Hitachi mette 4 GB in un pollice di disco

Annunciata la disponibilità dei primi campioni di Microdrive da 2 e 4 GB, modelli che rispettivamente raddoppiando e quadruplicano la capacità del modello attualmente sul mercato. In commercio entro la fine dell'anno


Tokyo (Giappone) – Hitachi ha consegnato agli OEM i primi campioni dei propri hard disk in miniatura, i Microdrive, nelle nuove capacità da 2 GB e 4 GB.

I nuovi Microdrive, la cui tecnologia è stata inizialmente sviluppata da IBM e poi acquisita da Hitachi insieme alla divisione hard disk di Big Blue, arriveranno sul mercato verso la fine dell’anno sotto forma di schede Compact Flash Type II da un pollice quadrato e 16 grammi di peso.

Oltre ad essere da due a quattro volte più capienti del modello attualmente in commercio, i nuovi Microdrive promettono un transfer-rate circa 70 volte più elevato. Similmente alle memory card di nuova generazione, i Microdrive adottano un file-system di tipo FAT32 capace di superare il tradizionale limite dei 2 GB di capacità, tipico della tecnologia FAT16.

I nuovi micro hard disk di Hitachi verranno impiegati nei dispositivi mobili e, in particolare, all’interno delle fotocamere digitali. Il prezzo del modello di punta sarà di 500$, costo dalle due alle tre volte superiore rispetto alle memory card di simile capacità che Lexar Media e SanDisk hanno annunciato per il quarto trimestre dell’anno.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Supercomputer, il debutto dei G5
    http://www.macitynet.it/macity/aA15179/index.shtmll'articolo è in italiano, ma se volete le segnalazioni in inglese eccole:http://www.thinksecret.com/news/virginiatech.htmlhttp://news.com.com/2100-1008_3-5070403.htmlMyname
  • Anonimo scrive:
    Re: Cervelloni, vi sfugge una cosa
    - Scritto da: Anonimo
    linux è arrivato, buon ultimo, costa quasi
    zero e le università sono contente invece di
    pagare licenze proprietarie per sistemi che
    NON richiedono smanacciamenti e
    "personalizzazioni", perché sono già nati
    per girare sui supercalcolatori (piccolo
    dettaglio che vi dimenticate assai
    volentieri). Un SO che funziona non richiede
    tuning o modifiche nel codice, qui casca
    sempre l'asino linuxaro. Grande. Hai centrato il problema: troppo abituati all'idea che il SO vada cacciato dentro il sistema a martellate e ricompilazioni per concepire un SO perfettamente adatto all'HW appena lo tiri fuori dalla scatola, che una volta installato e configurato non ci pensi più e ti limiti a SCRIVERE APPLICAZIONI. Come succede da sempre nell'embedded avanzato stile QNX e sulle macchine più grandi. E' un concetto piuttosto distorto dell'informatica che ti risbatte indietro ai tempi in cui ogni "calcolatore" era diverso da un altro e ti dovevi scrivere ogni volta il tuo bell'ibrido tra SO e applicazione dedicata. Oggi si lavora così solo con i PIC o i basic stamp che sono giocattoli, trenta anni di storia hanno segnato la differenza nei mercati di qualità... ma forse qualcuno non se n'è accorto.
  • Anonimo scrive:
    Il punto della situazione.
    In raltà non è propio il punto della situazione. Ho letto parecchi post di questo forum, ma alla fine non si arriva da nessuna parte.Ora voglio semplicemente chiedere un cosa.L'introduzione di questi supercomputer basati su linux, ha modificato la situazione esistente?Insomma, il mercato ne ha risentito?Ha portato dei miglioramenti?Oppure ha lasciato la situzione inalterata?O forse è un passo indietro?ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Il punto della situazione.
      - Scritto da: Anonimo
      In raltà non è propio il punto della
      situazione.
      Ho letto parecchi post di questo forum, ma
      alla fine non si arriva da nessuna parte.
      Ora voglio semplicemente chiedere un cosa.
      L'introduzione di questi supercomputer
      basati su linux, ha modificato la situazione
      esistente?Per qualcuno si.
      Insomma, il mercato ne ha risentito?Una fetta di mercato si.
      Ha portato dei miglioramenti?Certo. Chi sviluppa soluzioni avanzate, o comunque nuove, o comunque non "standard" ha uno strumento "nuovo" come linux da usare.
      Oppure ha lasciato la situzione inalterata?Le cose cambiano sempre !
      O forse è un passo indietronon credo !
      • Anlan scrive:
        Re: Il punto della situazione.
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        In raltà non è propio il punto della

        situazione.

        Ho letto parecchi post di questo forum, ma

        alla fine non si arriva da nessuna parte.

        Ora voglio semplicemente chiedere un cosa.

        L'introduzione di questi supercomputer

        basati su linux, ha modificato la
        situazione

        esistente?

        Per qualcuno si.Aggiungerei per tutti: l'inserimento di nuove tecnologie o l'innovazione di quelle esistenti è comunque un bene.


        Ha portato dei miglioramenti?

        Certo. Chi sviluppa soluzioni avanzate, o
        comunque nuove, o comunque non "standard" ha
        uno strumento "nuovo" come linux da usare.Ripeto, per tutti. Nessuno vieta che, date le esperienze correnti la stessa Microsoft (intesa in questo senso come principe del "close") cambi rotta. L'importante, come sempre, è imparare a non denigrare ciò che non si conosce.
  • Anonimo scrive:
    Re: Cervelloni, vi sfugge una cosa
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    In questi settori non si sceglie GNU/Linux

    per questioni di costi di licenza, sarebbe

    ridicolo visto i soldi che si spendono.



    Si sceglie GNU/Linux perche' il suo codice

    e' stabile, ben documentato, ben scritto,

    modulare e soprattutto perche' e'
    totalmente

    customizzabile, senza dover rendere conto
    a

    nessuno e senza dover chiedere il
    permesso a

    nessuno.

    guarda che anche QUESTO si traduce in minori
    costiSi traduce in, ma non e' la motivazione principale ! anche se ti regalassero le licenze di windows, non sarebbe customizzabile e non potresti adattarlo alla tua architettura (che come in questo caso, non e' un'architettura proprio comune)
    • Anonimo scrive:
      Re: Cervelloni, vi sfugge una cosa
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo



      - Scritto da: Anonimo


      In questi settori non si sceglie
      GNU/Linux


      per questioni di costi di licenza,
      sarebbe


      ridicolo visto i soldi che si spendono.





      Si sceglie GNU/Linux perche' il suo
      codice


      e' stabile, ben documentato, ben
      scritto,


      modulare e soprattutto perche' e'

      totalmente


      customizzabile, senza dover rendere
      conto

      a


      nessuno e senza dover chiedere il

      permesso a


      nessuno.



      guarda che anche QUESTO si traduce in
      minori

      costi

      Si traduce in, ma non e' la motivazione
      principale ! anche se ti regalassero le
      licenze di windows, non sarebbe
      customizzabile e non potresti adattarlo alla
      tua architettura (che come in questo caso,
      non e' un'architettura proprio comune)stai confrontando mele con arance.Ormai è chiaro che microsoft è fuori mercato (ammesso che abbia solo provato a entrarci)Confronta Linux con uno unix proprietario, la cui esperienza di sfruttamento in cluster sia assodata.Il fatto di dover sottostare a cavilli di licenza per uso specifico limita il profitto finale, per cui il risparmio in investimento nel SO diventa un doppio risparmio in virtù della sua licenza libera.La possibilità di adattamento infinita che ha linux è una questione tecnica, ma senza il sostegno della licenza questi vantaggi durerebbero poco
      • Anonimo scrive:
        Re: Cervelloni, vi sfugge una cosa

        Confronta Linux con uno unix proprietario,
        la cui esperienza di sfruttamento in cluster
        sia assodata.

        Il fatto di dover sottostare a cavilli di
        licenza per uso specifico limita il profitto
        finale, per cui il risparmio in investimento
        nel SO diventa un doppio risparmio in virtù
        della sua licenza libera.

        La possibilità di adattamento infinita che
        ha linux è una questione tecnica, ma senza
        il sostegno della licenza questi vantaggi
        durerebbero pocoNon capisco il senso delle tue risposte, visto che stai dicendo la stessa identica cosa che ho detto nel post iniziale.cito testualmente :"Si sceglie GNU/Linux perche' il suo codice e' stabile, ben documentato, ben scritto, modulare e soprattutto perche' e' totalmente customizzabile, senza dover rendere conto a nessuno e senza dover chiedere il permesso a nessuno. "
        • Anonimo scrive:
          Re: Cervelloni, vi sfugge una cosa
          - Scritto da: Anonimo


          Confronta Linux con uno unix proprietario,

          la cui esperienza di sfruttamento in
          cluster

          sia assodata.



          Il fatto di dover sottostare a cavilli di

          licenza per uso specifico limita il
          profitto

          finale, per cui il risparmio in
          investimento

          nel SO diventa un doppio risparmio in
          virtù

          della sua licenza libera.



          La possibilità di adattamento infinita che

          ha linux è una questione tecnica, ma senza

          il sostegno della licenza questi vantaggi

          durerebbero poco

          Non capisco il senso delle tue risposte,infatti ci stai girando intorno senza afferrare:Io dico che i costi ridotti di linux sono il criterio vincente e anche tu, infatti dici che si sceglie Linux"soprattutto perche' e' totalmentecustomizzabile, senza dover rendere conto anessuno e senza dover chiedere il permesso anessuno. "Dal punto di vista economico, le due affermazioni"rendere conto" e " chiedere permesso" significano PAGARE altre LICENZE per adattare il codice preesistente alle specifiche esigenze della clientela.il fatto che tali fee non esistano permette di abbattere notevoli barriere economiche che ricadrebbero sulla clientela.Ecco che Linux conviene non solo per il costo del SO puro (costo nullo), ma anche perchè la sua adattabilità ai casi specifici non è "licenziabile" ulteriormente, permettendo agli operatori di fornire prodotti con minori oneri per il cliente.Ecco, infine, che l'adattabilità del codice si traduce in un nuovo vantaggio economico: con linux TUTTO costa meno
          • Anonimo scrive:
            Re: Cervelloni, vi sfugge una cosa


            Non capisco il senso delle tue risposte,

            infatti ci stai girando intorno senza
            afferrare:

            Io dico che i costi ridotti di linux sono il
            criterio vincente e anche tu, infatti dici
            che si sceglie Linux

            "soprattutto perche' e' totalmente
            customizzabile, senza dover rendere conto a
            nessuno e senza dover chiedere il permesso a
            nessuno. "

            Dal punto di vista economico, le due
            affermazioni

            "rendere conto" e " chiedere permesso"
            significano PAGARE altre LICENZE per
            adattare il codice preesistente alle
            specifiche esigenze della clientela.Questa e' una tua interpretazione personale.La mia frase non cita ne costi ne denaro da nessuna parte.Il senso e' che tu hai i sorgenti e non devi chiederli a nessuno, ed hai la liberta' di modificarli, senza chiedere permessi, firmare NDA soffocanti e rotture simili.
            il fatto che tali fee non esistano permette
            di abbattere notevoli barriere economiche
            che ricadrebbero sulla clientela.Su oggetti di quel tipo quanto influiscono i costi di licenza dell'os ? poco.
            Ecco che Linux conviene non solo per il
            costo del SO puro (costo nullo), ma anche
            perchè la sua adattabilità ai casi specifici
            non è "licenziabile" ulteriormente,
            permettendo agli operatori di fornire
            prodotti con minori oneri per il cliente.


            Ecco, infine, che l'adattabilità del codice
            si traduce in un nuovo vantaggio economico:
            con linux TUTTO costa menoCerto, nessuno lo nega. Ma la vera rivoluzione non e' il costo, ma la liberta. (tutto e sempre IMHO)
          • Anonimo scrive:
            Re: Cervelloni, vi sfugge una cosa
            - Scritto da: Anonimo

            Ecco, infine, che l'adattabilità del
            codice

            si traduce in un nuovo vantaggio
            economico:

            con linux TUTTO costa meno

            Certo, nessuno lo nega. Ma la vera
            rivoluzione non e' il costo, ma la liberta.
            (tutto e sempre IMHO)la libertà si traduce in minor costi
          • Anonimo scrive:
            Re: Cervelloni, vi sfugge una cosa
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Ecco, infine, che l'adattabilità del

            codice


            si traduce in un nuovo vantaggio

            economico:


            con linux TUTTO costa meno



            Certo, nessuno lo nega. Ma la vera

            rivoluzione non e' il costo, ma la
            liberta.

            (tutto e sempre IMHO)

            la libertà si traduce in minor costi HO CAPITO, CRISTO ! SI TRADUCE ANCHE CHE AL BOOT TI VIENE FUORI UN PINGUINO SULLO SCHERMO, MA CI SONO CASI IN CUI IL FATTORE PREPONDERANTE PER LA SCELTA NON E' IL PINGUINO SULLO SCHERMO.E ora basta. La tua ottusita' mi ha veramente annoiato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cervelloni, vi sfugge una cosa
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            Ecco, infine, che l'adattabilità del


            codice



            si traduce in un nuovo vantaggio


            economico:



            con linux TUTTO costa meno





            Certo, nessuno lo nega. Ma la vera


            rivoluzione non e' il costo, ma la

            liberta.


            (tutto e sempre IMHO)



            la libertà si traduce in minor costi


            HO CAPITO, CRISTO ! non urlare, altrimenti sembrerà che ti sei innervosito
            SI TRADUCE ANCHE CHE AL
            BOOT TI VIENE FUORI UN PINGUINO SULLO
            SCHERMO, MA CI SONO CASI IN CUI IL FATTORE
            PREPONDERANTE PER LA SCELTA NON E' IL
            PINGUINO SULLO SCHERMO.certo, c'è caso e caso, ma il fatto generale è che -maggiore libertà di utilizzo di codice produce -un numero maggiore di potenziali operatori, che produce -maggiore concorrenza cheproduceminori prezzi
  • Anonimo scrive:
    Beh, quale altro OS potrebbe...
    ... venir preso in considerazione per un tale compito ?Non certo quel giocattolino di uindos !
    • Anonimo scrive:
      Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
      Dalla lettura del forum si nota che c'e' un gruppo di linux fan (di cui alcuni si evidenziano per non sapere assolutamente cosa siano tecnicamente i cluster) che ripetono alla nausea che grazie a linux i computer per il super calcolo sono diventati economici (chi di noi non si puo' permettere un picci' con 2000 processori Itanium 2 e 7 tera di memoria??). Dall'altra parte gente che fa notare che linux o non linux non si parla di bruscolini. Trovatemi uno che sostenga che su questa macchina con 2000 processori ci voglia XP. Eppure i linux fan come si sentono minacciati attaccano con la crociata anti-MS (anche quando non era stata minimamente tirata in ballo). Un evidente complesso di inferiorita'.
      • Anonimo scrive:
        Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
        Diciamocelo, in un mondo di asini dove quasi mai il meglio ha successo (e uindos ne è un esempio lampante) i pochi illuminati che sanno cercano in tuti i modi di diffondere il verbo ad ogni occasione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
          lampante per te magari.Sugli asini concordo,alcuni ci sono, ben illuminati ovviamente
          Diciamocelo, in un mondo di asini dove quasi
          mai il meglio ha successo (e uindos ne è un
          esempio lampante) i pochi illuminati che
          sanno cercano in tuti i modi di diffondere
          il verbo ad ogni occasione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
        - Scritto da: Anonimo
        Dalla lettura del forum si nota che c'e' un
        gruppo di linux fan (di cui alcuni si
        evidenziano per non sapere assolutamente
        cosa siano tecnicamente i cluster) che
        ripetono alla nausea che grazie a linux i
        computer per il super calcolo sono diventati
        economici (chi di noi non si puo' permettere
        un picci' con 2000 processori Itanium 2 e 7
        tera di memoria??). Purtroppo è un vizio molto diffuso dei linux fan prendere maledettamente sul serio (e cronologicamente a rovescio) il noto aforisma "Apres moi, le deluge". Non solo quando si parla di supercalcolo, ma anche con asserzioni apodittiche tipo "solo linux ti insegna a capire il tuo PC": come a dire, noi poveri zucconi obsoleti che abbiamo acceso il nostro primo PET nel 1982, o scritto il primo programma in C su un PDP-11 l'anno successivo, ancora non avremmo capito come funziona il tutto se non arrivava Torvalds - il quale, detto per inciso, andrebbe preso didatticamente a calci nel culo tutti i giorni dispari solo per come osò rispondere al professor Tanenbaum qualche anno fa. Ci consoliamo pensando che probabilmente si tratta di parvenu, con poche eccezioni, a cui manca totalmente un pezzo di storia e di mercato della IT, che credono come Candide che il mondo coincida esclusivamente con ciò che conoscono, e niente più.
        • Anonimo scrive:
          Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
          - Scritto da: Anonimo
          Non solo quando si parla di supercalcolo, ma
          anche con asserzioni apodittiche tipo "solo
          linux ti insegna a capire il tuo PC": come a
          dire, noi poveri zucconi obsoleti che
          abbiamo acceso il nostro primo PET nel 1982,
          o scritto il primo programma in C su un
          PDP-11 l'anno successivo, ancora non avremmo
          capito come funziona il tutto se non
          arrivava Torvalds - il quale, detto per
          inciso, andrebbe preso didatticamente a
          calci nel culo tutti i giorni dispari solo
          per come osò rispondere al professor
          Tanenbaum qualche anno fa. Non credo che nessuno si sia spinto a questo livello.Sarebbe ridicolo.Non bisogna certo andare a scomodare i vecchi programmatori che a suo tempo lavorarono su calcolatori come il PDP-11 (sul quale comunque girava il SO Multics, dal quale poi è nato Unix)Ma se parliamo di "adesso" senza porre a confronto due programmatori ultra trentenni....non mi puoi confutare che"Utilizzando e studiando un SO di cui si ha a disposizione il codice sorgente ti puo' permettere di conoscere il funzionamento del sistema operativo,in maniera molto piu' approfondita rispetto allo studio di un SO closed (soprattutto quella ciofeca di uindius)"
          Ci consoliamo pensando che probabilmente si
          tratta di parvenu, con poche eccezioni, a
          cui manca totalmente un pezzo di storia e di
          mercato della IT, che credono come Candide
          che il mondo coincida esclusivamente con ciò
          che conoscono, e niente più.Non tutti possono vantare un esperienza pluri decennale. Molta gente stà iniziando ora con il l'informatica, e si trova davanti una situazione abbastanza catastrofica. Una situazione che abbiamo creato noi stessi.Certo conoscere la storia dell'informatica fa sempre bene.Ti aiuta a capire molte cose.Ma rimane sempre storia.La realtà è un altra.Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
          Torvalds - il quale, detto per
          inciso, andrebbe preso didatticamente a
          calci nel culo tutti i giorni dispari solo
          per come osò rispondere al professor
          Tanenbaum qualche anno fa. Visto come sono andate le cose, direi che il calcio nel culo (metaforicamente) se l'e' preso AST.
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo
            Torvalds - il quale, detto per

            inciso, andrebbe preso didatticamente a

            calci nel culo tutti i giorni dispari solo

            per come osò rispondere al professor

            Tanenbaum qualche anno fa.

            Visto come sono andate le cose, direi che il
            calcio nel culo (metaforicamente) se l'e'
            preso AST.Secondo il gnu-pensiero puro, Linux e' una sorta di "tappiamoci il naso" in attesa che Hurd diventi minimamente usabile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Torvalds - il quale, detto per


            inciso, andrebbe preso didatticamente a


            calci nel culo tutti i giorni dispari
            solo


            per come osò rispondere al professor


            Tanenbaum qualche anno fa.



            Visto come sono andate le cose, direi che
            il

            calcio nel culo (metaforicamente) se l'e'

            preso AST.


            Secondo il gnu-pensiero puro, Linux e' una
            sorta di "tappiamoci il naso" in attesa che
            Hurd diventi minimamente usabile.E quindi ?Non mi sembra proprio che a Linus interessi particolarmente il GNU-pensiero.Il dibattito era tra Linus e AST.
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo
            Visto come sono andate le cose, direi che il
            calcio nel culo (metaforicamente) se l'e'
            preso AST.Quel "visto come sono andate le cose" significa "dal momento che linux ha più installazioni del MINIX" ? I microkernel sono dovunque ci sia bisogno di fare le cose sul serio (RTOS hard realtime, Posix PSE 52..54). Dunque AST aveva perfettamente ragione, nella computer science rimane un gigante e torvalds un pigmeo, come d'altronde sapevamo già 10 anni fa. linux è teoreticamente irrilevante ed architetturalmente decotto, il suo "successo" non dice alcunché sulle qualità assolute - esattamente come il "successo" dei sistemi microsuk non dice niente sulla loro qualità o purezza. Continuiamo tranquillamente ad aspettare HURD giocherellando con OpenBSD.
      • Anonimo scrive:
        Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
        Il problema e', secondo me, in questi termini: conosco un paio di sistemisti, provenienti dall'epoca unix. Gente con le contro-palle. Con il passaggio a Linux rimangono gente con le contro-palle. Gente che conosce quello di cui parla e soprattutto che se gli si spieghi qualcosa che non conoscono stanno ad ascoltare ed imparano. Poi arrivano i ragazzetti linux-addicted che credono di sapere gia' tutto e si rifiutano di imparare altro. Io su questo non ho dubbi: nonostante la loro boria non troveranno mai un lavoro decente e soprattutto il verbo che osannano non sfondera' mai veramente, perche' quando andranno ad affrontare la vita reale, le loro reali capacita' verranno messe a durissima prova.- Scritto da: Anonimo
        Dalla lettura del forum si nota che c'e' un
        gruppo di linux fan (di cui alcuni si
        evidenziano per non sapere assolutamente
        cosa siano tecnicamente i cluster) che
        ripetono alla nausea che grazie a linux i
        computer per il super calcolo sono diventati
        economici (chi di noi non si puo' permettere
        un picci' con 2000 processori Itanium 2 e 7
        tera di memoria??). Dall'altra parte gente
        che fa notare che linux o non linux non si
        parla di bruscolini. Trovatemi uno che
        sostenga che su questa macchina con 2000
        processori ci voglia XP. Eppure i linux fan
        come si sentono minacciati attaccano con la
        crociata anti-MS (anche quando non era stata
        minimamente tirata in ballo). Un evidente
        complesso di inferiorita'.
        • Anonimo scrive:
          Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
          - Scritto da: Anonimo
          Il problema e', secondo me, in questi
          termini: conosco un paio di sistemisti,
          provenienti dall'epoca unix. Gente con le
          contro-palle. Con il passaggio a Linux
          rimangono gente con le contro-palle. Gente
          che conosce quello di cui parla e
          soprattutto che se gli si spieghi qualcosa
          che non conoscono stanno ad ascoltare edConcordo al 100%
          imparano. Poi arrivano i ragazzetti
          linux-addicted che credono di sapere gia'
          tutto e si rifiutano di imparare altro. Io
          su questo non ho dubbi: nonostante la loro
          boria non troveranno mai un lavoro decente e
          soprattutto il verbo che osannano non
          sfondera' mai veramente, perche' quando
          andranno ad affrontare la vita reale, le
          loro reali capacita' verranno messe a
          durissima prova.Qui invece allo 0%.Motivazione: chi sa usare linux (andando oltre alle varie GUI logicamente) vuol dire che sa cosa sta facendo.A differenza dell'amibiente di uindos dove tutto è comodo confortevole e a portata di asino e dove puoi permetterti di andare per tentativi (click click click) e dare eventualmente la colpa al sistema (eh si, si è impallato il sistema, ho dovuto reinstallare tutto e ho perso tempo, non è colpa mia !), in Linux le cose le sai o non le sai e se non le sai fai una figura di cacca.Quindi non esistono i ragazzetti che si sentono fighi solo perchè sanno installare linux, perchè questi individui una volta installato il sistema si rendono conto di non sapere neanche settare la risoluzione dello schermo se la loro scheda video non è ultrastandard e tornano immediatamente a uindos dove è tutto pappa pronta.
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo
            Qui invece allo 0%.
            Motivazione: chi sa usare linux (andando
            oltre alle varie GUI logicamente) vuol dire
            che sa cosa sta facendo.La chiara dimostrazione e' in questo forum. Espertoni che quando parli di "architettura del cluster" intendono "architettura del singolo processore". Mah... Evviva i nuovi espertoni.
          • Anlan scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo
            Qui invece allo 0%.
            Motivazione: chi sa usare linux (andando
            oltre alle varie GUI logicamente) vuol dire
            che sa cosa sta facendo.Esattamente come per Windows chi lo sa fare funzionaresa perfettamente quello che fa e conosce bene quello che c'è da sapere. Il problema è che Windows (purtroppo) ti permette anche (nota bene "anche") di lavorare alla cavolo provando qua e la: ma questo è un problema che attiene alla mentalità dei tonti (in massima parte) non solo alla qualità del sistema.
            A differenza dell'amibiente di uindos dove
            tutto è comodo confortevole e a portata di
            asino Già .... è una feature in più di Windows (dannosa concordo) che in Linux non c'è.
            e dove puoi permetterti di andare per
            tentativi (click click click) e dare
            eventualmente la colpa al sistema (eh si, si
            è impallato il sistema, ho dovuto
            reinstallare tutto e ho perso tempo, non è
            colpa mia !), Solo i rimbambiti formattano e ripartono da zero il che è solo a conferma che non hanno la più pallida idea di cosa sia successo e del perchè. Allora cosa fanno ? Ripetiamo.
            in Linux le cose le sai o non
            le sai e se non le sai fai una figura di
            cacca.Per Windows è pure peggio... se non le sai fai una figura di stra-cacca. E comunque è un ragionamento che dovrebbe avere valenza assoluta in informatica come nelle altre professioni: andare avanti per tentativi senza cognizione di causa è semplicemente da stupidi.
            Quindi non esistono i ragazzetti che si
            sentono fighi solo perchè sanno installare
            linux, perchè questi individui una volta
            installato il sistema si rendono conto di
            non sapere neanche settare la risoluzione
            dello schermo se la loro scheda video non è
            ultrastandard e tornano immediatamente a
            uindos dove è tutto pappa pronta.Magari .... solo gli stolti si affidano ai wizard (fatta salva la considerazione per i driver).
      • Anonimo scrive:
        Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
        - Scritto da: Anonimo
        Dalla lettura del forum si nota che c'e' un
        gruppo di linux fan (di cui alcuni si
        evidenziano per non sapere assolutamente
        cosa siano tecnicamente i cluster) dalla lettura del forum si nota, invece, che ci sono del win-maniac c facili a l knock-out. Appena si cita un limite d'uso di uindos scalpitano e fremono. intolleranti al limite del loro giocattolino.E come si incapperano se gli si fa notare che uindos COSTA più di Linux!!!
        computer per il super calcolo sono diventati
        economici esatto. I cluster non sono più appannaggio di aziende megacostose
        (chi di noi non si puo' permettere
        un picci' con 2000 processori Itanium 2 e 7
        tera di memoria??). se credi che il supercalcolo si faccia solo a partire da queste caratteristiche sei fritto. E tu sei quello che si spaccia per esperto di cluster?
        Dall'altra parte gente
        che fa notare che linux o non linux non si
        parla di bruscolini. con PC simil-intel sono più bruscolini di quel che dici
        crociata anti-MS (anche quando non era stata
        minimamente tirata in ballo).ovviamente microsoft non c'entra nulla, ma il suo proprietario si spaccia per grande Sacerdote della Tecnologia. e si presta a grandi risateOvvero: la strada che porta al futuro non passa più per Redmond?
        Un evidente
        complesso di inferiorita'.inferiorità di costi e di condanne anti-trust sicuramente
        • Anonimo scrive:
          Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
          - Scritto da: Anonimo
          dalla lettura del forum si nota, invece, che
          ci sono del win-maniac c facili a l
          knock-out. Appena si cita un limite d'uso di
          uindos scalpitano e fremono. intolleranti al
          limite del loro giocattolino.

          E come si incapperano se gli si fa notare
          che uindos COSTA più di Linux!!!Trovami qualcuno che dica di mettere Xp, sulla macchina in oggetto.


          computer per il super calcolo sono
          diventati

          economici

          esatto. I cluster non sono più appannaggio
          di aziende megacostoseHai presente quanto costa la macchina della notizia?

          (chi di noi non si puo' permettere

          un picci' con 2000 processori Itanium 2 e
          7

          tera di memoria??).

          se credi che il supercalcolo si faccia solo
          a partire da queste caratteristiche sei
          fritto. E tu sei quello che si spaccia per
          esperto di cluster?Cioe'? Prendere due macchine dalla cantina lo chiami supercalcolo?



          Dall'altra parte gente

          che fa notare che linux o non linux non si

          parla di bruscolini.

          con PC simil-intel sono più bruscolini di
          quel che diciAllora ti do il mio indirizzo. Fammi avere 2000 processori amd entro domani mattina (a gratis, naturalmente). Grazie.

          crociata anti-MS (anche quando non era
          stata

          minimamente tirata in ballo).

          ovviamente microsoft non c'entra nulla, ma
          il suo proprietario si spaccia per grande
          Sacerdote della Tecnologia. e si presta a
          grandi risate
          Di nuovo? Chi l'ha nomitata? Che centra Gates con l'argomento? Bah... Ormai vivete solo per contrapporvi a MS.
          Ovvero: la strada che porta al futuro non
          passa più per Redmond?Queste frasette ad effetto non aumentano certo le tue conoscenza.


          Un evidente

          complesso di inferiorita'.

          inferiorità di costi e di condanne
          anti-trust sicuramente
        • Anonimo scrive:
          Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
          - Scritto da: Anonimo
          esatto. I cluster non sono più appannaggio
          di aziende megacostoseMi fai qualche esempio concreto? *CONCRETO*, mi raccomando.
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            esatto. I cluster non sono più appannaggio

            di aziende megacostose

            Mi fai qualche esempio concreto? *CONCRETO*,
            mi raccomando.Ti rispondo io. Un esempio concreto casalingo.8 PC dual amd, ognuno con 1 Giga di memoria rame con 3 schede gigabit ethernet Ci fai un cluster casalingo.Alla portata di tutti (come puo' esserlo una macchina naturalmente)A che mi servono 2000 processori?
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo




            esatto. I cluster non sono più
            appannaggio


            di aziende megacostose



            Mi fai qualche esempio concreto?
            *CONCRETO*,

            mi raccomando.

            Ti rispondo io.
            Un esempio concreto casalingo.

