I player MP3 registreranno (con un chip)

Un nuovo chippetto superveloce consentirà ai player portatili di riprodurre e registrare musica nello stesso tempo. Anche senza PC, per gestire tutti i maggiori formati di musica digitale


Austin (USA) – Con quello che definisce il chip embedded ARM-7 più veloce al mondo, Cirrus Logic promette di rivoluzionare il mercato dei player MP3 portatili e favorire la nascita di nuovi lettori di musica “da passeggio” in grado di riprodurre e registrare contemporaneamente audio in formato MP3. Un fattore che, secondo Cirrus, “aprirà la strada ad un’intera nuova categoria di dispositivi digitali per l’intrattenimento”.

Il tono leggermente sopra le righe di Cirrus si deve a quelle che l’azienda considera qualità del tutto innovative. Sarà il mercato, molto presto, a determinare se lo sono davvero e se incontrano davvero le necessità a cui Cirrus ha dichiarato di voler rispondere.

Il nuovo chippetto, l’EP7312-90, gira ad una frequenza di clock di 90 MHz, potenza più che sufficiente, dichiara Cirrus, per consentire la codifica di audio MP3 in tempo reale e la decodifica di tutti i maggiori formati di musica digitale in circolazione. Le doti velocistiche di questo nuovo processore embedded dovrebbero poi far compiere un salto di qualità anche alle interfacce ed ai sistemi operativi che vengono adottati nei player portatili, pur con un occhio di riguardo ai consumi.

Cirrus prevede di vendere il suo chip ad un costo concorrenziale e di raggiungere, oltre al mercato dei player MP3, anche quello delle set-top box, delle autoradio e degli handheld.

“Le prestazioni superiori dell’EP7312-90 consentono ai produttori di sviluppare una nuova generazione di prodotti digitali per l’intrattenimento che eliminino la necessità di un personal computer per la creazione di contenuti audio digitali”, ha affermato Lew Paceley, vice presidente della Crystal Products Division di Cirrus Logic. “Potendosi avvalere di una codifica MP3 real-time, i produttori possono costruire dispositivi multimediali basati su memoria flash in grado di registrare e memorizzare dati CD/MP3 durante la riproduzione, consentendo così l’archiviazione su di un unico CD-RW di più di 10 ore di musica”.

Oltre al formato MP3, il chippetto di Cirrus integra il supporto alla decodifica dei formati WMA e AAC, fornendo anche il supporto alle tecnologie di digital rights management e ad altri meccanismi di autenticazione attraverso Internet, una funzionalità che incontra il favore dei produttori di contenuti ma che non è detto incontri anche quello degli utenti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    basta con questo Open Source....
    penso non leggerò più questa rivisa on-line;il continuo parlare di OpenSource mi indispone sul serio;non ho neanche più volgia di dire perchè.Continuate pure con il vostro OpenSource, se vi va.Io non ci sto.
    • Anonimo scrive:
      Re: basta con questo Open Source....
      Per favore mi spieghi il motivo per cui "il parlare di Open Source ti indispone"?Non ho mai visto altri tuoi post su PI.(cmq non serve che abbandoni PI del tutto, basta che leggi solo le notizie che non parlano di OS - oppure che salti i commenti dei lettori)
      • Anonimo scrive:
        Re: basta con questo Open Source....
        Ma, forse ho esagerato....sono stato troppo categorico.Io non sono contro l'OpenSource , anche perchè a livello tecnico-scientifico offre delle interessanti possibilità, come software molto potenti, codice sorgente da studiare e da cui imparare, grandi servizi alla portata di tutti.L'unica cosa che mi chiedo e sempre mi chiederò è questa: da dove viene il giusto profitto per l'ingegno del programmatore/analista ? Solo dal lavoro "orario" sul posto ?Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: basta con questo Open Source....
          - Scritto da: d...x
          Ma, forse ho esagerato....

          sono stato troppo categorico.
          Io non sono contro l'OpenSource , anche
          perchè a livello tecnico-scientifico offre
          delle interessanti possibilità, come
          software molto potenti, codice sorgente da
          studiare e da cui imparare, grandi servizi
          alla portata di tutti.

