I brevetti? Cosa buona e giusta

Parte la campagna pro-direttiva sui brevetti del software dell'associazione industriale europea EICTA, che spera così di spingere l'Europarlamento ad approvare la contestatissima normativa


Roma – Hanno di rado preso la parola fuori dal Palazzo e nei tanti mesi in cui è nata e cresciuta la contestazione di mezza Europa verso la proposta di direttiva dei brevetti sul software non hanno saputo contrapporre un uguale schieramento d’opinione: ci provano ora, sono quelli della EICTA , l’associazione delle industrie europee, che intende appoggiare la direttiva sui brevetti .

EICTA ha ora lanciato una campagna ( qui in pdf l’annuncio) per sostenere la direttiva e spingere l’Europarlamento ad approvarla in via definitiva, quando sarà chiamato a votare probabilmente ai primi di luglio.

L’associazione ha realizzato un Manifesto che sostiene essere stato firmato da una 50ina di imprese piccole e medie di tutta Europa. Nel Manifesto si afferma che “i brevetti sono uno strumento vitale per aziende innovative: le società specializzate possono proteggere le loro invenzioni dallo sfruttamento da parte di competitor maggiori, che hanno più facilità di raggiungere il mercato di massa, proprio con i brevetti. Allo stesso tempo, la possibilità di dare in licenza le proprie tecnologie consente loro di ottenere un ritorno sugli investimenti, allo stesso tempo incoraggiando la condivisione delle proprie invenzioni”.

Secondo EICTA “ottenere dei capitali di investimento rappresenta uno dei più grossi ostacoli per le piccole imprese e i brevetti sono spesso un requisito essenziale per ottenere i fondi. Un sistema uniforme e stabile di brevettazione aiuterà ad incoraggiare investimenti in Ricerca e Sviluppo e di far crescere i loro business”.

A sostenere questa posizione è il sito collegato Patents4Innovation in cui si afferma che l’approvazione della direttiva è essenziale per due milioni di posti di lavoro nell’industria dell’alta tecnologia europea.

In una sezione del sito, intitolata “Smitizzazione”, si legge, tra le molte cose, che la direttiva non cambierebbe nulla alla produzione di software open source e si afferma come a sostenere la direttiva siano in tanti. EICTA infatti ricorda che all’associazione aderiscono 51 società multinazionali e, attraverso le organizzazioni commerciali locali nei singoli paesi, più di 10mila piccole imprese che impiegano nel complesso quei circa due milioni di persone il cui posto di lavoro sarebbe a rischio in caso di mancata approvazione della direttiva.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    LINUX is the best
    http://virginsuicides.no.sapo.pt/shit.jpg
  • Anonimo scrive:
    illuminante
    la filosofia GPL del bene e del male in poche righe:"Have any of the commenters here actually read what Danny has written? You are immediately following the Slashdot approach: Borland holds a patent one something OSS people wanna use, so Borland is evil. Without ever contacting Borland! All they did was find out that Borland holds a patent, and Borland hasn't said anything on the matter, it just holds the patent since 7 years.They just start publishing articles with Linux rocks and Borland is bad. Wake up, the system is bad, but if Borland hadn't patented it, someone else would have!"http://blogs.borland.com/dcc/archive/2005/05/12/4294.aspx#4302
  • Anonimo scrive:
    Loro però hanno usato WINE per Kylix!!!
    Bravi! Bravissimi! Complimenti!!!Bel riconoscimento che avete dato all'open source e agli strumenti che fino a un anno prima avete usato!Per chi non lo sapesse, Borland stessa ha fatto uso di WINE per la realizzazione di Kylix (il porting di Delphi per Linux) e ora che hanno abbandonato il progetto, sputano sul piatto dove hanno mangiato?Complimenti davvero!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Loro però hanno usato WINE per Kylix
      Hanno sempre detto di avere usato WINE e non "stanno sputando nel piatto". Semplicemente gli sviluppatori di WINE potrebbero chiedere prima di mettersi a piangere perché non gli regalano un po' di codice.Magari potrebbero comprarsi Kylix invece di usare GCC... :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Loro però hanno usato WINE per Kylix
        - Scritto da: Anonimo
        Hanno sempre detto di avere usato WINE e non
        "stanno sputando nel piatto". Semplicemente gli
        sviluppatori di WINE potrebbero chiedere prima di
        mettersi a piangere perché non gli regalano un
        po' di codice.

        Magari potrebbero comprarsi Kylix invece di usare
        GCC... :Dno, no e poi no!hanno una missione e un credo da rispettare!non si compra niente!tutti prodotti free meglio open...peccato che poi qualcuno abbia anche bisogno di pagare affitto e mangiare con il frutto del proprio lavoro
        • Anonimo scrive:
          Re: Loro però hanno usato WINE per Kylix
          Però caso strano praticamente tutte le versioni di software open source per Windows richiedono MS C++ per essere compilate, quando ad esempio ci sono compilatori OS come l'ex Watcom.
  • Anonimo scrive:
    Dall'america...
    Mi trovo negli USA e lavoro per Lockheem Martin, beh quando mi hanno finalmente dato un PC indovinate che cose ci hanno installato sopra?Una versione di windows piratata!Gli Americani tutti onesti e gli italiani tutti ladri?o tutto il mondo è paese?ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Dall'america...
      - Scritto da: Anonimo
      Mi trovo negli USA e lavoro per Lockheem Martin,
      beh quando mi hanno finalmente dato un PC
      indovinate che cose ci hanno installato sopra?

