HateSeed/ Analisi storica e critica dei MUD.1

I mondi persistenti non sono un'invenzione recente. Ecco da dove arrivano e come si sono sviluppati gli ambienti multiplayer che coinvolgono quantità di utenti internet nel mondo. Quali sono i nomi che hanno fatto la storia dei MUD


HateSeed La nuova miniera dell’intrattenimento elettronico, da sfruttare fino all’ultimo grammo, pare stia ormai diventando quella dei MMORPG (Massive Multiplayer Online RPG).
Molti attribuiscono la paternità di questo genere a Richard “Lord British” Garriot che, ormai quattro anni fa, diede luce a quel capolavoro che è Ultima Online. Pochi invece sanno che il primo accenno di mondo persistente ha visto la luce agli inizi del 1979 sui dischi di un Mainframe universitario Inglese.

Cosa sono i MUD.
Ci sono diversE correnti di pensiero riguardo la definizione dell’acronimo MUD. I canonici lo traducono in Multi User Dungeon mentre altri ne condannano la troppo limitante definizione e preferiscono utilizzare Multi User Dimension . In verità, il termine MUD non è nato come definizione di un genere ma era il nome di un particolare gioco creato nella primavera del 1979.

Comunque, possono essere definiti MUD tutti quegli ambienti virtuali dove è possibile esplorare interagendo con gli altri utenti (tipicamente chattando o combattendo) che sono connessi al server contemporaneamente a noi. I MUD possono essere testuali o grafici, possono prevedere dei client proprietari, ma la maggior parte delle volte per accedervi è sufficiente utilizzare un terminale TELNET. Alcuni MUD sono orientati al combattimento, altri all’esplorazione di caverne – i Dungeon appunto – e di mondi alla ricerca di tesori nascosti, altri ancora sono orientati alla socializzazione con altri utenti.

Riassumendo, un MUD è un programma per computer nel quale gli utenti possono connettersi, giocare ed esplorare nuovi mondi. Ogni utente controlla un proprio alter ego attraverso il quale cammina, parla con altri personaggi, esplora aree infestate da mostri pericolosi, risolve enigmi, evita trappole e a volte ha anche una propria dimora dove riposare e riporre oggetti, frutto di gesta eroiche, furti o missioni. Applicando quanto detto finora anche le ultimissime produzioni MMORPG, come Anarchy OnLine, possono definirsi dei “particolari” e sofisticati MUD Grafici.

Gli antenati dei MUD.
La prima (conosciuta) avventura dotata di parser testuale mai realizzata è stato creata da Will Crowther su un DEC PDP-10 agli inizi del 1970; essa fu in seguito ampliata e perfezionata da Don Woods alla Stanford University nel 1976, che decise di ambientare il gioco nell’universo Tolkeniano del “Signore degli Anelli” e di chiamarlo semplicemente “Adventure”.

Scopo di Adventure era quello di trovare un certo numero di tesori nascosti. Dando dei comandi a riga di comando in base alle descrizioni che di volta in volta il programma emetteva, il giocatore poteva interagire con il computer in questo modo:

NORD Sei in una vasta caverna avvolta in una nebbia biancastra che sale dalle fessure che si aprono nel pavimento. Vedo un nano armato di ascia.
ATTACCA IL NANO Il nano ti lancia l’ascia (che ti manca) e fugge verso est.

Adventure è spesso riconosciuto col nome di “Advent” perché il file system del sistema operativo utilizzato, il TOPS-10, limitava la lunghezza massima dei nomi dei file a 6 caratteri.


Il filone delle avventure testuali – questo è il nome attribuito a questo genere di giochi, dove il giocatore deve risolvere enigmi dando istruzioni al computer tramite un parser testuale – ebbe un’esistenza florida fino alla fine degli anni novanta. Software House come la Infocom e la Magnetc Scrolls diedero vita ad intere saghe, la più famosa delle quali è senza dubbio quella dell’impero sotterraneo di Zork. L’avvento della grafica prima, e delle interfacce “punta e clicca” poi – introdotte per la prima volta dalla SIERRA con il titolo King Quest e perfezionate poi dalla Lucas con Maniac Mansion – sancirono però, (quasi) definitivamente, la fine di questo filone di giochi.

Ma questa è un’altra storia.

Il primo MUD. MUD1.
L’aspetto caratterizzante dei MUD è sicuramente quello dell’interazione tra più persone. Il primo gioco ad implementare questa caratteristica fu programmato in MACRO-10 – il linguaggio macchina del DECsystem-KL10 utilizzato in università – da uno studente, di nome Roy Trubshaw, della Essex University nella primavera del 1979.
Il gioco venne chiamato MUD e all’inizio non era altro che una serie di locations (stanze) interconnesse tra loro che potevano essere esplorate per cercare altri utenti con cui dialogare.

Una seconda versione del gioco fu riscritta quasi immediatamente – sempre in MACRO-10 – prevedendo la definizione di tutti gli oggetti del gioco (stanze, armi, comandi) in un file di testo condiviso da tutti gli utenti. In questo modo si poteva consentire a giocatori “particolari” di poter aggiungere di volta in volta le proprie definizioni di nuovi oggetti e di nuovi comandi. Gli utenti con questi particolari poteri furono in seguito chiamati Wizard e sono comparabili con quelli che oggi vengono più comunemente definiti Game Master (GM).

La versione finale del progetto, la terza, fu portata a termine per la Pasqua dell’anno successivo. Il linguaggio utilizzato non era più quello macchina – fu utilizzato infatti il BCPL – e Trubshaw decise di riprogettare l’intera gestione della memoria per ovviare alle limitazioni imposte dal sistema utilizzato (l’originario MUD occupava solamente 50K di memoria), perfezionando intanto anche il linguaggio di scripting utilizzato per l’interrogazione della rudimentale base dati.

A questo punto, Trubshaw decise di abbandonare il progetto: era più interessato alla parte di programmazione che non quella di Game design (in particolare, l’intero progetto nacque perché voleva testare alcune funzioni di condivisione per l’accesso alla memoria in sistemi multi concorrenziali). Il progetto fu preso in mano da Richard Bartle, amico e compagno di università che lo aveva affiancato fin dall’inizio e che finalmente poté aggiungere tutte quelle caratteristiche che sono proprie dei MUD di oggi.


Bartle sviluppò un sistema di punteggi, implementò l’utilizzo del mobilio e dei contenitori, fornì agli avventurieri degli enigmi da risolvere e degli obiettivi da raggiungere, perfezionò tutta la “fisica” del mondo simulato (come ad esempio il sistema di luci). Racconta Bartle che il lavoro iniziale di Trubshaw, che era comunque il nucleo dell’intero progetto, a lavori ultimati consisteva nel 25% del codice scritto, mentre il restante 75% fu aggiunto, appunto, da lui.

Il primo MUD della storia poteva ormai definirsi concluso: MUD1 aveva cominciato a vivere.

Il primo contatto con un giocatore esterno alla rete dell’università avvenne nella primavera del 1980, quando l’ateneo dell’ Essex si connetté all’allora ARPANET (l’infrastruttura portante da cui nacque Internet) e a JANET (il network accademico Britannico). Da quel giorno, ogni pomeriggio, studenti da ogni parte dell’Inghilterra si collegavano al server della Essex University per avventurarsi nei meandri del mondo ricreato dai due novelli Game Designer.

MUD1 girò sul mainframe dell’università per ben 8 anni (1980 – 1988), fu quindi acquistato da CompuServe (il noto provider americano) e lasciato in servizio fino al 1999 quando fu dismesso a causa del famigerato Y2k Bug.

Oggi, se puntate il vostro browser all’indirizzo http://www.british-legends.com potrete comunque giocare a MUD1 grazie alla conversione di tutto il codice, da parte di un appassionato, per poter girare su piattaforma Windows NT/2000.

Ma non furono i vichinghi a scoprire per primi l’America?
“The scepter of Goth”, oltre ad essere il primo MUD scritto in C per poter funzionare su un sistema IBM XT con un sistema operativo Unix-Like chiamato QNX (ed ancor oggi sviluppato, NdR) e oltre ad essere ricordato come uno dei primi, se non il primo in assoluto, MUD commerciale – gestito da una compagnia chiamata “GameBits TimeSharing” fondata dal creatore del gioco Alan Klietz che creò una vera e propria BBS per gestirne tutti gli aspetti organizzativi – è anche l’unico progetto che può contendere a MUD1 la primogenitura dei MUD.

Pare infatti che una primissima versione di The scepter of Goth fu scritta nel 1979 da Alan Klietz che volle creare una variante multiutente di Advent dove i giocatori potessero combattere uno contro l’altro. Il programma fu scritto in Basic (con alcune particolari routine in Assembler) e venne chiamato inizialmente Empire.

Nonostante numerose ed approfondite ricerche, non sono ancora riuscito ad avere la certezza “storica” sul primato di nascita dei MUD. L’unica cosa sicura è che Empire e MUD furono due progetti totalmente indipendenti l’uno dall’altro.

Fatto sta, comunque, che se oggi parliamo del genere dei MUD e non di quello degli EMPIRE un motivo ci dovrà pur essere…


MUD2 e tutti gli altri diretti discendenti di MUD1.
Come già detto, MUD1 aveva un solo Database (un file di testo) per tutti gli oggetti del gioco e ad essi si poteva accedere tramite il linguaggio di scripting MUDDL (MUD Definition Language) creato appositamente da Trubshaw per l’occasione. Questo sistema tuttavia era alquanto limitativo, sia dal punto di vista prestazionale che da quello funzionale (non era altro infatti che una particolare metodo di “glorified table-lookup system” come aveva fatto notare lo stesso programmatore).

Richard Bartle decise perciò di riscrivere una nuova versione di MUD suddividendo tutto il database in file diversi (utilizzando una tecnica denominata “Including”) ed implementando, per l’occasione, un nuovo linguaggio di manipolazione dati più potente e flessibile. Pensò quindi di utilizzare MUDDLE, ovvero il linguaggio conosciuto oggi col nome di MDL: una versione modificata del LISP orientata agli oggetti, utilizzato all’epoca già dalla INFOCOM per scrivere Zork ed altre numerose avventure testuali.

Nacque così la quarta versione di MUD, chiamata per l’occasione MUD2. Anche MUD2 fu poi utilizzato per scopi commerciali – questa volta fu la British Telecom a comprarne i diritti – ed è giocabile ancor oggi. Lo potete trovare (ed eventualmente provare) presso il sito http://www.mud2.com .

Un altro progetto nato a partire da MUD1 è AmberMUD. Fu scritto a partire dal codice sorgente di MUD1 da Alan Cox, uno studente dell’università di Aberystwyth (da qui il nome del gioco) in Scozia, e assiduo giocatore di MUD1.

