Hardware, le brevissime di oggi

Asus frigge i DVD DL a 6x - La grafica di Sapphire è Toxic - Player MP3 con display organico - L'audio di Terratec è mobile - Server di stampa USB - Adattatore Ethernet per rete elettrica

Asus frigge i DVD DL a 6x
Il DRW-1608P è un nuovo masterizzatore DVD di Asus capace di scrivere i supporti a doppio strato, sia +R che -R, alla velocità massima di 6x. L’unità permette inoltre di registrare i dischi +/-R alla velocità di 16x, i +RW a 8x e i -RW a 6x. Le velocità di scrittura dei CD sono di 40x per i -R e di 24x per i -RW. Il DRW-1608P dispone delle tecnologie FlextraLink, per la prevenzione i buffer underrun, FlextraSpeed, per il controllo in tempo reale della qualità del media, DDSSII, che riduce i livelli di vibrazione e rumorosità dell’unità, e Liquid Crystal Tilt (LCT), che permette di modulare l’intensità del laser al fine di rendere più accurati i processi di scrittura e lettura. Il masterizzatore supporta le modalità di scrittura TAO, DAO, SAO e Packet Write e tutti i principali formati di CD e DVD, incluso DVD-RAM. L’unità sarà presto disponibile sul mercato al prezzo indicativo di 89 euro.

La grafica di Sapphire è Toxic
Sapphire ha lanciato una nuova scheda grafica di fascia media, la X700 Pro Toxic , basata – come suggerisce il nome – sulla GPU X700 Pro di ATI con 8 pipeline per i pixel shader e 6 pipeline per i vertex programmabili. La scheda ha un’interfaccia nativa PCI Express a 16 vie e un’interfaccia di memoria GDDR3 a due canali da 128 bit. La X700 Pro Toxic integra 128 MB di memoria video, supporta due display simultanei tramite i connettori VGA, TV out e DVI-I, adotta la tecnologia di raffreddamento Lethal e include il software di overclocking (Advanced Performance Enhancer) di Sapphire. Il prezzo indicativo della X700 Pro Toxic è di 219 euro.

Player MP3 con display organico
TEAC ha lanciato sul mercato italiano una nuova gamma di lettori MP3 USB con memoria flash. I nuovi player sono dotati di display con tecnologia OLED (Organic Light Emitter Diode) caratterizzati da una elettroluminescenza “naturale” che non inficia la durata delle batterie. Il primo modello della serie, MP-200, ha dimensioni di 71 x 32 x 15 mm e un peso di 35 grammi; il suo case è in alluminio, di colore argentato. Il player ha una memoria che può essere di 256, 512 o 1.024 MB, garantisce oltre una decina di ore di autonomia, supporta i formati MP3 e WMA, ha 5 equalizzazioni predefinite, e fornisce la possibilità di registrare la voce o l’audio proveniente dal line-in integrato. L’MP-200 è distribuito in Italia da Artec al prezzo di 99 euro per la versione da 256 MB, 135 euro per quella da 512 MB e 185 euro per quella da 1 GB.

L’audio di Terratec è mobile
Terratec ha presentato Aureon 5.1 USB MK II , una nuova soluzione audio mobile a 6 canali che può essere collegata “al volo” a qualsiasi PC o notebook dotato di porta USB. Il dispositivo, che pesa circa 100 grammi ed è grande quanto un portafogli, non richiede driver né installazione e si alimenta direttamente dalla porta USB. L’Aureon 5.1 supporta il suono surround a 5.1 canali, ha contatti placcati in oro, e dispone di uscite/ingressi digitali (S/PDIF ottico) e analogici (microfono, cuffie). L’unità è compatibile con gli standard Dolby Digital, AC3, DTS, Dolby Pro-Logic II, EAX 1.0/2.0. L’Aureon 5.1 USB MK II, che include il software WinDVD 4, ha un prezzo di 59,99 euro.

Server di stampa USB
U.S. Robotics ha recentemente introdotto un nuovo server di stampa USB che permette di condividere in rete – cablata o wireless – una stampante USB. Il dispositivo si collega a qualsiasi porta USB 1.1 e USB 2.0 e può essere configurato, da remoto, attraverso un qualsiasi browser web. Il server di stampa, modello USR807500 , supporta sia le reti Fast Ethernet sia le reti con tecnologia wireless 802.11g, inoltre è compatibile con numerosi sistemi operativi, tra cui Windows 95 e successivi, Macintosh e Linux. Il prezzo del dispositivo è di 85 euro.

Adattatore Ethernet per rete elettrica
Il PowerLine Ethernet Kit di Atlantis Land è un nuovo adattatore utilizzabile per creare una rete Ethernet attraverso la linea elettrica di casa o ufficio. Il dispositivo supporta le specifiche PowerLine 1.0 e raggiunge una velocità massima, in condizioni ideali, di 14 Mbps. Usando questa tecnologia, due o più computer possono essere connessi attraverso un collegamento Ethernet senza l’uso di alcun cavo aggiuntivo: basta una presa elettrica nelle vicinanze. Il kit, composto da due adattatori, fornisce una copertura di rete fino ad una distanza di 1.500 metri e include il supporto allo standard crittografico DES a 56 bit. Il PowerLine Ethernet Kit è in vendita al prezzo di 99 euro per coppia di adattatori.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • HotEngine scrive:
    Re: E pensare che...
    - Scritto da: munehiro
    gia'.. e' sempre colpa nostra. Ma come mai
    gli ebrei hanno trasformato da soli il
    deserto in un oasi coltivata?E tutto questo che nesso ha con il voler fornire computers a gente che tira la cinghia per campare ?
  • Anonimo scrive:
    Re: E pensare che...
    - Scritto da: Anonimo
    Quando i paesi occidentali finiranno di
    fermentare le lotte civili al loro interno
    per guadagnare nella vendita di armigia'.. e' sempre colpa nostra. Ma come mai gli ebrei hanno trasformato da soli il deserto in un oasi coltivata?
  • KerNivore scrive:
    Re: BUFFONATA!!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Per quanto ne so' India e Cina hanno le
    competenze e la capacita tecnica per fare la
    stessa cosa.

