I .net ancora a VeriSign

Sostegno diffuso


Washington (USA) – Si allarga la schiera dei nomi del settore tecnologico che sostengono la candidatura di VeriSign al mantenimento del registro dei domini.net che l’anno prossimo ICANN dovrà decidere di assegnare ad altri soggetti o confermare alla stessa VeriSign .

Tra gli ultimi “big” ad aver preso posizione affinché le estensioni internet.net siano gestite anche nei prossimi anni da chi già le gestisce c’è Microsoft . In una lettera al ministero del Commercio l’azienda ha infatti specificato di considerare al massimo livello la performance di VeriSign fino a questo momento e dunque di “sperare che saranno loro ad operare i registri.net in futuro”.

Microsoft ha specificato: “Non percepiamo benefici nel passare ad un altro operatore e vogliamo evitare qualsiasi rischio alle funzionalità che potrebbero verificarsi nel corso della transizione”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Triestin vero scrive:
    Re: Voi che commentate siete tutti conigli..
    A tito lascerai tua madre, monon de testa de cazzo, sciavo merdoso comunista dei miei coioniW Trieste
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco come hanno fatto :D :D :D
    ahahahadenunciate il webmaster... non date sempre la colpa a presunti hackers
  • Anonimo scrive:
    Re: Ragazzi no ho parole
    ì
    La storia degli Hacker e' una cazzata
    pazzesca il puzzo di incompetenza di questa
    gente si sente lontano un miglio... il
    problema e' che il mercato informatico e'
    andato e a fondo e noi con lui anche grazie
    a questo tipo di persone... gente che spara
    baggianate sui media senza che nessuno dica
    nulla...giornalisti: razza a parte
  • Anonimo scrive:
    Ragazzi no ho parole
    La storia degli Hacker e' una cazzata pazzesca il puzzo di incompetenza di questa gente si sente lontano un miglio... il problema e' che il mercato informatico e' andato e a fondo e noi con lui anche grazie a questo tipo di persone... gente che spara baggianate sui media senza che nessuno dica nulla...
  • Anonimo scrive:
    Puzza
    Puzza di puro sbaglio di incompetenza, e di una dichiarazione fatta per coprire questo genere di manchevolezza, dato che la "legge", non è in grado di colpire per incapacità congenita, la passeranno liscia, non so se mi spiego...
  • Anonimo scrive:
    Re: non so se e' un caso...ma...
    - Scritto da: Anonimo
    Sia il sito a riguardo e sia il sito della
    azienda attaccata dagli "hacers" non e' piu'
    raggiungibile.
    Ora sara' un caso, ma io credo che dopo
    quello che e' successo non ne ristentiremo
    piu' parlare.
    Secondo me hanno staccato tutto...
    no no stanno ancora la... purtroppo
  • Anonimo scrive:
    non so se e' un caso...ma...
    Sia il sito a riguardo e sia il sito della azienda attaccata dagli "hacers" non e' piu' raggiungibile.Ora sara' un caso, ma io credo che dopo quello che e' successo non ne ristentiremo piu' parlare.Secondo me hanno staccato tutto...
  • Anonimo scrive:
    Ecco come hanno fatto :D :D :D
    http://www.ngi.it/forum/showthread.php?t=309013Bene, peccato che il "terrorista-hacker" sono io, non ho violato nessun sistema di sicurezza, non ho crakkato nessun hash md5, non ho fatto praticamente nulla.Il 26 luglio, per purissima curiosità [la mia ragazza è iscritta al concorso..] vado a vedere il sito.Sotto la sezione "iscritte", per ogni persona si poteva cliccare, e spuntava un popup con il seguente url:http://www.misstrieste.info/plugins/casting/detailsPub.php?ID=X[dove X è l'ID della persona]Incuriosito, cancello dall'url la scritta "Pub", lasciando solo details.php?ID=XMagicamente [o neanche tanto?] mi si presenta una pagina molto simile, ma contenente i dati personali (in questo caso, della mia ragazza), quali numero di telefono, taglie, codice fiscale, email..Ancora più stupito, cancello l'url fino a lasciare http://www.misstrieste.info/pluginsE vedo che la cartella è completamente browsabile.. NON HO PAROLE, a spendere il meno possibile si rischia di fare delle figure orrende.
  • Anonimo scrive:
    Re: uhm :
    Ma loro mettono le mani
    avanti dicendo che la colpa è
    praticamente di Al Qaeda.
    Ma sei impazzito? Hai detto Al Qaeda! Adesso ti verranno a cercare e ti bombarderanno! Non si può! NON SI PUÒ!
  • Anonimo scrive:
    Re: Voi che commentate siete tutti conig
    Si vede che sono proprio in ferie qui a PI. Primo premio come commento più pacato dell'anno
  • Anonimo scrive:
    Re: HANC
    - Scritto da: Elwood_
    - Scritto da: Anonimo

    La finiamo di scrivere a sproposito? Iil

    termine corretto è cracker. La

    vogliamo capire una buona volta, razza
    di

    giornalisti?
    tratto da hancproject.org

    Chi ha ideato l'HANC e chi sono i suoi
    coordinatori?
    L'idea di tale associazione nasce
    nell'estate 2003 nel forum di
    HackerJournal.it tra un post e l'altro,
    sezione "Filosofia Hacker".
    Da un'idea ad una proposta, subito viene
    accolta dai membri del forum, che si
    diffonde, che trova consensi.
    In seguito a un sondaggio vengono scelti i
    coordinatori dell'organizzazione HANC:
    Alt[O]s, INTERNaTO, Milo_Cutty e
    tracciazero.
    NO COMMENT**************R O F T L !!!!****************
  • Elwood_ scrive:
    Re: Carnefici e non vittime
    - Scritto da: Anonimo
    Carnefici che se la stanno facendo addosso...

    Il teoria, secondo la 196, sono i gestori
    del sito ad essere denunciabili (in
    realtà solo dal 1/1/2005, ora si
    possono solo chiedere i danni per via civile
    e non penale) o citabili in giudizio civile.