Inizialmente, il gioco fu sviluppato per girare su Honeywell ma fu poi velocemente portato in ambiente Unix. Nonostante l’architettura generale fosse particolarmente pesante (il core era infatti ancora quello di MUD1 e quindi tutta l’infrastruttura poggiava su un unico immenso file condiviso da tutti) e perciò non particolarmente amata dai sistemisti del tempo, i codici sorgente di AmberMUD ebbero una grossa diffusione fino ad arrivare nelle università degli Stati Uniti e fare così in modo che AmberMUD fosse il primo MUD ad essere giocato nel Nord America e comunque il primo ad essere implementato su più server.

Ci furono numerose altre varianti di MUD in quel periodo tra cui vale la pena menzionare VAXMUD, scritto in FORTRAN e caratterizzato dal fatto che, a differenza di tutti gli altri MUD del tempo, i giocatori non perdevano gli oggetti dal proprio inventario quando venivano disconnessi: era il primo tentativo di mondo persistente; e MUNDI che, pur non essendo mai stato distribuito, è ricordato per essere il primo MUD ad essere espressamente creato cercando di ottimizzare le prestazioni di rete.

A metà degli anni ’80, dunque, i MUD cominciarono ad essere giocati più o meno in ogni parte del mondo. Ma la vera “esplosione” dei MUD la si deve al progetto TinyMUD.


TinyMUD nacque da una stanca settimana di lavoro di James Aspnes, allora studente della Carnegie Mellon University (adesso insegna a Yale). Come base per lo sviluppo di TinyMUD, Aspnes decise di utilizzare i sorgenti di Monster – un abbozzo di MUD scritto in Pascal per MVS e con sorgenti di pubblico dominio – con l’intenzione di mantenerne la flessibilità ma di renderlo più snello (TinyMUD infatti prevedeva di mantenere la definizione del database tutto su memoria, a differenza del “padre” che gestiva tutto su file). TinyMUD fu installato per la prima volta nel 1989 sulla porta 4201 della macchina “lancelot.avalon.cs.cmu.edu”.

Nonostante le ovvie limitazioni del programma (Aspnes infatti decise inizialmente di abbandonare il progetto quando TinyMUD andò in crash superando i 32 megabyte imposti come limite sulla grandezza dei processi) TinyMUD è, insieme ai suoi derivati TinyMUCK e TinyMOO, uno dei sistemi MUD più popolari su Internet.

Con i server TinyMUD nacquero così le definizioni alternative al genere classico, si cominciò ad utilizzare dei termini come MUSH (Multi User SHared allucinations) e MOO (MUD Object Oriented). TinyMUD infatti si distingueva dai suoi predecessori soprattutto per il fatto che il gameplay era più orientato alla comunicazione e alla creazione di mondi che non al combattimento e alla mera esplorazione di caverne.

Fu Lars Pensjö, un ragazzo svedese, a scrivere un server che unisse i pregi di AmberMUD con quelli di TinyMUD. Prese vita così LPMUD: steso dapprima in C (su piattaforma System V usando IPC) fu poi riscritto interamente in C++ (per poterne sfruttare le caratteristiche Object Oriented). Le ultime versioni di LPMUD si distinguevano per il fatto di prevedere un linguaggio di scripting (molto simile al C) che finalmente consentiva di poter aggiungere nuove funzionalità (comandi, magie, oggetti, etc…) al progetto in maniera graduale e scalabile senza andare a mettere mano direttamente sui file di definizione e senza utilizzare astrusi linguaggi di interrogazione.

Grazie a LPMUD, i wizard poterono finalmente costruire i propri mondi a proprio piacimento: non erano più limitati ad aggiungere qualche contenitore qua e là, ma adesso erano in grado di costruire case, strade e tutto quanto gli venisse in mente (non tralasciando tuttavia tutti i problemi gestionali che questo doveva comportare, N.d.R.).

Da questo momento in poi è sempre più difficile tracciare in maniera concisa e schematica l’evolversi della nascita di nuovi MUD: la crescita di nuovi sistemi e l’installazione di nuovi server fu esponenziale. Basti pensare che, ad oggi, la più autorevole risorsa di catalogazione di Server MUD attivi nel mondo ( http://www.mudconnector.com/ ) ne conta più di 1700.

Non possiamo comunque non ricordare anche alcuni progetti commerciali come Meridian59 della 3DO, o il tentativo della Sierra di commercializzare una versione OnLine di Bards Tale (forse il primo vero RPG Grafico OnLine multiutente) fino ad arrivare, come già detto, ad Ultima OnLine: il vero punto di contatto fra i MUD vecchia maniera ed i nuovi MMORPGs dell’ultima generazione.

Paolo Matrascia
HateSeed

Links di approfondimento.

La storia dei MUD raccontata da uno dei suoi creatori
Una breve storia dei MUD in Italia
L’albero genealogico di alcuni fra i più importati MUD

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    La classica...
    ... zappata sui piedi."Microsoft farà qualsiasi cosa in suo potere per assicurare che Windows rimanga il miglior posto per far girare applicazioni Windows", ha dichiarato Stutz. "Detto questo, se qualcuno vuole scrivere applicazioni basate su Windows per altre piattaforme, noi non ci opponiamo all'idea".E' l'inizio della fine ... x M$!RR
  • Anonimo scrive:
    L' ISOLA DEI CICLOPI...........
    Come è noto dall' Odissea, l' Isola dei Ciclopi era abitata da Giganti dotati di enorme forza, di 1 solo occhio, e di poco cervello.Quando Ulisse ed i suoi marinai naufragarono sull' Isola, rischiarono tutti di finire in pasto agli stessi Ciclopi in quanto carnivori e cannibali, preferivano nutrirsi di carne umana.Ulisse ed i suoi marinai non potevano affrontare i Ciclopi sul piano della forza, sarebbero finiti in un boccone in men che non si dica.Allora Ulisse inventò uno stratagemma, e quando il Ciclope che li teneva prigionieri gli chiese il nome, ebbe un lampo di genio, e gli rispose "il mio nome è NESSUNO".Una volta addormentato ubriaco, Ulisse ed i suoi marinai gli piantarono un palo nell' unico occhio del Ciclope e fuggirono, quando questi chiamò a raccolta gli altri Ciclopi per dare la caccia e per far fuori i fuggiaschi gli altri Ciclopi gli chiesero chi fosse stato a ridurlo così, questi disse "è stato NESSUNO", i Ciclopi si guardarono in faccia e lo presero per matto, in questo modo Ulisse ed i suoi marinai presero quel vantaggio che tanto bastò loro per fuggire dall' Isola dei Ciclopi.Morale della Favole.Il Ciclope, alto possente e con una forza economica ENORME è il DRAGA DI REDMOND, alias Bill Gates, Ulisse ed i suoi marinai siamo noi difensori della Comunità OPEN SOURCE.Questo per dire a tutti coloro che confidano nella POTENZA ECONOMICA del DRAGA, che non sarà mai sufficiente a far fuori le IDEE di LIBERTA' che appartengono INTRINSECAMENTE alla Comunità OPEN SOURCE.La vita, il lavoro, i SO/SW, non possono essere solo fredde somme algebriche di matematica binaria, ma fanno parte della filosofia del pensiero umano, che fondamentalmente, nonostante tutti i condizionamenti atavici, RIMANE LIBERO.
    • Anonimo scrive:
      Re: L' ISOLA DEI CICLOPI...........

      Come è noto dall' Odissea, l' Isola dei
      Ciclopi era abitata da Giganti dotati di
      enorme forza, di 1 solo occhio, e di poco
      cervello.

      Quando Ulisse ed i suoi marinai naufragarono
      sull' Isola, rischiarono tutti di finire in
      pasto agli stessi Ciclopi in quanto
      carnivori e cannibali, preferivano nutrirsi
      di carne umana.

      Ulisse ed i suoi marinai non potevano
      affrontare i Ciclopi sul piano della forza,
      sarebbero finiti in un boccone in men che
      non si dica.

      Allora Ulisse inventò uno stratagemma, e
      quando il Ciclope che li teneva prigionieri
      gli chiese il nome, ebbe un lampo di genio,
      e gli rispose "il mio nome è NESSUNO".

      Una volta addormentato ubriaco, Ulisse ed i
      suoi marinai gli piantarono un palo nell'
      unico occhio del Ciclope e fuggirono, quando
      questi chiamò a raccolta gli altri Ciclopi
      per dare la caccia e per far fuori i
      fuggiaschi gli altri Ciclopi gli chiesero
      chi fosse stato a ridurlo così, questi disse
      "è stato NESSUNO", i Ciclopi si guardarono
      in faccia e lo presero per matto, in questo
      modo Ulisse ed i suoi marinai presero quel
      vantaggio che tanto bastò loro per fuggire
      dall' Isola dei Ciclopi.

      Morale della Favole.
      Il Ciclope, alto possente e con una forza
      economica ENORME è il DRAGA DI REDMOND,
      alias Bill Gates, Ulisse ed i suoi marinai
      siamo noi difensori della Comunità OPEN
      SOURCE.

      Questo per dire a tutti coloro che confidano
      nella POTENZA ECONOMICA del DRAGA, che non
      sarà mai sufficiente a far fuori le IDEE di
      LIBERTA' che appartengono INTRINSECAMENTE
      alla Comunità OPEN SOURCE.

      La vita, il lavoro, i SO/SW, non possono
      essere solo fredde somme algebriche di
      matematica binaria, ma fanno parte della
      filosofia del pensiero umano, che
      fondamentalmente, nonostante tutti i
      condizionamenti atavici, RIMANE LIBERO.MA SEI QUELLO VERO ???COMUNQUE, CONDIVIDO...
      • Anonimo scrive:
        Re: L' ISOLA DEI CICLOPI (versione reale).........
        Io direi che il vero Ulisse della situazione è Bill Gates, è lui che si sta avventurando nell'isola dei ciclopi (mondo linuxiano). Il mondo dei Ciclopi tenterà di mettergli i bastoni tra le ruote, bloccando la sua voglia di fare bene e di fare/far fare business. E sarà forse grazie a lui che il mondo open-source troverà la possibilità di una diffusione più grande... Ricordatevi che vi sta regalando la possibilità di interagire completamente con gli standard del 90% dei PC diffusi nel mondo (e non sono poi tutti standard di proprietà MS).Ricordatevi che chi si sta avventurando e Bill e non voi peracottinuxs...- Scritto da: BLAH

        Come è noto dall' Odissea, l' Isola dei

        Ciclopi era abitata da Giganti dotati di

        enorme forza, di 1 solo occhio, e di poco

        cervello.



        Quando Ulisse ed i suoi marinai
        naufragarono

        sull' Isola, rischiarono tutti di finire
        in

        pasto agli stessi Ciclopi in quanto

        carnivori e cannibali, preferivano
        nutrirsi

        di carne umana.