          L'unica cosa che mi chiedo e sempre mi
          chiederò è questa: da dove viene il giusto
          profitto per l'ingegno del
          programmatore/analista ? Solo dal lavoro
          "orario" sul posto ?

          Saluticome programmatore dipendente io prendevo solo quello. E allora? Se avessi programmato in Open Source sarebbe stata la stessa cosa x me.
  • Anonimo scrive:
    Se cambiassimo prospettiva?
    E' vero che il centrosinistra accolse a braccia aperte Bill Gates. E' vero anche che il centrodestra sta facendo la stessa cosa, solo piu' sfacciatamente.Io non credo che i nostri politici siano tutti idioti. In un contesto internazionale in cui ogni giorno aumentano gli stati che ricorrono a Linux, se due governi di segno opposto fanno la stessa cosa vuol dire che ce li hanno costretti.Quindi la domanda diventa: come fa la Microsoft ad essere cosi' potente (e, soprattutto, perche' in Italia e' piu' potente che altrove?)
    • Anonimo scrive:
      Re: Se cambiassimo prospettiva?
      Guarda, come fa ad essere così potentelo puoi capire dai suoi bilanci.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se cambiassimo prospettiva?
      Innanzitutto precisiamo che non è vero che Bill Gates sia stato accolto festosamente nella sua visita a Roma. Credo anzi che, da parte del Governo di allora, vi sia stata un'accoglienza decisamente freddina (c'ero). In secondo luogo non mi sembra che oggi vi siano privilegi per alcuni prodotti o pressioni da parte di Microsoft sulla PA italiana (forse perché sono ancora pochi i soldi in ballo). Per quanto ne so tutte le maggiori istituzioni pubbliche utilizzano o per lo meno stanno sperimentando soluzioni open source. Le questioni sugli appalti sono legate alle aziende fornitrici e non ai prodotti.Se è solo un problema di comunicati stampa allora è vero, questo governo sbaglia perché non l'ha ancora fatto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se cambiassimo prospettiva?
      Mi ripeto, in parte, sostenendo ancora che l'affermazione di una presunta soggezione della PA ai poteri forti dell'informatica è sbagliata. E' una sciocchezza sostenere che si voglia politicizzare l'informatica così come ipotizzare che un governo voglia o possa penalizzare sistemi open source. C'è sicuramente ignoranza, diffidenza, un'errata valutazione dei costi da parte di chi è preposto a suggerire come realizzare le gare di appalto, ma non è nelle strutture politiche nè tanto meno nei ministri la responsabilità di fornire le specifiche tecniche. Si guardino invece a strutture come l'AIPA, il Formez etc.
  • Anonimo scrive:
    Ma www.forza-italia.it è su Linux !!!!!
    Stranezze della vitaIl governo pare voglia evitare Linux a tutti i costi eppurewww.forza-italia.it è su Linux Red Hat con Apache 1.3.20Distrazione ? O altro ?Salutipac
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma www.forza-italia.it è su Linux !!!!!
      Forse è perché volevano risparmiare loro.Ma quando si tratta dello Stato, cioé dei soldi degli altri, la cosa è diversa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma www.forza-italia.it è su Linux !!!!!
      - Scritto da: pacmo
      Stranezze della vita
      Il governo pare voglia evitare Linux a tutti
      i costi eppure
      www.forza-italia.it è su Linux Red Hat con
      Apache 1.3.20
      Distrazione ? O altro ?
      Saluti
      pacChe si tratti di un server?:-)Sui desktop non lo metteranno mai.
  • Anonimo scrive:
    luogo comune? ignoranza?
    e se fosse che anche i ministri del berlusca (non mi stupirei) pensassero: open source = comunismo?Probabilmente temono che un giorno il pinguino si trasformi in un mostro divoratore di bambini.ciauz
  • Anonimo scrive:
    Re: LAPALISSE? non è così semplice
    - Scritto da: elmix
    Per il caso specifico citato, provate a
    considerare se, molto più semplicemente,
    esistesse già il SW gestionale scritto in
    passato con certe caratteristiche (e che
    quindi funzionerebbe solamente ed
    immediatamente sulle relative piattaforme).

