Guitar Hero su Commodore 64

Il cavallo di battaglia di Activision conquista un'altra piattaforma. E questa volta si parla di evento storico. Oppure di storia e basta

Roma – Che il chip SID del buon vecchio Commodore 64 fosse un piccolo capolavoro sonoro sono tutti d’accordo. E allora, perché non sfruttarlo per il più celebre gioco musicale della storia? Voilà, ecco Guitar Hero in versione riveduta ridotta e corretta per il mitico personal computer, che ha compiuto 25 anni lo scorso agosto e sarà celebrato in questi giorni con una cerimonia al Computer History Museum di Mountain View.

Guitar Hero su Commodore 64 L’implementazione del progetto Shredz64 prosegue spedita. Sia la chitarra, fornita con il gioco per aspiranti rockstar, che qualsiasi altro controller dual-shock per Playstation ora funzionano con il Commodore 64 : c’è ancora qualche problemino con la sincronicità, ma nel complesso tutto funziona abbastanza bene.

Il gioco, ahimè, è ancora un po’ indietro nello sviluppo: per il momento ci sono solo le funzioni base, e la grafica lascia un po’ a desiderare . Colpa delle ridotte capacità di calcolo del C64, che vanno risparmiate fino all’ultimo per riuscire a gestire tutti quei tasti (ben quattro!) sul controller, senza contare la whammy bar .

Insomma, pane per i denti dei patiti del retrogaming. C’è da scrivere un bel po’ di codice in assembly 6502 , qualcuno ha voglia di contribuire? ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • alessandro coniglio scrive:
    il mio pc
    scusate ma mi sento ignorante a d ascoltare i vostri discorsi,io volevo solo farvi una domanda che mi aiuterebbe tanto vorrei cambiare la scheda video al mio pc,che è un pentium 4 3,2 ghz 800 bus,scheda madre dell'abit nn mi ricordo la sigla,se compro la geforce 8800 gts è compatibile con un pc che non sia dual core 2,e se non lo è,potete dirmi che tipo di scheda potrei comprare una medio buona,vi ringrazio anticipatamente a presto il mio indirizzo e-mail alexrabbit@libero.it se potreste rispondermi li mi fareste veramante una grande cortesia asèetto vostre notizie a presto
  • Enjoy with Us scrive:
    Attenta Intel !
    Non è che sta rifacendo l'errore dell'architettura NetBurst?Ossia overclocching spinto di fabbrica con dissipazioni termiche esagerate e guadagni prestazionali marginali?Attenta a AMD che zitta zitta sta mettendo insieme una nuova architettura che potrebbe rimescolare a suo favore il gap prestazionale (ridotto) oggi esistente fra le due architetture (Intel e AMD)
    • orlando scrive:
      Re: Attenta Intel !
      Stando a quanto riportato su Tom's Hardware, la dissipazione termica reale delle nuove cpu Intel è molto inferiore a quella dichiarata, ad esempio il QX9650 a 3GHz consuma a pieno carico 73W e in idle meno 4 (QUATTRO) watt. Non credo affatto che Intel stia ricommettendo lo stesso errore.Parlando di AMD, non credo che riuscira a colmare il baratro che la separa da Intel a breve, viste le scarse prestazioni dei Phenom.
      • Giocatore110 scrive:
        Re: Attenta Intel !
        A parte che da SEMPRE AMD è più sincera di Intel sulle prestazioni termiche e consumistiche, vorrei farti notare che il divario tra i Phenom freschi, di base e nemmeno del tutto rodati appena usciti e i processori core 2 quad (si, i quad, non i dual) è irrisorio. Da dove l'hai tirata fuori una differenza abissale, da test che sono così evoluti da poter lavorare con un solo thread?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 dicembre 2007 20.55-----------------------------------------------------------
        • orlando scrive:
          Re: Attenta Intel !
          Modificato dall' autore il 10 dicembre 2007 20.55
          -http://www.tomshw.it/cpu.php?guide=20071120In fondo trovi i test.
          • Giocatore110 scrive:
            Re: Attenta Intel !
