IBM ancora regina della Top500

Nella nuova edizione della classifica dei monster di calcolo più potenti, Big Blue porta a casa medaglia d'oro e ed altri... riconoscimenti. SGI scivola al terzo posto


Heidelberg (Germania) – In occasione della International Supercomputing Conference di ieri, uno degli eventi più importanti nel mondo del computing a alte prestazioni, è stata pubblicata la 25esima edizione semestrale dell’ormai famosa classifica dei 500 supercomputer più potenti al mondo.

L’aggiornata TOP500 List vede ancora al primo posto il sistema BlueGene/L di IBM che, verso la fine dello scorso anno , è riuscito a strappare il primato velocistico al lungamente imbattuto Earth Simulator della giapponese NEC . Ma se all’epoca il sistemone di Big Blue aveva conquistato la vetta con una prestazione di 70,72 TeraFLOPS , in questa edizione spinge il record a 135,5 TeraFLOPS: il raddoppio di performance è avvenuto lo scorso marzo, quando IBM ha incrementato il numero complessivo di rack alla base della macchina.

Una volta completato, il Blue Gene/L installato presso il Lawrence Livermore National Lab toccherà il traguardo dei 360 TeraFLOPS: con tale capacità di calcolo, che dovrebbe essere raggiunta già nel corso dell’estate, IBM dovrebbe ipotecare la posizione di vertice della Top500 per almeno altri due anni.

Al secondo posto della classifica si trova ancora un supercomputer dal “gene blu”, lo stesso installato di recente presso il Thomas J. Watson Research Center di IBM. Con i suoi 91,29 TeraFLOPS questo nuovo mostro si è già accaparrato la palma di sistema più potente tra quelli di proprietà privata.

Al terzo e quarto posto si trovano due vecchie conoscenze: il Columbia di SGI , accreditato di 51,87 TeraFLOPS, e il già citato Earth Simulator di NEC, rimasto congelato ormai da tre anni su di una performance di 35,86 TeraFLOPS.

Di recente un consorzio di aziende giapponesi, di cui fa parte anche NEC, ha svelato l’intenzione di avviare un progetto con cui riconsegnare al paese del Sol Levante la leadership nelle tecnologie di supercomputing: il primo monster di calcolo capace di compiere l’impresa sarà tuttavia pronto solo all’inizio del prossimo decennio.

La quinta, la sesta, l’ottava e la nona posizione vanno ancora a sistemi Blue Gene, tra cui MareNostrum , il supercomputer più potente d’Europa che si trova presso il Barcelona Supercomputer Center, in Spagna; il sistema installato presso la Netherlands Foundation for Research in Astronomy (ASTRON); il computer installato presso l’istituto giapponese Advanced Industrial Science and Technology (AIST); e il calcolatore dell’Ecole Polytechnique Federale de Lausanne, in Svizzera, utilizzato per studiare il cervello umano.

In mezzo alle balenottere blu del computing s’è infilato un cervellone sviluppato da California Digital Corporation e basato, come il Columbia di SGI, su processori Itanium 2. Al decimo posto della classifica è posizionato un sistema di Cray , Red Storm , che “nel suo piccolo” ha l’interessante record di essere il più potente cluster basato sui processori Opteron di AMD.

Dalla 25esima Top500 IBM esce decisamente a testa alta. Oltre ad aver conquistato la vetta della classifica, ed aver piazzato 6 supercomputer nelle prime 10 posizioni, il gigante di Armonk detiene quasi il 58% – pari a 976 TeraFLOPS – della somma della potenza di calcolo di tutti i sistemi in classifica. IBM afferma che è la prima volta nella storia che un singolo produttore abbatte la barriera del 51%: il concorrente più diretto, HP , arriva al 13,3%.

“L’ultima edizione della classifica, con particolare riguardo alle prime dieci posizioni, dimostra chiaramente la natura dinamica del settore del supercomputing. Nel volgere di un anno si è verificato infatti un vero e proprio sconvolgimento della classifica che vedeva al primo posto Earth Simulator seguito da due prototipi del sistema IBM Blue Gene”, ha osservato Erich Strohmaier, uno degli autori della classifica TOP500 ed esperto informatico in forza al Lawrence Berkeley National Laboratory. “Oggi invece il sistema Blue Gene non soltanto ha conquistato le prime due piazze, ma occupa ben cinque delle prime dieci posizioni”.