    Non vi sembra che questo costituisca un
    notevole risparmio?La tua riflessione sarebbe ragionevole solo se il requisito fondamentale del software fosse la perfetta compatibilità con il software pre-esistente. Ma non è questo il requisito.Qui si fa eplicito rifiuto di impiego di sotware open source, senza distinguere se esso sia o no pienamente compatibile col software pre-esistente.Qui si fa discriminazione fondata sul modello di sviluppo, e non su impiego tecnico.
    • Anonimo scrive:
      Re: LAPALISSE? non è così semplice
      Concordo pienamente con te!
      Qui si fa eplicito rifiuto di impiego di
      sotware open source, senza distinguere se
      esso sia o no pienamente compatibile col
      software pre-esistente.
      Qui si fa discriminazione fondata sul
      modello di sviluppo, e non su impiego
      tecnico.Se fosse veramente così, non solo sarebbe miope, ma anche fazioso: ho un pò di difficoltà a pensare che non sia per un problema strettamente tecnico.
  • Anonimo scrive:
    Open door to the war
    "Sulla questione ha replicato il ministro all'Innovazione Lucio Stanca sostenendo le ragioni della scelta contenuta nel bando e spiegando che in quel caso l'adozione di sistemi operativi open source avrebbe causato un aggravio delle spese per lo Stato."come INIZIO di motivazione mi pare coerente.ma la spiegazione?in che modo aggraverebbe?non si fanno forse dei bandi di concorso?non si fanno forse in modo che TUTTI possano partecipare?"disponibili di fatto anche gratuitamente e la cui efficienza è privatissima."che cavolo vuol dire che l'efficienza è "privatissima" ?????????????credo che da qui in poi ci saranno battaglie campali perché adesso si sono veramente mescolate informatica e politica ... qui da noi non ha molta importanza (in community) ... ma in parlamenteo ... diventa grave.e diventa grave allora anche ciò che ricordava mantellini nel suo articolo di ieri o l'altro ieri ... se non ci sono VERI rappresentanti dell'utenza internet e dell'utenza informatica allora ... siamo fritti!Dovrebbe essere una quantità di esponenti di "associazioni utenti" generica, utile in tutti i casi. (consumatori).Per qualsiasi cosa ... così le divisioni sono predenti in ogni caso, sia che si parli di olio di oliva, che si parli di hard disk, di linux, della benzina verde, delle assicurazioni.La politica deve riflettere la vita quotidiana.
  • Anonimo scrive:
    Per la redazione
    verso la fine dell'articolo "...efficienza e` privatissima" credo proprio che debba essere "...efficienza e` provatissima".Saluti
  • Anonimo scrive:
    Con l'open source non si guadagna.......
    ed infatti che sia di dx o sx si utilizza sempre software proprietario.....conflitto d'interessi? ;)ciao
  • Anonimo scrive:
    E intanto anche la Finlandia si muove verso l'Open
    Da esponenti del governo Finlandese"The cost per computer with Windows is estimated at 200 euros annually, and the state has some 147,000 computers. The savings that would result from using Linux could total up to 26 million euros each year..." evidentemente l'attuale amministrazione italiana ha altri scopi, oltre a quelli di risparmiare innovando
    • Anonimo scrive:
      Re: E intanto anche la Finlandia si muove verso l'Open
      - Scritto da: zap
      Da esponenti del governo Finlandese

      "The cost per computer with Windows is
      estimated at 200 euros annually, non si dice euros!!!!X il resto, come al solito i finici sono avanti
      • Anonimo scrive:
        Re: E intanto anche la Finlandia si muove verso l'Open
        - Scritto da: SiN


        - Scritto da: zap

        Da esponenti del governo Finlandese



        "The cost per computer with Windows is

        estimated at 200 euros annually,

        non si dice euros!!!!