        Ulisse ed i suoi marinai non potevano

        affrontare i Ciclopi sul piano della
        forza,

        sarebbero finiti in un boccone in men che

        non si dica.



        Allora Ulisse inventò uno stratagemma, e

        quando il Ciclope che li teneva
        prigionieri

        gli chiese il nome, ebbe un lampo di
        genio,

        e gli rispose "il mio nome è NESSUNO".



        Una volta addormentato ubriaco, Ulisse ed
        i

        suoi marinai gli piantarono un palo nell'

        unico occhio del Ciclope e fuggirono,
        quando

        questi chiamò a raccolta gli altri Ciclopi

        per dare la caccia e per far fuori i

        fuggiaschi gli altri Ciclopi gli chiesero

        chi fosse stato a ridurlo così, questi
        disse

        "è stato NESSUNO", i Ciclopi si guardarono

        in faccia e lo presero per matto, in
        questo

        modo Ulisse ed i suoi marinai presero quel

        vantaggio che tanto bastò loro per fuggire

        dall' Isola dei Ciclopi.



        Morale della Favole.

        Il Ciclope, alto possente e con una forza

        economica ENORME è il DRAGA DI REDMOND,

        alias Bill Gates, Ulisse ed i suoi marinai

        siamo noi difensori della Comunità OPEN

        SOURCE.



        Questo per dire a tutti coloro che
        confidano

        nella POTENZA ECONOMICA del DRAGA, che non

        sarà mai sufficiente a far fuori le IDEE
        di

        LIBERTA' che appartengono INTRINSECAMENTE

        alla Comunità OPEN SOURCE.



        La vita, il lavoro, i SO/SW, non possono

        essere solo fredde somme algebriche di

        matematica binaria, ma fanno parte della

        filosofia del pensiero umano, che

        fondamentalmente, nonostante tutti i

        condizionamenti atavici, RIMANE LIBERO.

        MA SEI QUELLO VERO ???
        COMUNQUE, CONDIVIDO...
  • Anonimo scrive:
    FORSE DEVO ESSERE PIU' CHIARO .............
    Ulisse, nel suo lungo visggio verso ITACA, giunse con la sua vela nei pressi delle Colonne d' Ercole.Le Colonne d' Ercole erano famose e temute da tutti i marinai perchè erano veramente pochi quelli che avevano la possibilità di raccontare di averle attraversate, infatti la maggior parte morivano AFFOGATI perchè non sapevano resitere al richiamo di bellissime Sirene.Per paragone, assimilo Ulisse alla Comunità OPEN SOURCE, e le Sirene al DRAGASACCOCCE DI REDMOND ED AI SUOI PRETORIANI, tema del contendere: IL DOMINIO DI INTERNET.Quindi, il DRAGA e le sue Sirene blandisce la Comunità OPEN SOURCE, ma se questa si lascia convincere e si butta indiscriminatamente nelle mani del DRAGA, la Comunità OPEN SOURCE MORIRA' SOFFOCATA DAL SUO ABBRACCIO MORTALE.Però, siccome nella Comunità OPEN SOURCE vi sono molti Ulisse, il DRAGA ha sbagliato calcoli se ha in mente quello che noi temiamo.Quindi, caro DRAGA, ti dovrai alimentare solo con le Tue budella, le uniche cose presto Ti resteranno.
    • Anonimo scrive:
      Re: FORSE DEVO ESSERE PIU' CHIARO .............
      Mi dispiace Alien, ma le sirene erano nel mar mediterraneo (Vedi Partenope!).Fuori dalle colonne D'ercole c'era il NULLA, o meglio la terra era piatta, oppure era custodita da mostri assassini.Il problema è che se il DRAGA, come lo chiami tu, porta un sistema "aperto!) su un'altra piattaforma, io ci vedo solo del buono. Poi potrai non usarlo, oppure pensa a quanti come me non possono usare Linux perchè mi chiedono solo programmi per windows. Ed io non ho tempo per sorbirmi un altro S.O. Domani potrò portare le mie conoscenze su Linux, così risparmierò tempo e chi mi commissiona il programma spenderà di meno (oppure guadagno di più io con nuove commesse, ma è =!).In fondo, se sarà una vaccata, nessuno mi obbligherà ad usarlo!ciao!
      • Anonimo scrive:
        Re: FORSE DEVO ESSERE PIU' CHIARO .............
        - Scritto da: The Raptus!

        Mi dispiace Alien, ma le sirene erano nel
        mar mediterraneo (Vedi Partenope!).Fuori
        dalle colonne D'ercole c'era il NULLA, o
        meglio la terra era piatta, oppure era
        custodita da mostri assassini.Opps, troppo bravo.

        Il problema è che se il DRAGA, come lo
        chiami tu, porta un sistema "aperto!) su
        un'altra piattaforma, io ci vedo solo del
        buono. Poi potrai non usarlo, oppure pensa a
        quanti come me non possono usare Linux
        perchè mi chiedono solo programmi per
        windows. Ed io non ho tempo per sorbirmi un
        altro S.O. Domani potrò portare le mie
        conoscenze su Linux, così risparmierò tempo
        e chi mi commissiona il programma spenderà
        di meno (oppure guadagno di più io con nuove
        commesse, ma è =!).
        In fondo, se sarà una vaccata, nessuno mi
        obbligherà ad usarlo!

        ciao!D' accordo.Ma usare piedi di pimbo, sorveglieremo, come sempre.
  • Anonimo scrive:
    Il mondo open source si rifiuterà?
    Ben vengano le innovazioni, peccato che i pigiatasti di linux si vantano ancora di usarela modalità testo. Di fatto il peggior nemico di .net su linux saranno gli stessi utenti di linux. A cosa serve avere funzioni avanzate ed interfacce grafiche se i linuxiani sono solo capaci ad usare telnet e VI? E' inutile stare anche a discutere. E' come tentare di fare usare ai vecchi l'aria condizionata, piuttosto si prendono un collasso ma non mollano!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mondo open source si rifiuterà?
      E' sempre istruttivo vedere delle persone che non sanno nulla, capiscono ancora meno ma, malgrado tutto, si sforzano ancora di parlare, tirando ovviamente fuori solo idiozie....- Scritto da: Gimko
      Ben vengano le innovazioni, peccato che i
      pigiatasti di linux si vantano ancora di
      usarela modalità testo. Di fatto il peggior
      nemico di .net su linux saranno gli stessi
      utenti di linux. A cosa serve avere funzioni
      avanzate ed interfacce grafiche se i
      linuxiani sono solo capaci ad usare telnet e
      VI? E' inutile stare anche a discutere. E'
      come tentare di fare usare ai vecchi l'aria
      condizionata, piuttosto si prendono un
      collasso ma non mollano!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Il mondo open source si rifiuterà?
        - Scritto da: TeX
        E' sempre istruttivo vedere delle persone
        che non sanno nulla, capiscono ancora meno
        ma, malgrado tutto, si sforzano ancora di
        parlare, tirando ovviamente fuori solo
        idiozie....Gia'
        - Scritto da: Gimko

        Ben vengano le innovazioni, peccato che i

        pigiatasti di linux si vantano ancora di

        usarela modalità testo. Di fatto il
        peggior

        nemico di .net su linux saranno gli stessi

        utenti di linux. A cosa serve avere
        funzioni

        avanzate ed interfacce grafiche se i

        linuxiani sono solo capaci ad usare
        telnet e

        VI? E' inutile stare anche a discutere. E'

        come tentare di fare usare ai vecchi
        l'aria

        condizionata, piuttosto si prendono un

        collasso ma non mollano!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Il mondo open source si rifiuterà?
          - Scritto da: Gay]zac[
          Gia']zac[Chi ha iniziato il thread non deve mai aver amministrato un server, non ha mai fatto teleassistenza, non ha mai risolto in tempo reale i problemi di un server, di un cliente.Queste sparate sono di una persona che ha paura che venga fuori la profonda ignoranza che ha dei problemi, informatici e dei problemi degli utenti e clienti, ormai convinto che il problema di tutti sia solo fare riuscire a fare click su qualche bella nuova icona..
          • Anonimo scrive:
            Re: Il mondo open source si rifiuterà?
            - Scritto da: .
            - Scritto da: Gay
            ]zac[

            Gia'
            ]zac[

            Chi ha iniziato il thread non deve mai aver
            amministrato un server, non ha mai fatto
            teleassistenza, non ha mai risolto in tempo
            reale i problemi di un server, di un
            cliente.

            Queste sparate sono di una persona che ha
            paura che venga fuori la profonda ignoranza
            che ha dei problemi, informatici e dei
            problemi degli utenti e clienti, ormai
            convinto che il problema di tutti sia solo
            fare riuscire a fare click su qualche bella
            nuova icona..Scusa ma secondo te, uno che ha le idee cosi' chiare sulle differenze tra una piattaforma XML e un'interfaccia grafica ha motivo di preoccuparsi dei problemi di utenti e clienti?
          • Anonimo scrive:
            Re: Il mondo open source si rifiuterà?
            - Scritto da: Dixie
            .....
            Scusa ma secondo te, uno che ha le idee
            cosi' chiare sulle differenze tra una
            piattaforma XML e un'interfaccia grafica ha
            motivo di preoccuparsi dei problemi di
            utenti e clienti?Se e' lui ad assisterli ? SI !
          • Anonimo scrive:
            Re: Il mondo open source si rifiuterà?
            - Scritto da: TeX


            - Scritto da: Dixie

            .....

            Scusa ma secondo te, uno che ha le idee

            cosi' chiare sulle differenze tra una

            piattaforma XML e un'interfaccia grafica
            ha

            motivo di preoccuparsi dei problemi di

            utenti e clienti?

            Se e' lui ad assisterli ? SI !Mmmm poveretti loro allora....Cliente: "Ehi assistente, l'applicativo non impagina bene i dati"Assistente: "E sicuramente colpa del bottone!!! Non vedi che l'icona non e' truecolor?????Cosa ti ho sempre detto? Usa solo programmi ben disegnati (nel senso delle icone, of course ;)"
          • Anonimo scrive:
            Re: Il mondo open source si rifiuterà?
            - Scritto da: Dixie....
            Mmmm poveretti loro allora....
            Cliente: "Ehi assistente, l'applicativo non
            impagina bene i dati"
            Assistente: "E sicuramente colpa del
            bottone!!! Non vedi che l'icona non e'
            truecolor?????
            Cosa ti ho sempre detto? Usa solo programmi
            ben disegnati (nel senso delle icone, of
            course ;)"CAZZ.!!! Vuoi dire che i calcoli di Excel sono sbagliati se uso la grafica a 16 bit invece che a 24 ? E se invece la uso a 32 bit le stampe vengono piu' nitide ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Il mondo open source si rifiuterà?
            - Scritto da: TeX


            - Scritto da: Dixie
            ....

            Mmmm poveretti loro allora....