    Ma non l'anno gia fatta? mi sembra propio di
    si.

    Quindi sto Negroponte mi sembra solo il
    solito BUFFONE travestito da Babbonatale.'sto Negroponte ?ma lo sai chi e' Negroponte ?
  • jokanaan scrive:
    Re: 10 e lode ;)
    - Scritto da: yogurt
    Andate specialmente alle grandi fiere!
    (hi prima arriva .........prima fa l'affare!)

    www.futuranet.it/fiere/fiere-2005.htm
    www.hamdirectory.info/FIERE.html complimenti per il post!
  • Anonimo scrive:
    Re: concordo al 100%
    - Scritto da: Anonimo
    Per quanto ne so' India e Cina hanno le competenze e
    la capacita tecnica per fare la stessa cosa.
    Ma non l' hanno gia fatta?
    Mi sembra propio di si.
    Quindi sto Negroponte mi sembra solo il solito
    BUFFONE travestito da Babbonatale.
    P.S. I problemi di questi paesi non sono certo la
    carenza di pc.Concordo al 100%.
  • Anonimo scrive:
    Andate alle fiere mercato elettronica!!!
    Andate specialmente alle grandi fiere!(hi prima arriva .........prima fa l'affare!)http://www.futuranet.it/fiere/fiere-2005.htmhttp://www.hamdirectory.info/FIERE.html
  • jokanaan scrive:
    Re: Arrossisco
    - Scritto da: Gatto Selvaggio

    uhm, qua si passa da un'esagerazione

    consumistica agli antipodi!

    Sì lo ammetto sono verdino.maledetto!(io sono solo tirchio, ecco perché mi diletto con l'usato ;) )==================================Modificato dall'autore il 01/02/2005 22.17.49
  • Gatto Selvaggio scrive:
    Re: Arrossisco

    uhm, qua si passa da un'esagerazione
    consumistica agli antipodi!Sì lo ammetto sono verdino.
  • Gatto Selvaggio scrive:
    Re: Arrossisco

    No, probabimente avrai un Nobel con
    citazione speciale per l'intelligenza per
    esserti fatto fregare 100 euro per una
    resistenza o un transistorino! Era il circuito che dà il segnale di fine riga. Così almeno ha detto il tecnico per fregarmi 100 euro. Ammetto che 100 euro sono tanti, già sul troppi, e se sapessi riparare i monitor me la sarei cavata con un pomeriggio di operazioni a cuore aperto in garage, ma per continuare a tenerlo invece di buttarlo via ho pagato una specie di tassa ecologica.All'università ho seguito un laboratorio di elettronica, ma dalle mappe K ad aprire un monitor e capire cos'è tutta quella roba ce ne passa parecchio.
  • Sandro kensan scrive:
    Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un
    - Scritto da: gerry
    In realtà io mi chiedo dove trovano
    la corrente per farlo andare.Il Simputer progettato dagli indiani aveva caratteristiche utili a un villaggio senza corrente dove per ricaricare le batterie basavano poche ore di corrente oppure un pannello solare oppure un generatore di corrente da bicicletta.Questo non mi pare un progetto per poveri, direi che è per chi ha pochi soldi e vuole un pc.
  • jokanaan scrive:
    Re: Italia: quanto costa il pc + economi
    - Scritto da: Anonimo
    oggi quaele i il livello minimo di costo
    pera vere un pc configurazionem inima hard
    disk 40 giga memria 256 mega..etc.etc.
    sempreno...=? no modem e monitor
    io ho trovato a circa 300 euro ica
    si puo scendere sotto i 300 euro ?
    grazie mille...sìil problema è che la configurazione minima non è realmente minima (stiamo parlando di navigazione in internet e videoscrittura).per navigare in internet basta:hdd da 5, 10gbprocessore pentium2 a 300mhz o equivalente192mb di ram (si fa anche con 128, ma è un po' lentino..)scheda video qualsiasi purché abbia le più basilari funzioni di accelerazione 2d hw (puntatore del mouse e simili)questo hw difficilmente lo troverai in vendita, a meno di non voler comprare piattaforme tipo le mini-itx, che però costano quanto un pc "della madonna".nell'usato invece trovi pentium 3 a 500, 384di ram, hdd da 8gb, scheda video savage4 16mb di ram, audio integrato, scheda ethernet 10/100, cabinet e alimentatore a 50 euro o meno! E' favoloso neh?
  • Anonimo scrive:
    Italia: quanto costa il pc + economico?
    oggi quaele i il livello minimo di costo pera vere un pc configurazionem inima hard disk 40 giga memria 256 mega..etc.etc. sempreno...=? no modem e monitorio ho trovato a circa 300 euro icasi puo scendere sotto i 300 euro ?grazie mille...
  • jokanaan scrive:
    Re: incentivare la compravendita dell'us
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: jokanaan


    [...]

    no, il futuro saranno gli lcd. Quando le

    rese produttive miglioreranno, le
    fabbriche

    aumenteranno e aumenterà la

    produzione, arriverà un punto in
    cui

    il costo produttivo di un lcd
    sarà

    così basso da renderlo
    competitivo

    col costo del crt*, che comprende anche
    il

    costo dello stoccaggio e del trasporto
    ben

    superiore. Allora gli lcd con qualche
    pixel

    bruciato potranno essere sbolognati a
    poco

    prezzo in quei paesi.


