IBM: assurdo pagare le licenze di SCO

Big Blue ribadisce che le accuse di SCO sono infondate e che non ha senso acquistare una licenza Unix per usare Linux. Ma il Gartner avverte: attente imprese, rischiate grosso


Armonk (USA) – Nel tentativo di rassicurare i propri clienti in merito alla sempre più accesa disputa legale che la vede contrapposta a SCO Group, IBM ha rilasciato negli scorsi giorni una nota in cui afferma che “SCO sta chiedendo soldi ai clienti che usano Linux sulla base di fatti non sostenuti da prove”, e aggiungendo che non ha senso acquistare una licenza di Unix per usare Linux.

Come noto, all’inizio della scorsa settimana SCO ha annunciato che offrirà delle licenze d Unixware mirate agli utenti commerciali di Linux, licenze che garantiranno a chi le acquisterà l’immunità da ogni guaio legale relativo alla violazione delle proprietà intellettuali di Unix.

IBM ha poi detto, come altri membri della comunità open source prima di lei, che SCO non può avanzare nessuna rivendicazione su quanto è contenuto nel codice di Linux a causa del fatto che per anni ha commercializzato una distribuzione Linux e, pertanto, ha autorizzato il rilascio di tutto il suo codice sotto la licenza GPL.

SCO, dal proprio canto, afferma che distribuire un prodotto non è la stessa cosa che contribuire al suo sviluppo e che la proprietà intellettuale del codice di Linux va in ogni caso riconosciuta ai legittimi autori.

Nel frattempo il Gartner , rifacendosi ad una analisi già divulgata alla fine di maggio, ha pubblicato un documento in cui sostiene che i reclami di SCO potrebbero seriamente minacciare il mercato legato a Linux. La nota società di analisi di mercato invita le aziende che vogliono utilizzare Linux ad agire con prudenza e a contattare SCO per discutere della questione e di eventuali accordi.

In particolare, Gartner sostiene di “non ignorare il problema con la speranza che IBM vinca o accomodi la causa: IBM non può impedire che SCO persegua legalmente le singole aziende”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    quando cambieranno l'RFC dell'FTP?
    LOLLISSIMO!!Allora se scambio file in ftp che fanno?ah, brutta cosa l'ignoranza :D
  • Anonimo scrive:
    A quando netmeeting?
    Mi chiedo quanto tempo manca al momento in cui qualcuno là in alto si accorgerà che è sufficiente lanciare netmeeting e connettersi a un qualsiasi server per trovare dei disperati che si trastullano in pubblico con i loro genitali....A quel punto cosa faranno? Vieteranno anche quello?
  • Anonimo scrive:
    VM...ahahah
    può anche essere come loro dicono...però ci sono due fattori che mi fanno riflettere...il primo è: Far si che i minorenni non possano scaricare un certo tipo di "file" e la seconda è: avvertire che il file sharing è pericoloso......bene...il dubbio è...in questo modo non è che vogliano controllare ancora di più? stringere la cerchia intorno ai maggiorenni?...molto più perseguibili dei minorenni?....solo una riflessione.,..Saluti:)
  • Anonimo scrive:
    Porno sul Web? ECCO LA SOLUZIONE!!!
    Una nuova ricetta frutto di anni e anni di studi permette di risolvere il problema della Pornografia specie quella tra i minori la ricetta e' formata dalla combinazione di alcune operazioni vediamo quali :1 Educazione sessuale : questo fantastico ritrovato permette se fatto seriamente di dare al sesso la sua giusta connotazione di naturalita senza renderlo argomento "bollente" come nelle sessuofobe culture moderne2 Lotta alla Mercificazione del Sesso : la mercificazione del sesso e' l'effetto culturale delle culture sessuofobe che demonizzano il sesso, mettendolo nella lista dei piaceri proibiti ha creato pornografia,prostituzione(comprese le subrette che la danno al produttore) ora con una minor rigidita dei costumi e' permesso usare il corpo femminile come veicolo di propaganda pubblicitaria o come riempibuchi tvpur mantenendo il sesso nella lista del "proibito"3 Autodeterminazione femminile : la pornografia come la prostituzioe e' sintomo del maschilismo ,e di un femminismo deviato(liberal-radicale) che tende alla non differenziazione e al'imitazione del maschio della societa patriarcale, occorre completare la liberazione femminile attraverso l'abbattimento della sovrastruttura ideologica maschilista4 Profitto : la pornografia per lo piu esiste per profitto bisogna colpire il profitto mentre si aspetta il complertamento della liberazione sessuale? come? distribuire gratis e boicottare riviste , cinema e vhsOpenCurcio*** Contro Patriarcato e Capitalismo, sempre con la Quarta Internazionale ***
    • Anonimo scrive:
      Re: Porno sul Web? ECCO LA SOLUZIONE!!!
      Sono perfettamente d'accordo!Del resto la conflittualita' e l'ipocrisia dell'umanita' di oggi sono ormai agli occhi di tutti, o almeno di coloro che hanno un po' la cosienza sveglia.Il caso delgli usa, poi, e' da manuale: un paese democratico che sta sprofondando vieppiu' verso una specie di dittatura informatica stile cinese!
  • Anonimo scrive:
    La risposta è semplice: biometria
    C'è una soluzione facile facile per riconoscere in modo SICURO una persona collegata ad Internet: prima di assegnargli un indirizzo IP gli si fa la scansione dell'iride o le si rilevano le impronte digitali e si conservano in un database centralizzato. Magari la scansione dell'iride costa ancora troppo, ma ormai i dispositivi per rilevare le impronte digitali sono economici: si impone per legge che ogni pc che accede ad internet deve avere questo tipo di dispositivi e tanti saluti all'anonimato in Rete, con conseguente scomparsa della pirateria, dei cracker e tante altre minchiate varie.
    • Anonimo scrive:
      Re: La risposta è semplice: biometria

