HP, tra Enyo e WebOS

Il sistema Hewlett-Packard verrà donato alla community entro settembre. Il codice sorgente del tool Enyo è già disponibile

Roma – Hewlett-Packard riaccende i riflettori su WebOS . Il codice sorgente dello sfortunato sistema operativo mobile, creato insieme a Palm, arriverà nelle mani della community entro i prossimi otto mesi. Il source code verrà rilasciato sotto licenza open source Apache 2.0, la stessa usata per Android.

HP continuerà a seguire lo sviluppo da lontano per fare in modo che il progetto iniziale non venga snaturato, e contribuirà attivamente al progetto continuando a tenere sotto la sua ala i vari brevetti. L’azienda ha comunque pianificato una roadmap per rilasciare singoli elementi, da qui a settembre, fino al completamento dell’opera.

Il codice in arrivo includerà un ritoccato motore WebKit per il browser web, capace di sostenere HTML5, Silverlight e Flash mediante l’uso di plug-in. Più avanti verrà pubblicato anche un nuovo kernel, sempre basato su Linux, che supporterà meglio il sistema operativo, e la libreria LevelDB andrà a sostituire l’attuale database WebOS.

Nel frattempo è già stato rilasciato il codice sorgente del framework javascript Enyo , inizialmente dedicato agli sviluppatori Touchpad. Il nuovo Enyo 2.0 aggiunge la possibilità cross-platform di creare applicazioni anche per dispositivi animati da Android e iOS, oltre alle webApp per il browser del computer.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • kurtz77 scrive:
    trovo interessanti...
    ...le reazioni dei cinesi alla lettura della notizia su un quotidiano cinese. Se la traduzione è stata fedele (e non ammorbidita dalla censura) è uno spaccato delle loro condizioni di vita medie e del modo di vedere le cose, davvero molto differente dagli occidentali anche in situazioni molto drammatiche come quelle di sfruttamento sul posto di lavoro:"Se si applicheranno più rigorosamente orari lavorativi standard 8-5, c'è da aspettarsi una riduzione delle paghe. [] Chi emigra dai campi dovrà tornare indietro ai villaggi senza speranza. I costi di produzione in Cina aumenteranno, danneggiandone il vantaggio competitivo - YeyeGem""Le condizioni di lavoro nelle fabbriche più piccole sono ancora peggiori - 自由泳来了""Quando c'è stata l'esplosione lavoravo per i media a Chengdu. I media locali furono zittiti, e si potevano usare solo il report ufficiale, perché (la fabbrica Foxconn) era un progetto chiave. A confronto di ciò che ha scritto il Times c'è un abisso, che mi riempie il cuore di tristezza - Chen Qiye""Apple è senza dubbio un vampiro. Ma se la boicotti, cosa mangeranno quei lavoratori? - Quasi-Economist""Se non compri Apple che alternative hai? Samsung? Non sapete che i prodotti Samsung vengono dal suo OEM in Tianjin? I lavoratori Samsung guadagnano ancora meno di quelli Foxconn. Se non compri un iPad compri un tablet Android? Siete mai stati nelle fabbriche degli OEM di Lenovo e Asus? Quanta, Compaq --- le fabbriche delle altre aziende sono ancora peggio di quelle di Apple. Primo, il loro [di Foxconn] margine è più alto perché producono per Apple. Secondo, almeno quei diavoli stranieri controllano periodicamente le fabbriche. Ai marchi locali non interessa se i lavoratori vivono o muoiono. Non parlo per Foxconn, ma da interno al settore vi racconto una verità fastidiosa - Anonimo."E il paradosso più grosso sta che, nonostante il palese "sfruttamento", almeno secondo il nostro metro di giudizio, molti di quei dipendenti erano probabilmente in fila a tirare uova e picchiare i commessi negli apple store per accaparrarsi un 4S al lancio. Il Nyt ha prodotto un gran bel pezzo di giornalismo (come nella tradizione americana) che stride col fanboysmo esasperato da una parte e dall'altra. Nessuno è innocente, purtroppo.
    • maccalo scrive:
      Re: trovo interessanti...
