Google si regala un palazzo

550mila metri quadrati per 1,9 miliardi di dollari: è uno degli edifici più connessi al mondo. E anche Facebook si muove sul mercato immobiliare di New York

Roma – Da ottobre Google stava tentando di acquistare uno dei più grandi carrier hotel del mondo, un immobile di 550mila metri quadrati, situato a Manhattan (New York), sull’ottava strada. Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal BigG è riuscita ad aggiudicarsi l’immobile al prezzo di 1,9 miliardi di dollari .

Il palazzo, situato al civico 111, ospita al suo interno alcune delle più grandi aziende che si occupano di data center e telecomunicazioni tra le quali Digital Realty Trust , Telx , AT&T , Equinix , ed è per tale motivo da considerarsi uno degli edifici più connessi al mondo grazie al numero di provider e ISP che passano nei cavidotti della struttura.

L’importo speso dalla società è il più alto pagato per un singolo edificio negli Stati Uniti nel corrente anno. Non sorprende che BigG abbia deciso di spendere tale cifra per acquistare il palazzo, se si considera che dal terzo trimestre di quest’anno Google ha fatturato circa 33 miliardi di dollari, cifra con la quale si potrebbero acquistare un intero blocco di edifici della stessa dimensione e di ugual prestigio senza di fatto modificare l’andamento economico della società.

Anche Facebook ha annunciato di essere interessata al mercato immobiliare di New York. Secondo alcune fonti, avrebbe affittato due piani di un palazzo situato al 335 di Madison Avenue.

Raffaella Gargiulo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Surak 2.0 scrive:
    6 miliardi di dollari?
    Ma se effettivamente Groupon ottiene profitti annui di mezzo miliardo di dollari (in crescita nonostante ancora ci sia la crisi), 6 miliardi sono pochini (relativamente).Senza far nulla darebbe già una resa di circa 8%, ma poi Google potrebbe facilmente farlo crescere e fare sinergia con i suoi altri prodotti riducendo i costi di gestione o ottimizzandoli.Senza presumere una vendita solo parziale o accordi di altro genere connessi...quella cifra è stata giustamente respinta.Dando comunque per buone le voci di corridoio
Chiudi i commenti