      C'è una soluzione facile facile per
      riconoscere in modo SICURO una persona
      collegata ad Internet: prima di assegnargli
      un indirizzo IP gli si fa la scansione
      dell'iride o le si rilevano le impronte
      digitali e si conservano in un database
      centralizzato. Magari la scansione
      dell'iride costa ancora troppo, ma ormai i
      dispositivi per rilevare le impronte
      digitali sono economici: Sei comicamente ignorante.Primo: un sistema atto a rilevare e registrare le impronte digitali e' COSTOSISSIMO e enormemente piu' fallibile che non uno per il riconoscimento dell'iride.Secondo: anche un sistema di riconoscimento dell'iride, acquistato singolarmente, ha costi proibitivi per un utente finale.Terzo: si dovrebbe creare un'anagrafe di tutti gli utenti per associare l'iride (o - ROTFL - l'impronta digitale) all'utente stesso.Quarto: sulla base di quale principio democratico puoi costringere una persona a sottoporsi a un simile riconoscimento?Prima di scrivere simili idiozie, per piacere, informati.
      • Anonimo scrive:
        Re: La risposta è semplice: biometria
        - Scritto da: Anonimo
        Sei comicamente ignorante.
        Primo: un sistema atto a rilevare e
        registrare le impronte digitali e'
        COSTOSISSIMO e enormemente piu' fallibile
        che non uno per il riconoscimento
        dell'iride.
        Secondo: anche un sistema di riconoscimento
        dell'iride, acquistato singolarmente, ha
        costi proibitivi per un utente finale.
        Terzo: si dovrebbe creare un'anagrafe di
        tutti gli utenti per associare l'iride (o -
        ROTFL - l'impronta digitale) all'utente
        stesso.
        Quarto: sulla base di quale principio
        democratico puoi costringere una persona a
        sottoporsi a un simile riconoscimento?Quinto: Non esiste l'equivalenza 1 utente = 1 indirizzo IP.
        • Anonimo scrive:
          Re: La risposta è semplice: biometria

          Quinto: Non esiste l'equivalenza 1 utente =
          1 indirizzo IP.Beh, diciamo che - almeno in teoria - nel momento in cui un utente dovesse essere riconosciuto come maggiorenne, avrebbe la responsabilità sull'utilizzo di quella connessione.Ma è comunque tutto il discorso messo in piedi che è assolutamente delirante.
          • Anonimo scrive:
            Re: La risposta è semplice: biometria

            Beh, diciamo che - almeno in teoria - nel
            momento in cui un utente dovesse essere
            riconosciuto come maggiorenne, avrebbe la
            responsabilità sull'utilizzo di quella
            connessione."ip dinamico", "dhcp", "pool di ip"dove ho mai sentito questi termini ?re-evaluateBurp
          • Anonimo scrive:
            Re: La risposta è semplice: biometria