      Una versione di windows piratata!

      Gli Americani tutti onesti e gli italiani tutti
      ladri?

      o tutto il mondo è paese?

      ciaoNo, tutto il mondo si rifiuta di dare soldi allo zio bill...Ma quello, visto che nessuno paga le sue licenze, come ca~~o fa ad essere l'uomo più ricco del mondo?Sarà caso di dare un'occhiata migliore al prossimo estratto conto della carta di credito?
  • Anonimo scrive:
    Ma...brevetto per implementazione o idea
    Thorpe fa riferimento all'implementazione di Borland coperta da brevetto e ci dice che si possono liberamente sviluppare nuove implementazioni...A parte che vorrei capire quando 2 implementazioni differiscono (sarebbe un problema Fuzzy...)Ma i brevetti non dovrebbero proteggere solo le idee innovative e non le loro implementazioni ?O almeno... chiedo conferma riguardo all'Europa !In effetti mi pare che in America un implementazione o un innovazione di processo possono assurgere al rango di brevettabili se migliorano considerevolmente l'efficenza ed efficacia del prodotto.ma ancora... come stabilire che i miglioramenti siano tangibili ?Teoria della complessita' degli algoritmi ? ma, a meno di cattive implementazioni, la complessita' di un algoritmo dipende dalla complessita' del problema a meno di un fattore costante !
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma...brevetto per implementazione o
      - Scritto da: Anonimo
      Ma i brevetti non dovrebbero proteggere solo le
      idee innovative e non le loro implementazioni ?
      O almeno... chiedo conferma riguardo all'Europa !
      No, dovrebbe essere proprio l'opposto. Altimenti ti troveresti brevetti del tipo "Sistema per consentire l'esecuzione realtime di più programmi su un singolo microprocessore", dove in pratica brevetti tutto quello che va sotto il nome di concorrenza. Molto più sensato è brevettare l'implementazione, ovvero il metodo per risolvere un problema ben specifico.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma...brevetto per implementazione o

        No, dovrebbe essere proprio l'opposto. Altimenti
        ti troveresti brevetti del tipo "Sistema per
        consentire l'esecuzione realtime di più programmi
        su un singolo microprocessore", dove in pratica
        brevetti tutto quello che va sotto il nome di
        concorrenza. Molto più sensato è brevettare
        l'implementazione, ovvero il metodo per risolvere
        un problema ben specifico.
        Certo, ma non volevo essere cosi' astratto col termine idea innovativa. :pFaccio un esempio chiarificatore (spero) volutamente assurdo (perche' vorrei enfatizzare alcuni assurdi dei brevetti ;) ): non brevetto l'idea di motore, pero' potrei brevettare un motore funzionante a farina di grando duro. (suppongo che anche i motori a benzina/gasolio... fossero all'inizio brevettabili, oggi non piu').Se un competitor migliora l'efficenza del mio motore del 5% o permette di usare farina di grano tenero si tratterebbe di una nuova implementazione ma (a meno di vistosi miglioramenti) non comporta nessun apporto innovativo alla mia idea.Faccio poi notare che molto spesso il confine tra idea ed implementazione e' piuttosto labile: un motore a nafta o ad energia nucleare non e' un implementazione dell'idea di motore ?Una mail, xmlrpc, soap, ole, telefonata, il link tra excel e access... non sono implementazioni dell'idea di comunicazione e di protocollo ?Infatti mi si dice (col buon senso, meno con le normative) che "comunicazione" e "protocollo" non sono brevettabili... ma quante delle loro implementazioni possono considerarsi innovative o migliorative e al contempo differenti (uniche) tanto da meritarsi il brevetto ?Un paio di conoscenti (ing. meccanico ed elettronico) che lavoravano all'ufficio brevetti mi raccontavano di brevetti poco "conformi" o poco "distinguibili" tra loro e che per derimere eventuali controversie future erano gioco forza necessari un processo giuridico e delle indagini che non competevono all'ufficio brevetti.Spesso aggravati dal fatto che le controversie si manifestavano negli anni e non all'atto della verifica di brevettabilita' o poco postume.In sostanza il sistema di regolamentazione e giudizio della brevettabilita' e' (o era?) cosi farraginoso, soggettivo e manovrabile da poter essere piu' dannoso che vantaggioso sia per i singoli che per la Societa' (se le cui sorti sono mai interessate qualcuno).Sono altre le "società'" che riescono a trarne profitto...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma...brevetto per implementazione o
      Pare che sia un po' come la differenza che c'e` fra bubble sort e quick sort, o fra DFT e FFT, o fra SHC e DHC... il fatto e` che per un esempio meno noto, chi valuta il valore aggiunto del procedimento "alternativo", "piu` ottimizzato", o qualsiasi cosa abbia di particolare?E` un problema molto fuzzy.Gia` era difficile capire dove finiva il fair use del copyright, figuriamoci questo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma...brevetto per implementazione o