    Sono in parte d'accordo con te,
    perché i paesi in via di sviluppo
    hanno ancora problemi di
    disponibilità di energia e gli
    schermi di lcd aiuterebbero molto a non
    acuirli, però ci vorranno ancora
    almeno tre anni perché gli lcd di
    fascia bassa siano alla loro portata, mentre
    fra meno di un anno potranno avere a prezzi
    abbordabili anche per loro i crt 17", se
    risparmiano energia con dei mini PC a basso
    costo e basso consumo è già
    qualcosa e per loro è comunque meglio
    cominciare ad informatizzarsi prima.
    Concordo che comunque ormai i crt, salvo
    quelli di altissima qualità, sono una
    soluzione di ripiego in attesa del decollo
    totale degli lcd, ma anch'io per ora sto
    pensando di prendere un altro crt e
    aspettare il "prossimo giro" per passare
    all'lcd (anche perché non voglio
    assolutamente un lcd con risoluzione nativa
    1280x1024)il problema della risoluzione nativa secondo me è molto grave. Arriveremo agli lcd per tutti (tranne impieghi dove il crt è mandatory ) quando non ci sarà più necessità di cambiare risoluzione. Ad esempio, i bios supporteranno risoluzioni differenti, la modalità testo (25x80 e compagnia bella) non verrà utilizzata all'avvio, il guadagno di prestazioni su di un gioco non sarà effettuabile abbassando risoluzione ma soltanto escludendo caratteristiche grafiche avanzate (riflessi ombre e cazzabubbole).ne consegue che si formeranno spontaneamente accoppiate "vincenti" di monitor e schede video, e forse si arriverà al punto che la scheda video sarà incorporata nel monitor, e si considereranno entrambe come un'unica entità inscindibile.
  • Anonimo scrive:
    Re: E pensare che...
    Quando i paesi occidentali finiranno di fermentare le lotte civili al loro interno per guadagnare nella vendita di armi, quando invece di portare aiuti in cibo proveniente dall'estero, che per inciso non sanno che farsene oltre che può essere addirittura pericoloso, le varie associazioni umanitarie dovrebbero incentivare la produzione locale, destinando i fondi per l'acquisto del cibo proprio alle ditte presenti nel territorio, cio sarebbe un bene per la loro dieta e per la loro economia, ma siccome i paesi occidentali vogliono tenere sottoscacco questi paesi, tutto ciò non avviene, nel frattempo ci sono commissioni onu (credo, ma andando a riguardare la puntata di Report che trattava l'argomento potrei essere più preciso) che vivono come nababbi in questo paesi sperperando risorse preziose come l'acqua ogni giorno per lavare le loro jeep da 25.000$ l'una ogni giorno! Ecco perché non riescono a farselo da se il mangiare! Se prima di dire certe cose nascondendosi dietro una finta cultura - ti cito : sono 50 anni che ...; - ci si documentasse sarebbe un atto di rispetto verso chi non ha scelto di nascere all'inferno e non ha fatto niente per meritarselo.
  • Anonimo scrive:
    Re: E' fantastico
    - Scritto da: Anonimo

    La Cina si compra un pezzo di IBM e
    tiene in

    piedi il dollaro a forza di bond, e
    questi

    pensano al pc economico. Per chi, per
    gli

    USA dopo il botto?

    Questo post conservatelo e fatelo leggere a
    chi, tra un po' di tempo, dira'
    meravigliato: "e chi se lo sarebbe mai
    immaginato che gli USA potessero saltare
    come l'Argentina!"allora lo dovrà conservare per molto tempo, mio caro anti-occidentalechissà... magari sarai tu il primo a rileggerlo
  • Anonimo scrive:
    Re: incentivare la compravendita dell'us
    - Scritto da: jokanaan
    [...]
    no, il futuro saranno gli lcd. Quando le
    rese produttive miglioreranno, le fabbriche
    aumenteranno e aumenterà la
    produzione, arriverà un punto in cui
    il costo produttivo di un lcd sarà
    così basso da renderlo competitivo
    col costo del crt*, che comprende anche il
    costo dello stoccaggio e del trasporto ben
    superiore. Allora gli lcd con qualche pixel
    bruciato potranno essere sbolognati a poco
    prezzo in quei paesi.
    Sono in parte d'accordo con te, perché i paesi in via di sviluppo hanno ancora problemi di disponibilità di energia e gli schermi di lcd aiuterebbero molto a non acuirli, però ci vorranno ancora almeno tre anni perché gli lcd di fascia bassa siano alla loro portata, mentre fra meno di un anno potranno avere a prezzi abbordabili anche per loro i crt 17", se risparmiano energia con dei mini PC a basso costo e basso consumo è già qualcosa e per loro è comunque meglio cominciare ad informatizzarsi prima.Concordo che comunque ormai i crt, salvo quelli di altissima qualità, sono una soluzione di ripiego in attesa del decollo totale degli lcd, ma anch'io per ora sto pensando di prendere un altro crt e aspettare il "prossimo giro" per passare all'lcd (anche perché non voglio assolutamente un lcd con risoluzione nativa 1280x1024)
  • Anonimo scrive:
    Re: incentivare la compravendita dell'us