            Beh, diciamo che - almeno in teoria - nel

            momento in cui un utente dovesse essere

            riconosciuto come maggiorenne, avrebbe la

            responsabilità sull'utilizzo di quella

            connessione.
            "ip dinamico", "dhcp", "pool di ip"
            dove ho mai sentito questi termini ?
            re-evaluatePronto? C'e' qualcuno li'?Si parla (o si delira, a seconda dei punti di vista) di un doppio riconoscimento utente, AL MOMENTO DELL'ASSEGNAZIONE DELL'IP.Username, password, impronta digitale (ROTFL) o cornea (ROTFL).Una connessione, un ip, un'utenza, una cornea.Got it?Ma comunque, e' tutto un discorso sorto sulla base di una serie di farneticazioni...
          • Anonimo scrive:
            Re: La risposta è semplice: biometria
            - Scritto da: Anonimo
            Si parla (o si delira, a seconda dei punti
            di vista) di un doppio riconoscimento
            utente, AL MOMENTO DELL'ASSEGNAZIONE
            DELL'IP.Ok, ma dovunque ci siano tanti PC vicini (azienda, internet point, oratorio, cameretta di un geek) ognuno ha un indirizzo privato assegnato e il collegamento ad internet avviene con un solo IP pubblico, spesso statico. Comunque le cazzate sono altre.
    • Anonimo scrive:
      Re: La risposta è semplice: biometria
      - Scritto da: Anonimo
      C'è una soluzione facile facile per
      riconoscere in modo SICURO una persona
      collegata ad Internet: prima di assegnargli
      un indirizzo IP gli si fa la scansione
      dell'iride o le si rilevano le impronte
      digitali e si conservano in un database
      centralizzato.Io ne ho una migliore: stampiamo un codice a barre sulla fronte di ognuno cosi' il riconoscimento sara' ancora piu' semplice.
    • Anonimo scrive:
      Re: La risposta è semplice: biometria
      - Scritto da: Anonimo
      C'è una soluzione facile facile per
      riconoscere in modo SICURO una persona
      collegata ad Internet: prima di assegnargli
      un indirizzo IP gli si fa la scansione
      dell'iride o le si rilevano le impronte
      digitali e si conservano in un database
      centralizzato. Magari la scansioneChe sarà il primo posto bucato! e riuscirà a funzionare per ben 30 secondi! (voi dite meno?... vabe sono un ottimista) ahhhhaahahah! :-D
  • Anonimo scrive:
    Invece non e' una brutta idea
    Invece non e' una brutta idea secondo me: permettere di far riconoscere ai software se un pc/utente e' usato da un maggiorenne oppure minorenne. Posto che i ragazzini smanettoni che si cambiano lo status a maggiorenne ci saranno sempre, penso che molti ragazzini che soprattutto oggi usano il pc senza essere affatto smanettoni, li si potrebbe proteggere da materiale sconveniente. Penso infatti che sarebbero per primi gli autori di materiale vm18 a non volerlo far vedere a minori, primo perche' non hanno potere d'acquisto, secondo per evitare magari menate legali.Pero' mi vengono in mente i dialer, che possono essere usati anche da minori e quindi il potere d'acquisti almeno in questo ambito ce l'hanno.Uhm.. comunque credo che sia una proposta sulla quale si potrebbe ragionare. Non sara' certamente la panacea di tutti i mali pero' qualcosa di utile credo lo possa portare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Invece non e' una brutta idea
      assurdo!mi spiace ma non guardi alla realta' dei fatti...non se po' fa'
    • Anonimo scrive:
      Re: Invece non e' una brutta idea
      forse il miglior modo di evitare tutto questo è che i genitori stiano un pò attenti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Invece non e' una brutta idea

      sconveniente. Penso infatti che sarebbero
      per primi gli autori di materiale vm18 a non
      volerlo far vedere a minori, primo perche'
      non hanno potere d'acquisto, secondo per
      evitare magari menate legali.Esistono già prodotti del genere rsACI integrato in IE oppure prodotti come net nanny solo che falliscono proprio perchè i siti porno non sono sviluppati in modo da evitarne a visione a chi non vuole....
    • Anonimo scrive:
      Re: Invece non e' una brutta idea
      Non spariamo ca##ate, sappiamo tutti che basta farse una ricerca con qualsiasi motore ed aprire dei siti a caso per ritrovarsi lo schermo pieno di pop-up pieni zeppi di immagini porno.... puoi anche evitare il file sharing ma evitare che la pornografia in rete venga a contatto con minori credo che sia un problema ben più complesso da gestire.Un minorenne alle prime armi in cerca di foto fa prima ad inserire "tette" o "culo" in un motore di ricerca che installarsi un software di file sharing per scaricare immagini o video.
      Posto che i ragazzini
      smanettoni che si cambiano lo status a
      maggiorenne ci saranno sempre, penso che
      molti ragazzini che soprattutto oggi usano
      il pc senza essere affatto smanettoni, li si
      potrebbe proteggere da materiale
      sconveniente. Penso infatti che sarebbero
      per primi gli autori di materiale vm18 a non
      volerlo far vedere a minori, primo perche'
      non hanno potere d'acquisto, secondo per
      evitare magari menate legali.
    • Anonimo scrive:
      Re: Invece non e' una brutta idea

      Invece non e' una brutta idea secondo me:
      permettere di far riconoscere ai software se
      un pc/utente e' usato da un maggiorenne
      oppure minorenne.Ma perche' farsi tante pippe mentali? Perche' non controllare semplicemente i propri figli?Ci fa tanto schifo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Invece non e' una brutta idea

        Ma perche' farsi tante pippe mentali?
        Perche' non controllare semplicemente i
        propri figli?
        Ci fa tanto schifo? Questo e' il nodo centrale ! Tutto il resto sono stronzate ( o americanate) ! L' importante di la', e' distruggere certezze per creare mercato. Anche da noi comunque c' e' poco da ridere. Ad ogni disavventura salta fuori l' amore paterno/materno per accusare istituzioni e/o forze piu' o meno preposte ... " sa non per vendetta, ma perche' non debba accadere ad altri ..." ma, starci un po' vicini no ?ps. Chi parla e' un padre.
    • Anonimo scrive:
      Re: Invece non e' una brutta idea
      realta' i partecipanti al congresso si uccidono de pippecome solo i migliori falliti sanno fareu.s.a. sux
    • Anonimo scrive:
      Re: Invece non e' una brutta idea
      ragazzini NON smanettoni nn esistono .. mio cugino di 10 anni ne sa + di me di gabbole ...
  • gerry scrive:
    Come diceva Beppe Grillo...
    Mio figlio m'ha detto: "papà, guarda che lo stai sbagliando il codice per i film porno, non è più quello che facevi prima, l'ho cambiato io"
  • Anonimo scrive:
    i genitori se ne fotteranno.
    tanto i genitori "aiuto! una figa!" già stanno tenendo i figli lontani dal pc-demoniaco.Gli altri sanno bene che sono tutte stronzate.il bello è proprioche tutto questo si basa praticamente solo sul buon senso :)meno male!
  • Anonimo scrive:
    ROTFL
    il software della riaa di controllo poi ... esilarante :)
    • Anonimo scrive:
      Re: ROTFL
      scusate l'ignoranzama cosa significa ROTFL ?Barbapapa'
      • Anonimo scrive:
        Re: ROTFL

