HP e Nokia per i total services

Infrastrutture unite per ridurre i costi di service provider e operatori mobili


Roma – Un accordo è stato raggiunto da Hewlett-Packard e Nokia per l’integrazione di infrastrutture, software e consulenze al fine di ampliare le offerte per service provider e operatori mobili riducendone al contempo i costi.

“Sviluppata su Nokia NetAct Framework, un sistema centralizzato per la gestione delle telecomunicazioni mobili, e su HP Integrated Service Management (ISM), basato sulla suite di prodotti HP OpenView – si legge in una nota – la nuova soluzione consente di monitorare, controllare e redigere report sullo stato dei servizi e delle infrastrutture. E’ possibile mantenere il controllo a tutti i livelli: rete, sistemi, applicazioni, servizi e Internet; inoltre, possono essere sviluppati indicatori dei livelli di servizio personalizzabili in base alle esigenze di ciascun operatore”.

Uno degli obiettivi della struttura è quella di fornire il giusto supporto per la transizione delle reti mobili sulla telefonia di terza generazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Buonaccorsi?
    Sono uno studente di ingegneria informatica a Siena al primo anno. Il prof Buonaccorsi mi ha fatto l'esame di Ecomonia ( un buon 25 :D) e già si vedeva che era un prof in gamba.. ma ora che leggo che si interessa anche di open source.. beh.. le dico che è un grande :DCiauZzZ
  • Anonimo scrive:
    non dimenticate freenet, amici!!!!!
    anche lui è un progetto opensource!!!!!!
Chiudi i commenti