    siamo in un paese troppo ricco, qui la
    maggioranza preferisce prendere pc nuovi,
    purtroppo...perché costa meno prenderne uno nuovo che mettersi li a fare l'apprendista stregone cercando di capire se è una sola oppure noe poi c'é la garanzia di minimo 2 anni, con i Dell per due lire hai quella da 3 on-siteinsomma per chi ha poco tempo da perdere, o preferisce investirlo in attività più profique, è preferibile, senza starli troppo a giudicareconcordo invece con Avve sul fatto che dovrebbero pensare ad un processo di ritiro e rottamazione, dovrebbe anzi essere imposto per legge così finirebbero scandali come quelli di alcuni piccoli paesini Cinesi
  • jokanaan scrive:
    Re: Arrossisco
    - Scritto da: Gatto Selvaggio
    - Scritto da: jokanaan

    Ho preso un pentium 2 a 333mhz, e

    l'ho pagato 30euro

    sullo stesso mercatino adesso a quel
    prezzo

    ci sono pentium 3 a 500mhz.

    - Scritto da: Anonimo

    si può avere da noi un 17"
    Philips

    a meno di 110 euro

    Pensare che uso ancora il Pentium II 266 del
    96. L'altr'anno è partito il monitor,
    un anonimo Proview 17", e l'ho fatto
    riparare con 100 euro invece di comprarne
    uno nuovo.
    Dovrebbero darmi il Nobel per l'ecologia.uhm, qua si passa da un'esagerazione consumistica agli antipodi!se ci rifletti, coi crt 17" che vanno a partire da 70euro, non ti è convenuto affatto. Non è una questione di ecologia. Per smaltirlo si troverà sempre il modo di smaltirlo. E' giusto smaltire il non funzionante, quando ripararlo non è conveniente.La mia critica va a chi getta o tiene nel cassetto hw "obsoleto" ma perfettamente funzionante! :((poi, pensa, avresti potuto approfittarne per fare l'upgrade ad un 19"... con 200euro mi sono preso un sony triniton g420, sei mesi fa :D )
  • jokanaan scrive:
    Re: Arrossisco
    - Scritto da: Anonimo


    Pensare che uso ancora il Pentium II
    266 del

    96. L'altr'anno è partito il
    monitor,

    un anonimo Proview 17", e l'ho fatto

    riparare con 100 euro invece di
    comprarne

    uno nuovo.

    Dovrebbero darmi il Nobel per
    l'ecologia.

    No, probabimente avrai un Nobel con
    citazione speciale per l'intelligenza per
    esserti fatto fregare 100 euro per una
    resistenza o un transistorino! fosse stato anche il tubo catodico...i monitor 17" anonimi vanno sui 70euro nuovi...
  • Grillo Parlante scrive:
    Il Progetto Lazzaro
    1. Qualche tempo fa ho scoperto che anche in Italia c' è chi - con soli 100 $ per postazione di lavoro - provvede alla rivitalizzazione e al recupero funzionale dei PC obsoleti posseduti dalla scuole.2. Grazie a un geniale paradigma tecnologico - alla cui realizzazione hanno contribuito anche menti italiane - i vecchi PC del tipo Pentium I forniscono prestazioni computazionali comparabili a quelle dei nuovi PC con clock da 2 GHz e 256 MB di memoria RAM.3. Chi fosse interessato a saperne di più può visitare questo sito:http://www.ProgettoLazzaro.it .==================================Modificato dall'autore il 01/02/2005 15.26.28==================================Modificato dall'autore il 01/02/2005 15.27.19
  • Anonimo scrive:
    Re: E pensare che...

    Genera più profitto un pc con annessi
    e connessi che ciotole di riso o campagne di
    vaccinazione.esatto, molto meglio fargli imparare a trastullarsi con un PC che fare assistenzialismo senza obiettivi a lungo termine
  • Anonimo scrive:
    Re: E pensare che...

    Genera più profitto un pc con annessi
    e connessi che ciotole di riso o campagne di
    vaccinazione.
  • gerry scrive:
    Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un pc
    - Scritto da: Sandro kensan
    Incorpora l'adsl? Ragionando come un
    campesinos del brasile oppure come un
    coltivatore di riso della cina non direi che
    sia una caratteristica utile.In realtà io mi chiedo dove trovano la corrente per farlo andare.
  • gerry scrive:
    Re: Ragazzi: non è beneficienza.
    - Scritto da: Anonimo
    All'immondezzaio comunale spesso c'è
    un "reparto informatica" molto ben fornito.Vero. Avrò recuperato almeno 3 schede audio e altrettante video.Alcune sono attualmente montate e funzionanti.Peccato che adesso le audio low cost le fanno tutte integrate nelle MOBO
  • Anonimo scrive:
    Re: Arrossisco

