I giochi di ruolo online hanno ucciso D&D?

Un lettore, appassionato di vecchi giochi di ruolo in stile Dungeons & Dragons, racconta la sua brutta esperienza con i moderni GDR online

Roma – Bei tempi, ricordo quando si giocava a casa di amici, negli scantinati o nelle soffitte, discutendo con i giocatori su chi dovesse aprire la porta nel dungeon, i turni di guardia e la posizione dei giocatori attraverso impenetrabili cunicoli pieni di pericoli ma anche di punti esperienza.

Per chi non lo sapesse, il gioco di ruolo prima di nascere sul monitor è nato dalla fervida mente di Gary Gygax e prima che sulle tastiere, ai nostri tempi si giocava con schede, personaggi e matite.

Per comprendere se davvero oggi internet abbia dato la possibilità ai giocatori di ruolo di mettere via dadi, carta e penna (e ovviamente il loro ultimo gioco fantasy online) e di giocare on-line come ai bei vecchi tempi, ho fatto una capatina tra i principali siti che offrono questo servizio. Non parlo di giochi con personaggi renderizzati su un server, ma dei bei vecchi giochi di ruolo come Dungeons & Dragons e il gioco di ruolo del Signore degli Anelli, che si dovrebbero giocare su chat testuali.

Dopo essermi studiato i vari regolamenti sui tags (il modo di giocare in questi portali), i risultati sono stati oltremodo deludenti.

Cominciamo innanzitutto col dire che è assai difficile trovare un master che ti introduca in una avventura, anzi, quasi mai esiste una guida nel gioco che ti possa dare l’occasione di capire in che avventura il vostro personaggio possa giocare. Ci si iscrive, si riceve una password randomizzata e si lascia il giocatore a se stesso. Circondati da ragazzini fans di Final Fantasy, è difficile trovare qualcuno che sappia qualcosa della saga di Howard o di Moorcock, lo si nota dai vari avatar.
Ci si rende conto che da subito che non si è bene accolti, anche se si sono seguite le regole scrupolosamente alla lettera. Si va dal “non puoi rolare qui, la stanza è riservata” (ma riservata a chi se è di libero accesso?) al “mi dispiace, ma lei come cittadino non può ancora giocare” (ma se ho seguito scrupolosamente le regole?!). In totale ho girato in questi cinque giorni più di venti gdr-online ed il risultato è stato sempre lo stesso: quasi mai un neofita è messo in grado di giocare, e troppo spesso viene addirittura messo alla porta.

Credo si sia perso in questi venti anni il senso del gioco di ruolo che era quello di aggregare persone nuove e di poter dare la possibilità alle stesse di sentirsi parte di un gruppo. Forse il terminale ha dato immaginabili possibilità ai migliaia di amanti di questo bellissimo tipo di passatempo di personalizzarsi e costruirsi il proprio personaggio vedendolo muoversi tra steppe desolate, combattendo con feroci orchi e troll, ma togliendo tutta la capacità di reale interazione con i giocatori che lo circondando.

La totale inadeguatezza dei gestori si nota anche dalle caratteristiche grafiche e di gestione del gioco: chat in Java dell’anteguerra con lag mortali, domini gratuiti che limitano la banda, insomma un deserto. Manca a tutt’oggi un portale dedicato a questo gioco (anche a pagamento) che dia la capacità a chiunque di confrontarsi faccia a faccia con un drago. Inoltre va detto che in alcuni di questi gdr-online non si può avere nemmeno un oggetto con sé, né alcun modo per i primi mesi di poterlo comperare in qualche modo, per cui i più pazienti  probabilmente già dopo il secondo giorno salutano e torneranno a World of Warcraft.

Appare lampante che i gestori di molti di questi siti non hanno alcun controllo né alcuna capacità di seguire scrupolosamente cosa avviene e se davvero viene data la possibilità a tutti, anche se non si conosce nessuno, di potersi fare finalmente una partita in santa pace. Le Regole su cosa dire sono tante, ma mai una pagina di FAQ che spieghi esattamente con chi parlare per poter giocare. Inoltre pochi, pochissimi sono coloro che sanno cosa sia un vecchio gioco di ruolo. Tentare inoltre di comprendere i meccanismi di gioco nell’azione è praticamente impossibile.
Ho seguito in silenzio alcune partite e devo dire che l’azione sembra la fusione di una chattata tra ragazzini quindicenni e un joyce ubriaco prima maniera. Anche seguire da personaggio non giocante sembra un delirio: apro la porta, mi sporgo, attacco, fuggo attraverso il corridoio… si sentono personaggi che parlano da attori shakespeariani, con forte trauma cranico.

Concettualmente creare dei siti dove si possa giocare come ai vecchi tempi è una grande idea, peccato che la difficoltà di gestione degli strumenti a disposizione non possa essere sostituita dalla buona volontà, anche dove ve ne fosse. Probabilmente perché nessuno dei master o dei gestori ha mai aperto un manuale di D&D. In poche parole: avventurieri non vi avvicinate a questi posti desolati e dimenticati da Dio, potreste ricevere invece che un caloroso saluto, un “lei non è abilitato a giocare qui”.