            8 PC dual amd, ognuno con 1 Giga di memoria
            ram
            e con 3 schede gigabit ethernet
            Ci fai un cluster casalingo.
            Alla portata di tutti (come puo' esserlo una
            macchina naturalmente)
            Questo e' una bambinata, non un esempio. Come esempio del discorso in oggetto volevo il link al listino del produttore che mi dicesse:macchina con 2000 processori con linux costo X, stessa macchina con IBM AIX costo Y, con X
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo
            Questo e' una bambinata, non un esempio.
            Come esempio del discorso in oggetto volevo
            il link al listino del produttore che mi
            dicesse:
            macchina con 2000 processori con linux costo
            X,
            stessa macchina con IBM AIX costo Y,
            con X uno straccio di riscontro alle affermazioni
            di cui sopra (linux rede queste macchine da
            2000 processori alla portata di tutti). ma
            hai seguito il thread o rispondi a casaccio?Ho provato a seguire questo thread delirante....Le informazioni che cerchi non te le posso fornire.Sono un semplice privato, non rappresento nessuna fondazione o ente. Quindi mi viene un attimo difficile chiedere un preventivo per macchine di quella portata. (oppure tu ti aspettavi di trovarle sugli scaffali al supermercato).
            Hai provato a fare due conti di quanti flops
            ti danno (teoricamente) 2000 itanium 2
            contro 8?Certo. Volevo fare semplicemente un esempio per mostrare come questa sia una tecnologia applicabileanche in contesti piu' piccoli, non solo nel supercalcolo scientifico.Questo per dire che effettivamente ora e possibile realizzare delle macchine con una potenza molto elevata. Una potenza che prima era riservata ad una manciata di aziende nel mondo.


            A che mi servono 2000 processori?

            Ah, non lo so... prova a chiederlo a quelli
            che stanno comprando i sistemi della notizia
            in oggetto. Magari ti rispondono "che
            stupidi che siamo, ci bastano 8 amd. Meno
            male che ce l'hai detto tu".Certo, infatti andiamo tutti in giro con delle ferrari da formula uno.io ho una mia bella utilitaria. Non mi serve un missile per andare al lavoro.allo stesso modo non mi serve a nulla un cluster con 2000 processori.
            P.S. Noto comunque che per te "cluster==piu'
            macchine in rete". Mamma mia...Certo, e senza le schede di rete come faccio a far comunicare i miei 8 pc? Con dei pony express?
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo
            Le informazioni che cerchi non te le posso
            fornire.
            Sono un semplice privato, non rappresento
            nessuna fondazione o ente. Quindi mi viene
            un attimo difficile chiedere un preventivo
            per macchine di quella portata. (oppure tu
            ti aspettavi di trovarle sugli scaffali al
            supermercato).Ma va? ma davvero? Allora su quale fonte si basa l'affermazione di cui sopra (linux rende il super calcolo alla portata di tutti)?

            Hai provato a fare due conti di quanti
            flops

            ti danno (teoricamente) 2000 itanium 2

            contro 8?

            Certo. Volevo fare semplicemente un esempio
            per mostrare come questa sia una tecnologia
            applicabile
            anche in contesti piu' piccoli, non solo nel
            supercalcolo scientifico.Nel supercalcolo scientifico hai ancora bisogno di quei mostri. Nelle situazioni "normali" ormai ci sono ben altre tecniche. Ad esempio le prime web-farm che stavano dietro a grossi siti puntavano ai cluster. Poi dopo infiniti mal di testa si e' passati ad un router della cisco da due soldi e dotato di load balancing e 10 server normalissimi.

            P.S. Noto comunque che per te
            "cluster==piu'

            macchine in rete". Mamma mia...

            Certo, e senza le schede di rete come faccio
            a far comunicare i miei 8 pc? Con dei pony
            express?Ma Signore altissimo? I due processori dual amd che hai citato prima come credi che parlino tra di loro sulla stessa piastra? Ciascuno con una scheda di rete ed un cavo incrociato tra di loro?!???!?? Ma dai....E le piastre da 16 processori? Ci mettiamo un hub??!!???!!!!??!?!? Un consiglio. Fai una ricerca vera su cosa siano i cluster... la tua idea e' a dir poco semplicistica.
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo
            Ma Signore altissimo? I due processori dual
            amd che hai citato prima come credi che
            parlino tra di loro sulla stessa piastra?
            Ciascuno con una scheda di rete ed un cavo
            incrociato tra di loro?!???!?? Ma dai....E
            le piastre da 16 processori? Ci mettiamo un
            hub??!!???!!!!??!?!? Un consiglio. Fai una
            ricerca vera su cosa siano i cluster... la
            tua idea e' a dir poco semplicistica.Certo che è semplicistica.volutamente.Quindi suppongo che per il supercomputer con 2000 processori itanium 2 abbiano usato una scheda "piastra"capace di ospitare 2000 processori.
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            Si, volutamente... ah... ah...Comunque ti do una bella notizia. La macchina in oggetto non si basa ne su 2000 processori su una piastra ne su una connessione di rete stile ethernet. Lascio a te scoprire come funziona e come si fa a scirver un programma per questa architettura.
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            Senza meno!
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo
            8 PC dual amd,
            e con 3 schede gigabit ethernet Giusto per farmi capire... Tu consideri l'esecuzione di un programma smp (macchine multiprocessore) alla esecuzione distribuita in rete? O forse hai detto dual "perche' cosi' i nodi sono piu' veloci". Mi sa che hai un po' di confusione in testa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...

            Giusto per farmi capire... Tu consideri
            l'esecuzione di un programma smp (macchine
            multiprocessore) alla esecuzione distribuita
            in rete? O forse hai detto dual "perche'
            cosi' i nodi sono piu' veloci". Mi sa che
            hai un po' di confusione in testa.Nuon sfruttrare entrambe le cose? Dual processing per nodo per 8 nodi... non vedo il problema...
          • Anonimo scrive:
            Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
            - Scritto da: Anonimo
            8 PC dual amd, ognuno con 1 Giga di memoria
            ram
            e con 3 schede gigabit ethernet
            Ci fai un cluster casalingo.
            Alla portata di tutti (come puo' esserlo una
            macchina naturalmente)Se speri di fare ricerca sulla biologia molecolare con questa roba puoi lanciare il programma e far tornare tuo nipote a controllare se sono usciti i risultati
      • Anonimo scrive:
        Re: Beh, quale altro OS potrebbe...

        Eppure i linux fan
        come si sentono minacciati attaccano con la
        crociata anti-MS (anche quando non era stata
        minimamente tirata in ballo). Un evidente
        complesso di inferiorita'.Dei linux fan non hai capito nulla.Non si tratta di un complesso di inferiorita', bensi' di (schiacciante) inferiorita' nel numero di OS installati. E' ben diversa la cosa.I linuxiani casomai hanno un complesso di superiorita'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
      Vedi, qui nessuno nega che linux sia adatto ad essere utilizzato in questo progetto. Solo si fa notare che e' un sogno sperare di scarichare una iso da linuxiso o farsi un giretto su sourceforge per avere automaticamente, immediatamente e gratis, qualcosa che funzioni (e bene) su questo sistema. Il fatto di tirare fuori l'anti-microsoftismo appena vi sentite incerti deve essere una reazione stile cane di pavlov.
      • Anonimo scrive:
        Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
        - Scritto da: Anonimo
        Vedi, qui nessuno nega che linux sia adatto
        ad essere utilizzato in questo progetto.Vorrei ben vedere...
        Solo si fa notare che e' un sogno sperare di
        scarichare una iso da linuxiso o farsi un
        giretto su sourceforge per avere
        automaticamente, immediatamente e gratis,
        qualcosa che funzioni (e bene) su questo
        sistema. Il fatto di tirare fuoriSe parli degli altri messaggi di questo forum posso concordare che l'argomento è in teressante, ma evidentemente è UN ALTRO ARGOMENTO.Il poster originale di questo thread ha creato un ALTRO ARGOMENTO, ovvero come micro$ukk non potrà mai competere con linux in campi come questo.Non è che adesso siccome uno tira fuori un argomento interessante in un forum allora TUTTI i messaggi debbano trattare lo stesso.
        l'anti-microsoftismo appena vi sentite
        incerti deve essere una reazione stile cane
        di pavlov.No, è una semplice reazione/risposta/contrattacco all'enorme mole di FUD che micro$kiff sta portando avanti da anni nei confronti dei competitor che non può affossare in altro modo.Personalmente continuerò sempre ed in ogni situazione ad illustrare agli altri la superiorità dei sistemi operativi VERI rispetto a quel giocattolino di uindos.
        • Anonimo scrive:
          Re: Beh, quale altro OS potrebbe...
          - Scritto da: Anonimo

          Personalmente continuerò sempre ed in ogni
          situazione ad illustrare agli altri la
          superiorità dei sistemi operativi VERI
          rispetto a quel giocattolino di uindos.E quali sarebbero i SO "veri" ? Tru64, HP-UX, Irix, magari AIX e VMS, Plan9, Inferno e i vari RTOS, QNX in testa... sì, di questi si può illustrare la superiorità rispetto a winbug, è come sparare sulla croce rossa.
  • Anonimo scrive:
    E ancora problemi di licenza
    Visto che è assodato che nel clustering spinto io avrò un SO completamente customizzato per l'applicazione stessa, dove lo scarico il sorgente modificato di linux e delle varie utility che vendono a peso d'oro insieme all'hardware?Non vorranno farci credere anche loro (in redhat style) che la versione del loro SO per cluster è identica a quella scaricabile da kernel.org?? (senza contare le modifiche necessarie a tutto, anche a ls per poter gestire correttamente la parallelizzazione).Il succo della storia: ma sti sorgenti dove stanno? se non ci sono perché non ci sono? Che fa la FSF?PS: è da scludere che usino un openmosix preso dal sito o una qualsiasi iso di linux scaricata da un ftp, quindi saccentoni astenetevi e tornate a studiare.
    • KerNivore scrive:
      Re: E ancora problemi di licenza
      - Scritto da: Anonimo
      Visto che è assodato che nel clustering
      spinto io avrò un SO completamente
      customizzato per l'applicazione stessa, dove
      lo scarico il sorgente modificato di linux e
      delle varie utility che vendono a peso d'oro
      insieme all'hardware?Si e' gia' detto mille volte.I sorgenti non te li _DEVONO_ dare.Devono darti la possibilita' di averli, se li vuoi e li richiedi esplicitamemte.Volendo, possono anche farteli pagare, ma un prezzo giusto.Ora, se avessi la bonta' di leggerti la GPL, eviteresti di postare cose inutili e di farci perdere tempo tutte le volte di rispiegare le stesse cose.Grazie.
      • Anonimo scrive:
        Re: E ancora problemi di licenza

        Si e' gia' detto mille volte.

        I sorgenti non te li _DEVONO_ dare.

        Devono darti la possibilita' di averli, se
        li vuoi e li richiedi esplicitamemte.
        E solo se ti hanno consegnato l'eseguibile. Non sono tenuti a dare il sorgente al mondo, però può farlo chi il sorgente lo riceve, e non ci possono essere NDA aggiuntivi.
        Volendo, possono anche farteli pagare, ma un
        prezzo giusto.Il solo costo dei supporti e/o del trasferimento, perchè il senso è che tu hai già pagato per i sorgenti quando hai pagato per l'eseguibile.Solo per mania di precisione ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: E ancora problemi di licenza
        - Scritto da: KerNivore
        Devono darti la possibilita' di averli, se
        li vuoi e li richiedi esplicitamemte.La "possibilità" implica anche che ti rispondano picche?
        Volendo, possono anche farteli pagare, ma un
        prezzo giusto.Ok, se vuoi i sorgenti del mio programmino sotto GPL mi dai in milione di euro. Io lo ritengo un prezzo giusto.
        • KerNivore scrive:
          Re: E ancora problemi di licenza
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: KerNivore


          Devono darti la possibilita' di averli, se

          li vuoi e li richiedi esplicitamemte.

          La "possibilità" implica anche che ti
          rispondano picche?NO. Se una la chiede la deve avere.Perche' invece che insinuare, e fare FUD in continuazione non ti leggi una buona volta la GPL ?


          Volendo, possono anche farteli pagare, ma
          un

          prezzo giusto.

          Ok, se vuoi i sorgenti del mio programmino
          sotto GPL mi dai in milione di euro. Io lo
          ritengo un prezzo giusto.b) Il Programma sia accompagnato da un'offerta scritta, valida per almenotre anni, di fornire a chiunque ne faccia richiesta una copia completa delcodice sorgente, in una forma leggibile dal calcolatore, in cambio di uncompenso non superiore al costo del trasferimento fisico di tale copia, chedeve essere fornita secondo le regole dei precedenti commi 1 e 2 su di unmezzo comunemente usato per lo scambio di programmi
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            Redhat standard a 170 euro è un costo equo? Non mi parlate che vi fanno pagare l'assistenza, che la GPL dice chiaramente che al massimo ci affianchi un'assicurazione (che ti tutela da malfunzionamenti del software) e nient'altro. Anche Redhat viola GPL.Senza contare che è da illusi pensare che il "servizio di assistenza di 24 ore" possa avere il valore di 170 euro. Senza contare che NON LO VENDONO SEPARATAMENTE.Quindi usano Linux come un comunissimo e volgarissimo prodotto commerciale per farci del reddito. Ma loro sono bravi perché ci vogliono liberi.Di fargli fare i soldi.PS: il fatto che RH standard la trovo su internet non vuol dire nulla. Se me la fanno pagare per averla recapitata a casa dovrebbero includere (almeno per non violare apertamente GPL) una versione che costi semplicemente il costo del CD e della spedizione (ovviamente non pretendo manuali e scatola).
          • KerNivore scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            - Scritto da: Anonimo
            Redhat standard a 170 euro è un costo equo? La GPL dice che chiunque puo' vendere i binari al prezzo che vuole il costo equo si applica ai sorgenti.RIPETO : Invece che perdere tempo ad insuniare, ad infangare, a dire questo viola di qua, questo viola di la ecc, perdete 5 maledetti minuti e leggetevi la GPL.
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            - Scritto da: KerNivore

            - Scritto da: Anonimo

            Redhat standard a 170 euro è un costo
            equo?

            La GPL dice che chiunque puo' vendere i
            binari al prezzo che vuole il costo equo si
            applica ai sorgenti.

            RIPETO : RIPASTO (per favore leggi, please)È possibile richiedere un pagamento per il trasferimento fisico di unacopia del Programma, è anche possibile a propria discrezionerichiedere un pagamento in cambio di una copertura assicurativa.COPIA DEL PROGRAMMA non DEL CODICE SORGENTE DEL PROGRAMMA. Di cui si parla nel paragrafo primaE' nel punto 1.Non a caso nel secondo paragrafo si parla di assicurazioni che creino un costo aggiuntivo. Se RH mi fornisse un linux su cui c'è una polizza di assicurazione in caso di malfunzionamento avrebbe ragione. Se RH mi offre un linux a 170 euro sino a 5000 euro ed oltre sta violando la GPL. E, diciamocelo chiaramente, se quel prezzo è motivato perché offre qualcosa in più e quel qualcosa in più non lo trovi senza i prodotti open vuol dire che strumentalizza l'open per ottenere un guadagno economico che altrimenti non avrebbe (non penso che possa campare molto se vendesse a 150 euro il software di setup di RH standard, considerando che i tool di configurazione una volta installati sono quelli di KDE o Gnome ormai e loro non ne sviluppano più da anni). Faccio notare che usare un qualcosa che dovrebbe essere venduto sotto altri termini per vendere qualcosa che in realtà non ha il valore economico per cui viene venduto è un reato perseguibile penalmente. Indipendentemente dalla GPL.Se io prendo un cd di roba freeware (non open) e lo vendo a 1000 euro io sono in aperta violazione del concetto di freeware (che implica ridistribuibilità a pagamento per rientrarci dei soli costi di distribuzione, cosa da cui la GPL si è giustamente ispirata) e posso essere perseguibile penalmente (il mio ammassare roba gratis non potrebbe essere venduto senza la roba gratis di cui sopra).
            Invece che perdere tempo ad
            insuniare, ad infangare, a dire questo viola
            di qua, questo viola di la ecc, perdete 5
            maledetti minuti e leggetevi la GPL.Se fossi in te Io per sicurezza me la rileggerei, stai facendo molta confusione a ricordare a memoria un documento così convoluto...Ah, ti faccio notare anche che io posto stralci di GPL che tu hai detto hanno valenza legale. tu usi le tue parole. Sei al di sopra della legge?
          • pippo75 scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza

            Se RH mi offre un linux a 170 euro sino a
            5000 euro ed oltre sta violando la GPL. E,nel preambolo si parla di"Quando si parla di software libero (free software), ci si riferisce alla libertà, non al prezzo..... "
            Se io prendo un cd di roba freeware (non
            open) e lo vendo a 1000 euro io sono in
            aperta violazione del concetto di freeware
            (che implica ridistribuibilità a pagamento
            per rientrarci dei soli costi di
            distribuzione, cosa da cui la GPL si è
            giustamente ispirata) e posso essere
            perseguibile penalmente (il mio ammassare
            roba gratis non potrebbe essere venduto
            senza la roba gratis di cui sopra).
            neanche per idea, il freeware lo vendi come vuoi, tranne nel caso (cosa molto diffusa) in cui l'autore mette nella licenza il fatto che il programma non puo' essere venduto se non al prezzo del supporto piu' un piccolo contributo di rimborso spese.
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            Allora sulla GPL punto 1 paragrafo 2 si dice che il programma può essere distribuito al semplice costo di trasporto con al massimo un costo aggiuntivo dovuto alla fornitura di eventuali ASSICURAZIONI.RH non fornisce assicurazioni sui suoi prodotti, quindi lascia stare, per favore. Va bene che uno vuole notorietà, ma i patti col diavolo prima o poi si fanno rimpiangere.Se vuoi puoi smentirmi citandomi un passo della GPL, qui tutti a dirmi che nn so leggere, che sono un ignorante ma voi dite "NO", "SBAGLIATO", "dici un sacco di vaccate". Eppure cito il vostro vangelo. Ammesso che sia lo stesso e voi lo conosciate. Anche gli inquisitori erano cattolici, alla fine.Ah, e per favore non riscrivere anche il significato di freeware e shareware.Il freeware, come lo shareware implicano ridistribuzione gratuita o con al massimo il rientro delle spese di diffusione. Sta cosa la sa chiunque freqentava le BBS (quando termini e relative "licenze" furono coniate). Non ci sono mai state licenze vessatorie ma è sempre stato di comune accordo che non ci si potesse far pagare per nulla che fosse shareware o freeware, se non per rientrarci dei costi di distribuzione (qui free vuol dire "gratis" e share vuol dire "condividere"). Altrimenti si sarebbero chiamati payware, non credi?Per questo lo share/freeware venne sempre snobbato dalle società money-oriented: nessuno può fare tanti soldi facendo la cresta sulle spese di spedizione guadagnandoci (all'epoca) 1 o 2 mila lire. Lo so che è difficile da mandare giù ma se la ID avesse permesso che il demo di doom venisse venduto a 50 mila lire non avrebbe mai fatto i soldi e la strada che ha fatto. Considerando anche il fatto che i giochi per PC shareware a quel tempo non avevano alcuna copy protection. E la pirateria su Doom, nonostante l'estremo successo, fu devastante (il 90% delle copie usate erano pirata, ricordate l'appello aggiunto dalla versione 1.2 al momento dell'avvio di chiamare un numero per denunciare le copie pirata?).E' per questo che all'inizio dei 90 (beh, diciamo quasi metà dei 90) circolavano quelle belle compilation a prezzi mini (all'epoca erano 9.900 lire, un cavolo se confrontato con le BBS italiane non sempre fornitissime e i modem ultralenti e le bollette salatissime) imbottite di software free o share. Alla fine il margine ce lo facevano lo stesso ma non era eccessivo. Era fichissimo trovarci le novità della 3d realms, della apogee e della neonata ID. Ne ho ancora parecchi, più che altro per collezione. Mi ricordo che uscì anche una rivista, mi pare si chiamasse Gigabyte che si coccupava solo di free e shareware e faceva le recensioni di queste raccolte dei programmi disponibili in rete. All'epoca era uno dei soli modi per chi aveva un PC di poter "toccare con mano" cosa era internet. All'epoca anche linux costava poco (10-15 mila), anche se era poco + che un embrione e al max trovavi i cd della debian sugli scaffali di pergioco.Chissà dove sarebbero adesso se saltava fuori il classico capitalista nazional popolare a dire che ci si doveva speculare sopra (in nome di libertà, democrazia e diffusione volta alla conquista del mondo) alla faccia di chi aveva lavorato a quei software che fecero la storia...Non riuscirò mai a capire se la vostra è ignoranza della "storia" informatica, semplice ignoranza da utente del pc dell'ultim'ora o semplicemente nostalgia di lotte politiche e ideologie sterili per lo più combattute contro i mulini a vento.
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            - Scritto da: Anonimo
            Allora sulla GPL punto 1 paragrafo 2 si dice
            che il programma può essere distribuito al
            semplice costo di trasporto con al massimo
            un costo aggiuntivo dovuto alla fornitura di
            eventuali ASSICURAZIONI."1. You may copy and distribute verbatim copies of the Program's source code as you receive it, in any medium, provided that you conspicuously and appropriately publish on each copy an appropriate copyright notice and disclaimer of warranty; keep intact all the notices that refer to this License and to the absence of any warranty; and give any other recipients of the Program a copy of this License along with the Program.You may charge a fee for the physical act of transferring a copy, and you may at your option offer warranty protection in exchange for a fee."http://www.gnu.org/licenses/gpl.htmlSe l'inglese non è un opinione questo e quello che dici sono due cose ben diverse. La GPL dice che tu per trasferire la copia puoi farti pagare. Non dice quanto ti devi far pagare...Poi confondi la GPL con la SAI... infatti la GPL dice che quando distribuisci il software puoi offrire una garanzia e non che lo devi distribuire al costo di un'assicurazione....Se la cosa non ti è chiara vatti a guardare le faq:http://www.gnu.org/licenses/gpl-faq.htmlIn particolare:http://www.gnu.org/licenses/gpl-faq.html#DoesTheGPLAllowMoneyDove si afferma:"there is no limit on what price you can charge" .....
            Se vuoi puoi smentirmi citandomi un passo
            della GPL, qui tutti a dirmi che nn so
            leggere, che sono un ignorante ma voi dite
            "NO", "SBAGLIATO", "dici un sacco di
            vaccate". Eppure cito il vostro vangelo.
            Ammesso che sia lo stesso e voi lo
            conosciate. Anche gli inquisitori erano
            cattolici, alla fine.Non citi il "Vangelo"... fai una traduzione malfatta della GPL...
            Ah, e per favore non riscrivere anche il
            significato di freeware e shareware.Questo discorso è totalmente privo di significato in quanto GPL non vuol dire ne freeware e ne tantomeno shareware.........
            (qui free vuol dire "gratis" e share vuol
            dire "condividere"). Altrimenti si sarebbero
            chiamati payware, non credi?Nella GPL free vuol dire libero e non gratuito...``Free software' is a matter of liberty, not price. To understand the concept, you should think of `free as in free speech,' not as in free beer.''http://www.gnu.org/philosophy/free-sw.html.....
            Non riuscirò mai a capire se la vostra è
            ignoranza della "storia" informatica,
            semplice ignoranza da utente del pc.....Già.... il problema è proprio l'ignoranza....
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            Quindi professore vuoi farmi credere che quando la red hat mi costa 170 euro è perché mi forniscono il software ai semplici costi di trasporto e mi danno una garanzia (che se uso assicurazione tu che sei limitato pensi alle polizze) contro eventuali danni?Non vedo deve stava la traduzione fatta male.Ci si attacca a tutto pur di avere ragione?PS: sei ufficialmente invitato a casa mia a vedere una delle prime debian e casse di raccolte per il software shareware a 9.900 lire (per lo + comperate in edicola) (ne ho esattamente 254). Ricordati che l'italia era il posto dove ai tempi del c64 i giochi pirata uscivano in edicola. Non puoi meravigliarti se esisteva qualcuno che speculava sullo share/freeware. Che comunque non prevede la possibilità di essere rivenduto con costi addizionali.
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            - Scritto da: Anonimo
            Quindi professore vuoi farmi credere che
            quando la red hat mi costa 170 euro è perché
            mi forniscono il software ai semplici costi
            di trasporto e mi danno una garanzia (che se
            uso assicurazione tu che sei limitato pensi
            alle polizze) contro eventuali danni?

            Non vedo deve stava la traduzione fatta male.

            Ci si attacca a tutto pur di avere ragione?
            La redhat ti fa pagare 170 euro o quello che è perché fisicamente (sui cd) ti fornisce il software e ti offre dell'assistenza. Dove leggi che quelli sono i costi di trasporto non lo so...
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Quindi professore vuoi farmi credere che

            quando la red hat mi costa 170 euro è
            perché

            mi forniscono il software ai semplici
            costi

            di trasporto e mi danno una garanzia (che
            se

            uso assicurazione tu che sei limitato
            pensi

            alle polizze) contro eventuali danni?



            Non vedo deve stava la traduzione fatta
            male.



            Ci si attacca a tutto pur di avere
            ragione?



            La redhat ti fa pagare 170 euro o quello che
            è perché fisicamente (sui cd) ti fornisce il
            software e ti offre dell'assistenza. Dove
            leggi che quelli sono i costi di trasporto
            non lo so...Sulla GPL (punto 1 paragrafo 2) c'è scritto che il programma si può vendere solo coprendo i costi di trasporto e eventuali garanzie che fornisce il produttore.Se masterizzare una iso e spedirla costa 170 euro allora scusa.Se l'assistenza tecnica fosse una garanzia allora scusa. Ma non lo è perché se non sanno risolvere il mio problema non è che vengono a casa o che altro.Vendere un prodotto che DEVE costare poco in bundle con qualcosa che costerebbe tanto (secondo i produttori) ma che non ha alcun valore di acquisto a sé stante (infatti la RH non vende linux senza assistenze né tantomeno l'assistenza seza linux, specie nella versione desktop) è reato. Anche abbastanza grave. Si strumentalizza il prodotto altresì molto economico per maggiorarne il prezzo con qualcosa che, in pratica, non è vendibile separatamente perché non ha la dignità di un prodotto commerciale.Inoltre i bundle dovrebbero essere vietati se non è possibile acquisire i prodotti separatamente. O almeno così è stato sempre imposto alla MS che produce i singoli programmi di office (che non compra nessuno separati) solo per onorare quelle che sono le leggi economiche mondiali. Che sembrano valere solo per lei.
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            - Scritto da: Anonimo
            Sulla GPL (punto 1 paragrafo 2) c'è scritto
            che il programma si può vendere solo
            coprendo i costi di trasporto e eventuali
            garanzie che fornisce il produttore.
            No, assolutamente no. Evidentemente studiare un po' di più l'inglese non ti farebbe male."1. You may copy and distribute verbatim copies of the Program's source code as you receive it, in any medium, provided that you conspicuously and appropriately publish on each copy an appropriate copyright notice and disclaimer of warranty; keep intact all the notices that refer to this License and to the absence of any warranty; and give any other recipients of the Program a copy of this License along with the Program.You may charge a fee for the physical act of transferring a copy, and you may at your option offer warranty protection in exchange for a fee." Ora mi sai dire dove c'è scritto "coprire i costi di trasporto"?C'è scritto che *puoi* farti pagare per *l'atto* fisico di dare una copia e/o per offrire una garanzia.Non c'è scritto da nessuna, e dico nessuna parte che quello che ti fai pagare è per "coprire dei costi di trasporto". Hai mai pensato che ti fai pagare, che ne so, una cosa chiamata "sviluppo" del software? Oppure la personalizzazione? Pensi che se un committente ti commissiona un programma e lo vuole licenziato GPL tu sia obbligato a darglielo per 5 cents?
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            - Scritto da: Anonimo....
            Ci si attacca a tutto pur di avere ragione?Mah... uno le cose te le dice... ti fa vedere pure il link (che non leggi)....più di così....
            PS: sei ufficialmente invitato a casa mia a
            vedere una delle prime debian e casse di
            raccolte per il software shareware a 9.900
            lire (per lo + comperate in edicola) (ne ho
            esattamente 254). Come dicono a Roma non me ne può fregar di meno.....
            Ricordati che l'italia era il posto dove ai
            tempi del c64 i giochi pirata uscivano in
            edicola. Non puoi meravigliarti se esisteva
            qualcuno che speculava sullo share/freeware.
            Che comunque non prevede la possibilità di
            essere rivenduto con costi addizionali.Tutte belle cose che non centrano un cazzo con il discorso sulla GPL....
          • pippo75 scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            - Scritto da: Anonimo
            Allora sulla GPL punto 1 paragrafo 2 si dice
            che il programma può essere distribuito al
            semplice costo di trasporto con al massimo
            un costo aggiuntivo dovuto alla fornitura di
            eventuali ASSICURAZIONI."puo'" non "deve", i termini sono diversi.
            RH non fornisce assicurazioni sui suoi
            prodotti, quindi lascia stare, per favore.Se vende deve fornire una certa assistenza, se mi arrivano dei dischi rovinati, spero che li cambi, oppureil manuale stampato male.
            Per questo lo share/freeware venne sempre
            snobbato dalle società money-oriented:
            nessuno può fare tanti soldi facendo la
            cresta sulle spese di spedizione
            guadagnandoci (all'epoca) 1 o 2 mila lire. Sei proprio giovane, al tempo i primi CD di shareware*freeware costavano 49.900 lire (quelli meno venduti se non errore si trovavanoa 29.900 lire)I dischi li vendevano a 8000 lire l'uno quando in negozio si trovavano a circa 2000lire (quindi loro li pagavano ancora meno)
            Lo so che è difficile da mandare giù ma se
            la ID avesse permesso che il demo di doom
            venisse venduto a 50 mila lire non avrebbe
            mai fatto i soldi e la strada che ha fatto.Non vendevano il solo doom ma anche altri programmi assieme ad i primi CD costavano circa 40.000 lire (memoria corta) e non dire che era per compensareil costo dato che in edicola i CD+Rivista si trovavano a circa 15000 lire.
            Non riuscirò mai a capire se la vostra è
            ignoranza della "storia" informatica,
            semplice ignoranza da utente del pc
            dell'ultim'ora o semplicemente nostalgia di
            lotte politiche e ideologie sterili per lo
            più combattute contro i mulini a vento.Una cose del tipo windows vs linux?Amigas vs Ms-DOSVic20 vs C16C16 vs C64C64 vs C128sai cosa sono?
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza

            - Scritto da: Anonimo

            Allora sulla GPL punto 1 paragrafo 2 si
            dice

            che il programma può essere distribuito al

            semplice costo di trasporto con al massimo

            un costo aggiuntivo dovuto alla fornitura
            di

            eventuali ASSICURAZIONI.

            "puo'" non "deve", i termini sono diversi.Se io dico: "puoi distribuire il mio programma di cui io ho i diritti ad un costo pari a trasporto + spese" Non ti sto dicendo che puoi venderlo a qualsiasi prezzo ma che PUOI DISTRIBUIRLO! E la cosa si avvalla se pensi che in principio era veramente così e ci sono distro che ancora oggi perseverano in questa cosa. Chi vende a prezzi maggiori ci mette dentro qualcosa per giustificare, facendo finta di ignorare il fatto che non si può speculare su un prodotto che non è speculabile e che quel reato può essere perseguibile penalmente.Per favore meno arrampicate sugli specchi.