        scusate l'ignoranza
        ma cosa significa ROTFL ?Hai provato a fare una ricerca, che so, su google?Temo di no :-) , comunque avresti scoperto che significa "Rolled Over The Floor Laughing", cioe "Sono rotolato per terra dal ridere".
  • samu scrive:
    windows vm18 ?
    - il p2p contiene porno ?- si- allora i client p2p devono essere usati solo da maggiorenni- si... quindi ... per estensione ...- il web contiene porno ?- si- allora i browser devono essere usati solo da maggiorenni- si- ma I.E. non e' "staccabile" da windows .. ne e' parte integrante- allora windows sara' v.m. 18 e il sito dove scaricare gli aggiornamenti dovra' contenere la dicitura "Attenzione usare windows puo' essere pericoloso" :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: windows vm18 ?

      - allora windows sara' v.m. 18 e il sito
      dove scaricare gli aggiornamenti dovra'
      contenere la dicitura "Attenzione usare
      windows puo' essere pericoloso"

      :-)Grande!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: windows vm18 ?
      Se è ironico ok, altrimenti non ce lo vedo il nesso on Windows..Ovviamente la Microsoft deve sempre essere messa in mezzo, senno' nessuno sta bene..-Alan
      • Anonimo scrive:
        Re: windows vm18 ?
        Lavori per MS ? :D- Scritto da: Anonimo
        Se è ironico ok, altrimenti non ce lo vedo
        il nesso on Windows..
        Ovviamente la Microsoft deve sempre essere
        messa in mezzo, senno' nessuno sta bene..

        -Alan
        • Anonimo scrive:
          Re: windows vm18 ?
          - Scritto da: Anonimo
          Lavori per MS ? :DNo, odio quando la si mette in mezzo senza motivo.Saluti,-Alan
      • Anonimo scrive:
        Re: windows vm18 ?
        - Scritto da: Anonimo
        Se è ironico ok, altrimenti non ce lo vedo
        il nesso on Windows..
        Ovviamente la Microsoft deve sempre essere
        messa in mezzo, senno' nessuno sta bene..

        -AlanSe cominciamo ad attaccare i mezzi che danno la possibilità di distribuire materiale pornografico allora dobbiamo attaccare tutti. La TV, il telefono, le edicole, la posta e tutti i mezzi possibili ed immaginibili. Devono tutti avere il massimo controllo sui minori ed essere in grado di identificare chiunque interagisca con loro (browser compresi, e visto che la Microsoft ne ha praticamente il monopolio ....).
        • Anonimo scrive:
          Re: windows vm18 ?
          - Scritto da: Anonimo
          Se cominciamo ad attaccare i mezzi che danno
          la possibilità di distribuire materiale
          pornografico allora dobbiamo attaccare
          tutti. La TV, il telefono, le edicole, la
          posta e tutti i mezzi possibili ed
          immaginibili. Devono tutti avere il massimo
          controllo sui minori ed essere in grado di
          identificare chiunque interagisca con loro
          (browser compresi, e visto che la Microsoft
          ne ha praticamente il monopolio ....).Certo, uccidiamo l'edicolante perchè vende i giornalini porno, o bruciamo la sede dell'emittente TV locale perchè manda filmati con contenuto sexy.. E le truffe legali sono dovunque, vedi i vari numeri telefonici a pagamento, i dialers, ecc..Sono solo strumenti, poi bisogna farne un uso giusto..Magari ora è colpa di Microsoft se c'è la pornografia in rete!Anzi, è colpa di Microsoft se ESISTE LA PORNOGRAFIA! AIUTO! AL ROGO BILL GATES!Mavavvà!-Alan
          • Anonimo scrive:
            Re: windows vm18 ?
            allora o non sai leggere o proprio non ci arrivi...SE il ragionamento è quello di criminalizzare il p2p perchè CONTIENE materiale porno..allora...di riflesso..si dovrebbe climinare anche un browser perchè da la possibilità di accedere a materiale porno alla faccia di Netnanny & Co.
          • Anonimo scrive:
            Re: windows vm18 ?
            - Scritto da: Anonimo
            allora o non sai leggere o proprio non ci
            arrivi...SE il ragionamento è quello di
            criminalizzare il p2p perchè CONTIENE
            materiale porno..allora...di riflesso..si
            dovrebbe climinare anche un browser perchè
            da la possibilità di accedere a materiale
            porno alla faccia di Netnanny & Co.
            Infatti, credevo che si notasse la vena sarcastica del mio commento e tu ci sei arrivato..alan invece sembra prenderlo come un fatto personale. Come non sarebbe giusto prendersela con gli edicolanti ecc.. e la Microsoft, così è assurdo prendersela con il P2P. Queste sono solo banali scuse di chi non sa più che pesci pigliare per tenere sotto controllo un fenomeno incontrollabile, e lo dice uno che non usa nemmeno l'ombra di un sistema P2P.
          • Anonimo scrive:
            Re: windows vm18 ?
            - Scritto da: Anonimo
            allora o non sai leggere o proprio non ci
            arrivi...SE il ragionamento è quello di
            criminalizzare il p2p perchè CONTIENE
            materiale porno..allora...di riflesso..si
            dovrebbe climinare anche un browser perchè
            da la possibilità di accedere a materiale
            porno alla faccia di Netnanny & Co.Infatti scusami, ma non avevo capito..Ho agito perchè stufo dei post in cui si mette sempre in mezzo Microsoft.Leggendo poi risposte come "grande!" veniva subito fuori l'idea che si fa uno del tuo post, e cioè che è contro Microsoft..Credimi, non avevo proprio inteso :)Ciao-Alan
          • Anonimo scrive:
            Re: windows vm18 ?
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            allora o non sai leggere o proprio non ci