        X il resto, come al solito i finici sono
        avantivisto il numero sempre crescente di paesi pro-Open-Source che ne scelgono l'utilizzo in sede di P.A., direi che è l'Italia ad essere indietro
  • Anonimo scrive:
    Tutto è politica
    Tutto è politica, anche se i politici tendono a trasformare la politica in una buffonata.Questo lo dimostra. Al di là del fatto che non ci sia alcuna differenza di ideologie tra Bertinotti, Rutelli, Berlusconi e Rauti, noi DOBBIAMO interessarci di politica, anche per far sentire la voce dell'open source.(e magari anche altri temi più importanti, come il fatto che se possiamo permetterci un cane e 3 divani è solo perchè 2 terzi dell'umanità sta morendo di fame)Ma iniziamo pure dall'open source, visto che qui interessa a tutti. Chi non si interessa di politica non ha il diritto di lamentarsi per le azioni del governo.
  • Anonimo scrive:
    Basta agli ULTRA di destra e di sinistra
    E basta con questi stupidi ULTRA' di destra e di sinistra.... E' mai possibile che in Italia non si possa parlare seriamente di una cosa se non dicendo "Contrariamente alla sinistra..." oppure "Contrariamente alla destra..."?E basta!!!!! Parliamo della questione e basta!!Dimostrate di avere qualche idea, non facciamo come i nostri politici che non hanno identità propria e la trovano solo perchè sono contrari all'altra parte.... (Aveva ragione Corrado Guzzanti che diceva che gli scheramenti si dovevano chiamare uno "LA NON DESTRA" e l'altro "E VICEVERSA").Comunque il problema delle licenze Open Source nella PA è un argomento delicato.Le questioni a cui rispondere sono:"E' vitale NON essere legati ad un unico fornitore"? "E' importante conoscere tutti i dettagli del software per avere maggiore sicurezza?"Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta agli ULTRA di destra e di sinistra
      Il discorso sarà serio soltanto quando se ne parlerà a porta a porta. Ma lo immaginate un discorso sull'open source a porta a porta, impossibile, interessa poco all'opinione pubblica italiana che già di software a pagamento ne capisce poco figuriamoci open source :-DD
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta agli ULTRA di destra e di sinistra
      Finalmente qualche intervento serio; la non dipendenza da un unico fornitore è una condizione irrinunciabile; nelle gare deve esistere pluralità di prodotti e fornitori. In assenza di questa condizioni la gara perde significato e oggi i bandi per l'acquisto del software sono un pro-forma perchè i prezzi li stabilisce un solo soggetto, che anche l'unico vero fornitore.I venditori in questo caso svolgono solo un'attività di intermediazione, non potendo in molti casi offrire prodotti alternativi. I monopoli non si contrastano solo con sanzioni economiche e interventi dell'antitrust, ma con un'attenzione continua verso i settori produttivi ed esercitando le funzioni di soggetto regolatore (anche del mercato come insegnano gli USA) proprie dello Stato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta agli ULTRA di destra e di sinistra
      - Scritto da: Silvio
      "E' vitale NON essere legati ad un unico
      fornitore"? Si, è fondamentale perché si deve poter scegliere. Questo è valido sempre non solo tra opensource a MS, ma anche tra MS o Lotus.
      "E' importante conoscere tutti i dettagli
      del software per avere maggiore sicurezza?"Si è una delle cose più importanti.
  • Anonimo scrive:
    Per la redazione
    "servizi che sono disponibili di fatto anche gratuitamente e la cui efficienza è privatissima"Da quando l'efficienza e' PRIVATA ? ;-))))Ciao Ciao
  • Anonimo scrive:
    Chi ha pagato Stanca?
    Ora, un ex dirigente IBM mi aspetto che non sia un utonto, quindi....:-(((
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi ha pagato Stanca?
      - Scritto da: Ansia
      Ora, un ex dirigente IBM mi aspetto che non
      sia un utonto, quindi....Ti aspetti troppo da un (ex) dirigente di una grossa azienda .....