    La 196 prevede che i dati personali e
    sensibili siano protetti in un certo modo
    (ad esempio con password di una certa
    lunghezza e con certi criteri di gestione).

    La mancanza di queste misure di sicurezza
    (almeno a leggere quanto scritto da Punto
    Informatico) provoca responsabilità
    civile (dal 2005 penale) , per cui ad
    esempio una qualsiasi partecipante al
    concorso può fare causa e chiedere i
    danni ai gestori del sito perchè non
    hanno predisposto le misure minime di
    sicurezza tali da impedire l'accesso a tali
    dati.

    Secondo me dopo questo episodio qualcuno lo
    ha spiegato ai gestori del sito che,
    accortisi della cazzata fatta, adesso si
    spacciano per le vittime, mentre ad avere le
    responsabilità vere e giuridiche sono
    loro...

    Per cui, se qualcuno ha una parente od amica
    fra le partecipanti al conconcorso le metta
    questa pulce nell'orecchio, è un buon
    modo per fare soldi e mandare a raccoglier
    patate questi sedicenti webmaster...

    ciao !Quanto hai ragione...
  • Elwood_ scrive:
    Re: HANC
    - Scritto da: Anonimo
    La finiamo di scrivere a sproposito? Iil
    termine corretto è cracker. La
    vogliamo capire una buona volta, razza di
    giornalisti?tratto da hancproject.org Chi ha ideato l'HANC e chi sono i suoi coordinatori? L'idea di tale associazione nasce nell'estate 2003 nel forum di HackerJournal.it tra un post e l'altro, sezione "Filosofia Hacker".Da un'idea ad una proposta, subito viene accolta dai membri del forum, che si diffonde, che trova consensi.In seguito a un sondaggio vengono scelti i coordinatori dell'organizzazione HANC: Alt[O]s, INTERNaTO, Milo_Cutty e tracciazero. MA ROTFL DOPPIO ROTFL E ARIROTFL :DElwood==================================Modificato dall'autore il 09/08/2004 11.40.38
  • Elwood_ scrive:
    Re: hands stolen to agricolture...
    - Scritto da: Anonimo

    Parliamoci chiaro, e' il solito
    megaesperto

    webwasher punta e clicca, cugino a zi

    peppino, messo la' per fare il sito (che

    avranno pagato chissa' quanto) perche'
    il

    cugino a zi peppino

    e' un genio col computer (manda anche le

    emails!).

    No guarda, non credo, avranno sbagliato,
    avranno avuto un attacco di qualcuno
    interessato a sbracargli il sito, ma che
    quella gente sia lì grazie a peppino
    non ci credo.eh certo una persona preparata che non c'e grazie a zi peppino mette in pubblico i nomi e i numeri di telefono in barba alla 675/96Difendere una cantonata come questa e' paradossale.
    Le aziende dove questo invece succede ( e
    succede anche di MOLTO PEGGIO ) sono aziende
    grandi che vivono di rendita e sfruttando
    questa elitaria abbondanza nutrono
    interminabili faide, cosche spregiudicate
    che non guardano in faccia a niente e a
    nessuno, raccomandazioni e clientelismi; non
    succede sicuramente in un'azienda
    così piccola che si da da fare in una
    realtà molto negativa, ostica,
    immeritocratica come quella di trieste.Cambiano le scale di grandezza ma il problema IMHO rimane sempre lo stesso. Piccole o Grandi cio' che avvenuto non e' accettabile ne' tantomeno professionale, poi se vogliamo prendercela con le grosse strutture... Qui centra poco, faide, e cosche spregiudicate... qui e' tutto evidente.
    Anche se mi chiedo se possa essere una
    trovata pubblicitaria con tutti quanti
    d'accordo ( ma non mi quadra il rischio
    troppo alto, il gioco non varrebbe la
    candela ), preferisco pensare che abbiano
    sbagliato come tanti, e come tutti quelli
    che a parole sono sicuri di sapere TUTTO e
    invece nei fatti non sanno un FICO SECCO.Tutto fico secco... non capisco di cosa parli speak as you eat..Mi pare chiarissima la denuncia pubblica avvenuta su P.I. e mi pare altrettanto poco credibile IMHO la risposta sul Temibelo lohacker che magheggia sui dati.Come diceva una pubblicita' di uno yogurt "apri gli oci":)Elwood
  • Danx scrive:
    Re: Un pochino di ragione ce l'ha
    si ma codice swordfisdh è un film per l'appunto. La realtà è ben diversa. E' già difficile mantenere la calma quando la tipica strafigona da ufficio, con fare suadente, si poggia alle tue spalle chiedendoti di cambiargli la password (che ha scordato).Mica semplice... ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Già!
  • Anonimo scrive:
    HANC
    La finiamo di scrivere a sproposito? Iil termine corretto è cracker. La vogliamo capire una buona volta, razza di giornalisti?
  • Anonimo scrive:
    Re: hands stolen to agricolture...
    - Scritto da: Anonimo
    Anche se mi chiedo se possa essere una
    trovata pubblicitaria con tutti quanti
    d'accordo ( ma non mi quadra il rischio
    troppo alto, il gioco non varrebbe la
    candela ), preferisco pensare che abbiano
    sbagliato come tanti, e come tutti quelli
    che a parole sono sicuri di sapere TUTTO e
    invece nei fatti non sanno un FICO SECCO.Concordo, e aggiungo che sono privi dell'umiltà di ammettere di aver sbagliato (d'altronde in italia chi ammette mai di aver sbagliato?)
  • Anonimo scrive:
    come sempre....
    ormai gli "hacker" sono considerati il capro espiatorio del nuovo millennio....diciamo la verità...sono pure stati zitti dopo l'avvertimento di PI,perchè si sono accorti della grandissima cazzata che avevano fatto....mandarli a vendere banane?? ;)
  • Piscispada scrive:
    Re: Mettete qui tutti i dati delle ragazze!!
    Non meritano per niente quelle ragazze, fidatevi
  • JRoger scrive:
    Re: Un pochino di ragione ce l'ha