            Cliente: "Ehi assistente, l'applicativo
            non

            impagina bene i dati"

            Assistente: "E sicuramente colpa del

            bottone!!! Non vedi che l'icona non e'

            truecolor?????

            Cosa ti ho sempre detto? Usa solo
            programmi

            ben disegnati (nel senso delle icone, of

            course ;)"

            CAZZ.!!! Vuoi dire che i calcoli di Excel
            sono sbagliati se uso la grafica a 16 bit
            invece che a 24 ? E se invece la uso a 32
            bit le stampe vengono piu' nitide ?Ho l'impressione che il titolare del primo messaggio denunciasse questo tipo di problemi dato che ci spiagava che una infrastruttuta XML non lavora molto bene se il sistema operativo non ha una gui gradevole.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mondo open source si rifiuterà?
      Ma dove vivi? Nel neozoico?- Scritto da: Gimko
      Ben vengano le innovazioni, peccato che i
      pigiatasti di linux si vantano ancora di
      usarela modalità testo.Questa e' nuova... magari per qualche operazione e' piu' comoda la shell a caratteri.
      Di fatto il peggior
      nemico di .net su linux saranno gli stessi
      utenti di linux. A cosa serve avere funzioni
      avanzate ed interfacce grafiche se i
      linuxiani sono solo capaci ad usare telnet e
      VI?sono un linuxiano fallito, non so usare bene ne telnet ne vi :((((((((
      E' inutile stare anche a discutere. E'
      come tentare di fare usare ai vecchi l'aria
      condizionata, piuttosto si prendono un
      collasso ma non mollano!!!Ma anche tu non scherzi......Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Il mondo open source si rifiuterà?
        Non capisco dove stò il problema: se l'abbraccio di IBM non fà schifo a Linux non penso che glielo faccia M$ !!!Può anche scapparci qualche cosa di buono, alla peggio, se la cosa non sortisce gli effetti desiderati o fà schifo, buttiamo tutto a mare e nemici come prima.Certo che il mondo è strano: prima si accusa, con più o meno ragione, che M$ è arroccata sulle sue posizioni e poi, quando si intravede la possibilità di far nascere qualche cosa di "cross-platform", giù insulti come al solito.Decidetevi...- Scritto da: Bilbo
        Ma dove vivi? Nel neozoico?

        - Scritto da: Gimko

        Ben vengano le innovazioni, peccato che i

        pigiatasti di linux si vantano ancora di

        usarela modalità testo.

        Questa e' nuova... magari per qualche
        operazione e' piu' comoda la shell a
        caratteri.


        Di fatto il peggior

        nemico di .net su linux saranno gli stessi

        utenti di linux. A cosa serve avere
        funzioni

        avanzate ed interfacce grafiche se i

        linuxiani sono solo capaci ad usare
        telnet e

        VI?

        sono un linuxiano fallito, non so usare bene
        ne telnet ne vi :((((((((


        E' inutile stare anche a discutere. E'

        come tentare di fare usare ai vecchi
        l'aria

        condizionata, piuttosto si prendono un

        collasso ma non mollano!!!

        Ma anche tu non scherzi......
        Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Il mondo open source si rifiuterà?
          Guarda che non ho criticato la disponibilita' di M$ verso la realizzazione di .NET sotto linux, anzi e' una mossa che non mi sarei mai aspettato, ed e' stata una piacevole sorpresa.Anzi la realizzazione di .NET e' paragonabile alla realizzazione di Samba, accolta favorevolmente dalla comunita' open source, dimostrando che linux puo' essere il SERVER, cioe' fornire servizi a qualunque client.Quello che critico e' l'idea malsana che 'linux=terminale a caratteri', no linux e' anche un terminale a caratteri e in alcuni casi e' comodissimo; ma possibile che tutti i Microsofttiani non abbiano mai usato il DOS???O meglio quante persone che difendono a spada tratta WinNT/2000/XP sanno usare il DOS?Ciao- Scritto da: kerberos
          Non capisco dove stò il problema: se
          l'abbraccio di IBM non fà schifo a Linux non
          penso che glielo faccia M$ !!!

          Può anche scapparci qualche cosa di buono,
          alla peggio, se la cosa non sortisce gli
          effetti desiderati o fà schifo, buttiamo
          tutto a mare e nemici come prima.

          Certo che il mondo è strano: prima si
          accusa, con più o meno ragione, che M$ è
          arroccata sulle sue posizioni e poi, quando
          si intravede la possibilità di far nascere
          qualche cosa di "cross-platform", giù
          insulti come al solito.

          Decidetevi...


          - Scritto da: Bilbo

          Ma dove vivi? Nel neozoico?



          - Scritto da: Gimko


          Ben vengano le innovazioni, peccato
          che i


          pigiatasti di linux si vantano ancora
          di


          usarela modalità testo.



          Questa e' nuova... magari per qualche

          operazione e' piu' comoda la shell a

          caratteri.




          Di fatto il peggior


          nemico di .net su linux saranno gli
          stessi


          utenti di linux. A cosa serve avere

          funzioni


          avanzate ed interfacce grafiche se i


          linuxiani sono solo capaci ad usare

          telnet e


          VI?



          sono un linuxiano fallito, non so usare
          bene

          ne telnet ne vi :((((((((




          E' inutile stare anche a discutere. E'


          come tentare di fare usare ai vecchi

          l'aria


          condizionata, piuttosto si prendono un


          collasso ma non mollano!!!



          Ma anche tu non scherzi......

          Ciao
          • Anonimo scrive:
            ?????????
            Ma che cazzo e' sto .NET? Tutti ne parlano ma io non ho ancora capito... e' un'interfaccia web per i miei elettrodomestici e per il mio dildo?
        • Anonimo scrive:
          Re: Il mondo open source si rifiuterà?

          Non capisco dove stò il problema: se
          l'abbraccio di IBM non fà schifo a Linux non
          penso che glielo faccia M$ !!!o siamo amici o siamo nemici...non facciamo finta di niente...inoltre ibm non ha rotto tanto le palle alla comunita linux, anzi...e a ibm linux interessa solo per fare soldi, non per conquistare l'universo come M$...e se proprio devo scegliere...viva ibm...
          Può anche scapparci qualche cosa di buono,
          alla peggio, se la cosa non sortisce gli
          effetti desiderati o fà schifo, buttiamo
          tutto a mare e nemici come prima.cazzate...e il tempo perso tra una inc****a e l'altra ???
          Certo che il mondo è strano: prima si
          accusa, con più o meno ragione, che M$ è
          arroccata sulle sue posizioni e poi, quando
          si intravede la possibilità di far nascere
          qualche cosa di "cross-platform", giù
          insulti come al solito.

          Decidetevi...credi davvero che lo fa per rendere migliore il mondo ??? non diciamo CAZZATE...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mondo open source si rifiuterà?
      - Scritto da: pecos
      ....
      _addirittura_ David Stutz, che in M$ non è
      certo l'ultimo arrivato (tra le varie cose,
      è "l'inventore" di VB)...Ragioniamo:David Sturz e Tony Goodhew sono dei tecnici che si sono dichiarati +o- a favore di un porting sotto GPLGates, Mundie e Ballmer sono dei "dirigenti" che si sono dichiarati contro la GPL *a prescindere*In poche parole per adesso ci sono solo parole che sono pronte a essere ritirate con un qualcosa tipo "i tecnici dott. Sturz e ing. Goodhew parlavano a livello personale, capiscono programmazione e non marketing" ovviamente se i sondaggi dicono che va bene cosi' assisteremo a un "lo abbiamo sempre detto, guardate le affettuose dichiarazioni di David e Tony nei confronti di Ximian!!!"L'alternativa e' che la M$ sta diventando un poco anarchica... ma ne dubito fortemente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il mondo open source si rifiuterà?
        beh, sai, io sono un po' pirla e tendo a dare credito ai tecnici ed a fregarmene un po' dei commerciali.Anche se, in effetti, avendo avuto l'occasione di sentire parlare Bill "live" (seppure anni fa), ti confesso che non mi è sembrato poi così "fesso"...- Scritto da: Dixie


        - Scritto da: pecos

        ....

        _addirittura_ David Stutz, che in M$ non è

        certo l'ultimo arrivato (tra le varie
        cose,

        è "l'inventore" di VB)...

        Ragioniamo:
        David Sturz e Tony Goodhew sono dei tecnici
        che si sono dichiarati +o- a favore di un
        porting sotto GPL
        Gates, Mundie e Ballmer sono dei "dirigenti"
        che si sono dichiarati contro la GPL *a
        prescindere*

        In poche parole per adesso ci sono solo
        parole che sono pronte a essere ritirate con
        un qualcosa tipo "i tecnici dott. Sturz e
        ing. Goodhew parlavano a livello personale,
        capiscono programmazione e non marketing"
        ovviamente se i sondaggi dicono che va bene
        cosi' assisteremo a un "lo abbiamo sempre
        detto, guardate le affettuose dichiarazioni
        di David e Tony nei confronti di Ximian!!!"

        L'alternativa e' che la M$ sta diventando un
        poco anarchica... ma ne dubito fortemente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il mondo open source si rifiuterà?
          - Scritto da: pecos
          beh, sai, io sono un po' pirla e tendo a
          dare credito ai tecnici ed a fregarmene un
          po' dei commerciali.
          Anche se, in effetti, avendo avuto
          l'occasione di sentire parlare Bill "live"
          (seppure anni fa), ti confesso che non mi è
          sembrato poi così "fesso"...
          Il fesso non è lui, è chi lo scolta.
          - Scritto da: Dixie





          - Scritto da: pecos


          ....


          _addirittura_ David Stutz, che in M$
          non è


          certo l'ultimo arrivato (tra le varie

          cose,


          è "l'inventore" di VB)...



          Ragioniamo:

          David Sturz e Tony Goodhew sono dei
          tecnici

          che si sono dichiarati +o- a favore di un

          porting sotto GPL

          Gates, Mundie e Ballmer sono dei
          "dirigenti"

          che si sono dichiarati contro la GPL *a

          prescindere*



          In poche parole per adesso ci sono solo

          parole che sono pronte a essere ritirate
          con

          un qualcosa tipo "i tecnici dott. Sturz e

          ing. Goodhew parlavano a livello
          personale,

          capiscono programmazione e non marketing"

          ovviamente se i sondaggi dicono che va
          bene

          cosi' assisteremo a un "lo abbiamo sempre

          detto, guardate le affettuose
          dichiarazioni

          di David e Tony nei confronti di
          Ximian!!!"



          L'alternativa e' che la M$ sta diventando
          un

          poco anarchica... ma ne dubito fortemente.

