Hollywood: i nostri DVD sono bloccati

C'è tutto il DRM possibile nei DVD che conterranno i film in anteprima che l'Academy hollywoodiana potrebbe distribuire a 6mila propri membri. DVD accompagnati da un lettore antipirata


Los Angeles (USA) – Il nero mantello della pirateria oscura da tempo i progetti di Hollywood ma gli studios non si danno per vinti e sembrano sul punto di ricorrere alle misure più drastiche per proteggere i film dalla diffusione illegale, dentro e fuori dalla rete.

Le major che organizzano ogni anno gli Academy Awards hanno deciso di impedire che i propri membri, come già accaduto in passato , cedano alla tentazione di diffondere copie pirata dei film a loro sottoposti in anteprima per l’assegnazione degli Oscar del Cinema.

L’anno scorso l’Academy era arrivata a sospendere la distribuzione dei film ai giurati, una non-soluzione che ha gettato fango sull’organizzazione. Quest’anno, per ottenere lo scopo, l’organizzazione degli studios potrebbe decidere di fornire ai circa 6mila membri, giornalisti, critici ecc., un ugual numero di specifici lettori DVD caratterizzati dalla possibilità di leggere dischi cifrati con sofisticate tecnologie DRM (Digital Rights Management).

Questa piattaforma proprietaria non solo legherà ogni disco distribuito al nome e cognome della persona a cui è stato affidato, ma terrà anche conto di quante volte il film viene visto e, soprattutto, ogni disco sarà associato ad uno specifico player e solo da quello potrà essere letto . In più, qualora con una telecamera digitale si riprendesse il film mentre viene visto, informazioni specifiche sull’identità del giurato sarebbero anche videoregistrate, consentendo in un secondo momento, in caso di “fuga di film”, di incastrare la “talpa” .

A promuovere il tutto è Cinea , società legata al colosso Dolby , la cui piattaforma sta riscuotendo un notevole interesse da parte della Motion Picture Association of America . Sebbene gli studios ancora non abbiano firmato il progetto, Cinea ha ottime speranze. I suoi dirigenti, tra l’altro, sostengono che sebbene sia possibile per un cracker con grande esperienza arrivare a craccare la tecnologia di cifratura di un singolo player, “craccare i dischi è impossibile” .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • avvelenato scrive:
    Re: Si vede che...
    - Scritto da: Anonimo
    non hanno mai fatto una foto con i
    "fotofonini". Secondo me credono alla
    pubblicità, dove si vedono fotofonini
    scattare foto che neanche una macchiana
    professionale 6x6 riuscirebbe a fare.le macchine fotografiche da telefonino non mancano certo di risoluzione...mancano di precisione in colore e distorsione, sicuramente, ma la risoluzione paragonabile ad una compatta economica ce la possono avere.. sicuramente sufficiente per questa tecnologia di watermarking.
  • Anonimo scrive:
    Si vede che...
    non hanno mai fatto una foto con i "fotofonini". Secondo me credono alla pubblicità, dove si vedono fotofonini scattare foto che neanche una macchiana professionale 6x6 riuscirebbe a fare.
  • avvelenato scrive:
    qualità immagini... mah
    a me le rassicurazioni sul fatto che questi dati saranno impercettibili non mi convincono.preferirei mi dicessero "si vedono, ma a chi vuoi che interessa la qualità dell'immagine in una rivista..." che poi dipende dalla rivista, e da quanto questa qualità venga compromessa.cmq dopo aver visto foto stampate a 72dpi (su riviste a tiratura nazionale! roba da licenziare il grafico in tronco!) e foto ultracompresse in jpeg che erano tutte un artefatto, io ho smesso di prendere riviste per princìpio.se si continua su questa direttiva, che poi sta spopolando anche in altri media (in tv oramai l'audio è così compresso che spesso mi causa malditesta.. a volte le pubblicità hanno artefatti tipici di compressioni video a 200kbps...)... è ovvio che ogni media sarà costretto a cedere il passo a internet.
  • Anonimo scrive:
    Re: non è steganografia
    - Scritto da: Anonimo
    Ognuno ha il governo che si merita... sono
    milioni i Cinesi... si ribellassero tuttiCi hanno provato e li hanno massacrati in piazza Tienanmen...
  • HotEngine scrive:
    Re: non è steganografia
    - Scritto da: Anonimo
    sono milioni i Cinesi... Diciamo pure più di 1 miliardo...
  • Anonimo scrive:
    Re: Steganografia o acqua calda?
    La seconda che hai detto 8)
  • Anonimo scrive:
    Re: non è steganografia
    Ognuno ha il governo che si merita... sono milioni i Cinesi... si ribellassero tutti alla censura che ormai da anni è in atto in quel Paese e non ci sarebbe bisogno di steganografia o altre forme di codifica ;)
  • avvelenato scrive:
    Re: Figo!
    - Scritto da: Anonimo
    Beh, a me sembra una figata!
    Quanti link mi segno "a mano" nel cellulare
    (come SMS)?
    Almeno 5 alla settimana (tutte le volte che
    scrocco una rivista)...
    Con questo sistema mi sbatterei molto
    meno....quoto e sottoscrivo!
    (oh, pigri si diventa, e' un lavoro duro che
    presuppone impegno e costanza!)ahahhaha no, diventare è uno sforzo!
  • avvelenato scrive:
    Re: Steganografia o acqua calda?
    - Scritto da: Anonimo
    entrambe?acqua marchiata semmai
  • Anonimo scrive:
    non è steganografia
    non lo è.è solo qualcosa che noi non vediamo.mi sa che invece i cinesi dovranno iniziare a usare codici a vocabolario oppure mms con steganografia, per potersi parlare ... 'sti stronzi ...maledizione ai regimi oligarchici
  • Anonimo scrive:
    Figo!
    Beh, a me sembra una figata!Quanti link mi segno "a mano" nel cellulare (come SMS)?Almeno 5 alla settimana (tutte le volte che scrocco una rivista)...Con questo sistema mi sbatterei molto meno....(oh, pigri si diventa, e' un lavoro duro che presuppone impegno e costanza!)
  • Anonimo scrive:
    Steganografia o acqua calda?
    entrambe?
Chiudi i commenti