    Voi sommi guru sareste riusciti a mantenere la
    concentrazione necessaria?Ovvio. Non hai visto "Codice: Swordfish" ???:p:p:p:p:p:p:p:p:p
  • Anonimo scrive:
    Carnefici e non vittime
    Carnefici che se la stanno facendo addosso...Il teoria, secondo la 196, sono i gestori del sito ad essere denunciabili (in realtà solo dal 1/1/2005, ora si possono solo chiedere i danni per via civile e non penale) o citabili in giudizio civile. La 196 prevede che i dati personali e sensibili siano protetti in un certo modo (ad esempio con password di una certa lunghezza e con certi criteri di gestione).La mancanza di queste misure di sicurezza (almeno a leggere quanto scritto da Punto Informatico) provoca responsabilità civile (dal 2005 penale) , per cui ad esempio una qualsiasi partecipante al concorso può fare causa e chiedere i danni ai gestori del sito perchè non hanno predisposto le misure minime di sicurezza tali da impedire l'accesso a tali dati.Secondo me dopo questo episodio qualcuno lo ha spiegato ai gestori del sito che, accortisi della cazzata fatta, adesso si spacciano per le vittime, mentre ad avere le responsabilità vere e giuridiche sono loro...Per cui, se qualcuno ha una parente od amica fra le partecipanti al conconcorso le metta questa pulce nell'orecchio, è un buon modo per fare soldi e mandare a raccoglier patate questi sedicenti webmaster...ciao !
  • Anonimo scrive:
    Re: Un pochino di ragione ce l'ha
    - Scritto da: Anonimo
    Io sono gay: bastava affidarlo a degli
    sviluppatori come me e ti assicuro che
    l'unico rischio era che si addormentassero
    per la noiaMa quanto sei rozzo ; - )Dubito di quanto hai detto.Ci sono tanti tipi di gay, dal represso/paranoico "io?NOOOO", all'insospettabile mascolino per arrivare fino alla signorina e in questo caso, ci sarebbe stata tutta un'analisi sul trucco, la femminilità, le misure, gli abiti -"guarda quella!!! è proprio fashion!!!"- delle concorrenti, alla faccia della distrazione eh!!!Ma sei proprio sicuro di essere gay ? : - )Magari sei bi.. ; - )
  • Anonimo scrive:
    Re: Voi che commentate siete tutti conig

    Beh per molti Trieste manco è in
    Italia, per molti Trieste non vale nullaConfermo, più di una volta ho sentito chiedere "Ma Trieste è in Yugoslavia?"
    (massì lasciamola a Tito, all'URSS
    (come volevano far i nostri politici nel 72,
    emersa solo ora questa storiella)).Urca, questo non lo sapevo.
    Ovviamente tutti parlano senza viverciInfatti, una parte di questi cambierebbe idea, l'altra parte sarebbe talmente lobotomizzata da non rendersene conto.Sarebbe da dire, a uno a cui non riesco a rispondere, che è ovvio che da turista può apparire bella, ma cosa vuoi, la superficialità alberga in ogni dove, se è per questo anche a me l'India piace, da turista, ma sono abbastanza sveglio da rendermi conto che non è proprio il caso di andarci a vivere.
    Essendo Triestino non posso che dar ragione
    a YureW: Trieste andava all'Austria per
    motivi storici e motivi economici &
    politici.Concordo. Dopo l'arrivo degli itagliani, in Piazza Dell'Unità D'Italia ( la piazza più grande che si affaccia sul mare ), sulle pareti dei palazzi c'era scritto: "Te prego, Pepi, Torna, Xe tuto perdonà!" cioè "Ti prego, Francesco Giuseppe Imperatore d'Austria, torna, è tutto perdonato!".
    L'Italia dal 54 ad oggi ha solo messo la
    bandiera e le sue leggi (molte delle quali
    definibili assurde).Ed ha assassinato il porto a favore di quell'altro (...) porto italiano.Ed ha ucciso lentamente la città portando via tutti i traffici e i commerci che l'Austria aveva portato, a gratis.Se guardi le foto d'epoca, le rive ed i canali di Trieste erano PIENI di velieri.
    Chi vive sà come gira la città
    sotto l'Italia, uno schifo: c'è crisi
    dapperttutto nelle aziende e fabbriche, ilBeh effettivamente, poi ci sono in certe GGrandi Aziende delle belle discriminazioni ETNICHE a favore di coloro i quali dopo la guerra hanno perso qualcosa... e a scapito di onesti lavoratori ( MOBBING MOBBING MOBBING MOBBING dalla MAFIETTA ben nascosta, e guai a chi non si sottomette e non ringrazia!!! )
    porto amministrato da una signora messa li
    da Berlusconi che non fa nulla (infatti
    c'è crisi pure la, con il porto di
    Koper che gode), ovviamente non parliamo deiQuesto non lo sapevo, so invece della notizia di non molti giorni fa: un armatore che aveva deciso di usare il porto di Trieste per scaricare la merce dalle sue navi ha cambiato idea appoggiandosi a Capodistria ( Slovenia ) perchè, a quanto ho sentito dai telegiornali, a causa della disorganizzazione del porto, svuotare le navi dai container costava così tanto che ne riceveva un danno invece che un beneficio.
    Tutto questo con l'Austria non succederebbe,
    inquanto sanno organizzarsi un pochinoPurtroppo l'Austria di una volta non c'è più.Per farsi un'idea comunque basta andare nell'Austria di oggi.Basta vedere come vendono i giornali: un paletto per strada e una scatola appesa, il buco per le monetine e il giornale da prendere, niente lucchetti, tutto libero, credi che qui funzionerebbe?? Ah ah ah!!! AH AH AH!!!
    meglio, e la storia insegna: se Trieste ha
    bei palazzi è tutto merito
    dell'Austria, non di sicuro di un Italia che
    solo chiede soldi e detta legge in una terra
    non sua.Il colmo è che Trieste prima dell'Austria non era NIENTE.Trieste durante l'Austria era il PORTO DELL'IMPERO, a gratis, una città imperiale.Trieste dopo l'Austria, ahimè, non è più niente.Qualcuno dice che i triestini sono i meridionali del Nord: voglia di lavorare saltami addosso: sono ancora assopiti nei fausti del passato, e nell'attesa -fico cascami in bocca- dell'arrivo di un nuovo impero e di far parte di qualche elite privilegiata perchè tanto il popolo si maltratta e si comanda.Io sono nato a trieste ma ho conosciuto molta gente di diverse città fin da giovane, ho anche lavorato fuori regione, e posso dire che la concentrazione di gente cinica, maleducata, imbrogliona, trafficona, nevrotica, qui è altissima, sarà colpa delle poche risorse che porta la gente a incattivirsi così tanto, ma c'è qualcosa che non va, decisamente.Persino Umberto Saba, che tanto amava questa città, in un suo libro l'ha definita una città malata.E città malata è infatti, da questa città sono partiti molti studi di settore per combattere il fenomeno del MOBBING che tanto ascendente ha verso dirigenti ILLUMINATI e di carrieristi a qualsiasi costo di qualche GGrande Azienda, e in questa città che vive di terziario e servizi, l'occasione proprio non manca.L'ho presa molto larga comunque concordo che chi parla di Trieste per poterlo fare con cognizione di causa deve venirci a vivere e a lavorare per un bel pò, e senza privilegi o le comodità che qualche """amicizia""" può procurare in ambito lavorativo, ma come una persona normale che in una città ci deve viverre.Io penso sia la città perfetta per i trafficoni (...) e i cinici ( ma che vivano di rendita ).Saluti d'élite imperialeFrancesco
  • Anonimo scrive:
    Re: Un pochino di ragione ce l'ha
    Io sono gay: bastava affidarlo a degli sviluppatori come me e ti assicuro che l'unico rischio era che si addormentassero per la noia
  • Anonimo scrive:
    Re: cracker non hacker
    - Scritto da: Anonimo
    adesso non dire scemenze , tutti i dati
    sensibili mi sembra troppo , al massimo hai
    trovato alcune prenotazioni di visite (cup)
    anche difficili da decodificare.
    Bhè, dipende da cosa intendi per dati sensibili. Il sistema (remedes mi pare si chiamasse) non faceva altro che stampare la pagina della prenotazione, che erano le stesse contenute in quella directory. Sopra c'erano nome, cognome, codice fiscale, indirizzo, eventuale recapito telefonico, e ovviamente il tipo di visita per il quale si era fatta la prenotazione (ovvio che se prenoti in oncologia non hai la carie).Anzichè ammettere la cosa l'admin si era nascosto dietro a una finta incursione di hacker (...) e aveva fatto una bella querela verso ignoti. Quando un anno dopo sono stato chiamato dalla polizia a spiegare come mai il mio ip era loggato in quel server ero tentato a fare querela a mia volta, ma ho lasciato perdere quando chi mi faceva le domande ha visto che ero entrato dalla porta 80 e si è messo a ridere... non nego che la cosa mi abbia spaventato a morte... intanto il coglionazzo si è parato il deretano a mie spese...
  • DPY scrive:
    Re: Figuraccia

