I computer a scuola fan bene agli alunni

Lo affermano gli esperti britannici che non mandano giù i risultati di uno studio israelo-americano secondo cui il PC in classe può persino far male


Roma – L’uso dei personal computer nelle scuole serve agli alunni, eccome. Questa l’estrema sintesi delle opinioni di alcuni esperti britannici che hanno voluto reagire al clamoroso studio israelo-americano sull’utilizzo dei PC nelle scuole, uno studio che ha sollevato enorme scalpore.

Secondo il professore del Massachussets Institute of Technology (MIT) Joshua Angrist e Victor Lavy, docente dell’Università ebraica di Gerusalemme, infatti, l’uso dei computer nelle scuole non solo non offre palesi vantaggi didattici ma in molte circostanze può persino rivelarsi dannoso alla crescita intellettuale degli alunni. Una tesi contro la quale ora si stanno schierano diversi importanti soggetti britannici.

In particolare a sostenere che lo studio di Angrist e Lavy sia fallato sono la BECTA (British Educational Communications and Technology Agency), in pratica l’agenzia governativa che ha in carico la diffusione e la promozione dell’Information Technology a tutti i livelli educativi e formativi in Gran Bretagna, e il sindacato degli insegnanti NUT (National Union of Teachers). Entrambi sostengono che lo studio non ha verificato l’utilizzo effettivo dei computer nei diversi livelli di studio né gli approcci originali di ogni paese all’uso di questo strumento nelle classi.

A non convincere i ricercatori britannici sarebbero i risultati di alcuni test condotti per realizzare lo studio sul rendimento degli alunni dotati di computer. Secondo questi test, infatti, alle elementari le capacità matematiche risulterebbero minori o comunque non migliori nei bambini che lavorano con il computer rispetto a quelli senza. Questi ed altri dati secondo gli autori del rapporto ora contestato mettono in luce l’inutilità di una forte spesa IT nella didattica.

Secondo Becta, invece, “c’è una enorme quantità di prove che l’uso efficiente dei computer da insegnanti capaci stia aumentando gli standard qualitativi delle scuole britanniche. I dati derivanti dalle ispezioni Ofsted in 2.110 scuole elementari e i rest in inglese, matematica e scienze in queste scuole, evidenziano il vantaggio offerto dai computer”.

I responsabili dell’ente governativo inglese sostengono inoltre che “alunni di 11 anni in scuole con buone risorse informatiche mediamente ottengono nei test di inglese, matematica e scienza risultati migliori di quelli che si trovano in scuole che non dispongono delle medesime risorse”.

E la situazione italiana? Oltre all’esperienza di alcuni docenti non sempre entusiasmante, e sempre nell'”incubo” dell’ aggiornamento , c’è una grande attenzione all’informatica nel mondo della scuola, almeno a sentire il ministro all’Istruzione Letizia Moratti . Ancora, però, mancano studi estensivi sull’effettiva efficacia del computer nelle nostre classi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ross scrive:
    Bank of the West
    Boycott Bank of the West: http://bankofthewest.angelfire.com/
  • Anonimo scrive:
    Leggerezze
    Un giorno, allo sportello di un grosso istituto di credito italiano, mi sono accorto di avere a 20cm dal mio naso un bel pacco di fogli con indicate in bella vista username/password dei clienti per accedere ai servizi online dell'istituto....Se si pensa che con quei codici e' possibile vedere estratti conto, fare bonifici, investire in borsa, ecc...Lo feci notare all'impiegato che penso' bene di minimizzare la gravita' della cosa della cosa e risolvere coprendo con un foglietto....Se prima avevo una mezza idea di accedere al mio conto via internet adesso mi e' completamente passata.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Leggerezze
      - Scritto da: Jack
      Un giorno, allo sportello di un grosso
      istituto di credito italiano, mi sono
      accorto di avere a 20cm dal mio naso un bel
      pacco di fogli con indicate in bella vista
      username/password dei clienti per accedere
      ai servizi online dell'istituto....
      Se si pensa che con quei codici e' possibile
      vedere estratti conto, fare bonifici,
      investire in borsa, ecc...
      Lo feci notare all'impiegato che penso' bene
      di minimizzare la gravita' della cosa della
      cosa e risolvere coprendo con un
      foglietto....

      Se prima avevo una mezza idea di accedere al
      mio conto via internet adesso mi e'
      completamente passata........e poi ci si lamenta dell' impennata di frodi informatiche. Sta pur certo che non utilizzerò mai c/c on line.
Chiudi i commenti