      Curioso. Quando si parla male di FoxConn, si dice che non produce solo per Apple (ed è vero). Adesso si viene a dire che gli altri marchi sono riforniti da altri costuttori (non FoxConn) e che FoxConn è la più virtuosa?E' sicuramente vero che i produttori cinesi possono sfruttare maggiormente la forza lavoro perché non subiscono le pressioni internazionali (tipo Huawei); allo stesso modo, molti cinesi preferiscono un lavoro in fabbrica a quelle condizioni che essere senza lavoro nelle campagne.Rimane il fatto che, con i ricarichi mostruosi che applica Apple, ci si potrebbe attendere retribuzioni e condizioni di lavoro decisamente migliori.
  • Anonimo scrive:
    Complimenti...
    per l'italiano:[quote]Soluzioni, d'altronde, ce ne sono: un'occasione, giusto per fare un esempio di come la globalizzazione potrebbe essere anche la risposta, è rappresentata dalla recente decisione del Brasile di concedere, dopo http://punto-informatico.it/cerca.aspx?s=foxconn+brasile&t=4" target="_blank"
    mesi di trattative, a Foxconn una serie di agevolazioni fiscali (riduzioni, esenzioni e sospensioni) tali da la produzione dei dispositivi elettronici da paesi come la Cina dove la normativa in materia di tutela dell'operaio è quanto meno incompleta[/quote]Tamburrino torna a scuola...
  • TheOriginalFanboy scrive:
    OOOH.. POVERINI
    neanche 150 morti.. no no no.. non va benequa in Italia in termin di morti bianche facciamo di meglio...ma il NYT ci è o ci fa? anche lui sfrutta Apple per vendere e sponsorizzare il, suo giornale..NYT .. sputi nel piatto in cui mangi!
    • Kert scrive:
      Re: OOOH.. POVERINI
      - Scritto da: TheOriginalFanboy
      neanche 150 morti.. no no no.. non va beneci è andata malenon eri tra quelli, peccato
    • hermanhesse quello Tost0 scrive:
      Re: OOOH.. POVERINI
      Secondo me sei un grosso... beh, lasciamo stare cosa sei.Ma lo sei, e anche grosso.
  • Hermann Hesse scrive:
    e prima?
    scusate, ma non è che prima questi lavoratori erano tutti felici e poi è arrivata Apple a maltrattarli. andate a leggervi quanti operai ha la Foxconn e quali aziende "serve" oltre ad Apple... poi prendete le aziende che sono rimaste fuori dalla lista, cercate da chi si servono, e verificate pure le condizioni di lavoro di questi altri
    • panda rossa scrive:
      Re: e prima?
      - Scritto da: Hermann Hesse
      scusate, ma non è che prima questi lavoratori
      erano tutti felici e poi è arrivata Apple a
      maltrattarli. andate a leggervi quanti operai ha
      la Foxconn e quali aziende "serve" oltre ad
      Apple... poi prendete le aziende che sono rimaste
      fuori dalla lista, cercate da chi si servono, e
      verificate pure le condizioni di lavoro di questi
      altriGLI ALTRI NON CI FANNO UNA CRESTA DEL 500% SUL SANGUE DI QUESTI POVERACCI!Prendi i pomodori.I pomodori li trovi al mercato al prezzo che li trovi perche' vengono raccolti da schiavi.Se fossero raccolti da operatori agricoli pagati come si dovrebbe e con tutte le garanzie del caso, costerebbero 10 volte tanto.Apple invece fa raccogliere comunque i pomodori dagli schiavi, ma li rivende come se fossero raccolti da dottori in agronomia.Adesso, io non pretendo che tu riesca a cogliere la differenza visto che sei un invasato applefan mononeurone, ma gli altri che leggono, mi aspetto che la colgano.
      • aphex twin scrive:
        Re: e prima?
        - Scritto da: panda rossa
        GLI ALTRI NON CI FANNO UNA CRESTA DEL 500% SUL
        SANGUE DI QUESTI
        POVERACCI!Ancora con questa idiozia del ricarico ? Cresta del 50% o 500%, spiegaci come migliora o peggiora la vita di questi poveracci.Però poi te ne sbatti se per sabbiare i TUOI jeans sono morti 2 bambini, per di più con la scusa che sono giustificati perché TU li ritieni utili.
        • panda rossa scrive:
          Re: e prima?
          - Scritto da: aphex twin
          - Scritto da: panda rossa

          GLI ALTRI NON CI FANNO UNA CRESTA DEL 500%
          SUL

          SANGUE DI QUESTI

          POVERACCI!