        E` un problema molto fuzzy.Ma di soluzione scontata: chi ha lo studio legalepiu agguerrito è meno fuzzy.hi
  • Anonimo scrive:
    Gestione delle eccezioni in c++ e errata
    Mi ricordo di aver letto da qualche parte che Linus Torvalds sul fatto che lui usasse solo il c e non il c++ per scrivere il kernel del Linux"la gestione delle eccezioni in c++ e totalmente buggata,che si riferisse a sta storia ?
  • ldsandon scrive:
    Precisiazioni da Borland
    http://blogs.borland.com/dcc/archive/2005/05/12/4294.aspxMi pareva strano che un pezzo di OS Windows (e OS/2) fosse brevettato da Borland.Comunque digitare "SEH Borland patent" prima di scrivere l'articolo avrebbe fatto conoscere anche gli altri "punti di vista".Del resto dicono chiaramente "If you're seeking reassurance that some artifact won't be used to sabotage a project, just ring the doorbell and ask. There are much better ways to open a discussion than throwing a brick through the window."
    • Anonimo scrive:
      Re: Precisiazioni da Borland
      hahaha, cazzen che rispostina "rilassata"!!!!!!!!! :-Dcerto che sti linari potevano basta dare un'occhiata in giro prima di sparare cannonatefan sempre delle figure....
      • Anonimo scrive:
        Re: Precisiazioni da Borland
        - Scritto da: Anonimo
        hahaha, cazzen che rispostina
        "rilassata"!!!!!!!!! :-D
        certo che sti linari potevano basta dare
        un'occhiata in giro prima di sparare cannonate
        fan sempre delle figure....sono tutti presi dalla mania di fare i martiri...
        • Anonimo scrive:
          Re: Precisiazioni da Borland
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          hahaha, cazzen che rispostina

          "rilassata"!!!!!!!!! :-D

          certo che sti linari potevano basta dare

          un'occhiata in giro prima di sparare cannonate

          fan sempre delle figure....

          sono tutti presi dalla mania di fare i martiri...No, quello è Berlusconi.Ed è pure amico del vostro burattinaio....Tornate pure a rimuovere spyware e virus vari dalla vostra cacca made in Redmond.
          • Anonimo scrive:
            Re: Precisiazioni da Borland
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            hahaha, cazzen che rispostina


            "rilassata"!!!!!!!!! :-D


            certo che sti linari potevano basta dare


            un'occhiata in giro prima di sparare cannonate


            fan sempre delle figure....



            sono tutti presi dalla mania di fare i
            martiri...
            No, quello è Berlusconi.
            Ed è pure amico del vostro burattinaio....
            Tornate pure a rimuovere spyware e virus vari
            dalla vostra cacca made in Redmond.no! quelli sono i programmatori open source/linari (be non tutti a dire il vero) ...ma guarda qui ci sono dati, tu a parte sproloqui e luoghi comuni che altro hai da dire?Imparate a programmare prima di rompere! (cmq qui bastava saper leggere...ma la strada del martire fa tanto moda)....CHE FIGURA!
          • Anonimo scrive:
            Re: Precisiazioni da Borland

            Imparate a programmare prima di rompere! tu saresti un programmatore? Guarda che il VB lo sa usare anche mia madre che ha 80 anni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Precisiazioni da Borland
            - Scritto da: Anonimo
            la differenza la fa utente / UTONTO
            il giorno che su linux, per qualsiasi motivo
            (fantascientifico) si sposta la massa degli
            UTONTI inizio a ridere come un pazzo!Il Mac ad esempio non mi sembra di cosi' difficile utilizzo, ci stanno un sacco di persone che non sanno nulla di computer, peccato pero' che non prendano virus, dialer, ecc...Probabilmente non vengono chiamati utonti perche' non spargono in giro tonnellate di mail piene di virus, quando uno di questi gli prende il controllo del sistema, o non affollano le reti fastwec con continui tentativi sulle varie porte, ecc...
  • Anonimo scrive:
    W Borland!
    Così imparate a disprezzare Kylix! :p
    • Anonimo scrive:
      Re: W Borland!
      - Scritto da: Anonimo
      Così imparate a disprezzare Kylix! :powned :)
      • Anonimo scrive:
        Re: W Borland!
        Ma Kylix non è sempre della Borland?
        • Anonimo scrive:
          Re: W Borland!
          - Scritto da: Anonimo
          Ma Kylix non è sempre della Borland?Gatta ci cova :(
        • Anonimo scrive:
          Re: W Borland!
          Appunto: ma la comunità Linux l'ha accolto con "spocchia" perché era un prodotto "commerciale".Come se tutto dovesse essere fatto con vi e gcc... non tutti hanno anni e centinaia di sviluppatori per scrivere un'applicazione.Poi Borland dimostra di saper fare di meglio e quelli si lamentano perché non gli regalano il codice?
          • Anonimo scrive:
            Re: W Borland!
            - Scritto da: Anonimo
            Appunto: ma la comunità Linux l'ha accolto con
            "spocchia" perché era un prodotto "commerciale".

