HarperCollins, ebook a scadenza

Limitazioni per i prestiti delle biblioteche: nuova idea per castrare i supporti digitali e trasformarli in una caricatura di quelli fisici

Roma – HarperCollins ha annunciato una riforma delle clausole che impone agli ebook messi a disposizione delle biblioteche . E con esse ne restringe l’utilizzo ad un numero ben preciso di letture.

Le biblioteche che pagano per il diritto di rendere disponibile un ebook per il prestito possono, proprio come con i libri cartacei, affittarlo quante volte vogliono, con l’unica limitazione di una sola persona alla volta e di un tempo determinato, di solito circa due settimane. L’utente, poi, può ottenere il testo anche senza andare fisicamente in biblioteca. Per impedirne una diffusione fuori controllo, comunque, i volumi digitali sono protetti da DRM.

Un libro fisico, tuttavia, prima o poi si rovina o si sfalda, senza contare le volte che un utente non lo restituisce o che si perde perché non riposto nello scaffale giusto: per questo HarperCollins ha pensato bene di rendere anche il supporto digitale soggetto a deterioramento imponendo alle librerie la possibilità di darlo in prestito solo per 26 volte prima che la licenza si esaurisca.

“Crediamo – ha spiegato l’editore – che questo cambiamento bilanci l’arricchimento che ottengono le librerie per mezzo dei nostri volumi con il bisogno di proteggere i nostri autori, assicurandogli una presenza in biblioteca e nella comunità per anni”.

Anche se ricalcare (spesso esasperando) i limiti connaturati al supporto cartaceo è una strada ormai consolidata per editori e distributori di ebook, soprattutto quando si parla di prestito (a tempo, ad una sola persona ecc.), la scelta di HarperCollins sembra poter costituire una minaccia alla diffusione della cultura soprattutto perché si parla del circuito delle biblioteche.
Con gli ebook così come pensati da HarperCollins, infatti, queste, luogo per eccellenza di condivisione di conoscenza, diventano una sorta di strumento promozionale delle offerte editoriali che si trovano (a pagamento) in libreria.
E la prima conseguenza, spiegano alcuni bibliotecari e osservatori, è che si penserà due volte prima di scegliere gli editori da cui acquistare volumi.

Le nuovi condizioni sono state imposte dall’editore a OverDrive, distributore di ebook orientato maggiormente al circuito bibliotecario. Altri editori, come Macmillan e Simon & Schuster, c’è poi da notare, hanno deciso di non aderire alla diffusione degli ebook nelle biblioteche.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    OT: un mese senza post.
    Salve, come detto a suo tempo, sono stato un mese senza postare, anche se ho comunque continuato a leggere gli articoli, Certo, e' stata fortissima la tentazione di rispondere ad alcune XXXXXXXte, come la solita "sei un pezzente perche non ci hai i soldi per comprarti l'iphone" di "disco rotto" Ruppolo, o un altro paio di cappelle sparse qua e la', ma ho resistito. Ora la cura prosegue, per marzo mi limitero' ad alcuni articoli evitando PI gadget, gli articoli-pubblicita' per Apple e tutta la roba con titolo palesemente provocatorio: in questo modo, eliminero' un buon 60%-70% di visite alle pagine.per pandarossa, finalcut (due nomi a caso che mi ricordo) e tutti gli altri postatori ossessivi compulsivi: fate come me, disintossicarsi si puo'. Mettiamo un po' di strizza a PI.
  • iii scrive:
    quasi vicina
    "accuratezza dichiarata dall'azienda QUASI VICINA al 100%"quanto manca ad essere vicini al 100%?:D
    • Uniformi Pancotto scrive:
      Re: quasi vicina
      - Scritto da: iii
      "accuratezza dichiarata dall'azienda QUASI VICINA
      al
      100%"Tutto questo per la precisione! (anonimo)
    • Antony scrive:
      Re: quasi vicina
      Non pretendiamo un numero FLOAT con tanti decimali, bastava un INTEGER normale.....dai PI, potete fare di più!
    • CIcciopacco scrive:
      Re: quasi vicina
      CI mancherebbe pure che il dispositivo avesse un'accuratezza del 70% :D
      • calunnioso scrive:
        Re: quasi vicina
        - Scritto da: CIcciopacco
        CI mancherebbe pure che il dispositivo avesse
        un'accuratezza del 70%
        :DNon hai capito un cacchio. (anonimo)Che senso ha dire QUASI VICINA? Uno conto è dire che ha un'accuratezza vicina al 100%, ma QUASI vicina? Che frase sarebbe? Cosa significa, che razza di italiano sarebbe? (rotfl)
    • Gasogen scrive:
      Re: quasi vicina
      Accuratezza data dal sicurissimo metodo HeadOrTail()
  • Uniformi Pancotto scrive:
    E questo sarebbe un articolo?
    Come da oggetto
    • krane scrive:
      Re: E questo sarebbe un articolo?
      - Scritto da: Uniformi Pancotto
      Come da oggettoMa tu leggi ancora gli articoli qui ?!?!?! :|
Chiudi i commenti