          • Anonimo scrive:
            Re: Il mondo open source si rifiuterà?
            ti ringrazio per avermi implicitamente dato del fesso. Il tuo problema è di tipo sociale: in mezzo a persone che provano a colloquiare civilmente arrivi tu, insultando e non dicendo che: "UUUUUUUUUUUAAAAAAAAAAHHHHHHHHH"che proprietà di linguaggio! che padronanza dell'argomento! sai fare altro? sai partcipare al thread in maniera costruttiva? Portando delle argomentazioni tecniche? oggi si è discusso abb. bene sia in questo forum, sia in qllo dedicato a J2EE, forse che per te i toni fossero troppo civili e poco faziosi?senza rancore.- Scritto da: Alien


            - Scritto da: pecos

            beh, sai, io sono un po' pirla e tendo a

            dare credito ai tecnici ed a fregarmene un

            po' dei commerciali.

            Anche se, in effetti, avendo avuto

            l'occasione di sentire parlare Bill "live"

            (seppure anni fa), ti confesso che non mi
            è

            sembrato poi così "fesso"...



            Il fesso non è lui, è chi lo scolta.


            - Scritto da: Dixie








            - Scritto da: pecos



            ....



            _addirittura_ David Stutz, che in M$

            non è



            certo l'ultimo arrivato (tra le
            varie


            cose,



            è "l'inventore" di VB)...





            Ragioniamo:


            David Sturz e Tony Goodhew sono dei

            tecnici


            che si sono dichiarati +o- a favore di
            un


            porting sotto GPL


            Gates, Mundie e Ballmer sono dei

            "dirigenti"


            che si sono dichiarati contro la GPL *a


            prescindere*





            In poche parole per adesso ci sono solo


            parole che sono pronte a essere
            ritirate

            con


            un qualcosa tipo "i tecnici dott.
            Sturz e


            ing. Goodhew parlavano a livello

            personale,


            capiscono programmazione e non
            marketing"


            ovviamente se i sondaggi dicono che va

            bene


            cosi' assisteremo a un "lo abbiamo
            sempre


            detto, guardate le affettuose

            dichiarazioni


            di David e Tony nei confronti di

            Ximian!!!"





            L'alternativa e' che la M$ sta
            diventando

            un


            poco anarchica... ma ne dubito
            fortemente.


          • Anonimo scrive:
            Re: Il mondo open source si rifiuterà?
            - Scritto da: pecos
            ti ringrazio per avermi implicitamente dato
            del fesso. Il tuo problema è di tipo
            sociale: in mezzo a persone che provano a
            colloquiare civilmente arrivi tu, insultando
            e non dicendo che:
            "UUUUUUUUUUUAAAAAAAAAAHHHHHHHHH"
            che proprietà di linguaggio! che padronanza
            dell'argomento! sai fare altro? sai
            partcipare al thread in maniera costruttiva?
            Portando delle argomentazioni tecniche?
            oggi si è discusso abb. bene sia in questo
            forum, sia in qllo dedicato a J2EE, forse
            che per te i toni fossero troppo civili e
            poco faziosi?
            senza rancore.ESAGERATO. Non te la devi prendere, Tu no sei certo "fesso";..........TRANQUILLO.Volevo solo metterti in guardia, se me lo consenti, a non prendere per oro colato quello che dice il Bill.Ciao

            - Scritto da: Alien





            - Scritto da: pecos


            beh, sai, io sono un po' pirla e tendo
            a


            dare credito ai tecnici ed a
            fregarmene un


            po' dei commerciali.


            Anche se, in effetti, avendo avuto


            l'occasione di sentire parlare Bill
            "live"


            (seppure anni fa), ti confesso che non
            mi

            è


            sembrato poi così "fesso"...






            Il fesso non è lui, è chi lo scolta.




            - Scritto da: Dixie











            - Scritto da: pecos




            ....




            _addirittura_ David Stutz, che
            in M$


            non è




            certo l'ultimo arrivato (tra le

            varie



            cose,




            è "l'inventore" di VB)...







            Ragioniamo:



            David Sturz e Tony Goodhew sono dei


            tecnici



            che si sono dichiarati +o- a favore
            di

            un



            porting sotto GPL



            Gates, Mundie e Ballmer sono dei


            "dirigenti"



            che si sono dichiarati contro la
            GPL *a



            prescindere*







            In poche parole per adesso ci sono
            solo



            parole che sono pronte a essere

            ritirate


            con



            un qualcosa tipo "i tecnici dott.

            Sturz e



            ing. Goodhew parlavano a livello


            personale,



            capiscono programmazione e non

            marketing"



            ovviamente se i sondaggi dicono che
            va


            bene



            cosi' assisteremo a un "lo abbiamo

            sempre



            detto, guardate le affettuose


            dichiarazioni



            di David e Tony nei confronti di


            Ximian!!!"







            L'alternativa e' che la M$ sta

            diventando


            un



            poco anarchica... ma ne dubito

            fortemente.



        • Anonimo scrive:
          Re: Il mondo open source si rifiuterà?
          - Scritto da: pecos
          beh, sai, io sono un po' pirla e tendo a
          dare credito ai tecnici ed a fregarmene un
          po' dei commerciali.Beh, i tecnici fanno il loro lavoro e sanno cosa fare per avere qualcosa che funzioni al meglio... i commerciali fanno il loro lavoro e sanno cosa fare per vendere qualcosa che non funziona... e che non sanno neanche cos'e'!!!!Il problema e' che sono loro che dicono questo si perche lo vendiamo e questo no perche non e' sfruttabile commercialmente quindi e' una perdita di tempo.Ecco perche ho fatto notare la finezza di quale gruppo era "disponibile" e quale invece sparava a zero.
          Anche se, in effetti, avendo avuto
          l'occasione di sentire parlare Bill "live"
          (seppure anni fa), ti confesso che non mi è
          sembrato poi così "fesso"...Fesso... mi sembra che questo insulto non glie lo ho mai detto... e se lo ho detto mi sono sbagliato. Furfante sicuramente... ma non fesso (forse per questo credo che ci sia sempre il trucco...). Diciamo che e' un ottimo commerciale....
  • Anonimo scrive:
    Come IE per Unix
    Lo sapevate che esiste Internet Explorer per Unix, ma... non ha mai funzionato!
    • Anonimo scrive:
      Re: Come IE per Unix
      Si sapevo anchio di questo fatto solo che non l'ho mai scaricato perche diceva di volere un sun.- Scritto da: Kanaka
      Lo sapevate che esiste Internet Explorer per
      Unix, ma... non ha mai funzionato!
    • Anonimo scrive:
      Re: Come IE per Unix
      - Scritto da: Kanaka
      Lo sapevate che esiste Internet Explorer per
      Unix, ma... non ha mai funzionato!Di applicazioni che non hanno mai funzionato ce ne sono a migliaia...Si vede che infondo non è era un buon investimento ed è stato abbandonato o messo un pò da una parte. Ma non credo che il framework di .net faccia la stessa fine.
  • Anonimo scrive:
    Attenzione alle 3 E
    Mi sa che M$ applichera il suo metodo delle 3 E anche per linux dopo averlo fatto con Java:Metodo delle 3 E:Embrace, Enhance and ExterminateNel java:Fase Embrace: M$ loda i pregi del Java e inizia a fornire di tutti i Tools.Fase Enhance: M$ modifica il compilatore Java e li dota di librerie proprietarie che funzionano sotto i suoi sistemi operativi, addicendo la scusa che cosi si migliorano le prestazioni.Fase Exterminate: M$ ritira il suo supporto su Java (vedi ritiro J++ dal nuovo visual studio) e lancia C# che e' quasi identico al Java.
  • Anonimo scrive:
    .NET vs Java
    Il supporto che fornisce Microsoft a MONO e' nell'ottica di contrastara l'avanzata di Java come piattaforma di sviluppo. Java potrà o non potrà piacere, ma fino ad ora è l'unico prodotto che la MS non è riuscita ad addomesticare.Secondo i piani di Redmont lo scopo di .Net è quello di diventare la piattaforma di sviluppo multi sistema operativo di riferimento.Quindi non è che alla MS siano schizzofrenici, da una parte bollano l'open source come il demonio e dall'altra lo vedono come cosa buona e giusta, ma solamente sfruttano l'opportunità per effettuare il porting su altre piattaforme oltre che Windows nella speranza di diffondere ovunque .Net (che tra le altre cose è ancora in beta)
  • Anonimo scrive:
    Fidarsi è bene...
    ...non fidarsi è meglio.Ma l'avete letta la licenza con cui M$ condivide i sorgenti ?Meglio stare alla larga da qualsiasi cosa venga da M$: si rischia una causa per utilizzo di proprietà intellettuali della M$, magari tra qualche anno.Tra l'altro, ricordate la fine di OS/2 ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Fidarsi è bene...
      - Scritto da: IlGrillo
      ...non fidarsi è meglio.
      Ma l'avete letta la licenza con cui M$
      condivide i sorgenti ?
      Meglio stare alla larga da qualsiasi cosa
      venga da M$: si rischia una causa per
      utilizzo di proprietà intellettuali della
      M$, magari tra qualche anno.
      Tra l'altro, ricordate la fine di OS/2 ?Cioe' del tipo:Se utilizzi questo codice, in qualsuasi sua forma o in qualsiasi modo diventi proprieta' della M$ che assume diritto di vita e di morte su di te.B)
      • Anonimo scrive:
        Re: Fidarsi è bene...
        - Scritto da: Gray
        - Scritto da: IlGrillo

        ...non fidarsi è meglio.

        Ma l'avete letta la licenza con cui M$

        condivide i sorgenti ?

        Meglio stare alla larga da qualsiasi cosa

        venga da M$: si rischia una causa per

        utilizzo di proprietà intellettuali della

        M$, magari tra qualche anno.

        Tra l'altro, ricordate la fine di OS/2 ?

        Cioe' del tipo:

        Se utilizzi questo codice, in qualsuasi sua
        forma o in qualsiasi modo diventi proprieta'
        della M$ che assume diritto di vita e di
        morte su di te.

        B)Si ma il codice GPL non userebbe quello M$...(certo posso pensare a uno scenario in cui M$ include il codice GPL, lascia passare un paio di anni e poi dice "avete usato il mio codice...", ma forse e' una strategia troppo a lungo termine per loro....)
        • Anonimo scrive:
          Re: Fidarsi è bene...

