sono le rivolte tecnologiche. E quelle stanno tutto intorno a te.
          Il punto è che a "miliardi di persone" non
          importa nulla della "libertà di
          internet".E tanto meno della libertà dei produttori di contenuti, che presto saranno resi schiavi.
          Non hanno bisogno di distruggerla, la stanno
          acquistando pezzo per pezzo, e la
          controlleranno.Non puoi acquistare una piattaforma distribuita.
    • awer scrive:
      Re: Non è questo...
      - Scritto da: Get Real
      Non è che "Forse, dopotutto, la Rete come
      l'avevano concepita i suoi padri proprio non ce
      la
      meritiamo".

      Ma, semplicemente, l'altra parte è TROPPO POTENTE.

      Non c'è mai stato, non c'è, e non ci sarà mai
      NULLA da fare.Lo sara' se continui a crederlo. C'e' chi dice no.
    • Funz scrive:
      Re: Non è questo...
      - Scritto da: Get Real
      Non è che "Forse, dopotutto, la Rete come
      l'avevano concepita i suoi padri proprio non ce
      la
      meritiamo".

      Ma, semplicemente, l'altra parte è TROPPO POTENTE.

      Non c'è mai stato, non c'è, e non ci sarà mai
      NULLA da
      fare.tanto sto decreto illegale e incostituzionale non arriverà mai ad essere applicato e verrà affondato molto prima, spero assieme ad AGCOM, al governo e alle major.
      • ahboh scrive:
        Re: Non è questo...
        - Scritto da: Funz
        tanto sto decreto illegale e incostituzionale non
        arriverà mai ad essere applicato e verrà
        affondato molto prima, spero assieme ad AGCOM, al
        governo e alle
        major.appunto.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Non è questo...

      Ma, semplicemente, l'altra parte è TROPPO POTENTE.L'altra parte sta morendo.
  • Nome e cognome scrive:
    Mh.
    Prima di tutto vennero a prendere i piratie fui contento, perché rubacchiavano.Poi vennero a prendere i giocatori d'azzardoe stetti zitto, perché mi stavano antipatici.Poi vennero a prendere gli Anonimi,e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.Poi vennero a prendere i comunisti,e io non dissi niente, perché non ero comunista.Un giorno vennero a prendere me,e non cera rimasto nessuno a protestare.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Mh.
      contenuto non disponibile
    • Esattamenta tore scrive:
      Re: Mh.
      Esattamente
      • Haters gonna hate scrive:
        Re: Mh.
        Perle ai porci. :$
        • Certo certo scrive:
          Re: Mh.
          L'intera internet è stata una perla data ai porci. I problemi sono cominciati quando il resto del mondo è entrato in rete, facendo diventare appunto come tutto il resto del mondo quello che una volta era un'alternativa.
          • MegaLOL scrive:
            Re: Mh.
            - Scritto da: Certo certo
            L'intera internet è stata una perla data ai
            porci. I problemi sono cominciati quando il resto
            del mondo è entrato in rete, facendo diventare
            appunto come tutto il resto del mondo quello che
            una volta era
            un'alternativa.HAHAHAHAHAHA!Povero nerdino SCONFITTO!E cosa pensavi, che una simile risorsa economica e tecnologica dovesse rimanere proprietà di quattro sfigati che discutevano di Guerre Stellari?HAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHA!Piangi, nerdino. Il tuo amato internacchio è FINITO!
          • Franky scrive:
            Re: Mh.
            - Scritto da: Certo certo
            L'intera internet è stata una perla data ai
            porci. I problemi sono cominciati quando il resto
            del mondo è entrato in rete, facendo diventare
            appunto come tutto il resto del mondo quello che
            una volta era
            un'alternativa.il problema e' che quello 0,8% della popolazione mondiale che si collegava nel '94 avrebbe dovuto continuare a introdurre ogni newbie che entrava in rete al galateo ed ai principi della rete...(insomma usenet obbligatorio per tutti i newbie con faq, netiquette, la cultura dell'expertise e della condivisione della conoscenza su cui la rete e' stata originariamente fondata quando e' passata dai militari (ARPANET) alla NSF (National science Foundation))...tutto qui...poi questo e' un paese ostile per natura alle innovazioni... e' il paese dove quando viene inventato qualcosa...la prima cosa a cui pensa la gente e':"quale sara' l'impatto negativo di questa tecnologia,di questo farmaco, di questa nuova idea?" Se ci pensate e' sempre cosi'...la maggior parte sono conservatori...non progressisti...il nuovo li spaventa...se cosi' non fosse ... ancora prima dell'acqua pubblica ci sarebbe stato il referendum per abolire l'ordine dei giornalisti, il reato di stampa clandestina,la legge del 2001 che equipara la stampa online a quella cartacea, i vituperi...ma siccome...fondamentalmente a dettare l'agenda delle cose da fare e da proporre sono i partiti...cosa vi potete aspettare ? Questo genere di referendum? E poi da un paese dove l'85% della gente va a votare sempre le solite persone...mentre quando ci sono i referendum generalmente li boicottano , cosa ci si puo' aspettare?
          • bertuccia scrive:
            Re: Mh.
            - Scritto da: Certo certo

