HP porta gli amici in palmo di mano

Pensata per gli smartphone, l'applicazione analizza il traffico di comunicazioni scegliendo gli utenti più connessi tra di loro. Ancora in fase di test, dovrebbe essere disponibile a settembre

Roma – L’ultima evoluzione subita dalle applicazioni social basate sul web sembra aver virato nettamente verso il settore delle applicazioni che fanno della geolocalizzazione e della continua interazione con i propri contatti il loro punto fermo. Ultima azienda a salire sul treno dell’innovazione è HP, che ha di recente svelato un progetto volto alla realizzazione di un’applicazione per smartphone che sembra promettere bene.

L’applicazione, chiamata Friendlee , analizza il traffico di chiamate e messaggi rivolte ai contatti presenti in rubrica e ricostruisce un fido mosaico delle relazioni evidenziando le persone con cui ci si tiene in contatto con maggior frequenza. Questi nomi verranno visualizzati in cima alla lista dei propri contatti, garantendo così una maggiore semplicità ed immediatezza nel comunicare, evitando all’utente di andare a cercare ogni volta l’utente desiderato in rubrica.

Da questo punto di vista, Friendlee ricorda in qualche modo ciò che Nokia ha introdotto sul suo Tube, meglio conosciuto come 5800 XpressMusic, che permette di visualizzare in homepage i contatti preferiti. Ma l’applicazione sviluppata da HP non è solo questo: Friendlee permette anche di visualizzare altre informazioni sui contatti, come ad esempio l’ora locale e le condizioni meteo, senza dimenticare (quando permesso) la posizione geografica degli stessi. Interessante ma potenzialmente invasiva è un’altra funzionalità dell’applicazione, che permette di sapere se il terminale del contatto visualizzato è spento o acceso o addirittura in modalità silenziosa.

Curiosa, inoltre, l’introduzione di un sistema di raccomandazioni, che possono essere girate tra gli utenti e che comprendono sia persone che attività. Com’è ormai consuetudine per il buon nome della privacy, tutte le informazioni sensibili, come ad esempio quelle sulla locazione geografica sono condivisibili con i propri contatti solo su espressa richiesta: diversamente, si potrà disattivare la funzione o scegliere quali contatti potranno visualizzare questo tipo di informazioni.

La selezione e l’aggiornamento della lista dei contatti preferiti è del tutto automatica e viene determinata dalla frequenza con cui si inviano e ricevono chiamate, nonché email ed SMS. Supponendo, ad esempio, che un imprevisto litigio allontani due persone solite sentirsi spesso, il sistema noterà immediatamente la diminuzione del traffico e farà scivolare verso l’oblio dei contatti meno frequenti il suo profilo personale.

Per costruire Friendlee, le menti dietro al progetto di HP hanno osservato a lungo il complicato intreccio di relazioni tra gli utenti. Stando a quanto emerso dagli studi fatti, nonostante si possa avere una rete di contatti molto vast, la maggior parte delle comunicazioni avvengono in un nucleo ristretto di utenti, che viene definito come intimate social network . “L’idea di una rete sociale basata sulla reciprocità dell’interazione è molto più significativa di una basata sulla lista di tutti i contatti” spiega Bernardo Huberman, direttore del laboratorio di ricerca di Palo Alto dell’azienda. “Per questo motivo – continua – Friendlee utilizza il sistema basato sul riconoscimento dei contatti più frequenti per ritagliare e plasmare il nucleo di utenti che più si tiene in contatto”.

Attualmente l’applicazione è ancora in fase di studio e i suoi creatori prevedono di dare un assaggio delle sue potenzialità durante la Mobile HCI Conference che si terrà a settembre a Bonn, in Germania. Per il momento, nonostante in fase di test sia stato ottimizzato su alcuni Blackberry, il software sembra essere compatibile con piattaforme Windows Mobile e Android, ma non è da escludere la possibilità che HP estenda la compatibilità dell’applicazione ad altri OS.