Altre interessanti statistiche extrapolate dall’ultima Top500 List sono state pubblicate in questo comunicato .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Notizia assolutamente inutile !
    Questa notizia è assolutamente inutile !Lo sanno tutti che windows è un giocattolo e infatti le aziende non lo usano più ormai da mesi.Da me abbiamo tutti i server Linux e MacOS, mentre i client sono tutti MacOS.Inutile dirlo, i sistemisti nella mia azienda il loro tempo lo spendono creando e migliorando i sistemi e non cercando di far funzionare software scadente che gira su sistemi giocattolo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Notizia assolutamente inutile !
      - Scritto da: Anonimo

      Questa notizia è assolutamente inutile !Il tuo commento non è da meno!
      Lo sanno tutti che windows è un giocattolo e
      infatti le aziende non lo usano più ormai da
      mesi.Io delle aziende mi ci sciaqquo le palle basta che ho windows xp powered edition sul mioPentium 4 e una marea di giochi piratatiper il resto potete andare tranquillamente affarinculovoi con tutto il pinguino :D
      Da me abbiamo tutti i server Linux e MacOS,
      mentre i client sono tutti MacOS.e cosa stracazzo ce ne frega ?
      Inutile dirlo, i sistemisti nella mia azienda il
      loro tempo lo spendono creando e migliorando i
      sistemi e non cercando di far funzionare software
      scadente che gira su sistemi giocattolo.il sistemista Linux/Unix è notoriamente un soggettospavaldo ignorante smanettone presuntuoso arrogantesuperficiale e frettoloso
      • Anonimo scrive:
        Re: Notizia assolutamente inutile !
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        Questa notizia è assolutamente inutile !

        Il tuo commento non è da meno!Non è vero, il suo commento era illuminante, faceva chiaramente capire che al mondo non c'è solo microsoft.


        Lo sanno tutti che windows è un giocattolo e

        infatti le aziende non lo usano più ormai da

        mesi.

        Io delle aziende mi ci sciaqquo le palle
        basta che ho windows xp powered edition sul mio
        Pentium 4 e una marea di giochi piratati
        per il resto potete andare tranquillamente
        affarinculo
        voi con tutto il pinguino :DSei proprio un italiano.Lo dico sempre che l'italia è un PdP (che non sta per Paperon De Paperoni)



        Da me abbiamo tutti i server Linux e MacOS,

        mentre i client sono tutti MacOS.

        e cosa stracazzo ce ne frega ? A me frega, anzi brucia !Mi brucia perchè nella società dove lavoro io abbiamo ancora purtroppo tanti catorci con su windows.


        Inutile dirlo, i sistemisti nella mia azienda il

        loro tempo lo spendono creando e migliorando i

        sistemi e non cercando di far funzionare
        software

        scadente che gira su sistemi giocattolo.

        il sistemista Linux/Unix è notoriamente un
        soggetto
        spavaldo ignorante smanettone presuntuoso
        arrogante
        superficiale e frettoloso
        Vero vero, anzi dirò di più, è anche brutto, basso, quatrocchi, brufoloso, puzzolente e soprattutto comunista.Adesso credo che sia ora che tu debba andare a nanna, altrimenti poi la mammina ti sgrida.
        • Anonimo scrive:
          Re: Notizia assolutamente inutile !

          Non è vero, il suo commento era illuminante,
          faceva chiaramente capire che al mondo non c'è
          solo microsoft.
          E io che pensavo avesse il monopolio :)


          Sei proprio un italiano.
          In effetti siamo in Italia, complimenti per l'acume.
          Lo dico sempre che l'italia è un PdP (che non sta
          per Paperon De Paperoni)

          A me frega, anzi brucia !
          Mi brucia perchè nella società dove lavoro io
          abbiamo ancora purtroppo tanti catorci con su
          windows.
          Povero chicchino tutti ti odiano e nessuno ti capisce.Chiedi conforto alla mamma.
  • Anonimo scrive:
    strategia Microsoft?
    http://www.comics.com/comics/workingdaze/index.htmlE per chi non vuole esserlo ecco l'alternativa
  • Anonimo scrive:
    Sp1? nuoce gravemente alla salute...
    Del vostro server.Occorre attendere che quanche kapecazze proceda all'aggiornamento e poi all'aggiornamento dell'aggiornamento ed alla patch della patch, allora e solo allora si potra' pensare forse di aggiornare.Aver a che fare con buchi in sicurezza e' la quotidianita' dei sistemisti windows ma anche la giustificazione del loro stipendio :D :D
  • Anonimo scrive:
    Re: ...se invece vuoi SP1...
    Basta chiamare il tuo rivenditore microsoft di fiducia e ti spedirà il cd.
    • Anonimo scrive:
      Re: ...se invece vuoi SP1...