            RH non fornisce assicurazioni sui suoi

            prodotti, quindi lascia stare, per favore.

            Se vende deve fornire una certa assistenza,
            se mi arrivano dei dischi rovinati, spero
            che li cambi, oppureil manuale stampato
            male. Allora l'assistenza è una cosa e di certo non è un'assicurazione o una garanzia che se qualcosa va storto io abbia un risarcimento o qualche forma di riparazione per i danni subiti. L'assistenza tecnica non ha alcuna garanzia per te (infatti come tutte le assistenze molte volte telefoni e non sanno dove mettere le mani neanche loro). Non è che se non riescono a risolverti il problema telefonicamente (e chi potrebbe?) vengono a casa con una squadra perché ti hanno garantito qualcosa. Tu mi vuoi quindi dire che se io compero un prodotto e quello è difetatto a meno di non aver pagato sul prezzo una qualche forma di garanzia e tutela nessuno me lo cambia? Ma che stai dicendo? Il cambiare la merce se arriva difettosa è un tuo diritto legale la formula "soddisfatti o rimborsati" non è uno slogan pubblicitario. C'è una legge ben precisa che ti autorizza al recesso per qualsiasi merce tu compri non di persona (su internet o per corrispondenza) e ce n'è un'altra che obbliga chi vende a sostituire i prodotti difettosi SENZA ALCUN COSTO AGGIUNTIVO.Non si può essere di parte a priori. La RH ele altre case se ne infischiano della GPL. E tutti dietro a baciarle il culo perché si è convinti che valga la pena chiudere uno o due occhi per la conquista del mondo informatico. Sempre che poi ve ne rimanga qualcosa.


            Per questo lo share/freeware venne sempre

            snobbato dalle società money-oriented:

            nessuno può fare tanti soldi facendo la

            cresta sulle spese di spedizione

            guadagnandoci (all'epoca) 1 o 2 mila
            lire.

            Sei proprio giovane, al tempo i primi CD di
            shareware*freeware costavano 49.900 lire
            (quelli meno venduti se non errore si
            trovavanoa 29.900 lire)

            I dischi li vendevano a 8000 lire l'uno
            quando in negozio si trovavano a circa
            2000lire (quindi loro li pagavano ancora
            meno)MMM no.Per esperienza io comperavo i floppy da mclink (che erano veri ladroni) e li pagavo cifre stratosferiche (intorno alle 5.000)quando usciro le compilation di shareware su CD se le trovavano da tutti i prezzi. Siccome in italia si vendevano giochi pirata nelle edicole (ricordi le compilation del C64 e dello spectrum?) non mi sorprende che ci fosse qualche furbone che buttasse l'etica alle ortiche e si lanciasse nello sfruttamento dello shareware. Ma c'erano anche le compilation oneste.Ah e ricordati anche che alcune compilation (quelle + esose) spesso avevano in bundle 1 o 2 programmi in versione registrata, alcune contenevano anche immagini o font (che possono essere rivendute). Quindi come per la GPL facciamo i giusti distinguo e usiamo il cervello.

            Lo so che è difficile da mandare giù ma se

            la ID avesse permesso che il demo di doom

            venisse venduto a 50 mila lire non avrebbe

            mai fatto i soldi e la strada che ha
            fatto.

            Non vendevano il solo doom ma anche altri
            programmi assieme ad i primi CD costavano
            circa 40.000 lire (memoria corta) e non dire
            che era per compensareil costo dato che in
            edicola i CD+Rivista si trovavano a circa
            15000 lire.Mah, sei invitato a casa mia, di CD a 9.900 lire ne ho qualcosa come 250 e passa. Se li hai comperati o esistevano a prezzi superiori non vuol dire che li giustifico, io a differenza degli open-zombie so fare dei distinguo anche nelle cose che mi piacciono e so giudicare con spirito critico.

            Non riuscirò mai a capire se la vostra è

            ignoranza della "storia" informatica,

            semplice ignoranza da utente del pc

            dell'ultim'ora o semplicemente nostalgia
            di

            lotte politiche e ideologie sterili per lo

            più combattute contro i mulini a vento.

            Una cose del tipo

            windows vs linux?
            Amigas vs Ms-DOS
            Vic20 vs C16
            C16 vs C64
            C64 vs C128

            sai cosa sono?Non le guerre di religione per i lamer.Io mi riferisco al regimentare l'uso di un SO (che adoro) a fine ideologico-politico, strumentalizzando tutto, dall'invida che la gente ha verso chi ha i soldi all'antiamericanismo dilagante, tutto per poi compiacere delle società che contravvengono agli stessi principi di cui nella GPL ma che poi puntualmente aprono il borsellino e fanno carità a gente che dovrebbero pagare puntualmente e sempre per i servigi che gli offrono.Questa per me è sovietizzazione dell'informatica. Non capicso cosa ci sia di male a dare 1 euro per ogni copia di una distro linux venduta con determinato software o magari creare un consorzio che piuttosto che fare cartello sui prezzi delle distro stipendi i gruppi più attivi e rilevanti per lo sviluppo open (ho detto "stipendi" non faccia donazioni estemporanee). Non capisco come possiate andare al lavoro tutti i giorni e pretendere lo stipendio dal vostro capo e poi conciliare lo sfruttamento di volenterosi che fanno girare miliardi di dollari nel mondo e non ne vedono neanche l'1% nel corso di tutta la vita. Forse c'entra il discorso fatto prima dell'invidia di chi è ricco, o forse siete semplicemente un po' indottrinati. Io quando lavoro voglio lo stipendio (e dò lo stipendio) perché produco ricchezza e qualcuno la produce per me. Non mi nascondo dietro giochetti hippie per non sborsare una lira.
          • pippo75 scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza

            Se io dico: "puoi distribuire il mio
            programma di cui io ho i diritti ad un costo
            pari a trasporto + spese" Se indhici questo allora si, ma nella GPL (versione non ufficiale, tradotta in italiano)"È possibile richiedere un pagamento per il trasferimento fisico di una copia del Programma, è anche possibile a propria discrezione richiedere un pagamento in cambio di una copertura assicurativa.""Quando si parla di software libero (free software), ci si riferisce alla libertà, non al prezzo. "In nessuno dei casi si parla di quanto deve essere venduto il programma, al limite altrove si parla che i sorgenti devono essere dati direttamente/indirettamente con il programma.
            ignorare il fatto che non si può speculare
            su un prodotto che non è speculabile e che
            quel reato può essere perseguibile
            penalmente.Se nella licenza si parla di questo allora è illegale, altrimenti no. Non si tratta di arrampicarsi sugli specchi.Oppure tu conosci leggi che trattano questi argomenti.Nella GPL sai dirmi il punto in cui si dice che un programma, non il sorgente, deve essere dato gratis o al solo costo del materiale?
            garanzia e tutela nessuno me lo cambia? Ma
            che stai dicendo? Il cambiare la merce se
            arriva difettosa è un tuo diritto legale la
            formula "soddisfatti o rimborsati" non è uno
            slogan pubblicitario. C'è una legge ben
            precisa che ti autorizza al recesso per
            qualsiasi merce tu compri non di persona (su
            internet o per corrispondenza) e ce n'è
            un'altra che obbliga chi vende a sostituire
            i prodotti difettosi SENZA ALCUN COSTO
            AGGIUNTIVO.Secondo te un venditore nel costo non include anche questo rischio?
            MMM no.
            Per esperienza io comperavo i floppy da
            mclink (che erano veri ladroni) e li pagavo
            cifre stratosferiche (intorno alle 5.000)Se non ricodo male i primi dischi vuoti che avevo perso (5.25) costavano 5000 lire da vuoti.
            Ah e ricordati anche che alcune compilation
            (quelle + esose) spesso avevano in bundle 1
            o 2 programmi in versione registrata, alcune
            contenevano anche immagini o font (che
            possono essere rivendute). Quindi come per
            la GPL facciamo i giusti distinguo e usiamo
            il cervello.
            Mah, sei invitato a casa mia, di CD a 9.900
            lire ne ho qualcosa come 250 e passa. Se li
            hai comperati o esistevano a prezzi
            superiori non vuol dire che li giustifico,Quelli da 9900 lire sono arrivati dopo, prima i prezzi erano tutt'altro che cosi' bassi.Altra soluzione, c'e' stato un periodo in cui nascevano pseudo giornali di tre fogli con allegato il CD di programmi free (la cui licenza diceva quello che dicevi tu sul costo)Questi erano in perfetta regola, ufficialmente loro ti vendevano il giornale e ti reglavano il CD.
            all'antiamericanismo dilagante, tutto per
            poi compiacere delle società che
            contravvengono agli stessi principi di cui
            nella GPL ma che poi puntualmente aprono il
            borsellino e fanno carità a gente che
            dovrebbero pagare puntualmente e sempre per
            i servigi che gli offrono.Antiamericanismo, è solo un questione politica.Il resto non riesco a capirlo, puoi rispiegarmi.
            Questa per me è sovietizzazione
            dell'informatica. D'accordo con te.
            ............Io quando lavoro voglio lo
            stipendio (e dò lo stipendio) perché produco
            ricchezza e qualcuno la produce per me. Non
            mi nascondo dietro giochetti hippie per non
            sborsare una lira.Ho tagliato, potresti rispiegarmelo, che non riesco a capire cosa intendi.
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            [punto 1 GPL]
            In nessuno dei casi si parla di quanto deve
            essere venduto il programma, al limite
            altrove si parla che i sorgenti devono
            essere dati direttamente/indirettamente con
            il programma.Se io copio un programma open e lo disrtibuisco posso farmi pagare solo le spese per il trasferiemento FISICO del programma (a casa mia questo è sempre voluto dire spese per il supporto fisico e spese di spedizione).Quel fisico sta la a dirti che ci puoi coprire solo i costi materiali (non dico che un profitto non sia giusto, ma gonfiare il prezzo sino ad alcune centinaia di euro è un po' troppo per quanto costa un CD masterizzato, non credi?). E quindi guadagnare su quelli.Sul fatto che open non voglia dire gratis è vero. Ma come leggi e quoti anche tu sul punto 1 c'è un distinguo tra distribuire una copia del programma (o di un suo derivato) e esserne il produttore vero e proprio. La GPL copre per la maggior parte la gestione delle "copie" da parte di una seconda parte. I detentori del copyright del programma possono vantare qualsiasi tipo di diritto sul dodice (e ci mancherebbe) come scritto nel punto 7.
            Se nella licenza si parla di questo allora è
            illegale, altrimenti no. Non si tratta di
            arrampicarsi sugli specchi.
            Oppure tu conosci leggi che trattano questi
            argomenti.No guarda che è la LEGGE!Non a caso tutte le distro commerciali sottolineano il fatto che tu hai Linux praticamente gratis e i boxed set sono al costo di tot euro SOLO per i contratti di assistenza ad essi correlati.Oltre ad essere una palese presa per il culo è un exploit, l'unico exploit con cui possono permettersi di vendere un linux advanced server a 5000 euro. Il problema è che non forniscono linux separatamente al supporto tecnico (o meglio, lo fanno solo per la standard edition). E, cosa ancora più importante, NON DANNO IL SUPPORTO SE NON COMPRI IL LORO LINUX! Se linux è gratuito o comunque venduto al costo del puro trasferimento fisico perché io non mi posso comperare soli i contratti di assistenza? Perché non vendono le 24 ore di supporto senza linux a 170 euro?Notare che anche la + piccola software house che vende un programma a 39.99 può vantarsi di offrire un supporto tecnico online o telefonico illimitato. Secondo me la tirano troppo anche sull'assistenza. Se andiamo a vedere un SO commerciale offre, ormai allo stesso prezzo assistenza illimitata (o limitata alla durata del supporto sull'SO stesso ) più il sistema operativo stesso.E ricordiamoci anche che per esempio RH ti permette ancora (non potrebbe fare diversamente) di installare linux su quanti PC vuoi ma per i contratti di assistenza tecnica seri (quelli illimitati per server ad esempio) la licenza copre solo la macchina registrata non tutte le macchine. E' concettualmente impossibile pensare che possano sostenere l'assistenza di 5000 computer con un loro linux sopra al costo di una sola distro (magari standard).Se non forniscono un linux as-is e l'eventuale assistenza separati per ogni versione che hanno sono in torto legale. Quando linux sarà più diffuso o qualcuno alle associazioni consumatori noterà la cosa ci saranno sanzioni, fidati.
            Nella GPL sai dirmi il punto in cui si dice
            che un programma, non il sorgente, deve
            essere dato gratis o al solo costo del
            materiale?Il punto lo hai citato tu prima. Il programma può essere venduto al solo costo del TRASFERIMENTO FISICO. Un abbonamento ad un FTP copre quel costo, spese di spedizione + supporto coprono il costo. 170 euro non coprono il costo a meno di non avre 5 CD di oro a 24kt.Sono abbastanza ragionevole da comprendere che nessuno lo distribuirebbe senza guadagnarci qualcosa. Infatti debian e slack si finanziano vendendo i CD a prezzi bassissimi, rispetto alle distro commerciali. Questo è il modo, il bundling coatto è reato.

            garanzia e tutela nessuno me lo cambia? Ma

            che stai dicendo? Il cambiare la merce se

            arriva difettosa è un tuo diritto legale
            la

            formula "soddisfatti o rimborsati" non è
            uno

            slogan pubblicitario. C'è una legge ben

            precisa che ti autorizza al recesso per

            qualsiasi merce tu compri non di persona
            (su

            internet o per corrispondenza) e ce n'è

            un'altra che obbliga chi vende a
            sostituire

            i prodotti difettosi SENZA ALCUN COSTO

            AGGIUNTIVO.

            Secondo te un venditore nel costo non
            include anche questo rischio?
            Non è una garanzia. E' un tuo diritto.Infatti e sull'affidabilità della catena produttiva che si considera, non sul costo al cliente finale. Solo un idiota metterebbe sul mercato un prodotto altamente difettoso e con un costo esorbitante per coprire i costi di sostituzione. E solo un idiota lo comprerebbe.[taglio il pezzo dello shareware che è un po' OT, generalmente sono daccordo con te, però]
            Il resto non riesco a capirlo, puoi
            rispiegarmi.
            Diciamo ce è innegabile che l'open va di moda, ed è innegabile che fa molto appiglio in una cultura molto al di fuori della realtà (quella degli antiglobal e dei disobbedienti) che credono nelle utopie (già promuovere il local e poi abbracciare l'open globalizzato è una specie di controsenso).Il mio non è un discorso politico, è ideologico. L'open e la GPL sono ormai ideologie, non licenze. E lo dimostra il fatto che ogni fazione la interpreta come meglio crede, che forse la GPL è VOLUTAMENTE lasciata poco chiara e cavillabile (dalla versione 2 non sono + stati fatti aggiornamenti o chiarificazioni da anni e secondo me ne avrebbe parecchio bisogno e il fatto che siamo in 10 a pensare 10 cose diverse lo dimostra) per attirare i commerciali, non a caso licenze più libere non sono mai state veicolo di commercializzazioni coatte come la GPL, nonostante ci si prestino meglio, perché la GPL lega gli utilizzatori al prodotto anche in maniera forzosa, le altre no.

            Questa per me è sovietizzazione

            dell'informatica.

            D'accordo con te.Meno male!
            Ho tagliato, potresti rispiegarmelo, che non
            riesco a capire cosa intendi.Sostanzialmente io distributore guadagno su Linux, visto che non ho paura ad associarmi con altri distributori per accapararrmi una fetta più consistente del mercato linux e schiacciare la concorrenza, non sarebbe ora che iniziassi, come consorzio a sovvenzionare con contratti e stipendi chi lavora per quello che io distribuisco? Che sulla carta siano tutti aperti e disponibili anche gratis sarà anche vero ma non penso che se si facessero dei mini-contratti con gli sviluppatori di vari progetti open di successo, anche di 500 euro mensili quelli direbbero di no! Se uno produce ricchezza per me sarebbe ora che lo iniziassi a pagare, piuttosto che prendere il 100% di quello che guadadno per me e darne una minima, indiretta, parte come donazione ai progetti stessi.Non c'è trasparenza né lealtà, secondo me. Ecco perché la sovietizzazione.
          • pippo75 scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza

            Se io copio un programma open e lo
            disrtibuisco posso farmi pagare solo le
            spese per il trasferiemento FISICO del
            programma (a casa mia questo è sempre voluto
            dire spese per il supporto fisico e spese di
            spedizione).se ho capito bene parli di questo punto b) Il Programma sia accompagnato da un'offerta scritta, valida per almeno tre anni, di fornire a chiunque ne faccia richiesta una copia completa del codice sorgente, in una forma leggibile da calcolatore, in cambio di un compenso non superiore al costo del trasferimento fisico di tale copia, che deve essere fornita secondo le regole dei precedenti commi 1 e 2 su di un mezzo comunemente usato per lo scambio di programmi.Ma secondo me qui si dice che se uno ottiene il programma ha il diritto di ottenere anche il codice sorgente (se già non lo possiede) entro 3 anni e hail diritto di ottenerlo pagando solo il supporto. Pero' parla del codice non del programma (leggi sotto **).

            No guarda che è la LEGGE!
            Non a caso tutte le distro commerciali
            sottolineano il fatto che tu hai Linux
            praticamente gratis e i boxed set sono al
            costo di tot euro SOLO per i contratti di
            assistenza ad essi correlati.Nessun rivenditore verrà mai a dirti che il suo prodotto è caro o venduto a prezzo maggiore del dovuto, tutti vengono a dirti il contrario.
            COMPRI IL LORO LINUX! Se linux è gratuito o
            comunque venduto al costo del puro
            trasferimento fisico perché io non mi posso
            comperare soli i contratti di assistenza?
            Perché non vendono le 24 ore di supporto
            senza linux a 170 euro?Perche' loro devono diffondere il loro prodotto e fare in modo che tu lo usi, cosi' magari se ti trovi bene saraiancora loro cliente.
            Se non forniscono un linux as-is e
            l'eventuale assistenza separati per ogni
            versione che hanno sono in torto legale.
            Quando linux sarà più diffuso o qualcuno
            alle associazioni consumatori noterà la cosa
            ci saranno sanzioni, fidati.Soluzione vendono linux con li cenza per uan sola macchina ed assistenza per solo quella licenza (vedi suse)

            Il punto lo hai citato tu prima. Il
            programma può essere venduto al solo costo
            del TRASFERIMENTO FISICO. Li si parla del sorgente non del programma, oppure hanno scritto male la licenza.
            Non è una garanzia. E' un tuo diritto.
            Infatti e sull'affidabilità della catena
            produttiva che si considera, non sul costo
            al cliente finale. Solo un idiota metterebbe
            sul mercato un prodotto altamente difettoso
            e con un costo esorbitante per coprire i
            costi di sostituzione. E solo un idiota lo
            comprerebbe.è un diritto, e le ditte ben lo sanno, per questo quando stabiliscono il prezzo di un prodotto ne tengono conto.
            direbbero di no! Se uno produce ricchezza
            per me sarebbe ora che lo iniziassi a
            pagare, piuttosto che prendere il 100% di
            quello che guadadno per me e darne una
            minima, indiretta, parte come donazione ai
            progetti stessi.
            Non c'è trasparenza né lealtà, secondo me.
            Ecco perché la sovietizzazione.Questo è il rischio della GPL, MS lo dice da anni.Tu scrivi un programma, impieghi 10 anni e lo metti sotto GPL, hai avuto delle spese, benissimo tutto lo potranno avere gratis, al limite tu ne vendi una copia e basta (la prima).Esistono comunque ditte che oltre a prendere codice libero ne danno indietro (es. mandrake), tu potrsti dirmi che non si campa con codice, ma per vivere ci vogliono soldi.Sul momento il mondo linux ne ha pochi per se come fa a darne ad altri.Ciao**Il Programma sia accompagnato da un'offerta scritta, valida per almeno tre anni, di fornire a chiunque ne faccia richiesta una copia completa del codice sorgente, in una forma leggibile da calcolatore, in cambio di un compenso non superiore al costo del trasferimento fisico di tale copia, che deve essere fornita secondo le regole dei precedenti commi 1 e 2 su di un mezzo comunemente usato per lo scambio di programmi.togliamo la frase subordinata e tagliamo l'inizio e la fine (per rendere breve il testo)...........di fornire a chiunque ne faccia richiesta una copia completa del codice sorgente in cambio di un compenso non superiore ..............Secondo me indica il costo del sorgente, che puo' essere ottenuto come aggiunta al programma (loro la chiamano "accompagnato da un offerta") stesso con un costo basso (quello del supporto).Quindi sicuramente se non hai il programma non puoi avere il sorgente.Ed il sorgente deve essere fornito dallo stesso che fornisce il programma.
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza

            windows vs linux?
            Amigas vs Ms-DOS
            Vic20 vs C16ah no eh, questa proprio no!al limite Vic20 vs Z80/Z81;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: E ancora problemi di licenza

        Si e' gia' detto mille volte.

        I sorgenti non te li _DEVONO_ dare.
        Mi spiace ma non sono daccordo. Software libero software libero e poi le mail di richiesta le lasciano cadere nel dimenticatoio, non ti forniscono uno straccio di linea di codice e voi ancora a difendere? Secondo te la Cray rilascia a chiunque il codice di linux supermodificato per adattarsi alla propria architettura cluster così IBM la copia in toto?
        Devono darti la possibilita' di averli, se
        li vuoi e li richiedi esplicitamemte.

        Volendo, possono anche farteli pagare, ma un
        prezzo giusto.Si, cosa che non fa nessuno:QUOTE ONa) Il Programma sia corredato del codice sorgente completo, in una forma leggibile da calcolatore, e tale sorgente sia fornito secondo le regole dei precedenti commi 1 e 2 su di un mezzo comunemente usato per lo scambio di programmi. b) Il Programma sia accompagnato da un'offerta scritta, valida per almeno tre anni, di fornire a chiunque ne faccia richiesta una copia completa del codice sorgente, in una forma leggibile da calcolatore, in cambio di un compenso non superiore al costo del trasferimento fisico di tale copia, che deve essere fornita secondo le regole dei precedenti commi 1 e 2 su di un mezzo comunemente usato per lo scambio di programmi. c) Il Programma sia accompagnato dalle informazioni che sono state ricevute riguardo alla possibilità di ottenere il codice sorgente. Questa alternativa è permessa solo in caso di distribuzioni non commerciali e solo se il programma è stato ottenuto sotto forma di codice oggetto o eseguibile in accordo al precedente comma B.QUOTE OFFLa cosa vale anche per la distribuzione del binario:QUOTE ONÈ possibile richiedere un pagamento per il trasferimento fisico di unacopia del Programma, è anche possibile a propria discrezionerichiedere un pagamento in cambio di una copertura assicurativa.QUOTE OFF
        Ora, se avessi la bonta' di leggerti la GPL,
        eviteresti di postare cose inutili e di
        farci perdere tempo tutte le volte di
        rispiegare le stesse cose.

        Grazie.Come puoi vedere il mio post aveva pertinenza, e lo ha ancora di più se pensi a 2 cose:Non c'è un sito pubblico in cui scaricare il sistema operativo senza le macchine, tantomeno esiste un sito che ti permetta di acquistarlo "per il congruo costo di trasferimento" (capito distro commerciali del cazzo? al massimo fatevi pagare 1 euro + spese spedizione per linux!).Non c'è alcuna documentazione che spieghi come ricevere i sorgenti.Violano.Invece di alzare le penne rileggitela tu la GPL.
        • KerNivore scrive:
          Re: E ancora problemi di licenza
          - Scritto da: Anonimo


          Si e' gia' detto mille volte.



          I sorgenti non te li _DEVONO_ dare.



          Mi spiace ma non sono daccordo. Software
          libero software libero e poi le mail di
          richiesta le lasciano cadere nel
          dimenticatoio, non ti forniscono uno
          straccio di linea di codice e voi ancora a
          difendere? Secondo te la Cray rilascia a
          chiunque il codice di linux supermodificato
          per adattarsi alla propria architettura
          cluster così IBM la copia in toto?Non e' Cray che te le da per gentilezza, E' LA LEGGE.Ti ricordo che la GPL, come qualunque altra licenza, HA VALORE LEGALE.

          Come puoi vedere il mio post aveva
          pertinenza, e lo ha ancora di più se pensi a
          2 cose:

          Non c'è un sito pubblico in cui scaricare il
          sistema operativo senza le macchine,Non hai capito una bella funcia.Hai diritto ai sorgenti modificati se E SOLO se ti fai dare i binari, a gratis o a pagamento che sia, quindi e' ovvio che non siano liberamente disponibili a tutti.
          tantomeno esiste un sito che ti permetta di
          acquistarlo "per il congruo costo di
          trasferimento" (capito distro commerciali
          del cazzo? al massimo fatevi pagare 1 euro +
          spese spedizione per linux!).Quello vale per i sorgenti. I binari possono farteli pagare quanto vogliono. Quindi RedHat potrebbe farti pagare la sua distribuzione anche 10000 Euro.
          Non c'è alcuna documentazione che spieghi
          come ricevere i sorgenti.Di che prodotto ?
          Invece di alzare le penne rileggitela tu la
          GPL.Io alzo le penne finche' voglio perche' ho ragione.Il tuo post era totalmente pieno di vaccate.
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            - Scritto da: KerNivore

            - Scritto da: Anonimo




            Si e' gia' detto mille volte.





            I sorgenti non te li _DEVONO_ dare.






            Mi spiace ma non sono daccordo. Software

            libero software libero e poi le mail di

            richiesta le lasciano cadere nel

            dimenticatoio, non ti forniscono uno

            straccio di linea di codice e voi ancora a

            difendere? Secondo te la Cray rilascia a

            chiunque il codice di linux
            supermodificato

            per adattarsi alla propria architettura

            cluster così IBM la copia in toto?

            Non e' Cray che te le da per gentilezza, E'
            LA LEGGE.
            Ti ricordo che la GPL, come qualunque altra
            licenza, HA VALORE LEGALE.No, infatti il punto 7 della GPL dice espressamente che non può opporsi a una sentenza legale che sentenzi qualcosa di diverso da quello che dice lei (e questo si applica anche agli stati in cui le leggi locali sono in aperto contrasto con la GPL e la annullano, come le dittature). Bisognerebbe che la gente imparasse a capire che licenza != legge.





            Come puoi vedere il mio post aveva

            pertinenza, e lo ha ancora di più se
            pensi a

            2 cose:



            Non c'è un sito pubblico in cui scaricare
            il

            sistema operativo senza le macchine,

            Non hai capito una bella funcia.
            Hai diritto ai sorgenti modificati se E SOLO
            se ti fai dare i binari, a gratis o a
            pagamento che sia, quindi e' ovvio che non
            siano liberamente disponibili a tutti.Mmmm quindi dov'è il progresso culturale di questa licenza open? Probabilmente stanno usando alcune mie patch del kernel che ormai sono all'interno di linux e io se non ho il binario non le posso visonare? Scusa ma il fulcro di GPL non è quello di rendere mandatoriamente pubblici i sorgenti per qualsiasi variante io crei di codice open? Se non si fa così il codice è di fatto closed. Se apro un negozio io ho l'obbligo di vendere a chiunque entri dalla porta. Presumo che se sfrutto la open community per fare qualcosa il minimo che possa fare è rendere pubblico quello che ho fatto. Non dire cose tipo: "tu per me vali meno di zero, quindi non ti dò né binario e né codice". Questa non è libertà e non è democrazia. E' dittatura e sfruttamento di tutti coloro che hanno anche solo cambiato una virgola del codice di linux.

            tantomeno esiste un sito che ti permetta
            di

            acquistarlo "per il congruo costo di

            trasferimento" (capito distro commerciali

            del cazzo? al massimo fatevi pagare 1
            euro +

            spese spedizione per linux!).

            Quello vale per i sorgenti. I binari possono
            farteli pagare quanto vogliono. Quindi
            RedHat potrebbe farti pagare la sua
            distribuzione anche 10000 Euro.NO Punto 1 della GPL cutpastato pure sopraQUOTE ONÈ possibile richiedere un pagamento per il trasferimento fisico di unacopia del Programma, è anche possibile a propria discrezionerichiedere un pagamento in cambio di una copertura assicurativa.QUOTE OFFTrasferimento fisico. La copertura assicurativa deve essere una copertura assicurativa. Il "supporto tecnico" non è un'assicurazione. Quindi anche qui si viola apertamente.Anzi ti dirò di più:QUOTE ONb) Bisogna fare in modo che ogni opera distribuita o pubblicata, che in parte o nella sua totalità derivi dal Programma o da parti di esso, SIA CONCESSA NELLA SUA INTEREZZA IN LICENZA GRATUITA AD OGNI TERZA PARTE, secondo i termini di questa Licenza.QUOTE OFFma forse leggo solo io.

            Non c'è alcuna documentazione che spieghi

            come ricevere i sorgenti.

            Di che prodotto ? Mah, io direi del software open che Cray utilizza in maniera closed nei suoi cluster? O non è un prodotto basato su software precedentemente open e che deve essere reso disponibile a qualsiasi terza parte in maniera economica e trasparente?


            Invece di alzare le penne rileggitela tu
            la

            GPL.