    Io sicuro, infatti è la prima cosa
    che mi è venuta in mente..
    Ad ogni modo, usando Opera, se uno cliccava
    su "UP" invece che su Back, si ritrovava
    davanti la dir della folder ./casting/,
    visto che era browsabile.Ah, be', se è così le cose cambiano, non avendo visto il sito non sapevo dove fosse il problema. Mi sembra comunque di vedere una sottile perfidia di PI, che lascerà una notizia così imbarazzante in prima pagina fino al 23 agosto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Figuraccia
    - Scritto da: FuSioN

    Che tentativo di hacking, ah? :D
    E ti credo che neanche il Pentagono abbia resistito.Non c'è modo di proteggersi da un attacco del genere. Se lo chiedi al respnsabile della ditta, ti dirà che neanche spegnendo il server si può essere al sicuro, con tecniche così terrificanti.
  • Danx scrive:
    Un pochino di ragione ce l'ha
    Nonostante sia daccordo che abbia sparato una panzana grande quanto giove, ma pensateci un attimo...E se questo tipo abbia sviluppato il sito circondato da figone per tutto il tempo dimenticandosi di inserire una protezione adeguata?Voi sommi guru sareste riusciti a mantenere la concentrazione necessaria?:D:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Mostra di Sanitari
  • FuSioN scrive:
    Re: Figuraccia
    - Scritto da: DPY
    ok, l'indirizzo web indicato era
    relativamente prevedibile, ma sono proprio
    tanti quelli che vanno a provare delle url a
    caso, sperando di indovinarla? Io sicuro, infatti è la prima cosa che mi è venuta in mente.. Ad ogni modo, usando Opera, se uno cliccava su "UP" invece che su Back, si ritrovava davanti la dir della folder ./casting/, visto che era browsabile.Che tentativo di hacking, ah? :D==================================Modificato dall'autore il 05/08/2004 16.22.55
  • Spierpa89 scrive:
    Asta**vista Hacker's Group
    Ma che state scherzando...E' stato un tipo particolare di attacco di cui ancora adesso non si conoscono tutti gli effetti. Infatti fortunatamente lui è un sysadmin che controlla i suoi server 34 ore su 24. Appena si accorto nei log dei server capì che il sistema era questo: lui utilizzava due server connessi in rete Server e Work e loro avevano due ip con accesso root agli hd. Nonostante lui usasse grandi sistemi di sicurezza come firewall & co. gli hacker dell'Asta**vista Hacker's Group con attacchi dDoS di nuova generazione hanno fatto crashare il server Work e falsificando il proprio ip sono entrati nella cartella del Server e hanno modificato tutte i database mysql facendo in modo che tutti potessero vederli. "n.d.r. Stesso attacco utilizzato da Kevin Mitnick ai sistemi dell'FBI". Ma appena lui vide nei log questa magagna di sicurezza prese il primo aereo per l'America e comunicò la situazione catastrofica al Convegno Nazionale sulla Sicurezza Informatica" che avveniva in concomitanza con la festa locale "Pettole e Tarantelle". Ma appena illlustrata la situazione al presidente Bush tornò qui in italia e bloccò tutte le persone che volevano copiare i dati secondo la buona regola "si vede ma non si tocca". Una sera mentre si vantava delle sue opere di bene nei confronti di noi poveri idioti che nn capiamo niente di informatica gli venne la grandissima idea di insegnare alla gente come risolvere questo problema dell'attacco dell' Asta**vista Hacker's Group. Ora sta scrivendo un libro sulla protezione informatica e verrà assoldato dall'FBI come sysadmin ai siti della NASA. Ragazzi abbiamo scoperto un genio...
  • cico scrive:
    Re: gorgoglii telefonici...
    ROTFL :-D
  • Elwood_ scrive:
    Re: Figuraccia
    - Scritto da: DPY
    ...non solo dei responsabili del sito, ma di
    chi lo ha fatto. L'unico riferimento che si
    trova nel sito è di una agenzia
    pubblicitaria, messo in basso a sinistra
    della home page. Chissà se anche a
    questa azienda sta bene aver fatto una tal
    figuraccia...