          Ancora con questa idiozia del ricarico ? Cresta
          del 50% o 500%, spiegaci come migliora o peggiora
          la vita di questi
          poveracci.La vita di questi poveracci non migliora ne' peggiora in ogni caso.La cosa schifosa e' il comportamento di chi si arricchisce sul sangue di questa gente, invece di ridistribuire il loro sacrificio a tutti.
          Però poi te ne sbatti se per sabbiare i TUOI
          jeans sono morti 2 bambini, per di più con la
          scusa che sono giustificati perché TU li ritieni
          utili.Sicuramente il tuo mac sabbiato e' totalmente inutile, quindi dovresti essere tu il primo a vergognarti di usare qualcosa per cui la gente e' morta per niente.
          • aphex twin scrive:
            Re: e prima?
            - Scritto da: panda rossa
            La vita di questi poveracci non migliora ne'
            peggiora in ogni
            caso.Quindi i ricarichi non c'entrano nulla con la vita degli operai.
            La cosa schifosa e' il comportamento di chi si
            arricchisce sul sangue di questa gente, invece di
            ridistribuire il loro sacrificio a
            tutti.
            Il comunismo è finito da un pezzo, se vuoi c'è ancora Cuba e Corea del Nord.Li gli operai stanno tutti bene.
            Sicuramente il tuo mac sabbiato e' totalmente
            inutile, Tanto inutile quanto i tuoi jeans sabbiati dai bimbi africani.
            quindi dovresti essere tu il primo a
            vergognarti di usare qualcosa per cui la gente e'
            morta per
            niente.Ed infatti quando vedo certe immagini mi vien da piangere. Tu, invece ? Con i tuoi bei jeans sabbiati da fricchettone non ti vergogni ?E' accettabile un bimbo che muore per sabbiare i TUOI jeans ma non un'operaio che lavora ANCHE per Apple ?
          • panda rossa scrive:
            Re: e prima?
            - Scritto da: aphex twin
            - Scritto da: panda rossa

            La vita di questi poveracci non migliora ne'

            peggiora in ogni

            caso.

            Quindi i ricarichi non c'entrano nulla con la
            vita degli operai.C'entrano nel momento in cui non sono finalizzati alla ridistribuzione della ricchezza, ma solo all'arricchimento.

            La cosa schifosa e' il comportamento di chi
            si

            arricchisce sul sangue di questa gente,
            invece
            di

            ridistribuire il loro sacrificio a

            tutti.



            Il comunismo è finito da un pezzo, se vuoi c'è
            ancora Cuba e Corea del Nord.Accomodati.Io non parlo di comunismo, io parlo di liberta'.
            Li gli operai stanno tutti bene.No, li stanno tutti male, a parte il gran capo.

            Sicuramente il tuo mac sabbiato e' totalmente

            inutile,

            Tanto inutile quanto i tuoi jeans sabbiati dai
            bimbi africani.Almeno di jeans non sabbiati se ne trovano.Ma di mac non sabbiati no.Io posso scegliere se rifornirmi di qualcosa che non costringe gli operai a lavorare in condizioni disumane, tu invece non hai scelta.

            quindi dovresti essere tu il primo a

            vergognarti di usare qualcosa per cui la
            gente
            e'

            morta per

            niente.