            Io alzo le penne finche' voglio perche' ho
            ragione.
            Il tuo post era totalmente pieno di vaccate.Bravo, prendi il caffé tutti i giorni insieme a Fidel? Avete la stessa pasta dittatoriale.Cmq le mie saranno vaccate ma sono il testo della GPL, hai anche glissato sui termini di distribuzione del programma (che ti avevo pastato nel primo reply) che come puoi notare (se proverai a leggere le cose se ho scritto, anche se vanno contro il catechismo che ti hanno fatto) sono in aperta violazione su quanto dici tu su RH et similia.La butto ad indovinare: "hai/lavori una società che usa software open per generare software closed che rivendi ad un costo smodato?" (lo so che non risponderai mai di si ma la tua VOLUTA ignoranza su come funziona la GPL e le sue varie implicazioni etiche la dicono lunga su come la consideri: un pollo da spennare).E poi rompete le palle se qualche software closed usa delle librerie open (ammetto che la GPL su questa parte fa una confuzione pazzesca)?
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            - Scritto da: Anonimo
            -----
            E poi rompete le palle se qualche software
            closed usa delle librerie open (ammetto che
            la GPL su questa parte fa una confuzione
            pazzesca)?La confusione è solo nella tua testa....Comunque un sw closed _NON_ può utilizzare una libreria GPL.... Se un sw closed usa una libreria open allora vuol dire che la libreria non è GPL oppure che il sw viola la GPL.Per il resto dirti di leggere la GPL è inutile perchè dici di averla già letta. Evidentemente non l'hai capita....
          • Anonimo scrive:
            Re: E ancora problemi di licenza
            Diciamo che prima dice che se un'opera ha parti che *ragionevolmente* non sono derivate dal programma di base potrebbero non essere incluse nei termini di licenza. Subito dopo dice che se quelle parti vengono distribuite con il programma modificato allora devono sottostare alla licenza.Evidentemente è ambivalente.Tanto è vero che WineX ha parte del codice closed (l'emulazione directx) e lo fornisce solo a chi paga, mentre il resto è open e GPL per tutti. Secondo quella clausula WineX ha ragione per la prima parte del paragrafo e torto per la seconda, in quanto il layer directx è linkato in wineX che è un derivato di Wine.Se questa non è confusione...Ah e comunque ancora non mi hai citato un passo che dica che io posso vendere il programma al prezzo che voglio senza alcuna limitazione (non esiste quel passo).Quindi vendere un software a più del supporto fisico e delle spese di spedizione è violare la licenza. Se mi ci mettessero un qualche tipo di garanzia (che la GPL di per sé non prevede ma considera come eventuali costi aggiuntivi) pure pure.Che poi facciano passare l'assistenza tecnica telefonica per 24 ore come un bene aggiunto sono liberissimi ma io continuo a domandarmi quanti comprerebbero la sola assistenza se nel pacchetto non ci fosse anche linux (che a questo punto dovrebbe costare al max 20-25 euro, se te lo spediscono dagli USA)... Strumentalizzare un prodotto su cui non si può speculare per farci soldi sopra è reato.E comunque resta il fatto che non vendono Linux da solo. E questo anche è reato. I bundle di 1 o + prodotti diversi fra loro sono permessi ma devi dare la possibilità all'acquirente di avere anche i singoli prodotti. Non necessariamente ad esattamente lo stesso costo del bundle se si prendono entrambi separati ma ci deve essere l'opzione.
        • Anonimo scrive:
          Re: E ancora problemi di licenza
          - Scritto da: Anonimo


          Si e' gia' detto mille volte.



          I sorgenti non te li _DEVONO_ dare.



          Mi spiace ma non sono daccordo. fatti una licenza tua
      • Anonimo scrive:
        Re: KerNivore ma che voi
        - Scritto da: KerNivore

        - Scritto da: Anonimo

        Visto che è assodato che nel clustering

        spinto io avrò un SO completamente

        customizzato per l'applicazione stessa,
        dove

        lo scarico il sorgente modificato di
        linux e

        delle varie utility che vendono a peso
        d'oro

        insieme all'hardware?

        Si e' gia' detto mille volte.

        I sorgenti non te li _DEVONO_ dare.
        udite udite allora e closed sorcio
        Devono darti la possibilita' di averli, se
        li vuoi e li richiedi esplicitamemte.
        ahahahhah e come no cosi gli fai concorrenza compri mille macchine dal rutama e fai un clistere linazzo usando il codiche che hanno scritto loro ahahhahahahahma ti leggi quando scrivi
        Volendo, possono anche farteli pagare, ma un
        prezzo giusto.
        ahhahah dammi la spiegazione di prezzo giusto un euro mille euro ecc... un prezzo e un prezzo non esiste un prezzo giusto.cioè tu mi vuoi dire che spendere 200-250 euro per un winxp e un prezzo non giusto, mentre 50-100 euro per una distro commerciale linux e giusto.a me non sembra, la ms si gestisce tutti i costi di sviluppo test commercializzazione, mentre la signora distro scarrica il kernel a gratis il sw a gratis paga due lire per quattro tool d'installazione che aggiunge e a te il prezzo che chiede sembra giusto.
        Ora, se avessi la bonta' di leggerti la GPL,
        eviteresti di postare cose inutili e di
        farci perdere tempo tutte le volte di
        rispiegare le stesse cose.

        Grazie.e perchè tu la conosci la gpl allora spiegami perche non posso avere il codice.
    • Anonimo scrive:
      Re: E ancora problemi di licenza
      - Scritto da: Anonimo
      Visto che è assodato che nel clustering
      spinto io avrò un SO completamente
      customizzato per l'applicazione stessa, dove
      lo scarico il sorgente modificato di linux e
      delle varie utility che vendono a peso d'oro
      insieme all'hardware?
      Funziona così:- La ditta che ha modificato il kernel vende software e relativi sorgenti (come previsto dalla GPL) alla società che userà questo supercomputer- Questa società decide di non dare a destra e a manca le copie di questo programma.- Conclusione: tu non potrai mai avere il codice di quel kernel- Puoi anche provarli (i sorgenti) a chiedere, ma visto che non hai ricevuto una copia del software, come da GPL loro possono anche rifutarsi (ed è quello che faranno) di darteli
  • Anonimo scrive:
    Linux = innovazione = futuro
    C'è poco da fare, in 3 anni l'attenzione di tutti verso Linux è cresciuta a dismisura.C'è poco da fare, winzozz ha vita breve ! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux = innovazione = futuro
      Si e' visto. La paercentuale e' passata da 0% a 1% e li' si e' fermata. Sveglia! La moda sta ormai spegnendosi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux = innovazione = futuro
        - Scritto da: Anonimo


        Si e' visto. La paercentuale e' passata da
        0% a 1% e li' si e' fermata. Sveglia! La
        moda sta ormai spegnendosi.Balle !Nelle aziende si installa ormai linux quando winzozz.Nelle case delle persone non esperte di IT non è ancora arrivato semplicemente perchè m$ minaccia i rivenditori con le sue licenze assurde.Ma pian piano ci arriveremo...
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux = innovazione = futuro
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo





          Si e' visto. La paercentuale e' passata da

          0% a 1% e li' si e' fermata. Sveglia! La

          moda sta ormai spegnendosi.

          Balle !

          Nelle aziende si installa ormai linux quando
          winzozz.

          Nelle case delle persone non esperte di IT
          non è ancora arrivato semplicemente perchè
          m$ minaccia i rivenditori con le sue licenze
          assurde.o perchè semplicemente una persona che si e no sa installare un programma con l'autorun non ha quelle piccole conoscenze per utilizzare i make file e cercarsi le dipendenze mancanti ad un programma

          Ma pian piano ci arriveremo...
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo
            o perchè semplicemente una persona che si e
            no sa installare un programma con l'autorun
            non ha quelle piccole conoscenze per
            utilizzare i make file e cercarsi le
            dipendenze mancanti ad un programmaSei ridicolo, sono anni che si usa rpm su molte distribuzioni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux = innovazione = futuro
          - Scritto da: Anonimo
          Nelle aziende si installa ormai linux quando
          winzozz.Si, buonanotte.Da dove viene questa informazione? Fonte?
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Nelle aziende si installa ormai linux
            quando

            winzozz.

            Si, buonanotte.
            Da dove viene questa informazione? Fonte?Lo ha letto sulla gazzetta del talebano!:-D
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro

            Lo ha letto sulla gazzetta del talebano!
            :-DROTFL !!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            Lo ha letto sulla gazzetta del talebano!

            :-D


            ROTFL !!!Che umorismo triste.BanaleScontatoPer il popolinoMah
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo
            Che umorismo triste.
            Banale
            Scontato
            Per il popolino

            MahVero... Preferiamo le battute stile "Linux installato quanto Win, me l'ha detto mio cuGGino".
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo
            Si, buonanotte.Troppo presto.
            Da dove viene questa informazione? Fonte?Me :)Amici :)Conoscenti :)Linux è sulla bocca di tutti, negarlo è negare l'evidenza !Un po' come dire che uindos non si inchioda ogni 5 minuti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Si, buonanotte.

            Troppo presto.


            Da dove viene questa informazione? Fonte?

            Me :)
            Amici :)
            Conoscenti :)

            Linux è sulla bocca di tutti, negarlo è
            negare l'evidenza !
            Un po' come dire che uindos non si inchioda
            ogni 5 minuti.Grazie x esserti mostrato come informatico da bar.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo
            Grazie x esserti mostrato come informatico
            da bar.Però sei simpatico !
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            Da dove viene questa informazione? Fonte?

            Me :)...
            Amici :)
            Conoscenti :)Il tuo scantinato e' dunque piu' probante di Google? Ah... ah...
            Linux è sulla bocca di tutti, negarlo è
            negare l'evidenza !
            Un po' come dire che uindos non si inchioda
            ogni 5 minuti.Ah... ah... sulla bocca di tutti.. ah... ah... la stragrande maggioranza della gente non distingue le funzionalita' fornite dal monitor rispetto a quelle del case (e contenuto).
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo
            Il tuo scantinato e' dunque piu' probante di
            Google? Ah... ah...Iolavoro in un posto bellissimo con aria condizionata, musica new age e un sacco di fighe.Nello scantinato ci stanno i nerd brufolosi che si credono accher perchè crackano uindos e mettono i teschi nelle homepage.


            Linux è sulla bocca di tutti, negarlo è

            negare l'evidenza !

            Un po' come dire che uindos non si
            inchioda

            ogni 5 minuti.

            Ah... ah... sulla bocca di tutti.. ah...
            ah... la stragrande maggioranza della gente
            non distingue le funzionalita' fornite dal
            monitor rispetto a quelle del case (e
            contenuto).Verissimo, ma se dico Linux a tuttr queste persone mi rispondono comunque : "ah il sistema operativo nettamente superiore a uindos ? si lo proverò di certo, non sono bravo e mi piacerebbe farlo subito, ma appunto non essendo bravo non so da dove iniziare. Probabilmente se lo avessi trovato installato sul mio pc nuovo avrei usato quello senza dannarmi per le maledette schermate blu !".
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo
            Verissimo, ma se dico Linux a tuttr queste
            persone mi rispondono comunque : "ah il
            sistema operativo nettamente superiore a
            uindos ? si lo proverò di certo, non sono
            bravo e mi piacerebbe farlo subito, ma
            appunto non essendo bravo non so da dove
            iniziare. Probabilmente se lo avessi trovato
            installato sul mio pc nuovo avrei usato
            quello senza dannarmi per le maledette
            schermate blu !".AH.. AH.. AH...Figurati che oggi mi ha chiamato 2 volte una segretaria che non riusciva a fare login. Sai, quella finestrella con scrittoLogin: [ ]Password: [ ] [PROSEGUI]E' molto difficile e va spiegata piu' volte. SVEGLIA! Questa e' la realta', altro che la fantascenza qui sopra.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro

            Verissimo, ma se dico Linux a tuttr queste
            persone mi rispondono comunque : "ah il
            sistema operativo nettamente superiore a
            uindos ? si lo proverò di certo, non sono
            bravo e mi piacerebbe farlo subito, ma
            appunto non essendo bravo non so da dove
            iniziare. Probabilmente se lo avessi trovato
            installato sul mio pc nuovo avrei usato
            quello senza dannarmi per le maledette
            schermate blu !".AHAHAHHAHAHAHHAAquesta e' ancora meglio di quella di prima!!!AHAHAHHAHAHAHHAAAHAHAHHAHAHAHHAAAHAHAHHAHAHAHHAAAHAHAHHAHAHAHHAAa molte delle persone che dicevano cosi per farsi belle con l'os fighetto del momento, l'ho installato e configurato personalmentealla ennesima richiesta di dove fosse internet explorer, di dove fosse word, di perche' winamp non funzionava, perche' non poteva scaricare con winmx e soprattutto del perche' non poteva vedere l'attachment formato .exe che gli aveva mandato il suo amico, gli ho rimesso windows...ma si puo' sapere di che mondo parli?non certo del pianeta Terra ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Da dove viene questa informazione?
            Fonte?



            Me :)...

            Amici :)

            Conoscenti :)

            Il tuo scantinato e' dunque piu' probante di
            Google? Ah... ah...perché?i gestori di google non possono mentire?
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo
            i gestori di google non possono mentire?
            Si certo... AH.. AH... AH....... ah... ah.. mentono come tutti gli altri gestori web di questo mondo.. ah... ah.. punto informatico compreso.. ah.. ah...
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            i gestori di google non possono mentire?



            Si certo.grazie
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux = innovazione = futuro
        - Scritto da: Anonimo


        Si e' visto. La paercentuale e' passata da
        0% a 1% e li' si e' fermata. le solite percentuali fornite da microsoft ?
        Sveglia! La
        moda sta ormai spegnendosi.certo! e i cluster ora li fanno con windows sotto GPLCiao balli$ta. Per oggi sei stato un po' scarso, e Gates ti ridurrà la diaria...
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux = innovazione = futuro
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo





          Si e' visto. La paercentuale e' passata da

          0% a 1% e li' si e' fermata.

          le solite percentuali fornite da microsoft ?No, google che non è proprio microsoft.Benvenuto nel mondo reale!
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo








            Si e' visto. La paercentuale e'
            passata da


            0% a 1% e li' si e' fermata.



            le solite percentuali fornite da
            microsoft ?

            No, google che non è proprio microsoft.chiunque può mettere cifre su un sitoaltro è dimostrarne la validità
            Benvenuto nel mondo reale!...disse il credulone allo scettico
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo











            Si e' visto. La paercentuale e'

            passata da



            0% a 1% e li' si e' fermata.





            le solite percentuali fornite da

            microsoft ?



            No, google che non è proprio microsoft.

            chiunque può mettere cifre su un sito

            altro è dimostrarne la validità


            Benvenuto nel mondo reale!

            ...disse il credulone allo scettico
            il tuo problema è che da una parte abbiamo le cifre di google (che non è proprio un sito qualunque), dall'altra te che parli di diffusione di linux in base a dicerie di amici, conoscenti e cuggini vari.Fatti non pugnette, please.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo
            il tuo problema è che da una parte abbiamo
            le cifre di google (che non è proprio un
            sito qualunque), dall'altra te che parli di
            diffusione di linux in base a dicerie di
            amici, conoscenti e cuggini vari.
            Fatti non pugnette, please.Non sono io, è un altro :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            il tuo problema è che da una parte abbiamo

            le cifre di google (che non è proprio un

            sito qualunque), dall'altra te che parli
            di

            diffusione di linux in base a dicerie di

            amici, conoscenti e cuggini vari.

            Fatti non pugnette, please.

            Non sono io, è un altro :)ok, ma neppure tu fornisci cifre a sostegno della diffusione di linux.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo







            - Scritto da: Anonimo














            Si e' visto. La paercentuale e'


            passata da




            0% a 1% e li' si e' fermata.







            le solite percentuali fornite da


            microsoft ?





            No, google che non è proprio microsoft.



            chiunque può mettere cifre su un sito



            altro è dimostrarne la validità




            Benvenuto nel mondo reale!



            ...disse il credulone allo scettico


            il tuo problema il problema non è mio, ma di chi crede all'oro colato che fa comodo al proprio interesse personaleripeto: chiunque può spacciare per reali numeri a caso.Altro è poterne verificare la validità.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux = innovazione = futuro
        - Scritto da: Anonimo


        Si e' visto. La paercentuale e' passata da
        0% a 1% e li' si e' fermata. Sveglia! La
        moda sta ormai spegnendosi.Ecco l'altro coglione che conta la diffusione di un sistema operativo dai log dei webserver !Immagino che quindi per te esista solo windows ! Immagino che tutti gli altri sistemi non esistano !ROTFLSiete patetici ! Siete ignobili ! Andate giusto bene per cliccare sulle vostre 4 finestrelle e sparare minchiate sui forum.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux = innovazione = futuro
          Coglione lo dici a quella troia di tua sorella.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo
            Coglione lo dici a quella troia di tua
            sorella.Quindi non stai negando di essere un coglione ? Solo ti da fastidio sentirtelo dire ?Ok ! non te lo diro' piu' ! L'importante e' che tu abbia ammesso pubblicamente di sapere di esserlo.PS: No, mia sorella non e' una troia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            Io mi vergogno di me stesso per aver perso un momento la calma. Tu non ti vergogni per niente e continui. Vedi, questa e' la differenza di educazione tra di noi. Continua pure coi tuoi sofismi ed a sguazzare nel tuo stato. Bravo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            Io mi vergogno di me stesso per aver perso
            un momento la calma. Tu non ti vergogni per
            niente e continui. Vedi, questa e' la
            differenza di educazione tra di noi.
            Continua pure coi tuoi sofismi ed a
            sguazzare nel tuo stato. Bravo.L'educazione non c'entra niente.Renditi conto che stimare la diffusione di un sistema operativo, per lo piu' indicato per i server, guardando i log dei web server e' una cosa assolutamente folle.Nessuna persona con un briciolo di intelligenza potrebbe fare una cosa simile.Accetta questo e ti faro' le mie scuse.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux = innovazione = futuro
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo





          Si e' visto. La paercentuale e' passata da

          0% a 1% e li' si e' fermata. Sveglia! La

          moda sta ormai spegnendosi.

          Ecco l'altro coglione che conta la
          diffusione di un sistema operativo dai log
          dei webserver !i metodi son barbari, infatti, ma li fa sentire meglioPerdoniamoli
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro


            Ecco l'altro coglione che conta la

            diffusione di un sistema operativo dai log

            dei webserver !

            i metodi son barbari, infatti, ma li fa
            sentire meglio

            Perdoniamoli
            ne conosci qualcuno migliore oltre alle statistiche fatte in casa del tipo "l'ho visto installare a mio cuggino e poi mio cuggino mi ha detto che dove lavora lui l'hanno installato tutti" il che si risolve con 3 copie linux in + in multiboot con XP rigorosamente copiato e cracckato?con la spiacevole conseguenza che non potendo fare aggiornamenti da windowsupdate (giustamente) poi si da la colpa a MS se ci si becca msblaster?
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo


            Ecco l'altro coglione che conta la


            diffusione di un sistema operativo dai
            log


            dei webserver !



            i metodi son barbari, infatti, ma li fa

            sentire meglio



            Perdoniamoli



            ne conosci qualcuno migliore oltre alle
            statistiche fatte in casa del tipo "l'ho
            visto installare a mio cugginoper me google E' _tuo_ cuggino
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro

            per me google E' _tuo_ cuggino
            esattoinfatti io ora sono in una splendida yakuzi su una terrazza in riva al mare, con due modelle, mentre tu stai a casa a morire di caldo davanti al tuo pc...e fra un po' il buon Bill ci compreara coprendoci di soldicosa dovremmo volere di piu' dalla vita?di essere come te magari?linux serve a fare soldi non a fare la guerra a MS
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux = innovazione = futuro
      - Scritto da: Anonimo

      C'è poco da fare, in 3 anni l'attenzione di
      tutti verso Linux è cresciuta a dismisura.
      come infatti emerge dall'articolohttp://zdnet.com.com/2100-1103_2-5069341.htmlOrmai l'industria ha un mezzo standard e malleabile per evitare i costi del software monopolistico
      C'è poco da fare, winzozz ha vita breve ! :)esatto. E chi ha occasione di provare OpenOffice.org lo proviit.openoffice.orgRimarrà soddisfatto e non dovrà più sentirsi un clandestino, costretto a piratare il solito software stracostoso del solito monopolio.Benvenuta libertà.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux = innovazione = futuro

        Rimarrà soddisfatto altrimenti viente lapidato?
        e non dovrà più sentirsi
        un clandestinoaltra lapidazione in vista
        costretto a piratare il
        solito software stracostoso costretto dai talebani?del solito monopoliomonopolio con alternative,nuovo termine
        Benvenuta libertà.accettala o sarai fucilato
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux = innovazione = futuro
          - Scritto da: Anonimo

          Benvenuta libertà.
          accettala o sarai fucilato fucilato da parole ?piuttosto: attenti alla Finanza
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro

            fucilato da parole ?

            piuttosto: attenti alla Finanza
            si la finanza...piuttosto, attenti a non intestardirvi su prodotti che non vi servono, tipo lo stesso openofficeper scrivere una lettera basta anche wordpad che e' di serie con l'os
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro
            - Scritto da: Anonimo

            fucilato da parole ?



            piuttosto: attenti alla Finanza



            si la finanza...
            piuttosto, attenti a non intestardirvi su
            prodotti che non vi servono, tipo lo stesso
            openofficetutto quello che non è di microsoft non serve, vero?ecco perché il clustering non va perseguito: perché microsoft non te lo darebbe (gratis)
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux = innovazione = futuro


            si la finanza...

            piuttosto, attenti a non intestardirvi su

            prodotti che non vi servono, tipo lo
            stesso

            openoffice

            tutto quello che non è di microsoft non
            serve, vero?
            tutto quello che non e' pro GNU va osteggiato vero?dove ho detto che Office e' meglio di openoffice?ho detto che ANCHE openoffice nel 90% dei casi e' superfluose per te non e' cosi, installalo e usalostikazzi!io sono 4 anni che non sento l'esigenza di usare un software di office automatione se mi mandano un allegato in formato word o abiword, o openoffice chiedo di rimandarmelo in txt o, se testo formattato in eps, al massimo in pdf, spiegando al mio interlocutore come fare
            ecco perché il clustering non va perseguito:
            perché microsoft non te lo darebbe (gratis)
            lo stai dicendo tuassumiti la responsabilita' di questa frase che non trova alcun riscontro in quello di cui IO ho modestamente parlato
  • Anonimo scrive:
    rivoluzione
    "colossi come Dell, IBM, HP, Fujitsu e Cray hanno già annunciato lo sviluppo, entro i prossimi due anni, di mostri di calcolo basati sul Pinguino con potenza compresa fra i 10 e i 40 teraflops"capperi! adesso è Cray che rincorre Linux; non viceversa!(windows, naturalmente, non diventerà mai oggetto di tanta attenzione, dati i suoi costi)
    • Anonimo scrive:
      Re: rivoluzione
      - Scritto da: Anonimo
      (windows, naturalmente, non diventerà mai
      oggetto di tanta attenzione, dati i suoi
      costi)Forse perche' a MS non interessa portarlo su una macchina del genere? Che ci guadagna? Si fattura ben di piu' in altri settori. Ma i talebani guardano tutto col paraocchi.
      • Anonimo scrive:
        Re: rivoluzione
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo


        (windows, naturalmente, non diventerà mai

        oggetto di tanta attenzione, dati i suoi

        costi)

        Forse perche' a MS non interessa portarlo su
        una macchina del genere? non credo. L'unico interesse di un monopolio è quello di monopoilzzare qualsiasi settore economico
        Che ci guadagna? la schiavitù degli utenti-consumatori, nel pure stile windows-client, questa volta estesa ai grandi centri di ricerca in cui dominano i soliti sistemi Unix-like.
        Si fattura ben di piu' in altri settori. certo. Per microsoft è difficile, ormai, fornire prodotti di supercalcolo a minor prezzo di Linux
        Ma i
        talebani guardano tutto col paraocchi.piuttosto il problema sono gli schiavi che non hanno gli occhi(oppure quei pochi che hanno il portafogli riempito dalle briciole che il monopolio gli passa).
        • Anonimo scrive:
          Re: rivoluzione
          - Scritto da: Anonimo
          non credo. L'unico interesse di un monopolio
          è quello di monopoilzzare qualsiasi settore
          economicoOmmamma. Dici che la mia azienda di caramelle e' in pericolo? Questo non e' piu' fanatismo... questa e' paranoia completa!


          Che ci guadagna?

          la schiavitù degli utenti-consumatori, nel
          pure stile windows-client, questa volta
          estesa ai grandi centri di ricerca in cui
          dominano i soliti sistemi Unix-like.Cioe'? Ottenere 100 utenti in piu'? Su un parco utenti mondiale di miliardi? Ah.. ah..

          Si fattura ben di piu' in altri settori.

          certo. Per microsoft è difficile, ormai,
          fornire prodotti di supercalcolo a minor
          prezzo di LinuxEsatto. Fare un prodotto con un target di vendita di quanti pezzi? Uno? Due?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            non credo. L'unico interesse di un
            monopolio

            è quello di monopoilzzare qualsiasi
            settore

            economico

            Ommamma. Dici che la mia azienda di
            caramelle e' in pericolo? certo, se hai installato windows
            Questo non e' piu'
            fanatismo... questa e' paranoia completa!no. Questo è il programma economico dei dirigenti Microsoft


            Che ci guadagna?



            la schiavitù degli utenti-consumatori, nel

            pure stile windows-client, questa volta

            estesa ai grandi centri di ricerca in cui

            dominano i soliti sistemi Unix-like.

            Cioe'? Ottenere 100 utenti in piu'?
            Su un
            parco utenti mondiale di miliardi? Ah.. ah..un monopolio non si pone di questi limiti


            Si fattura ben di piu' in altri
            settori.



            certo. Per microsoft è difficile, ormai,

            fornire prodotti di supercalcolo a minor

            prezzo di Linux

            Esatto. Fare un prodotto con un target di
            vendita di quanti pezzi? Uno? Due?come vedi, stai parlando di un mercato già morto per Microsoft, eroso dalla concorrenza FREE
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            Ommamma. Dici che la mia azienda di

            caramelle e' in pericolo?

            certo, se hai installato windows


            Questo non e' piu'

            fanatismo... questa e' paranoia completa!

            no. Questo è il programma economico dei
            dirigenti MicrosoftMi dai il link al documento in cui MS vuole mangiarsi ogni mercato (automobili, alimentari, ecc)?



            Che ci guadagna?





            la schiavitù degli utenti-consumatori,
            nel


            pure stile windows-client, questa volta


            estesa ai grandi centri di ricerca in
            cui


            dominano i soliti sistemi Unix-like.



            Cioe'? Ottenere 100 utenti in piu'?

            Su un

            parco utenti mondiale di miliardi? Ah..
            ah..

            un monopolio non si pone di questi limiti Mamma mia.. Tu un'azienda non l'hai vista neppure a 10Km di distanza, in vita tua.

            Esatto. Fare un prodotto con un target di

            vendita di quanti pezzi? Uno? Due?

            come vedi, stai parlando di un mercato già
            morto per Microsoft, eroso dalla concorrenza
            FREECome detto sopra. Ed io che perdo tempo coi talebani...
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione


            Cioe'? Ottenere 100 utenti in piu'?

            Su un

            parco utenti mondiale di miliardi? Ah..
            ah..

            un monopolio non si pone di questi limiti
            solo uno scemo non se li poneGates non e' scemo

            Esatto. Fare un prodotto con un target di

            vendita di quanti pezzi? Uno? Due?

            come vedi, stai parlando di un mercato già
            morto per Microsoft, eroso dalla concorrenza
            FREE


            e' veroUn mercato pero' che per MS non e' mai neanche nato.E in cui il free software il mercato non ce l'ha proprio, visto che continuate a dire che con il free software che e' gratis fai i cluster a costo quasi nulloPerche' entrare in un mercato in cui devi regalare il tuo software?a che pro se sei un'impresa commerciale?per morire?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo
            e' vero
            Un mercato pero' che per MS non e' mai
            neanche nato.infatti le alternative gratuite ne hanno da subito estromesso microsoft come fuori mercato
            E in cui il free software il mercato non ce
            l'ha proprio, Sai su che notizia stiamo discutendo?Su supercomputer realizzati con Linux.
            visto che continuate a dire
            che con il free software che e' gratis fai i
            cluster a costo quasi nullosai bene che il mercato per il free softw Perche' entrare in un mercato in cui devi
            regalare il tuo software?come il mercato dei browser?Explorer ? Mai sentito nominare? Guarda che è stato regalato fino a ieri (oggi non so più)
          • pippo75 scrive:
            Re: rivoluzione


            Explorer ? Mai sentito nominare? Guarda che
            è stato regalato fino a ieri (oggi non so
            più)
            Dove e' che lor egalano? io l'ho pagato assieme a windows, perdindirindina mi hanno fregato.Ma mi sono rifattoho comperato un auto e mi hanno regalato tanti opzional da fare invidia.Poi assieme al processore mi hannore regalato il coprocessore matematico.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: pippo75



            Explorer ? Mai sentito nominare? Guarda
            che

            è stato regalato fino a ieri (oggi non so

            più)



            Dove e' che lo regalano?quihttp://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=1e1550cb-5e5d-48f5-b02b-20b602228de6&DisplayLang=it
            io l'ho pagato
            assieme a windows, perdindirindina mi hanno
            fregato.come sempre...
          • pippo75 scrive:
            Re: rivoluzione


            qui

            http://www.microsoft.com/downloads/details.assbagliato qui non è gratis, è un aggiornamento del programma che ho comperato (gli aggiornamenti erano inclusi nel costo iniziale).ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: pippo75





            qui




            http://www.microsoft.com/downloads/details.as

            sbagliato qui non è gratis, è un
            aggiornamento del programma che ho comperato
            (gli aggiornamenti erano inclusi nel costo
            iniziale).vero. Sembra proprio che non lo regalino più.ma l'hanno fatto fino a qualche mese fa.
          • pippo75 scrive:
            Re: rivoluzione

            http://www.microsoft.com/downloads/details.as



            sbagliato qui non è gratis, è un

            aggiornamento del programma che ho
            comperato

            (gli aggiornamenti erano inclusi nel costo

            iniziale).

            vero. Sembra proprio che non lo regalino più.

            ma l'hanno fatto fino a qualche mese fa.E' dal tempo di windows 95b (o 95c) che non lo regalano ma lo vendono assieme al sistema (quelli che trovi in giro sono aggiornamenti per il sistema).ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: pippo75



            http://www.microsoft.com/downloads/details.as





            sbagliato qui non è gratis, è un


            aggiornamento del programma che ho

            comperato


            (gli aggiornamenti erano inclusi nel
            costo


            iniziale).



            vero. Sembra proprio che non lo regalino
            più.



            ma l'hanno fatto fino a qualche mese fa.

            E' dal tempo di windows 95b (o 95c) che non
            lo regalano ma lo vendono assieme al sistema
            (quelli che trovi in giro sono aggiornamenti
            per il sistema).Ora sei tu che sbagli La rivista "Internet Magazine" lo ha incluso nella sua compilation fino a qualche mese fa, ad esempio ho qui davanti a me Il numero 63 del settembre 2002 (quindi un anno fa). E contiene proprio Explorer 6.0, installabile.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione

            La rivista "Internet Magazine" lo ha incluso
            nella sua compilation fino a qualche mese
            fa, ad esempio ho qui davanti a me Il numero
            63 del settembre 2002 (quindi un anno fa). E
            contiene proprio Explorer 6.0, installabile.Proprio non vuoi capire: se voglio navigare usando explorer, DEVO mettere mano al portafoglio. Casualmente tutte le versioni di explorer sono per sistemi operativi a pagamento (Win, Mac, SunOS). Come mai non esiste una versione per FreeBSD o Linux? Non dovrebbe essere difficile, visto che una versione per unix l'hanno gia' fatta ... (e abbandonata). Te lo dico io: non ci guadagnerebbero nulla.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            La rivista "Internet Magazine" lo ha
            incluso

            nella sua compilation fino a qualche mese

            fa, ad esempio ho qui davanti a me Il
            numero

            63 del settembre 2002 (quindi un anno
            fa). E

            contiene proprio Explorer 6.0,
            installabile.

