HDD Toshiba, sempre più compatti

Il produttore giapponese presenta nuovi hard disk SATA da 1,8 pollici, dotati di mini-connettore LIF. Disponibili dal mese prossimo nei tagli da 160, 200 e 220 GB

Roma – I dischi rigidi diventano ancora più portatili grazie al lavoro di miniaturizzazione messo a punto da Toshiba. La multinazionale nipponica ha appena presentato una nuova famiglia di hard disk SATA da 1,8 pollici, con interfaccia LIF (Low-Insertion-Force).

Il fiore all’occhiello di questa nuova e compatta periferica di archiviazione esterna, siglata MKXX39GSL , riguarda proprio l’impiego del mini-connettore LIF, pensato per produrre hard-disk da 1,8 pollici ancora più piccoli, senza comprometterne le prestazioni o la capacità di archiviazione.

Come tutti i drive che girano a 4200 RPM, i nuovi dischi rigidi Toshiba si impegnano anche per non disturbare troppo. Il loro funzionamento silenzioso dovrebbe renderli decisamente adatti per la riproduzione di contenuti audiovisivi gestiti tramite tablet e lettori multimediali.

Di tutto rispetto anche le prestazioni dichiarate. Gli HDD si presentano all’appello con un buffer da 16 megabyte e assicurano una velocità di trasferimento dati di 1,5 Gb/sec. Il consumo in idle si attesta sui 0,35 watt, mentre il prezzo di listino ancora non è stato reso noto. I tagli disponibili saranno comunque tre: 160GB, 200GB e 220GB.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Rolol scrive:
    Interessante
    mhh, http://gaianews.it/scienza-e-tecnologia/nuovo-materiale-semiconduttore-promette-transistor-a-basso-consumo-meglio-del-grafene/id=7248
  • Max scrive:
    Grande disponibilità del silicio...
    Si pala spesso anche di gallio ed altri possibili semiconduttori sostituti del silicio... ma il silicio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta terrestre,mentre i potenziali sostituti sono tutti materiali più o meno rari, in un mondo che richiede sempre più semiconduttori.I limiti fisici del silicio saranno presumibilmente superati con transistor ibridi, ma il substrato di silicio per i prossimi venti o trent'anni almeno è ineliminabile...
Chiudi i commenti