            Ed infatti quando vedo certe immagini mi vien da
            piangere. Tu, invece ? Con i tuoi bei jeans
            sabbiati da fricchettone non ti vergogni ?Manco li ho i jeans, ne' sabbiati ne' non sabbiati.Come la mettiamo?
            E' accettabile un bimbo che muore per sabbiare i
            TUOI jeans ma non un'operaio che lavora ANCHE per
            Apple ?Si vede che non conosci la foxconn: gli operai che assemblano iGiocattoli lavorano SOLO per apple (e sono quelli che muoiono, si suicidano o gli scoppiano le batterie in faccia).
        • maccalo scrive:
          Re: e prima?
          Guadagnare sulla pelle di operai (o braccianti, è uguale) è sempre male. Ma tra il farlo perché il prezzo di mercato del bene prodotto è minimo, e farlo per guadagnare 400 Euro a pezzo, anziché 300, c'è una grossa differenza.Qui c'è un azienda che si vanta di far enormi guadagni, che le consentono di fare enormi campagne marketing, di accaparrare soldi sul mercato azionario; e questi ricavi sono stati fatti in questo modo! Se ci sono aziende che possono permettersi di migliorare le condizioni di lavoro dei propri operai e terzisti, sono quelle che stanno bene.
  • Claudio scrive:
    La Sabbiatura dei Jeans
    Avete presente quei bei jeans molto soffici, che sembrano quasi di seta? In Costa D'Avorio, sfruttano ragazzi e bambini ad effettuare quello che viene chiamato "ProXXXXX di Sabbiatura". esso consiste nello sparare sabbia tritata, tanto da renderla leggera come la farina, ad alta velocità sopra i Jeans. questo proXXXXX lì rende più morbidi, di contro questa sabbia molto sottile viene ispirata da questi bambini che nel giro di qualche anno muoiono. Le Aziende che praticano la Sabbiatura sono Diesel, Lee, Armani Jeans, Levis, Roy Rogers e altre che ora non mi vengono in mente.Come la Apple sono tante le aziende che praticano direttamente o indirettamente queste atrocità umane. Io ne tengo sempre conto, prima di f are un acquisto.
    • panda rossa scrive:
      Re: La Sabbiatura dei Jeans
      - Scritto da: Claudio
      Avete presente quei bei jeans molto soffici, che
      sembrano quasi di seta? In Costa D'Avorio,
      sfruttano ragazzi e bambini ad effettuare quello
      che viene chiamato "ProXXXXX di Sabbiatura". esso
      consiste nello sparare sabbia tritata, tanto da
      renderla leggera come la farina, ad alta velocità
      sopra i Jeans. questo proXXXXX lì rende più
      morbidi, di contro questa sabbia molto sottile
      viene ispirata da questi bambini che nel giro di
      qualche anno muoiono. Le Aziende che praticano la
      Sabbiatura sono Diesel, Lee, Armani Jeans, Levis,
      Roy Rogers e altre che ora non mi vengono in
      mente.
      Come la Apple sono tante le aziende che praticano
      direttamente o indirettamente queste atrocità
      umane. Io ne tengo sempre conto, prima di f are
      un
      acquisto.Si, ma tieni presente che la sabbiatura sui jeans ha la sua ragione d'essere, perche' rende il prodotto meglio fruibile.La sabbiatura sul case del computer e' una ridicolaggine per fricchettoni quali sono gli invasati apple.
      • claudio scrive:
        Re: La Sabbiatura dei Jeans
        non è che se una cosa è utile allora è giustificabile l'ato rischio dei lavoratori, mentre se non è utile allora non è giustificabile. Ed in ogni caso la sabbiatura dei jeans li farà anche più morbidi e più comodi ma si rompono anche molto più facilmente. Mio padre ha ancora Jeans di 40 anni fa perfettamente integri, quelli sabbiati se arrivano a 2 anni sei fortunato
        • panda rossa scrive:
          Re: La Sabbiatura dei Jeans
          - Scritto da: claudio
          non è che se una cosa è utile allora è
          giustificabile l'ato rischio dei lavoratori,
          mentre se non è utile allora non è
          giustificabile.Quindi l'automobile che provoca migliaia di vittime ogni anno non deve essere piu' giustificabile, parimenti alle navi da crociera che ne provocano solo qualche decina quando va di sfiga?
          Ed in ogni caso la sabbiatura dei
          jeans li farà anche più morbidi e più comodi ma
          si rompono anche molto più facilmente. Dipende da come li usi.I miei non si rompono.
          Mio padre
          ha ancora Jeans di 40 anni fa perfettamente
          integri, quelli sabbiati se arrivano a 2 anni sei
          fortunatoTuo padre sono 40 anni che non cambia taglia? Quanto lo invidio.
          • aphex twin scrive:
            Re: La Sabbiatura dei Jeans
            - Scritto da: panda rossa
            Tuo padre sono 40 anni che non cambia taglia?
            Quanto lo
            invidio.Se, ogni tanto, uscissi dalla cantina e andassi a camminare un po' vedrai che starai meglio.
          • panda rossa scrive:
            Re: La Sabbiatura dei Jeans
            - Scritto da: aphex twin
            - Scritto da: panda rossa

            Tuo padre sono 40 anni che non cambia taglia?

            Quanto lo

            invidio.

