IA, controlliamola prima che sia tardi

Una lettera aperta, firmata dal gotha dell'industria che investe sul software intelligente, esorta la community a rispettare principi di salvaguardia fondamentale prima di gettare le basi per un futuro in stile Terminator
Una lettera aperta, firmata dal gotha dell'industria che investe sul software intelligente, esorta la community a rispettare principi di salvaguardia fondamentale prima di gettare le basi per un futuro in stile Terminator

Il Future of Life Institute (FLI) ha pubblicato una lettera aperta indirizzata a tutti i protagonisti della ricerca e dello sviluppo tecnologico dell’intelligenza artificiale (IA), una proposta che stabilisce un terreno comune da cui far fiorire principi di “salvaguardia” universali e universalmente applicabili sia all’accademia che al business.

La lettera di FLI guarda con ottimismo al futuro degli algoritmi intelligenti, una nuova frontiera che promette, e gli inesorabili sviluppi “incrementali” già ottenuti in questi decenni lo confermerebbero, di portare enormi benefici all’intera società degli umani in carne, ossa e cervello biologico 1.0.

I traguardi sin qui raggiunti in ambiti come il riconoscimento vocale, la classificazione delle immagini, i veicoli che si guidano da soli, la traduzione automatica e altro ancora, spiega FLI, hanno creato un “circolo virtuoso” che ha fatto in modo che l’industria della IA generasse grandi guadagni in denaro da piccoli miglioramenti. Un circolo che è destinato a durare ancora a lungo.

Gli effetti della ricerca sull’intelligenza artificiale non sono al momento prevedibili, sostiene FLI, anche se obiettivi come la scomparsa delle malattie e la fine della povertà potrebbero diventare raggiungibili grazie all’apporto tecnologico delle macchine e dei software intelligenti. In tal senso, FLI ha pubblicato anche un documento contenente alcune priorità che i ricercatori di settore dovrebbero tenere bene a mente.

Fra i tanti firmatari della lettera aperta del FLI si annoverano anche Elon Musk e Stephen Hawking, due personalità ben note al pubblico sia per il loro impegno in campo tecnologico e scientifico, sia per la più volte manifestata preoccupazione circa lo sviluppo di macchine capaci di pensare.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 01 2015
Link copiato negli appunti