            Come se tutto dovesse essere fatto con vi e
            gcc... non tutti hanno anni e centinaia di
            sviluppatori per scrivere un'applicazione.

            Poi Borland dimostra di saper fare di meglio e
            quelli si lamentano perché non gli regalano il
            codice?quoto
          • Mazinga@ scrive:
            Re: W Borland!
            - Scritto da: Anonimo
            Appunto: ma la comunità Linux l'ha accolto con
            "spocchia" perché era un prodotto "commerciale".Sbagliato di grosso: io di delphiniani ne conosco un paio e hanno buttato kylix nello sciaquone xche' avevano compreso che non ci potevano portare i loro applicativi windows sotto linux.Inoltre al kylix mancavano alcuni componenti e funzioni di db vitali (non ricordo d+, non sono delphiniano... sorry!!)

            Come se tutto dovesse essere fatto con vi e
            gcc... non tutti hanno anni e centinaia di
            sviluppatori per scrivere un'applicazione.
            Io uso vim x fare piccoli sorgenti, x progetti + complessi uso eclipse o altri editor grafici... dov'e' il problema??Come fai a parlare male di gcc... forse non lo hai mai usato x programmare???
            Poi Borland dimostra di saper fare di meglio e
            quelli si lamentano perché non gli regalano il
            codice?Luogo comune che non meriterebbe 1 risposta...kylix non era tanto x i linuxiani ma x i delphiniani; i delphiniani x la loro natura alternativa sono subito rimasti interessati a quel progetto, ma quando si resero conto che non ci potevi concretizzare niente lo hanno lasciato perdere... e i linuxiani non c'entrano niente...
          • Anonimo scrive:
            Re: W Borland!

            xche' avevano compreso che non ci potevano
            portare i loro applicativi windows sotto linux.Io con Delphi e Kylix ci lavoro. Non era possibile portare un progetto pari pari da Windows a Linux perchè la VCL (la libreria di Delphi) era stata "costruita" su Windows. Ma era è ed possibile scrivere applicazioni cross-platform.
            Inoltre al kylix mancavano alcuni componenti e
            funzioni di db vitali (non ricordo d+, non sono
            delphiniano... sorry!!)Qualcosa mancava, ma si può lavorare tranquillamente lo stesso.
            Io uso vim x fare piccoli sorgenti, x progetti +
            complessi uso eclipse o altri editor grafici...
            dov'e' il problema??Che nessuno di quelli è all'altezza di Delphi - specialmente per lo sviluppo rapido di applicazioni.
            Come fai a parlare male di gcc... forse non lo
            hai mai usato x programmare???No, lo ho usato. E non mi piace un gran ché.
            perdere... e i linuxiani non c'entrano niente...Ci sono stati sicuramente i soliti problemi commerciali di Borland (ad esempio non vendere in bundle Delphi e Kylix, o C++Builder e Kylix), ma c'è stata - e l'ho vissuta - una certa spocchia da parte del mondo Linux, basata sulle solite menate sull'open source vs. closed source commerciale, "abbiamo già gcc che fa tutto", non ci server un RAD, ecc. ecc.Senza rendersi conto che per penetrare rapidamente certi mercati è lo strumento che gli manca L'enorme successo che ha avuto una schifezza come VB solo perché era "RAD" e molte aziende potevano rapidamente e semplicemente costruire applicazioni GUI ad hoc.Borland ha provato a portare su Linux il migliore strumento RAD sul mercato senza destare interesse. Vuol dire che a Linux il mercato desktop non interessa, perché ne GCC né Eclipse per ora sono altrettanto flessibili.
          • Mazinga@ scrive:
            Re: W Borland!
            - Scritto da: Anonimo

            Io uso vim x fare piccoli sorgenti, x progetti +

            complessi uso eclipse o altri editor grafici...

            dov'e' il problema??

            Che nessuno di quelli è all'altezza di Delphi -
            specialmente per lo sviluppo rapido di
            applicazioni.
            Qui stai mettendo pero' sullo stesso piano lo sviluppo RAD contro lo sviluppo di un progetto in C++ (che di RAD e di visuale ha poco).Cmq su eclipse io non ci metterei la mano sul fuoco... ;)Magari e' + incline a java ma anche con le cdt si comporta bene...

            Come fai a parlare male di gcc... forse non lo

            hai mai usato x programmare???