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi ha pagato Stanca?
      ragazzi i politici si pagano per queste cose, secondo voi un colosso IBM o Microsoft lascia queste scelte di stato in mano a dei politici, ma stiamo scherzando, la storia lo dice cosa fanno le multinazionali per entrare nei paesi e dice pure cosa fanno per restarci per sempre
  • Anonimo scrive:
    sinistra del c@##o
    Da esponenti che hanno votato una legge come quella del diritto d' autore ci dovremmo aspettare solo la dignità silenzio, e non strumentalizzazioni...........
  • Anonimo scrive:
    Stanca cosa mi combini?
    Non eri te che quando lavoravi per IBM che ti ha profumatamente pensionato, dicevi nelle pubblicità per i Server IBM "Linux costa di meno" ?Questi sono i politici italiani, gente che non solo rinnega le promesse elettorali di produttività e risparmio, ma rinnega persino il proprio passato come il nostro caro Stanca e molti altri suoi colleghi di destra e sinistra...Berlusconi e D'Alema compresi
  • Anonimo scrive:
    Nessuna differenza tra "destra" e "sinistra"
    Infatti, malgrado i proclami dell'ultima ora della "sinistra", non mi pare che vi sia differenza di comportamento; entrambi devono avere interessi con la Microsoft, dato che non ci sono stati impulsi precisi verso l'Open Source né con il governo passato che con il governo attuale.Queste sono cose da ricordare quando si va a votare e si crede di avere un'alternativa di fronte.
  • Anonimo scrive:
    www.mininnovazione.it FACCIAMOCI SENTIRE!!!
    Per quesiti che riguardano la gestione del sito,le funzioni degli Uffici e per eventuali suggerimenti, scrivere a redazione.mit@governo.itPer quesiti/informazioni relative all'Ufficio Stampa scrivere a ufficio.stampa.mit@governo.itPer quesiti e/o informazioni inerenti i principali temi oggetto della delega al Ministro Lucio Stanca scrivere a L.Stanca@governo.it
  • Anonimo scrive:
    ... riflettete
    Io eviterei una rissa sul pregresso; il centro-sinistra certamente non ha avuto il coraggio di sperimentare a livello centrale l'uso del software open-source, ma almeno ci ha provato in alcune situazioni minori, e in assenza di necessità particolari e/o critiche.Questo dibattito è già stato annunciato in Senato nella seduta n.130 del 26 Febbraio 2002.Credo sia necessario, quando si dispone di spazi come questo, gentilmente offerto dall'editore e sicuramente influente e visibile, impegnarsi per affrontare al meglio i temi a noi cari.Se lo Stato e le Pubbliche Amministrazioni, riescono a contenere la spesa sul software, facendo ricorso in situazioni determinate, al software open-source, credo che si possa solo essere soddisfatti.Allora iniziamo costruttivamente la discussione nel merito; per le conclusioni non mancheranno certo le occasioni di dibattito in futuro.
    • Anonimo scrive:
      Re: ... riflettete
      - Scritto da: Christian
      Io eviterei una rissa sul pregresso; il
      centro-sinistra certamente non ha avuto il
      coraggio di sperimentare a livello centrale
      l'uso del software open-source, ma almeno ci
      ha provato in alcune situazioni minori, e in
      assenza di necessità particolari e/o
      critiche.Sinceramente sono buone le critiche per il CSX (sopratutto il tizio che scriveva berslusconi minuscolo e "centro-sinistra" tra virgolette), la cosa non cambia la sostanza... ovvero che discussioni del genere (OpenSource nella PA) sono positive indipendentemente dalla parte cui vengono.Trattandosi di questioni squisitamente tecniche penso che la frecciatina politica vada bene... la guerra di religione no (IMHO stessa cosa per i Sistemi Operativi)
      Questo dibattito è già stato annunciato in
      Senato nella seduta n.130 del 26 Febbraio
      2002.Annunciato... cioe' che si fara' in data da destinarsi?
      Credo sia necessario, quando si dispone di
      spazi come questo, gentilmente offerto
      dall'editore e sicuramente influente e
      visibile, impegnarsi per affrontare al
