Huawei, esclusa per potenziale spionaggio

Non potrà partecipare alla costruzione del network per le prime emergenze. Lo ha deciso il governo USA, che si giustifica parlando di preoccupazioni per la sicurezza nazionale

Roma – Huawei non potrà prendere parte alla realizzazione della rete di comunicazione cellulare USA per le prime emergenze: a prendere la decisione è stato il governo federale, che si giustifica parlando di potenziali “rischi” posti alla sicurezza derivanti dal semplice fatto che la società in oggetto è di origine cinese.

Huawei è una multinazionale fondata da un ex-militare cinese, che negli USA – a detta della stessa Huawei – mantiene 1.500 posti di lavoro e 6,1 miliardi di dollari di spesa su beni e servizi. Ma a quanto pare la cosa non è sufficiente a garantirle la partecipazione agli appalti per la costruzione del network per le emergenze.

La multinazionale “non prenderà parte alla costruzione del network wireless interoperabile di emergenza degli Stati Uniti”, ha spiegato il portavoce del Dipartimento del Commercio Kevin Griffis, “a causa delle preoccupazioni del governo statunitense in merito alla sicurezza nazionale”.

Huawei è una società cinese fondata da un ex-militare, suggerisce la linea di ragionamento del governo USA, dunque Huawei potrebbe benissimo decidere di spiare i cittadini e i business statunitensi infilando cimici e processori dotati di firmware opportunamente preparati.

A non essere d’accordo con la visione offerta dal Dipartimento del Commercio è ovviamente Huawei stessa, che per bocca dei suoi portavoce parla di accuse senza senso e minaccia di sloggiare dagli States: il comportamento del governo potrebbe avere “effetti scoraggianti su tutte le nostre attività di business nel paese”, dice l’azienda.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Vittorio Panachia scrive:
    Colorare le cartelle di windows
    Io sinceramente uso "Rainbow Folder" da moltissimo tempo ed è perfettamente compatibile su tutti i sistemi operativi Windows,sia 32 che 64bit, compreso Windows 7, Windows 8, Windows 8.1. le cartelle colorateda questo tool sono sempre visibili nel colore scelto anche se vengono visualizzate da CD masterizzati, penflash o trasportate su altri pc dove non è installato Rainbow Folder.Vittorio Panachia... Fidatevi non sono un ragazzino che giochicchia !!
  • Paolo scrive:
    Non funziona su windows 7
    Una volta installato il programma su Windows 7avviato il programma si visualizza il seguente messaggio:Folder Colorizer ha smesso di funzionarecerca la soluzione in rete e chiudi il programma
    • Giovanni Barbieri scrive:
      Re: Non funziona su windows 7
      Ciao Paolo!Come ho scritto anche nell'articolo ("In alcuni sistemi operativi, come Windows 7, potrebbe comparire un messaggio di errore subito dopo la fine dell'installazione. Non bisogna allarmarsi: lo strumento funzionerà comunque egregiamente."), si ha questo messaggio, ma il software funziona comunque, a tal punto che il video che vedi in fondo all'articolo è realizzato su piattaforma Windows 7.Buona lettura su Punto Informatico.Giovanni Barbieri
Chiudi i commenti