            Se, ogni tanto, uscissi dalla cantina e andassi a
            camminare un po' vedrai che starai
            meglio.Io non ci vado mai in cantina: il server linux non richiede mica quotidiani riavvii. Ma tu che cosa vuoi saperne di server coi tuoi iGiocattoli?
          • aphex twin scrive:
            Re: Re: La Sabbiatura dei Jeans
            - Scritto da: panda rossa
            Io non ci vado mai in cantina: il server linux
            non richiede mica quotidiani riavvii. Ma tu che
            cosa vuoi saperne di server coi tuoi
            iGiocattoli?Oggi vai in giro a fare il fighetto con i tuoi jeans sabbiati ? Avrai la coscienza a posto visto che se ti sono utili a te, i bimbi africani possono bell'e che morire.Ma che bella persona !
      • Hermann Hesse scrive:
        Re: La Sabbiatura dei Jeans
        E' semplicemente ridicolo che tu riesca dire certe idiozie
        • panda rossa scrive:
          Re: La Sabbiatura dei Jeans
          - Scritto da: Hermann Hesse
          E' semplicemente ridicolo che tu riesca dire
          certe
          idiozieInvece la tua ricca e dettagliata controdeduzione e' estremamente apprezzabile.Dicci: a quale categoria appartieni tu, a quelli che comprano computer apple sabbiati, o a quelli che li vendono?
      • aphex twin scrive:
        Re: La Sabbiatura dei Jeans
        - Scritto da: panda rossa
        Si, ma tieni presente che la sabbiatura sui jeans
        ha la sua ragione d'essere, perche' rende il
        prodotto meglio
        fruibile.
        Malafede allo stato puro. Quale sarebbe l'utilità di avere un paio di jeans "belli morbidi" rispetto ad avere un case sabbiato ? Non sono fighetterie tutt'e due ? Un paio di jeans normali non vanno bene tanto quanto un case no sabbiato ?
        La sabbiatura sul case del computer e' una
        ridicolaggine per fricchettoni quali sono gli
        invasati
        apple.E poi sono gli utenti Apple gli invasati !? Ma ti leggi ?
        • panda rossa scrive:
          Re: La Sabbiatura dei Jeans
          - Scritto da: aphex twin
          - Scritto da: panda rossa

          Si, ma tieni presente che la sabbiatura sui
          jeans

          ha la sua ragione d'essere, perche' rende il

          prodotto meglio

          fruibile.



          Malafede allo stato puro.

          Quale sarebbe l'utilità di avere un paio di jeans
          "belli morbidi" rispetto ad avere un case
          sabbiato ?La risposta e' insita nella domanda: i jeans sono "belli morbidi", mentre il case sabbiato e' solo una fighetteria.
          Non sono fighetterie tutt'e due ? Un
          paio di jeans normali non vanno bene tanto quanto
          un case no sabbiato ?Fanboy cieco ed esaltato totalmente irrecuperabile.

          La sabbiatura sul case del computer e' una

          ridicolaggine per fricchettoni quali sono gli

          invasati

          apple.

          E poi sono gli utenti Apple gli invasati !? Ma ti
          leggi ?Lascia perdere: tienti pure il tuo case sabbiato.
          • aphex twin scrive:
            Re: La Sabbiatura dei Jeans
            - Scritto da: panda rossa
            La risposta e' insita nella domanda: i jeans sono
            "belli morbidi", mentre il case sabbiato e' solo
            una
            fighetteria.Grazie di aver dimostrato la tua malafede.
          • krane scrive:
            Re: La Sabbiatura dei Jeans
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: aphex twin

            - Scritto da: panda rossa


            Si, ma tieni presente che la


            sabbiatura sui jeans ha la sua


            ragione d'essere, perche' rende


            il prodotto meglio fruibile.

            Malafede allo stato puro.

