I filtri iraniani non sono Nokia-Siemens

Il colosso delle TLC smentisce le illazioni. Ha fornito a Teheran solo tecnologie neutrali

Roma – Nokia Siemens Networks ha negato di aver fornito agli operatori TLC iraniani le tecnologie necessarie per far sprofondare il paese nel buio della censura.

In una nota ufficiale, il consorzio finnico-tedesco ha spiegato di aver fornito a TCI (Telecommunication Company of Iran), provider telefonico di stato, gli apparati necessari per monitorare esclusivamente le chiamate vocali, nel pieno rispetto delle regole stabilite da ETSI (European Telecommunications Standards Institute) e 3GPP (3rd Generation Partnership Project).

Nessuna capacità di filtraggio o di censura della Rete iraniana avrebbe dunque il marchio Nokia-Siemens secondo Ben Roome, portavoce della joint venture, che si sta prodigando in una personale battaglia a colpi di tweet , cercando di diffondere la smentita a un articolo del Wall Strett Journal che addossa a Nokia-Siemens la paternità degli strumenti censori dei Pasdaran. (G.P.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Undertaker scrive:
    Condanna meritata
    Nonm ho nulla in contrario a scaricare e mettere in condivisione film uno o due anni dopo che sono usciti, ma mettere in condivisione film PRIMA che escano nelle sale, facendo riferimento ad una vecchia barzelletta é come fare pipí in piscina dal trampolino olimpico: finché lo si fa con discrezione, senza esagerare non succede niente ma se si esagera poi non cé ne é piú per nessuno.mettere in condivisione film prima dell'uscita significa creare un grosso danno alle major, che vedono calare i propri profitti fino al punto di rimetterci i soldi investiti.Fare film belli, grandiosi,con effetti speciali spettacolari come 300 o Watchman, per esempio costa un sacco di soldi,decine di milioni di dollari, che devono essere anticipati prima della distribuzione, sperando nell'affluenza di pubblico e negli incassi.Se la gente il film se lo scarica gratis, al cinema ci non va piú, non cé nulla da fare.La risposta delle major al calo dei profitti sará, inevitabilmente quella di diminuire gli investimenti e, di conseguenza la qualitá dei film, dando via ad un circolo vizioso a cui, diminuendo la qualitá diminuiranno gli incassi, fino ad arrivare ad un livello di qualitá paragonabile al "cinema" italiano: vera e propria spazzatura amatoriale mascherata da "film impegnato" !Ve lo immaginate Titanic o 300 fatti da registi italiani ?(rotfl)
    • asvero panciatici scrive:
      Re: Condanna meritata

      La risposta delle major al calo dei profitti
      sará, inevitabilmente quella di diminuire gli
      investimenti e, di conseguenza la qualitá dei
      film....E' una battuta vero? mi pare, che lo sia, ma ti prego rassicurami...
      • algaso scrive:
        Re: Condanna meritata
        sshh, non dirgli nulla sennò si arrabbia e ti da del " pappagallino filosofo " (rotfl)http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2567263&m=2568823
        • fra Martino scrive:
          Re: Condanna meritata
          underche undertaccher? cioè colui che lo chiappa sotto?
        • Undertaker scrive:
          Re: Condanna meritata
          - Scritto da: algaso
          sshh, non dirgli nulla sennò si arrabbia e ti da
          del " pappagallino filosofo "
          (rotfl)
          http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2567263&m=256mi sembri piú un castorino che un pappagallino, visto che ancora rosichi per un post di marzo
          • algaso scrive:
            Re: Condanna meritata
            buuuuuuh :'(solo perche ti bruciato la trollata non significa che te la devi prendere così a male(rotfl) (rotfl) (rotfl)
    • fra Martino scrive:
      Re: Condanna meritata
      ecco ce mancava pure er moralizatore de 'noartri.
      • etherodox scrive:
        Re: Condanna meritata
        ringrazio undertaker, francamente tra tutte le positività del file sharing non avevo incluso la possibile svolta di qualità dell'"industria culturale". Meno effetti e più elubrazioni .. interessante, vuoi vedere che il P2P è davvero la rivoluzione?
    • spartaaaaaa aaaaaa scrive:
      Re: Condanna meritata

