IBM: batteremo cinesi ed indiani

IBM: batteremo cinesi ed indiani

Varato un programma per portare nelle aule americane ingegneri e tecnici dell'azienda: formeranno i talenti d'America in quelle materie dove i colleghi cinesi e indiani stanno guadagnando la leadership
Varato un programma per portare nelle aule americane ingegneri e tecnici dell'azienda: formeranno i talenti d'America in quelle materie dove i colleghi cinesi e indiani stanno guadagnando la leadership


Armonk (USA) – Le sfide provenienti dall’estremo oriente fanno paura ai big dell’industria statunitense. Big Blue ha così captato i timori diffusi nel mondo dell’IT per tramutarli in una strategia d’investimento formativo , volta alla creazione di una solida base di giovani studenti in grado di contribuire al futuro della tecnologia made in USA .

Stanley Litow, presidente dalla Fondazione IBM, ha annunciato la nascita di un programma di ricollocamento dedicato ai dipendenti in età pensionabile: il programma, varato col patrocinio dell’amministrazione locale di New York, intende fornire agevolazioni e contratti stimolanti per “convertire” ingegneri e programmatori in docenti d’alto profilo . I vertici di IBM sperano di tamponare l’emorragia scientifica che affligge l’istruzione statunitense: “Servono almeno 250.000 insegnanti di materie scientifiche e non sappiamo da dove prenderli”, dichiara Litow in un lancio di AP .

Il capo della Fondazione parla a nome dell’intero paese, “minacciato” dall’ impeccabile preparazione tecnico-scientifica dei giovani di Bangalore o di Pechino. “Abbiamo tra le mani una bomba ad orologeria, e non è solo un problema per le aziende tecnologiche”, incalza Litow: il sistema scolastico ed accademico dei grandi paesi asiatici è in grado di plasmare scienziati ed ingegneri con un ritmo serratissimo , capace di ribaltare gli assetti economici internazionali. Se non si interviene nel settore dell’istruzione, potenziandone l’impianto formativo matematico e scientifico, Litow sostiene che “l’economia degli Stati Uniti è in pericolo”.

IBM accompagnerà la difficile transizione dei dipendenti attraverso agevolazioni fiscali ed una borsa di studio da 15mila dollari finalizzata per ottenere qualifiche ed abilitazioni all’insegnamento. L’azienda accompagnerà gli ex-impiegati durante il duro percorso della “conversione professionale”: il personale, una volta terminato un periodo prova di “inserimento” nel nuovo ruolo, potrà entrare a far parte di strutture scolastiche sia pubbliche che private.

Tuttavia questa tattica, che assomiglia vagamente ad un taglio del personale truccato da patriottismo messianico, potrebbe rivelarsi inconcludente: un esercito di formatori non è certamente il metodo più automatico e lineare per scacciare la tempesta che spira dall’oriente. Questo perché la penetrazione informatica negli Stati Uniti, secondo i dati ufficiali, è alta: tuttavia, in maniera quasi paradossale, sempre meno studenti scelgono una carriera universitaria di impronta scientifica .

Nonostante gli ottimi ideali proposti da IBM, la fiacchezza scientifica che sembra affliggere le nuove generazioni dei paesi occidentali secondo qualcuno è imputabile anche al calo occupazionale: il massiccio outsourcing di interi apparati produttivi, sia nell’elettronica che nell’informatica, rimane la causa principale dei problemi paventati da Litow.

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

18 09 2005
Link copiato negli appunti