      Basta chiamare il tuo rivenditore microsoft di
      fiducia e ti spedirà il cd.(Imitando Aldo Giovanni e Giacomo in "Tel chi el telun"): "RIVENDITORE MICROSOFT DI FIDUUUCIAAA"
      • Anonimo scrive:
        Re: ...se invece vuoi SP1...
        spero di non avere mai un rivenditore di fiducia Microsoft...sarebbe un incubo....uno che ti chiama per dirti che è uscito il nuovo office......ma riattacco e prendo OOO.org.....Cmq relativamente ai server....Apple con il suo tiger e il server G5 può fare queste cose? Sarebbe un'alternativa valida e fattibile ? Forse più sicura?
        • Anonimo scrive:
          Re: ...se invece vuoi SP1...
          - Scritto da: Anonimo
          spero di non avere mai un rivenditore di fiducia
          Microsoft...sarebbe un incubo....uno che ti
          chiama per dirti che è uscito il nuovo
          office......ma riattacco e prendo OOO.org.....

          Cmq relativamente ai server....Apple con il suo
          tiger e il server G5 può fare queste cose?
          Sarebbe un'alternativa valida e fattibile ? Forse
          più sicura?Ecco allora si che ti leghi!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: ...se invece vuoi SP1...


    Tieni presente che la scelta della piattaforma
    Windows non è di oggi ma risale al "nonno" di
    quel server, ai tempi di NT 4.0 che poi col tempo
    è diventato 2000 e ora 2003 e in varie fasi ha
    visto l'utilizzo di SQL Server ed Exchange.Già...purtroppo era un'epoca in cui se volevi un server di fascia bassa dovevi per forza usare un NT perchè uno Unix veniva davvero a costare troppo (ma era avanti anni, per funzionalità server)
    Non mi risulta che esista oggi (senza parlare del
    passato) un prodotto Linux in grado di gestire in
    modo integrato la posta, le rubriche, le agende
    sia sul lato client che server (in cui devono
    risiedere tutti i dati in modo da non obbligare a
    fare il backup dei client) che possa garantire la
    flessibilità dell'accoppiata Outlook/Exchange (ad
    esempio autenticazione integrata, possibilità di
    gestire permissions su agende, cartelle di posta
    e contatti, far condividere una casella di posta
    da più client contempraneamente etc. etc.), senza
    contare la possibilità di imporre policy sulla
    configurazione di Outlook. Il tutto si integra
    perfettamente (o meglio, è supportato) sia dal
    prodotto antivirus (corporate/enterprise) sia dal
    software di backup.Ah no? c'è n'è giusto uno recensito proprio oggi qui su PI (Kolab 2) che fa praticamente tutto quello che vuoi, compresa integrazione con Microsoft Outlook.Guarda che Exchange non è altro che un LDAP + IMAP + cotillones alla fine della fiera.
    Con Linux a quante funzionalità dovrei
    rinunciare??Praticamente nessuna, a parte il gestionale (ma è uno di quelli mitici italiani fatti in VB o al massimo MFC?)Certo, un cambio di sistema non è indolore, devi pianificarlo per bene ed ha dei costi e dei casini quando lo devi integrare in un sistema di lavoro giá funzionante e che non deve smettere di funzionare durante il cambio. Io sono in una situazione simile alla tua, in cui ho ereditato un sistema informatico totalmente legato a doppio filo con MS, ma ho deciso di pianificare la migrazione (anche perchè il 90% del sw che usano qui è pirata, frutto delle opere del precedente sysadmin smanettone-cacciavitaro).Cosa ottieni alla fine? Fondamentalmente, non di essere più legato solo a software Microsoft ma di poter scegliere cosa mettere e dove.A te la scelta.
    • Anonimo scrive:
      Re: ...se invece vuoi SP1...
      - Scritto da: Anonimo




      Tieni presente che la scelta della piattaforma

      Windows non è di oggi ma risale al "nonno" di

      quel server, ai tempi di NT 4.0 che poi col
      tempo

      è diventato 2000 e ora 2003 e in varie fasi ha

      visto l'utilizzo di SQL Server ed Exchange.

