Grecia, scontro sulle cam nelle strade

In molti paesi, Italia compresa, la loro diffusione è tale che neppure le autorità sanno quante siano e come spiino i cittadini. In Grecia ora i sistemi CCTV subiscono un drastico stop. Ma il Governo non ci sta


Atene – La capitale greca in queste settimane si rivela il faro di una cultura nuova: il Garante della privacy ellenico ha infatti stabilito che i sistemi di sorveglianza, videoripresa e audioregistrazione, possono essere installati allo scopo esclusivo di controllare il traffico e la congestione delle strade più affollate .

Secondo l’Authority greca, infatti, installare questi sistemi altrove “per qualsiasi altra ragione, è vietato”, compreso l’uso ai fini di portare alla luce “attività illegali”. Il divieto riguarda esplicitamente cam e microfoni in aree pedonali, piazze, entrate dei cinema o dei teatri, strade a bassa intensità di traffico e via dicendo. Non solo niente cam e microfoni, dunque, ma quelle cam che possono essere installate a monitoraggio del traffico devono essere posizionate in modo tale “che non possano videoregistrare l’ingresso di abitazioni”.

Si tratta di una scelta del tutto innovativa , come segnala EDRI , e in assoluta controtendenza rispetto a quanto accade nella maggior parte dei paesi dell’Unione Europea, dove l’installazione di apparati di sorveglianza in luoghi pubblici è ormai routine. Al punto che in alcuni paesi, come l’Italia, non è più nemmeno possibile contare le cam e gli altri apparati di sorveglianza (vedi a questo proposito i risultati dell’inchiesta condotta di recente da Punto Informatico: Italia, quelle sconosciute cam di sorveglianza ).

Inutile dire che il Governo greco, impegnato a lavorare su quelli che ritiene imprescindibili apparati di sicurezza , abbia intenzione di bypassare la scelta del Garante ellenico e abbia già fatto ricorso. Secondo il Governo, la scelta dell’Autorità per la privacy “è incostituzionale, viola la Convenzione europea sui Diritti umani ed è illegale in quanto la sicurezza nazionale e l’ordine pubblico hanno priorità maggiori rispetto alla protezione della privacy”.

Difficile dire come andrà a finire: l’Authority ellenica chiede la rimozione delle cam e dei microfoni ma le autorità di governo non sembrano disponibili. Ad Atene, peraltro, sono già attivi decine di impianti CCTV sulle strade. A decidere dovrà essere il tribunale a cui si è appellato il Governo greco.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Se questi spioni di USA non la smettono
    ...di spiarci noi ci facciamo la nostra internet con Cuba, il Venezuela, il Brasile, la Corea del Nord e perchè no, anche la CIna ed il Vietnam. Questi si che sono paesi liberi
    • rem scrive:
      Re: Se questi spioni di USA non la smett
      - Scritto da: Anonimo
      ...di spiarci noi ci facciamo la nostra internet
      con Cuba, il Venezuela, il Brasile, la Corea del
      Nord e perchè no, anche la CIna ed il Vietnam.
      Questi si che sono paesi liberiforse e' meglio che lasci perdere la grappa al mattino........non ti auguro di provare sulla tua pelle la liberta' dei paesi che hai citato,stiamo meglio noi con il patriotact e affini,anche se sarebbe sicuramente meglio mantenere piu' alta la soglia di attenzione verso le continue violazioni della privacy che tutti i governi indiscriminatamente hanno meso in atto in questi ultimi tre anni,che poi usino le favole per giustificare i loro comportamenti.beh e' storia vecchia,sin dai tempi di mose'la massa conosce quello che si vuole che conosca.
    • moresco scrive:
      Re: Se questi spioni di USA non la smett
      - Scritto da: Anonimo
      ...di spiarci noi ci facciamo la nostra internet
      con Cuba, il Venezuela, il Brasile, la Corea del
      Nord e perchè no, anche la CIna ed il Vietnam.
      Questi si che sono paesi liberiStrano che tu abbia dimenticato la Svizzera, la Norvegia, la Svezia, la Danimarca, il Belgio, il Lussemburgo, la Francia, La Nuova Zelanda, la Germania... Ma capisco che per te il mondo evidentemente si divide solo "pro" o "contro" USA.
  • Anonimo scrive:
    beh perlomeno quando verrà accertato
    che l'11 settembre non è stato nient'altro che una truffa perpretata dalla bush & company per i loro interessi privati, i cittadini del mondo avranno un riferimento a cui chiedere i danni, rammentiamocelo.
    • Anonimo scrive:
      Re: beh perlomeno quando verrà accertato
      ..e la prima cosa da fare e' mandare a casa il piduista-mafioso-dittatore di informazione-quello che e' venuto in svizzera a farsi la plastica,....: il nano di arcore ,cioe' berluspirla!
  • Anonimo scrive:
    Classified non vuol dire classificato
    Classified non vuol dire classificato ma segreto o confidenziale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Classified non vuol dire classificat
      - Scritto da: Anonimo
      Classified non vuol dire classificato ma segreto
      o confidenziale.Mi correggo:Classified non vuol dire classificato ma segreto o riservato.
  • Anonimo scrive:
    Inevitabile!!
    Il Patriot Act è soltanto uno dei tanti provvedimenti atti a modificare in modo lento, ma costante, la democrazia.Il processo è in corso da circa gli anni 80, con l'amministrazione Reagan, che ha dato il via ad un infinità di strutture ombra e ha amplificato quelle già esistenti.Con l'11 settembre si è deciso di dare una accelerata al processo; processo che ormai coinvolge l'intero Occidente.Il processo comprende diverse fasi: globalizzazione, omologazione culturale, fusioni sempre più crescenti tra le corporation e le banche, emanazione di leggi liberticide con la scusa del terrorismo, concentramento dei mass media globali in pochissimi oligopoli, limitazione di internet, annientamento dei centri culturali ( università, scuole, centri indipendenti ), ecc.La guerra al terrorismo durerà decenni.Non si fermeranno davanti a niente...Ps: Proprio quando l'amministrazione Bush era in difficoltà , indovinate chi è intervenuto a distogliere l'attenzione delle masse???? Il presidente iraniano.Fanno tutti parte del sistema.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Inevitabile!!
      - Scritto da: Anonimo
      Ps: Proprio quando l'amministrazione Bush era in
      difficoltà , indovinate chi è intervenuto a
      distogliere l'attenzione delle masse???? Il
      presidente iraniano.Fanno tutti parte del
      sistema.....e quando la Dandini denunciava le armi di distrAzione di massa la accusavano di informare e non di fare satira...p.s. l'Iran dice questa cosa su israele da 30 anni, chissà perché adesso ha tutta questa rilevanza, al punto da far promuovere pagliacciate come quella di ieri sera
      • Anonimo scrive:
        Re: Inevitabile!!
        - Scritto da: Anonimo

