HP abbraccia Opteron e Xeon64

Confermata l'introduzione di una linea di server HP basati sulle CPU a 64 bit di AMD, a cui presto se ne affiancherà una seconda basata sugli imminenti Xeon a 64 bit di Intel
Confermata l'introduzione di una linea di server HP basati sulle CPU a 64 bit di AMD, a cui presto se ne affiancherà una seconda basata sugli imminenti Xeon a 64 bit di Intel


Milano – Nonostante la stretta partnership che la lega ad Intel , azienda con cui ha collaborato allo sviluppo dell’architettura di Itanium, HP è stata fra le prime ad adottare le CPU Athlon 64 di AMD ed ora è fra i primi colossi del settore a lanciare una linea di server basata sui processori Opteron.

Seguendo una strada già annunciata da altre sue dirette rivali, quali IBM , HP ha intenzione di offrire server basati su entrambe le piattaforme x86 a 64 bit rivali, quella AMD64 di AMD e quella IA-32e di Intel, questo fermo restando il proprio impegno a spingere, sul mercato hi-end, i sistemi basati su Itanium.

“Il processore AMD Opteron rappresenta l?evoluzione delle attuali architetture x86 ed è in grado di offrire vantaggi immediati a livello di performance negli ambienti a 32 bit, accelerare l’adozione da parte degli ISV e far progredire ulteriormente il futuro degli ecosistemi a 64 bit”, ha dichiarato Rudi Schmickl, vice president e general manager dell’Enterprise Storage and Servers di HP EMEA.

HP ha adottato gli Opteron all’interno della propria linea di server ProLiant, la stessa in cui è pronta ad introdurre, non appena Intel renderà disponibili le nuove CPU, computer equipaggiati con gli Xeon a 64 bit. L’azienda afferma che i server con CPU x86 a 64 bit offrono “un rapporto prezzo/prestazioni ottimale”, soprattutto in ambiti applicativi quali il calcolo tecnico ad alte prestazioni, la pubblica amministrazione e i servizi finanziari.

“I sistemi HP Integrity basati su Itanium – ci tiene però a precisare HP – offrono livelli ineguagliabili di affidabilità, scalabilità e performance ai clienti che necessitano di un ambiente a 64 bit robusto”.

Tra i nuovi modelli di server ProLiant basati su Opteron vi sono il DL145, un server a due processori, e il DL585, un’unità a quattro processori. HP ha espresso l’intenzione di utilizzare Opteron anche su alcuni modelli di server blade.

Fra i primi clienti delle macchine di HP con Opteron vi sono Yahoo! e il Pittsburgh Supercomputing Center, il quale utilizzerà i ProLiant per creare nuovi cluster di server.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 02 2004
Link copiato negli appunti