      Fare film belli, grandiosi,con effetti speciali
      spettacolari come 300What? non ti veniva in mente altro? XDevito anche di scaricarlo perché mi spiace sprecar banda per quella roba.
      fino ad arrivare ad un livello di qualitá
      paragonabile al "cinema" italiano: vera e
      propria spazzatura amatoriale mascherata da "film
      impegnato"guarda che ci sono tanti film italiani bellissimi e non solo cinepanettoni. E cmq sempre meglio di 300P.S. i gusti son gusti per carità ma 300... XD
    • Wildfire scrive:
      Re: Condanna meritata
      ...secondo me la cinema non ci vai perchè altrimenti capiresti che vedere un film al cinema e' TOTALMENTE diverso che vederlo in DVD/DIVX/BLURAY etc... sia per la parte prettamente tecnica (l'audio di un buon cinema non lo puoi ricreare in casa....) che per quella sociale...
      • pippo scrive:
        Re: Condanna meritata
        - Scritto da: Wildfire
        ...secondo me la cinema non ci vai perchè
        altrimenti capiresti che vedere un film al cinema
        e' TOTALMENTE diverso che vederlo in
        DVD/DIVX/BLURAY etc... sia per la parte
        prettamente tecnica (l'audio di un buon cinema
        non lo puoi ricreare in casa....) che per quella
        sociale...Già vuoi mettere l'irritazione di quello che mangia i popcorn, quello che è alto 2 metri seduto davanti, i XXXXX che non stanno zitti un secondo, i cellulari che squillano... :D
  • ROSA ROSSI scrive:
    ma .........
    ma questo secondo voi lo ha messo in rete gratis o ha preteso dei soldini???? Secondo me la seconda e' buona!!!!Poi che uomo e' questo ??Accusare la nonna ,i colleghi ...innocenti !!!!6 mesi son tanti in carcere ma cosi' ha il tempo di "PENSARE" ......sto' XXXXX avrebbe fatto finire in carcere la nonna ....o i colleghi...che non avevano commesso il fatto!!!! 8) ????
  • sindrome tecnologica scrive:
    Accusa giusta...
    ...pena esagerata. Come al solito in USA si deve sempre creare il caso e punirne uno per educarne mille. Se in certe circostanze la regola serve, come la pena di morte nei casi di omicidio premeditato, in altri non ha senso. In questo caso una pena pecuniaria sarebbe piu che bastata, tanto il film sarebbe unscito cmq nei p2p...
    • Armageddon scrive:
      Re: Accusa giusta...
      Come sotto... 6Mesi di carcere.....troppisolo per aver accusato la nonna, gli avreidato 3Anni, indipendentemente dal reato.
    • asvero panciatici scrive:
      Re: Accusa giusta...

      .....punirne uno per educarne
      mille. Se in certe circostanze la regola serve,
      come la pena di morte nei casi di omicidio
      premeditato....Funziona così bene, come deterrente, che hanno il più alto tasso di morti ammazzati dell'occindente e probabilmente del mondo....
      • sindrome tecnologic a scrive:
        Re: Accusa giusta...