    C'è comunque una osservazione da
    fare: ok, l'indirizzo web indicato era
    relativamente prevedibile, ma sono proprio
    tanti quelli che vanno a provare delle url a
    caso, sperando di indovinarla? E questo, tra
    l'altro, su un sito vetrina ove quei
    dati non avrebbero avuto titolo di stare? A
    me viene il dubbio che questa sia stata una
    segnalazione dall'interno tanto per
    sollevare un po' di polverone.eh mica andrebbe preso sotto gamba quello che hai detto...
  • Anonimo scrive:
    gorgoglii telefonici...
    prontooooooooo........... prontooooooooooo anf! anf! anf!sono l'hackker che ronza...ANF! ANF! ANF!:D:D:D:D:Dse ero il fidanzato di qualcuna di quelle ragazze al webmaster gli facevo un cazzottoni injection altroche'
  • Elwood_ scrive:
    hands stolen to agricolture...
    But veri veri veri fasion :)C'e' poco da dire, ma qualo hacker-cracker-lamer-damer-kramer vanno cianciando sti tipi?Ma chi ci crede?E' vero? facessero la denuncia alla polpost (sai le risate che si fa la polpost, ma secondo me non lo fanno visto le norme di legge vigenti :D)Parliamoci chiaro, e' il solito megaesperto webwasher punta e clicca, cugino a zi peppino, messo la' per fare il sito (che avranno pagato chissa' quanto) perche' il cugino a zi peppinoe' un genio col computer (manda anche le emails!).Ritorniamo a bomba sulla questione purtroppo:E' inutile che si cerchi di spiegare cosa siano le regole sulla privacy, o come devono essere gestiti i siti e i dati su tali siti, C'E UN IGNORANZA ABBISSALE DI FONDO ...ENORME DIREI GALATTICA.C'e' una gestione eufemisticamente parlando alla carlona.Quand'e' che invece al cugino de zi peppino chiameranno qualche consulente triestino, con poche amicizie ma che sa quello che fa?Ma quale hakker... una bella zappa!Rodotàvolmente vostro Elwood
    • Anonimo scrive:
      Re: hands stolen to agricolture...
      - Scritto da: Elwood_
      Ma chi ci crede?Il giornalista, tanto per cominciare, e poi il 99% della gente che leggerà l'articolo e che non riconosce la differenza tra un PC ed un tostapane. Triste, ma è così.
    • Anonimo scrive:
      Re: hands stolen to agricolture...

      Parliamoci chiaro, e' il solito megaesperto
      webwasher punta e clicca, cugino a zi
      peppino, messo la' per fare il sito (che
      avranno pagato chissa' quanto) perche' il
      cugino a zi peppino
      e' un genio col computer (manda anche le
      emails!).No guarda, non credo, avranno sbagliato, avranno avuto un attacco di qualcuno interessato a sbracargli il sito, ma che quella gente sia lì grazie a peppino non ci credo.Le aziende dove questo invece succede ( e succede anche di MOLTO PEGGIO ) sono aziende grandi che vivono di rendita e sfruttando questa elitaria abbondanza nutrono interminabili faide, cosche spregiudicate che non guardano in faccia a niente e a nessuno, raccomandazioni e clientelismi; non succede sicuramente in un'azienda così piccola che si da da fare in una realtà molto negativa, ostica, immeritocratica come quella di trieste.Anche se mi chiedo se possa essere una trovata pubblicitaria con tutti quanti d'accordo ( ma non mi quadra il rischio troppo alto, il gioco non varrebbe la candela ), preferisco pensare che abbiano sbagliato come tanti, e come tutti quelli che a parole sono sicuri di sapere TUTTO e invece nei fatti non sanno un FICO SECCO.
  • Anonimo scrive:
    Re: un simpatico burlone
    nn kkjksàà pòwoq ajsp w3 qòqlsa q wpsla masòlOK?
  • Chrono scrive:
    Re: Non sono stati copiati ...
    - Scritto da: Anonimo
    Guarda che le tracce evidenti sono la
    segnalazione di PI che ha detto