    Pensare che uso ancora il Pentium II 266 del
    96. L'altr'anno è partito il monitor,
    un anonimo Proview 17", e l'ho fatto
    riparare con 100 euro invece di comprarne
    uno nuovo.
    Dovrebbero darmi il Nobel per l'ecologia.No, probabimente avrai un Nobel con citazione speciale per l'intelligenza per esserti fatto fregare 100 euro per una resistenza o un transistorino!
  • DKDIB scrive:
    Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un
    Gerry wrote:
    Ho il sospetto che la MS la venda sottocosto, e che in realtà
    costi di più.All'inizio era proprio cosi', per ammissione della stessa Microsoft.Considerando il crollo fisiologico dei prezzi dell'hardware e che l'Xbox non scea altrettanto di prezzo (ma si e' limitata a seguire i tagli di prezzo eseguiti sulla PS2), ora potrebbe non essere piu' cosi'.
  • DKDIB scrive:
    Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un pc
    Anonimo wrote:
    l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un pcPeccato per il monitor... e non venirmi a dire che 1 CRT da 14'' costa poco e nulla: anche se lo regalassero, con quel consuma non se ne fa niente un paese in via di sviluppo.
  • Anonimo scrive:
    Mega truffa burocratica=che schifo!
    Tutto questo è solo una mega truffa burocratica, come sempre. Come tutte le idiozie "per i paesi poveri".. QUESTE TRUFFE DOVREBBERO ESSERE BANDITE PER LEGGE !! E' ora di farla finita, non se ne può più !!
  • Anonimo scrive:
    Re: E pensare che...
    - Scritto da: HotEngine
    ...il terzo mondo ha bisogno di mangiare,
    altro che trastullarsi coi PC.fatemi capire una cosa... il terzo mondo ha bisogno di mangiare da 50 anni ormai... quand'e' che iniziano a prepararselo da soli?
  • Sandro kensan scrive:
    Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un pc
    - Scritto da: Anonimo

    Basta installarci una distro Linux speciale
    che si trova sulle reti p2p, e l'XBOX
    diventa
    un pc perfetto per navigare sulla tv,
    leggere
    e mandare la posta (incorpora l'adsl) e con
    le tastiere opzionali e i mouse che vendono
    ci si
    possono anche far girare applicazioni come
    OpenOffice.Incorpora l'adsl? Ragionando come un campesinos del brasile oppure come un coltivatore di riso della cina non direi che sia una caratteristica utile.Da quel che ho capito nessuno di questi ha reddito sufficiente per comprarsi un computer intero dall'esorbitante cifra di 100$, quel che fanno è comprare un computer per il villaggio che possa servire per migliorare le condizioni di vita: leggi avere informazioni per fare un raccolto migliore oppure più redditizio.
  • Anonimo scrive:
    BUFFONATA!!!!
    Per quanto ne so' India e Cina hanno le competenze e la capacita tecnica per fare la stessa cosa. Ma non l'anno gia fatta? mi sembra propio di si.Quindi sto Negroponte mi sembra solo il solito BUFFONE travestito da Babbonatale.Ps. I problemi di questi paesi non sono certo la carenza di PC.
  • Anonimo scrive:
    Re: E pensare che...
    - Scritto da: HotEngine
    ...il terzo mondo ha bisogno di mangiare,
    altro che trastullarsi coi PC.Genera più profitto un pc con annessi e connessi che ciotole di riso o campagne di vaccinazione. E poi a chi pensi che andranno i pc? Ai contadini? Manco per sogno: se li potrà permettere la middle class (che non devono lavorare tutto il giorno solo per sopravvivere).
  • Anonimo scrive:
    Re: Ragazzi: non è beneficienza.
    Però bisogna dire che trattare gli usati crea non pochi problemi, per il resto quale azienda al giorno d'oggi lavora per beneficenza?Mi sembra un commento scontato.- Scritto da: Anonimo
    E' vero: si potrebbe riutilizzare l'usato.
    Ma Negroponte & Co. non vogliono mica fare
    beneficienza: vogliono lanciare il business
    dei pc a bassissimo costo. Pensate ad un
    mercato come quello cinese ...
  • HotEngine scrive:
    E pensare che...
    ...il terzo mondo ha bisogno di mangiare, altro che trastullarsi coi PC.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ragazzi: non è beneficienza.
    - Scritto da: Anonimo
    E' vero: si potrebbe riutilizzare l'usato.
    Ma Negroponte & Co. non vogliono mica fare
    beneficienza: vogliono lanciare il business
    dei pc a bassissimo costo. Pensate ad un
    mercato come quello cinese ...Dal blog di metamondo http://metamondo.iobloggo.com/Nicholas Negroponte pensa di produrre PC al costo di 100 dollari che potranno essere venduti solamente ai governi mondiali (ordine minimo 1 milione di pezzi). Qui sotto la foto dell'AMD’s Personal Internet Communicator che costa $185 per darvi un'idea di come il mondo open source stia rispondendo al mini-Mac.Cittadini, che ne dite di fare un ordine collettivo a nome di noi stessi, ovvero della Repubblica Italiana e poi distribuirli, sempre a nostro nome ai meno abbienti? Perché aspettare che lo facciano i nostri rappresentanti che con buone probabilità metteranno di mezzo Microsoft, varie squadre di calcio e qualche azienda di telefonia. Poi, il PC si accenderà con una 'comoda scheda ricaricabile', costerà 500 euro, che con l'incentivo diventeranno solo 100, e per ottenerlo bisognerà essere abbonati RAI, essere una famiglia campione auditel e avere Carta Fidaty. Siamo in Italia, tutto è possibile :(
  • Akiro scrive:
    Re: incentivare la compravendita dell'us
    purtroppo abito in un piccolo paese di provincia... 8 |
  • Anonimo scrive:
    Re: incentivare la compravendita dell'us
    - Scritto da: Akiro