            Quale sarebbe l'utilità di avere un

            paio di jeans "belli morbidi" rispetto

            ad avere un case sabbiato ?
            La risposta e' insita nella domanda: i jeans sono
            "belli morbidi", mentre il case sabbiato e' solo
            una fighetteria.Anche i jeans "belli morbidi" sono una fighetteria; forse ci stiamo dimenticando del problema ? La stessa cosa potrebbe tranquillamente fatta a macchina ma costano meno i bambini.E la stessa cosa per la benzina: la pelle araba al metro quadro costa meno della riconversione dei nostri motori.Stessa cosa per i diamanti, potremmo farli artificiali ma ci costa meno radiografare tutti i giorni i minatori.
    • krane scrive:
      Re: La Sabbiatura dei Jeans
      - Scritto da: Claudio
      Avete presente quei bei jeans molto soffici, che
      sembrano quasi di seta? In Costa D'Avorio,
      sfruttano ragazzi e bambini ad effettuare quello
      che viene chiamato "ProXXXXX di Sabbiatura". esso
      consiste nello sparare sabbia tritata, tanto da
      renderla leggera come la farina, ad alta velocità
      sopra i Jeans. questo proXXXXX lì rende più
      morbidi, di contro questa sabbia molto sottile
      viene ispirata da questi bambini che nel giro di
      qualche anno muoiono. Le Aziende che praticano la
      Sabbiatura sono Diesel, Lee, Armani Jeans, Levis,
      Roy Rogers e altre che ora non mi vengono in
      mente.
      Come la Apple sono tante le aziende che praticano
      direttamente o indirettamente queste atrocità
      umane. Io ne tengo sempre conto, prima di f are
      un acquisto.Ricordati che la benzina e' sangue...
  • attonito scrive:
    Adesso basta!
    continuare a spalare XXXXX su apple solo per aizzare la cagnara e i flame...
    • benkj scrive:
      Re: Adesso basta!
      - Scritto da: attonito
      continuare a spalare XXXXX su apple solo per
      aizzare la cagnara e i
      flame...Ma l'hai letto tutto l'articolo?
  • yuzz scrive:
    regole internazionali
    L'errore è lasciare che siano le aziende, affidandosi al loro buon cuore, a prendere una posizione in merito.La soluzione sono regole internazionali che imponga determinate certificazioni (come esistono sulla sicurezza dei dispositivi), ma sembra che economicamente questo non convenga
  • Giuseppe Spano scrive:
    NYT o Samsung?
    Questa 'avventura' nel lavoro asiatico, fatta dal NYT, nel momento clou dell'anno economico Apple, è una garn porcheria:quanti collaboratori ha il NYT in Asia sottopagati, mai a contratto.. e quanti ne ha nei paesi 'civili': collaboratori a zero spese?Smettiamola col gioco del lanciarer una bomba per meri fini di battaglia commerciale.Apple è un'azienda sana, dedita alla ricerca e con a libro paga un sacco di persone che con impegno e dedizione fanno in modo che noi possiamo avere tanti prodotti bellissimi ed utilissimi per il nostro lavoro ed il nostro svago: NYT e tutti quelli che scoprono una morale dietro le risultanze economiche di questo lavoro di squadra farebbero bene ad assumere qualche migliaio di laureati atesta prima di parlare. Grazie
    • waka_jawaka scrive:
      Re: NYT o Samsung?
      - Scritto da: Giuseppe Spano
      Questa 'avventura' nel lavoro asiatico, fatta dal
      NYT, nel momento clou dell'anno economico Apple,
      è una garn
      porcheria:
      quanti collaboratori ha il NYT in Asia
      sottopagati, mai a contratto.. e quanti ne ha nei
      paesi 'civili': collaboratori a zero
      spese?
      Smettiamola col gioco del lanciarer una bomba per
      meri fini di battaglia
      commerciale.
      Apple è un'azienda sana, dedita alla ricerca e
      con a libro paga un sacco di persone che con
      impegno e dedizione fanno in modo che noi
      possiamo avere tanti prodotti bellissimi ed
      utilissimi per il nostro lavoro ed il nostro
      svago: NYT e tutti quelli che scoprono una morale
      dietro le risultanze economiche di questo lavoro
      di squadra farebbero bene ad assumere qualche
      migliaio di laureati atesta prima di parlare.
      GrazieApple è un'azienda come le altre. Come tutte le altre se ne frega di etica, giustizia e compagnia bella. Come tutte le altre pone i propri profitti sopra tutto e tutti. Come tutte le altre campa vendendo a gente (noi) che se ne fregano, volenti o nolenti, dell'andazzo generale. Non è più "cattiva" né meno di tutte le altre.L'unica cosa per cui non è un'azienda come le altre sono gli utenti come te (che sembra siano tanti) che la venerano come fosse la XXXXXXX, pronte a giustificarne o negarne qualunque schifezza perché la XXXXXXX non può essere che buona e gentile.Ok, ti piacciono i prodotti che fa e ti ci trovi bene; più che legittimo.Non ti curi delle magagne che ci sono dietro: meno legittimo ma sei in vastissima compagnia, dato che nessuno di noi è senza peccato da questo punto di vista.Cerca di capire però, nel caso non te ne fossi accorto, che NON è la XXXXXXX.
      • ruppolo scrive:
        Re: NYT o Samsung?
        - Scritto da: waka_jawaka
        Apple è un'azienda come le altre.Sbagliato in pieno.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: NYT o Samsung?
          Dove eri finito? Noto che hai ripreso a postare a raffica.
        • panda rossa scrive:
          Re: NYT o Samsung?
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: waka_jawaka