    FESSACCHIOTTI TAPPATE IL BUCONe sei sicuro? Hai dato un'occhiata all'elenco dopo l'accesso e prima che l'amministrazione se ne accorga?Si potevano aggiungere concorrenti a piacimento....Tu che avresti fatto? ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: uhm :
    Si sono d'accordo. Oltre ad essere una pessima figura potrebbe anche essere indice di guai. In questo caso basta citare alcuni paroloni quali Pentagono, hacker ecc e subito gli animi si placano, quasi a dire "era inevitabile"
  • Anonimo scrive:
    Re: un simpatico burlone
  • Anonimo scrive:
    E poi dicono male dei meridionali...
    Bisogna dire che anche a Trieste i paraventi abbondano e che "faccia tosta". :| :| :|
  • Anonimo scrive:
    un simpatico burlone
    okay per la faccia tosta di dire che e colpa d'altri che glielhanno bukato, ma kome kavolo fai a dire ke nn sn stati kopiati se erano accessibili a tt???
  • Anonimo scrive:
    Re: Già!
    - Scritto da: Anonimo
    ... e poi c'era la marmotta che incartava la
    cioccolata... ;)ROTFL!!!
  • UmAnOiDe/69 scrive:
    Re: Voi che commentate siete tutti conig
    A viverci non saprei, ma a vedere la tua splendida città io ci vengo sempre volentieri. Problemi ne avrete certamente tantissimi (sapessi noi a Roma...) però avete la fortuna di vivere in un luogo magnifico, fuori dal tempo, suggestivo come pochi altri. Anche se con dei webmaster un po' rincoglioniti! (ma quello è un dramma che non conosce latitudini o confini)E se tanto mi da tanto, io mi accontenterei di conoscere le ultime classificate al concorso di miss "mula". ;-)Besos
  • Anonimo scrive:
    "pennivendoli", non "giornalisti"
    altro che "cracker", non "hacker" ...
  • Anonimo scrive:
    Mi dareste il link?
    Qualcuno puo' postare il link se lo trova?Tra l'altro conosco uno che lavora al Piccolo... spero tanto che non sia suo l'articolo in questione... altrimenti gli telefono e gli dico di venire a leggersi i commenti direttamente qui :DCoD
  • Anonimo scrive:
    Re: Voi che commentate siete tutti conig
    - Scritto da: YureW

    - Scritto da: Anonimo


    Bah!... Trieste andava lasciata a TITO
    50

    anni fa...

    Trieste andava lasciata all'Austria 100 anni
    fa.
    Evita di parlare di cose che non sai, non
    scherzare su certi argomenti.

    Per quanto riguarda il coraggio di chi ha
    fatto quelle dichiarazioni, è
    veramante notevole: la capacità di
    non vergognarsi mai di niente è il
    vero motore della politica e dell'economia
    attuali.Beh per molti Trieste manco è in Italia, per molti Trieste non vale nulla (massì lasciamola a Tito, all'URSS (come volevano far i nostri politici nel 72, emersa solo ora questa storiella)).Ovviamente tutti parlano senza viverci perchè vorrei vedere se quell'anonimo avesse vissuto sotto Tito anche 2 mesi della sua vita capirebbe qualcosa in più prima di sparlar.Essendo Triestino non posso che dar ragione a YureW: Trieste andava all'Austria per motivi storici e motivi economici & politici.L'Italia dal 54 ad oggi ha solo messo la bandiera e le sue leggi (molte delle quali definibili assurde). Chi vive sà come gira la città sotto l'Italia, uno schifo: c'è crisi dapperttutto nelle aziende e fabbriche, il porto amministrato da una signora messa li da Berlusconi che non fa nulla (infatti c'è crisi pure la, con il porto di Koper che gode), ovviamente non parliamo dei servizi sociali che un comune decente dovrebbe assicurare almeno a chi possiede un età avanzata ed è solo (esempio: mio nonno 94 anni vedovo, MAI un assistente sociale s'è interessato di come vive, di cosa mangia, se gli basta la pensione ,...)Tutto questo con l'Austria non succederebbe, inquanto sanno organizzarsi un pochino meglio, e la storia insegna: se Trieste ha bei palazzi è tutto merito dell'Austria, non di sicuro di un Italia che solo chiede soldi e detta legge in una terra non sua.Con questo Vi porto distinti saluti e Vi invito a viver a Trieste prima di (s)parlare.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non sono stati copiati ...
    Guarda che le tracce evidenti sono la segnalazione di PI che ha dettoFESSACCHIOTTI TAPPATE IL BUCO
  • sh4d scrive:
    Re: Non sono stati copiati ...
    gia il fatto che si siano accorti dell'incursione è sospetto :)se chi è entrato non avesse lasciato tracce evidenti secondo me niente si sarebbe mosso..
  • Anonimo scrive:
    Re: cracker non hacker
    - Scritto da: Anonimo
    Qua non siamo su Panorama.Dateci un taglio, date solo fastidio con questa menata del cracker. Mangiate un biscotto.
  • Anonimo scrive:
    forse sono io l'hacker? in galeraaa
    ...ho provato a fare un pò di sql injection dopo la scoperta della falla, è diciamo che neanche li sono stati tanto bravi, visto che provocando errori sql mi spara fuori tutta la query...be' sbagliando s'impara...magari se si leggono questo tapperanno anche quella falla, perchè se trovano qualcuno che non lo fa per mera curiosità sono azzi acidi.
  • 3p scrive:
    Re: Non sono stati copiati ...
    - Scritto da: YureW
    Certo che l'intervista rilasciata dal
    responsabile della società denota un
    vero talento naturale per la fregnaccia, ma
    supera i confini della realtà quando
    afferma che "non gli risulta che i dati sono
    stati copiati". Il massimo, lui sa
    addirittura che uno, a casa, ha letto i dati
    ma non li ha copiati.
    Gente, questo è uno che farà
    carriera.Cribbo! Ora licenzio subito Bondi! Voglio quest'uomo a curare i miei rapporti con gli italiani! Silvio(non prendetela dal punto di vista politico...)
  • Anonimo scrive:
    LOL ! Non riesco a smettere di ridere !
    Ma sì... dai... visto che non sono capaci di mettere in piedi un sito e di proteggere le pagine sensibili tanto vale dare la colpa a ignoti "hackers" (dubito sappiano il significato del termine "crackers") che sono un po' come il sale ed il pepe e ben si prestano a mascherare l'incompetenza di chi crea, gestisce ed amministra un sito...Delle sane risate per iniziare la giornata non fanno mai male :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Voi che commentate siete tutti conig
    - Scritto da: samu
    complimenti a tutti e due !! qual raro
    esempio
    di ignoranza storica (100 anni fa ? 50 anni
    fa ? )
    e di razzismo; bossi in confronto a voi e'
    un moderato . Non vedo il problema. Cent'anni fa Trieste era città dell'Impero austro - ungarico, o no? Lo era dal 1382, più di 500 anni inframmezzati da qualche occupazione francese. Se vuoi farci la punta, visto che TS è passata all'Italia nel 1918, avrei dovuto dire "Trieste andava lasciata all'Austria 85 anni, 8 mesi e 3 giorni fa", ma magari in risposta ad un "lasciata a tito 50 anni fa" mi pare più appropriato un numero tondo come il 100. La questione non era quella di far bella figura coll'insegnante di storia mostrando che si sanno benissimo le date.Non ho capito neanche quella del razzismo: né io né quell'altro abbiamo parlato di razze di nessun genere, ed il confronto con Bossi è decisamente fuori luogo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non avete letto il resto dell'artico