          Si ma il codice GPL non userebbe quello M$...
          (certo posso pensare a uno scenario in cui
          M$ include il codice GPL, lascia passare un
          paio di anni e poi dice "avete usato il mio
          codice...", ma forse e' una strategia
          troppo a lungo termine per loro....)Nel caso di OS/2 hanno messo su una strategia simile. Prima hanno detto che erano interessati a fare un certo MS-OS/2. Dopo circa un annetto, preso quello che volevano, se ne sono andati ed e' andata come e' andata.D'altronde copiare e' la cosa che gli riesce meglio (DOS escluso...forse).Kram
          • Anonimo scrive:
            Re: Fidarsi è bene...
            - Scritto da: Kram
            ...
            D'altronde copiare e' la cosa che gli riesce
            meglio (DOS escluso...forse).Credo che sia meglio sostituire la parola "DOS" con "BASIC per Altair". Il dos si chiamava QDOS (Quick and Dirty Operative System) ed era sviluppato dalla "Seattle Computer Product".Diritti aquistati per 100.000$ nell'Ottobre 1980.
        • Anonimo scrive:
          Re: Fidarsi è bene...
          - Scritto da: Dixie
          Si ma il codice GPL non userebbe quello M$...Hmmmm...e come fai a DIMOSTRARE che un certo codice NON è derivato dalla conoscenza di una certa implementazione ?Fai attenzione, non basta che sia diverso...
          (certo posso pensare a uno scenario in cui
          M$ include il codice GPL, lascia passare un
          paio di anni e poi dice "avete usato il mio
          codice...", ma forse e' una strategia
          troppo a lungo termine per loro....)Hmmmm...non fare l'errore di sottovalutare la M$.Sono perfettamente in grado di pianificare una cosa del genere...Comunque il rischio è più che altro che dicano: questo codice è derivato dal nostro, quindi E' nostro...e dovete pagare per usarlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fidarsi è bene...
            - Scritto da: IlGrillo


            - Scritto da: Dixie


            Si ma il codice GPL non userebbe quello
            M$...

            Hmmmm...e come fai a DIMOSTRARE che un certo
            codice NON è derivato dalla conoscenza di
            una certa implementazione ?
            Fai attenzione, non basta che sia diverso...
            Basta non essere a conoscenza di quella implementazione. Non credo che Ximian aderirà al programma "shared source" di MS. Si limiterà a consultare gli standard pubblici.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fidarsi è bene...
            - Scritto da: IlGrillo


            - Scritto da: Dixie


            Si ma il codice GPL non userebbe quello
            M$...

            Hmmmm...e come fai a DIMOSTRARE che un certo
            codice NON è derivato dalla conoscenza di
            una certa implementazione ?
            Fai attenzione, non basta che sia diverso...Si e no.Per diverso non dico che ha i nomi delle variabilili cambiate e basta... e' diverso anche nella logica, ma dipende da quello che deve fare in quel momento... esistono blocchi "standard" di codice dal quale non si scappa.

            (certo posso pensare a uno scenario in cui

            M$ include il codice GPL, lascia passare
            un

            paio di anni e poi dice "avete usato il
            mio

            codice...", ma forse e' una strategia

            troppo a lungo termine per loro....)

            Hmmmm...non fare l'errore di sottovalutare
            la M$.
            Sono perfettamente in grado di pianificare
            una cosa del genere...
            Comunque il rischio è più che altro che
            dicano: questo codice è derivato dal nostro,
            quindi E' nostro...e dovete pagare per
            usarlo.Il che e' quello che ho detto io. (a parte il concetto del lungo termine).D'altro canto ritengo anche che in Ximian sono siano scemi e prima di pensare a un progetto del genere ci abbiano pensato bene, ad ogni replica di M$ abbiano soppesato le parole... dubito che si lancino in un progetto di questa portata senza sapere di poterlo fare oppure di rischiare troppo. Conoscono il valore e la lealta' di M$ (che non ha mai fatto nulla per sembrare una paladina dei deboli...) e hanno deciso di fare cosi'.Ximian investe nel progetto... e non da sola. Non penso che tra gli sponsor ci sia qualcuno che regala dollari solo perche "ho sentito il progetto e mi sembra bello" per poi dire tra qualche anno "opssss non pensavo che M$ ci facesse lo sgambetto, che sbadato che sono stato".E comunque ci rimane sempre l'arma finale: Alien.Se M$ non fa la brava facciamo una colletta e mandiamo Alien a Redmond per un mesetto ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Fidarsi è bene...



            Si ma il codice GPL non userebbe quello

            M$...



            Hmmmm...e come fai a DIMOSTRARE che un
            certo

            codice NON è derivato dalla conoscenza di

            una certa implementazione ?

            Fai attenzione, non basta che sia
            diverso...

            Si e no.
            Per diverso non dico che ha i nomi delle
            variabilili cambiate e basta... e' diverso
            anche nella logica, ma dipende da quello che
            deve fare in quel momento... esistono
            blocchi "standard" di codice dal quale non
            si scappa.alla fine voi lavorate gratis per il successo di m$...pazzi criminali...ecco cosa siete...


            (certo posso pensare a uno scenario in
            cui


            M$ include il codice GPL, lascia
            passare

            un


            paio di anni e poi dice "avete usato il

            mio


            codice...", ma forse e' una strategia


            troppo a lungo termine per loro....)



            Hmmmm...non fare l'errore di sottovalutare

            la M$.

            Sono perfettamente in grado di pianificare

            una cosa del genere...

            Comunque il rischio è più che altro che

            dicano: questo codice è derivato dal
            nostro,

            quindi E' nostro...e dovete pagare per

            usarlo.ed infatti sara cosi...
            Il che e' quello che ho detto io. (a parte
            il concetto del lungo termine).
            D'altro canto ritengo anche che in Ximian
            sono siano scemi e prima di pensare a un
            progetto del genere ci abbiano pensato bene,
            ad ogni replica di M$ abbiano soppesato le
            parole... dubito che si lancino in un
            progetto di questa portata senza sapere di
            poterlo fare oppure di rischiare troppo.
            Conoscono il valore e la lealta' di M$ (che
            non ha mai fatto nulla per sembrare una
            paladina dei deboli...) e hanno deciso di
            fare cosi'.
            Ximian investe nel progetto... e non da
            sola. Non penso che tra gli sponsor ci sia
            qualcuno che regala dollari solo perche "ho
            sentito il progetto e mi sembra bello" per
            poi dire tra qualche anno "opssss non
            pensavo che M$ ci facesse lo sgambetto, che
            sbadato che sono stato".ximian doveva chiudere perche aveva finito i soldi ??? e qual'e il suo primo progetto tornata in attivita ???...non diciamo cazzate...ximian e gia stata comprata...e la vogliono usare come cavallo di troia...
            E comunque ci rimane sempre l'arma finale:
            Alien.
            Se M$ non fa la brava facciamo una colletta
            e mandiamo Alien a Redmond per un mesetto ;)hihihigihighigfihigfhigfihihiihihih...hahahahhahahjhkjadhkjsahjhdjkshdjkhda...secondo te quanti cazzoti si prende prima di tornare indietro...io scommeterei su 100...
  • Anonimo scrive:
    ASCOLTARE - MA DIFFIDARE .....................
    SAPPAIMO CHE IL LUPO PERDE IL PELO, MA NON IL VIZIO.PRIMA DI FIDARSI DEL DRAGA, UN CAMMELLO DOVRA' PASSARE ATTRAVERSO LA CRUNA DI UN AGO.QUINDI, ASCOLTARE, PONDERARE, VERIFICARE, MA DIFFIDARE SEMPRE, MAI DARE LE CHIAVI DI CASA AL DRAGA.Alien, quello vero.Per "XP" e "JP", attenzione alle fotocopie di Alien che si aggirano su questi forum.
    • Anonimo scrive:
      Re: ASCOLTARE - MA DIFFIDARE .....................
      - Scritto da: Alien
      SAPPAIMO CHE IL LUPO PERDE IL PELO, MA NON
      IL VIZIO.
      PRIMA DI FIDARSI DEL DRAGA, UN CAMMELLO
      DOVRA' PASSARE ATTRAVERSO LA CRUNA DI UN
      AGO.
      QUINDI, ASCOLTARE, PONDERARE, VERIFICARE, MA
      DIFFIDARE SEMPRE, MAI DARE LE CHIAVI DI CASA
      AL DRAGA.
      Alien, quello vero.

      Per "XP" e "JP", attenzione alle fotocopie
      di Alien che si aggirano su questi forum.Gracias, me pareva strano che te fossi aizzato contro un superiore :-)Sorry, faro' piu' attenzione.
    • Anonimo scrive:
      Re: ASCOLTARE - MA DIFFIDARE .....................
      - Scritto da: Alien
      SAPPAIMO CHE IL LUPO PERDE IL PELO, MA NON
      IL VIZIO.Tu il vizio di skrivere kon il kaps on kuando loperdi? ^__^
  • Anonimo scrive:
    Ora potrò finalmente lavorare con Linux!!!
    Finalmente una buona notizia, con Mono si potrà lavorare con Linux. Questa è una ottima notizia per gli sviluppatori che fino ad oggi hanno tanto tenuto stretto i cari tool di sviluppo di mamma MS. Pensate che l'utilizzo del sistema operativo sarà utilizzato da un campione di persone di gran lunga superiore rispetto a quello attuale. Aziende che sviluppano utilizzando VB e C++ potranno così risparmiare sui costi delle licenze di Visual Studio e utilizzare linguaggi come VB.NET e C# sotto Linux. Sarà un duro colpo per Borland...Per Sun invece penso che la situazione cambi poco (ormai sono in molti ad utilizzare lo JDK...).Utilizzare Linux per studiare il C#, è il mio primo obiettivo.Ovviamente per scrivere una lettera e navigare su internet tornerò al mio caro e bellissimo Win2k.Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ora potrò finalmente lavorare con Linux!!!