            arrivi...SE il ragionamento è quello di

            criminalizzare il p2p perchè CONTIENE

            materiale porno..allora...di riflesso..si

            dovrebbe climinare anche un browser perchè

            da la possibilità di accedere a materiale

            porno alla faccia di Netnanny & Co.

            Infatti scusami, ma non avevo capito..
            Ho agito perchè stufo dei post in cui si
            mette sempre in mezzo Microsoft.
            Leggendo poi risposte come "grande!" veniva
            subito fuori l'idea che si fa uno del tuo
            post, e cioè che è contro Microsoft..
            Credimi, non avevo proprio inteso :)No nosi dice così si dice "un giusto e sacrosanto post contro la microsoft"si lo ammetto sono fazioso mi sta sulle scatole ed è la causa del 99.999% dei mali della rete e della informatica con chi te la vorresti prendere caro il mio Alan se non con M$ i progetti da grande fratello su quale piattaforma pensi li vogliano fare passare?....Si M$ fa letteralmente vomitare è un cancro di cui liberarsi con ogni mezzo! ciao coco!

            Ciao
            -Alan
          • Anonimo scrive:
            Re: windows vm18 ?
            - Scritto da: Anonimo
            No nosi dice così si dice "un giusto e
            sacrosanto post contro la microsoft"
            si lo ammetto sono fazioso mi sta sulle
            scatole ed è la causa del 99.999% dei mali
            della rete e della informatica con chi te la
            vorresti prendere caro il mio Alan se non
            con M$ i progetti da grande fratello su
            quale piattaforma pensi li vogliano fare
            passare?....
            Si M$ fa letteralmente vomitare è un cancro
            di cui liberarsi con ogni mezzo! E allora vedi che ci avevo visto giusto? ;DIo sono pro microsoft, ma non vado in giro sui forum a sputtanare linux, al massimo riporto le mie esperienze..Ciao..-Alan
          • Anonimo scrive:
            Re: windows vm18 ?
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Se cominciamo ad attaccare i mezzi che
            danno

            la possibilità di distribuire materiale

            pornografico allora dobbiamo attaccare

            tutti. La TV, il telefono, le edicole, la

            posta e tutti i mezzi possibili ed

            immaginibili. Devono tutti avere il
            massimo

            controllo sui minori ed essere in grado di

            identificare chiunque interagisca con loro

            (browser compresi, e visto che la
            Microsoft

            ne ha praticamente il monopolio ....).

            Certo, uccidiamo l'edicolante perchè vende i
            giornalini porno, o bruciamo la sede
            dell'emittente TV locale perchè manda
            filmati con contenuto sexy.. E le truffe
            legali sono dovunque, vedi i vari numeri
            telefonici a pagamento, i dialers, ecc..
            Sono solo strumenti, poi bisogna farne un
            uso giusto..

            Magari ora è colpa di Microsoft se c'è la
            pornografia in rete!
            Anzi, è colpa di Microsoft se ESISTE LA
            PORNOGRAFIA! AIUTO! AL ROGO BILL GATES!Io non saprei ....ma su www.microsoft.it si trovano link porno e dialers con foto e tutto il resto a te chi ti risulta che sia il titolare del dominio Microsoft.it?