Vincenzo Gentile

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mak77 scrive:
    I politici conoscono la costituzione?
    Se un governo vara una legge anticostituzionale è segno che chi l'ha scritta non conosce la costituzione. Dovrebbe quindi essere licenziato e sostituito da persone maggiormente preparate.
    • THe_ZiPMaN scrive:
      Re: I politici conoscono la costituzione?
      - Scritto da: mak77
      Se un governo vara una legge anticostituzionale è
      segno che chi l'ha scritta non conosce la
      costituzione. Dovrebbe quindi essere licenziato e
      sostituito da persone maggiormente
      preparate.In Italia, nei casi in cui un politico faccia qualcosa contro la legge o contro la costituzione, cambiano la legge o la costituzione per assecondare il politico.
    • tuba scrive:
      Re: I politici conoscono la costituzione?
      il problema è che la maggior parte delle volte non è ignoranza, ma fraudolenza. la maggior parte dei nostri politici sono avvocati, la costituzione la conoscono. e sanno benissimo che stanno votando leggi schifezza.
      • B&G il ritorno scrive:
        Re: I politici conoscono la costituzione?
        - Scritto da: tuba
        il problema è che la maggior parte delle volte
        non è ignoranza, ma fraudolenza. la maggior parte
        dei nostri politici sono avvocati, la
        costituzione la conoscono. e sanno benissimo che
        stanno votando leggi
        schifezza.Certo che Grillo ti ha proprio fatto il lavaggio del cervello. Che schifo.
        • Wolf01 scrive:
          Re: I politici conoscono la costituzione?
          Non è questione di Grillo che fa il lavaggio del cervello (io infatti un po' lo schifo anche se a volte condivido le sue opinioni, ma certamente non i fatti)È questione che ci sono tanto di avvocati e esperti in materia legale che aiutano i nostri parlamentari a trovare le parole più contorte possibili per poter fare delle proposte di legge interpretabili in almeno 15 modi diversi e che permettano almeno una scappatoia, ma soprattutto e chiaramente c'è sempre sotto qualcosa che avvantaggi il politico che la propone, altrimenti che senso ha proporre una legge contro i propri interessi? O no?
        • kanna scrive:
          Re: I politici conoscono la costituzione?
          ma cosa c'entra grillo?non c'e` mica bisogno di un comico per vedere che tipo di leggi stanno facendo ultimamente, l'unico sforzo mentale che occore fare, al limite, e` capire quale potentato di turno l'ha ordinata .. ormai siamo alle leggi take-away :)
  • Ast scrive:
    Io vorrei sapere una cosa
    Sono 2 anni che si parla di questa legge..non ho ancora capito con quale metodo i controli verso gli utenti verrebbero effettuati, perchè non ne ha mai parlato NESSUNO..cioè l'HADOPI secondo il testo della legge, dovrebbe poter aver acXXXXX liberamente al tuo traffico (cosa che mi pare difficile) oppure si limitera' a raggranellare IP sul mulo ed altre piattaforme??Se qualcuno ferrato in materia mi può rispondere citando fonti CERTE mi farebbe un piacere visto che l'informazione al riguardo, a mio modo di vedere basilare, fra sensazionalismi e allarmismi è passata in secondo piano visto che nessuno ne parla .Grazie.
    • Wolf01 scrive:
      Re: Io vorrei sapere una cosa
      Si parlava di filtri a livello di ISP, ma per il resto ne so quanto te
    • jack_Storn scrive:
      Re: Io vorrei sapere una cosa
      In poche parole:la legge francese, come il Pacchetto Telecom europeo, avrebbe costretto tutti gli ISP a registrare tutto il traffico di ogni singolo utente in modo tale che l'HADOPI avrebbe poi potuto consultarlo tranquillamente e verificare le infrazioni.Questo significa che non avrebbero potuto solamente controllare le connessioni a dove erano indirizzate, ma anche direttamente il contenuto delle connessioni (ad esempio le connesioni FTP o P2P).Verificato il contenuto, si sarebbe potuto facilmente verificare l'infrazione o meno di una determinata legge.
  • Learts scrive:
    PWNED
    [img]http://www.motivatedphotos.com/?id=15711[/img]
  • lufo88 scrive:
    EVVAI!
    Al termine dei supplementari la giustizia finisce 4-3 con gol della costituzione all'altezza del dischetto!Alè!
  • Andreabont scrive:
    E' giusto così
    La pirateria è scorretta, ma non si può combatterla con qualcosa di ancora più scorretto...Che trovino altri modi più umani.
    • albertobs88 scrive:
      Re: E' giusto così
      - Scritto da: Andreabont
      La pirateria è scorretta, ma non si può
      combatterla con qualcosa di ancora più
      scorretto...