      Finalmente una buona notizia, con Mono si
      potrà lavorare con Linux. Questa è una
      ottima notizia per gli sviluppatori che fino
      ad oggi hanno tanto tenuto stretto i cari
      tool di sviluppo di mamma MS. Pensate che
      l'utilizzo del sistema operativo sarà
      utilizzato da un campione di persone di gran
      lunga superiore rispetto a quello attuale.
      Aziende che sviluppano utilizzando VB e C++
      potranno così risparmiare sui costi delle
      licenze di Visual Studio e utilizzare
      linguaggi come VB.NET e C# sotto Linux.
      Sarà un duro colpo per Borland......ehm... a proposito di Borland: ormai da piu' di tre mesi viene commercializzato l'ottimo Kylix che permette di fare il porting pressoche' indolore di codice Delphi (Windows) a Linux. Chiaramente i DB e le chiamate dirette alle API sono 'una cosa a parte' - PER ORA! - ma non penso che per .NET la compatibilita' con i DB sia molto migliore... a meno di non abbandonare nuovamente ADO per passare a qualcos'altro come gia' hanno fatto con ODBC... ma interessa veramente a M$ implementare una portabilita' cosi' profonda?
      Per Sun invece penso che la situazione cambi
      poco (ormai sono in molti ad utilizzare lo
      JDK...).Vero, ma di quante versioni diverse? Ogni prodotto *consiglia caldamente* la sua VM... Quelli che erano gli obbiettivi originali di Java (come progetto) e di Sun come azienda non sono affatto stati raggiunti!
      Utilizzare Linux per studiare il C#, è il
      mio primo obiettivo.Un commento strettamente personale al C# che nasce da un paio di manuali che mi e' capitato di sfogliare in libreria: come linguaggio non mi convince: sembra una via di mezzo tra il C++ e il Visual Basic... come dire una Ferrari ed una Cinquecento... che ne pensate?
      Ovviamente per scrivere una lettera e
      navigare su internet tornerò al mio caro e
      bellissimo Win2k.Finche' non proverai a farlo sotto X ;o))
      • Anonimo scrive:
        Re: Ora potrò finalmente lavorare con Linux!!!
        ed infatti sotto .NET hai una nuova ver di ADO ossia, appunto, ADO.NETA parte che M$ non ha obbligato NESSUNO ad abbandonare ODBC (esiste un comodissimo bridge OLEDB-
        ODBC, prodotto da M$ e fornito GRATUITAMENTE), esistono molte motivazioni tecniche per passare da ODBC ad OLEDB.C# è, fondamentalmente, un "C++ senza puntatori" basato su una libreria di classi comune all'intera piattaforma.Finalmente, quindi, l'espressione MiaIstanza-
        MembroInterfaccia finirà nel cestino a favore di MiaIstanza.MembroInterfaccia, come fa TUTTO il resto del mondo (VB, Delphi, Java, ed anche C++ stesso se non usi i puntatori)Dopodichè propone (come tutta .NET) una OOP "pura", ossia dove tutti i tipi sono classi (anche integer e long).E, se proprio vuoi, usi la keyword "unsafe" e ti fa scrivere tutte le porcherie che vuoi Secondo me, C# è un gran bel linguaggio, molto pulito e sicuramente superiore semanticamente anche a Java (e vorrei ben vedere! Lo ha progettato l'inventore dell'Object Pascal di Borland!)Dopodichè, bisognerà verificare la qualità del compilatore che M$ fornirà per qsto splendido linguaggio, e vedere se l'offerta Open source non sarà migliore di Visual Studio.NET (io sto usando la Beta 2 e rispetti alla 1 è avanti anni luce...)- Scritto da: Alessio Cecchin

        Finalmente una buona notizia, con Mono si

        potrà lavorare con Linux. Questa è una

        ottima notizia per gli sviluppatori che
        fino

        ad oggi hanno tanto tenuto stretto i cari

        tool di sviluppo di mamma MS. Pensate che

        l'utilizzo del sistema operativo sarà

        utilizzato da un campione di persone di
        gran

        lunga superiore rispetto a quello attuale.

        Aziende che sviluppano utilizzando VB e
        C++

        potranno così risparmiare sui costi delle

        licenze di Visual Studio e utilizzare

        linguaggi come VB.NET e C# sotto Linux.

        Sarà un duro colpo per Borland...

        ...ehm... a proposito di Borland: ormai da
        piu' di tre mesi viene commercializzato
        l'ottimo Kylix che permette di fare il
        porting pressoche' indolore di codice Delphi
        (Windows) a Linux. Chiaramente i DB e le
        chiamate dirette alle API sono 'una cosa a
        parte' - PER ORA! - ma non penso che per
        .NET la compatibilita' con i DB sia molto
        migliore... a meno di non abbandonare
        nuovamente ADO per passare a qualcos'altro
        come gia' hanno fatto con ODBC... ma
        interessa veramente a M$ implementare una
        portabilita' cosi' profonda?


        Per Sun invece penso che la situazione
        cambi

        poco (ormai sono in molti ad utilizzare lo

        JDK...).

        Vero, ma di quante versioni diverse? Ogni
        prodotto *consiglia caldamente* la sua VM...
        Quelli che erano gli obbiettivi originali di
        Java (come progetto) e di Sun come azienda
        non sono affatto stati raggiunti!


        Utilizzare Linux per studiare il C#, è il

        mio primo obiettivo.

        Un commento strettamente personale al C# che
        nasce da un paio di manuali che mi e'
        capitato di sfogliare in libreria: come
        linguaggio non mi convince: sembra una via
        di mezzo tra il C++ e il Visual Basic...
        come dire una Ferrari ed una Cinquecento...
        che ne pensate?


        Ovviamente per scrivere una lettera e

        navigare su internet tornerò al mio caro e

        bellissimo Win2k.

        Finche' non proverai a farlo sotto X ;o))
    • Anonimo scrive:
      Re: Ora potrò finalmente lavorare con Linux!!!
      - Scritto da: JP
      Finalmente una buona notizia, con Mono si
      potrà lavorare con Linux.Doh... E io ke kredevo ke finora tutti quelliprovenienti da mondi *nix non avessero avutoproblemi a lavorare kon il Pinguino 8)
      Pensate che l'utilizzo del sistema operativo
      sarà utilizzato da un campione di persone di
      gran lunga superiore rispetto a quello attuale.Io penso soprattutto a kosa succederà se girerannodegli AktiveX kon privilegi root... :|
      Utilizzare Linux per studiare il C#, è il
      mio primo obiettivo.Mmm... komincia kon il C su *nix =)
      Ovviamente per scrivere una lettera e
      navigare su internet tornerò al mio caro e
      bellissimo Win2k.Spero x te ke prima di chattare kon il tuobellissimo mirc (cmq kvirc è molto + bello :) timetti un bel firewall o sai ke ridere ^__^
      SalutiAltrettanto
  • Anonimo scrive:
    Cosa dicono i "puristi" ?
    Quelli che tutto cio' su cui mette mani Microsoft e' diabolico e va rigettato?Io ribadisco l'idea gia' espressa in passato. Una societa' del calibro di Microsoft sa quello che fa e con questa mossa sa benissimo che ci guadagna quindi si propone di "aiutare". L'avevo detto e lo ripeto: se pensate che la "potenza" Microsoft sia ad una svolta allora continuate cosi'. Io vi suggerirei di essere piu' cauti nel gridare alla svolta. Microsoft si sta espandendo anche su altre piattaforme, e non per magnanimita' ma per mantenere la supremazia e rafforzare ancora di piu' il binomio computer-Microsoft: come la metti la metti.Bah, spero di non venir bollato ancora una volta come "Pretoriano" o figlio del "Draga" :-)Ho solo detto la mia opinione sulla notizia.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa dicono i
      - Scritto da: XP
      Quelli che tutto cio' su cui mette mani
      Microsoft e' diabolico e va rigettato?Piu' o meno.In realta' M$ ha detto tutto e il contrario di tutto. Ovvero la GPL e' il diavolo e poi si accinge ad aiutare un prodotto GPL'd (ma gli halloween non dicevano qualcosa di simile???)
      Io ribadisco l'idea gia' espressa in
      passato. Una societa' del calibro di
      Microsoft sa quello che fa e con questa
      mossa sa benissimo che ci guadagna quindi si
      propone di "aiutare". L'avevo detto e lo
      ripeto: se pensate che la "potenza"
      Microsoft sia ad una svolta allora
      continuate cosi'. Io vi suggerirei di essere
      piu' cauti nel gridare alla svolta.Potrei anche pensare che pensa sia il caso di mettere il piede in due staffe per avere comunque qualcosa *comunque* vada il mercato. Posso pensare a M$ fa comunque comodo avere dei server che capiscano .NET per mettere i client in rete
      Microsoft si sta espandendo anche su altre
      piattaforme, e non per magnanimita' ma per
      mantenere la supremazia e rafforzare ancora
      di piu' il binomio computer-Microsoft: come
      la metti la metti.Non sono daccordo. Solo M$ capisce che un mondo con soli server NT (2k o XP e come diavolo lo volete chiamare) non esistera' mai. E finito un sogno non vuole lasciare spazio a nessuno per nessun motivo sul lato client
      Bah, spero di non venir bollato ancora una
      volta come "Pretoriano" o figlio del "Draga"
      :-)
      Ho solo detto la mia opinione sulla notizia.Ho risposto con la mia. Cmq. Sul fatto che in M$ hanno l'unico obiettivo di fare i soldi credo che non ci siano dubbi. E se per farli devono rinnegare loro stessi oppure far girare i dipendenti senza mutande... beh credo che lo faranno senza nessuna remora. (il triste e' che parecchi dipendenti si adegueranno senza dire nulla!!!!)
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa dicono i

        Piu' o meno.
        In realta' M$ ha detto tutto e il contrario
        di tutto. Ovvero la GPL e' il diavolo e poi
        si accinge ad aiutare un prodotto GPL'd (ma
        gli halloween non dicevano qualcosa di
        simile???) Bisogna vedere quale sara' la contropartita che microsoft chiedera' a quelli di gnome in cambio del supporto... magari una licenza bsd? Magari se li compra e festa finita.
        mercato. Posso pensare a M$ fa comunque
        comodo avere dei server che capiscano .NET
        per mettere i client in reteQuesto e' chiaro, senza un port per unix .net non va da nessuna parte.
        Non sono daccordo. Solo M$ capisce che un
        mondo con soli server NT (2k o XP e come
        diavolo lo volete chiamare) non esistera'
        mai. E finito un sogno non vuole lasciareNon contarci ,ms ha gia conquistato una enorme fetta di mercato. E cominciare a infilare i propri prodotti dalla porta di servizio fa parte del gioco. Prima si butta fuori SUN definitivamente , poi si fa un accordo con IBM per spartirsi il mercato .
        (il triste e' che parecchi dipendenti si
        adegueranno senza dire nulla!!!!)Con gli stipendi e le share che prendono fanno bene ad adeguarsi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Cosa dicono i


          Piu' o meno.

          In realta' M$ ha detto tutto e il
          contrario

          di tutto. Ovvero la GPL e' il diavolo e
          poi

          si accinge ad aiutare un prodotto GPL'd
          (ma

          gli halloween non dicevano qualcosa di

          simile???)

          Bisogna vedere quale sara' la contropartita
          che microsoft chiedera' a quelli di gnome in
          cambio del supporto... magari una licenza
          bsd? Magari se li compra e festa finita.per me li ha gia comprati...magari tramite una societa di cui non si e mai sentito niente, per non attirare l'attenzione...

          mercato. Posso pensare a M$ fa comunque

          comodo avere dei server che capiscano .NET

          per mettere i client in rete

          Questo e' chiaro, senza un port per unix
          .net non va da nessuna parte.PURTROPPO qualcuno alla microsoft l'ha capito...

          Non sono daccordo. Solo M$ capisce che un

          mondo con soli server NT (2k o XP e come

          diavolo lo volete chiamare) non esistera'

          mai. E finito un sogno non vuole lasciare

          Non contarci ,ms ha gia conquistato una
          enorme fetta di mercato. E cominciare a
          infilare i propri prodotti dalla porta di
          servizio fa parte del gioco. Prima si butta
          fuori SUN definitivamente , poi si fa un
          accordo con IBM per spartirsi il mercato .temo che comunque non sara cosi facile...almeno, se non altro, la speranza e l'ultima a morire...