            Mavavvà!
            -Alanmava tu! wintaliban
          • Anonimo scrive:
            Re: windows vm18 ?
            - Scritto da: Anonimo
            Io non saprei ....ma su www.microsoft.it si
            trovano link porno e dialers con foto e
            tutto il resto a te chi ti risulta che sia
            il titolare del dominio Microsoft.it?Apparte il fatto che su microsoft.it .com puntoquellochettipare non ci sono banner, se non uno in alto a destra nel .it che pubblicizza windows server 2003..FORSE stai parlando di msn.it.. ma non ho capito perchè tra tanti siti web, tante cose, quella che ci va di mezzo è sempre la microsoft..Cos'è, ve la sognate la notte?!
            mava tu! wintalibanParlare con voi è sempre un dispiacere, addio :)-AlanP.S. almeno io firmo..
      • samu scrive:
        Re: windows vm18 ?
        - Scritto da: Anonimo
        Se è ironico ok, altrimenti non ce lo vedo
        il nesso on Windows..veramente alla fine del commento c'era uno smile ..
        Ovviamente la Microsoft deve sempre essere
        messa in mezzo, senno' nessuno sta bene..c'ho messo di mezzo M$ perche' e' una multinazionalecon una cittadella di avvocati.Visto che con queste proposte di legge si cerca di demonizzare ilp2p con il porno allora estendiamo il concetto anche al web e tiriamodi mezzo le multinazionali e i loro interessi (per esempio proprio M$che produce Internet Explorer) e vediamo che accade ...
    • Anonimo scrive:
      Re: windows vm18 ?
      Grande ;)
  • Anonimo scrive:
    E il preservativo obbligatorio?
    Visto che il P2P è così pericoloso, non ci hanno pensato?
    • Anonimo scrive:
      Re: E il preservativo obbligatorio?
      sarebbe una cosa giusta...magari non obbligatorio, ma almeno caldamente consigliato e ad un giusto prezzo...Ma la Chiesa Cattolica non vuole... ed il prezzo elevato è orchestrato anche da essa che ha bloccato l'autorizzazione ministeriale ad una industria del nord est italiano in grado di produrne di ottima qualità a prezzi concorrenziali... non siamo in uno stato laico... purtroppo l'elettorato di centro è il dolce che tutti si contendono...
      • Anonimo scrive:
        Re: E il preservativo obbligatorio?
        - Scritto da: Anonimo
        sarebbe una cosa giusta...magari non
        obbligatorio, ma almeno caldamente
        consigliato e ad un giusto prezzo...
        Ma la Chiesa Cattolica non vuole... ed il
        prezzo elevato è orchestrato anche da essa
        che ha bloccato l'autorizzazione
        ministeriale ad una industria del nord est
        italiano in grado di produrne di ottima
        qualità a prezzi concorrenziali... non siamo
        in uno stato laico... purtroppo l'elettorato
        di centro è il dolce che tutti si
        contendono...Ecco perchè sono ateo... ops, adesso che succederà, o porca miseria non credo nel LORO dio, adesso che mi accadrà? Mi censureranno? Azz potevo starmi zitto... :
      • Anonimo scrive:
        Re: E il preservativo obbligatorio?
        - Scritto da: Anonimo
        sarebbe una cosa giusta...magari non
        obbligatorio, ma almeno caldamente
        consigliato e ad un giusto prezzo...
        Ma la Chiesa Cattolica non vuole... ed il
        prezzo elevato è orchestrato anche da essa
        che ha bloccato l'autorizzazione
        ministeriale ad una industria del nord est
        italiano in grado di produrne di ottima
        qualità a prezzi concorrenziali... non siamo
        in uno stato laico... purtroppo l'elettorato
        di centro è il dolce che tutti si
        contendono...Hai prove a supporto di questa affermazione ?Produrre condom a prezzi concorrenziali mica è facile... Sopratutto se si devono sottostare a tutte le norme sanitarie applicabili.... (e lavorando nel settore ti assicuro che la Qualità ha un prezzo altissimo).E poi il settore dei condom è monopolizzato da due enormi multinazionali che hanno interesse a:1) mantenersi una bella quota di mercato 2) mantenere i prezzi alti per avere profitti enormi3) mantenere alta la tensione sulle malattie sessualmente trasmissibili che ha fatto impennare le vendite di condom a livello mondiale.....Questi tre interessi fanno si che:1) non vengano tollerati nuovi concorrenti2) (almeno negli USA) le aziende dei condom fanno azione lobbistica per mantenere bassi gli stanziamenti del congresso per la ricerca su un vaccinocura per l'HIVNon mi stupirei che queste multinazionali riuscissero a fare pressioni anche in EuropaItalia.
        • nop scrive:
          Re: E il preservativo obbligatorio?

          Non mi stupirei che queste multinazionali
          riuscissero a fare pressioni anche in
          EuropaItalia.Parola magica ... assistenza sanitaria....
          • Anonimo scrive:
            Re: E il preservativo obbligatorio?
            - Scritto da: nop


            Non mi stupirei che queste multinazionali

            riuscissero a fare pressioni anche in

            EuropaItalia.

            Parola magica ... assistenza sanitaria....Questa non l'ho capita...Intendi forse dire che il servizio sanitario nazionale dovrebbe "passare" anche i preservativi ?Beh, giusto farli pagare meno, ma non sarei d'accordo nel metterli a carico del SSN ! Ci sono farmaci più necessari che dovrebbero essere inclusi prima !
          • Anonimo scrive:
            Re: E il preservativo obbligatorio?
            in effetti mia madre si paga le pastiglie per la pressione(salvavita): i condom gratuiti mi sembrano una presa in giro;)
          • nop scrive:
            Re: E il preservativo obbligatorio?
            - Scritto da: Anonimo
            in effetti mia madre si paga le pastiglie
            per la pressione(salvavita): i condom
            gratuiti mi sembrano una presa in giro;)L'AIDS si propaga tramite il rapporto sessuale; prevenire sarebbe meglio(e sopratutto più economico) di curare.In Italia per la prevenzione non si spende una lira .... forse sarebbe il caso di investire anche nella prevenzione oltre che nella cura.....Che poi tua madre debba pagarsi le pastiglie salvavita è un assurdo causato ahime dalla sempre più forte volontà del nostro governo di privatizzare la sanità .... continuando però a farcela pagare in busta paga.....Chissa' dove andremo a finire...
          • Anonimo scrive:
            Re: E il preservativo obbligatorio?

