I bacarozzi cyborg sono telecomandati

Gli scarafaggi bionici tornano all'attacco: sono giganti, si controllano da remoto e possono accedere laddove l'uomo non può arrivare

Roma – I ricercatori della North Carolina State University lavorano ad una nuova interfaccia computer-scarafaggio, ennesima incarnazione di un sogno (o incubo, a seconda dei punti di vista) da tempo accarezzato dagli accademici ma soprattutto dai militari a stelle e strisce.


Il nuovo cyber-bacarozzo è stato equipaggiato con un sistema SoC (System-on-a-Chip) CC2530 realizzato da Texas Instruments, un’intera piattaforma di calcolo che ben si adatta alle dimensioni giganti (5-7 cm) dell’esemplare scelto per gli esperimenti ( Gromphadorhina portentosa ).

Oltre al processore l’equipaggiamento consta di una batteria e una connessione wireless, per un peso complessivo pari alla bellezza di 0,5 grammi. L’apparato digitale è connesso al corpo biologico dello scarafaggio attraverso due elettrodi collegati alle piccole antenne dell’insetto, mentre due ulteriori connessioni terminano negli organi sensoriali sui lati dell’esemplare.

Agendo via connessione remota e grazie alle opportune stimolazioni nervose trasmesse dagli elettrodi, i ricercatori sono stati in grado di controllare la direzione (destra-sinistra) seguita dall’insetto e il suo movimento in avanti. Neanche a dirlo, l’obiettivo del “bio-robot” è quello di servire da rete sensoriale per l’esplorazione di zone pericolose o inaccessibili all’intervento umano.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Chi sono gli squali?
    Ci sono gli squali di nome e ci sono gli squali di fatto, e sono presenti entrambi in questa storiaccia.
  • Fai il login o Registrati scrive:
    Ma che razza di business è?
    Qualcuno mi vuole spiegare da dove vengono i ricavi per Grooveshark? Come fanno a guadagnarci? Fanno ascoltare la musica gratis, è facilissimo scaricarla e quindi non se la compra nessuno... boh?Ciao
Chiudi i commenti