      Che trovino altri modi più umani.La soluzione c'è, ma non viene adottata.Si chiama: Pagare gli artisti in modo corretto e non fare la cresta sui prezzi, facendo pagare un prodotto dalle 5 alle 10 volte il suo effettivo valore.Vai tu a fargliela capire
  • deluxe scrive:
    era ovvio...
    dopo questa buffonata, chissà se cominceranno a pensare a una soluzione costituzionalmente compatibile e soprattutto che non sia esclusivamente repressiva.mi auguro che, alla luce di questa sentenza, anche il nostro legislatore, il quale ha mostrato simpatie per questo scempio giuridico, imbocchi una strada completamente diversa per regolamentare la materia.
    • quota scrive:
      Re: era ovvio...
      - Scritto da: deluxe
      dopo questa buffonata, chissà se cominceranno a
      pensare a una soluzione costituzionalmente
      compatibile e soprattutto che non sia
      esclusivamente
      repressiva.

      mi auguro che, alla luce di questa sentenza,
      anche il nostro legislatore, il quale ha mostrato
      simpatie per questo scempio giuridico, imbocchi
      una strada completamente diversa per
      regolamentare la
      materia.Non credo che in itaglia sia incostituzionale una legge del genere...Quindi passerà senza alcun problema...Abbi una buona navigazione
      • Ast scrive:
        Re: era ovvio...
        - Scritto da: quota
        - Scritto da: deluxe

        dopo questa buffonata, chissà se cominceranno a

        pensare a una soluzione costituzionalmente

        compatibile e soprattutto che non sia

        esclusivamente

        repressiva.



        mi auguro che, alla luce di questa sentenza,

        anche il nostro legislatore, il quale ha
        mostrato

        simpatie per questo scempio giuridico, imbocchi

        una strada completamente diversa per

        regolamentare la

        materia.

        Non credo che in itaglia sia incostituzionale una
        legge del
        genere...
        Quindi passerà senza alcun problema...
        Abbi una buona navigazioneBeh anche in italia vige la presunzione di innocenza e i poteri esecutivi sono in mano alla magistratura.Non vedo come potrebbe essere costituzionale qui.
        • Lallo scrive:
          Re: era ovvio...
          - Scritto da: Ast
          Beh anche in italia vige la presunzione di
          innocenza e i poteri esecutivi sono in mano alla
          magistratura.Non vedo come potrebbe essere
          costituzionale
          qui.Ehm... d'accordo con le linee generali del tuo discorso, ma il potere esecutivo è nelle mani del governo. Quello legislativo è del parlamento (anche se, a colpi di fiducia, il governo se lo sta prendendo per sè) e quello giudiziario è nelle mani della magistratura (e anche qui, il ns. governo sta cercando di prendersi questo potere con leggi che impediscono alla magistratura di fare compiutamente il proprio lavoro). Siamo quasi una democrazia...
      • algaso scrive:
        Re: era ovvio...
        - Scritto da: quota
        Non credo che in itaglia sia incostituzionale una
        legge del
        genere...
        Quindi passerà senza alcun problema...
        Abbi una buona navigazionehttp://www.quirinale.it/costituzione/costituzione.htm Art. 15. La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili. La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge . ...Quindi anche da noi niente hadopi e cazzabubboli simili
        • jack_Storn scrive:
          Re: era ovvio...
          Se passa il Pacchetto Telecom al Parlamento Europeo come era stato proposto (Rapporto Harbour e Rapporto Trautmann), allora l'Italia dovrà adottare una legge molto simile a quella francese.E fortuna che alle europee sono stati cacciati tutti quei gruppi che stavano cercando di aiutarci (Sinistra e Libertà, Rifondazione Comunista, Radicali, etc...)
  • Cipperi Merlo scrive:
    BWAHAHAHAHAHAH!!!
    Bwahahahahahahahah!!!!!!Sarkò, beccatelo dove non batte il sole!!!!!!!(rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D (rotfl) :D
  • Libertario scrive:
    In poche parole...
    ...Nessuno può ergersi al di sopra della legge, nessuno può scavalcare la magistratura nell'applicazione della legge, nessuno può essere privato dei propri diritti finché vale la presunzione d'innocenza.Garantismo FTW.Mostruosità giuridiche AL TAPPETO!!! :D
  • 3Jane Marie-France Tessier-Ashpool scrive:
    Evvai!
    Aleeeee! :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
Chiudi i commenti