Alessio Porcacchia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • LOL scrive:
    bel precedente
    i prossimi: le poste danesi dovranno bloccare tutta la corrispondenza verso l'afghanistan o verranno accusati di connivenza coi talebani.
  • vday scrive:
    Lidi più tranquilli......
    quelli dei VERI LADRONI??????(newbie)(rotfl)
  • kiviv scrive:
    politicamente
    politicamente parlando questo è da considerarsi fascismo?
    • Il Trattore scrive:
      Re: politicamente
      sì...
    • MegaJock scrive:
      Re: politicamente
      Ma fammi il piacere...Si capisce che sei un povero mentecatto che non ha la più pallida idea di cosa sia il fascismo. Sveglia! Giocare a Call of Duty non significa conoscere la Seconda Guerra Mondiale.Dovresti subire un po' di fascismo VERO: persecuzioni, pestaggi, olio di ricino, magari un paio di parenti "scomparsi", e NESSUNO che osa muovere un dito per aiutarti.E tu paragoni il non poter più scaricare filmetti al fascismo. Prima di cagare sulla memoria delle vittime del fascismo, studia.Imbecille.
  • Registrati scrive:
    c'è sempre...
    mininov@ no? :D
  • Los Dovellas Baujiji Parakulahu Brothers scrive:
    Viva la Danimarca! Viva l'Irlanda!
    E viva McCreevy, pure!I più fedeli agli interessi della proprietà intellettuale e di mammina MS!Miei eroi!!! (love)(love)(love)(love)(win)(win)(win)(win)
    • fred scrive:
      Re: Viva la Danimarca! Viva l'Irlanda!
      McCrevy e' stato scelto da Barroso di orientamento di Destra nel Portogallo e ritengo sia stato un grosso errore alla luce di molte decisioni discutibili prese da McCrevy in questi 5 anni (molte scelte antipopolari erano anche ingiustificate). Barroso previo approvazione del collegio potrebbe anche rimuoverlo ma e' tardi perche' questo accada e avremmo dovuto fare un po di lobbying per protestare contro il suo operato.In ogni caso il mandato di Barroso scade fra un anno spaccato, non sappiamo chi gli succedera' ma sarebbe bene far sapere al successore che McCrevy e' stata una scelta sbagliata.
  • xWolverinex scrive:
    OpenDns
    e passa la paura.. no ?
    • fred scrive:
      Re: OpenDns
      anche il dns di un altro operatore che non lo blocchi; molti server dns non hanno restrizioni su chi li utilizza dato che si tratta di un servizio che non richiede grandi risorse;ormai sono due/tre anni che ho installato su windows un porting di BIND per cui non mi appoggio a nessun server dns ed e' pure leggero, magari anche questa e' una strada da intraprendere.
  • anonymoz scrive:
    confesso
    thepiratebay e altri del genero sono ottimi per prendere i libri per chi lavora. ho comprato e comprerò ancora libri ma se vi serve leggere magari solo qualche riga senza comprare tutto il libro soprattutto se non potete permetterveli tutti fateci un pensierino,provate e poi se vi è servito compratelo!
  • 01234 scrive:
    malafede
    devono essere in malafede, per dire "distributori di..." e poi "pirata"...cmq per tutto il resto c'è TOR :-P
    • Ale scrive:
      Re: malafede
      - Scritto da: 01234
      devono essere in malafede, per dire "distributori
      di..." e poi
      "pirata"...

      cmq per tutto il resto c'è TOR :-Pfra l'altro leggevo pochi giorni fà di uno scrittore che ha distribuito il suo libro proprio tramite la baia
      • 01234 scrive:
        Re: malafede
        mi permetto di ribadire che il termine distribuire è impropriosemmai si tratta di (dirlo con lo stesso gesto di De Sica ne "il vigile") segnalarela distribuzione avviene, come il termine stesso spiega, peer to peerOra: se segnalare materiale protetto da DDa è illegale, anche se non si segnala solo quello, che facciamo? chiudiamo pure google?
        • pauroso OT scrive:
          Re: malafede
          see, non stiamo a cercare il pelo nell'uovo....Qui si tratta di un sito che permette de facto a milioni di navigatori di scaricare materiale illegale. Punto. I fatti sono questi.Il resto è aria fritta.Certo poi c'è anche materiale legale, ma dovrebbe occuparsi TPB di scremare il materiale protetto da quello libero...
          • krane scrive:
            Re: malafede
            - Scritto da: pauroso OT
            see, non stiamo a cercare il pelo nell'uovo....
            Qui si tratta di un sito che permette de facto a
            milioni di navigatori di scaricare materiale
            illegale. Punto. I fatti sono questi.
            Il resto è aria fritta.Allo stesso modo lo fa anche google, quindi ?
            Certo poi c'è anche materiale legale, ma dovrebbe
            occuparsi TPB di scremare il materiale protetto
            da quello libero...Gia, ma nelle case degli uploader non dentro i motori di ricerca, altrimenti chiudiamo anche google.
          • 01234 scrive:
            Re: malafede
            invece colla tentazione di fare di tutta l'erba un mazzo, si finisce per perdere di vista i FATTI: sui server di TPB i file NON ci sono. Il resto è aria digerita (capisc'ammé) ;-) E il QUI comprende anche google... :-)
          • rockroll scrive:
            Re: malafede
            @pauroso OT:Il punto è: è illetgale o no dare visibilità a siti/postazioni contenenti materiale protetto accessibile senza corrispettivo? Quando avrai dimostrato questo tipo di illegalità ne riparleremo, ed all'occorrenza vedremo se analogamente vanno resi inoperabili TUTTI i motori di ricerca....Dimmi solo se questa eventualità ti sembra Progresso per l'Umanità...
Chiudi i commenti