Hotmail, capodanno di passione

Email sparite, poi ricomparse. Mancano all'appello 72 ore di missive. Microsoft minimizza e promette: torneranno tutte, come hanno fatto le altre. Basta segnalare il problema
Email sparite, poi ricomparse. Mancano all'appello 72 ore di missive. Microsoft minimizza e promette: torneranno tutte, come hanno fatto le altre. Basta segnalare il problema

Le prime notizie consistenti hanno iniziato a circolare a cavallo del cambio di anno, anche se qualcuno fa risalire l’origine del problema addirittura allo scorso novembre: il 1 gennaio 2011 alcuni utenti Hotmail, che fornisce servizi di posta elettronica a oltre 350 milioni di utenti , hanno avuto la sgradita sorpresa di aprire la propria casella e trovarla vuota . Alcuni hanno semplicemente trovato nel cestino l’intero archivio, altri sono stati accolti da uno spazio bianco identico a quello riservato ai neo-iscritti al servizio.

“Benvenuto su Hotmail”: ecco l’unico oggetto dell’unica email che campeggiava nella casella . Un messaggio inviato in automatico all’attivazione di un nuovo account, o alla sua riattivazione dopo una prolungata inattività durata 210 giorni. Una condizione chiaramente specificata nelle condizioni d’uso, ma che poco o nulla ha a che vedere con parecchi degli sfortunati protagonisti della vicenda: clienti affezionati, che da anni utilizzano regolarmente il proprio indirizzo Hotmail come il proprio indirizzo principale , e che hanno visto sparire sotto i loro occhi e senza preavviso tutto il loro archivio.

Non è chiaro quanto sia stato vasto l’inconveniente: non pare essere possibile circoscrivere geograficamente il disservizio, e intere sottoclassi del servizio (come il Live@edu , ovvero le caselle per i college USA) sono rimaste apparentemente indenni dal problema. BigM, in ogni caso, ha negato ufficialmente che si trattasse di un grave e diffuso malfunzionamento, suggerendo invece fosse limitato a una ristretta cerchia di utenti che l’hanno segnalato e con i quali è stato affrontato.

Il problema, montato gradualmente nel weekend, pare essere stato risolto nel pomeriggio di ieri (la mattinata USA): Microsoft ha fatto sapere di aver individuato e risolto il problema ( senza specificare le cause ), anche se ha ammesso che potrebbero mancare all’appello le email ricevute nelle ultime 24-72 ore per gli account interessati. Anche questo un problema risolvibile, assicurano da Redmond, affrontabile caso per caso segnalando i disservizi sull’apposito forum di assistenza. Forum tra l’altro già inondato da centinaia di richieste di aiuto.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 01 2011
Link copiato negli appunti