      Già...purtroppo era un'epoca in cui se volevi un
      server di fascia bassa dovevi per forza usare un
      NT perchè uno Unix veniva davvero a costare
      troppo (ma era avanti anni, per funzionalità
      server)


      Non mi risulta che esista oggi (senza parlare
      del

      passato) un prodotto Linux in grado di gestire
      in

      modo integrato la posta, le rubriche, le agende

      sia sul lato client che server (in cui devono

      risiedere tutti i dati in modo da non obbligare
      a

      fare il backup dei client) che possa garantire
      la

      flessibilità dell'accoppiata Outlook/Exchange
      (ad

      esempio autenticazione integrata, possibilità di

      gestire permissions su agende, cartelle di posta

      e contatti, far condividere una casella di posta

      da più client contempraneamente etc. etc.),
      senza

      contare la possibilità di imporre policy sulla

      configurazione di Outlook. Il tutto si integra

      perfettamente (o meglio, è supportato) sia dal

      prodotto antivirus (corporate/enterprise) sia
      dal

      software di backup.

      Ah no? c'è n'è giusto uno recensito proprio oggi
      qui su PI (Kolab 2) che fa praticamente tutto
      quello che vuoi, compresa integrazione con
      Microsoft Outlook.
      Guarda che Exchange non è altro che un LDAP +
      IMAP + cotillones alla fine della fiera.+ questo +quello..alla fine ci riesci ma sai quanto è più valido/comodo avere tutto insieme (integrato)


      Con Linux a quante funzionalità dovrei

      rinunciare??

      Praticamente nessuna, a parte il gestionale (ma è
      uno di quelli mitici italiani fatti in VB o al
      massimo MFC?)
      Certo, un cambio di sistema non è indolore, devi
      pianificarlo per bene ed ha dei costi e dei
      casini quando lo devi integrare in un sistema di
      lavoro giá funzionante e che non deve smettere di
      funzionare durante il cambio. Io sono in una
      situazione simile alla tua, in cui ho ereditato
      un sistema informatico totalmente legato a doppio
      filo con MS, ma ho deciso di pianificare la
      migrazione (anche perchè il 90% del sw che usano
      qui è pirata, frutto delle opere del precedente
      sysadmin smanettone-cacciavitaro).

      Cosa ottieni alla fine? Fondamentalmente, non di
      essere più legato solo a software Microsoft ma di
      poter scegliere cosa mettere e dove.
      A te la scelta.?non mi pare un grande discorso...suona più o meno così:meglio non usare prodotti ms perchè così puoi scegliere che prodotti usare!ma se posso scegliere perchè non posso scegliere ms?caso mai non lo hai notato qualsiasi cosa acquisti ti vincola in qualche modo al produttore, se compri una fiat devi usare pezzi di ricambio fiat, se compri un cell. marca x devi usare accessori marca x.sw alternativo ne esiste a bilioni su windows e tanto anche free.il tuo discorso fa acqua da tutte le parti
  • Anonimo scrive:
    è da c****i bloccare il sp1
    chi è quel sadomasochista che vuole bloccare il sp1 per windows 2003 rifiutandosi di correggere i bugs e le falle di sicurezza di windows 2003? Mah.
    • Anonimo scrive:
      Re: è da c****i bloccare il sp1
      Forse quel c...ne che ha una rete con un dominio composto da qualche centinaio di server e migliaia di client e non può fare semplicemente un'installazione ad occhi chiusi di ogni patch......
      • Anonimo scrive:
        Re: è da c****i bloccare il sp1
        - Scritto da: Anonimo
        Forse quel c...ne che ha una rete con un dominio
        composto da qualche centinaio di server e
        migliaia di client e non può fare semplicemente
        un'installazione ad occhi chiusi di ogni
        patch......quindi meglio i buchi di sicurezza?
        • Anonimo scrive:
          Re: è da c****i bloccare il sp1
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Forse quel c...ne che ha una rete con un dominio

          composto da qualche centinaio di server e

          migliaia di client e non può fare semplicemente

          un'installazione ad occhi chiusi di ogni

          patch......

