Google, scuse in Kenya

L'imbarazzante caso dei Googler trovati con le mani dei database di un'azienda locale si conclude con le scuse di Mountain View. Che deve ancora capire come sia potuto succedere

Roma – Google ha chiesto scusa all’azienda del Kenya che l’accusava di aver indebitamente sfruttato i suoi database per raggranellare utenti per un altro suo servizio.

L’azienda locale Mocality ha accusato Google di aver indebitamente sfruttato il suo database di clienti (una sorta di pagine gialle unificate del paese che altrimenti ne è privo) per diffondere un suo servizio di sviluppo siti Internet per aziende: ad avallare le sue accuse la startup portava alcuni indirizzi IP collegati a sedi Google e coinvolti negli accessi ai suoi server e alcune telefonate registrate in cui uomini che si dicevano di Google spiegavano ai potenziali clienti di essere partner Mocality.

Ora Google è intervenuta con le sue scuse e facendo intendere che si tratta di comportamenti da essa non autorizzati: “Siamo mortificati di apprendere che un team di persone che sta lavorando ad un progetto di Google abbia impropriamente utilizzato dati Mocality e millantato con essa relazioni per incoraggiare clienti a creare con noi nuovi siti Internet”.

Mountain View, d’altra parte, sta ancora investigando per comprendere cosa sia successo di preciso.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Phobos scrive:
    La sonda
    Ironicamnte l'articolo a fianco a questo in home page, quando scrivo, è intitolato "Sonda Phobos, un buco nell'acqua".
  • sbrotfl scrive:
    Quattro
    Quattro sono i commenti a questa notizia...Cosa succede? I macachi sono corsi ad arrampicarsi sugli <s
    specchi </s
    alberi? :D(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
  • panda rossa scrive:
    Se la legge sui brevetti fosse giusta...
    Se la legge sui brevetti fosse giusta, ad ogni accusa di violazione che si dimostra falsa, l'accusante dovrebbe scucire 10 volte tanto all'accusato.Troppo comodo accusare a destra e a sinistra, con il risultato che, se va bene si incassa, se va male non si perde un centesimo.
  • tucumcari scrive:
    hai hai hai
    La faccenda comincia a diventare tosta!Motorola è anche GoogleForse è il caso di ripensarci seriamente e evitare di rompere le 00 al mondo? :D
    • Rover scrive:
      Re: hai hai hai
      La "creatività" di apple (quella dei rettangoli per capirci) è al capolinea e da un bel pezzo comanda l'ufficio legale, cche come ogni organo burocratico/amministrativo tende ad espandersi all'infinito, se non adeguatamente frenato.E' da tempo che Apple spende più in avvocati che in ricerca. D'altronde in ricerca ha sempre speso molto poco.
      • tucumcari scrive:
        Re: hai hai hai
        - Scritto da: Rover
        La "creatività" di apple (quella dei rettangoli
        per capirci) è al capolinea e da un bel pezzo
        comanda l'ufficio legale, cche come ogni organo
        burocratico/amministrativo tende ad espandersi
        all'infinito, se non adeguatamente
        frenato.Alla lunga c'è un freno "naturale" si chiama budget.Se una attività non porta a nessun ROI (Return On Investment) anche un budget di un solo euro viene tagliato...Sai com'è prima o poi finisce che gli investitori gli girano le 00!Figuriamoci poi quando si parla di milioni!
Chiudi i commenti