            Li conosco i test di Tom's Hardware, e soprattutto conosco la selezione accurata dei grafici quando selezionano test avversari.Detto questo guarda in giro, scoprirai che i processori Core 2 Quad con la maggior parte dei test in questione non si mostrano così differenti dai Core 2 duo di tom's Hardware.Forse a Tom's hardware si sono dimenticati che era un quad? credo di no, ma i test in giro di quad core intel contro quad core AMD non sono tanto diversi, anzi sembra strano il risultato di Tom'sHarware.Come al solito, se usi un programma ottimizzato per un solo thread difficilmente vedi la vera differenza tra processori adatti al multithreading.
        • mahhhh scrive:
          Re: Attenta Intel !
          Da sempre uso AMD ma l'ultimo portatile l'ho preso con un Intel... purtroppo al momento non c'è paragone, peccato.
  • Yeah! scrive:
    A che servono?
    Ma a che servono i dual core? Li vedo ancora inutili per i software odierni.
    • fr3d scrive:
      Re: A che servono?
      Dipende da come li usi, alla maggior parte della gente non servono indubbiamente;pero' se utilizzate piu' programmi in contemporanea allora la differenza si sente (es, comprimere e lavorare contemporanemente significa non rallentare la macchina durante il lavoro), se poi si diffondesse la crittografia ecco che un core e' perennemente impegnato per le operazioni sui dischi o sui trasferimenti.Piu' passera' il tempo e' piu' si faranno sentire i vantaggi.
    • Pinco Palla scrive:
      Re: A che servono?
      Servono che mentre l'antivirus ti fa la scansione del disco in bakcground, o che deframmenti, o che fai il backup, tu continui il tuo lavoro di routine con una fluidità che è un piacere
      • Marcello Romani scrive:
        Re: A che servono?
        - Scritto da: Pinco Palla
        Servono che mentre l'antivirus ti fa la scansione
        del disco in bakcground, o che deframmenti, o che
        fai il backup, tu continui il tuo lavoro di
        routine con una fluidità che è un
        piacerebeh, dipende: se fai due lavori disk-intensive alla volta, non è che cambi molto rispetto al singolo core.Una deframmentazione impegna più il disco della CPU, per cui se mentre deframmenti usi programmi che usano molto il disco, il fatto di avere 2 o più core non ti aiuta molto...Detto questo, penso che in generale non se ne sentisse il bisogno, ma visto che ci sono, in molte circostanze aiutano...
        • tonzie scrive:
          Re: A che servono?
          Beh l'unica soluzione per l'utilizzo intensivo dei dischi penso saranno i dischi a stato solido (che non hanno bisogno nemmeno di essere deframmentati visti i loro tempi di accesso bassissimi), cmq li vedremo a prezzi accettabili solo tra un po'...Diciamo che ora come ora quelli che servono poco sono i Quad core...i dual si fanno sentire in molti ambiti ed è soprattutto il sistema operativo a goderne...Discorso diverso per qualcuno che oltre al S.O. caricato non lancia che un unico programma alla volta, magari non ancora ottimizzato per i dual core (e ce ne sono molti)...per loro non serve a nulla! Diciamo che IMHO i celeron dual core non hanno ragione d'esistere: in questo segmento l'AMD penso continuerà a farla da padrone, mentre purtroppo è quello più accreditato della fascia media ed alta dove perde e di tanto...Infine quello che non ha davvero senso è un TPD così pauroso come 136 e 150 per i mostri quad-core...
          • Marcello Romani scrive:
            Re: A che servono?
            Sono d'accordo con te sul fatto che ora come ora i dual core si fanno sentire in modo non trascurabile mentre i quad core sono tutto sommato sovradimensionati.Meglio un dualcore di frequenza superiore che un quad con frequenza un po' più bassa...Per quanto riguarda i celeron dualcore non sarei così drastico. Avere 2 proc può essere utile occasionalmente anche per chi non fa un uso intensivo della macchina. Quello che dovrebbero però fare in quella fascia è puntare molto imho sul basso consumo.Impressionante il tdp dei quad... ma anche il prezzo! Come sempre il top di gamma appare più come un incrocio tra un prodotto di nicchia e un esercizio tecnologico che come un prodotto destinato al mercato generale...Tra un paio d'anni i quaddoni da 999 dollari per lotti di 1k di oggi saranno probabilmente "low spec"... :-)
          • mauro scrive:
            Re: A che servono?
            secondo me potrai avere anche 8 processori nel core, ma l'interfaccia con la memoria (e la memoria stessa) e' sempre una sola, quindi non credo che si possano superare 1 istruzione eseguita per ciclo di clock, no? quindi si maggiore efficienza complessiva del processore multicore, ma molto meno di quanto si puo' pensare. Tutto marketing, IMHO
          • ... scrive:
            Re: A che servono?
            ma guarda che non è che se accendi il pc e non fai partire nessun programma, allora un dual core non fa niente!un pc appena parte gia girano centinaia di thread (che sia windows o linux), e li la presenza di un dual core si fa sentire!