        Funziona così bene, come deterrente, che hanno il
        più alto tasso di morti ammazzati dell'occindente
        e probabilmente del
        mondo....Se citassi le fonti di questi dati, sarebbe meglio. Cmq ho parlato di omicidio premeditato, non passionale o causato da raptus eccetera.
  • dilbert68 scrive:
    che storia squallida e triste...
    un personaggio che viola palesemente la più elementare delle regole del suo lavoro, colto sul fatto cerca di dare la colpa ai colleghi e alla nonna, tutto questo poi per un film penoso (vedere recensione su imdb.com)... tristissimoA chi commenta quanto sono cattivi in u.s.a. vorrei far notare che questa persona non era uno qualsiasi che si è sacricato il film con il p2p... questo era impiegato in una ditta di replicazione in cui ci sono fior di contratti di non-disclosure da rispettare, e ci mancherebbe altro!!! inoltre nei 6 mesi di condanna saranno comprese pure la falsa testimonianza e le false accuse a nonne/colleghi
    • fabio scrive:
      Re: che storia squallida e triste...
      Tornatene sul tuo forum delle videoteche.
      • p4bl0 scrive:
        Re: che storia squallida e triste...
        secondo me dilbert86 ha perfettamente ragione. se il XXXXX in questione viola contratto, testimonia il falso ecc. ecc. anche senza la questione del diritto d'autore ci sta che sia condannato
      • algaso scrive:
        Re: che storia squallida e triste...
        Non tutti quelli che parlano male del "pirata" ;) di turno sono videotecaridilbert68 ha ragione:
        un personaggio che viola palesemente la più
        elementare delle regole del suo lavoro, colto
        sul fatto cerca di dare la colpa ai colleghi
        e alla nonna, tutto questo poi per un film
        penoso (vedere recensione su imdb.com)...
        tristissimoRiassunto: Yates è un XXXXXXXXX
    • markoer scrive:
      Re: che storia squallida e triste...
      Concordo al 100%
    • etherodox scrive:
      Re: che storia squallida e triste...
      leggo che Yates merita la sua condanna per aver accusato nonna e colleghi. Secondo qualcuno l'aver violato la policy aziendale è altrettanto grave(la nonna, va bene, ma il capo !). Insomma ne esce un quadretto di probità commovente, PI non sarà rappresentativo dei costumi italici, ma accidenti che senso morale, che integrità ..
    • Wildfire scrive:
      Re: che storia squallida e triste...
      I galera ci deve andare chi e' PERICOLOSO per la sicurezza dei cittadini, questo al limite ha sottratto dei potenziali noleggi da blockbuster e delle ben misere entrate alla casa cinematografica! 6 mesi di carcere ovvero rubare sei mesi di vita a una persona per questo???? ma sei impazzito? primo e' una violazione contrattuale che dovrebbe rimanere nel civilistico (oovero una questione conomica) poi ricorda che una delle norme base della civilità e' la proporzionalità delle pene, se per un atto simile da 6 mesi guida percilosa devi are 10 anni... per uso droga 20? per faslo in atto pubblico ergastolo? per truffa la pena di morte?non era meglio e piu' costruttivo 6 mesi di lavori socialmente utili????? ah.. ma stiamo parlando degli americani...
  • auz scrive:
    pessimo
    "Soddisfatta della decisione dei giudici si è detta Paramount, che tramite un portavoce ha comunicato di aver..." -aggiungo io- "... rovinato la vita a un uomo"
    • algaso scrive:
      Re: pessimo
      Si, effettivamente 6 mesi di carcere sono troppi; una multa salata (ovviamente seguita dal licenziamento in tronco) sarebbe stata un soluzione più che adeguataCiò non toglie che mr. yates se la sia andata a cercare, in più la squallida storiella scaricabarile della nonna e del Cugggino :D non depone certo a suo favore
  • GrandePuffo scrive:
    Vacanze in USA cancellate
    punto e basta.
    • Magenta scrive:
      Re: Vacanze in USA cancellate
      - Scritto da: GrandePuffo
      punto e basta.Bravo punisci tutti quei malvagi americani che lavorano nel turismo!!
      • Giuba scrive:
        Re: Vacanze in USA cancellate
        ... so che in questi giorni ci sono delle promozioni di 7 gg + 3 gratis a theran...Approffittane!!!;)
        • pippo scrive:
          Re: Vacanze in USA cancellate

          ... so che in questi giorni ci sono delle
          promozioni di 7 gg + 3 gratis a
          theran...

          Approffittane!!!