          quindi meglio i buchi di sicurezza?Secondo il caso il manager responsabile ed il suo staff valutano la soluzione che ha un minore impatto sulla produttività e la applicano, comunque in nessun caso e per nessun sistema operativo,microsoft, linux, solaris o altro, viene effettuato il patching senza che questi vengano precedentemente testati in area di test.
          • Anonimo scrive:
            Re: è da c****i bloccare il sp1

            Secondo il caso il manager responsabile ed il suo
            staff valutano la soluzione che ha un minore
            impatto sulla produttività e la applicano,
            comunque in nessun caso e per nessun sistema
            operativo,microsoft, linux, solaris o altro,
            viene effettuato il patching senza che questi
            vengano precedentemente testati in area di test.poi dopo ore di test come coglioni vi accorgete che è tutto ok e nel frattempo addio ai vostri dati personali
          • Anonimo scrive:
            Re: è da c****i bloccare il sp1
            - Scritto da: Anonimo

            Secondo il caso il manager responsabile ed il
            suo

            staff valutano la soluzione che ha un minore

            impatto sulla produttività e la applicano,

            comunque in nessun caso e per nessun sistema

            operativo,microsoft, linux, solaris o altro,

            viene effettuato il patching senza che questi

            vengano precedentemente testati in area di test.

            poi dopo ore di test come coglioni vi accorgete
            che è tutto ok e nel frattempo addio ai vostri
            dati personaliSi forse hai ragione te, dovrei seguire i tuoi consigli. Fai il tassista o il parucchiere? di solito sono queste categorie che sanno come fare andare avanti il mondo e tutti gli altri sono coglioni...
          • Anonimo scrive:
            Re: è da c****i bloccare il sp1
            Si certo tutto OK come con l' SP2 di XP ... molte aziende hanno dovuto riformattare i PC perche' i loro software non giravano +.
          • Anonimo scrive:
            Re: è da c****i bloccare il sp1
            - Scritto da: Anonimo
            Si certo tutto OK come con l' SP2 di XP ... molte
            aziende hanno dovuto riformattare i PC perche' i
            loro software non giravano +.
            E chissa come mai i superespertoni come te non li vuole nessuno. Sarà strano il mondo.
          • Anonimo scrive:
            Re: è da c****i bloccare il sp1
            Non li ho mica scritti io quei gestionali schifidi che vendono a peso d'oro !Pero' si piantavano e le aziende non potevano stare senza gestionale ... perche' se senza serive pack rischiano qualche virus senza applicativo smettono proprio di lavorare.Io ho solo constatato i fatti.
    • bugybugy scrive:
      Re: è da c****i bloccare il sp1
      Se ti può interessare la quasi totalità dei programmi pensati per il broadcasting tv/radio sono date per funzionanti SOLO sotte certi requisiti OS della casa di Redmond...sembrerà stupido, ma non hai idea di quante volte ho visto applicare una patch che comporta un fermo dell'applicativo...- Scritto da: Anonimo
      chi è quel sadomasochista che vuole bloccare il
      sp1 per windows 2003 rifiutandosi di correggere i
      bugs e le falle di sicurezza di windows 2003?
      Mah.
      • Anonimo scrive:
        Re: è da c****i bloccare il sp1

        Se ti può interessare la quasi totalità dei
        programmi pensati per il broadcasting tv/radio
        sono date per funzionanti SOLO sotte certi
        requisiti OS della casa di Redmond...sembrerà
        stupido, ma non hai idea di quante volte ho visto
        applicare una patch che comporta un fermo
        dell'applicativo...Si perche' i programmatori non sanno come mai il loro applicativo funziona e non vogliono saperne nulla quando non funziona.
    • Anonimo scrive:
      Re: è da c****i bloccare il sp1
      - Scritto da: Anonimo
      chi è quel sadomasochista che vuole bloccare il
      sp1 per windows 2003 rifiutandosi di correggere i
      bugs e le falle di sicurezza di windows 2003?
      Mah.Si capisce che tu non conosci le realtà aziendali.Le aziande con quanche centinaio o migliaio di server, a parte che di solito disabilitano Windows Update, per evitare problemi di incompatibiltà son i vari SP e le patch, PRIMA le provano, POI le distribuiscono.Ti immgini cosa succe derebbe se una banca o una compagnia telefonica andasse in Tilt perché la Pach MS non è conmpatibile con i loro programmi?
      • Anonimo scrive:
        Re: è da c****i bloccare il sp1