          Apple è un'azienda come le altre.

          Sbagliato in pieno.Quale parte di "utenti come te che la venerano come se fosse la XXXXXXX" non ti e' chiara?
        • Ego scrive:
          Re: NYT o Samsung?
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: waka_jawaka

          Apple è un'azienda come le altre.

          Sbagliato in pieno.ti do ragione, nessuna azienda è marcia dal di dentro come apple e nessuna ha un esercito di idioti a difenderla come può invece vantare apple
          • aphex twin scrive:
            Re: NYT o Samsung?
            Piantala di schiumare che ti fa male. Tu che invece non sei un'idiota , non sei riuscito a giustificare quello che sostenevi ieri, ma forse mi sbagliavo......sul non essere idiota intendo.
        • Mela avvelenata scrive:
          Re: NYT o Samsung?
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: waka_jawaka

          Apple è un'azienda come le altre.

          Sbagliato in pieno.Infatti, per certi versi è anche molto peggio di tante altre!
        • hermanhesse quello Tost0 scrive:
          Re: NYT o Samsung?
          Hai ragione: non sono molte a vendere fuffa e fare quei ricavi.
  • gerry scrive:
    Fanwar in 3..2..1
    L'idea del NYT è che, facendo pressione sui suoi consumatori, la pressione di Cupertino potrà essere più decisa e forte nei confronti dei suoi fornitori, e spingere così a cambiare questi comportamenti, magari anche a fronte di costi o metodi di produzione diversi: se al prezzo di vendita di un iPad si aggiunge il costo della vita di quei lavoratori, è evidente che tutto il mercato diventa insostenibile.
    • Succhiolo scrive:
      Re: Fanwar in 3..2..1
      - Scritto da: gerry
      <i
      L'idea del NYT è che, facendo pressione sui
      suoi consumatori, la pressione di Cupertino potrà
      essere più decisa e forte nei confronti dei suoi
      fornitori, e spingere così a cambiare questi
      comportamenti, magari anche a fronte di costi o
      metodi di produzione diversi: se al prezzo di
      vendita di un iPad si aggiunge il costo della
      vita di quei lavoratori, è evidente che tutto il
      mercato diventa
      insostenibile. </i
      il consumatore se ne frega altamente. è un dato di fatto, mi sto limitando a constatarlo. htc, samsung, apple, sony, philips, lg, acer, e tutti gli altri NON C'E' DIFFERENZA.Davanti alla vetrinetta con l'ultimo costosissimo gadget tecnologico il cuore comincia a pompare, il braccio si muove verso il portafogli e con una strisciata di carta di credito o qualche firma per il finanziamento a tasso al limite dell'usura: VOILA'! Ecco che il gadget è pagato e le endorfine fanno effeto.Inutile fare i perbenisti ad oltranza.
      • Mela avvelenata scrive:
        Re: Fanwar in 3..2..1
        - Scritto da: Succhiolo
        - Scritto da: gerry

        <i
        L'idea del NYT è che, facendo
        pressione
        sui

        suoi consumatori, la pressione di Cupertino
        potrà

        essere più decisa e forte nei confronti dei
        suoi

        fornitori, e spingere così a cambiare questi

        comportamenti, magari anche a fronte di
        costi
        o

        metodi di produzione diversi: se al prezzo di

        vendita di un iPad si aggiunge il costo della

        vita di quei lavoratori, è evidente che
        tutto
        il

        mercato diventa

        insostenibile. </i


        il consumatore se ne frega altamente. è un dato
        di fatto, mi sto limitando a constatarlo.


        htc, samsung, apple, sony, philips, lg, acer, e
        tutti gli altri NON C'E'
        DIFFERENZA.

