Google: tutti su Marte

Sergey Brin e Larry Page si sono dati da fare quest'anno

Roma – Entro i prossimi 20 anni i due fondatori di Google, Sergey Brin e Larry Page, intendono guidare una spedizione di umani destinata a fondare sul Pianeta Rosso la prima colonia umana permanente, il cui nome sarà VirGle, nome evocativo del coinvolgimento di Virgin nel progetto.

In un video, pubblicato qui sotto, Brin e Page raccontano il senso della nuova avventura, annunciata proprio in queste ore sul blog ufficiale di Google:

Sul sito ufficiale di Virgle tutte le istruzioni per diventare un pioniere dello spazio.

Naturalmente tutto questo vale solo per chi in queste ore sta soffiando sul microfono del proprio MacBook

Virgle, tutti su Marte

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • cvb scrive:
    Nuove alleanze USA
    Ho amici alla CIA e nel DOD... Mi hanno confidato una notizia bomba! Gli extraterrestri esistono!!!Pare che gli USA abbiano stretto alleanze con i Gormiti!!!Altra notizia, vecchia in verità, se ancora qualcuno non lo sapesse, le Winx sono diventate agenti segreti per Sua maestà la regina di Inghilterra: oggi il mondo è più sicuro!
    • Gino Landi scrive:
      Re: Nuove alleanze USA
      Ma Winx non era quel programma per scaricare roba piratata?
      • Enrico Giancipoli scrive:
        Re: Nuove alleanze USA
        Quello era WinMX (rotfl)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 aprile 2008 15.13-----------------------------------------------------------
  • Joliet Jake scrive:
    A quando il volante di Boss Robot?
    :D[img]http://digilander.libero.it/alcor99/Schede/Mazinga_Z/066_Borot.jpg[/img]
  • bau bau scrive:
    Power Rangers
    Tra non molto i soldati dovranno entrare nei robot e simulare i movimenti dall'interno per farli fare ai robot, FORZA MEGAZOR!!!
    • Gino Landi scrive:
      Re: Power Rangers
      Perchè entrare in un robot soggetto al fuoco nemico invece di controllarlo a distanza?
      • camerata pipino scrive:
        Re: Power Rangers
        perchè una guerra senza gente che muore, da ambo le parti, non andrebbe bene. gli americani potrebbero tirare l'atomica in iraq e tanti saluti. ma poi? già il mondo li detesta abbastanza. Invece ora hanno i loro 4000 morti a ridare dignità. Almeno agli occhi della casalinga di voghera e del fanatico di padre pio.
    • Funz scrive:
      Re: Power Rangers
      - Scritto da: bau bau
      Tra non molto i soldati dovranno entrare nei
      robot e simulare i movimenti dall'interno per
      farli fare ai robot, FORZA
      MEGAZOR!!!Ma noi in Italia ci abbiamo il Giambel V, siamo tanto più avanti :phttp://www.youtube.com/watch?v=Z3N0dkUmiC4
  • monossido scrive:
    fatto in italia
    ricordiamo che parte della tecnologia che sta dietro al wiimote (tutta?) è fatta in italia!
  • Matteo scrive:
    mah
    E secondo voi il dipartimento della difesa americano deve affidarsi al Wiimote per questo genere di cose? Secondo voi non ha la tecnologia per farlo da solo?Sono sempre più convinto si tratti di uno scherzo.
    • pentolino scrive:
      Re: mah
      stavo per scriverlo io, stai a vedere che l' esercito USA si deve affidare al wiimote... Per carità non metto in dubbio che in caserma ne abbiano parecchi e che qualche spiritoso militare al rimbrotto di un superiore che lo ha beccato a giocare col wii possa avere risposto "sto allenando le mie capacità di ingaggio, signore!" :-D
    • fede c scrive:
      Re: mah
      Gli scienziati che si occupano di robotica utilizzano i lego mindstorm per sviluppare i loro progetti (costano poco ed hanno la stessa tecnologia), non mi sembra tanto improbabile.
      • Enrico Giancipoli scrive:
        Re: mah
        Penso che tu abbia centrato il punto quando hai detto "costano poco". Appunto, perché sviluppare una tecnologia spendendo milioni di dollari quando ce n'è una già efficace e che costa poco?
        • Giocatore110 scrive:
          Re: mah
          Perchè è il nazionalista (in termini di acquisti) esercito militare Statunitense, perchè i soldi ce li ha, perchè tecnologie simili o più precise si possono realizzare e produrre senza scomodare Nintendo, perchè il Wiimote non rispetta molti degli standard di resistenza a botte, intemperie e quant'altro richiesti dall'esercito in questione.E anche perchè quel sistema va in palla al primo inciampo o scostamento causato da una bomba.Ma soprattutto perchè in un robot come quello presentato l'uso del Wiimote è inutile, se non meno preciso di quello delle tecnologie di controllo già usate dall'esercito Statunitense.Mi sembra sufficiente. :D
          • Enrico Giancipoli scrive:
            Re: mah
            È ovvio che già l'esistenza del progetto smentisca la tua opinione, comunque c'è da dire che questo è sicuramente solo uno dei progetti di robotica cui l'US Army stanzia fondi; sappiamo un po' tutti che gli Stati Uniti sono il Paese che al mondo impiega la percentuale più alta del proprio PIL in ricerca militare.
          • Giocatore110 scrive:
            Re: mah
            L'esistenza del progetto non smentisce un bel niente. Gli stati uniti spendono decine di miliardi di dollari l'anno in ricerca militare e quel progetto potrebbe essere interessante come potrebbe essere un progetto che verrà scartato.Non dimenticare che hanno scartato il progetto RAH-66 "Comanche", eccellente elicottero da combattimento, solo perchè non lo ritenevano necessario per la guerra odierna, figurati se si fanno problemi a scartare 'sta roba se non gli va sufficientemente bene.
          • Enrico Giancipoli scrive:
            Re: mah
            Smentisce i dubbi sull'effettiva esistenza del progetto, visto che era questo il punto da cui si era partiti. Che poi possa o meno venire adottato effettivamente su campo, è un altro paio di maniche.
          • Giocatore110 scrive:
            Re: mah
            Non è a questo che ho risposto nell primo mio post di questa discussione.
    • Lamu scrive:
      Re: mah
      - Scritto da: Matteo
      E secondo voi il dipartimento della difesa
      americano deve affidarsi al Wiimote per questo
      genere di cose? Secondo voi non ha la tecnologia
      per farlo da
      solo?
      Sono sempre più convinto si tratti di uno scherzo.non saprei la tecnologia dell'accelerometro nel wii e del chip che li gestisce sviluppata in italia da una società che lavora per la nintendo (jap).non è detto che gli americani abbiano acquisito il know-how necessario a farne uno funzionante così bene tutto da soli, a sto punto prendi il wiimote e lo modifichi e ci metti meno e spendi molto meno.sono anche certo che la volta che lo useranno davvero non useranno certo dei wiimote bluetooth.
  • z.n. scrive:
    superpesce?
    e' uno scherzo?
Chiudi i commenti