        Si capisce che tu non conosci le realtà aziendali.
        Le aziande con quanche centinaio o migliaio di
        server, a parte che di solito disabilitano
        Windows Update, per evitare problemi di
        incompatibiltà son i vari SP e le patch, PRIMA le
        provano, POI le distribuiscono.
        Ti immgini cosa succe derebbe se una banca o una
        compagnia telefonica andasse in Tilt perché la
        Pach MS non è conmpatibile con i loro programmi?nel frattempo poi non lamentiamoci se le aziende vengono messe k.o. da hakers solo perchè il capoccia di turno sta ancora testando le patch...
        • Anonimo scrive:
          Re: è da c****i bloccare il sp1
          - Scritto da: Anonimo

          Si capisce che tu non conosci le realtà
          aziendali.

          Le aziande con quanche centinaio o migliaio di

          server, a parte che di solito disabilitano

          Windows Update, per evitare problemi di

          incompatibiltà son i vari SP e le patch, PRIMA
          le

          provano, POI le distribuiscono.

          Ti immgini cosa succe derebbe se una banca o una

          compagnia telefonica andasse in Tilt perché la

          Pach MS non è conmpatibile con i loro programmi?

          nel frattempo poi non lamentiamoci se le aziende
          vengono messe k.o. da hakers solo perchè il
          capoccia di turno sta ancora testando le patch...è un rischio non esiste la soluzione esente dai rischiè compito di chi è responsabile in quella azienda valutare i rischi è applicare la soluzione con minore impatto.Solitamente comunque si testano le patch in area di test applicando parrallelamente i workaround per limitare i rischi dove disponibili. Per esempio per l'ultime patch microsoft si minimizzano i rischi attraverso l'incremento del controllo periferico mentre viene testata la non dannosità delle patches.Non si caricano mai patches alla cieca.
        • Anonimo scrive:
          Re: è da c****i bloccare il sp1

          nel frattempo poi non lamentiamoci se le aziende
          vengono messe k.o. da hakers solo perchè il
          capoccia di turno sta ancora testando le patch...
          In genere il capoccia di turno alle 15.10 sta lavorandoe non viene qui a cazzeggiare.
        • Anonimo scrive:
          Re: è da c****i bloccare il sp1
          - Scritto da: Anonimo

          Si capisce che tu non conosci le realtà
          aziendali.

          Le aziande con quanche centinaio o migliaio di

          server, a parte che di solito disabilitano

          Windows Update, per evitare problemi di

          incompatibiltà son i vari SP e le patch, PRIMA
          le

          provano, POI le distribuiscono.

          Ti immgini cosa succe derebbe se una banca o una

          compagnia telefonica andasse in Tilt perché la

          Pach MS non è conmpatibile con i loro programmi?

          nel frattempo poi non lamentiamoci se le aziende
          vengono messe k.o. da hakers solo perchè il
          capoccia di turno sta ancora testando le patch...Forse uando un giorno inizierai a lavorare capirai da solo
  • Anonimo scrive:
    Re: ...se invece vuoi SP1...
    Ah già, che bischero che sono! Non ho proprio pensato a mettere BeOS su uno dei miei server di produzione! Ma va va tu, please!
    • Anonimo scrive:
      Re: ...se invece vuoi SP1...
      - Scritto da: Anonimo
      Ah già, che bischero che sono! Non ho proprio
      pensato a mettere BeOS su uno dei miei server di
      produzione! Ma va va tu, please!Ah Già perchè tu su un server di produzione metti WinzozXP o Win2000, ahhahahahaQuesta si che è buona!
      • Anonimo scrive:
        Re: ...se invece vuoi SP1...