    • mahhhh scrive:
      Re: A che servono?
      Servono a fare encoding, navigare, guardare una trasmissione dvb-t e un dvd contemporaneamente senza problemi di sorta....
      • rockroll scrive:
        Re: A che servono?
        - Scritto da: mahhhh
        Servono a fare encoding, navigare, guardare una
        trasmissione dvb-t e un dvd contemporaneamente
        senza problemi di
        sorta....Che brutti esempi: dovevi dire che servono a fare encoding (e/o altra attività batch ovvvero "unattended") e contemporaneamente solo una delle altre attività da te menzionate, e non perchè tu abbia un dual anzichè quadcore, ma semplicemente perchè hai una testa sola, e non poi seguire contemporaneamente più di una attività interattiva che richieda la tua continuativa attenzione!
        • Roberto scrive:
          Re: A che servono?
          Ma non è detto xkè magari mentre uno sullo stesso pc sta facendo encoding e sta navigando in internet, un altro sullo stesso pc ma su un altro monitor magari si sta guardando un bel dvd.Quindi di cose contemporaneamente ne puoi fare anke + di due.
          • rockroll scrive:
            Re: A che servono?
            Non è uno degli utilizzi più comuni (è ancora un brutto esempio, detto senza offesa).Invece sono individuabili parecchie applicazioni abbastanza comuni candidate al BackRound" perchè girano a lungo per conto loro senza bisogno di attenzione da parte dell'utente (conversioni tra formati media compressi, scansioni di antivitrus ad affini, spazzolature dischi per pulizia o ricerca dati, Defrag e CheckDisk vari, archiviazione di ingenti quantità su supporti esterni (HD ext, CD/DVD magari RW ...), installazione di mallopposi (e spesso dannosi) WinUpdates, formattazione profonda di altre partizioni, riproduzione musicale in sottofondo (e non di video che richiederebbero la tua attenzione)..., ...Bene, ognuna di queste attività può girare in parallelo (# cores permettendo) contemporaneamente ad una (e praticamente una sola) tua attività interattiva; ma che probabilità hai che una ho più di queste funzioni sia necessario svolgerle durante una tua normale sessione di lavoro presieduto personalmente? (a parte la musica in sottofondo, se non ti disturba, ma qui non si tratta di un'esigenza quanto di un tuo libero sfizio). Tieni comunque presente che, ammesso e assolutamente non concesso che ogni attività parallelizzabile che fai partire vada ad impegnare equamente e bilanciatamente i vari cores, ne hai un beneficio pratico solo quando queste applicazioni in parallelo non creano colli di bottiglia sulle risorse (essenzialmente accoddamenti su I/O e rispettivi Bus...), che si contendono accanitamente. Tieni anche presente che la gestione del multitasking causa comunque un non piccolo override (appesantimento) sul sistema, e che una distribuzione sufficientemente "bilanciata" dei vari lavori su più CPU è per logica di cose una condizione realizzabile solo in casi ben rari se non proprio in esperienze di laboratorio; e considera anche che non molto miglioreranno le cose anche quando e se avremo mai tutto il parco software ripensato, riprogrammato e reso disponibile a cifre potabili (figurati tu, speriamo caso mai nell'Open Source per evitare di svenarci). Se vuoi il mio parere personale, un rifacimento completo del parco software in ottica multicore non si farà mai, semplicemente perchè il gioco non vale la candela. .-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 dicembre 2007 00.23-----------------------------------------------------------
  • rockroll scrive:
    Ne sentivate il bisogno?
