Google, una voce che traduce

La Grande G presenta un prototipo che permetterà ai viaggiatori di diverse lingue di interagire senza problemi di comprensione, perfettamente in tempo reale

Roma – Dalla guida galattica per autostoppisti , il leggendario Pesce di Babele era capace di tradurre in maniera simultanea tutte le lingue conosciute nell’universo. Escludendo gli atroci poemi Vogon , un prototipo presentato da Google permetterà ai viaggiatori terrestri di conversare in due idiomi differenti con il supporto di un’ambiziosa tecnologia di traduzione in tempo reale con un ritardo prossimo allo zero .

Presentato da Hugo Barra, vicepresidente alla divisione product management di Android, il prototipo della Grande G funzionerà in maniera quasi perfetta in quegli ambienti privi di rumore , in modo da evitare input esterni che possano confondere il sistema di traduzione simultanea. Lo stesso Barra ha però ammesso che, almeno in fase sperimentale, il sistema funziona solo per quelle conversazioni in determinate (e limitate) lingue sul Pianeta.

Insieme alle traduzioni testuali offerte da Google Translate – ora con il supporto a 45 lingue nella funzione che opera anche su frasi scritte a mano – Google è alla ricerca della perfezione con un sistema di traduzione automatica delle conversazioni in ambiente mobile, un pacchetto applicativo in ecosistema Android che risulterebbe preziosissimo per gli utenti in viaggio verso paesi lontani. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Salvo Rubino scrive:
    Cina?
    Ci si sconvolge per la Cina quando in Sicilia, questa, è la normalità. E nessuno fa niente!In Sicilia, quando sei licenziato senza regolare preavviso, è una fortuna se ti danno il 25% della liquidazione che ti spetta. (Ovviamente non tutte le aziende se la pensano così ma, la stragrande maggioranza, sì) Potrei continuare così per miliardi di righe. Di contro, gli organi preposti al controllo, tacciono su tutto!
    • silvan scrive:
      Re: Cina?
      La cosa non mi stupisce, in quell'Italia non valgono le leggi statali bensì quelle mafiose o, a scelta, quelle camorristiche.
  • ... scrive:
    Pegatron
    Che è il fratello di Megatron? Un nuovo nemico per gli Autorobot!!!!!
  • prova123 scrive:
    Cupertino indagherà ...
    Apple e tutti gli altri vanno a fabbricare i dispositivi in Cina perchè li hanno a disposizione gli schiavi. Se non fossero tali tanto varrebbe produrre in Occidente e sarebbe anche più efficiente.Questi paesi hanno fatto chiudere le aziende in occidente perchè i loro governanti li hanno venduti ... o lavorano così o non ha più senso produrre lì.
  • Little Tony scrive:
    La retribuzione
    Dunque, leggo che fra le accuse a Pegatron da parte degli attivisti c'è la "violazione delle leggi cinesi sul lavoro, applicando ingiuste trattenute sui salari o addirittura mancando l'appuntamento con la retribuzione periodica dei lavoratori". In pratica: pagano in ritardo lo stipendio.Un'idea: non si può dire agli attivisti di China Labor Watch di costituire una filiale, Italy Labour Watch? O)
    • webwizard scrive:
      Re: La retribuzione
      - Scritto da: Little Tony
      Dunque, leggo che fra le accuse a Pegatron da
      parte degli attivisti c'è la "violazione delle
      leggi cinesi sul lavoro, applicando ingiuste
      trattenute sui salari o addirittura mancando
      l'appuntamento con la retribuzione periodica dei
      lavoratori". In pratica: pagano in ritardo lo
      stipendio.

      Un'idea: non si può dire agli attivisti di China
      Labor Watch di costituire una filiale, Italy
      Labour Watch?
      O)Eh, mica brutta come idea...
      • Little Tony scrive:
        Re: La retribuzione


        Dunque, leggo che fra le accuse a Pegatron da

        parte degli attivisti c'è la "violazione delle

        leggi cinesi sul lavoro, applicando ingiuste

        trattenute sui salari o addirittura mancando

        l'appuntamento con la retribuzione periodica dei

        lavoratori". In pratica: pagano in ritardo lo

        stipendio.



        Un'idea: non si può dire agli attivisti di China

        Labor Watch di costituire una filiale, Italy

        Labour Watch?

        O)

        Eh, mica brutta come idea...L'articolo poi non spiega se lo Stato debba alla Pegatron e altre aziende di Taiwan milioni arretrati da almeno sei mesi, bloccati dalla legge di stabilità. Se sì, un intervento di China Labor Watch diventa addirittura doveroso. Purché sia in Italia. :-)
        • tucumcari scrive:
          Re: La retribuzione
          - Scritto da: Little Tony


          Dunque, leggo che fra le accuse a
          Pegatron
          da


          parte degli attivisti c'è la
          "violazione
          delle


          leggi cinesi sul lavoro, applicando
          ingiuste


          trattenute sui salari o addirittura
          mancando


          l'appuntamento con la retribuzione
          periodica
          dei


          lavoratori". In pratica: pagano in
          ritardo
          lo


          stipendio.





          Un'idea: non si può dire agli attivisti
          di
          China


          Labor Watch di costituire una filiale,
          Italy


          Labour Watch?


          O)



          Eh, mica brutta come idea...

          L'articolo poi non spiega se lo Stato debba alla
          Pegatron e altre aziende di Taiwan milioni
          arretrati da almeno sei mesi6 mesi?Mio "cuggino" (cioè in realtà io il mio socio e tutta le persone che lavorano con noi) stiamo aspettando da una regione il saldo da 11 mesi e so per certo che ci sono altri "cuggini".... nella stessa situazione....N.B.Naturalmente (c'è bisogno di dirlo?) la fattura è già stata emessa e quindi a tutti gli effetti fa parte del calcolo della base imponibile....Questo a prescindere dal fatto che ci sia un incasso effettivo....Come dire.... cornuti e mazziati.Il rispetto per il lavoro è andato a farsi benedire da un pezzo.
Chiudi i commenti