Gore premiato come pioniere di Internet

Sarà Vint Cerf, il padre del TCP/IP, ad insignire l'esponente democratico americano di un prestigioso riconoscimento. Nonostante qualche gaffe, Gore fece molto per le autostrade digitali

New York (USA) – Festa grande oggi per Al Gore, il leader democratico che più di ogni altro si è battuto negli anni per porre lo sviluppo delle reti telematiche al centro dell’agenda politica degli Stati Uniti. Così la pensano i promotori dei Webby Awards , che hanno deciso di onorarlo con la prestigiosa onorificenza.

A consegnare materialmente il premio sarà Vint Cerf, uno dei padri della rete e del protocollo TCP/IP. “A Gore – ha spiegato Cerf – si devono senz’altro dei ringraziamenti e un’alta considerazione per i suoi contributi pionieristici”.

“Si tratta di uno di quei casi – ha spiegato Tiffany Shlain, fondatrice dei Webby Awards – in cui qualcuno per trent’anni ha svolto un lavoro impressionante come uomo politico, senatore e vicepresidente ed è riuscito a muoversi in questo caos politico”.

L'esponente democratico Gore, che per molti anni ha fatto dell’attenzione verso le prospettive aperte dai network informatici un proprio cavallo di battaglia, con questo premio potrà probabilmente archiviare definitivamente una sua storica gaffe che fece il giro del mondo: in una improvvida dichiarazione si spinse ad affermare che lui aveva “inventato Internet”.

A testimoniare l’impegno di Gore è nientemeno che l’ Accademia internazionale delle Arti digitali e delle Scienze a cui spetta la presentazione dei premi: gli esponenti dell’Accademia hanno ricordato come, fin dal suo primo incarico al Congresso, Gore abbia spinto per finanziare lo sviluppo della rete e delle tecnologie che hanno dato vita a quello che per primo lui definì “le autostrade dell’informazione”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    mhaah.. buahhh
    Censura?... gli piacerebbe!!Per quello che ho visto io (ma anche diversi milioni di cinesi che fanno ABITUALMENTE COSI') basta usare un proxy (ce ne sono a migliaia) su un qualunque sito internazionale per non avere nessunissima censura oppure creare un qualunque banalissimo tunnel!!E pensare che hanno speso e spendono barche di soldi per questo !E il bello e' che non sono i soli! anche i peasi di stretta osservanza religiosa (saudi arabia e altri) fanno lo stesso...mah!Ma non si rendono conto di essere ridicoli?
  • Anonimo scrive:
    Baidu
    Andate su Baidu e cercate f-gache bello il secondo linkche bella la censura cineseLOL
    • Anonimo scrive:
      Re: Baidu
      - Scritto da: Anonimo
      Andate su Baidu e cercate f-ga
      che bello il secondo link
      che bella la censura cinese
      LOLlol fantastica
    • Anonimo scrive:
      Re: Baidu
      Alla faccia del copyright poi! Sulla homepage di Baidu, campeggia un bel link agli mp3. Scrivi il nome del file, ti da i link e scarichi via http come si faceva 5 anni fa, senza tante pare.Mi sembrava quasi assurdo ormai trovare una cosa del genere hehe...
  • Anonimo scrive:
    eh qui è pieno ditantipiccoliMarcoPolo
    Tutta gente che della Cina non sa niente, ma ne parla come se ci fosse stata.Già immagino i vari commenti che verranno fuori...
    • Anonimo scrive:
      Re: eh qui è pieno ditantipiccoliMarcoPo
      - Scritto da: Anonimo
      Tutta gente che della Cina non sa niente, ma ne
      parla come se ci fosse stata.
      Già immagino i vari commenti che verranno fuori...o tu che sai illuminaci
    • Anonimo scrive:
      Re: eh qui è pieno ditantipiccoliMarcoPolo

      Tutta gente che della Cina non sa niente, ma ne
      parla come se ci fosse stata.
      Già immagino i vari commenti che verranno fuori...E quelli come me (sono tanti) che ci vivono? Se mi dai qualche dritta....
Chiudi i commenti