Holywar, l'odio digitale sotto sequestro

Su ordine della Procura della Repubblica di Bolzano, un decreto di sequestro preventivo per l'inibizione degli accessi tricolore ai portali holywar.org e holywar.tv. Con l'accusa di incitamento all'odio razziale e religioso

Roma – Incitamento all’odio razziale, etnico e religioso. Questo uno dei capi d’accusa formulati dalla Procura della Repubblica di Bolzano contro i gestori dei portali holywar.org e holywar.tv , finiti nel mirino del GIP altoatesino per la pubblicazione di alcune liste nere contenenti i nominativi di numerose personalità di fede ebraica accusate di complicità nei confronti di Israele.

Nel testo del provvedimento ordinato dal GIP Walter Pelino, i due portali sono stati sottoposti a sequestro preventivo tramite inibizione all’accesso dall’Italia ai suoi indirizzi web, così come ai relativi IP statici “nonché ogni altro indirizzo IP eventualmente associato anche in futuro”. Una precisazione che applicherà lo stesso ordine di sequestro in caso di spostamento dei domini.

Denunciati dalla comunità ebraica di Merano – nell’aprile 2012 anche da Roberto Cuillo , responsabile della redazione web del Partito Democratico (PD) – i due siti della guerra santa sarebbero stati gestiti da un amministratore operativo in Italia , mentre il materiale antisemita sarebbe stato fornito dalla Norvegia.

Stando a quanto riportato dall’avvocato Fulvio Sarzana sulle pagine digitali de Il Fatto Quotidiano , i siti sequestrati sarebbero entrambi intestati al cittadino norvegese Alfred Olsen, “cattolico tradizionalista” e vicino al movimento di resistenza popolare Alternativa Cristiana.

Il sequestro dei due domini di holywar ha seguito quello della sezione italiana del forum neonazista Stormfront , con il GUP di Roma Carmine Castaldo che aveva condannato i suoi quattro gestori ad un totale di oltre 10 anni agli arresti domiciliari . Nel novembre 2012 il sito ufficiale di Stormfront veniva bloccato a livello ISP dopo l’ennesima pubblicazione di una lista di presunti nomi noti di origine ebraica.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • prova123 scrive:
    SULLA CONFEZIONE:..
    DEVONO SCRIVERE A CARATTERI CUBITALI: IN COMODATO D'USO . PUNTO.Quando si acquistano questi oggetti l'acquirente deve chiedere:- Posso rivenderlo a terzi?- Se SI, dove sta scritto ?- Se non c'è scritto esplicitamente dopo aver tenuto inchiodato il commesso/commessa si dice: No grazie, questo prodotto non mi interessa. E lo si lascia "sul bancone". :)
  • andreabont scrive:
    Truffa
    Questa limitazione va contro al diritto di proprieta' privata. Cio' vuol dire che i 1500 euro sono di fatto il prezzo del "noleggio" del dispositivo, non del suo acquisto.Hanno perso un acquirente.
    • armstrong scrive:
      Re: Truffa
      - Scritto da: andreabont
      Questa limitazione va contro al diritto di
      proprieta' privata. Cio' vuol dire che i 1500
      euro sono di fatto il prezzo del "noleggio" del
      dispositivo, non del suo
      acquisto.


      Hanno perso un acquirente.Mi ricorda tanto la volpe e l'uva :D
    • il signor rossi scrive:
      Re: Truffa
      - Scritto da: andreabont
      Questa limitazione va contro al diritto di
      proprieta' privata. Cio' vuol dire che i 1500
      euro sono di fatto il prezzo del "noleggio" del
      dispositivo, non del suo
      acquisto.


      Hanno perso un acquirente.Forse c'è gente che non ha capito bene cosa sta succedendo...Questi primi esemplari hanno delle condizioni d'uso particolarmente vessatorie, che non saranno ovviamente le stesse degli esemplari che verranno venduti, così come ovviamente il prezzo non sarà di 1500 euro.Ma vi siete chiesti perché c'è la fila per avere uno di questi esemplari? Pensate che gli acquirenti siano dei fighetti con soldi da spendere che vogliono assicurarsi l'ultimo gadget tecnologico?No, questi acquirenti sono sviluppatori e software house che con un investimento davvero modico (perché 1500 euro non sono NIENTE per un'azienda) si assicurano la possibilità di iniziare a sviluppare in anteprima applicazioni per Glass, ottenendo così un considerevole vantaggio sui concorrenti una volta che il prodotto verrà reso disponibile agli utenti finali.Davvero pensate che a questi businessman interessi qualcosa se non potranno rivendere gli occhiali su ebay o fare il login con l'account della figlia? Con i soldi che faranno dalla vendita delle applicazioni (se saranno bravi a svilupparle, ovviamente) e con il vantaggio che hanno conseguito sulla concorrenza potranno permettersi di buttarli nella spazzatura, quegli occhiali lì.Google è una realtà di business, Glass è un prodotto di business, gli sviluppatori fanno business, le regole sono quelle del business, mentre qui molti continuano a vedere le cose con la mentalità del nerd che vuole il suo giochino. Quello arriverà, state tranquilli, ma non è adesso.
      • aphex_twin scrive:
        Re: Truffa
        Ah si , c'è la fila di gente che vuole spendere 1500 dollari per un paio di occhiali "tecnologici" ?Se il prezzo non scende , ma di tanto , questa fantomatica fila si dissolverà come neve al sole.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Secondo me ben poca gente é disposta a spendere (resto basso) 500 dollari per un paio di occhiali, poi magari verró smentito quando in 3 giorni saranno "out of stock". Vedremo.
        • Francesco scrive:
          Re: Truffa
          Spendo più volentieri 1500 USD in questi occhiali che 150 EUR in un iCoso qualsiasi.
        • il signor rossi scrive:
          Re: Truffa
          - Scritto da: aphex_twin
          Ah si , c'è la fila di gente che vuole spendere
          1500 dollari per un paio di occhiali
          "tecnologici"
          ?

          Se il prezzo non scende , ma di tanto , questa
          fantomatica fila si dissolverà come neve al
          sole.Ma tu il mio post l'hai letto? Chi ha parlato di gente? Io ho parlato di aziende.
    • TuttoaSaldo scrive:
      Re: Truffa


      Hanno perso un acquirente.Lo fanno per tutelarsi dalle cause legali che scoppierebbero alla prima congiuntivite.
      • armstrong scrive:
        Re: Truffa
        - Scritto da: TuttoaSaldo



        Hanno perso un acquirente.

        Lo fanno per tutelarsi dalle cause legali che
        scoppierebbero alla prima
        congiuntivite.e in caso di uveite? :D
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Truffa
      - Scritto da: andreabont
      Questa limitazione va contro al diritto di
      proprieta' privata. Cio' vuol dire che i 1500
      euro sono di fatto il prezzo del "noleggio" del
      dispositivo, non del suo
      acquisto.Esattamente come la licenza OEM del Windows preinstallato nel PC, solo che lì la gente non se ne accorge perché viene vista come "in bundle"...
      Hanno perso un acquirente.E allora non comprare mai più un pc con Windows! ;)
  • TADsince1995 scrive:
    Next big thing?
    O next big flop? Personalmente ho i seguenti dubbi:1) Le telecamera fa buoni filmati, ma non meglio di quelli della mia Kodak zx3 che non costa 1500 euro, anche se è ben più ingombrante.2) Ancora non si è capito COSA VEDI una volta indossati sti occhiali. I filmati promozionali sono belli e fighi, però pare che il microschermo sia presente solo sull'occhio sinistro, ciò porterebbe a dei mal di testa praticamente immediati, oltre che a uno scompenso di sforzo tra un occhio e l'altro.3) Sono curiosissimo di sapere come fai a mettere a fuoco una cosa che sta a 2 cm dalla pupilla e mantenere il fuoco su tutto il resto.4) C'è un sacco di gente che cammina per strada mentre messaggia senza guardare ciò che ha di fronte. Figuriamoci con gli occhiali...In ogni caso, confesso che sono mostruosamente curioso di provarli e ho già qualche mezza idea su delle app da fare girare in quel coso.Google ha tirato fuori quella che forse è la prima vera idea innovativa di questo secolo.
    • Aldo scrive:
      Re: Next big thing?
      Eh eh, "idea innovativa di questo secolo" è la frase giusta.Infatti se ne era parlato abbondantemente negli anni '80 e '90 del secolo scorso, sia come allargamento della realtà con dati sovrapposti proiettati direttamente sulla retina (così sono sempre a fuoco, come nelle visiere degli elicotteristi militari (Helmet Sight)), sia come full immersion nei videogiochi.E già allora si parlava di sovrapporre alla realtà non solo dati alfanumerici, ma anche immagini che ampliassero l'esperienza, integrandola con dati di altri sensori (il medico vede il paziente in carne ed ossa e contemporaneamente vede sovrapposta la sua tomografia ed altri dati).Nel secolo scorso il limite era rappresentato dai display ad alta risoluzione e dalla miniaturizzazione degli apparati.In questo secolo Google sta integrando il tutto...
    • il signor rossi scrive:
      Re: Next big thing?
      - Scritto da: TADsince1995
      O next big flop? Personalmente ho i seguenti
      dubbi:

      1) Le telecamera fa buoni filmati, ma non meglio
      di quelli della mia Kodak zx3 che non costa 1500
      euro, anche se è ben più
      ingombrante.a parte il discorso del prezzo dei 1500 euro che è riservato a chi deve fare business e vuole avere una preview del prodotto con la quale acquisire un vantaggio sulla concorrenza (vedi mio post più sopra), prova a attacarti una kodak zx3 in testa e a andare in giro, poi prova a dire "kodak zx3, fai una foto" oppure "kodak zx3, guidami fino a piazza della stazione" e vediamo se succede qualcosa... ;)
      2) Ancora non si è capito COSA VEDI una volta
      indossati sti occhiali. I filmati promozionali
      sono belli e fighi, però pare che il microschermo
      sia presente solo sull'occhio sinistro, ciò
      porterebbe a dei mal di testa praticamente
      immediati, oltre che a uno scompenso di sforzo
      tra un occhio e
      l'altro.beh, ma pensi che in Google siano così stupidi da spendere milioni di dollari se durante lo sviluppo del prodotto avessero scoperto che sono inutilizzabili?
      3) Sono curiosissimo di sapere come fai a mettere
      a fuoco una cosa che sta a 2 cm dalla pupilla e
      mantenere il fuoco su tutto il
      resto.non è quello lo scopo, guarda, nessuno terrà il fuoco fisso sul display, lo guarderai solo nei brevi momenti in cui dovrai fare una ricerca o guardare le informazioni mostrate dai glass, proprio come quando sei in auto col navigatore non tieni certo lo sguardo fisso su quest'ultimo...
      4) C'è un sacco di gente che cammina per strada
      mentre messaggia senza guardare ciò che ha di
      fronte. Figuriamoci con gli
      occhiali...sì vabbè, allora anche le cuffie, il navigatore che ho già citato, mandare sms mentre si guida... non è peggio delle altre cose già esistenti, ANZI... trovo più sicuro avere il navigatore a portata di occhio anziché dover distogliere lo sguardo, trovo più sicuro poter dare comandi vocali al device che dover staccare una mano dal volante per tentare di comporre un numero... quindi casomai è il contrario: a mio avviso possono aumentare la sicurezza di certe operazioni che molti (purtroppo) fanno con il loro cellulare in maniera sconsiderata, soprattutto durante la guida.
      In ogni caso, confesso che sono mostruosamente
      curioso di provarli e ho già qualche mezza idea
      su delle app da fare girare in quel
      coso.

      Google ha tirato fuori quella che forse è la
      prima vera idea innovativa di questo
      secolo.ecco, adesso ci siamo! Può anche darsi che alla fine l'idea si riveli un flop, io sinceramente non credo, molto dipenderà dal prezzo finale e dalle app che gli sviluppatori si inventeranno, anch'io ci vedo molte possiblità e per questo non mi stupisce che in tanti abbiano pagato 1500 euro per assicurarsi un vantaggio sulla concorrenza.
  • John Doe scrive:
    Se sei...
    ...tanto XXXXXXXX da mollare 1500 euro per fare il betatester a google (che dovrebbe pagarti lui per farlo) per un paio di occhiali videocamera demXXXXX direi che ti meriti questo e altro...
    • il signor rossi scrive:
      Re: Se sei...
      - Scritto da: John Doe
      ...tanto XXXXXXXX da mollare 1500 euro per fare
      il betatester a google (che dovrebbe pagarti lui
      per farlo) per un paio di occhiali videocamera
      demXXXXX direi che ti meriti questo e
      altro...macché betatester, quei 1500 euro servono per essere fra i primi che hanno ricevuto l'SDK e potranno sviluppare applicazioni per Glass, e che si copriranno d'oro non appena verranno rilasciati grazie al vantaggio che avranno potuto acquisire sulla concorrenza perché le loro applicazioni saranno già disponibili.Ecco la differenza fra l'italiano e l'americano medio: per l'italiano medio, questi sono occhiali videocamera demXXXXX e chi li compra è un XXXXXXXX, per un americano sono un'incredibile opportunità di business di fronte alla quale 1500 euro non sono nulla. Ecco perché resteremo sempre un paese del terzo mondo e riusciremo a produrre ricchezza solo vendendo pomodori, pizza e scarpe.
  • b cognome scrive:
    Copia e Incolla
    come da fonte linkata nell'articolo:"If all you envisioned developing by being an early recipient of Google Glass Explorer Edition was a quick resale profit, think again: Google has rules against reselling the wearable tech without its permission."Quindi ciò riguarda solo il devkit (Glass Explorer Edition).Ma leggere l'originale prima di pubblicare una news?
  • jack scrive:
    proprietà
    "In diritto, la proprietà è un diritto reale che ha per contenuto la facoltà di godere e di disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con l'osservanza degli obblighi previsti." (Wikipedia)Direi proprio che i "limiti" e gli "obblighi" NON vietino assolutamente di rivendere, prestare ecc ecc un oggetto del quale sono PROPRIETARIO.Fino a poco tempo fa questi erano FATTI... e ora?
    • b cognome scrive:
      Re: proprietà
      Infatti ti disattivano il servizio, gli occhiali restano tuoi :)Comunque è solo per il DevKit
    • ospite scrive:
      Re: proprietà
      - Scritto da: jack
      Direi proprio che i "limiti" e gli "obblighi" NON
      vietino assolutamente di rivendere, prestare ecc
      ecc un oggetto del quale sono PROPRIETARIO.Da quando ?
      Fino a poco tempo fa questi erano FATTI... e ora?Sono anni ormai che nessuno è più proprietario dell'hardware che acquista a caro prezzo. Anche l'hardware viene dato in "licenza d'uso" non solo il software. Vedi i vari XXXXXXXXX dei dispositivi mobili che sono vietatissimi da tutti. Una volta acquistavi un PC e potevi farci girare quello che volevi, ora non più, ci fai girare solo quello che il produttore ti permette di farci girare (vedi UEFI / Windows 8).
      • Don Draper scrive:
        Re: proprietà
        - Scritto da: ospite
        - Scritto da: jack


        Direi proprio che i "limiti" e gli "obblighi"
        NON

        vietino assolutamente di rivendere, prestare ecc

        ecc un oggetto del quale sono PROPRIETARIO.

        Da quando ?


        Fino a poco tempo fa questi erano FATTI... e
        ora?

        Sono anni ormai che nessuno è più proprietario
        dell'hardware che acquista a caro prezzo. Anche
        l'hardware viene dato in "licenza d'uso" non solo
        il software. Vedi i vari XXXXXXXXX dei
        dispositivi mobili che sono vietatissimi da
        tutti. Una volta acquistavi un PC e potevi farci
        girare quello che volevi, ora non più, ci fai
        girare solo quello che il produttore ti permette
        di farci girare (vedi UEFI / Windows
        8).Il jailbreack su iPhone è legale (in USA) mentre alcune aziende tipo HTC e LG permettono il rooting dei propri dispositivi.UEFI è disattivabile
      • van derkul scrive:
        Re: proprietà
        XXXXXXXXX = Modifica SOFTWAREUEFI = Modifica SOFTWAREModifica XBOCS = modifica SOFTWAREL'hardware e' tuo, se hai la pecunia puoi comprarti qualche migliaio di iphone, impilarli uno sull'altro e fare una bella cuccia al cane, che sara' libero di urinarci sopra ogni volta che vorra', seriamente pensi che Apple mi faccia causa perche' faccio dei suo apparecchio che ho ACQUISTATO un uso diverso rispetto alla sua destinazione f'uso originaria?stesso vale per qualsiasi hardware, lo compro, lo apro, lo cospargo di marmellata di more, lo lecco intensamente, e se riattaccando la spina non funziona, non posso farlo riparare in garanzia... PUNTOacquisto la mia bella autovettura, faccio un bel tuning a chip, la VOLVO, AUDI,FIAT,ALFA ROMEO,AUTOBIANCHI,RENAULT,PEUGEOT non mi fanno certo causa, ma se mi schianto contro un muro non posso certo pretendere che mi ripaghino la vettura.Il diritto, caro amico, non e' cambiato. L'hardware e' tuo e ci puoi fare quello che ti pare... Non esiste hardware con licenza d'uso... al massimo se e' noleggiato, locato, usufruito, sia esso a pagamento o gratuito, solo in quel caso hai una licenza d'uso, ma se paghi soldini per comprare cammello, al cammello ci fai quel che ti pare (animalisti state tranquilli, gli riprogrammi il chip e gli metto i led blu sotto la pancia, il cammello non soffrira' per questo...).Quale hardware hai visto con la licenza d'uso?- Scritto da: ospite
        - Scritto da: jack


        Direi proprio che i "limiti" e gli "obblighi"
        NON

        vietino assolutamente di rivendere, prestare ecc

        ecc un oggetto del quale sono PROPRIETARIO.

        Da quando ?


        Fino a poco tempo fa questi erano FATTI... e
        ora?

        Sono anni ormai che nessuno è più proprietario
        dell'hardware che acquista a caro prezzo. Anche
        l'hardware viene dato in "licenza d'uso" non solo
        il software. Vedi i vari XXXXXXXXX dei
        dispositivi mobili che sono vietatissimi da
        tutti. Una volta acquistavi un PC e potevi farci
        girare quello che volevi, ora non più, ci fai
        girare solo quello che il produttore ti permette
        di farci girare (vedi UEFI / Windows
        8).
        • Izio01 scrive:
          Re: proprietà
          - Scritto da: van derkul
          XXXXXXXXX = Modifica SOFTWARE
          UEFI = Modifica SOFTWARE
          Modifica XBOCS = modifica SOFTWARE

          L'hardware e' tuo, se hai la pecunia puoi
          comprarti qualche migliaio di iphone, impilarli
          uno sull'altro e fare una bella cuccia al cane,
          che sara' libero di urinarci sopra ogni volta che
          vorra', seriamente pensi che Apple mi faccia
          causa perche' faccio dei suo apparecchio che ho
          ACQUISTATO un uso diverso rispetto alla sua
          destinazione f'uso
          originaria?

          stesso vale per qualsiasi hardware, lo compro, lo
          apro, lo cospargo di marmellata di more, lo lecco
          intensamente, e se riattaccando la spina non
          funziona, non posso farlo riparare in garanzia...
          PUNTO

          acquisto la mia bella autovettura, faccio un bel
          tuning a chip, la VOLVO, AUDI,FIAT,ALFA
          ROMEO,AUTOBIANCHI,RENAULT,PEUGEOT non mi fanno
          certo causa, ma se mi schianto contro un muro non
          posso certo pretendere che mi ripaghino la
          vettura.
          Ma scommettiamo che se Fiat disabilita da remoto i freni della mia vettura in modo tale che io mi schianti contro quel muro, fa qualcosa di illegale? Il tuo paragone ti si ritorce contro.Io spero che prima o poi diventino illegali anche il bricking da remoto e le altre piacevolezze del genere con cui ultimamente le aziende si cimentano, grazie ad EULA che spogliano l'utente di qualsiasi diritto.
          Il diritto, caro amico, non e' cambiato.
          L'hardware e' tuo e ci puoi fare quello che ti
          pare... Non esiste hardware con licenza d'uso...
          al massimo se e' noleggiato, locato, usufruito,
          sia esso a pagamento o gratuito, solo in quel
          caso hai una licenza d'uso, ma se paghi soldini
          per comprare cammello, al cammello ci fai quel
          che ti pare (animalisti state tranquilli, gli
          riprogrammi il chip e gli metto i led blu sotto
          la pancia, il cammello non soffrira' per
          questo...).

          Quale hardware hai visto con la licenza d'uso?
          • nushuth scrive:
            Re: proprietà

            Io spero che prima o poi diventino illegali anche
            il bricking da remoto e le altre piacevolezze del
            genere con cui ultimamente le aziende si
            cimentano, grazie ad EULA che spogliano l'utente
            di qualsiasi
            diritto.in ogni caso, una EULA non può violare le leggi in vigore di uno stato.un esempio su tutti.. la garanzia iphone di 1 anno, mentre la normativa europea prevede un obbligo di due anni di garanzia senza alcuna eccezione per gli utenti privati. e a mio parere sono pochi.apple può dire e fare quello che vuole, ma non ridurre arbitrariamente il diritto di garanzia. ci ha provato, ma l'ha presa "nei denti". stessa cosa è capitata per la rivendita del SW usato, bruxelles ha stabilito che il diritto di rivendita non si esaurisce con il primo acquirente (altrimenti, per assurdo, il negoziante informatico che compra il software non potrebbe rivenderlo..) e che un utente ha diritto di rivendere il software legalmente acquistato a patto che ne distrugga ogni copia in suo possesso.Ci provano, a spogliarti dei tuoi diritti, con queste EULA. ma è nel termine stesso, "diritti" che c'è la tua rivincita. si chiamano "diritti" perche ti vengono garantiti dalla legge e che nessuno può violare. altrimenti si chiamerebbero "concessioni". ma (mi ripeto, lo so, ma la ritengo una cosa importante) una concessione di licenza non può privarti dei tuoi diritti che ti vengono garantiti dalla legge.quindi una clausola di licenza che ti priva di un diritto (come -altro esempio- la licenza office 2013 che ti impedisce di trasferire ad altro pc la licenza, anche RETAIL) può essere tranquillamente ignorata e se la controparte pretende il rispetto di quelle clausole, puoi intervenire a norma di legge, e un tribunale dovrà darti ragione.
          • van derkul scrive:
            Re: proprietà
            - Scritto da: nushuth
            in ogni caso, una EULA non può violare le leggi
            in vigore di uno
            stato.
            un esempio su tutti.. la garanzia iphone di 1
            anno, mentre la normativa europea prevede un
            obbligo di due anni di garanzia senza alcuna
            eccezione per gli utenti privati. e a mio parere
            sono
            pochi.

            apple può dire e fare quello che vuole, ma non
            ridurre arbitrariamente il diritto di garanzia.
            ci ha provato, ma l'ha presa "nei denti".La garanzia non e' ne software, ne hardware, quel che dici sopra non trova applicazione nella discussione, quindi non commento.
            stessa cosa è capitata per la rivendita del SW
            usato, bruxelles ha stabilito che il diritto di
            rivendita non si esaurisce con il primo
            acquirente (altrimenti, per assurdo, il
            negoziante informatico che compra il software non
            potrebbe rivenderlo..) e che un utente ha diritto
            di rivendere il software legalmente acquistato a
            patto che ne distrugga ogni copia in suo
            possesso.Infatti non rivendi il software, ma rivendi il contenitore del software stesso, ovvero il CD/DVD/Chiavetta che tu hai regolarmente acquistato e ne sei divenuto proprietario, DEL CD/DVD/CHIAVETTA non del software in essa contenuto per il quale ricevi invece il diritto di usufrutto associato ad una licenza di utilizzo e regolato da una serie di norme contrattuali citate appunto nella EULA o Accordo tra le parti secondo la legislazione italiana.Per questo e' possibile la cessione, in quanto tu cedi il dico e la relativa licenza d'uso, che il nuovo acquirente riceve ed e' tenuto a rispettare. Acquistandola accetta di rispettare la EULA/Accordo.

            Ci provano, a spogliarti dei tuoi diritti, con
            queste EULA. ma è nel termine stesso, "diritti"
            che c'è la tua rivincita. si chiamano "diritti"
            perche ti vengono garantiti dalla legge e che
            nessuno può violare. altrimenti si chiamerebbero
            "concessioni". ma (mi ripeto, lo so, ma la
            ritengo una cosa importante) una concessione di
            licenza non può privarti dei tuoi diritti che ti
            vengono garantiti dalla
            legge.

            quindi una clausola di licenza che ti priva di un
            diritto (come -altro esempio- la licenza office
            2013 che ti impedisce di trasferire ad altro pc
            la licenza, anche RETAIL) può essere
            tranquillamente ignorata e se la controparte
            pretende il rispetto di quelle clausole, puoi
            intervenire a norma di legge, e un tribunale
            dovrà darti
            ragione.Microsoft NON ti vieta di rivendere il CD/DVD, fai pure con comodo, ma la licenza e' vietato rivenderla, pertanto la tua proprieta' (CD/DVD) non viene affatto limitata, sei sempre in possesso del tuo CD/DVD ma non della licenza d'uso del contenuto del CD/DVD che non puoi cedere.Fai causa a Microsoft a riferisci al giudice che le due parti non sono scindibili, ovvero non puoi rivendere il disco senza rivendere il software, magari sentenzia che anche la licenza, per via del software ceduto insieme al supporto che lo contiene, sono inscindibili e pertanto anche la licenza lo diventa... dubito fortemente che si riesca ad ottenere una sentenza del genere, ma tentar non nuoce, quindi buona fortuna...@Izio01: Se FIAT mi blocca i freni e io mi schianto sul muro e' responsabile per negligenza, tranquillo. diverso e' se FIAT si accorge del tuning e mi blocca il motore dell'auto e non mi permette di ripartire. Io non ho perso la proprieta' dell'auto, ho solo perso il diritto a farla funzionare con quel specifico firmware installato. Riscrivi la EEPROM del chip con un firmware tutto tuo e tranquillo che FIAT non ti denuncia ma si solleva da tutte le responsabilita derivanti da eventuali incidenti che possano accadere in seguito alla tua modifica...
          • Izio01 scrive:
            Re: proprietà
            - Scritto da: van derkul

            @Izio01: Se FIAT mi blocca i freni e io mi
            schianto sul muro e' responsabile per negligenza,
            tranquillo. diverso e' se FIAT si accorge del
            tuning e mi blocca il motore dell'auto e non mi
            permette di ripartire. Io non ho perso la
            proprieta' dell'auto, ho solo perso il diritto a
            farla funzionare con quel specifico firmware
            installato. Riscrivi la EEPROM del chip con un
            firmware tutto tuo e tranquillo che FIAT non ti
            denuncia ma si solleva da tutte le responsabilita
            derivanti da eventuali incidenti che possano
            accadere in seguito alla tua
            modifica...Fortunatamente non è come dici tu, la macchina me la può ceppare solo la polizia. Fiat non ne è responsabile, ma nemmeno può permettersi di toccare la mia proprietà.Non capisco i sostenitori delle EULA truffaldine. Non sto sostenendo la pirateria, sto solo dicendo che per il software dovrebbero valere secondo me i principi che valgono per i libri, prodotti d'ingegno analoghi. Un libro non sono libero di fotocopiarlo e regalarlo a mezzo mondo, ma se voglio vendere o regalare o prestare la mia copia, posso tranquillamente farlo. Anzi, proprio dal tentativo di controllare questo utilizzo post-vendita, in USA è nata la first sale doctrine.Le EULA odierne secondo me dovrebbero essere dichiarate illegali, in quanto limitano arbitrariamente i miei diritti, sono contratti che leggo DOPO aver sganciato i soldi e soprattutto se non le accetto, non posso usare il software che ho pagato ma non mi ridanno indietro i soldi.L'Unione Europea ha sentenziato che chi è titolare di licenza possa rivenderla ed è un primo passo importante nella direzione di un bilancio dei diritti che ad oggi non esiste. Io spero solo che si proceda in questa direzione, proprio per tutelare gli acquirenti paganti, che oggi, per quanto riguarda il software, sono in balia dei capricci delle software house, senza alcuna tutela legale.
Chiudi i commenti