            I problemi sono cominciati quando il resto
            del mondo è entrato in rete, facendo diventare
            appunto come tutto il resto del mondo quello che
            una volta era un'alternativa.che XXXXXXX.internet è una gerarchia di mondi, alcuni dei quali sì, sono diventati come il resto del mondo reale
  • Bic Indolor scrive:
    Un piccolo appunto:
    L'introduzione dei filtri di stato è arrivata prima con il blocco dei siti di gioco d'azzardo che non pagavano la gabella all'AAMS (e perché avrebbero dovuto? Le pagano già a casa loro le tasse!), e poi i filtri di Gentiloni, che adesso, (col senno di poi?) "si dice preoccupato" della deriva censoria.
    • N.C. scrive:
      Re: Un piccolo appunto:
      Ma non ci sono problemi, loro mi staccano la rete, io smetto di pagare l'abbonamento per internet e lecompagnie telefoniche falliscono... causa-effetto.La voglio veder partire questa legge ......
      • Sgabbio scrive:
        Re: Un piccolo appunto:
        Cosi gli fai un favore levando via internet in italia.
        • Franky scrive:
          Re: Un piccolo appunto:
          - Scritto da: Sgabbio
          Cosi gli fai un favore levando via internet in
          italia.Vero per loro la scienza,la tecnologia,la liberta' di opinione e di espressione ed il concetto di "expertise" (il termine meritocrazia ,che descrive la situazione attuale, meritocrazia=burocrazia dei criteri di merito...se lo tengano per loro...o se io lo dovessi usare la chiamerei "meritocrazia partitocratica-parentocratica") sono solo ostacoli da rimuovere....quindi esiste una profonda scissione tra la societa' civile e la politica difficilmente ricucibile....questa continua condizione di "allarme censura" con cui facciamo i conti...ne' e' una prova... (ma questo gia' lo sapete...solo che e' giusto dirlo...esplicitamente e ripeterlo se occorre...censura o non censura...)
      • Alessio scrive:
        Re: Un piccolo appunto:
        - Scritto da: N.C.
        Ma non ci sono problemi, loro mi staccano la
        rete,
        io
        smetto di pagare l'abbonamento per internet e le
        compagnie telefoniche falliscono... causa-effetto.
        La voglio veder partire questa legge ......Non è una legge, è un regolamento.
      • mik.fp scrive:
        Re: Un piccolo appunto:
        - Scritto da: N.C.
        Ma non ci sono problemi, loro mi staccano la
        rete,
        io
        smetto di pagare l'abbonamento per internet e le
        compagnie telefoniche falliscono... causa-effetto.
        La voglio veder partire questa legge ......Sagace! Cosi' nel giro di 2 anni ti ritrovi a pagare la Tariffa Urbana a Tempo per comunicare, e CD a 34 euro per ascoltare la musica. Come era grossomodo 15 anni fa.Pensare a qualcosa di costruttivo no eh... sia mai... troppa fatica.
Chiudi i commenti