    Perfettamente d'accordo. Secondo me il
    primo

    che mette su una azienda che ricompra

    computer usati, li ripara, e li
    rivende a

    due

    soldi, diventa il prossimo Bill Gates.

    siamo in un paese troppo ricco, qui la
    maggioranza preferisce prendere pc nuovi,
    purtroppo...Io mi sono organizzato cosìhttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=879518ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Ragazzi: non è beneficienza.
    - Scritto da: Anonimo
    E' vero: si potrebbe riutilizzare l'usato.
    Ma Negroponte & Co. non vogliono mica fare
    beneficienza: vogliono lanciare il business
    dei pc a bassissimo costo. Pensate ad un
    mercato come quello cinese ...All'immondezzaio comunale spesso c'è un "reparto informatica" molto ben fornito.In quello del paese dove abito ci ho trovato:- stampanti laser funzionanti- MacIntosh funzionante (anti-macachi astenersi flame)- tastiere- mouse- schede grafiche (anche Matrox)- schede audio (ISA/PCI)- schede e periferiche scsi- mother board- floppy 3.5"- simm/dimm- alimentatori (di solito rotti, recupero le ventole e le griglie)- vecchi cabinet (un po' di bricolage e passa la paura)- monitor crt 14/15/17"- ...In lumbard "Na lavada na sugata e la par nanca duperada"(Una lavata e un'asciugata e non sembra neppure adoperata);)
  • Akiro scrive:
    Re: incentivare la compravendita dell'us

    Perfettamente d'accordo. Secondo me il primo
    che mette su una azienda che ricompra
    computer usati, li ripara, e li rivende a
    due
    soldi, diventa il prossimo Bill Gates.siamo in un paese troppo ricco, qui la maggioranza preferisce prendere pc nuovi, purtroppo...
  • Akiro scrive:
    Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un

    Mhhh.. Ho il sospetto che la MS la venda
    sottocosto, e che in realtà costi di
    più.per me no, ma imho
  • Anonimo scrive:
    Re: E' fantastico

    La Cina si compra un pezzo di IBM e tiene in
    piedi il dollaro a forza di bond, e questi
    pensano al pc economico. Per chi, per gli
    USA dopo il botto?Questo post conservatelo e fatelo leggere a chi, tra un po' di tempo, dira' meravigliato: "e chi se lo sarebbe mai immaginato che gli USA potessero saltare come l'Argentina!"
  • Anonimo scrive:
    Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un
    - Scritto da: gerry
    - Scritto da: Anonimo


    xbox è cmq un esempio di pc a
    basso

    costo, nessuno intende portare l'xbox
    nel

    terzo mondo, basta copiarlo

    Mhhh.. Ho il sospetto che la MS la venda
    sottocosto, e che in realtà costi di
    più.Assolutamente vero! ;)
  • gerry scrive:
    Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un
    - Scritto da: Anonimo
    xbox è cmq un esempio di pc a basso
    costo, nessuno intende portare l'xbox nel
    terzo mondo, basta copiarloMhhh.. Ho il sospetto che la MS la venda sottocosto, e che in realtà costi di più.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ragazzi: non è beneficienza.
    Sono d'accordo: l'impressione e` che si voglia iniziare a trattarli come "principianti del consumismo", ignorando completamente l'opzione del riciclaggio. Ammirevole solo in teoria.
  • Madder scrive:
    Re: astenersi perditempo
    Sicuramente una questione economica. Se microsoft regalasse windows mobile al progetto penso non si farebbero il minimo problema ad utilizzare quello. Forse, ma non conosco bene windows mobile, è più facile configurare linux per girare su un hardware specifico con risorse ridotte che non windows mobile. Madder
  • jokanaan scrive:
    Re: Ragazzi: non è beneficienza.
    - Scritto da: Anonimo
    E' vero: si potrebbe riutilizzare l'usato.
    Ma Negroponte & Co. non vogliono mica fare
    beneficienza: vogliono lanciare il business
    dei pc a bassissimo costo. Pensate ad un
    mercato come quello cinese ...hai ragione :biseness is biseness! :S
  • Anonimo scrive:
    Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un

    Peccato che xbox sia un sistema chiuso e
    proprietario, e che tale proprietario
    (Microsoft) non abbia concesso un bootloader
    firmato per Linux.xbox è cmq un esempio di pc a basso costo, nessuno intende portare l'xbox nel terzo mondo, basta copiarlo
    Senza contare che gli accessori dedicati per
    la Xbox (tastiere e quant'altro) costano uno
    sproposito.assolutamente falso, le porte anteriori sono delle usb mascherate, basta costruirsi (o comprare) un adattatore.Informati!
  • Anonimo scrive:
    Ragazzi: non è beneficienza.
    E' vero: si potrebbe riutilizzare l'usato. Ma Negroponte & Co. non vogliono mica fare beneficienza: vogliono lanciare il business dei pc a bassissimo costo. Pensate ad un mercato come quello cinese ...
  • Anonimo scrive:
    E' fantastico
    La Cina si compra un pezzo di IBM e tiene in piedi il dollaro a forza di bond, e questi pensano al pc economico. Per chi, per gli USA dopo il botto?
  • jokanaan scrive:
    Re: incentivare la compravendita dell'us
    - Scritto da: Anonimo
    Forse si può fare per beneficenza,
    come iniziativa commerciale sicuramente no,
    il costo del trasporto intercontinentale
    sarebbe superiore al valore della merce
    (delicatina, non si può stivare alla
    rinfusa).
    Comunque è auspicabile che in pochi
    anni anche il terzo mondo si possa
    permettere PC+monitor da, diciamo, 160 euro,
    per allora con 70 potrebbero avere un
    monitor più che decente e non
    sguerciarsi (con i ricarichi nostrani si
    può avere da noi un 17" Philips a
    meno di 110 euro già ora) e coi
    restanti 90 il PC di Negroponte con un po'
    meno compromessi.no, il futuro saranno gli lcd. Quando le rese produttive miglioreranno, le fabbriche aumenteranno e aumenterà la produzione, arriverà un punto in cui il costo produttivo di un lcd sarà così basso da renderlo competitivo col costo del crt*, che comprende anche il costo dello stoccaggio e del trasporto ben superiore. Allora gli lcd con qualche pixel bruciato potranno essere sbolognati a poco prezzo in quei paesi.*parlo di crt entry level, è ovvio che gli Eizo rimangono gli Eizo.
  • jokanaan scrive:
    Re: incentivare la compravendita dell'us
    - Scritto da: Anonimo