            Proprio non vuoi capire: se voglio navigare
            usando explorer, DEVO mettere mano al
            portafoglio. No. Dimentichi la pirateriaExplorer 6 è stato gratuito fino a poco tempo fa, permettendo a un mare di pirati di usarlo senza pagare alcunché. Qui microsoft no ci guadagnava nulla, se non l'estromissione di un pericoloso avversario (Netscape).Microsoft è stata condannata per questa vicenda e da allora è un monopolio pregiudicato (che non cambia atteggiamento, date le vicende anti-trust con L'Unione Europea)
          • pippo75 scrive:
            Re: rivoluzione


            Ora sei tu che sbagli

            La rivista "Internet Magazine" lo ha incluso
            nella sua compilation fino a qualche mese
            fa, ad esempio ho qui davanti a me Il numero
            63 del settembre 2002 (quindi un anno fa). E
            contiene proprio Explorer 6.0, installabile.

            Prova contare fino al 5 e poi ripensa non è che forse è solo un aggiornamento del prodotto comprato.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: pippo75




            Ora sei tu che sbagli



            La rivista "Internet Magazine" lo ha
            incluso

            nella sua compilation fino a qualche mese

            fa, ad esempio ho qui davanti a me Il
            numero

            63 del settembre 2002 (quindi un anno
            fa). E

            contiene proprio Explorer 6.0,
            installabile.





            Prova contare fino al 5 e poi ripensa non è
            che forse è solo un aggiornamento del
            prodotto comprato.no
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            e' vero

            Un mercato pero' che per MS non e' mai

            neanche nato.

            infatti le alternative gratuite ne hanno da
            subito estromesso microsoft come fuori
            mercatoGratuite? Ma di' un po'.... Tu credi di scaricarti la mandrake da linuxiso.org, buttarla su un mestione da 2000 itanium (e non sono 2000 normali pc in una lan ethernet!!!!!!!) e magilla funziona tutto?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo




            e' vero


            Un mercato pero' che per MS non e' mai


            neanche nato.



            infatti le alternative gratuite ne hanno
            da

            subito estromesso microsoft come fuori

            mercato

            Gratuite? www.linuxiso.org
            e magilla funziona tutto? qui si parlava di prezzo e di microsoft come potenziale fornitore di software per gestire clusterUn operatore che volesse fornire un prodotto a basso prezzo, ora può contare su un elemento di costo nullo: l'OS. Poiché microsoft è un fornitore di software, qualunque suo OS sarà tagliato fuori dal mercato.La "strada che porta al domani" non passa per Redmond.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo






            e' vero



            Un mercato pero' che per MS non e'
            mai



            neanche nato.





            infatti le alternative gratuite ne
            hanno

            da


            subito estromesso microsoft come fuori


            mercato



            Gratuite?

            www.linuxiso.org


            e magilla funziona tutto?

            qui si parlava di prezzo e di microsoft come
            potenziale fornitore di software per gestire
            cluster

            Un operatore che volesse fornire un prodotto
            a basso prezzo, ora può contare su un
            elemento di costo nullo: l'OS.
            Poiché microsoft è un fornitore di software,
            qualunque suo OS sarà tagliato fuori dal
            mercato.Appunto. L'os a basso costo da dove lo prendi? Lo scarichi da mandrake.com?Ma guardacaso non hai quotato la parte interessante. Coda di paglia, ne?

            La "strada che porta al domani" non passa
            per Redmond.
            Awwnnn....
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo







            - Scritto da: Anonimo








            e' vero




            Un mercato pero' che per MS non
            e'

            mai




            neanche nato.







            infatti le alternative gratuite ne

            hanno


            da



            subito estromesso microsoft come
            fuori



            mercato





            Gratuite?



            www.linuxiso.org




            e magilla funziona tutto?



            qui si parlava di prezzo e di microsoft
            come

            potenziale fornitore di software per
            gestire

            cluster



            Un operatore che volesse fornire un
            prodotto

            a basso prezzo, ora può contare su un

            elemento di costo nullo: l'OS.

            Poiché microsoft è un fornitore di
            software,

            qualunque suo OS sarà tagliato fuori dal

            mercato.

            Appunto.
            L'os a basso costo da dove lo
            prendi? Lo scarichi da mandrake.com?io no. Lo fa l'operatore

            La "strada che porta al domani" non passa

            per Redmond.



            Awwnnn....ecco la vera coda di paglia
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            L'os a basso costo da dove lo

            prendi? Lo scarichi da mandrake.com?

            io no. Lo fa l'operatoreAh... e l'operatore dove lo trovi? Guarda che il ragazzetto con in mano il cd della mandrake non funziona. Qui serve gente (e non uno) tosta. Oppure tu sei uno di quelli che si compra una macchina da svariate decine di miliardi di lire e poi "spera" che qualcuno su qualche newsgrup gli dica come fare?E questi operatori come li paghi? Con copie del libro "I pensieri di Stallman"? E ti ripeto... una bestia del genere non la dai in mano a dei ragazzetti che li paghi due lire. Oibo'... il tuo costo zero non e' piu' zero.


            La "strada che porta al domani" non
            passa


            per Redmond.






            Awwnnn....

            ecco la vera coda di pagliaIo lo chiamerei sbadiglio per i soliti slogan da paraocchiati.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            L'os a basso costo da dove lo


            prendi? Lo scarichi da mandrake.com?



            io no. Lo fa l'operatore

            Ah... e l'operatore dove lo trovi?non solo presso CRAY, ormaiE' finito il tempo delle vacche grasseSupercalcolo per tutti!(alla faccia di chi ci perde)
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione

            non solo presso CRAY, ormai

            E' finito il tempo delle vacche grasse

            Supercalcolo per tutti!
            mi ricorda qualcuno che promise meno tasse, piu' lavoroe si trova con la produzione industriale sotto zero, la crescita del PIL allo zero, l'inflazione in aumento e il risparmio lievissimo sulle tasse che non basta a coprire neanche gli aumenti delle tariffe energetiche...gli slogan da 4 soldi presuppongono sempre una grossa inkulata generale

            (alla faccia di chi ci perde)
            ma chi ci perde?secondo te cray o IBM mettendo linux ci perdono?qui chi ci perde e' solo chi compra queste bestie...perche' linux o no non mi sembra che adesso te le regalino...
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo


            non solo presso CRAY, ormai



            E' finito il tempo delle vacche grasse



            Supercalcolo per tutti!



            mi ricorda qualcuno che promise meno tasse,
            piu' lavoro...no grazie, non faccio politica. Sono un anonimo tra gli anonimi che segnala semplicemente un'occasione di mercato in più Se questo dà fastidio a qualcuno (che si inalbera), i lettori sapranno comprendere che di un mercato più accessibile non beneficiano i VECCHI operatori oligopolisti.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione


            Perche' entrare in un mercato in cui devi

            regalare il tuo software?

            come il mercato dei browser?

            Explorer ? Mai sentito nominare? Guarda che
            è stato regalato fino a ieri (oggi non so
            più)
            Explorer GRATIS ?!? ROTFLPS.: Se non l'hai ancora capito te lo fanno pagare assieme all'OS.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo



            Perche' entrare in un mercato in cui
            devi


            regalare il tuo software?



            come il mercato dei browser?



            Explorer ? Mai sentito nominare? Guarda
            che

            è stato regalato fino a ieri (oggi non so

            più)



            Explorer GRATIS ?!? ROTFL


            PS.: Se non l'hai ancora capito te lo fanno
            pagare assieme all'OS.i pirati di soiftware staranno ancora ridendo a questa tua battuta?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione


            Explorer GRATIS ?!? ROTFL





            PS.: Se non l'hai ancora capito te lo
            fanno

            pagare assieme all'OS.

            i pirati di soiftware staranno ancora
            ridendo a questa tua battuta?No, la battuta e' questa (di cui sto ancora ridendo :-):
            Explorer ? Mai sentito nominare? Guarda
            che è stato regalato fino a ieri (oggi non so più)
          • pippo75 scrive:
            Re: rivoluzione


            PS.: Se non l'hai ancora capito te lo
            fanno

            pagare assieme all'OS.

            i pirati di soiftware staranno ancora
            ridendo a questa tua battuta?
            esempio simile:anche la automobili sono gratis, per i ladri.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: pippo75


            PS.: Se non l'hai ancora capito te lo

            fanno


            pagare assieme all'OS.



            i pirati di soiftware staranno ancora

            ridendo a questa tua battuta?



            esempio simile:

            anche la automobili sono gratis, per i ladri.esempio sballato: con un'automobile rubata non ti regalano l'autoradio
          • pippo75 scrive:
            Re: rivoluzione



            i pirati di soiftware staranno ancora


            ridendo a questa tua battuta?






            esempio simile:



            anche la automobili sono gratis, per i
            ladri.

            esempio sballato: con un'automobile rubata
            non ti regalano l'autoradio
            perche ad un "pirata" che copia e magari vende un programma cosa regalano?Forse ad ogni pirata viene regalata una copia di autocad?ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: pippo75





            i pirati di soiftware staranno
            ancora



            ridendo a questa tua battuta?









            esempio simile:





            anche la automobili sono gratis, per i

            ladri.



            esempio sballato: con un'automobile rubata

            non ti regalano l'autoradio



            perche ad un "pirata" che copia e magari
            vende un programma cosa regalano?un pirata che abbia avuto una copia piratata di windows aveva (fino a almeno 1 anno fa) la sua nuova versione di explorer fiammante. scaricabile direttamente dal sito di microsoft o mediante l'acuisto diu una rivista con CD abbinato (come ho dimostrato)un ladro di auto, invece, dopo aver rubato l'auto, se vuole anche l'autoradio deve almeno fare lo sforzo di rubare anche quella. Non gliela regala il produttore di automobile solo perché ha un'auto di sua produzione.Comunque mi sembri cascare dalle nuvole. E' noto che molti utenti hanno ottenuto un pc senza OS e si sono aggiornati i programmi a sbafo (tanto pagano quelli che si comprano i pc nuovi)
          • pippo75 scrive:
            Re: rivoluzione


            un pirata che abbia avuto una copia piratata
            di windows aveva (fino a almeno 1 anno fa)
            la sua nuova versione di explorer fiammante.
            scaricabile direttamente dal sito di
            microsoft o mediante l'acuisto diu una
            rivista con CD abbinato (come ho dimostrato)se non hai una versione di windows, la licenza di IE trovata sul CD ti dice che non puoi installarlo.ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione

            un pirata che abbia avuto una copia piratata
            di windows aveva (fino a almeno 1 anno fa)
            la sua nuova versione di explorer fiammante.
            scaricabile direttamente dal sito di
            microsoft o mediante l'acuisto diu una
            rivista con CD abbinato (come ho dimostrato)
            violando la licenza di di IE che ti dice che puoi installarlo solo sul sistema di cui gia' possiedi una licenzaOvvero un pirata non puo' installare IE legalmente
            un ladro di auto, invece, dopo aver rubato
            l'auto, se vuole anche l'autoradio deve
            almeno fare lo sforzo di rubare anche
            quella.
            Non gliela regala il produttore di
            automobile solo perché ha un'auto di sua
            produzione.
            neanche Microsoftdi fatto installando IE su un windows pirata stai piratando anche quelloe' come se stessi rubando anche l'autoradio
            Comunque mi sembri cascare dalle nuvole. E'
            noto che molti utenti hanno ottenuto un pc
            senza OS e si sono aggiornati i programmi a
            sbafo (tanto pagano quelli che si comprano i
            pc nuovi)che e' e resta illegalea meno che non vogliamo dire che la colpa dell'illegalita' e' del fatto che il software si paghi e che il free software abbatte l'illegalita' solo perche' virtualmente gratisRipeto, windowx xp home edition costa circa 100 euro in versione OEMnon costa di piu' di altri OS commercialie non mi sembra un'enormita' in assoluto
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione

            Explorer GRATIS ?!? ROTFL


            PS.: Se non l'hai ancora capito te lo fanno
            pagare assieme all'OS.Da quando insieme a windows danno anche un OS ?
    • Anonimo scrive:
      Re: rivoluzione

      "colossi come Dell, IBM, HP, Fujitsu e Cray
      capperi! adesso è Cray che rincorre Linux;
      non viceversa!tutte aziende che fanno hardware
      (windows, naturalmente, non diventerà mai
      oggetto di tanta attenzione, dati i suoi
      costi)
      vorrei sapere se posso comprare un cray senza linux e metterci quello che vogliodire che i 100-200 euro di licenza di windows siano un costo esagerato mi sembra poco obbiettivo
      • Anonimo scrive:
        Re: rivoluzione
        - Scritto da: Anonimo

        "colossi come Dell, IBM, HP, Fujitsu e
        Cray

        capperi! adesso è Cray che rincorre Linux;

        non viceversa!

        tutte aziende che fanno hardwaree che sanno quale software scegliere per abbattere i costi

        (windows, naturalmente, non diventerà mai

        oggetto di tanta attenzione, dati i suoi

        costi)



        vorrei sapere se posso comprare un cray
        senza linux e metterci quello che vogliose questo è l'unico obiettivo che hai.forse qualcuno dotrebbe dirti che per fare clustering non devi comprare l'hardware di crayè questo il bello di Linux: non devi essere cray per fare supercalcoloSe anche cray se ne è accorto, son cavoli tuoi che continui a ignorarlo (o a far finta)
        dire che i 100-200 euro di licenza di
        windows siano un costo esagerato mi sembra
        poco obbiettivo
        • Anonimo scrive:
          Re: rivoluzione


          tutte aziende che fanno hardware

          e che sanno quale software scegliere per
          abbattere i costi
          casomai per aumentare i loro margini di guadagnoqualcuno ha letto che CRAY abbassera' i prezzi delle sue macchine grazie a linux?io ho letto solo che "verra' adottato linux come OS"


          (windows, naturalmente, non diventerà
          mai


          oggetto di tanta attenzione, dati i
          suoi


          costi)






          vorrei sapere se posso comprare un cray

          senza linux e metterci quello che voglio

          se questo è l'unico obiettivo che hai.

          forse qualcuno dotrebbe dirti che per fare
          clustering non devi comprare l'hardware di
          cray

          è questo il bello di Linux: non devi essere
          cray per fare supercalcolo

          Se anche cray se ne è accorto, son cavoli
          tuoi che continui a ignorarlo (o a far
          finta)

          mai detto questo; se sai leggere te ne accorgerai da solo.un cluster che abbia le performance di un cray di alto livello, non costa cosi' tanto di meno di un craysenza considerare lo spazio occupato, la dissipazione del caloreetc. etc.poi se tu all'uni ti fai il cluster con 5 pc rimediati dagli sgabuzzini e pensi di aver fatto un cluster per il calcolo parallelo, non saro' certo io ad infrangere il tuo sogno.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo



            tutte aziende che fanno hardware



            e che sanno quale software scegliere per

            abbattere i costi



            casomai per aumentare i loro margini di
            guadagnoecco che con Linux ci si guadagna
            qualcuno ha letto che CRAY abbassera' i
            prezzi delle sue macchine grazie a linux?
            io ho letto solo che "verra' adottato linux
            come OS"l'adozione di linux non è certo fattibile solo da CRAY.la concorrenza è solo un fantasma nel mondo dorato del monopolizzato desktop windows, ma al di fuori di questo mondo di privilegio esiste e detta legge.
            un cluster che abbia le performance di un
            cray di alto livello, non costa cosi' tanto
            di meno di un crayma non sempre è necessaria un potenza di calcolo offerta da un tradizionale cray. Ecco la novità: ora si può fare tutto anche con cluster LinuxPrima non era possibile.Se tu non sei in grado di utilizzare queste possibilità, magari per motivi ideologici, son cavoli tuoi.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo
            ma non sempre è necessaria un potenza di
            calcolo offerta da un tradizionale cray.

            Ecco la novità: ora si può fare tutto anche
            con cluster Linux

            Prima non era possibile.

            Se tu non sei in grado di utilizzare queste
            possibilità, magari per motivi ideologici,
            son cavoli tuoi.Ho capito. Tu sei uno di quelli che tira fuori i suoi sue vecchi pc dal sottoscala, ci mette linux e pensa di aver construito un sistema per il super calcolo parallelo. Auguri... Fatti una s##a mentre speri di scoprire gli alieni col tuo "spazzatura-cluster".
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            ma non sempre è necessaria un potenza di

            calcolo offerta da un tradizionale cray.



            Ecco la novità: ora si può fare tutto
            anche

            con cluster Linux



            Prima non era possibile.



            Se tu non sei in grado di utilizzare
            queste

            possibilità, magari per motivi ideologici,

            son cavoli tuoi.


            Ho capito. Tu sei uno di quelli che tiraio sono uno di quelli che vede una netta differenza tra un prodotto a costo zero e uno a costo diverso da zero
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione

            io sono uno di quelli che vede una netta
            differenza tra un prodotto a costo zero e
            uno a costo diverso da zero
            e quello a costo zero quale e'?ammesso che il tuo tempo valga zero(il che e' probabile...)
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo


            io sono uno di quelli che vede una netta

            differenza tra un prodotto a costo zero e

            uno a costo diverso da zero



            e quello a costo zero quale e'?www.linuxiso.orgdownload gratuito (se mai non lo sapessi)prova a far lo stesso (legalmente) con uindows.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            e quello a costo zero quale e'?


            www.linuxiso.org

            download gratuito (se mai non lo sapessi)Sto girando ora nel loro ftp.Department...Department...Department...Department...Department......Department...No, la iso per questa macchina del Department of Energy's Pacific Northwest National Labs (che e' un unico esistente al mondo) non la trovo. Mi dai il link?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            e quello a costo zero quale e'?





            www.linuxiso.org



            download gratuito (se mai non lo sapessi)

            Sto girando ora nel loro ftp.

            Department...
            Department...
            Department...
            Department...
            Department...
            ...Department...


            No, la iso per questa macchina del
            Department of Energy's Pacific Northwest
            National Labs (che e' un unico esistente al
            mondo) non la trovo. ma davvero?Con tutte le distribuzioni Linux installabili su macchine Intel per ottenere clustering a go-go, TU, grande esperto informatico, ti senti in dovere di cercare una distribuzione per una macchina peculiare e praticamente inaccessibile!!!Che grande professionista ti sei dimostrato! per svolgere un lavoro fattibile vai a cercarti proprio quella macchina per cui non esiste la iso di Linux !!Grazie: Ottima dimostrazione di come NON si faFacciamo così: se dovessero cercare un consulente per fornitura di clustering con Linux, NON gli sottoporrò il tuo nome
            Mi dai il link?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo



            e quello a costo zero quale e'?








            www.linuxiso.org





            download gratuito (se mai non lo
            sapessi)



            Sto girando ora nel loro ftp.



            Department...

            Department...

            Department...

            Department...

            Department...

            ...Department...





            No, la iso per questa macchina del

            Department of Energy's Pacific Northwest

            National Labs (che e' un unico esistente
            al

            mondo) non la trovo.


            ma davvero?

            Con tutte le distribuzioni Linux
            installabili su macchine Intel per ottenere
            clustering a go-go,

            TU,

            grande esperto informatico, ti senti in
            dovere di cercare una distribuzione per una
            macchina peculiare e praticamente
            inaccessibile!!!


            Che grande professionista ti sei dimostrato!
            per svolgere un lavoro fattibile vai a
            cercarti proprio quella macchina per cui non
            esiste la iso di Linux !!

            Grazie: Ottima dimostrazione di come NON si
            fa

            Facciamo così: se dovessero cercare un
            consulente per fornitura di clustering con
            Linux, NON gli sottoporrò il tuo nome





            Mi dai il link?

            Traduzione: non esiste un OS gratis per quella macchina.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo




            e quello a costo zero quale e'?











            www.linuxiso.org
            Traduzione: non esiste un OS gratis per
            quella macchina.Traduzione: ti rincresce di non trovare altre scuse per il tuo ostinato astio e sei ridotto a smentire la mia tesi di "Linux = supercalcolo gratis"con la tua misera affermazione "non esiste un OS gratis per la macchina che dico IO e quindi non è vero che il supercalcolo è gratis con Linux"A proposito: visto che sei nell'angolo, mi toglieresti le ragnatele per favore?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            Come mi dispiace vederti ridotto ad arrampicarti sugli specchi. Beh, ciao. Io domani vado a lavorare. Tu hai ancora una settimana di vacanza, prima dell'inizio delle skuole, vero? Bye.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione


            "Linux = supercalcolo gratis"supercalcolo GRATIS??????????oddio che cosa mki tocca sentiree con cosa lo fai?mettendo in clustering lavatrice, friggitrice, lavastoviglie e minipimer?o forse dovrai comprare MOLTO HW MOLTO COSTOSO????parliamo di SUPERCALCOLO, non semplicemente di calcolo distribuito
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo



            "Linux = supercalcolo gratis"

            supercalcolo GRATIS??????????una volta acquisito l'hardware, certo
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo





            "Linux = supercalcolo gratis"



            supercalcolo GRATIS??????????

            una volta acquisito l'hardware, certo
            ah behspendo 200 mila euro in HW e per risparmiare 1000 euro di licenza (che sicuramente il produttore di HW mi avrebbe incluso nel prezzo come fanno tutti)che culoma poi dove avete letto che linux per clustering DA SUPERCALCOLO (e non i giocattoli che vi fate in casa con 3 pc su una 100mbit) sia gratis?mai sentito parlare di DOVER CONFIGURARE e FARE IL TUNING DI UN SISTEMA?credo proprio di no...
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            e quello a costo zero quale e'?





            www.linuxiso.org



            download gratuito (se mai non lo sapessi)

            Sto girando ora nel loro ftp.

            Department...
            Department...
            Department...
            Department...
            Department...
            ...Department...


            No, la iso per questa macchina del
            Department of Energy's Pacific Northwest
            National Labs (che e' un unico esistente al
            mondo) non la trovo. Mi dai il link?Non capisco che gusto ci trovi a trollegiare in questa maniera.Vuoi che venga qualcuno a casa a tatuartelo sulla fronte come funziona la GPL oppure vuoi che ti paghiamo un corso di italiano al CEPU cosi' sei in grado di leggertela e capirla da solo ?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo



            e quello a costo zero quale e'?








            www.linuxiso.org





            download gratuito (se mai non lo
            sapessi)



            Sto girando ora nel loro ftp.



            Department...

            Department...

            Department...

            Department...

            Department...

            ...Department...





            No, la iso per questa macchina del

            Department of Energy's Pacific Northwest

            National Labs (che e' un unico esistente
            al

            mondo) non la trovo. Mi dai il link?

            Non capisco che gusto ci trovi a trollegiare
            in questa maniera.

            Vuoi che venga qualcuno a casa a tatuartelo
            sulla fronte come funziona la GPL oppure
            vuoi che ti paghiamo un corso di italiano al
            CEPU cosi' sei in grado di leggertela e
            capirla da solo ?E' tutto il pomeriggio che si sfibrillano i maroni che grazie a linux si puo' avere gratis un OS per quella macchina. Eppure il link non me lo sapete dare.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione

            E' tutto il pomeriggio che si sfibrillano i
            maroni che grazie a linux si puo' avere
            gratis un OS per quella macchina. Eppure il
            link non me lo sapete dare.Se non vuoi capire che libero non vuol dire necessariamente gratis non ci posso fare niente.Su questo forum e' stato detto non so quante migliaia di volte e, nonostante tutto, c'e' ancora gente che insiste su sta cosaSe vuoi continuare puoi andare avanti all'infinito, ma se poi qualcuno ti manda a quel paese non ti lamentare :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo



            E' tutto il pomeriggio che si sfibrillano
            i

            maroni che grazie a linux si puo' avere

            gratis un OS per quella macchina. Eppure
            il

            link non me lo sapete dare.

            Se non vuoi capire che libero non vuol dire
            necessariamente gratis non ci posso fare
            niente.

            Su questo forum e' stato detto non so quante
            migliaia di volte e, nonostante tutto, c'e'
            ancora gente che insiste su sta cosa

            Se vuoi continuare puoi andare avanti
            all'infinito, ma se poi qualcuno ti manda a
            quel paese non ti lamentare :-)

            Io sto rispondendo a questo messaggio:----------------------
            io sono uno di quelli che vede una netta
            differenza tra un prodotto a costo zero e
            uno a costo diverso da zero ----------------------Dalla tua risposta le possibilita' sono:1) non leggi i thread e rispondi a caso2) sei un misero troll3) fai il finto tonto e ti rigiri la traduzione di free all'occorrenza4) il tuo QI e' quello di un bradipo, e neppure molto sveglio.Scegli tu.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo
            Io sto rispondendo a questo messaggio:
            ----------------------

            io sono uno di quelli che vede una netta

            differenza tra un prodotto a costo zero e

            uno a costo diverso da zero
            ----------------------
            Dalla tua risposta le possibilita' sono:
            1) non leggi i thread e rispondi a casoNon ho tempo per leggere tutte le tue cazzate.
            3) fai il finto tonto e ti rigiri la traduzione di free all'occorrenzaNo, sei te che sei un coglione. Hai mai sentito la frase "free as in freedom" ? Hai mai letto le traduzioni del materiale GNU ? Dove cazzo vivi ? Penso che tu sia l'unico imbecille al mondo che traduce ancora "free software" con software gratis.
            4) il tuo QI e' quello di un bradipo, e
            neppure molto sveglio.
            Scegli tu.Io, come preannunciato, scelgo di mandarti affanculo, perche' sei solo un ignorante troll, e non meriti di certo che qualcuno ti risponda, visto che non capisci un cazzo e sei un lobotimizzato mentale.Quindi, vaffanculo.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Io sto rispondendo a questo messaggio:

            ----------------------


            io sono uno di quelli che vede una
            netta


            differenza tra un prodotto a costo zero
            e


            uno a costo diverso da zero

            --------------------- -

            Dalla tua risposta le possibilita' sono:

            1) non leggi i thread e rispondi a caso

            Non ho tempo per leggere tutte le tue
            cazzate.Allora che posti a fare? Posti alla cazzo? Complimenti. In pratica parli per dare aria ai denti. Che bello. Tornatene nei tuoi sogni va...

            3) fai il finto tonto e ti rigiri la
            traduzione di free all'occorrenza

            No, sei te che sei un coglione. Hai mai
            sentito la frase "free as in freedom" ?Grazie per il coglione (tu stai peggio, non preoccuparti). Comunque qui si parlava di soldi. ma tu non riesci a focalizzare il cervello per piu' di 30 secondi. e' chiaro.
            Io, come preannunciato, scelgo di mandarti
            affanculo, perche' sei solo un ignorante
            troll, e non meriti di certo che qualcuno
            ti risponda, visto che non capisci un cazzo
            e sei un lobotimizzato mentale.

            Quindi, vaffanculo.Si.. si... Vai a dire la preghierina e poi a letto. E' triste vedere le proprie utopie andare in fumo, vero?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione


            Non ho tempo per leggere tutte le tue

            cazzate.

            Allora che posti a fare? Posti alla cazzo?
            Complimenti. In pratica parli per dare aria
            ai denti. Non c'e' bisogno di leggerli tutti. Se uno scrive una cazzata IMMANE, basta leggere quella.


            3) fai il finto tonto e ti rigiri la

            traduzione di free all'occorrenza



            No, sei te che sei un coglione. Hai mai

            sentito la frase "free as in freedom" ?

            Grazie per il coglione (tu stai peggio, non
            preoccuparti). Comunque qui si parlava di
            soldi. ma tu non riesci a focalizzare il
            cervello per piu' di 30 secondi. e' chiaro.Veramente si parlava di traduzioni, ma visto che ti sei reso conto di aver fatto una figura di merda, tiri fuori i soldi.

            Io, come preannunciato, scelgo di mandarti

            affanculo, perche' sei solo un ignorante

            troll, e non meriti di certo che qualcuno

            ti risponda, visto che non capisci un
            cazzo

            e sei un lobotimizzato mentale.



            Quindi, vaffanculo.

            Si.. si... Vai a dire la preghierina e poi a
            letto.Non credo. L'ultima preghierina mi hanno costretto a dirla a 11 anni.
            E' triste vedere le proprie utopie
            andare in fumo, vero?Le mie utopie vanno a gonfie vele. L'unica cosa triste e' vedere come ci sia gente come te che non capisce un cazzo, ma soprattutto si rifiuta di evolvere anche quando gli si fanno notare i propri errori.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo
            E' tutto il pomeriggio che si sfibrillano i
            maroni che grazie a linux si puo' avere
            gratis un OS per quella macchina. dove è stato detto esattamente QUESTO ?Dove è stato detto che il porting di linux per una qualunque macchina debba essere gratis?In questo forum si è parlato della possibilità di fare clustering con uno strumento gratuito.Questa possibilità abbassa i costi del calcolo perché può essere sfruttata potenzialmente da chiunque con mezzi hardware alla portata economica di chiunque.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            E' tutto il pomeriggio che si sfibrillano
            i

            maroni che grazie a linux si puo' avere

            gratis un OS per quella macchina.

            dove è stato detto esattamente QUESTO ?Eccolo:
            io sono uno di quelli che vede una netta
            differenza tra un prodotto a costo zero e
            uno a costo diverso da zero

            Dove è stato detto che il porting di linux
            per una qualunque macchina debba essere
            gratis?Li' sopra.
            In questo forum si è parlato della
            possibilità di fare clustering con uno
            strumento gratuito.Nel thread si usa rispondere al post precedente, non a caso.
            Questa possibilità abbassa i costi del
            calcolo perché può essere sfruttata
            potenzialmente da chiunque con mezzi
            hardware alla portata economica di chiunque.Abbassare != gratis
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo




            E' tutto il pomeriggio che si
            sfibrillano

            i


            maroni che grazie a linux si puo' avere


            gratis un OS per quella macchina.



            dove è stato detto esattamente QUESTO ?

            Eccolo:

            io sono uno di quelli che vede una netta

            differenza tra un prodotto a costo zero e

            uno a costo diverso da zero in questa citazione (del tutto generica) non c'è alcun riferimento a alcun oggetto concreto.

            Dove è stato detto che il porting di linux

            per una qualunque macchina debba essere

            gratis?

            Li' sopra.non è vero.Nota bene:"io sono uno di quelli che vede una netta differenza tra un prodotto a costo zero e uno a costo diverso da zero "è una frase del tutto diversa dalla"il porting di linux per una qualunque macchina è gratis"

            In questo forum si è parlato della

            possibilità di fare clustering con uno

            strumento gratuito.

            Nel thread si usa rispondere al post
            precedente, non a caso.le affermazioni generiche si rispondono con altrettante affermazioni genericheAffermazioni del tutto generiche riguardo al tipo di persona che io sono possono essere risposte con affermazioni del tutto generiche riguardo allo stesso soggetto.ovvero: sei tu ad aver cominciato con le affermazioni generiche e personali come:"Ho capito. Tu sei uno di quelli che tira fuori i suoi sue vecchi pc dal sottoscala, ..."