      meglio i temi a noi cari.Ok
      Se lo Stato e le Pubbliche Amministrazioni,
      riescono a contenere la spesa sul software,
      facendo ricorso in situazioni determinate,
      al software open-source, credo che si possa
      solo essere soddisfatti.
      Allora iniziamo costruttivamente la
      discussione nel merito; per le conclusioni
      non mancheranno certo le occasioni di
      dibattito in futuro.Spesa, Sviluppo mercato IT interno, Possibilita' di evoluzione nel futuro, sicurezza (contro le backdor)..E cmq. sig. ministro cosa diavolo vuole dire che l'opensource aumenta i costi??????????????????????I progetti a costo elevato risulterebbero perdenti o sbaglio???????????????????????????????Motivazioni, pleaze!
  • Anonimo scrive:
    BUFFONI!
    Per dieci anni hanno riempito ministeri e uffici con software esclusivamente microsoft (ho partecipato a diverse gare per enti pubblici e ministeri negli scorsi anni e si richiedeva sempre windows + office (o almeno word) ..ovviamente potevi anche proporre linux e staroffice..ma la tua proposta veniva automaticamente bocciata e perdevi la gara)adesso che stanno all'opposizione ne approfittano per attaccare il governobah
    • Anonimo scrive:
      Re: BUFFONI!
      E senza paura di andare fuori tema, ti ricordo che adesso sempre quelli di cui hai parlato tu, si stanno battendo per la libertá di informazione!!!!!Proprio loro che hanno fatto della Rai(pubblica) uno strumento politico di parte e fazioso! No, mi dispiace, ma per quanto riguarda il pluralismo loro non saranno mai per me un punto di riferimento.Si meriterebbero uno Zaccaria o un Santoro di centro destra, ma penso che gli attuali governanti, forse, avranno un pó di pudore in piú dei predecessori!
      • Anonimo scrive:
        Re: BUFFONI!
        Menomale che c'è Berlusconi che salverà il mondo! :-P
        • Anonimo scrive:
          Re: BUFFONI!
          In un certo senso sia berlusconi (che va scritto minuscolo per distinguerlo dal resto dell'umanità, che merita un po' più di stima)sia il "centro sinistra" (che va scritto tra virgolette per distinguerlo da chi ha idee politiche, siano esse di centro o di sinistra)salveranno l'Italia. Tot anni di "centro sinistra" e gli italiani, nauseati, votano berlusconi. Tot anni di berlusconi e gli italiani, nauseati, votano il "centro sinistra".E in entrambi i casi è una liberazione.I have a dream. Sogno un italia in cui chi è di sinistra sia rappresentato da qualcuno. E in cui chi è di destra ma non fascista o mafioso sia rappresentato da qualcuno. E in cui nel parlamento non ci sia più la peggior feccia immaginabile, persone che ti fanno venir voglia di diventare brigatista. La loro stessa esistenza è un'incitazione al terrorismo.Scusate lo sfogo.
  • Anonimo scrive:
    Abbiate almeno il pudore di tacere
    Ma non si vergognano i diessini? Pensano che si abbia la memoria davvero così corta? Trasformano un episodio isolato in "una linea del governo", quando loro hanno bollinato (SIAE) tutto, dalle riviste al programmino che l'hobbista magari vende per pagarsi il computer nuovo.E tutto questo furore Open Source, nasce solo quando si è all'opposizione? Dopo aver accolto a braccia aperte Bill Gates in visita a Roma, ora fanno i paladini dell'Open. Quando software di questo tipo è stato installato sotto il loro governo? Se si farà qualcosa in tal senso sarà proprio con il Berlusca.Pensino invece al Tibet invaso e distrutto dai loro amici Cinesi, per piacere!
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbiate almeno il pudore di tacere
      Forse hai perso qualche puntata del toto-ministri!Di sicuro non ricordi alcune dichiarazioni in campagna elettorale.Sul bollino SIAE hai invece ragione.Non prendertela pensando che i DS ritengano così corta la memoria degli elettori, la loro dura molto di meno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbiate almeno il pudore di tacere
      Non aggiungo altro se non...PAROLE SANTE,Marco, PAROLE SANTE
Chiudi i commenti