    Perfettamente d'accordo. Secondo me il primo
    che mette su una azienda che ricompra
    computer usati, li ripara, e li rivende a
    due
    soldi, diventa il prossimo Bill Gates.

    Il problema che lo ha impedito fino ad ora
    secondo me e' stato che le grosse case
    cercano di sbarcare il lunario proprio con
    il rinnovo dell'hardware, e sono disposti
    a tutto, pure a mandare i cecchini, a chi
    gli
    strappa quella fetta di mercato riciclando
    i vecchi pc.sai quanto ho pagato un amd64 3700+? :D
  • Anonimo scrive:
    l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un pc
    Basta installarci una distro Linux speciale che si trova sulle reti p2p, e l'XBOX diventa un pc perfetto per navigare sulla tv, leggere e mandare la posta (incorpora l'adsl) e con le tastiere opzionali e i mouse che vendono ci si possono anche far girare applicazioni come OpenOffice.
    • Anonimo scrive:
      Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un
      non diciamo cavolate.. 'e lento
    • Anonimo scrive:
      Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un
      - Scritto da: Anonimo

      Basta installarci una distro Linux speciale
      che si trova sulle reti p2p, e l'XBOX
      diventa
      un pc perfetto per navigare sulla tv,
      leggere
      e mandare la posta (incorpora l'adsl) e con
      le tastiere opzionali e i mouse che vendono
      ci si
      possono anche far girare applicazioni come
      OpenOffice.Peccato che xbox sia un sistema chiuso e proprietario, e che tale proprietario (Microsoft) non abbia concesso un bootloader firmato per Linux.Senza contare che gli accessori dedicati per la Xbox (tastiere e quant'altro) costano uno sproposito.
    • Anonimo scrive:
      Re: l'XBOX si trova a 120 euro, ed e' un
      - Scritto da: Anonimo