    Sono ormai vent'anni che l'informatica
    è diffusa in modo ampio, sarebbe per
    lo meno il caso che alcuni rudimenti tecnici
    e culturali entrassero a far parte delle
    conoscenze base almeno dei giornalisti. Il piccolo di Trieste fa parte del gruppo L'Espresso, editore anche di Repubblica. E' vero che una notizia del genere viene gestita dalla redazione locale, ma un minimo di controllo da parte centrale non ci starebbe male.
  • samu scrive:
    Re: Voi che commentate siete tutti conig
    - Scritto da: YureW

    - Scritto da: Anonimo


    Bah!... Trieste andava lasciata a TITO
    50

    anni fa...

    Trieste andava lasciata all'Austria 100 anni
    fa.
    Evita di parlare di cose che non sai, non
    scherzare su certi argomenti.
    complimenti a tutti e due !! qual raro esempio di ignoranza storica (100 anni fa ? 50 anni fa ? )e di razzismo; bossi in confronto a voi e' un moderato .
  • DPY scrive:
    Figuraccia
    ...non solo dei responsabili del sito, ma di chi lo ha fatto. L'unico riferimento che si trova nel sito è di una agenzia pubblicitaria, messo in basso a sinistra della home page. Chissà se anche a questa azienda sta bene aver fatto una tal figuraccia...C'è comunque una osservazione da fare: ok, l'indirizzo web indicato era relativamente prevedibile, ma sono proprio tanti quelli che vanno a provare delle url a caso, sperando di indovinarla? E questo, tra l'altro, su un sito vetrina ove quei dati non avrebbero avuto titolo di stare? A me viene il dubbio che questa sia stata una segnalazione dall'interno tanto per sollevare un po' di polverone.
  • Anonimo scrive:
    complimenti
    Eh si, complimenti sinceri. Ci vuole del pelo sullo stomaco per riuscire a pararsi sparandola cosi grossa. Sicuro che e' stato il sabotaggio di un hacker, come no?!?
  • Anonimo scrive:
    Non sono stati copiati ...
    Certo che l'intervista rilasciata dal responsabile della società denota un vero talento naturale per la fregnaccia, ma supera i confini della realtà quando afferma che "non gli risulta che i dati sono stati copiati". Il massimo, lui sa addirittura che uno, a casa, ha letto i dati ma non li ha copiati. Gente, questo è uno che farà carriera.
  • Anonimo scrive:
    Re: uhm :
    - Scritto da: mak
    secondo voi è una mera strategia di
    marketing dell'azienda che ha sviluppato il
    sito o credono realmente che siano stati
    attaccati da Hacker Internazionali
    (così definiti dal quotidiano locale)
    che hanno usato tecniche simili a quelle
    usate per entrare nel Pentagono???