            Beh, giusto farli pagare meno, ma non sarei
            d'accordo nel metterli a carico del SSN ! Ci
            sono farmaci più necessari che dovrebbero
            essere inclusi prima !un malato di aids costa allo stato 2 milioni di euro (in media) non sarebbe forse il caso di investire qualche soldino in prevenzione????cene guadagneremmo tutti
          • nop scrive:
            Re: E il preservativo obbligatorio?

            un malato di aids costa allo stato 2 milioni
            di euro (in media) non sarebbe forse il caso
            di investire qualche soldino in
            prevenzione????
            cene guadagneremmo tuttiappoggio ....
          • Anonimo scrive:
            Re: E il preservativo obbligatorio?
            in Svezia come in altri paesi vai dal medico gli dici che ti servono 20 preservativi, ti fa la ricetta e ti vengono regalati...se andiamo a vedere i dati sui malati di AIDS di ogni paese secondo me avremmo la riprova che questa politica fa risparmiare un sacco di soldi allo Statoil problema in italia è che abbiamo al nostro interno lo stato più ricco del mondo (il Vaticano).... e ciò si ripercuote non solo in materia sessuale, ma in tutti i campi....se riuscissimo ad eliminare il vaticano la nostra vita migliorerebbe di sicuro.... e per farlo basterebbe fargli fatturare tutto ciò che guadagnano... penso che l'italiano medio se vedesse i conti del vaticano smetterebbe di credere in questa istituzione...credo in Dio, ma non nella Chiesa, che non fa un'azione che sia ispirata a ciò che Dio e chi per lui ha detto...
      • Anonimo scrive:
        Re: E il preservativo obbligatorio?

        Ma la Chiesa Cattolica non vuole... ed il
        prezzo elevato è orchestrato anche da essa
        che ha bloccato l'autorizzazione
        ministeriale ad una industria del nord est
        italiano in grado di produrne di ottima
        qualità a prezzi concorrenziali... Pateticamente ridicolo.O porti qualche FATTO per giustificare quanto scrivi, o taci.
        • Anonimo scrive:
          Re: E il preservativo obbligatorio?
          Tu invece hai postato qualche FATTO a giustificare il contrario?Allora taci per primo invece di usare la spocchia per osservare la pagliuzza nell'occhio dell'altro...
          • Anonimo scrive:
            Re: E il preservativo obbligatorio?
            - Scritto da: Anonimo
            Tu invece hai postato qualche FATTO a
            giustificare il contrario?
            Allora taci per primo invece di usare la
            spocchia per osservare la pagliuzza
            nell'occhio dell'altro...Dunque, tu (credo) hai detto che la chiesa ha fatto qualcosa.Io non sto difendendo la Chiesa, ti sto solo dicendo che per muovere un'accusa bisogna avere delle buone ragioni, ergo dei FATTI. Altrimenti e' meglio stare zitti invece che nascondersi dietro l'anonimato per sollevare accuse a vanvera.
        • nop scrive:
          Re: E il preservativo obbligatorio?

          Pateticamente ridicolo.
          O porti qualche FATTO per giustificare
          quanto scrivi, o taci.che la chiesa sia dentro il tessuto politico italiano è palese ... come per altro è palese il parere della chiesa riguardo l'uso del profilattico......Aggiungo in Italia esiste ancora la democrazia e ognuno può esprimere la propria opinione persino la tua ....
          • Anonimo scrive:
            Re: E il preservativo obbligatorio?

            che la chiesa sia dentro il tessuto politico
            italiano è palese ... come per altro è
            palese il parere della chiesa riguardo l'uso
            del profilattico......Visto che hai dimenticato di quotare anche il messaggio originale, ci penso io:---------------------
            Ma la Chiesa Cattolica non vuole... ed il
            prezzo elevato è orchestrato anche da essa
            che ha bloccato l'autorizzazione
            ministeriale ad una industria del nord est
            italiano in grado di produrne di ottima
            qualità a prezzi concorrenziali... ---------------------Io non mi riferivo al fatto che la chiesa e' contraria all'uso dei profilattici, come peraltro a qualsiasi metodo contraccettivo non naturale (fatto sul quale sono assolutamente contrario), come ma all'affermazione di cui sopra, secondo cui ci sarebbero oscure trame, dietro alle quali sempre la chiesa si nasconde, che farebbero si' che una non meglio identificata ditta del nordest non avrebbe avuto l'autorizzazione a produrre profilattici.Facciamo accuse? ARGOMENTIAMOLE, diamine!Non sto difendendo la chiesa, sto solo chiedendo che mi si dica da dove arrivano queste accuse. Tutto qua.Chiedo troppo?
            Aggiungo in Italia esiste ancora la
            democrazia e ognuno può esprimere la propria
            opinione persino la tua ....C'e' una sottile differenza tra esprimere un'opinione e accusare senza criterio, non credi?
  • Anonimo scrive:
    Sarà successo che ...
    ... un politico, cercando di risolvere qualche problema al Windows installato nel computer del figlio, è andato a finire per caso nella directory dei files condivisi. Dopo aver visionato tutti i filmati e le immagini ivi contenute, ha collegato il PC del figlio al suo laptop tramite cavo parallelo, si è copiato, in una directory nascosta, per gustarseli con calma, tutti i files con estensione avi, mpg, wmv, mov e jpg e poi ha fatto una telefonatina ai colleghi ...plausibile, no ? ;)Saluti,Piwi
    • CoreDump scrive:
      Re: Sarà successo che ...
      - Scritto da: Anonimo
      ... un politico, cercando di risolvere
      qualche problema al Windows installato nel
      computer del figlio, è andato a finire per
      caso nella directory dei files condivisi.
      Dopo aver visionato tutti i filmati e le
      immagini ivi contenute, ha collegato il PC
      del figlio al suo laptop tramite cavo
      parallelo, si è copiato, in una directory
      nascosta, per gustarseli con calma, tutti i
      files con estensione avi, mpg, wmv, mov e
      jpg e poi ha fatto una telefonatina ai
      colleghi ...