      Basta installarci una distro Linux speciale
      che si trova sulle reti p2p, e l'XBOX
      diventa
      un pc perfetto per navigare sulla tv,
      leggere
      e mandare la posta (incorpora l'adsl) e con
      le tastiere opzionali e i mouse che vendono
      ci si
      possono anche far girare applicazioni come
      OpenOffice.Guarda io ho un computer con le stesse caratteristiche della xbox (processore, scheda video ecc..) e in più ha la tastiera e il mouse. L'ho pagato l'anno scorso 50 euro usato.
  • jokanaan scrive:
    incentivare la compravendita dell'usato
    un anno e mezzo fa acquistai un pc a mia sorella, dimodoché la piantasse di venire a chiedermi se la facevo navigare su internet. Ho preso un pentium 2 a 333mhz, e l'ho pagato 30euro, in un bel mercatino dell'usato su internet.sullo stesso mercatino adesso a quel prezzo ci sono pentium 3 a 500mhz.sono macchine perfettamente idonee a fare tutto ciò che nell'articolo viene descritto. Basterebbe incentivare la compravendita di questi pc.invece, si preferisce riciclarli di qua (buttarli via, recuperare il recuperabile, ad alti costi e con poca resa, e buttar via il resto) e fabbricarli di là.non sarebbe più semplice se le compagnie che producono pc creassero una specie di "sconto rottamazione" in modo da ritirare indietro i pc "obsoleti" e rivenderli ai paesi meno facoltosi?non esistono società che raccolgono pc obsoleti per destinarli a uso beneficienza? certo che sì!del riutilizzo non potrebbero beneficiarne pure tutti gli utenti nei paesi cosiddetti occidentali, cosiddetti ricchi, eccetera, utenti che pur vivendo in un paese ricco civilizzato industriale moderno e tecnologico rimangono costretti all'arretratezza per via del costo non indifferente dell'entry level (che per essere entry level offre potenza e capacità in sovrabbondanza..)?
    • Anonimo scrive:
      Re: incentivare la compravendita dell'usato
      Perfettamente d'accordo. Secondo me il primo che mette su una azienda che ricompra computer usati, li ripara, e li rivende a due soldi, diventa il prossimo Bill Gates. Il problema che lo ha impedito fino ad ora secondo me e' stato che le grosse case cercano di sbarcare il lunario proprio con il rinnovo dell'hardware, e sono disposti a tutto, pure a mandare i cecchini, a chi gli strappa quella fetta di mercato riciclando i vecchi pc.
    • Anonimo scrive:
      Re: incentivare la compravendita dell'us
      Forse si può fare per beneficenza, come iniziativa commerciale sicuramente no, il costo del trasporto intercontinentale sarebbe superiore al valore della merce (delicatina, non si può stivare alla rinfusa).Comunque è auspicabile che in pochi anni anche il terzo mondo si possa permettere PC+monitor da, diciamo, 160 euro, per allora con 70 potrebbero avere un monitor più che decente e non sguerciarsi (con i ricarichi nostrani si può avere da noi un 17" Philips a meno di 110 euro già ora) e coi restanti 90 il PC di Negroponte con un po' meno compromessi.
    • Anonimo scrive:
      Re: il guru degli stivali
      - Scritto da: jokanaan
      non sarebbe più semplice se le
      compagnie che producono pc creassero una
      specie di "sconto rottamazione" in modo da
      ritirare indietro i pc "obsoleti" e
      rivenderli ai paesi meno facoltosi?C'e' una differenza enorme. Se si fa come dici tu, il "guru" Negropone, che le ha sparate per anni grosse e grossissime, non guadagna. E non ottiene ulteriore pubblicita', che vuol dire vendere piu' libri ed essere chiamato per conferenze ed interviste in cui ripete "un giorno tutti gireremo con computer miniaturizzati dentro le nostre cellule, un un mondo sempre piu' tecnologico ed informatizzato in bastera' far cadere un capello o una caccola in un tombino cablato per avere accesso al conto in banca in qualuque angolo di mondo dove ci sia una fogna."
      non esistono società che raccolgono
      pc obsoleti per destinarli a uso
      beneficienza? certo che sì!Certo che si', ma non c'e' la partecipazione di Negroponte.Se per questo anche la stessa Cina potrebbe produrre e fornire pc a basso costo per il proprio paese o riciclare quelli vecchi.Ma Negroponte vuole vendere. E' un "guru" del futuro ma non per questo e' uno stupido del presente.
    • gerry scrive:
      Re: incentivare la compravendita dell'usato
      - Scritto da: jokanaan
      sono macchine perfettamente idonee a fare
      tutto ciò che nell'articolo viene
      descritto. Basterebbe incentivare la
      compravendita di questi pc.Se tu costruisci 1000 pc uguali configuri il primo, fai l'immagine e la copi sui tutti gli altri.Gli usati costano meno, ma li devi configurare a mano uno per uno. Se conti circa 3 orette di lavoro (se tutto va bene) hai un monte ore enorme di lavoro retribuito. Chi ce lo mette?I PC usati, per quanto tenuti bene, hanno certamente delle parti usurate. Magari il processore no, però HardDisk e lettore CD potrebbero durare molto poco.
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Arrossisco
      - Scritto da: jokanaan
      Ho preso un pentium 2 a 333mhz, e
      l'ho pagato 30euro
      sullo stesso mercatino adesso a quel prezzo
      ci sono pentium 3 a 500mhz.- Scritto da: Anonimo
      si può avere da noi un 17" Philips
      a meno di 110 euroPensare che uso ancora il Pentium II 266 del 96. L'altr'anno è partito il monitor, un anonimo Proview 17", e l'ho fatto riparare con 100 euro invece di comprarne uno nuovo.Dovrebbero darmi il Nobel per l'ecologia.
    • Anonimo scrive:
      Re: incentivare la compravendita dell'usato
      - Scritto da: jokanaan
      un anno e mezzo fa acquistai un pc a mia
      sorella, dimodoché la piantasse di
      venire a chiedermi se la facevo navigare su
      internet. Ho preso un pentium 2 a 333mhz, e
      l'ho pagato 30euro, in un bel mercatino
      dell'usato su internet.

      sullo stesso mercatino adesso a quel prezzo
      ci sono pentium 3 a 500mhz.


      sono macchine perfettamente idonee a fare
      tutto ciò che nell'articolo viene
      descritto. Basterebbe incentivare la
      compravendita di questi pc.

      invece, si preferisce riciclarli di qua
      (buttarli via, recuperare il recuperabile,
      ad alti costi e con poca resa, e buttar via
      il resto) e fabbricarli di là.


      non sarebbe più semplice se le
      compagnie che producono pc creassero una
      specie di "sconto rottamazione" in modo da
      ritirare indietro i pc "obsoleti" e
      rivenderli ai paesi meno facoltosi?

      non esistono società che raccolgono
      pc obsoleti per destinarli a uso
      beneficienza? certo che sì!


      del riutilizzo non potrebbero
      beneficiarne pure tutti gli utenti nei paesi
      cosiddetti occidentali, cosiddetti ricchi,
      eccetera, utenti che pur vivendo in un paese
      ricco civilizzato industriale moderno e
      tecnologico rimangono costretti
      all'arretratezza per via del costo non
      indifferente dell'entry level (che per
      essere entry level offre potenza e
      capacità in sovrabbondanza..)?Pensa che nei fondi degli Enti locali (Prov. Comune e Regione) ci saranno centinaia di pentium 3 a 500mhz o più alti che nessuno richiede, e li danno pure gratisbye
  • jokanaan scrive:
    Re: astenersi perditempo
    - Scritto da: Anonimo
    ...quindi da questo progetto vanno esclusi i
    sistemi operativi e le applicazioni del
    Monopolio Microsoftno, è solo ed esclusivamente una scelta economica.(se la tua voleva essere una battuta, non faceva ridere)
  • Anonimo scrive:
    astenersi perditempo
    ...quindi da questo progetto vanno esclusi i sistemi operativi e le applicazioni del Monopolio Microsoft
Chiudi i commenti