        Davanti alla vetrinetta con l'ultimo costosissimo
        gadget tecnologico il cuore comincia a pompare,
        il braccio si muove verso il portafogli e con una
        strisciata di carta di credito o qualche firma
        per il finanziamento a tasso al limite
        dell'usura: VOILA'!

        Ecco che il gadget è pagato e le endorfine fanno
        effeto.

        Inutile fare i perbenisti ad oltranza.Quotone! Al 99,99% degli acquirenti non gliene frega nulla di come viene prodotto un oggetto dei loro desideri, ed in fondo nemmeno a me...
  • mcmcmcmcmc scrive:
    Globalizzazione
    alla globalizzazione del mercato/commercio, è necessario affiancare la globalizzazione dei diritti e degli stipendi.L'attuale globalizzazione è un vantaggio solo per le ditte produttrici. I lavoratori che producono non hanno vantaggi. Chi compra non ha vantaggi e ci rimette due volte, pagando caro un oggetto prodotto a basso costo, e perdendo il posto di lavoro a causa della delocalizzazione o perdendo i diritti sul lavoro in nome della competitività.
    • nome e cognome scrive:
      Re: Globalizzazione

      L'attuale globalizzazione è un vantaggio solo per
      le ditte produttrici. I lavoratori che producono
      non hanno vantaggi. Chi compra non ha vantaggi eNon direi... se apple producesse i suoi gadget in una fabbrica di Cupertino il lavoratore cinese invece di prendere 22 euro per produrre telefoni in una fabbrica con aria condizionata, prenderebbe una ciotola di riso per tirare un aratro in un campo infestato dalla malaria.
      ci rimette due volte, pagando caro un oggettoAncora no, se apple non risparmiasse sulla manodopera il costosissimo iphone sarebbe ancora più costoso perché la finanza vuole una remunerazione del capitale investito sempre e comunque. e' ovvio che la via è tracciata, i nostri salari e i diritti si incontreranno con quelli cinesi in un punto intermedio: i nostri scenderanno i loro saliranno fino a quando il mondo sarà bilanciato.
      • mcmcmcmcmc scrive:
        Re: Globalizzazione
        - Scritto da: nome e cognome

        L'attuale globalizzazione è un vantaggio
        solo
        per


        le ditte produttrici. I lavoratori che
        producono

        non hanno vantaggi. Chi compra non ha
        vantaggi
        e

        Non direi... se apple producesse i suoi gadget in
        una fabbrica di Cupertino il lavoratore cinese
        invece di prendere 22 euro per produrre telefoni
        in una fabbrica con aria condizionata,
        prenderebbe una ciotola di riso per tirare un
        aratro in un campo infestato dalla malaria.o la cina produrrebbe "in proprio" come sta già facendo. Ma non venderebbe in proprio (non produci alle nostre condizioni? Allora non vendi).



        ci rimette due volte, pagando caro un oggetto

        Ancora no, se apple non risparmiasse sulla
        manodopera il costosissimo iphone sarebbe ancora
        più costoso perché la finanza vuole una
        remunerazione del capitale investito sempre e
        comunque.Basta abbassare i margini. Altrimenti il prodotto resta sullo scaffale. Ricordi la Olivetti?


        e' ovvio che la via è tracciata, i nostri salari
        e i diritti si incontreranno con quelli cinesi in
        un punto intermedio: i nostri scenderanno i loro
        saliranno fino a quando il mondo sarà
        bilanciato.Inizia tu ad abbassare le tue pretese e i tuoi diritti, che per i miei avrei intenzione di alzarli.
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Globalizzazione
      - Scritto da: mcmcmcmcmc
      alla globalizzazione del mercato/commercio, è
      necessario affiancare la globalizzazione dei
      diritti e degli
      stipendi.
      L'attuale globalizzazione è un vantaggio solo per
      le ditte produttrici. I lavoratori che producono
      non hanno vantaggi. Chi compra non ha vantaggi e
      ci rimette due volte, pagando caro un oggetto
      prodotto a basso costo, e perdendo il posto di
      lavoro a causa della delocalizzazione o perdendo
      i diritti sul lavoro in nome della
      competitività.Il WTO ci sta portando alla rovina, insieme ad Internet e alle nuove tecnologie.
Chiudi i commenti