      plausibile, no ? ;)

      Saluti,
      PiwiPotrebbe essere anche plausibile, ma non credo che il quozienteintellettivo posseduto dai politici usa sia sufficente per riuscirea trasferire dei dati con un collegamente parallelo o altro :)saluti (linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarà successo che ...
        hai ragione..probabilmente li ha visti sul computer del figlio direttamente..oppure li ha trasferiti sul suo masterizzandosi un cd..ma ho già dei dubbi al riguardo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarà successo che ...
          Va bene : è andato a coprare una decina di confezioni di floppies nel negozio sotto casa e li ha trasferiti con WinZip !'nottePiwi
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarà successo che ...

        Potrebbe essere anche plausibile, ma non
        credo che il quoziente
        intellettivo posseduto dai politici usa sia
        sufficente per riuscire
        a trasferire dei dati con un collegamente
        parallelo o altro :)

        saluti (linux)non che da noi si stia meglio (vedi eucd, ecc)
  • Anonimo scrive:
    Ci spendono anche i soldi...
    ..per queste minchiate.La solita cretinata propagandistica...certo che le tentano proprio tutte..bisogna dargliene atto...sono testardi anche se hanno già perso.
  • CoreDump scrive:
    Certo che...
    a sti americani non sfugge proprio nulla :)saluti (linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Certo che...
      - Scritto da: CoreDump
      a sti americani non sfugge proprio nulla :)

      saluti (linux)Soprattutto sono svegli :-) !
    • Anonimo scrive:
      Re: Certo che...
      - Scritto da: CoreDump
      a sti americani non sfugge proprio nulla :)

      saluti (linux)Dopo essersi masturbati 40.000.000 di volte al giorno davanti a vari siti porno, se ne sono finalmente accorti.Si accorgeranno prima o poi che devono collegare un mouse al computer invece di tenerci attaccato un topo morto? :P
    • Anonimo scrive:
      Re: Certo che...
      Già ... però non si sono ancora accorti che sono presi per il culo in tutto il mondo!anche se fanno i prepotenti a colpi di bombe qua e la.- Scritto da: CoreDump
      a sti americani non sfugge proprio nulla :)

      saluti (linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: Certo che...
        Purtroppo, come diceva qualcuno, sono americani ma sono gli unici americani che abbiamo.- Scritto da: Anonimo
        Già ... però non si sono ancora accorti che
        sono presi per il culo in tutto il mondo!
        anche se fanno i prepotenti a colpi di bombe
        qua e la.
      • Anonimo scrive:
        Re: Certo che...


        a sti americani non sfugge proprio nulla
        Già ... però non si sono ancora accorti che
        sono presi per il culo in tutto il mondo!
        anche se fanno i prepotenti a colpi di bombe
        qua e la.Il problema è che la cosa non crea loro nessun problema. Noi li sfottiamo, ma loro continuano imperterriti sulla loro strada.E se alla fine dovessero averla vinta loro?...brrrrrr....
        • Anonimo scrive:
          Re: Certo che...
          - Scritto da: Anonimo
          Il problema è che la cosa non crea loro
          nessun problema. Noi li sfottiamo, ma loro
          continuano imperterriti sulla loro strada.

          E se alla fine dovessero averla vinta loro?

          ...brrrrrr....Sai, qundo si usa la dialettica delle bombe e' difficile non averla vinta.
  • Anonimo scrive:
    Sai che novità...
    In Italia abbiamo casi noti e altri meno.. Tra le retate contro R@ygold, al caso famoso del "porno amatoriale da perugia"..
    • Anonimo scrive:
      Re: Sai che novità...
      forza chiara... mi dispiace, ma c'è proprio da dirlo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sai che novità...
      - Scritto da: Anonimo
      In Italia abbiamo casi noti e altri meno..
      Tra le retate contro R@ygold, al caso famoso
      del "porno amatoriale da perugia"..E che c'entra il porno di perugia?Quello era stato un ragazzo "scaricato" che si e' vendicato mandando in giro un video girato con la sua ex. Non capisco veramente cosa questo abbia a che fare con la diffusione indiscriminata della pornografia tra i minorenni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sai che novità...

        E che c'entra il porno di perugia?
        Quello era stato un ragazzo "scaricato" che
        si e' vendicato mandando in giro un video
        girato con la sua ex.
        Non capisco veramente cosa questo abbia a
        che fare con la diffusione indiscriminata
        della pornografia tra i minorenni.Lei al momento del filmato era minorenne, le era stato assicurato che nessuno lo avrebbe mai visto... Ecco l'anello di ginzione.....
Chiudi i commenti