        Ah Già perchè tu su un server di produzione metti
        WinzozXP o Win2000, ahhahahaha


        ????Io per esempio ho migrato felicemente, nel giro di un paio d'anni, tutto su microsft e alla fine ho ridotto i costi, visto che con os "free" quello che non pagavo in licenze lo pagavo più salato da un'altra....
        • Anonimo scrive:
          Re: ...se invece vuoi SP1...
          - Scritto da: Anonimo





          Ah Già perchè tu su un server di produzione
          metti

          WinzozXP o Win2000, ahhahahaha






          ????
          Io per esempio ho migrato felicemente, nel giro
          di un paio d'anni, tutto su microsft e alla fine
          ho ridotto i costi, visto che con os "free"
          quello che non pagavo in licenze lo pagavo più
          salato da un'altra....
          Mi spiego meglio. Prima era tutto un "si questa versione ha questo bug se ne parla in qualche nw che se hai molte transazioni hai un blocco di quel file di log. sembra che modificando quel paramentro vada a posto.."Ora con MS è tutto più rilassato, perchè è praticamente scritto nero su bianco cosa funziona, quali versioni, e con cosa e cosa no. E quando esce una SP i produttori degli applicativi entro una settimana mi rilasciano il go no-go ufficiale, sempre stato valido.Prima era sempre un go no-go ufficioso che a volte portava a delle problematiche non preventivate. c'era veramente molta confusione.Io con l'ultimo anno fiscale ho avuto un CERR del 10% e un ICER del 12% questi sono cifre, quindi fatti. Non parole
          • Anonimo scrive:
            Re: ...se invece vuoi SP1...
            Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            Ah Già perchè tu su un server di produzione

            metti


            WinzozXP o Win2000, ahhahahaha

            ????

            Io per esempio ho migrato felicemente, nel giro

            di un paio d'anni, tutto su microsft e alla fine

            ho ridotto i costi, visto che con os "free"

            quello che non pagavo in licenze lo pagavo più

            salato da un'altra.... Hai migrato da cosa ? Cosa usavi prima ?Non avevate un sistemista ? Ora non lo avete piu' ? In cosa consiste il risparmio ???
            Mi spiego meglio. Prima era tutto un "si questa
            versione ha questo bug se ne parla in qualche nw
            che se hai molte transazioni hai un blocco di
            quel file di log. sembra che modificando quel
            paramentro vada a posto.."Infatti: hai delle certezze...
            Ora con MS è tutto più rilassato, perchè è
            praticamente scritto nero su bianco cosa
            funziona, quali versioni, e con cosa e cosa no. Tipo ad essempio in quasi tutte le versioni le unita' di rete spesso vengono perdute, circa una volta l mese a caso bisogna rifarli, cosa c'e' di logico in questo ?
            E quando esce una SP i produttori degli
            applicativi entro una settimana mi rilasciano il
            go no-go ufficiale, sempre stato valido.
            Prima era sempre un go no-go ufficioso che a
            volte portava a delle problematiche non
            preventivate. c'era veramente molta confusione.
            Io con l'ultimo anno fiscale ho avuto un CERR del
            10% e un ICER del 12%
            questi sono cifre, quindi fatti. Non parole:$
          • Anonimo scrive:
            Re: ...se invece vuoi SP1...

            Non avevate un sistemista ? Ora non lo avete piu'
            ? In cosa consiste il risparmio ???
            Avevamo e abbiamo più di un sistemista, Il risparmio è stato che i tempi di queste persone dedicati all'infrastructure maintenance si sono ridotti, quindi si sono liberare risorse destinate a progetti di sviluppo, progetti che eventualmente avrei dovuto indirizzare esternamente, con un notevole risparmio economico.

            Tipo ad essempio in quasi tutte le versioni le
            unita' di rete spesso vengono perdute, circa una
            volta l mese a caso bisogna rifarli, cosa c'e' di
            logico in questo ?
            Non so di che problema stai parlando sinceramente. Contatta un professionista e penso saprà identificare cosa causa il tuo problema. In tutta franchezza non penso sia un "bug", penso piuttosto ad un'istallazione/configurazione non corretta da parte del vostro sistemista.
  • matcion scrive:
    Re: ...se invece vuoi SP1...
    Ho instalato propio ieri SP1 per SBS premium.Mi sono scaricato dal sito MS una quintalata di roba, ma non c'è stato nessun problema, basta seguire le istruzioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: ...se invece vuoi SP1...
      - Scritto da: matcion
      Ho instalato propio ieri SP1 per SBS premium.
      Mi sono scaricato dal sito MS una quintalata di
      roba, ma non c'è stato nessun problema, basta
      seguire le istruzioni.A quanto mi risulta le istruzioni dicono: "....gli aggiornamenti specifici di questa versione (SBS Premium) sono disponibili solo su CD"Non che mi fidi ciecamente ma....il dubbio rimane.
Chiudi i commenti