    Il sito taiwanese afferma che il primo modello di Celeron a doppio core sarà l'E1200, un chip con clock di 1,6 GHz, front-side bus a 800 MHz, 512 KB di cache L2 e TDP di 65 watt. Il suo prezzo all'ingrosso sarà di 53 dollari. Va ben che costa davvero poco (chiara mossa per contrastare AMD nella fascia bassa), ma francamente per le esigenze di fascia bassa anzy "entry" cui è rivolto, esigenze essenzialmente monocore, c'è già di meglio a quel costo in dollari, che si può immaginare pari in euro sul mercato italiano: per quella cifra in euro ho già da tempo un onestissimo Athlon 64 3800+ (2.4 MHz), oltretutto con mobo AM2 a minor costo e forwardcompatibile, che mi dà tranquillammente quel che 1.6 MHz non potrebbero darmi (anche se con architettura ipotizzabile migliore).Se poi c'è qualcuno appartenente alla ristrettissima cerchia di quelli che realmente hanno bisogno (o credono di averne) di multicore, addirittura quadcore, bene, c'è e ci sarà un'orgia di offerte "di tendenza" a piacere, basta spendere (salvo poi ritrovarsi ad utilizzare quasi sempre un solo core, ed allora bastava spendere un quarto e non necessariamente su HW Intel...)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 dicembre 2007 02.59-----------------------------------------------------------
    • Super_Treje scrive:
      Re: Ne sentivate il bisogno?
      Si perche' quei processori li riesci bene a tirare sui 4 ghz visto che hanno poca cache e quindi scandano poco :PPoi se li rompi stica! perche' non li hai pagati praticamente un cacchio :)
      • rockroll scrive:
        Re: Ne sentivate il bisogno?
        - Scritto da: Super_Treje
        Si perche' quei processori li riesci bene a
        tirare sui 4 ghz visto che hanno poca cache e
        quindi scandano poco
        :P
        Poi se li rompi stica! perche' non li hai pagati
        praticamente un cacchio
        :)Non capisco, immagino tu ti riferisca ai dual e quadricore annunciati, quelli da 2.5 GHz a 3.16, che però di chache ne hanno da vendere e ti costano ben più di un cacchio, e voglio poi vedere se un 2.5 regge davvero 4GHz.Perchè un 1.6 GHz non puoi certo tirarlo a 4 GHz, ma neanche a 2.5, che sarebbe già ottimo: non penso proprio che te lo impostino ultradownclockato di fabbrica perchè sono buoni (proprio l'Intel poi...). Chiedo scusa se parlando di frequenza di clock prima ho detto MHz invece di GHz. Comunque se ogni anno cambi processore si che puoi tirarli così, magari verso la fine dell'annata (e spendi un botto, anche perchè Intel ti fa cambiare pure la MoBo); personalmente ritengo che non si dovrebbe mai superare un 15% di OC continuativo, ma a queste percentuali ci arrivano anche gli AMD.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 dicembre 2007 09.29-----------------------------------------------------------
        • orlando scrive:
          Re: Ne sentivate il bisogno?
          Modificato dall' autore il 10 dicembre 2007 09.29
          --------------------------------------------------Il Pentium Dual Core E2160 ha di default una frequenza di 1.8 GHz, ma in overclock può superare i 3 GHz. Considerando che si trova a 65 euro...
          • Giocatore110 scrive:
            Re: Ne sentivate il bisogno?
            Anche gli Athlon x2 si tirano a 3.2 GHz con tanto di test.Solo che le prestazioni non sono le stesse di un'architettura più performante.
          • rockroll scrive:
            Re: Ne sentivate il bisogno?

            Il Pentium Dual Core E2160 ha di default una
            frequenza di 1.8 GHz, ma in overclock può
            superare i 3 GHz. Considerando che si trova a 65
            euro...Se lo dici tu sarà così, onestamente non lo ritenevo possibile: intendo stabile sotto stress continuativo, senza dannoso overvolt e senza raffraddamenti ausiliari, perchè ricorrere alle forzature che ho detto ha senso solo per potersi poi vantare dei propri "benchmark" cogli amici parimenti patiti.Se in queste condizioni riesci a fare quel che hai detto, complimenti ad Intel, devo ammetterlo. Ma basterebbe anche molto meno, tipo portare da 1.8 a diciamo 2.6 daily, per avvalorare una mia tesi generale: che senso ha mai spendere di più quando abbiamo già molto di più di quel che normalmente usiamo (sempre a parte specifiche esigenze professionali estreme)?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 dicembre 2007 06.08-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti