Hondo, l'idea AMD per le tavolette Windows 8

Sunnyvale presenta una nuova APU destinata a competere con Clover Trail. Punti a favore: autonomia e prestazioni grafiche. Ma Intel ha un vantaggio di qualche mese col suo Atom

Roma – Si estende l’offerta di sistemi x86 per tablet destinati (principalmente) a far girare Windows 8: dopo l’Atom Clover Trail di Intel, ora anche AMD presenta ufficialmente la sua nuova APU “Hondo”. Il chip x86 è un dual-core che comprende una componente CPU e una GPU, ma lascia fuori tutto il resto e non può quindi essere classificato come una soluzione SoC (system-on-a-chip) completa.

Hondo, o meglio l’APU Z-60 di AMD, è una CPU con 1GHz di clock e una componente grafica di classe Radeon (serie 6000) dotata di 80 singoli core computazionali. AMD comunica che la nuova unità APU ha un TDP di 4,5 Watt, offre una eccellente qualità di immagine (Full HD) nei video e permette alla batteria di durare circa 8 ore con carichi di utilizzo standard (navigazione web e altro).

Accompagnata al lancio con un curioso video-parodia in perfetto stile a stelle e strisce, Z-60 va a scontrarsi direttamente con la CPU Atom Z2760 di Intel che è già stata integrata nei tablet x86 dei vari produttori OEM in via di uscita nei prossimi mesi e nelle prossime settimane.

Hondo arriva tardi sul potenzialmente interessante mercato dei tablet x86, e purtroppo per Sunnyvale non è l’unico problema che la nuova APU mobile dovrà affrontare: i consumi energetici sono superiori rispetto a Clover Trail (4,5W contro 1,7W), e gli OEM dovranno integrare un nuovo chip sulla motherboard per gestire la logica di gestione dei canali dati a basse prestazioni (USB, SATA). I tablet Hondo non saranno pronti per la commercializzazione prima del 2013, dice AMD.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    ...
    I pedofili filippini ringraziano.
  • Leguleio scrive:
    Però...
    Avesse anche l'Italia una Corte Costituzionale che può sospendere una legge appena approvata. Sospendere e basta, in effetti, perché quello emesso è solo un parere consultivo, non è una sentenza vincolante.
    • Carletto scrive:
      Re: Però...
      Forse in questo caso e' meglio il sistema italiano. Il Parlamento sovrano vara una legge che deve essere vidimata successivamente dal Presidente della Repubblica, il quale, prima di firmarla controlla la costituzionalita' della stessa.I controlli preliminari mi sembrano sufficienti.
      • Thepassenge r scrive:
        Re: Però...
        - Scritto da: Carletto
        Forse in questo caso e' meglio il sistema
        italiano. Il Parlamento sovrano vara una legge
        che deve essere vidimata successivamente dal
        Presidente della Repubblica, il quale, prima di
        firmarla controlla la costituzionalita' della
        stessa.
        I controlli preliminari mi sembrano sufficienti.come quella che ha firmato al nano giudicata poi successivamente incostituzionale? meglio il sistema filippino siccome il nostro caro vecchio presidente è solo un burattino alla mercè della politica più bacera.
        • Carletto scrive:
          Re: Però...
          - Scritto da: Thepassenge r
          come quella che ha firmato al nano giudicata poi
          successivamente incostituzionale? meglio il
          sistema filippino siccome il nostro caro vecchio
          presidente è solo un burattino alla mercè della
          politica più
          bacera.Non dimenticare che quel "burattino" è riuscito a mandare via il "nano". Dovresti mostrare un pò più di rispetto.
    • becker scrive:
      Re: Però...
      - Scritto da: Leguleio
      Avesse anche l'Italia una Corte Costituzionale
      che può sospendere una legge appena approvata.
      Sospendere e basta, in effetti, perché quello
      emesso è solo un parere consultivo, non è una
      sentenza
      vincolante.però credo che questa sospensione avrà un influenza nell'iter della legge. Quanti politici sono disposti ora ad appogiare qualcosa di incostituzionale rischiando di apparire impopolari e perdere voti..
Chiudi i commenti