          ;)Funerale di stato compreso? :D
    • MegaJock scrive:
      Re: Vacanze in USA cancellate
      - Scritto da: GrandePuffo
      punto e basta.Sai che gran paura gli fai. :DLo sai che se vieni travolto oggi stesso da un camion e spalmato su 30 metri di strada non se ne accorge nessuno, vero?
    • Paolo scrive:
      Re: Vacanze in USA cancellate
      ahaahahaha!che uomo!
    • non penso scrive:
      Re: Vacanze in USA cancellate
      Bella, il prezzo dell' albergo scende, 4 settimane invece che tre
  • Wildfire scrive:
    che paradiso gli USA...
    Si scatena una guerra su delle affermazioni rivelate false (dove stanno le armi di distruzione di massa di Saddam???) e che hanno causato la morte di migliai di soli americani per non parlare dei civili iracheni... e nessuno e' stato punito! mentre per la copia di un dvd 6 mesi di carcere... chi la vuole la democrazia made in USA??? questa e' la giustizia delle corporazioni, una dittatura commerciale il vero "male assoluto".Purtroppo il popolo non sa tutelarsi, basterebbe praticare un embargo verso i prodotti cinematografici e in meno di 1 mese con il crollo dei guadagni la finirebbero... ma il popolo e' costituto di pecore purtroppo...
    • Anonymous scrive:
      Re: che paradiso gli USA...
      - Scritto da: Wildfire
      Si scatena una guerra su delle affermazioni
      rivelate false (dove stanno le armi di
      distruzione di massa di Saddam???) e che hanno
      causato la morte di migliai di soli americani per
      non parlare dei civili iracheni... e nessuno e'
      stato punito!Uhm.. qui in Italia c'è un altro che schiva le galere nella stessa maniera. Che sia solo un caso?
    • dilbert68 scrive:
      Re: che paradiso gli USA...
      Non sono proprio filoamericano al 100% ma alcuni dei commenti qui sono veramente illuminanti per la mancanza completa di senso critico di alcuni lettori di p.i.Ma che diamine questa persona non era un adolescente che si è scaricato il film col p2p... questo era un lavoratore in una azienda che si occupa di replicazione, dove ci sono fior di contratti di riservatezza e non diffusione da rispettare! ha violato la più palese delle regole sul lavoro, mettendo in pericolo la reputazione della ditta e quindi anche il posto di lavoro dei colleghi, che ha pure cercato di incolpare poi... 6 mesi vi sembrano troppi per questo???
      • PeeBee scrive:
        Re: che paradiso gli USA...
        - Scritto da: dilbert68
        Non sono proprio filoamericano al 100% ma alcuni
        dei commenti qui sono veramente illuminanti per
        la mancanza completa di senso critico di alcuni
        lettori di
        p.i.

        Ma che diamine questa persona non era un
        adolescente che si è scaricato il film col p2p...
        questo era un lavoratore in una azienda che si
        occupa di replicazione, dove ci sono fior di
        contratti di riservatezza e non diffusione da
        rispettare! ha violato la più palese delle regole
        sul lavoro, mettendo in pericolo la reputazione
        della ditta e quindi anche il posto di lavoro dei
        colleghi, che ha pure cercato di incolpare poi...
        6 mesi vi sembrano troppi per
        questo???Magari no, ma per le false affermazioni sulla guerra in Iraq che facciamo, sei ergastoli ti sembrano troppi ? Ma facciamoli, però, altrimenti lasciamo stare anche i sei mesi...
        • Diego scrive:
          Re: che paradiso gli USA...
          Ehm.... Usa che fanno partire una guerra per armi che non ci sono??Guarda che le famose prove che Bush ha affermato di avere delle armi nucleari in iraq sono un FALSISSIMO dossier creato da un ex agente dei servizi segreti italiani grazie alla carta intestata ed ai timbri rubati in un'ambasciata nigeriana da una segretaria.Documenti oltretutto pieni di errori che persino i servizi francesi ed inglesi avevano bollato come XXXXXte.Bush per far partire la guerra in Iraq ha avuto il semaforo verde grazie ad un documento finto creato per qualche lira da un disgraziato italiano.Come siamo messi male....
        • nome cognome scrive:
          Re: che paradiso gli USA...
          Il problema non è l'attacco all'Irak.Il fatto che i responsabili devono essere puniti (compreso Bush) e non lo sono non leva nulla al fatto che questa persona ha compiuto un'errore professionale grave.Poi forse la sentenza è stata un po' troppo pesante, ma l'atto criminale c'è stato.Altrimenti con la scusa che i criminali che hanno attaccato l'Irak non sono stati puniti cosa dobbiamo fare? aprire le prigioni e lasciare uscire tutti quanti?
Chiudi i commenti