        p.s. l'Iran dice questa cosa su israele da 30
        anni, chissà perché adesso ha tutta questa
        rilevanza, al punto da far promuovere
        pagliacciate come quella di ieri seraIl ciccione Ferrara va in cerca di visibilità.
        • Anonimo scrive:
          Re: Inevitabile!!
          diciamo che adesso hanno quasi il nucleare ...nel 1990 erano a buon punto .. ma ... una squadriglia di f18 israeliani ha buttato giù la centrale nucleare che stavano facendo ...ed ora .. stanno per arrivare all'atomica ... e hanno messo 1 sistema missilistico per proteggersi da incursioni aeree ..chi sbaglia impara !
  • afiorillo scrive:
    Uff...
    Ma quando passeranno di moda, 'sti benedetti spy-movie? :(
  • Anonimo scrive:
    Poveri cittadini USA
    Li compatisco.Hanno un presidente che fa skifo ormai su tutti fronti e che li costringe a vivere nel terrore come scusante per far approvare le legi più liberticide.Che SQUALLORE!
    • Anonimo scrive:
      Re: Poveri cittadini USA
      - Scritto da: Anonimo
      Li compatisco.
      Hanno un presidente che fa skifo ormai su tutti
      fronti e che li costringe a vivere nel terrore
      come scusante per far approvare le legi più
      liberticide.
      Che SQUALLORE!se nel titolo del post non c'era scritto usa avrei potuto benissimo pensare che si parlava dell'italia :
      • Anonimo scrive:
        Re: Poveri cittadini USA
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Li compatisco.

        Hanno un presidente che fa skifo ormai su tutti

        fronti e che li costringe a vivere nel terrore

        come scusante per far approvare le legi più

        liberticide.

        Che SQUALLORE!

        se nel titolo del post non c'era scritto usa
        avrei potuto benissimo pensare che si parlava
        dell'italia : NOOOOOO!! Perché tanto odio? POVERO..... IILVIO!Lui lo ha fatto.... PER NOI! Sigh! Sob! :'(
    • Anonimo scrive:
      Re: Poveri cittadini USA
      - Scritto da: Anonimo
      Li compatisco.
      Hanno un presidente che fa skifo ormai su tutti
      fronti e che li costringe a vivere nel terrore
      come scusante per far approvare le legi più
      liberticide.
      Che SQUALLORE!ma perche' secondo te in europa si sta meglio?secondo te le polizie europee non fanno le stesse cose? almeno loro hanno l'ACLU noi neppure quella e ce lo mettono in quel posto senza avere nemmeno la cortesia di dircelo.
  • Anonimo scrive:
    abbiamo almeno la decenza
    di chiamarlo deficient act quindi
    • Riot scrive:
      Re: abbiamo almeno la decenza

      di chiamarlo deficient act quindiLa cosa divertente degli statunitensi è che sono talmente nazionalisti che basta mettere freedom, liberty, american o patriot di fronte a qualcosa per farglielo accettare.A quando le freedom tortures per tutti quelli che non votano repubblicano? ;)
Chiudi i commenti