HP sfida Lenovo in Cina

Il gigante americano non sta a guardare e tenta di rompere le uova nel paniere alla rivale che, con l'acquisizione dei PC IBM, è divenuta l'avversario number two
Il gigante americano non sta a guardare e tenta di rompere le uova nel paniere alla rivale che, con l'acquisizione dei PC IBM, è divenuta l'avversario number two


Roma – Non si è fatta attende la risposta di HP alla vendita della divisione PC di IBM ai cinesi della Lenovo : il colosso, secondo costruttore di personal computer al mondo, ha appena presentato sul mercato cinese un PC da 3999 yuan , circa 365 euro.

Due le necessità coperte con questa operazione. La prima è di spingere proprio adesso in un modo nuovo e per molti versi travolgente sul mercato più esplosivo del mondo. La seconda è dimostrare agli azionisti che la concorrenza cinese non fa paura e, anzi, può essere battuta persino sul proprio terreno.

Il nuovo PC “cinese” di HP fa parte della gamma Pavilion, è dotato di CPU AMD e di sistema operativo FreeDOS , versione open source e gratuita dell’MS-DOS che Dell ha già avuto modo di sperimentare con successo .

La si può girare in tutti i modi ma l’offerta HP rappresenta un attacco ad alzo zero contro Lenovo proprio perché è passato davvero poco tempo dalla presentazione della più recente gamma di computer low-cost di quest’ultima sul mercato cinese. Computer il cui prezzo è appunto di poco inferiore ai 4mila yuan.

L’appeal del marchio HP, accessibile ad un prezzo così ridotto, potrebbe spingere molti cinesi ad orientarsi sul personal a stelle e strisce. La mossa di HP inoltre anticipa quelle che potrebbero essere le prossime scelte di Dell , il maggiore dei costruttori di PC, che per il momento, fin dall’inizio delle negoziazioni Lenovo-IBM, ha fatto di tutto per evitare di rivelare il proprio orientamento. C’è un futuro cinese anche per Dell?

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 12 2004
Link copiato negli appunti