            Questa possibilità abbassa i costi del

            calcolo perché può essere sfruttata

            potenzialmente da chiunque con mezzi

            hardware alla portata economica di
            chiunque.

            Abbassare != gratisè coerente con quanto affermo:poiché il SO è gratis, una volta acquistato l'hardware ho ottenuto un sistema dai costi notevolmente inferiori di quelli dei sistemi offerti dagli operatori del mercato che esistevano precedentemente all'avvento di LinuxRipeto: una volta acquistato l'hardware (macchine intel/AMD, per cui facilmente accessibili economicamente), con Linux sono in grado di mettermi sul mercato dei supercalcolatori
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione

            è coerente con quanto affermo:

            poiché il SO è gratis, una volta acquistatofree as in freedom non gratisio domani compro 2000 itanium 2dove sta l'OS GRATIS da montarci sopra?me lo regali te?
            l'hardware ho ottenuto un sistema dai costi
            notevolmente inferiori di quelli dei sistemi
            offerti dagli operatori del mercato che
            esistevano precedentemente all'avvento di
            Linux
            si?dimostrameloprendi un altro supercomputer simile a questo che NON usi linux e fammi vedere, dati alla mano, quanto il costo sia NOTEVOLMENTE (parole tue) superiore a quello con linux.sono in attesa

            Ripeto: una volta acquistato l'hardware
            (macchine intel/AMD, per cui facilmente
            accessibili economicamente), con Linux sono
            in grado di mettermi sul mercato dei
            supercalcolatoriitanium 2 e' intele non e'accessibile manco per cazzosi viaggia oltre i 1000 (MILLE) euro a processore per la bottom line, oltre i 4000 (QUATTROMILA) per i piu' potenti (e sempre per volumi di acquisto oltre le mille unita)comprane 2000 e fammi vedere che i 100 sacchi risparmiati con linux mi fanno la differenza
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo


            è coerente con quanto affermo:



            poiché il SO è gratis, una volta
            acquistato

            free as in freedom non gratis
            io domani compro 2000 itanium 2
            dove sta l'OS GRATIS da montarci sopra?
            me lo regali te?Adesso ti risponde www.linuxiso.org oppure "lo fa l'operatore".
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo


            è coerente con quanto affermo:



            poiché il SO è gratis, una volta
            acquistato

            free as in freedom non gratiscitazioni superflue, che nel contesto sono annullate da una bella visita su www.linuxiso.org
            io domani compro 2000 itanium 2cavoli tuoi. Io per fare un cluster spenderei diversamente i miei soldo.non sembri molto accorto in quanto a oculatezza di spesa.
            dove sta l'OS GRATIS da montarci sopra?
            me lo regali te?se tu ti scegli hardware non supportato in mezzo a un mare si hardware supportato sei proprio fuori come un terrazzoLa prossima volta che compri una lavastoviglie sforzati di trovarne una su cui si installa .. che so... Darwin e trattieni il fiato fino a che non scoppiBUM !Sei un pagliaccio che vuole vuotare l'oceano con la paletta, come dimostra la successiva contestazione:
            itanium 2 e' intelcome se per fare clustering debba chiedere a te il permesso di scegliere COME farlo !Se non è COME dici tu allora non vale...povero piccolino.... ora dibattiti e tratieni il fiato fino a che non diventi viola...buuuuuuuAAHHAHHHHAHAHAHAHHHAHHAHHHAHHAHAHAHAHAHHAA
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione

            Se non è COME dici tu allora non vale...CITO" Ripeto: una volta acquistato l'hardware(macchine intel/AMD, per cui facilmenteaccessibili economicamente), con Linux sonoin grado di mettermi sul mercato deisupercalcolatori "volendo fare come dici TU (e non certo io che non mi azzerderei mai a dire una simile cazzata) devi per forza SPENDERE centinaia di migliaia di euro in HWper fare supercalcolatori ci vuole quellose poi vuoi farti il clusterino casalingo con 2 macchine attaccate con una 10mbit fai purema non chiamarlo supercalcoloe' come se chiamassi una 127 super sport una macchina da formula 1non so se ora il concetto ti e' piu' chiaro
            povero piccolino.... ora dibattiti e
            tratieni il fiato fino a che non diventi
            viola...io fra una settimana non devo tornare a scuola...perche' dovrei piangere?ho ancora 20 giorni di ferie oltre al mese che mi sono gia fattosai, non dire cazzate, specie a chi ti puo essere un tuo cliente, paga in termini di reciproca stima e fiduciaio parlo solo di cio che conosco o soe la gente per questo si fida di me e mi paga beneciao
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo


            Se non è COME dici tu allora non vale...

            CITOche peccato: citi tutto ma non la tua sparata sull'Itaniium 2

            povero piccolino.... ora dibattiti e

            tratieni il fiato fino a che non diventi

            viola...

            io fra una settimana non devo tornare a
            scuola...
            perche' dovrei piangere?e si vede che tu cominci fra due settimane!!
            sai, non dire cazzate, specie a chi ti puo
            essere un tuo cliente, paga in termini di
            reciproca stima e fiducia

            io parlo solo di cio che conosco Immagino che hai già lavorato con Itanium 2, quindi
            o so
            e la gente per questo si fida di me e mi
            paga beneAMENcontinua così: qui su internet puoi dire tutte le cazzate che vuoi e magari trovi anche il novellino che ti crede
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione



            Se non è COME dici tu allora non
            vale...



            CITO

            che peccato: citi tutto ma non la tua
            sparata sull'Itaniium 2
            la cito e la confermopuoi usare altre cpu se vuoisei tu ad aver parlato del fatto che intel e amd sono abbordabili come prezzi...itanium 2 e' intel e non e' certo economicooppure fai come google, DECINE DI MIGLIAIA di cpu pentium 4ma non dirmi che quella e' una soluzione conveniente (come spazio occupato) o low cost in generaleanche se c'e' linux sopra
            continua così: qui su internet puoi dire
            tutte le cazzate che vuoi e magari trovi
            anche il novellino che ti crede non devo dimostrare nulla se vuoi sei libero di non credermie' uno degli svantaggi del rendersi anonimitu piuttosto, invece di rigirare la frittata, sei ancora convinto che con linux e 4 cpu amd puoi entrare nel mercato dei supercalcolatori?dimmi quando apri la tua nuova attivita' che vengo a trovarti e a portarti qualche pianta per il tuo ufficio
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo
            itanium 2 e' intel e non e' certo economicoecco che ci rifai.Perché ti si deve spiegare che quando UNA soluzione è meno economica, puoi ricorrere ad altre ?
            oppure fai come google, DECINE DI MIGLIAIA
            di cpu pentium 4
            ma non dirmi che quella e' una soluzione
            conveniente (come spazio occupato) o low
            cost in generale
            anche se c'e' linux sopranon te lo devo dire perché altrimenti ti arrabbi ?


            continua così: qui su internet puoi dire

            tutte le cazzate che vuoi e magari trovi

            anche il novellino che ti crede

            non devo dimostrare nulla non ne avresti la possibilità
            se vuoi sei libero di non credermi
            e' uno degli svantaggi del rendersi anonimioppure il vantaggio del mentitore:poter sparare balle e distorcere le frasi degli altri è una specialità che sembri usare bene, come dimostra la successiva frase (che tu attribuiresti a me ma che da me non è mai stata profferita):
            tu piuttosto, invece di rigirare la
            frittata, sei ancora convinto che con linux
            e 4 cpu amd puoi entrare nel mercato dei
            supercalcolatori?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            ROTFL!!! :)Continua così che mi stai allietando la serata!!Di lamer ne ho visti tanti, ma tu li batti tutti!!!Vai!!! Sei tutti noi!!!!- Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            itanium 2 e' intel e non e' certo
            economico

            ecco che ci rifai.

            Perché ti si deve spiegare che quando UNA
            soluzione è meno economica, puoi ricorrere
            ad altre ?


            oppure fai come google, DECINE DI MIGLIAIA

            di cpu pentium 4

            ma non dirmi che quella e' una soluzione

            conveniente (come spazio occupato) o low

            cost in generale

            anche se c'e' linux sopra

            non te lo devo dire perché altrimenti ti
            arrabbi ?





            continua così: qui su internet puoi
            dire


            tutte le cazzate che vuoi e magari
            trovi


            anche il novellino che ti crede



            non devo dimostrare nulla

            non ne avresti la possibilità


            se vuoi sei libero di non credermi

            e' uno degli svantaggi del rendersi
            anonimi

            oppure il vantaggio del mentitore:

            poter sparare balle e distorcere le frasi
            degli altri è una specialità che sembri
            usare bene, come dimostra la successiva
            frase (che tu attribuiresti a me ma che da
            me non è mai stata profferita):


            tu piuttosto, invece di rigirare la

            frittata, sei ancora convinto che con
            linux

            e 4 cpu amd puoi entrare nel mercato dei

            supercalcolatori?



          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo poter sparare balle e distorcere le frasi degli altri è una specialità che sembri usare bene, come dimostra la successiva frase (che tu attribuiresti a me ma che da me non è mai stata profferita):

            tu piuttosto, invece di rigirare la

            frittata, sei ancora convinto che con
            linux

            e 4 cpu amd puoi entrare nel mercato dei

            supercalcolatori?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione


            itanium 2 e' intel e non e' certo
            economico

            ecco che ci rifai.

            Perché ti si deve spiegare che quando UNA
            soluzione è meno economica, puoi ricorrere
            ad altre ?
            ad esempio?AMD athlon o Opteron?IBM Power5?Intel pentium 4 o 3?ripeto, ad esempio?
            non te lo devo dire perché altrimenti ti
            arrabbi ?
            no perche' e' una cazzatati risparmio la brutta figura

            non devo dimostrare nulla

            non ne avresti la possibilità
            libero di credere cio che vuoi

            se vuoi sei libero di non credermi

            e' uno degli svantaggi del rendersi
            anonimi

            oppure il vantaggio del mentitore:

            poter sparare balle e distorcere le frasi
            degli altri è una specialità che sembri
            usare bene, come dimostra la successiva
            frase (che tu attribuiresti a me ma che da
            me non è mai stata profferita):
            ricito"è coerente con quanto affermo:poiché il SO è gratis, una volta acquistato l'hardware ho ottenuto un sistema dai costi notevolmente inferiori di quelli dei sistemi offerti dagli operatori del mercato che esistevano precedentemente all'avvento di LinuxRipeto: una volta acquistato l'hardware (macchine intel/AMD, per cui facilmente accessibili economicamente), con Linux sono in grado di mettermi sul mercato dei supercalcolatori"non hai ancora dimostrato in che modo linux abbia fatto scendere il costo del SUPERCOMPUTING (che, ti ripeto, sono macchine come quelle di cui si discute nell'articolo, non un cluster di 10 nodi fatto in casa)La tua frase, a meno che io non sappia piu' l'italiano, da per scontato che il costo del software sia rilevante rispetto a quello dell'hw, perche' dici che "... una volta comprato l'hw poi l'os e' gratis.." come a dire "devi solo spendere due lire per l'hw"senza contare che tutte le macchine di supercomputing serie, vengono fornite con OS in bundle perche' il costo dell'os in se incide solo marginalmente e perche' l'os va finemente configurato per quella particolare architetturaconfigurazione che sicuramente non andrebbe bene per un'altra architetturae questo avviene anche con linuxquindi cade anche la tua seconda ipotesi, non esistono soluzioni software a costo zero!a meno che il tuo tempo non valga zero
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo


            itanium 2 e' intel e non e' certo

            economico



            ecco che ci rifai.



            Perché ti si deve spiegare che quando UNA

            soluzione è meno economica, puoi ricorrere

            ad altre ?



            ad esempio?
            AMD athlon o Opteron?
            IBM Power5?
            Intel pentium 4 o 3?
            ripeto, ad esempio?vedi che ci arrivi se ti sforzi?Dai, che la prossima settimana a scuola sarai ancora più sveglio e il banco ti sarà amico

            non te lo devo dire perché altrimenti ti

            arrabbi ?



            no perche' e' una cazzata
            ti risparmio la brutta figurala risparmieresti a te.Perché un buon esempio come Google deve essere improvvisamente trasformato in una cazzata dai tuoi capricci di ballista ?


            non devo dimostrare nulla



            non ne avresti la possibilità



            libero di credere cio che vuoinon c'è "credere": tu non lo stai dimostrando e per questo motivo è ovvio che non sei in grado


            se vuoi sei libero di non credermi


            e' uno degli svantaggi del rendersi

            anonimi



            oppure il vantaggio del mentitore:



            poter sparare balle e distorcere le frasi

            degli altri è una specialità che sembri

            usare bene, come dimostra la successiva

            frase (che tu attribuiresti a me ma che da

            me non è mai stata profferita):



            ricitonon ricitare ciò che TU non mi hai attribuito, percjé è un trucchetto che non attacca:Cita DOVE hai trovato la frase che mi attribuisci:

            tu piuttosto, invece di rigirare la

            frittata, sei ancora convinto che con
            linux

            e 4 cpu amd puoi entrare nel mercato dei

            supercalcolatori?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo


            itanium 2 e' intel e non e' certo

            economico



            ecco che ci rifai.



            Perché ti si deve spiegare che quando UNA

            soluzione è meno economica, puoi ricorrere

            ad altre ?



            ad esempio?
            AMD athlon o Opteron?
            IBM Power5?
            Intel pentium 4 o 3?
            ripeto, ad esempio?vedi che ci arrivi se ti sforzi?Dai, che la prossima settimana a scuola sarai ancora più sveglio e il banco ti sarà amico

            non te lo devo dire perché altrimenti ti

            arrabbi ?



            no perche' e' una cazzata
            ti risparmio la brutta figurala risparmieresti a te.Perché un buon esempio come Google deve essere improvvisamente trasformato in una cazzata dai tuoi capricci di ballista ?


            non devo dimostrare nulla



            non ne avresti la possibilità



            libero di credere cio che vuoinon c'è "credere":tu non lo stai dimostrando e per questo motivo è ovvio che non sei in grado


            se vuoi sei libero di non credermi


            e' uno degli svantaggi del rendersi

            anonimi



            oppure il vantaggio del mentitore:



            poter sparare balle e distorcere le frasi

            degli altri è una specialità che sembri

            usare bene, come dimostra la successiva

            frase (che tu attribuiresti a me ma che da

            me non è mai stata profferita):



            ricitonon ricitare ciò che TU non mi hai attribuito, percjé è un trucchetto che non attacca:Cita DOVE hai trovato la frase che mi attribuisci:

            tu piuttosto, invece di rigirare la

            frittata, sei ancora convinto che con
            linux

            e 4 cpu amd puoi entrare nel mercato dei

            supercalcolatori?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione


            ad esempio?

            AMD athlon o Opteron?

            IBM Power5?

            Intel pentium 4 o 3?

            ripeto, ad esempio?

            vedi che ci arrivi se ti sforzi?

            Dai, che la prossima settimana a scuola
            sarai ancora più sveglio e il banco ti sarà
            amico
            ebrravo lo scemo che seie secondo te e' meglio gestire 1000 cpu itanium2 o 5000 pentium 3?


            non te lo devo dire perché altrimenti
            ti


            arrabbi ?






            no perche' e' una cazzata


            ti risparmio la brutta figura

            la risparmieresti a te.
            perche' google non e' ne una soluzione economica, ne una soluzione a portata di tutti, ne una soluzione che eccelle in termini di transazioni per secondosupercalcolo per tutti NON ESISTEbisogna comunque spendere UNA FRACCA di soldi in HWogni unita google e' a basso costoma la soluzione completa NO
            Perché un buon esempio come Google deve
            essere improvvisamente trasformato in una
            cazzata dai tuoi capricci di ballista ?
            ahahahahballistachi ha detto che google e' una cazzata?la tua mente forse ha letto questo, ma la mia frase vuol dire ben altroe cioe' che google non e' un esempio calzante di supercluster linux a basso costo



            non devo dimostrare nulla





            non ne avresti la possibilità






            libero di credere cio che vuoi

            non c'è "credere":
            tu non lo stai dimostrando e per questo
            motivo è ovvio che non sei in grado
            guarda che sei tu che hai detto supercalcolo per tuttia te l'onere della provati ho gia' chiesto di farmi vedere un cluster per supercalcolo basato su linux che costi NOTEVOLMENTE MENO (parole tue) di uno con OS proprietarionon sei stato in grado di tirare fuori neanche un linkchi e' il ballista qui??agli altri la sentenza

            ricito

            non ricitare ciò che TU non mi hai
            attribuito, percjé è un trucchetto che non
            attacca:
            ricito
            Cita DOVE hai trovato la frase che mi
            attribuisci:



            tu piuttosto, invece di rigirare la


            frittata, sei ancora convinto che con

            linux


            e 4 cpu amd puoi entrare nel mercato dei


            supercalcolatori? mi citi un esempio di cio' che affermi?ovvero che con linux e dei processori intel o amd anche tu potresti entrare nel mercato dei supercomputer?mi dimostri che cio' e' possibile o dai solo fiato alla bocca?
      • Anonimo scrive:
        Re: rivoluzione
        - Scritto da: Anonimomi ero dimenticato di questa "perla":
        dire che i 100-200 euro di licenza di
        windows siano un costo esagerato mi sembra
        poco obbiettivose fai un cluster di 100 PC, se tu fossi in grado di farlo con windows spenderesti alla brutta 100 x 100?=10'000?.se io faccio un cluster con Linux spendo 0 x 0? = 0?Poiché 10'000

        0ergo: per far clustering windows sarebbe esssstremamente ESOSO rispetto alla soluzione Linux
        • Anonimo scrive:
          Re: rivoluzione
          quanto influisce 10000 sul prezzo di 100 pc?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo
            quanto influisce 10000 sul prezzo di 100 pc?poniamo che un PC ti costa.. diciamo 300 ? (senza OS).se il SO ti costa 100?, ecco che risparmi 1/4 su ogni PCsu 100 PC acquistati a 300 ? l'uno per farci il cluster:prezzo_dei_PC_con_Linux = 300 x 100 = 30'000 ?prezzo_dei_PC_con_windows = 300 x 100 + 10'000 = 40'000 ?un bel risparmio del 25 % In tempi normali sarebbe uno scialo. in tempi di crisi come questi è un must.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo
            poniamo che un PC ti costa.. diciamo 300 ?
            (senza OS).Ehm... andate a cercare magiori info sulla notizia e cercate quanto costa ogni nodo del cluster... Altro che 300.
            se il SO ti costa 100?, ecco che risparmi
            1/4 su ogni PC
            su 100 PC acquistati a 300 ? l'uno per farci
            il cluster:Con 100 licenze gia' entri nei programmi di volume ed il costo diventa la meta'.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            poniamo che un PC ti costa.. diciamo 300 ?

            (senza OS).

            Ehm... andate a cercare magiori info sulla
            notizia e cercate quanto costa ogni nodo del
            cluster... Altro che 300.


            se il SO ti costa 100?, ecco che risparmi

            1/4 su ogni PC

            su 100 PC acquistati a 300 ? l'uno per
            farci

            il cluster:

            Con 100 licenze gia' entri nei programmi di
            volume ed il costo diventa la meta'.quindi se ogni win mi costa 50 ? -
            il risparmio è comunque come minimo del 12,5 %.Che bell'affare!Ergo: Win è comunque troppo caro rispetto a Linux
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione

            Ehm... andate a cercare magiori info sulla
            notizia e cercate quanto costa ogni nodo del
            cluster... Altro che 300.Hai ragione, possono costare ancora meno. Come?- amd invece che intel.- nodi pc stackable (no case, videocard ecc ecc)Il 25% in meno sul costo software ==
            25% di nodi in piu' ==
            25% di potenza in piu' :-)Io stesso a casa ho preferito a parita' di prezzo un dual-amd/linux piuttosto che un mono-intel/win, con indubbio vantaggio in prestazioni.Ciao!
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo
            25% di nodi in piu' ==
            25% di potenza in piu' :-)Se speri di aumentare del 25% la potenza di calcolo, aumentando del 25% il numero dei processori, significa che non sai assolutamente cosa e' il fattore di speed-up. Ti consiglio di lasciar perdere. Ti mancano le basi teoriche minime sull'argomento computazione parallela.
        • Anonimo scrive:
          Re: rivoluzione

          mi ero dimenticato di questa "perla":


          dire che i 100-200 euro di licenza di

          windows siano un costo esagerato mi sembra

          poco obbiettivo

          se fai un cluster di 100 PC,
          ho parlato di cluster?e dove?secondo te 100 euro per windows sono davvero tanti?perche' OSX quanto costa scusa?e redhat? (se la compri ovvio, ma i linuxari scroccano)
          se tu fossi in grado di farlo con windows
          spenderesti alla brutta 100 x 100?=10'000?.
          mai nella vitaspenderesti di meno perche' le licenze non hanno prezzo lineareaumentando i volumi costano sempre di meno
          se io faccio un cluster con Linux spendo 0 x
          0? = 0?
          lo dici per l'ennesima volta...
          ergo: per far clustering windows sarebbe
          esssstremamente ESOSO rispetto alla
          soluzione Linux... e mi confermi che ancora oggi l'unico vantaggio realmente percepito dalla gente e' che linux e' gratisStallman e Torvalds hanno fallito nella loro impresa.Alla gente la liberta' non interessa proprio ...
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo


            mi ero dimenticato di questa "perla":




            dire che i 100-200 euro di licenza di


            windows siano un costo esagerato mi
            sembra


            poco obbiettivo



            se fai un cluster di 100 PC,



            ho parlato di cluster?non hai parlato di cluster?e come lo fai il supercalcolo ?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione


            non hai parlato di cluster?

            e come lo fai il supercalcolo ?
            in asooluto 100-200 euro per windows ti sembrano tanti?erano due tronconi del discorso scollegatisai, il cervello umano in teoria e' in grado di fare queste distinzioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo




            non hai parlato di cluster?



            e come lo fai il supercalcolo ?



            in asooluto 100-200 euro per windows ti
            sembrano tanti?certo. quando si parla di economia di scala.E' un infinito, se paragonato allo ZERO EURO di LinuxTra l'altro qui si parlava di supercalcolo e non di PC desktop. Sei OTIl costo del software per un cluster linux è ZERO.Il costo del software per un cluster windows NO
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo
            Il costo del software per un cluster linux è
            ZERO.Mi dai il link da dove posso scaricare (gratis) la distro linux pronta per essere messa su questo bestione da 2000 itanium?Grazie.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Il costo del software per un cluster
            linux è

            ZERO.


            Mi dai il link da dove posso scaricare
            (gratis) la distro linux pronta per esserehttp://openmosix.sourceforge.net/e ancora più divertente:http://bofh.be/clusterknoppix/A te queste soluzioni non interessano, ma per il solo fatto che esistano, a noi (il resto del mondo, intendo) danno uno strumento in più a disposizione di CHIUNQUE.Basta accorgersi di quanta offerta c'è ricercando le parole "cluster" e "linux" in giro.Ma è quasi ovvio il motivo per cui a te possa dispiacere che i prezzi si abbassano. Si vede che sei del "ramo", e ora anche per te è finita l'epoca delle vacche grasse
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            Hai fatto la pipi' fuori dal vasino. OpenMosix non si adatta all'architettura della macchina di cui si parla nella notizia. Ora controllo anche l'altro ma non andremo molto distante. Sto pendando al povero tipo che compra una macchina da decine di miliardi, te la da', tu vai tutto gasato su sourceforge e... sorpresa... con quello non funziona. Ma siccome immagino tu sia il tipo che mi ha appena dato del co###one, non meriti altre spiegazioni. Continua pure a sognare di essere all'altezza.- Scriatto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo




            Il costo del software per un cluster

            linux è


            ZERO.





            Mi dai il link da dove posso scaricare

            (gratis) la distro linux pronta per
            essere

            http://openmosix.sourceforge.net/

            e ancora più divertente:

            http://bofh.be/clusterknoppix/

            A te queste soluzioni non interessano, ma
            per il solo fatto che esistano, a noi (il
            resto del mondo, intendo) danno uno
            strumento in più a disposizione di CHIUNQUE.

            Basta accorgersi di quanta offerta c'è
            ricercando le parole "cluster" e "linux" in
            giro.

            Ma è quasi ovvio il motivo per cui a te
            possa dispiacere che i prezzi si abbassano.
            Si vede che sei del "ramo", e ora anche per
            te è finita l'epoca delle vacche grasse




















          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo
            OpenMosix non si adatta all'architettura
            della macchina di cui si parla nella
            notizia. Ma guarda! Quindi per te non esiste clustering se non si fa con gli strumenti che decidi tu?E' un cluster "serio" e "utile" solo se ha la tua personale approvazione?Deve essere proprio uguale a quello riportato nella notizia per produrre?te lo puoi scordare: il mondo non segue le leggi dettate dal tuo piacere personaleLinux is here to stay, per il tuo personale dispiacere (fin troppo evidente)Il tuo disprezzo per le alternative ti svela per quello che sembri: uno che ha solo da perdere nell'ampliamento delle soluzioni possibili.
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            Non sono quello di prima, ma se vuoi un consiglio torna a fare quello che facevi prima (amministratore, programmatore, webmaster?) e lascia stare l'argomento clustering.Openmosix si adatta (così com'è) a piccoli cluster senza troppe pretese. Quando si parla di qualche centinaio di CPU (o qualche migliaio) bisogna progettare tutta la rete di interconnessione, decidere i carichi e la filosofia di distribuzione del lavoro e queste cose non le puoi fare con openmosix out of the box. Intendo a basso livello, dove contq davvero, non sulla GUI KDE di openmosix dove di fatto non puoi variare nulla di più che la freqenza con cui deve essere usato un processore e il carico massimo che deve gestire prima di deferire ad altri.Se devi calcolare equazioni con qualche decina di PC in lan o con connessioni MB-MB pure pure, ma se devi tenere su qualcosa di molto più grande o inizi a riprogettare tutto da 0 o rischi di avere la potenza di un centinaio di processori anche con 10.000 installati (con gli ovvi crack economici).Ti servono ingegneri superqualificati che sappiano quello che fanno (e la cosa si traduce principalmente nell'esperienza: nello scheduling e nel load balancing spesso non esiste una regola d'oro ma solo molta intuizione e metodi empirici ti danno il risultato ottimale).Inoltre dimostri la classica arroganza da sourceforge di moltissimi "superesperti" di linux: non basta scaricare o al massimo farsi un giro su un progetto open per credere di saperlo usare. Rimarresti stupito da quanto openmosix è diverso da linux pur avendo origini comuni, così come rimarresti stupito se sapessi un po' di storia, in particolare sul fatto che openmosix, continuazione di mosix, sviluppato se non sbaglio in una università israeliana, è stato riprogettato per adattarsi ad un multiprocessing basico e senza troppe pretese, architettura molto inefficente per qualsiasi applicazione commerciale, e che era comunque molto più utile a chi voleva svilupparsi il proprio SO di calcolo a partire da una base comune di quanto non fosse mosix che era invece estremamente dedicato all'architettura del cluster su cui girava. E (visto che mi sembri un po' approssimativo) ricordati che per architettura quando parli di cluster non intendi i processori ma il sistema di interconnessioni e interfacce che connette i vari pc (o CPU).
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo
            Openmosix si adatta (così com'è) a piccoli
            cluster senza troppe pretese. Fino a poco tempo fa nessun cluster era possibile. Prima della diffusione di Linux queste possibilità non erano alla portata di tutti Questo dimostra che l'arroganza di chi si crede indispensabile viene punita dal diffondersi del software liberoE soprattutto, la diffusione di Linux porta a un ampliamento delle possibilità di tutti (tranne chi finisce col perderci e te mi sembri tra quelli)
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            Guarda che sotto la definizione "cluster" ci stanno un sacco di architetture. E parecchio diverse tra di loro. Si va dagli stand alone collegati in ethernet, all'interazione media, fino all'interazione forte (mesh di processori). E si potrebbero fare altre mille classificazioni. Noto invece che sei all'oscuro di tutto questo e ipotizzi che un software fatto per una tipologia funzioni anche con un'altra. Non e' il caso di informarsi, prima di pontificare?
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            - Scritto da: Anonimo

            Guarda che sotto la definizione "cluster" ci
            stanno un sacco di architetture.questo non cambia che un varco è stato aperto.La capacità di calcolo aumenta con un minimo aumento dell'investimento.Linux è il futuro che infastidisce molti intere$$ati.Ma fallirete, perché quando una diga crolla non puoi riportare l'acqua col secchiello(no, neanche se usi la paletta)
          • Anonimo scrive:
            Re: rivoluzione
            Se vuoi avere sempre l'ultima parola, come i bambini dell'asilo, te la lascio volentieri. D'altronde hai gia' mostrato al mondo le tue profonde conoscenze sull'argomento. Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: rivoluzione

        vorrei sapere se posso comprare un cray
        senza linux e metterci quello che voglioNo, non puoi farlo per il semplice fatto che la Cray non esiste piu' da un pezzo. Pero' puoi acquistare un cluster Silicon Graphics (che ha acquistato Cray). Ovviamente l'hardware e' progettato per il software che verra' usato (come detta mamma M$).Difficilmente ci troverai il logo "Designed for WinXP".
    • Anonimo scrive:
      Re: rivoluzione
      Per l'ennesima volta: in questo settore Linux fa concorrenza a (quasi) se stesso: UNIX.Non esistono praticamente casi di supercomputer pensati per SO Microsoft: primo perche Microsoft non è orientata al settore scientifico ma a quello azienda e di produzione e secondo perche in tali casi generalmente chi fa l'Hardware fa anche il Software (vedi IBM, HP, Dell....).Tutto ciò significa che HP invece che usare il suo UNIX ha scelto un SO GNU.Ah per la cronaca: Microsoft si scrive con la "s" e non con la "$": forse avete un problema con driver della tastiera. Fossi in voi ne scaricherei uno aggiornato. Anzi: peche non ve lo compilate?
  • Anonimo scrive:
    Naturale...
    Linux ha un codice aperto a qualsiasi ottimizzazione, da chi e' in grado di farle.
    • Anonimo scrive:
      Re: Naturale...
      - Scritto da: Anonimo
      Linux ha un codice aperto a qualsiasi
      ottimizzazione, da chi e' in grado di farle.Io stesso ho fatto una modifica al kernel che mi permettesse di eseguire programmi da 2GB di ram e oltre :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Naturale...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Linux ha un codice aperto a qualsiasi

        ottimizzazione, da chi e' in grado di
        farle.
        Io stesso ho fatto una modifica al kernel
        che mi permettesse di eseguire programmi da
        2GB di ram e oltre :-)2GB? e che programmi in java?Spero per te che i 2GB sia soprattutto dati :-)
  • Anonimo scrive:
    e SCO ci guadagnerà?
    con simili supercomputer SCO potrebbe succhiare parecchi soldi ... speriamo che succhi qualcos'altro invece
  • Anonimo scrive:
    CHISSA SE SCO ...
    ... GLI HA GIA' MANDATO LA FATTURA !EH EH EH:D :D :DGIO CONDOR
  • Anonimo scrive:
    cosa vuoi calcolare oggi?
    La lista dei supercomputerhttp://www.top500.orgLa lista non e' ancora stata aggiornata con la new entry.Solidamente al primo posto, l'Earth Simulatorhttp://www.es.jamstec.go.jp/Lawrence Livermore National Laboratoryhttp://www.llnl.gov/Cineca (36esimo posto che diventera' 37?)http://www.cineca.it/cordialmentearzigogolo
    • Anonimo scrive:
      Re: cosa vuoi calcolare oggi?
      - Scritto da: Anonimo
      La lista dei supercomputer
      http://www.top500.org
      La lista non e' ancora stata aggiornata con
      la new entry.
      Scusa ma non ho trovato a che posto stanno i sistemi M$.Eppure mi assicurano che con XP ci puoi fare TUTTO emeglio....GIO CONDOR
      • Anonimo scrive:
        Re: cosa vuoi calcolare oggi?
        - Scritto da: Anonimo

        Scusa ma non ho trovato a che posto stanno i
        sistemi M$.