    non mi fa dormire la notte questa domanda.Niente strategia di marketing, stanno solo cercando di scaricare le proprie responsabilità su ignoti. Perché di responsabilità ne hanno: se io fossi una delle concorrenti (ma sono un poco troppo peloso per essere una concorrente) potrei anche ritenermi danneggiato dal fatto che il mio numero di telefonino circoli assieme a nome e cognome ed indirizzo tra cani e porci, e magari una querelina la farei. Ma loro mettono le mani avanti dicendo che la colpa è praticamente di Al Qaeda.==================================Modificato dall'autore il 05/08/2004 8.25.09
  • Anonimo scrive:
    Voi che commentate siete tutti conigli..
    ...dediti alle banali cose vere. Questo invece è coraggio!!!Alzi la mano chi avrebbe avuto il fegato di sostenere una simile fregnaccia!Bah!... Trieste andava lasciata a TITO 50 anni fa...
    • Anonimo scrive:
      Re: Voi che commentate siete tutti conig
      - Scritto da: Anonimo
      Bah!... Trieste andava lasciata a TITO 50
      anni fa...Trieste andava lasciata all'Austria 100 anni fa. Evita di parlare di cose che non sai, non scherzare su certi argomenti.Per quanto riguarda il coraggio di chi ha fatto quelle dichiarazioni, è veramante notevole: la capacità di non vergognarsi mai di niente è il vero motore della politica e dell'economia attuali.
    • Anonimo scrive:
      Re: Voi che commentate siete tutti conig
      - Scritto da: Anonimo
      Alzi la mano chi avrebbe avuto il fegato di
      sostenere una simile fregnaccia!Decisamente no :D :D :DSecondo me però la gravità sta nel fatto che sono stati creduti. Questo vuol dire che la stampa si beve di tutto, e applicando lo stesso processo in altri settori, forse più importanti di Miss Trieste, mi fa pensare molto male :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Voi che commentate siete tutti conigli..
      - Scritto da: Anonimo
      ...dediti alle banali cose vere. Questo
      invece è coraggio!!!
      Alzi la mano chi avrebbe avuto il fegato di
      sostenere una simile fregnaccia!
      Bah!... Trieste andava lasciata a TITO 50
      anni fa...Ma fottiti bastardo. Non scherzare su cose che non conosci. Se ti vedo ti sparo un colpo in testa.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non avete letto il resto dell'artico
    - Scritto da: Anonimo
    Apparso sul piccolo: pietoso. Hanno
    paragonato l'attacco subito (???????) ad
    altri attacchi subiti dal pentagono (????
    spero non basti digitare un url per accedere
    ai segreti del pentagono). Inoltre
    commentavano il tutto dicendo che "è
    sicuramente opera di professionisti".
    Ridicoli.Ho letto il resto dell'articolo, e mi è venuto da piangere: c'è da aver paura dei giornali e dei giornalisti, ma paura veramente, perché per come sono capaci di rigirare le frittate, se domani qualcuno mi spara sul giornale fanno passare me per assassino e lui per vittima. Sono ormai vent'anni che l'informatica è diffusa in modo ampio, sarebbe per lo meno il caso che alcuni rudimenti tecnici e culturali entrassero a far parte delle conoscenze base almeno dei giornalisti. D'altra parte, l'ignoranza del giornalista torna abbastanza comoda agli organizatori del concorso e ai responsabili della pagina Web, visto che, per come la notizia è stata data, non sono gli organizzatori ad aver diffuso indebitamente dati personali, ma i cattivi hackeracci ad aver rubato informazioni.Molto, molto comodo. Mi farebbe comodo avere un giornalista così per le mani: domani rapino una gioielleria e poi, grazie ai suoi articoli, querelo il gioielliere perché mi ha procurato escoriazioni lanciandomi addosso collane ed anelli.E questa storia della parola "hacker" usata sempre e comunque con connotazioni negative ha stufato veramante. Sarebbe interessante vedere cosa succede se si cominciasse, tutti, ad usare il termine "giornalista" come sinonimo di "bugiardo prezzolato", o "inaffidabile pataccaro".
  • Anonimo scrive:
    Re: cracker non hacker
    - Scritto da: Anonimo
    Mi ricorda quando il sottoscritto si
    trovò davanti tutti i dati sensibili
    del server dell'asl di asti... ero di colpo
    siventato un hacker cattivo, e solo
    digitando un url :Dadesso non dire scemenze , tutti i dati sensibili mi sembra troppo , al massimo hai trovato alcune prenotazioni di visite (cup) anche difficili da decodificare.
  • Anonimo scrive:
    Re: Già!
    Hahahahahahaha :-Dmitico!
  • Anonimo scrive:
    Re: cracker non hacker
    - Scritto da: Anonimo
    adesso per non fare la figura degli inetti
    tirano fuori la scusa dei cAtTiViSsiMi
    hACkErs,dimostrando ancora di più la
    loro deficienza essenziale....il guaio è che lo dimostrano solo a noi (che già l'avevamo capito e di un'ulteriore conferma non sentivamo il bisogno)ora per la massa che legge il giornale, "quei criminali di acher" ce l'hanno con loro
  • Anonimo scrive:
    Già!
    ... e poi c'era la marmotta che incartava la cioccolata... ;)
  • mak scrive:
    uhm :
    secondo voi è una mera strategia di marketing dell'azienda che ha sviluppato il sito o credono realmente che siano stati attaccati da Hacker Internazionali (così definiti dal quotidiano locale) che hanno usato tecniche simili a quelle usate per entrare nel Pentagono???non mi fa dormire la notte questa domanda.
  • Anonimo scrive:
    Re: cracker non hacker
    I cracker io li mangio col prosciutto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non avete letto il resto dell'artico
    - Scritto da: Anonimo
    Apparso sul piccolo: pietoso. Hanno
    paragonato l'attacco subito (???????) ad
    altri attacchi subiti dal pentagono (????
    spero non basti digitare un url per accedere
    ai segreti del pentagono)Cerca su usenet e vedrai che l'ultima frase non è proprio scorretta.
  • Anonimo scrive:
    Non avete letto il resto dell'articolo
    Apparso sul piccolo: pietoso. Hanno paragonato l'attacco subito (???????) ad altri attacchi subiti dal pentagono (???? spero non basti digitare un url per accedere ai segreti del pentagono). Inoltre commentavano il tutto dicendo che "è sicuramente opera di professionisti". Ridicoli.
  • Anonimo scrive:
    Re: cracker non hacker
    meglio dare la colpa agli Hackers che alla loro incapacità e mancanza di conoscenze in campo di sicurezza :@:@
  • Anonimo scrive:
    Re: cracker non hacker
    - Scritto da: Anonimo
    Qua non siamo su Panorama.Credo sia l'ultima delle cose da guardare in questo articolo, il succo è tutt'altro.Inoltre sono i gestori del sito ad averli definiti hacker, non PI
  • Anonimo scrive:
    Re: cracker non hacker
    Mi ricorda quando il sottoscritto si trovò davanti tutti i dati sensibili del server dell'asl di asti... ero di colpo siventato un hacker cattivo, e solo digitando un url :D
  • Anonimo scrive:
    Re: cracker non hacker
    no,leggi bene l'articolo!nemmeno trattasi di cracker!!!semplicemente i dati delle ragazze erano in chiaro,pubblicati sul web e liberamente accessibili a tutti.adesso per non fare la figura degli inetti tirano fuori la scusa dei cAtTiViSsiMi hACkErs,dimostrando ancora di più la loro deficienza essenziale....del resto da gestori di concorsi di miss...che vi aspettavate?!- Scritto da: Anonimo
    Qua non siamo su Panorama.
  • Anonimo scrive:
    Re: cracker non hacker
    appunto, sono quelli che l'hanno definito un attacco hacker.... non PI. ;)
  • Anonimo scrive:
    cracker non hacker
    Qua non siamo su Panorama.
Chiudi i commenti