            No, lo ho usato. E non mi piace un gran ché.Ma scusa, programmi sia in C++ che in delphi? PERCHE'??? ;)

            Ci sono stati sicuramente i soliti problemi
            commerciali di Borland (ad esempio non vendere in
            bundle Delphi e Kylix, o C++Builder e Kylix), ma
            c'è stata - e l'ho vissuta - una certa spocchia
            da parte del mondo Linux, basata sulle solite
            menate sull'open source vs. closed source
            commerciale, "abbiamo già gcc che fa tutto", non
            ci server un RAD, ecc. ecc.
            Anch'io onestamente mi ricordo che c'era chi aveva da ridire su kylix xche' era uno dei prodotti + comm e closed source, ma imo erano solo chiacchere di bamboccini di 16 anni... :)C'e' chi non vede + in la' dell'open, ma non significa che tutta la categoria sia a sfavore dei prodotti commerciali (imvho)...
            Senza rendersi conto che per penetrare
            rapidamente certi mercati è lo strumento che gli
            manca L'enorme successo che ha avuto una
            schifezza come VB solo perché era "RAD" e molte
            aziende potevano rapidamente e semplicemente
            costruire applicazioni GUI ad hoc.

            Borland ha provato a portare su Linux il migliore
            strumento RAD sul mercato senza destare
            interesse. Vuol dire che a Linux il mercato
            desktop non interessa, perché ne GCC né Eclipse
            per ora sono altrettanto flessibili.Purtroppo i linuxiani sono molto inclini al C, C++, Python, Java, persino Fortran ed Eiffel per capirci...Io cmq resto dell'idea che il mezzo flop e' dovuto NON dai linuxiani in generale (che ognuno tira x il suo linguaggio) ma piuttosto da Borland che non e' riuscita a dare un prodotto completo di tutti i suoi componenti x la nuova piattaforma (quella gente di cui parlavo, all'inizio ne erano entusiasti di kylix, poi mi dissero che ci avevano rinunciato xche' effettivamente mancavano dei componenti e c'era troppa roba da riscrivere...).Una curiosita' (dato che e' da un po' di anni che non vedo + kylix): funzionano bene le librerie col kernel 2.6?Mi confermi che il progetto si e' evoluto ed e' ancora supportato da Borland? (Dato che ci lavori, deduco che sia cosi'...)
  • Anonimo scrive:
    Scusate...
    ...io questo SEH lo chiamavo intercettazione delle interrupts (perche` un'eccezione su un architettura Intel e` una interrupt). Ovvero qualcosa di ovvio dalla comparsa (almeno) degli 8088 (intorno al 1981, credo). Oh, questa e` la definizione secondo MSDN:da http://msdn.microsoft.com/library/en-us/debug/base/structured_exception_handling.asp "An exception is an event that occurs during the execution of a program, and requires the execution of code outside the normal flow of control. There are two kinds of exceptions: hardware exceptions and software exceptions. Hardware exceptions are initiated by the CPU. They can result from the execution of certain instruction sequences, such as division by zero or an attempt to access an invalid memory address. Software exceptions are initiated explicitly by applications or the operating system. For example, the system can detect when an invalid parameter value is specified." Questa definizione corrisponde ancora al 100% con quella di interrupt, e in effetti le "eccezioni" sugli Intel sono gestite dallo stesso meccanismo hardware che gestisce le interrupts. Che so, per esempio, se non rimappata, all'avvio l'eccezione 0D, o 13 in decimale (l'infame "general protection fault"), e` seriamente, direttamente gestita dal codice puntato dal vettore d'interrupt numero 13 nella RMDT (Real-Mode Descriptors Table). "Structured exception handling is a mechanism for handling both hardware and software exceptions." E quindi che diamine, e` il brevetto sul meccanismo di intercettazione delle interrupts ? Cioe` lo stesso meccanismo su cui si basavano software di overriding di certe reazioni di sistema sul vecchio MS-DOS, come DrvSpace che intercettava le interrupt dirette al dispatcher delle funzioni BIOS per accedere ai dischi, collegandosi "a ponte" fra il vero dispatcher e il programma chiamante. E mille altre utility?Mah...no, no, chiaramente non e` una dimostrazione di quel che causano i brevetti sul software, eh? Qualcuno a quanto pare non puo` piu` fare una determinata cosa (intercettare le eccezioni e far reagire il programma in un dato modo) per la quale non ci sono altri modi se non rinunciare a questa funzionalita`...
    • The Raptus scrive:
      Re: Scusate...
      Penso che parli di una cosa diversa: Ovviamente quello che dici tu non è brevettabile.Se qualcun'altro ci illumina, meglio!Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate...
        Sono sviluppatore Borland C++Builder e confermo che c'e' un meccanismo che consente di creare eccezioni 'strutturate', ovvero che ereditano e specializzano, secondo la logica delle classi, una classe di eccezione generica (la classe Exception) e permettono di controllare meglio il flusso di codice nei costrutti try/catch o try/__finally. Inoltre, altra caratteristica che le distingue dalle classi normali, quando si creano (con una 'new') non devono essere distrutte da una 'delete', perche' si consumano da sole.Penso che si parli proprio di questo, in quanto mi sembra che in ANSI C++ non ci sia niente del genere.ZioBill- Scritto da: The Raptus
        Penso che parli di una cosa diversa: Ovviamente
        quello che dici tu non è brevettabile.