        Eppure mi assicurano che con XP ci puoi fare
        TUTTO e
        meglio....

        GIO CONDORSi, lo sappiamo, Linux e' superiore a Windows XP. Non infierire...Salutoni da GiGiO
  • Anonimo scrive:
    scusate ma a me quanto me ne può...
    ma si dai e c'è gente che si vanta di ciò, notizia totalmente inutile, pura masturbazione mentale.
    • KerNivore scrive:
      Re: scusate ma a me quanto me ne può...
      - Scritto da: Anonimo
      ma si dai e c'è gente che si vanta di ciò,
      notizia totalmente inutile, pura
      masturbazione mentale.Certo, tutto quello che e' oltre lo schermo del tuo pc e' inutile, no ?La ricerca e tutto il resto : tutte cazzate ! Giusto ?
      • Anonimo scrive:
        Re: scusate ma a me quanto me ne può...
        la ricerca è creare un nuovo microprocessore e non assemblarne 2000 insieme per entrare nel guinnes dei primati.
        • KerNivore scrive:
          Re: scusate ma a me quanto me ne può...
          - Scritto da: Anonimo
          la ricerca è creare un nuovo microprocessore
          e non assemblarne 2000 insieme per entrare
          nel guinnes dei primati.Beh, come dire che il calcolo parallelo e le discipline correlate sono tutte boiate, giusto ?
          • Anonimo scrive:
            Re: scusate ma a me quanto me ne può...


            Beh, come dire che il calcolo parallelo e le
            discipline correlate sono tutte boiate,
            giusto ?

            ROTFL ma idee da esprimere niente eh? Sempre dietro a mettere parole in bocca agli altri, GIUSTO?
          • Anonimo scrive:
            Re: scusate ma a me quanto me ne può...
            - Scritto da: Anonimo





            Beh, come dire che il calcolo parallelo e
            le

            discipline correlate sono tutte boiate,

            giusto ?





            ROTFL ma idee da esprimere niente eh?
            Sempre dietro a mettere parole in bocca agli
            altri, GIUSTO?Giusto cosa ?Sei te che hai detto che la notizia e' totalmente inutile e non dovrebbe fregare niente a nessuno, e successivamente hai detto che assemblare 2000 processori per ottenere performace da record a costi ridotti NON e' ricerca !Cosa ti aspetti ? Che ti diamo il nobel per la scienza ?Sei ignorante come una scarpa. Se hai qualche cosa di sensato da dire dillo, altrimenti smettila di spalare letame su cose che non sei nemmeno in grado di apprezzare.
          • Anonimo scrive:
            Re: scusate ma a me quanto me ne può...
            veramente io ho detto che è una notizia da guinnes, tipo l'aereo più grande, l'auto più veloce ecc. ;) tutta ricerca per carità, ma sterile e fine a se stessa.che poi il supercomputer serva ad una società petrolifera per indagini geologiche non vedo che ci si guadagnamo noi. tanto quando facciamo il pieno ci pensa il benzinaio a "trivellarci" il portafogli peace
          • Anonimo scrive:
            Re: scusate ma a me quanto me ne può...
            - Scritto da: Anonimo
            veramente io ho detto che è una notizia da
            guinnes, tipo l'aereo più grande, l'auto più
            veloce ecc. ;) tutta ricerca per carità, ma
            sterile e fine a se stessa.
            che poi il supercomputer serva ad una
            società petrolifera per indagini geologiche
            non vedo che ci si guadagnamo noi. tanto
            quando facciamo il pieno ci pensa il
            benzinaio a "trivellarci" il portafogli Errore, ci pensa lo STATO
          • Anonimo scrive:
            Re: scusate ma a me quanto me ne può...
            ahhaahha vi state rendendo ridicoli con questi commenti.tornate a lavorare che è meglio
          • Anonimo scrive:
            Re: scusate ma a me quanto me ne può...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            veramente io ho detto che è una notizia da

            guinnes, tipo l'aereo più grande, l'auto
            più

            veloce ecc. ;) tutta ricerca per carità,
            ma

            sterile e fine a se stessa.

            che poi il supercomputer serva ad una

            società petrolifera per indagini
            geologiche

            non vedo che ci si guadagnamo noi. tanto

            quando facciamo il pieno ci pensa il

            benzinaio a "trivellarci" il portafogli

            Errore, ci pensa lo STATO
            Ci pensa anche lo stato ma il benzinaio( meglio dire il cartello delle compagnie petrolifere) non è certo uno stinco di santo.....
          • DarKStaR scrive:
            Re: scusate ma a me quanto me ne può...
            - Scritto da: Anonimo
            veramente io ho detto che è una notizia da
            guinnes, tipo l'aereo più grande, l'auto più
            veloce ecc. ;) tutta ricerca per carità, ma
            sterile e fine a se stessa.Beh.. magari poi però con il computer più potente puoi verificare meglio una nuova teoria, o no? C'hai presente il modello sperimentale? ecco. quello li.
            che poi il supercomputer serva ad una
            società petrolifera per indagini geologiche
            non vedo che ci si guadagnamo noi. tanto
            quando facciamo il pieno ci pensa il
            benzinaio a "trivellarci" il portafogli ma che discorsi del c.... sono questi!! anche il preservativo che usi con la morosa è il frutto della ricerca di società chimiche! senno' cor kaxxo che ci vai stasera!! che poi sia linux o m$ importa relativamente. Un sistema come quello non si installa, si usa e si mantiene come un PC di casa. Certo linux ha una carta in più: un kernel opensource.

            peace& LoveDarkstaR
        • Anonimo scrive:
          Re: scusate ma a me quanto me ne può...
          - Scritto da: Anonimo
          la ricerca è creare un nuovo microprocessore
          e non assemblarne 2000 insieme per entrare
          nel guinnes dei primati.Quella è la ricerca che fa Intel.... ma se tu devi fare altra ricerca (calcoli) e non c'è un processore abbastanza veloce allora ne prendi 2000 e li assembli insieme....
        • Anonimo scrive:
          Re: scusate ma a me quanto me ne può...
          Ah gia'... secondo te' splittare dei task su 2000 cpu e' affare semplice... il clustering non e' roba da niente. Ed e' oggi un alternativa piu' economica per avere una buona potenza di calcolo senza comprarsi bestioni da milioni di euro...
        • Anonimo scrive:
          Re: scusate ma a me quanto me ne può...
          Beh... allora se per te la ricerca e' questo... notizia di oggihttp://news.com.com/2100-1006_3-5068435.htmlIBM lo sta facendo..
      • Anonimo scrive:
        Re: scusate ma a me quanto me ne può...

        - Scritto da: Anonimo

        ma si dai e c'è gente che si vanta di ciò,

        notizia totalmente inutile, pura

        masturbazione mentale.Se non te ne fragava niente ti sei dimostrato ASTUTISSIMO non solo nel leggere, ma pure nel commentare a bocca spalancata la notizia...
        • Anonimo scrive:
          Re: scusate ma a me quanto me ne può...
          infatti vade retro tutti i post con "record" "il più" "er mejo" tutta fuffa per sbavoni nerds :)
      • nop scrive:
        Re: scusate ma a me quanto me ne può...

        Certo, tutto quello che e' oltre lo schermo
        del tuo pc e' inutile, no ?

        La ricerca e tutto il resto : tutte cazzate
        ! Giusto ?No ci mancherebbe .... orami però ammetterai che notizie del genere appaiono tutte le settimane....Come prima notizia di PI mi aspetterei qualcosa di piu' succoso...
        • Anonimo scrive:
          Re: scusate ma a me quanto me ne può...
          Circa due anni fa il ministero dell'energia americano aquistò da ibm un supercomputer, che venno trasportato su 80 (!!!) tir...un sistemista unix di mia conoscenza, dopo che gli dissi che il sistema operativo usato era unix thru64 (scusate se sbaglio il nome esatto, non lo ricordo) mi disse che erano imbecilli perchè come sistema non era un granchè...Mi sembrò un ottimo esempio di: arroganza, superficialità e di parlare x dare aria alla bocca...
          • nop scrive:
            Re: scusate ma a me quanto me ne può...

            Mi sembrò un ottimo esempio di: arroganza,
            superficialità e di parlare x dare aria alla
            bocca...?
          • Anonimo scrive:
            Re: scusate ma a me quanto me ne può...
            Evidentemente ritiene che fosse un buon sistema ;O)
          • Anonimo scrive:
            Re: scusate ma a me quanto me ne può...
            - Scritto da: Anonimo
            Circa due anni fa il ministero dell'energia
            americano aquistò da ibm un supercomputer,
            che venno trasportato su 80 (!!!) tir...un
            sistemista unix di mia conoscenza, dopo che
            gli dissi che il sistema operativo usato era
            unix thru64 (scusate se sbaglio il nome
            esatto, non lo ricordo) mi disse che erano
            imbecilli perchè come sistema non era un
            granchè...

            Mi sembrò un ottimo esempio di: arroganza,
            superficialità e di parlare x dare aria alla
            bocca...Sicuro? Tru64 Unix e' della Compaq (Digital), e quindi concorrente dell'IBM ... e comunque con le patches giuste il sistema di clustering funziona benone. Confermo invece l'arroganza del tuo conoscente :-)
  • Anonimo scrive:
    Finalmente Flops invece di GHZ
    Sarebbe ora di misurare la potenza di tutti i computer in Flops piuttosto nei GHZ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Finalmente Flops invece di GHZ
      - Scritto da: Anonimo
      Sarebbe ora di misurare la potenza di tutti
      i computer in Flops piuttosto nei GHZ...Si certo, sarebbe molto utile, soprattutto per l'utenza media che notoriamente ha grande bisogno di eseguire un gran numero di operazioni floating point...
    • Anonimo scrive:
      ROTFL il macaco di turno
      - Scritto da: Anonimo
      Sarebbe ora di misurare la potenza di tutti
      i computer in Flops piuttosto nei GHZ...e si, che bello!!!! Qualunque esperto in sistemi paralleli sputa in faccia sia agli uni che agli altri... mi sono stancato di spiegare perchè su questi forum. Andate a studiare prima di parlare che dite solo fud aggiuntivo.
      • Anonimo scrive:
        Re: ROTFL il macaco di turno
        ROTFL^2... come faccio a sapere che è un macaco? Mah! Chissà! Magari perchè fa la tipica lamentela generata da un certo particolare tipo di FUD generato da una certa particolare casa software?
        • Anonimo scrive:
          Re: ROTFL il macaco di turno
          - Scritto da: Anonimo
          ROTFL^2... come faccio a sapere che è un
          macaco? Mah! Chissà! Magari perchè fa la
          tipica lamentela generata da un certo
          particolare tipo di FUD generato da una
          certa particolare casa software?uffa che palle sti trolloni, per parlare male di apple si appligliano a tutto. Mah chissai poi che gli avrà fatto l'apple ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: ROTFL il macaco di turno

        e si, che bello!!!! Qualunque esperto in
        sistemi paralleli sputa in faccia sia agli
        uni che agli altri... mi sono stancato di
        spiegare perchè su questi forum. Andate a
        studiare prima di parlare che dite solo fud
        aggiuntivo.avrai anche studiato, te, ma sei rimasto un bel cafone!!! :(:(:(
      • Anonimo scrive:
        Re: ROTFL il macaco di turno
        Quanto la metti giu' dura... di sicuro i mips e i mflop sono piu' indicativi dei mhz/ghz perche' permettono di confrontare sistemi con architetture diverse (intel,sparc,ppc,ecc.)Quindi, escludendo quei quattro illuminati che fanno calcolo parallelo (e non penso siano la maggioranza dei lettori di PI), agli altri di solito interessa fare confronti tra hardware diversi per sapere quale processore ruzza di piu' rispetto ad un altro.Possibile che ci sia sempre qualcuno che deve dare del deficente agli altri? Torna nella cripta a parallelizzare va...
        • Anonimo scrive:
          Re: ROTFL il macaco di turno
          Secondo me non sarebbe cosi arrogante se non fosse dietro ad un video, a rischio pugno sui denti... :-)
          • Anonimo scrive:
            OP - spiegazioni
            - Scritto da: Anonimo
            Secondo me non sarebbe cosi arrogante se non
            fosse dietro ad un video, a rischio pugno
            sui denti... :-)Arrogante io ? Massù... dai che tutti vi siete incazzati, ed ho esagerato, però quello che ho detto è vero, anche i FLOPS sono una cazz*ta, non dicono nulla sullo svuotamento delle pipeline, sulla gestione dei miss della cache, sulla interazione con la memoria, tutte cose che poi determinano le prestazioni vere, anche se limitandoci all'ambito del calcolo scientifico. Un benchmark è sicuramente più equo, infatti non li pubblica nessuno ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: OP - spiegazioni
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Secondo me non sarebbe cosi arrogante se
            non

            fosse dietro ad un video, a rischio pugno

            sui denti... :-)

            Arrogante io ? Massù... dai che tutti vi
            siete incazzati, ed ho esagerato, però
            quello che ho detto è vero, anche i FLOPS
            sono una cazz*ta, non dicono nulla sullo
            svuotamento delle pipeline, sulla gestione
            dei miss della cache, sulla interazione con
            la memoria, tutte cose che poi determinano
            le prestazioni vere, anche se limitandoci
            all'ambito del calcolo scientifico. Un
            benchmark è sicuramente più equo, infatti
            non li pubblica nessuno ;)io mi incazzo xche un idiot@ come te si permette di dare del macaco gratuitamente...Luser...
        • pippo75 scrive:
          Re: ROTFL il macaco di turno
          - Scritto da: apartitico
          Quanto la metti giu' dura... di sicuro i
          mips e i mflop sono piu' indicativi dei
          mhz/ghz perche' permettono di confrontare
          sistemi con architetture diverse
          (intel,sparc,ppc,ecc.)
          questo è falso.Esempio: E' piu veloce un processore che fa 10mipsoppure uno che fa 5 mips.Dipende:Esempio: Se il primo per eseguire una divisione richiede 100 istruzioni ed il secondo ne vuole solo 10 si dimostra che il secondo è piu' veloce del primo (nel caso delle divisioni).Non puoi in nessun caso confrontare due processori a caso e dire quale è il piu' veloce effettivamente solo basandoti sulla frequenza o sui mips, devi fare i singoli casi.
          • Anonimo scrive:
            Re: ROTFL il macaco di turno
            Ok, hai ragione.si possono tuttavia fare confronti in linea del tutto teorica a parita' di istruzioni richieste. Che poi l'implementazionedello stesso programma su architetture diversa richieda piu' o meno istruzioni (a dipendenza del tipo di processore se risc o cisc e che tipo di risc/cisc) e' un altro parametro da tenere in considerazione.Ad ogni modo e' o no piu' significativo dei mhz? La maggior parte della gente qua si basa sui mhz per tutto... dalla memoria ai processori alle schede video... e' un piccolo passo per introdurli ad altri concetti magari un po' piu' complessi...
          • Anonimo scrive:
            Ugualmente scrauso

            Ad ogni modo e' o no piu' significativo dei
            mhz?Ugualmente scrauso, ti dice solo quanti milioni di operazioni al secondo fai in virgola mobile. Ma questo non vuol dire che tu le faccia veramente: cosa succede quando fai un salto? Non lo sai da quel dato. Cosa succede quando esci dalla cache? Non lo sai da quel dato.E' come quando le case produttrici di automobili pubblicano i dati dei consumi facendo una prova su pista.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ugualmente scrauso
            ma per te e' tutto o bianco o nero?E' chiaro che c'e' bisogno di un qualche termine di paragone... quello piu' comunemente utilizzato (e il piu' fuorviante a mio parere) sono i mhz.Se anche i mips/mflop non vanno bene... che cosa proponi?dei benchmark? di che genere? non penso sia facile crearedei benchmark per le piattaforme piu' disparate senza incappare in problemi di implementazione (se scrivo il codice del benchmark con una sola istruzione di differenza tra un sistema e l'altro sfalzo il test...)Io resto dell'opinione che non parlare dei soliti mhz e' gia' unpasso avanti...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ugualmente scrauso
            - Scritto da: apartitico
            Io resto dell'opinione che non parlare dei
            soliti mhz e' gia' un
            passo avanti...Usare un'unita' di misura ugualmente priva di senso non mi sembra un passo avanti !Una unita' di misura delle prestazioni di un computer non puo' esistere, perche' praticamente ogni uso che se ne fa e' diverso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ugualmente scrauso
            ah beh... sei un ca**utissimo integralista islamico ma in fondo fondo hai ragione...
          • pippo75 scrive:
            Re: Ugualmente scrauso


            Se anche i mips/mflop non vanno bene... che
            cosa proponi?
            dei benchmark? di che genere? non penso sia
            facile creareForse la cosa migliore è quella di confrontare applicazioni reali, non ottieni dei risultati proprio comparativi, pero' dal punto di vista pratico si, vedi nel pratico come funziona una certa piattaforma con determinate applicazioni.Sicuramente dipende da come poi queste sono realizzate e/o compilate, pero' veri confronti non ci sono.
            Io resto dell'opinione che non parlare dei
            soliti mhz e' gia' un
            passo avanti...Ti concedo il passa avanti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ugualmente scrauso
            - Scritto da: apartitico
            ma per te e' tutto o bianco o nero?

            E' chiaro che c'e' bisogno di un qualche
            termine di paragone... quello piu'
            comunemente utilizzato (e il piu' fuorviante
            a mio parere) sono i mhz.Ma dai bimbi che comprano il processore nuovo ogni tre mesi forse! Davo per scontato che alla favoletta dei megahertz non ci credesse nessuno ovvio!

            Se anche i mips/mflop non vanno bene... che
            cosa proponi?
            dei benchmark? di che genere? non penso sia
            facile creare
            dei benchmark per le piattaforme piu'
            disparate senza incappare in problemi di
            implementazione Il benchmark, fatto usando il compilatore tipo per la architettura proposta, ti fa vedere quello che avrai nella realtà, per quanto triste possa sembrare. Anche nel calcolo scientifico, dove solitamente i programmi sono scritti apposta, FLOPS è una misura inutile quanto MHZ. Quello che conta è "in quanto tempo farà le nostre simulazioni"? E questo lo misuri con i benchmark.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ugualmente scrauso

            Ma dai bimbi che comprano il processore
            nuovo ogni tre mesi forse! Davo per scontato
            che alla favoletta dei megahertz non ci
            credesse nessuno ovvio!;O) ce ne sono molti... di bambini allora...ne e' piena l'aria... anche nei settori informatici delle aziende...
            Il benchmark, fatto usando il compilatore
            tipo per la architettura proposta, ti fa
            vedere quello che avrai nella realtà, per
            quanto triste possa sembrare. Anche nel
            calcolo scientifico, dove solitamente i
            programmi sono scritti apposta, FLOPS è una
            misura inutile quanto MHZ. Quello che conta
            è "in quanto tempo farà le nostre
            simulazioni"? E questo lo misuri con i
            benchmark.Ma dimmi un po'... quanto tempo ci mettete per acquistare una macchina? dei mesi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ugualmente scrauso

            Ma dimmi un po'... quanto tempo ci mettete
            per acquistare una macchina? dei mesi?Ci si può anche fidare dei benchmark altrui a volte ;) Tipo specFP specINT ti dicono nulla? Cmq non è che la gente acquisti sempre le macchine in base ai benchmark, anzi quasi mai... di solito si guarda anche al costo totale, alla RAM, insomma non è che se ci stai otto giorni invece che sei alla fin fine cambia così tanto...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ugualmente scrauso


            Anche nel calcolo scientifico, dove solitamente i

            programmi sono scritti apposta, FLOPS è una

            misura inutile quanto MHZ. Quello che conta

            è "in quanto tempo farà le nostre

            simulazioni"? E questo lo misuri con i

            benchmark.No, lo si misura con le simulazioni stesse. Basta chiedere, e una prova te la lasciano fare volentieri.

            Ma dimmi un po'... quanto tempo ci mettete
            per acquistare una macchina? dei mesi?Anche un anno. Ti ricordo che stiamo parlando di cluster. Certe spese vanno pianficate. Un calcolatore da 400.000 euro non lo acquisti nel negozietto per PC sotto casa.E' fondamentale fare le prove col proprio codice: inutile avere un cluster da teraflops/hertz/mips se poi l'interconnettivita' tra i vari nodi e' veloce come un modem a 9600 :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ugualmente scrauso
            ;O) penso non sia il caso di aggiungere niente.se non... a supporto delle mie affermazioni: guarda l'accozzaglia di gente che si sfascia la testa negli altri threaddi questo forum ;O) quelli non guardano neanche l'architettura... si limitano all'OS.Ce ne e' ancora di strada prima di evangelizzarli tutti...
        • McR scrive:
          Re: ROTFL il macaco di turno
          mmmmmh....La cosa che più mi da da pensare è che spesso gli "strilloni" non si firmano, non pretendo che si registrino sul sito, ma che almeno a fine post mettano una sigletta... sarebbe molto utile e permetterebbe di seguire le discussioni.Detto ciò, ricapitoliamoFLOPS :(FLoating-point Operations Per Second) Numero di operazioni di calcolo in virgola mobile eseguibili in un secondo. Il dato viene utilizzato per misurare le prestazioni di un processore. MIPS:(Millions of Instructions Per Second) Velocità di un computer espressa in milioni di operazioni al secondo. Viene utilizzata per confrontare le prestazioni. MHz:Abbreviazione di megahertz, unità di misura della frequenza equivalente a un milione di cicli per secondo; la velocità dei microprocessori è espressa sempre in MHz. Ora, mi sembra abbastanza chiaro (confutatemi se sbaglio) che sia i Mips sia i Mhz, possano misurare più il "consumo" di operazioni (nel primo caso) o di impulsi (nel secondo caso) che la reale velocità di un processore.Come se per misurare la potenza di una macchina andassimo a calcolare il consumo in carburante o in giri-motore. Nel mio esempio esiste fortunatamente l'Hp o meglio il KWat, non è la stessa cosa per i processori =(Forse ma dico forse il Flop è quello che + si avvicina al concetto di "potenza" ma ne è ancora lontano (troppo direi).E' secondo me inutile bisticciare su simili argomenti, sarebbe più proficuo invece che chi ne avesse le possibilità (vedi enti che si occupano di standardizzazioni o collegi universitari), si occupasse proprio di tirar fuori un valido strumento di misura.In conclusione, ritengo cmq l'utilizzo del Mhz il peggior sistema di valutazione della velocità di un processore =)).
          • Anonimo scrive:
            Re: ROTFL il macaco di turno

            carburante o in giri-motore. Nel mio esempio
            esiste fortunatamente l'Hp o meglio il KWat,
            non è la stessa cosa per i processori =(ma neanche li ottieni nullaun traghetto (di quelli per andare in sardegna ad esempio) ha un migliaio di cavallieppure va a 40-50 all'ora, contro i 180 che fa la mia macchina che ne ha solo 83...la potenza pura non dice nullai test vanno fatti su applicazioni realialtrimenti resta tutta roba campata in aria
          • McR scrive:
            Re: ROTFL il macaco di turno

            ma neanche li ottieni nulla
            un traghetto (di quelli per andare in
            sardegna ad esempio) ha un migliaio di
            cavalli
            eppure va a 40-50 all'ora, contro i 180 che
            fa la mia macchina che ne ha solo 83...

            la potenza pura non dice nulla
            i test vanno fatti su applicazioni reali
            altrimenti resta tutta roba campata in ariaAssolutamente d'accordo!Vero è che il motore non è il sistema completo.A questo punto servirebbe un "indice di potenza" del sistema completo.La valutazione sull'applicazione può essere delicata. Se la si ottimizza per il sistema A potrebbe non dare buoni risultati sul sistema B. Ad esempio se prendo un tagliaerba elettrico, andrebbe alla grande su una scarpata scomodissima dove un'altro modello a scoppio non riuscirebbe ad andare.... Purtroppo tutto dipende da cosa si vuol fare e cosa si vuole avere. Il mio discorso, era solo incentrato sulla necessità di "indici di potenza" che possano definire, almeno per quanto riguarda l'apparato a cui si riferiscono, le prestazioni ottenibili.Continuando con la similitudine automobilistica:potenza, accelerazione, velocità massima, coppia, consumi... etcc...
          • Anonimo scrive:
            Re: ROTFL il macaco di turno


            Detto ciò, ricapitoliamo

            FLOPS :
            (FLoating-point Operations Per Second)
            Numero di operazioni di calcolo in virgola
            mobile eseguibili in un secondo. Il dato
            viene utilizzato per misurare le prestazioni
            di un processore.
            Dalle riviste di informatica forse...
      • Anonimo scrive:
        Re: ROTFL il macaco di turno
        Ridi ridi che mamma ha fatto i gnocchi, pistola che sai tutto te.MHZ != MIPSPotenza != MHZMa sicuramente questo lo sapevi gia', di' piuttosto che volevi solo rompere i maroni...
      • Anonimo scrive:
        Re: ROTFL il macaco di turno
        Ma chi te l'ha chiesto!!! Torna nella tua cripta da professore e restaci.
  • Anonimo scrive:
    Linus come Ford
    I vantaggi di una tecnologia sono tali se possono essere fruiti da tutti.Linux, per Cray e le altre aziende dei supercomputer, è diventato lo strumento che la macchina fu per Ford di 100 anni fa.Con Linux nei supercomputer potremo (e potremmo) fare TUTTI grandi coseL'era del supercalcolo a bassissimi costi è appena iniziata.Grazie a tutti i "ragazzi del kernel"
    • Anonimo scrive:
      Re: Linus come Gesu cristo
      beh che c'è? E' l'unico modo per fare un post più delirante del precedente.P.S.aggiungerei: un cray in ogni casa he he hesayonara
      • Anonimo scrive:
        Re: tu hai un cervello
        - Scritto da: Anonimo
        beh che c'è? E' l'unico modo per fare un
        post più delirante del precedente.

        P.S.
        aggiungerei: un cray in ogni casa he he he

        sayonaraVisto ? Ho fatto un post piu' delirante del tuo !
        • Anonimo scrive:
          #antitroll# Re: tu hai un cervello
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          beh che c'è? E' l'unico modo per fare un

          post più delirante del precedente.



          P.S.

          aggiungerei: un cray in ogni casa he he he



          sayonara

          Visto ? Ho fatto un post piu' delirante del
          tuo ! #WARNING##TROLL DETECTED##IGNORE IT#
        • Anonimo scrive:
          Re: tu hai un cervello
          "- Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          beh che c'è? E' l'unico modo per fare un

          post più delirante del precedente.



          P.S.

          aggiungerei: un cray in ogni casa he he he



          sayonara
          " there is no reason for any individual to have a cluster in his home"
          • Anonimo scrive:
            640 kb should be enough for everyone
            - Scritto da: Anonimo


            P.S.


            aggiungerei: un cray in ogni casa he
            he he





            sayonara



            " there is no reason for any individual to
            have a cluster
            in his home"diceva un tale ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Linus come Gesu cristo
        - Scritto da: Anonimo
        beh che c'è? E' l'unico modo per fare un
        post più delirante del precedente.invece ha perfettamente ragione. Linux ha portato un crollo verticale dei prezzi per il calcolo. Calcoli che 10 anni fa venivano fatti su grosse bestie unix del costo di una 10ina di milioni (di allora) oggi li fai su un normale pc consumer con installato linux con una spesa di un paio di milioni di lire al massimo.Per chi come me lavora in questo campo, linux e' una svolta epocale. Peccato che ci sia chi queste cose non le vuole capire, ed e' pronto ad affossare questa possibilita' alla ricerca (da cui le aziende poi traggono profitto... e le persone traggono giovamento, moltissimi studi in ambito biologico, chimico e farmaceutico, leggi medicine, vengono progettati innanzi tutto in silico) per le piu' disparate e vergognose ragioni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linus come Gesu cristo
          distinguiamo bene fra chi ha portato un bene di lusso come l'auto all'inizio del secolo scorso in tutte le case e fra chi invece sviluppa mostri di potenza con SO open source: che c'entra linus...aaah ma sto anche a rispondere...
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo
            - Scritto da: Anonimo
            distinguiamo bene fra chi ha portato un bene
            di lusso come l'auto all'inizio del secolo
            scorso in tutte le case e fra chi invece
            sviluppa mostri di potenza con SO open
            source: che c'entra linus...
            aaah ma sto anche a rispondere...Tra le tante rivoluzioni degli ultimi secoli c'e' stata anche l'alfabetizzazione di massa. Evidentemente te non ne hai tratto giovamento, perche' se invece di rispondere tanto per far qualcosa, avessi letto il post precedente, avresti trovato anche la risposta alla tua domanda.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo


            Tra le tante rivoluzioni degli ultimi secoli
            c'e' stata anche l'alfabetizzazione di
            massa.

            Evidentemente te non ne hai tratto
            giovamento, perche' se invece di rispondere
            tanto per far qualcosa, avessi letto il post
            precedente, avresti trovato anche la
            risposta alla tua domandal'alfabetizzazione di massa (penso che tu intenda l'alfabetizzazione informatica :) ) c'è stata e non certo per merito di linus ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo
            - Scritto da: Anonimo




            Tra le tante rivoluzioni degli ultimi
            secoli

            c'e' stata anche l'alfabetizzazione di

            massa.



            Evidentemente te non ne hai tratto

            giovamento, perche' se invece di
            rispondere

            tanto per far qualcosa, avessi letto il
            post

            precedente, avresti trovato anche la

            risposta alla tua domanda

            l'alfabetizzazione di massa (penso che tu
            intenda l'alfabetizzazione informatica :) )
            c'è stata e non certo per merito di linus ;)No no intendevo proprio la capacita' di leggere e scrivere ! Talvolta leggendo i post su PI mi chiedo se tutti effettivamente sappiano leggere o se sappiano solo "scrivere"
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo


            No no intendevo proprio la capacita' di
            leggere e scrivere !