          (il triste e' che parecchi dipendenti si

          adegueranno senza dire nulla!!!!)

          Con gli stipendi e le share che prendono
          fanno bene ad adeguarsi.peccato il mondo sia cosi pieno di merda (e continua a riempirsi sempre di piu)...era un bel posto un po di tempo fa...
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa dicono i
      - Scritto da: XP
      Bah, spero di non venir bollato ancora una
      volta come "Pretoriano" o figlio del "Draga"
      :-)
      Ho solo detto la mia opinione sulla notizia.

      CiaoE va bè... credo che li si possa tollerare,sia i tuoi commenti neutrali che gli straniapprocci di M$. Io non so cosa pensare.Sarei portato a credere che sia un bene,perché dopotutto quel che dà fastidio di M$è (è stata?) la chiara intenzione di fare delmercato un monopolio assoluto. Quindi se ancheloro accettano l'esistenza di altre piattaforme,è già un primo passo verso uno sviluppo migliore del mecato. Ma vanno comunque trattati con lepinze: alla prima occasione ci riproveranno,son quasi sicuro. Voi vi fidereste a mettereal governo che so... Giovanni Senzaterra?Insomma: nessuno escluderebbe a priori che non possa essersi ravveduto, ma vi aspetteresteda un momento all'altro il doppio gioco e iltradimento...
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa dicono i
      - Scritto da: XP
      Quelli che tutto cio' su cui mette mani
      Microsoft e' diabolico e va rigettato?

      Io ribadisco l'idea gia' espressa in
      passato. Una societa' del calibro di
      Microsoft sa quello che fa e con questa
      mossa sa benissimo che ci guadagna quindi si
      propone di "aiutare". L'avevo detto e lo
      ripeto: se pensate che la "potenza"
      Microsoft sia ad una svolta allora
      continuate cosi'. Io vi suggerirei di essere
      piu' cauti nel gridare alla svolta.
      Microsoft si sta espandendo anche su altre
      piattaforme, e non per magnanimita' ma per
      mantenere la supremazia e rafforzare ancora
      di piu' il binomio computer-Microsoft: come
      la metti la metti.

      Bah, spero di non venir bollato ancora una
      volta come "Pretoriano" o figlio del "Draga"
      :-)
      Ho solo detto la mia opinione sulla notizia.

      CiaoPRETORIANO PARRUCCONE SEI PURE PELATO CI SCOMMETTO! SERVO DEL DRAGA, VAI A CAG*RE COME TUTTI I TUOI LECCACUL*O PREOTORIANI DEL CAZZ*ASPETTO I VOSTRI CADAVERI MENTRE MI FACCIO UNA CANNA.
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa dicono i
        - Scritto da: Alien



        Bah, spero di non venir bollato ancora una

        volta come "Pretoriano" o figlio del
        "Draga"

        :-)

        Ho solo detto la mia opinione sulla
        notizia.



        Ciao

        PRETORIANO PARRUCCONE SEI PURE PELATO CI
        SCOMMETTO! SERVO DEL DRAGA, VAI A CAG*RE
        COME TUTTI I TUOI LECCACUL*O PREOTORIANI DEL
        CAZZ*
        ASPETTO I VOSTRI CADAVERI MENTRE MI FACCIO
        UNA CANNA.Alien, scusa ma mi vedo costretto ad darti l'ordine di stare sul riposo alto per venti minuti.Ti ricordi il mio grado.....sei sempre un subordinato, ok ?Ciao :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa dicono i
        - Scritto da: Alien


        - Scritto da: XP

        Quelli che tutto cio' su cui mette mani

        Microsoft e' diabolico e va rigettato?



        Io ribadisco l'idea gia' espressa in

        passato. Una societa' del calibro di

        Microsoft sa quello che fa e con questa

        mossa sa benissimo che ci guadagna quindi
        si

        propone di "aiutare". L'avevo detto e lo

        ripeto: se pensate che la "potenza"

        Microsoft sia ad una svolta allora

        continuate cosi'. Io vi suggerirei di
        essere

        piu' cauti nel gridare alla svolta.

        Microsoft si sta espandendo anche su altre

        piattaforme, e non per magnanimita' ma per

        mantenere la supremazia e rafforzare
        ancora

        di piu' il binomio computer-Microsoft:
        come

        la metti la metti.



        Bah, spero di non venir bollato ancora una

        volta come "Pretoriano" o figlio del
        "Draga"

        :-)

        Ho solo detto la mia opinione sulla
        notizia.



        Ciao

        PRETORIANO PARRUCCONE SEI PURE PELATO CI
        SCOMMETTO! Perchè che hanno i pelati?Io cmq i capelli ce li ho...
        SERVO DEL DRAGA, VAI A CAG*RE
        COME TUTTI I TUOI LECCACUL*O PREOTORIANI DEL
        CAZZ*
        ASPETTO I VOSTRI CADAVERI MENTRE MI FACCIO
        UNA CANNA.Attento a non cadere nel fiume anche tu...
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa dicono i
      - Scritto da: XP
      Quelli che tutto cio' su cui mette mani
      Microsoft e' diabolico e va rigettato?Un po' come dire..... anche se hai ammazzato un sacco di gente, visto che questa volta ti comporti bene, sei perdonato e ti dico pure bravo......
      Io ribadisco l'idea gia' espressa in
      passato. Una societa' del calibro di
      Microsoft sa quello che fa e con questa
      mossa sa benissimo che ci guadagna quindi si
      propone di "aiutare". Anche con Internet aveva fatto lo stesso sbaglio..... non dar peso alla cosa, salvo poi accorrere in ritardo e frettolosamente all'appuntamento con la rete. Dopo aver denigrato un SO.... accortasi che in effetti è forse meglio di Win2K come server di rete, forse stà correndo ai ripari, temendo che non apoggiando una fetta di utenza possa avere ancora più difficoltà ad imporre il suo prodotto, che già gli stessi Microsofisti di Visual studio avevano criticato......
      ripeto: se pensate che la "potenza"
      Microsoft sia ad una svolta allora
      continuate cosi'. Io vi suggerirei di essere
      piu' cauti nel gridare alla svolta.Mah.... se il pieno supporto di .NET verrà veramente applicato anche da prodotti terzi, M$ si troverà nella situazione che ci sarà un alternativa gratuita al suo .NET....e solitamente non ci vuole molto a fare il porting su piattaforma Wintel da un OpenSource.....Fatto lo standard.... chi comprerà + un prodotto M$ se avrà un'alternativa perfettamente compatibile gratuita?????
      Microsoft si sta espandendo anche su altre
      piattaforme, e non per magnanimita' ma per
      mantenere la supremazia e rafforzare ancora
      di piu' il binomio computer-Microsoft: come
      la metti la metti.Ecco... per quanto ho detto prima, il fatto di piena compatibilità mi porta a pensare che M$ dovrebbe "accontentarsi" in futuro di essere una modesta Software house....cosa che non gli si addice proprio... considerato il suo passato....
      Bah, spero di non venir bollato ancora una
      volta come "Pretoriano" o figlio del "Draga"
      :-)
      Ho solo detto la mia opinione sulla notizia.L'unica cosa che mi potrebbe convincere è che... avviatosi il draga e la sua compagnia alla pensione... avendo rubato abbastanza soldi... voglia un prodotto che rimanga negli anni (non come i suoi soliti, affossati da loro stessi in nome dell'innovazione) per avere qualcosa da raccontare ai nipoti..... fregandosene che poi la M$ si ridimensioni a "normale" ditta di SW.....
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa dicono i
        - Scritto da: l
        Anche con Internet aveva fatto lo stesso
        sbaglio..... non dar peso alla cosa, salvo
        poi accorrere in ritardo e frettolosamente
        all'appuntamento con la rete. Dopo aver
        denigrato un SO.... accortasi che in effetti
        è forse meglio di Win2K come server di rete,
        forse stà correndo ai ripari, temendo che
        non apoggiando una fetta di utenza possa
        avere ancora più difficoltà ad imporre il
        suo prodotto, che già gli stessi
        Microsofisti di Visual studio avevano
        criticato......

        Mah.... se il pieno supporto di .NET verrà
        veramente applicato anche da prodotti terzi,
        M$ si troverà nella situazione che ci sarà
        un alternativa gratuita al suo .NET....
        e solitamente non ci vuole molto a fare il
        porting su piattaforma Wintel da un
        OpenSource.....
        Fatto lo standard.... chi comprerà + un
        prodotto M$ se avrà un'alternativa
        perfettamente compatibile gratuita?????

        Ecco... per quanto ho detto prima, il fatto
        di piena compatibilità mi porta a pensare
        che M$ dovrebbe "accontentarsi" in futuro di
        essere una modesta Software house....
        cosa che non gli si addice proprio...
        considerato il suo passato....

        L'unica cosa che mi potrebbe convincere è
        che... avviatosi il draga e la sua compagnia
        alla pensione... avendo rubato abbastanza
        soldi... voglia un prodotto che rimanga
        negli anni (non come i suoi soliti,
        affossati da loro stessi in nome
        dell'innovazione) per avere qualcosa da
        raccontare ai nipoti..... fregandosene che
        poi la M$ si ridimensioni a "normale" ditta
        di SW.....Pero', a questa visione "moderata" di Bill non avevo pensato. Sarebbe bello e forse anche possibile dal momento che spesso invecchiando si inizia a capire gli errori fatti in passato e si diventa piu' buoni con gli altri.Certo che Bill vuole andare in pensione giovane pero', eh :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Cosa dicono i
          - Scritto da: XP
          - Scritto da: l

          ....

          L'unica cosa che mi potrebbe convincere è

          che... avviatosi il draga e la sua
          compagnia

          alla pensione... avendo rubato abbastanza

          soldi... voglia un prodotto che rimanga

          negli anni (non come i suoi soliti,

          affossati da loro stessi in nome

          dell'innovazione) per avere qualcosa da

          raccontare ai nipoti..... fregandosene che

          poi la M$ si ridimensioni a "normale"
          ditta

          di SW.....

          Pero', a questa visione "moderata" di Bill
          non avevo pensato. Sarebbe bello e forse
          anche possibile dal momento che spesso
          invecchiando si inizia a capire gli errori
          fatti in passato e si diventa piu' buoni con
          gli altri.
          Certo che Bill vuole andare in pensione
          giovane pero', eh :-)Beh in realta' mi sembra un poco megalomane piu' che moderato... ma se vi puo' interessare xBill qualche anno fa aveva dichiarato che non avrebbe lasciato molto al figlio del suo patrimonio (credo solo una quindicina di milioni di dollari)... forse vuole fare lo stesso con la MIcrosoft... del tipo "sarete senza di me... arrangiatevi dal nulla!!!!"
Chiudi i commenti