        Se qualcun'altro ci illumina, meglio!
        Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusate...
          - Scritto da: Anonimo
          Sono sviluppatore Borland C++Builder e confermo
          che c'e' un meccanismo che consente di creare
          eccezioni 'strutturate', ovvero che ereditano e
          specializzano, secondo la logica delle classi,
          una classe di eccezione generica (la classe
          Exception) e permettono di controllare meglio il
          flusso di codice nei costrutti try/catch o
          try/__finally. Inoltre, altra caratteristica che
          le distingue dalle classi normali, quando si
          creano (con una 'new') non devono essere
          distrutte da una 'delete', perche' si consumano
          da sole.questa cosa c'e' sicuramente in Java, in Python, in C# e credo anche in perl.quindi ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Scusate...
            Quindi semplicemente volevano fare copia-incolla del codice Borland e metterlo in GNU/GPL? E magari domani dire che Borland usa codice GNU/GPL?
          • Anonimo scrive:
            Re: Scusate...
            - Scritto da: Anonimo
            Quindi semplicemente volevano fare copia-incolla
            del codice Borland e metterlo in GNU/GPL? E
            magari domani dire che Borland usa codice
            GNU/GPL?No, a quanto ho capito volevano implementare un meccanismo di gestione delle eccezioni in WINE che simulasse il funzionamento di quello descritto dal brevetto Borland. Probabilmente l'implementazione gli sarebbe convenuto riscriverla da zero adattandola al progetto: copiare e incollare, in molti casi, e` piu` faticoso che riscrivere. Questo perche`:1) devi interpretare il codice esistente e capire come l'autore originale l'ha strutturato;2) devi modificare un codice non tuo, e modifiche del genere, almeno per quanto mi riguarda, prendono piu` tempo che un'implementazione del tutto nuova.Infatti, a volte mi ritrovo a riscrivere del codice che avevo scritto io stesso anni prima, perche` tanto non mi ricordo piu` come funzionava nei dettagli, se no ci perdo anche piu` tempo.I commenti aiutano relativamente: quando sei "fresco" su un lavoro ti ricordi a memoria a cosa serve la funzione X che interagisce con Y passando dall'argomento Z e cosi` via... quando lo riprendi dopo anni, in molti casi "hai perso il filo". Figuriamoci a dover riadattare codice che non ho mai scritto... si puo` fare se l'obiettivo e` semplice e pulito, ma non e` assolutamente questo il caso.Il problema e` che l'idea stessa e` brevettata, non il codice.
          • Anonimo scrive:
            Re: Scusate...
            Microsoft ha pagato quella cosa a Borland (oltre ad altro) 100 Milioni di Dollaroni sonanti.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Scusate...
            Avessi 100 milioni di dollari certo NON FAREI ALTRO che spenderli cosi`.Eh, si. Che soddisfazione! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Scusate...
            Tra l'altro, i "tabbed notebook" che furono introdotti in "Quattro Pro" (lo spreadsheet di Borland poi venduto a Corel), e non in Excel.
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusate...
          Questa è quello che che quelli di Wine vogliono far credere.In realtà non vogliono spaccarsi le palle a scrivere una nuova implementazione. Diciamo come stanno le cose....
          • Anonimo scrive:
            Re: Scusate...
            - Scritto da: Anonimo
            Questa è quello che che quelli di Wine vogliono
            far credere.
            In realtà non vogliono spaccarsi le palle a
            scrivere una nuova implementazione. Diciamo come
            stanno le cose....In vita tua hai mai messo le mani su codice scritto da altri per inglobarlo in una tua applicazione?Non parlare di cose che non conosciE ora tornatene a copiaincollare frammenti di cofdice sorgente GNU/GPL nei tuoi progetti closed bel (troll)
          • Anonimo scrive:
            Re: Scusate...


            E ora tornatene a copiaincollare frammenti di
            cofdice sorgente GNU/GPL nei tuoi progetti closed
            bel (troll) Gli stai dando troppo credito, davvero convinto che sia in grado di produrre software anche solo copiando e incollando?
          • Anonimo scrive:
            Re: Scusate...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Questa è quello che che quelli di Wine vogliono

            far credere.

            In realtà non vogliono spaccarsi le palle a

            scrivere una nuova implementazione. Diciamo come

            stanno le cose....

