I turisti passeggeranno in orbita

Lo dichiara Space Adventures, la società che ha già portato in orbita miliardari col pallino dell'orbita. Ora promette un nuovo brivido stellare
Lo dichiara Space Adventures, la società che ha già portato in orbita miliardari col pallino dell'orbita. Ora promette un nuovo brivido stellare

L’ultima trovata della vulcanica società americana Space Adventures è destinata a solleticare le fantasie di molti amanti dello spazio: oltre a volare fino alla Stazione Spaziale Internazionale , ai clienti dell’azienda verrà proposto un “pacchetto aggiuntivo” che comprende una passeggiata nel vuoto .

Non si tratta, evidentemente, di un sogno che molti potranno soddisfare. “Oggi – spiega Space Adventures – la durata di una missione spaziale è di 10 giorni. In passato i clienti orbitali hanno pagato 20 milioni di dollari per il proprio volo, che include sei mesi di addestramento cosmonautico. L’aggiunta della passeggiata allungherebbe la missione di un periodo compreso tra i sei e gli otto giorni e il prezzo per questa opzione è di 15 milioni di dollari”.

La singolare agenzia turistica parla esplicitamente di “attività extra-veicolare” che consterà di un giretto all’esterno della Stazione dalla durata di un’ora e mezza . Per poterla eseguire, gli opulenti sottoscrittori dell’offerta dovranno comunque sottoporsi ad un mese di training nonché ad esami medici specifici. Tutto questo si somma all’addestramento intensivo già previsto per la permanenza sulla Stazione, che viene portato avanti anche grazie ad una navetta Soyuz .

Il cosmonauta russo in action “Il cosmonauta russo Alexei Leonov (vedi foto) – afferma l’azienda – è entrato nella storia nel 1965 quando ha fatto i primi passi nello spazio. Da allora poco meno di 200 altri hanno sperimentato l’ebrezza del camminare nello spazio. Con la cooperazione dell’Agenzia spaziale russa, Spave Adventures è orgogliosa di offrire l’opzione ai nostri clienti”. Secondo il CEO della società Eric Anderson, “molti dei nostri consulenti astronauti hanno eseguito passeggiate nel corso della propria carriera e la loro esperienza fornirà importanti dettagli ai nostri clienti”.

Va detto che Space Adventures ha già dimostrato sul campo la propria capacità operativa: nel 2001 è stata proprio questa società a portare in orbita il miliardario americano Dennis Tito. Nel 2002 è stata la volta dell’africano Mark Shuttlework e lo scorso ottobre di un altro americano, Greg Olsen. Nelle sue infrastrutture di addestramento già da tempo si trova il businessman giapponese Daisuke Enomoto. Chissà che non sia proprio lui il primo turista dello spazio a “camminare” all’esterno della Stazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 07 2006
Link copiato negli appunti