            Talvolta leggendo i post su PI mi chiedo se
            tutti effettivamente sappiano leggere o se
            sappiano solo "scrivere"
            ROTFL
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo
            - Scritto da: Anonimo


            No no intendevo proprio la capacita' di

            leggere e scrivere !



            Talvolta leggendo i post su PI mi chiedo
            se

            tutti effettivamente sappiano leggere o se

            sappiano solo "scrivere"http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=422243per esempio...
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo

            No no intendevo proprio la capacita' di
            leggere e scrivere !

            Talvolta leggendo i post su PI mi chiedo se
            tutti effettivamente sappiano leggere o se
            sappiano solo "scrivere"
            ROTFL e tu per primo!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Linus come Gesu cristo
          - Scritto da: munehiro

          Peccato che ci
          sia chi queste cose non le vuole capire, ed
          e' pronto ad affossare questa possibilita'
          alla ricerca Ooooohhh... che cattivoni... e dimmi dimmi, cosa ti fanno questi oscuri complottisti ? Vengono nel tuo dipartimentuccio di chimica e prendono a mazzolate le macchine linux ? Fanno una Legge dello Stato che impedisce ai dipartimenti universitari (gli unici enti nei quali linux si è subito diffuso a macchia d'olio, visto che non hanno una lira ed abbondano di ore/uomo retribuite "a prescindere") di usare prodotti GNU su macchine salvate da rottame ? Mandano gli squadroni della morte a casa di tutti i ricercatori e docenti colpevoli di avere usato *BSD ? Dimmi, dimmi... racconta quali oscure persecuzioni avete subito, nascosti nelle catacombe, identificandovi con un pesce attaccato al camice per seguire il Verbo del nuovo profeta. E soprattutto per pareggiare i conti, dato che in questo Stato delle Banane si dedica meno dell'1.2% del PIL alle spese per la ricerca... anche di quella dell'INDAM Francesco Severi, di cui le Aziende non potrebbero impipparsene di meno oggi o fra 20 anni.Sai com'è, linux in Italia è al 90% nelle Università, e tu ci racconti che è osteggiato "per la ricerca": qua il conto non torna, ma non c'è bisogno di un Cray YMP per farlo quadrare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: munehiro



            Peccato che ci

            sia chi queste cose non le vuole capire,
            ed

            e' pronto ad affossare questa possibilita'

            alla ricerca

            Ooooohhh... che cattivoni... e dimmi dimmi,
            cosa ti fanno questi oscuri complottisti ?Si.. in effetti nulla di particolarmente grave...più che altro ogni tanto si devono leggere commenti idioti...
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo
            - Scritto da: Anonimo

            Si.. in effetti nulla di particolarmente
            grave...
            più che altro ogni tanto si devono leggere
            commenti idioti......di cui il tuo post è un esempio decisamente apoftegmatico, da manuale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Si.. in effetti nulla di particolarmente

            grave...

            più che altro ogni tanto si devono leggere

            commenti idioti...

            ...di cui il tuo post è un esempio
            decisamente apoftegmatico, da manuale.Direi che è adeguato al contesto...
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo
            - Scritto da: Anonimo
            Ooooohhh... che cattivoni... e dimmi dimmi,
            cosa ti fanno questi oscuri complottisti ?
            Vengono nel tuo dipartimentuccio di chimica
            e prendono a mazzolate le macchine linux ? grazie per il rispetto che hai nei confronti del lavoro altrui.Veramente una persona matura che gradirei volentieri incontrare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo

            Ooooohhh... che cattivoni... e dimmi dimmi, cosa ti fanno
            questi oscuri complottisti ? Vengono nel tuo
            dipartimentuccio di chimica e prendono a mazzolate le
            macchine linux ?non so cosa fanno nel dipartimento, ma so cosa fanno in generale: installano winzoz e basta, utilizzando addirittura formati propretari per eventuali documenti
            Dimmi, dimmi... racconta quali oscure persecuzioni avete
            subito, nascosti nelle catacombe, identificandovi con un
            pesce attaccato al camice per seguire il Verbo del nuovo
            profeta. niente di tutto questo, solo che spendono il triplo di soldi pubblici per utilizzare software peggiori,e tutto questo a causa della loro ignoranza a livello informatico!
            Sai com'è, linux in Italia è al 90% nelle Universitàcome? e chi te lo ha detto! fuori la fonte! voglio veder la fonte! perché da noi con fischio che si usa linux,oggi come oggi conoscendo il livello dei professori (e io li conosco :)solo una minima parte di essi ha la capacitá mentale per poter utilizzare il sistema gnu/linuxquindi ti prego non sparare cifre a caso!
            Ma in un dipartimento di ricerca, all'SNS come a
            Roccacanniccia inferiore, niente è più ordinario, banale e
            normale di installare linux su macchine commerciali da
            poche lire per supplire a esigenze di calcolo,
            sperimentazione, controllo. Niente e nessuno te lo
            impedisce, quando si tratta di risparmiare ho visto
            accadere cose ben peggiori nei senati accademici e nella
            pratica dei laboratori. ciccio guarda che se c'è un magna magna questo é anche e soprattutto all'università, in un certo senso il concetto di cosa pubblica non esiste, figurati se questa gente pensa a risparmiare! ribadendo il concetto che questi non sanno neanche cosa significhi open source ...in conclusione: di scimmie che sanno aprire una finestra e scrivere due dati la nazione ne é piena...per poter competere con il mondo abbiamo bisogno di gente pensante :o)se hai ancora qualche dubbio su cosa significhi innovazione fatti un giro in germania (non è distante)salve
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo
            - Scritto da: AnonimoTanto per cominciare, datti una bella calmata. Non abbiamo mai mangiato assieme.
            quindi ti prego non sparare cifre a caso!Non sparare a vuoto se non hai capito la frase. Su dieci installazioni di linux, nove sono universitarie. Questo NON significa che linux sia in TUTTE le università, semplicemente che la sua diffusione è soprattutto in quell'ambito. Mai fatto un esamino di probabilità e statistica ?
            ciccio guarda che se c'è un magna magna
            questo é anche e soprattutto all'università,Menomale che è arrivato qualcuno a spiegarmelo, dopo 14 anni che ci lavoro...
            se hai ancora qualche dubbio su cosa
            significhi innovazione fatti un giro in
            germania (non è distante)...appunto anche a Dresda, dove ho fatto il dottorato e un anno come borsista. La prossima volta cerca di evitare sparate a casaccio, dato che scrivi senza cognizione di causa e non hai per niente colto il significato di quello che ho scritto io, evidentemente a causa delle tue limitazioni esperenziali e della tua sciocca supponenza. Il fatto è che nessuno normalmente si "oppone" all'uso di linux per il calcolo scientifico, anzi solitamente c'è un certo entusiasmo attorno all'argomento - visto che la differenza pratica è tra limitarsi a sognare una macchina "pompata", perché mancano i quattrini, oppure realizzare qualcosa low cost grazie ai sistemi GPL e hardware di poche pretese.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo

            Tanto per cominciare, datti una bella
            calmata. Non abbiamo mai mangiato assieme. :o) e per fortuna :o) grazie Dio!!!!!
            Su dieci installazioni di linux, nove
            sono universitarie. Questo NON significa che
            linux sia in TUTTE le università,
            semplicemente che la sua diffusione è
            soprattutto in quell'ambito. ancora??? ma mi vuoi dire le fonti per favore??caccia la fonti!!!! chi ti dice ciò che hai detto, chi sei Dio?????

            ciccio guarda che se c'è un magna magna

            questo é anche e soprattutto
            all'università,
            Menomale che è arrivato qualcuno a
            spiegarmelo, dopo 14 anni che ci lavoro...è evidente che nel magna magna partecipi pure tu :)
            La prossima volta cerca di evitare sparate a
            casaccio, dato che scrivi senza cognizione
            di causa e non hai per niente colto il
            significato di quello che ho scritto io,
            evidentemente a causa delle tue limitazioni
            esperenziali e della tua sciocca supponenza.con questa frase hai dimostrato di essere tu il borioso e di non aver capito nulla! inizia a leggrti il primo post di questa discussione
            Il fatto è che nessuno normalmente si
            "oppone" all'uso di linux per il calcolo
            scientifico, anzi solitamente c'è un certo
            entusiasmo attorno all'argomento - ma chi l'ha detto? dove sta scritto!!!! vedi gente che si strappa i capelli xchè nelle univesità NON c'è linux???? in italia siamo all'anno zero, anche grazie a persone come te!!!addio supponente....
        • Anonimo scrive:
          Re: Linus come Gesu cristo
          Scusa ma... chi è che fa ostruzionismo all'uso di linux nella ricerca ? I commerciali dei grandi brand ? Se anche è vero, fanno solo il loro mestiere... entro i limiti della normalità.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linus come Gesu cristo
          - Scritto da: munehiro
          invece ha perfettamente ragione. Linux ha
          portato un crollo verticale dei prezzi per
          il calcolo. Calcoli che 10 anni fa venivano
          fatti su grosse bestie unix del costo di una
          10ina di milioni (di allora) oggi li fai su10 anni fa:unix: 10ina di milioni (di allora)7000 Giga di memoria: hiiiiiiiiiii (cifrone che qui non ci sta, ci dovevi vendere tutta milano).Vediamo di non ragionare sempre col paraocchi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linus come Gesu cristo

          invece ha perfettamente ragione. Linux ha
          portato un crollo verticale dei prezzi per
          il calcolo. Calcoli che 10 anni fa venivano
          fatti su grosse bestie unix del costo di una
          10ina di milioni (di allora) oggi li fai su
          un normale pc consumer con installato linux
          con una spesa di un paio di milioni di lire
          al massimo.si ma le bestie da 10ine di milioni di dollari continuano ad esistere e ad essere vendutenon e' certo merito di linux se l'HW diventa sempre piu' potente
          Per chi come me lavora in questo campo,
          linux e' una svolta epocale. Peccato che ci
          sia chi queste cose non le vuole capire, ed
          e' pronto ad affossare questa possibilita'
          alla ricerca (da cui le aziende poi traggono
          profitto... e le persone traggono
          giovamento, moltissimi studi in ambito
          biologico, chimico e farmaceutico, leggi
          medicine, vengono progettati innanzi tutto
          in silico) per le piu' disparate e
          vergognose ragioni.nessuno dice questosei tu che dici che la gente non vuole capirementre invece sei tu che non capisci che quella macchina cray non te la regala solo perche' invece di UNIX (tm) c'e' linuxanche coll'avvento di amiga si cominciarono a fare cose che prima erano delegate solo a macchine specializzate e costosissimema dipende dal proggresso HW/SW non da un singolo OS che ha l'unico vantaggio di essere gratiscalcolo parallelo e clustering non sono nati su linux
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo
            - Scritto da: Anonimo


            invece ha perfettamente ragione. Linux ha

            portato un crollo verticale dei prezzi per

            il calcolo. Calcoli che 10 anni fa
            venivano

            fatti su grosse bestie unix del costo di
            una

            10ina di milioni (di allora) oggi li fai
            su

            un normale pc consumer con installato
            linux

            con una spesa di un paio di milioni di
            lire

            al massimo.

            si ma le bestie da 10ine di milioni di
            dollari continuano ad esistere e ad essere
            vendute
            non e' certo merito di linux se l'HW diventa
            sempre piu' potentedi certo è merito di linux se il costo del supercalcolo si abbatte: ora quello che fa una supermacchina megacostosa lo puoi fare con molte macchine microcostose.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Gesu cristo


            si ma le bestie da 10ine di milioni di

            dollari continuano ad esistere e ad essere

            vendute

            non e' certo merito di linux se l'HW
            diventa

            sempre piu' potente

            di certo è merito di linux se il costo del
            supercalcolo si abbatte: ora quello che fa
            una supermacchina megacostosa lo puoi fare
            con molte macchine microcostose.come vedi anche tu parli di macchinequindi HWe ti ripetoil clustering esiste da ben primae non lo fai con il kernel base di linuxsemmai e' merito di chi ha scritto il software per far funzionare bene tutto il cluster
      • Anonimo scrive:
        Re: Linus come Gesu cristo
        - Scritto da: Anonimo
        beh che c'è? E' l'unico modo per fare un
        post più delirante del precedente.a me sembra che si parlava di costi e non di delirio.
        aggiungerei: un cray in ogni casa he he heper ora mi basta la mia Lan Linux-only, grazie.Ma qualora dovesse diventarmi utile, potrei trasformare i nodi della mia rete in un cluster. La potenza di calcolo può anche essere venduta.
    • nop scrive:
      Re: Linus come Ford

      I vantaggi di una tecnologia sono tali se
      possono essere fruiti da tutti.infatti chi è quel morto di fame che non si può permettere 2000 Itanium 2....
      • Anonimo scrive:
        Re: Linus come Ford
        - Scritto da: nop


        I vantaggi di una tecnologia sono tali se

        possono essere fruiti da tutti.

        infatti chi è quel morto di fame che non si
        può permettere 2000 Itanium 2....non mistificare.un cluster con Linux si può fare anche con minori risorseE' questo il bello: ora non serve essere Cray per fare supercalcolo
        • Anonimo scrive:
          Re: Linus come Ford
          - Scritto da: Anonimo
          non mistificare.

          un cluster con Linux si può fare anche con
          minori risorse

          E' questo il bello: ora non serve essere
          Cray per fare supercalcoloSi, certo. Mettiamo insieme i nostri due fiammanti P4 nuovi di zecca e ci mettiamo Linux. Quanti schifo-flops facciamo? Sicuramente batteremo questo super calcolatore e faremo il nuovo record mondiale di potenza di calcolo. Ma e' un OS o una bacchetta magica?
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            non mistificare.



            un cluster con Linux si può fare anche con

            minori risorse



            E' questo il bello: ora non serve essere

            Cray per fare supercalcolo


            Si, certo. grazie della conferma.non ne avevamo bisogno, ma grazie per aver partecipato.Vada.Le faremo sapere
        • Anonimo scrive:
          Re: Linus come Ford

          non mistificare.

          un cluster con Linux si può fare anche con
          minori risorse

          E' questo il bello: ora non serve essere
          Cray per fare supercalcoloah behse ce lo dici tu...per fare una macchina paragonabile ad un cray devi comunque SPENDERE molto, e non lo puoi fare a casa..quindi basta cazzatesi risparmia, ma torvalds davvero non e' gesu' cristo che fa i miracoliconsidera sempre che i cluster poveracci si fanno con HW acquistato in stock e poi assemblato a manella, molto tempo==molto denaro, devi configuarre il cluster molto tempo==molto denaro, mentre il cray lo attacchi e vasenza contare la qualita' costruttiva senz altro superioreinsomma da qualche parte guadagni e da qualche altra perdii miracoli non esistono
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford
            - Scritto da: Anonimo

            non mistificare.



            un cluster con Linux si può fare anche con

            minori risorse



            E' questo il bello: ora non serve essere

            Cray per fare supercalcolo
            ...
            per fare una macchina paragonabile ad un
            cray devi comunque SPENDERE molto, e non lo
            puoi fare a casa..quindi non neghi che il costo del supercalcolo è alla portata di un vasto pubblico, maggiore che in passato, in virtù di un clustering disponibile a CHIUNQUE voglia investire senza passare per i soliti nomi
            quindi basta cazzatesi parlava di costi ribassati per il supercalcolo, non di cazzate
            i miracoli non esistonoinfatti : l'open source non è un miracoloCome Ford non era un santo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linus come Alan Ford
      ...e Stallman sarebbe Superciuk ? :-D (troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: Linus come Alan Ford
        - Scritto da: Anonimo
        ...e Stallman sarebbe Superciuk ? :-D (troll)Dalla barba lo vedrei piu' come Numero Uno...
      • Anonimo scrive:
        Re: Linus come Alan Sorrenti
        della serie: tu dimmi che sei l'unico computer per meeeeeeee(linux) (linux) (linux) (linux) (linux) (linux) (linux) (linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Linus come Ford
      La vera rivoluzione l'ha cominciata Richard Stallmann col suo progetto GNU e con la creazione della FSF e l'ideazione della licenza GPL.La vera rivoluzione è il software libero. Linux è solo un kernel.(che bel kernel però! eheheheheh)
    • Anonimo scrive:
      Grazie a tutti i "ragazzi dello GNU"!!!

      Grazie a tutti i "ragazzi del kernel"Aho! Guarda che il kernel linux senza le librerie GNU, il compilatore GNU (gcc), e tutti i servizi GNU non serve ad un fico secco.Ve lo dimenticate sempre il Dio Stallman.Verranno i tempi di Hurd, io spero,....
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie a tutti i "ragazzi dello GNU"!!!
        ho scritto contemporaneamente la stessa identica cosa...quando si dice telepatia! :-)
    • pikappa scrive:
      Re: Linus come Ford
      - Scritto da: Anonimo
      I vantaggi di una tecnologia sono tali se
      possono essere fruiti da tutti.

      Linux, per Cray e le altre aziende dei
      supercomputer, è diventato lo strumento che
      la macchina fu per Ford di 100 anni fa.

      Con Linux nei supercomputer potremo (e
      potremmo) fare TUTTI grandi
      cose

      L'era del supercalcolo a bassissimi costi è
      appena iniziata.

      Grazie a tutti i "ragazzi del kernel"Ma cosa ti fumi la mattina?
      • Anonimo scrive:
        Re: Linus come Ford
        - Scritto da: pikappa

        - Scritto da: Anonimo

        I vantaggi di una tecnologia sono tali se

        possono essere fruiti da tutti.



        Linux, per Cray e le altre aziende dei

        supercomputer, è diventato lo strumento
        che

        la macchina fu per Ford di 100 anni fa.



        Con Linux nei supercomputer potremo (e

        potremmo) fare TUTTI grandi

        cose



        L'era del supercalcolo a bassissimi costi
        è

        appena iniziata.



        Grazie a tutti i "ragazzi del kernel"
        Ma cosa ti fumi la mattina?di solito per dare la sensazione di voler discutere si dovrebbero tirar fuori argomenti, ma credo che dalle tue parti si pensi soprattutto a "fumare".
    • Anonimo scrive:
      Re: Linus come Ford
      mi auguro per linus torvalds che la storia non lo paragoni mai a ford, finanziatore del regime nazista, antisemita e razzista.l'uomo che fu da modello (oltre che grande amico) per hitler per la "soluzione finale"...andiamoci piano prima di paragonare qualcuno a certa gente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linus come Ford
        - Scritto da: Anonimo
        mi auguro per linus torvalds che la storia
        non lo paragoni mai a ford, finanziatore del
        regime nazista, antisemita e razzista.in effetti Ford è rimasto maggiormente noto per aver abbattuto molte barriere economiche, non certo per quello che citi.E' chiaro che l'iniziatore del 3d si riferiva agli aspetti tecnico/economici, non certo a quelli politiciVoler tirare in ballo questi argomenti politici senza discutere di quelli tecnico/economici sembra una ritirata in pessimo stile.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linus come Ford
          ma che ritirata? che dici?semplicemente non reputo giusto mettersi a paragonare una persona ad un'altra ignorando un aspetto importante di una persona....
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford
            - Scritto da: Anonimo
            ma che ritirata? che dici?
            semplicemente non reputo giusto mettersi a
            paragonare una persona ad un'altra ignorando
            un aspetto importante di una persona....come parlare di Einstein e sminuirne i suoi risultati scientifici perché trattava male la moglie?Ottima ritirata (non molto strategica, comunque)Ripeto: qui si parla di TECNICA e d ECONOMIA, non di POLITICACome Ford abbatté i costi delle automobili, Torvalds+GNU hanno abbassato i costi del suopercalcolo.Ora se vuoi parlare dei peli del pube di Ford e paragonarli a quelli di Torvalds fai pure, ma saresti OT e dovresti farlo in un forum di argomento feticista e non in uno tecnico/economico
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford
            - Scritto da: Anonimo
            come parlare di Einstein e sminuirne i suoi
            risultati scientifici perché trattava male
            la moglie?Tra trattare male la moglie ed incenerire 6 milioni di persone in un forno direi che ce ne passa.
            Ottima ritirata (non molto strategica,
            comunque)

            Ripeto: qui si parla di TECNICA e d
            ECONOMIA, non di POLITICAAnche l'economia tedesca ai tempi di Hitler conobbe un'ottimo momento. Su, osanniamolo, d'altronde non ha mai maltrattato la moglie.
            Come Ford abbatté i costi delle automobili,
            Torvalds+GNU hanno abbassato i costi del
            suopercalcolo.Fai tenerezza. Ti rendi conto che 16 anni fa il primo PC che ho avuto per mano aveva 640K di ram (e si gridava al miracolo)? Ti rendi conto di quanto sarebbe costato prendere 7 Tera di memoria? Quanto il PIL italiano. Oggi un qualunque istituto puo' permetterselo. Pinguino o non pinguino.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Come Ford abbatté i costi delle
            automobili,

            Torvalds+GNU hanno abbassato i costi del

            suopercalcolo.

            Fai tenerezza. grazie. Penserò a te ogni volta che si parlerà di supercalcolo e non sentirò nominare microsoftEcco l'invidia dei win-maniac: dover sopportare che il concorrente free sia cooptato al posto del solito prodotto del monopolio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo



            Come Ford abbatté i costi delle

            automobili,


            Torvalds+GNU hanno abbassato i costi
            del


            suopercalcolo.



            Fai tenerezza.

            grazie.

            Penserò a te ogni volta che si parlerà di
            supercalcolo e non sentirò nominare
            microsoft

            Ecco l'invidia dei win-maniac: dover
            sopportare che il concorrente free sia
            cooptato al posto del solito prodotto del
            monopolio.
            Ahi.. ahi... Hai capito che il tuo ragionamento era sballato e la butti sulla bagarre?
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford

            come parlare di Einstein e sminuirne i suoi
            risultati scientifici perché trattava male
            la moglie?
            certosi puo' dire che come uomo non valeva un cazzoallora?e' sminuire i suoi risultati?
            Ripeto: qui si parla di TECNICA e d
            ECONOMIA, non di POLITICA
            e quindi...
            Come Ford abbatté i costi delle automobili,
            Torvalds+GNU hanno abbassato i costi del
            suopercalcolo.
            UAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHHAHAHAHAah ahahaha ihihiihsto piangendo dalle risatecasomai l'hanno abbassato commodore, apple, motorola, intel, amdfacendo HW sempre piu' potente che oggi rivaleggia alla pari con le WSil clustering e il calcolo parallelo esistono da ben prima di linux, torvalds e stallmanpensa solo che linux e' arrivato 2o3 anni fa ad avere un supporto SMP funzionantee che il kernel base non ne sa NULLA di clustering ancora OGGI
            Ora se vuoi parlare dei peli del pube di
            Ford e paragonarli a quelli di Torvalds fai
            pure, ma saresti OT e dovresti farlo in un
            forum di argomento feticista e non in uno
            tecnico/economicosei solo un povero cretino col paraocchipoi parli di winmaniacs e di vasellina..ma se uno piu' appecorato di te ad una tesi non esiste!!!!ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford
            - Scritto da: Anonimo qui si parlava di costi e il mio interlocutore rompe il trotto:
            sei solo un povero cretino col paraocchi
            poi parli di winmaniacs e di vasellina..attento: il plurale italiano di una parola inglese pure composta) non si fa aggiungendo la s finaletra l'altro... io non ho mai parlato di vaselina. Il tuo lapsus freudiamo e la legge 675/96 mi impone di non aggiungere altro...
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford

            qui si parlava di costi e il mio
            interlocutore rompe il trotto:
            "Come Ford abbatté i costi delle automobili,Torvalds+GNU hanno abbassato i costi delsuopercalcolo. "a parte il suOpercalcolo (chi e' senza peccato scagli la prima pietra), torvalds non ha abbassato nullaperche' non ha mai scritto una linea di codice a supporto di clustering e calcolo paralleloallora diamo il merito a chi ha scritto il software di clustering per linux

            sei solo un povero cretino col paraocchi

            poi parli di winmaniacs e di vasellina..

            attento: il plurale italiano di una parola
            inglese pure composta) non si fa aggiungendo
            la s finale
            grazie herr professorma il correttore ortografico gnu evidentemente non funziona bene
            tra l'altro... io non ho mai parlato di
            vaselina.

            Il tuo lapsus freudiamo e la legge 675/96 mi
            impone di non aggiungere altro...lo imporrebbe anche il senso del pudore.Per evitare brutte figure gratuite.
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford
            - Scritto da: Anonimo


            qui si parlava di costi e il mio

            interlocutore rompe il trotto:



            "Come Ford abbatté i costi delle automobili,
            Torvalds+GNU hanno abbassato i costi del
            suopercalcolo. "

            a parte il suOpercalcolo (chi e' senza
            peccato scagli la prima pietra), torvalds
            non ha abbassato nullaok, ok, il risultato non cambia.Ora il clustering lo può fare chiunque.
            ma il correttore ortografico gnu
            evidentemente non funziona benedubito che tu lo stia usando
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford


            a parte il suOpercalcolo (chi e' senza

            peccato scagli la prima pietra), torvalds

            non ha abbassato nulla

            ok, ok, il risultato non cambia.

            Ora il clustering lo può fare chiunque.
            chiunque e' una parola grossaanche con windows puoi fare clustering fino a 64 nodinon credo che chiunque possa permettersi una cosa del genereio no di certo....ma volendo potrei farlo con i 3 pc che ho in casao con i 5 che stanno in ufficio...per poi darmelo sui denti ovviamente...

            ma il correttore ortografico gnu

            evidentemente non funziona bene

            dubito che tu lo stia usandodubiti solo di quello che va contro il tuo dio GNU?
          • Anonimo scrive:
            Re: Linus come Ford
            - Scritto da: Anonimo



            a parte il suOpercalcolo (chi e' senza


            peccato scagli la prima pietra),
            torvalds


            non ha abbassato nulla



            ok, ok, il risultato non cambia.



            Ora il clustering lo può fare chiunque.



            chiunque e' una parola grossacome grossa era la precedente barriera alla realizzazione
            anche con windows puoi fare clustering fino
            a 64 nodicon spesa superiore.Scelgo Linux
    • DarKStaR scrive:
      Re: Linus come Ford
      - Scritto da: Anonimo
      I vantaggi di una tecnologia sono tali se
      possono essere fruiti da tutti.
      MADDAI... ma basta co ste frasi fatte!
      Linux, per Cray e le altre aziende dei
      supercomputer, è diventato lo strumento che
      la macchina fu per Ford di 100 anni fa.eh? bella questa...
      Con Linux nei supercomputer potremo (e
      potremmo) fare TUTTI grandi
      cosemiiiiii...... siiiii... domani mi compro un CRAY e ci ggioco a queich tre a mille e mille frames!!!! mitttikoo!!!!!
      L'era del supercalcolo a bassissimi costi è
      appena iniziata.seeeeee...... perchè se ci installli linux, anche l'hardware costa menooooo! venghino siore e siorrii! "posso dirte 'na roba?" cossa gheto fumà stasera?..
      Grazie a tutti i "ragazzi del kernel"
      e che è? un film a puntate? come i ragazzi della 3^ C??basta cosi. vado a dormire. mi ci voleva proprio sto post, così dormo contento.******MAVAFF...!!!!!!!!!!!!!!!$£"$"£$"£!!"!" :-)) ******
      • pippo75 scrive:
        Re: Linus come Ford
        quando ci vuole......


        Grazie a tutti i "ragazzi del kernel"



        e che è? un film a puntate? come i ragazzi
        della 3^ C??
        DarKStaR......(grattatina al naso).......due:-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Linus come Ford
      - Scritto da: Anonimo
      I vantaggi di una tecnologia sono tali se
      possono essere fruiti da tutti.

      Linux, per Cray e le altre aziende dei
      supercomputer, è diventato lo strumento che
      la macchina fu per Ford di 100 anni fa.

      Con Linux nei supercomputer potremo (e
      potremmo) fare TUTTI grandi
      cose

      L'era del supercalcolo a bassissimi costi è
      appena iniziata.

      Grazie a tutti i "ragazzi del kernel"
      Vediamo di mettere ordine in questo thread :-)L'amico ha semplicemente citato una frase di Henry Ford (usata nella pubblicita'), cosa c'entra il fatto che Mr. Ford fosse amico di Hitler?Il supercalcolo (parlo di pochissimi anni fa) era per pochi, e chi ne aveva bisogno si rivolgeva ai centri di calcolo e spendeva un mare di soldi. I supercomputer inoltre sono tut'altro che plug-n-play ... spesso si deve tuttora abbattere una parete per farlo entrare nella stanza. Per il tuning poi non basta un mese. Ovviamente lo fa il super-mega-iper tecnico ultra-pagato.Al giorno d'oggi basta qualche dual-processor in cluster per soddisfare la maggior parte delle esigenze, e per configurarlo un buon tecnico di dipartimento ci mette 1-2 giorni. E per questo dobbiamo sicuramente ringraziare i ragazzi del kernel, che ci hanno dato la possibilita' di ricorrere ad hardware low-cost.Molti deridono i cluster casalinghi, ma di applicazioni ce ne sarebbero un'infinita', un esempio su tutti la codifica video.Senza tener conto che anche piu' macchine non in cluster possono tornare utili: pensate alle belle figure con gli amici del Seti o alle megagiocate in multiutenza con amici e/o fratelli :-)Ciao !
      • Anonimo scrive:
        Re: Linus come Ford
        La notizia parla di 2000 processori, non 2. E con 2 processori le soluzioni a basso costo esistono da un bel po'. Linux o non linux. In ogni caso non credere di fare, col tuo bel biprocessore, quello che faranno col sistema della notizia. Hanno due destinazioni completamente differenti!
        • Anonimo scrive:
          Re: Linus come Ford
          - Scritto da: Anonimo
          E con 2 processori le soluzioni a basso
          costo esistono da un bel po'. Linux o non
          linux. ma chissà come mai, ora si predilige l'uso di un SO aperto come LinuxSarà che i costi sono ancora minori ?Sarà che non ci si deve genuflettere a UN solo produttore ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Linus come Ford
          - Scritto da: Anonimo


          La notizia parla di 2000 processori, non 2.
          E con 2 processori le soluzioni a basso
          costo esistono da un bel po'. Linux o non
          linux. In ogni caso non credere di fare, col
          tuo bel biprocessore, quello che faranno col
          sistema della notizia. Hanno due
          destinazioni completamente differenti!Non fare il furbo: l'oggetto del thread parla di cluster alla portata di tutti. E comunque col mio bel clusterino di casa (5 nodi) sviluppo e testo codici mpi o hpf da far girare in un secondo momento su cluster ben piu' potenti. Ciao.
Chiudi i commenti