            In vita tua hai mai messo le mani su codice
            scritto da altri per inglobarlo in una tua
            applicazione?tu credo hai fatto sempre e solo quello
            Non parlare di cose che non conosci

            E ora tornatene a copiaincollare frammenti di
            cofdice sorgente GNU/GPL nei tuoi progetti closed
            bel (troll)a giudicare da come reagisci mi sa che si è messo il dito nella piaga....comodo trovare le cose belle e che pronte, implementarle un pò meno...
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusate...
          Da quello che ho visto il brevetto è relativo ad una tecnica per usare lo stack per tenere traccia dei gestori di eccezioni attivi e per gestire le eccezioni stesse.
  • Anonimo scrive:
    Solidarizzo con Wine!
    (win) (linux) (apple)
    • Anonimo scrive:
      Re: Solidarizzo con Wine!
      cin cin
      • Anonimo scrive:
        Re: Solidarizzo con Wine!
        - Scritto da: Anonimo
        cin cinè l'unico programma di linux che considero inutile.chissà se è capace di far girare i virus in emulazione...
        • Anonimo scrive:
          Re: Solidarizzo con Wine!
          le schermate blu le emula :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Solidarizzo con Wine!
          - Scritto da: Anonimo
          è l'unico programma di linux che considero
          inutile.Per niente vero: consenta al pinguino di utilizzare programmi validi, utili e ben scritti. Questo a dimostrazione del fatto che, nonostante le tonnellate di soft beta e alpha x linux, avete BISOGNO di un emulatore per il vostro osannato linux.Linux: reperto archeologico.
          chissà se è capace di far girare i virus in
          emulazione...Per questo non c'è bisogno di Wine: il virus gira bene anche sul tuo pinguino. Basta saperlo scrivere e trovare uno delle dozzine di frollocconi che usano l'os da root.
          • TomSawyer scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo

            BISOGNO di un emulatore per il vostro osannato
            linux.BONG risposta errata !!denoti perfetta ignoranza. perlomeno sai cos'è l'acronimo wine?!?!?!riprovaci sapientino!
          • Anonimo scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            È un "non-emulatore" che emula le API di Windows sotto Linux :pMa solo su Linux x86, ovviamente.
          • francescor82 scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!


            chissà se è capace di far girare i virus in

            emulazione...

            Per questo non c'è bisogno di Wine: il virus gira
            bene anche sul tuo pinguino. Basta saperlo
            scrivere e trovare uno delle dozzine di
            frollocconi che usano l'os da root.E scommetto che, se tu parli così, sei uno in grado di scrivere un virus per GNU/Linux.Appena ne scrivi uno fammelo sapere, così lo provo.A parte che i 'frollocconi' di cui parli sono molto rari, perché in genere si riceve un elevato stress sulla sicurezza durante l'apprendimento di GNU/Linux e una delle prime cose che si sente è che l'account di root deve essere usato solo per le operazioni di amministrazione. Al contrario di quello che avviene in Windows, dove l'educazione in questo senso è prossima allo zero.
          • Mechano scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            - Scritto da: francescor82
            A parte che i 'frollocconi' di cui parli sono
            molto rari, perché in genere si riceve un elevato
            stress sulla sicurezza durante l'apprendimento di
            GNU/Linux e una delle prime cose che si sente è
            che l'account di root deve essere usato solo per
            le operazioni di amministrazione. Al contrario di
            quello che avviene in Windows, dove l'educazione
            in questo senso è prossima allo zero.Della serie tieni ben nascosta la sezione Gestione Utenti e non pubblicizzarla troppo. Che se gli utonti si creano un utente con pochi privilegi che non gli faccia compromettere il sistema, inizano a fioccare le chiamate al call center per le centinaia di risorse del sistema a cui l'utente con bassi privilegi non puo' giustamente accedere, senza un fine lavoro di configurazione.Ed e' qui che casca la presunta facilita' di windoze...
          • Anonimo scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo


            è l'unico programma di linux che considero

            inutile.

            Per niente vero: consenta al pinguino di
            utilizzare programmi validi, utili e ben scritti.
            Questo a dimostrazione del fatto che, nonostante
            le tonnellate di soft beta e alpha x linux, avete
            BISOGNO di un emulatore per il vostro osannato
            linux.

            Linux: reperto archeologico.Eh, solo Winzozz, Offizz e SQLnonserver(auncaz) sono VERO SOFTWARE.Ma i winari li clonano dal DNA di un peto di Emilio Fede?


            chissà se è capace di far girare i virus in

            emulazione...

            Per questo non c'è bisogno di Wine: il virus gira
            bene anche sul tuo pinguino. Basta saperlo
            scrivere e trovare uno delle dozzine di
            frollocconi che usano l'os da root.Si, lo spirito è proprio quello.Dai, un bel posto al TG4 non te lo leva nessuno.
        • Anonimo scrive:
          Re: Solidarizzo con Wine!
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          cin cin

          è l'unico programma di linux che considero
          inutile.
          chissà se è capace di far girare i virus in
          emulazione...Ho letto un articolo tempo fa che provava a installare virus tramite wine, ma senza successo.Dvshrink comunque gira benissimo con wine
          • Anonimo scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            si, ma non capisco a cosa serva.linux è completo, funzionale e soprattutto funzionante e affidabile.perchè dovrei farci girare programmi scritti per un sistema operativo istabile e inaffidabile?
          • Anonimo scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            - Scritto da: Anonimo
            si, ma non capisco a cosa serva.
            linux è completo, funzionale e soprattutto
            funzionante e affidabile.
            perchè dovrei farci girare programmi scritti per
            un sistema operativo istabile e inaffidabile?Perché molte persone hanno necessità di utilizzare questi programmi.Nella mia famiglia ad esempio, verrebbe giù il mondo se non si potessero ""emulare"" i giochi per win che abbiamo comprato; in azienda programmi tipo CAD o cose del genere, che per linux o non esistono o non sono "compatibili" con i Sw che si hanno per win, non si puo far altro che farli girare con wine.Fidati è un programma utilissimo, soprattutto finchè Win dominerà il mercato del SW e la maggior parte degli sviluppatori lavorerà su quel SO.SalutiSimone
          • TPK scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            - Scritto da: Anonimo
            si, ma non capisco a cosa serva.
            linux è completo, funzionale e soprattutto
            funzionante e affidabile.
            perchè dovrei farci girare programmi scritti per
            un sistema operativo istabile e inaffidabile?Perche' magari prima o poi ti stuferai di ricompilare il kernel...
          • EffeElle scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!

            Perche' magari prima o poi ti stuferai di
            ricompilare il kernel...Dai fenomeno, smettila di spargere la tua ignoranza. Il kernel non si ricompila più da anni. Almeno aggiornati che sei patetico!
          • TPK scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            - Scritto da: EffeElle

            Perche' magari prima o poi ti stuferai di

            ricompilare il kernel...

            Dai fenomeno, smettila di spargere la tua
            ignoranza. Il kernel non si ricompila più da
            anni. Almeno aggiornati che sei patetico!Ma allora cosa fate tutto il giorno?!?!? :o
          • Anonimo scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            - Scritto da: TPK
            - Scritto da: EffeElle


            Perche' magari prima o poi ti stuferai di


            ricompilare il kernel...

            Dai fenomeno, smettila di spargere la tua

            ignoranza. Il kernel non si ricompila più da

            anni. Almeno aggiornati che sei patetico!
            Ma allora cosa fate tutto il giorno?!?!?
            :oLe stesse cose che si fanno con ogni SO, a parte virus e dialer che li becca solo windows
          • Anonimo scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            Ah, ho capito, guardi i siti porno!
          • Anonimo scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            - Scritto da: Anonimo
            Ah, ho capito, guardi i siti porno!Vedo che sei talmente abituato a farlo che e' stata la prima cosa che ti e' venuta in mente... Complimenti, e comunque e' una delle cose che si possono fare senza paura di virus pyware, dialer, ecc...
          • Anonimo scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            - Scritto da: TPK

            - Scritto da: Anonimo

            si, ma non capisco a cosa serva.

            linux è completo, funzionale e soprattutto

            funzionante e affidabile.

            perchè dovrei farci girare programmi scritti per

            un sistema operativo istabile e inaffidabile?

            Perche' magari prima o poi ti stuferai di
            ricompilare il kernel...Mentre tu non ti stufi di rimuovere trojan e spyware dopo ogni connessione, eh?Dai, torna a lanciare il Live Update, è già disponibile il trentaquattresimo aggiornamento dell'antiviruzz da stamattina....
          • TPK scrive:
            Re: Solidarizzo con Wine!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: TPK



            - Scritto da: Anonimo


            si, ma non capisco a cosa serva.


            linux è completo, funzionale e soprattutto


            funzionante e affidabile.


            perchè dovrei farci girare programmi scritti
            per


            un sistema operativo istabile e inaffidabile?



            Perche' magari prima o poi ti stuferai di

            ricompilare il kernel...
            Mentre tu non ti stufi di rimuovere trojan e
            spyware dopo ogni connessione, eh?No, uso Firefox...
            Dai, torna a lanciare il Live Update, è già
            disponibile il trentaquattresimo aggiornamento
            dell'antiviruzz da stamattina....Tu scaricati e compila il kernel 2.6.11.10 invece...
        • Anonimo scrive:
          Re: Solidarizzo con Wine!

          è l'unico programma di linux che considero inutile.
          Io no, sono un utente ReactOS !www.reactos.org(una sorta di WINE standalone...)Marco Radossevich
          • Anonimo scrive:
            re: solidarizzo con wine

            Io no, sono un utente ReactOS !Ti sbagli, ci sei dentro fino al collo:"Relationship with the WINE projectReactOS has always planned to work with the WINE project to share as much programming effort as possible.This will mainly concern User Mode DLLs and will happen once ReactOS's Kernel Mode areas are more complete, as those areas form the underlying infrastructure. Other areas of cooperation lie in applications and testing suites."Leggi almeno i tuoi links prima di postare...
Chiudi i commenti