IBM corteggia gli utenti Solaris

Big Blue dà una zampa a Red Hat per sottrarre clienti Unix a Sun e portarli verso Linux. Per farlo ha già finanziato il porting di decine di applicazioni
Big Blue dà una zampa a Red Hat per sottrarre clienti Unix a Sun e portarli verso Linux. Per farlo ha già finanziato il porting di decine di applicazioni


Armonk (USA) – IBM e Red Hat si sono alleate contro un avversario comune, Sun , lanciando una serie di iniziative mirate ad attrarre gli utenti di Solaris verso la piattaforma Linux.

La mossa più importante vedrà il System and Technology Group di IBM fornire valutazioni e consulenze gratuite a quegli utenti che desiderino passare da Solaris a Red Hat Enterprise Linux. Big Blue e Red Hat forniranno inoltre percorsi di migrazione in grado di semplificare al massimo la transizione dalla piattaforma di Sun e minimizzare i costi dell’operazione.

Nel recente passato, IBM aveva già varato iniziative simili per incentivare la migrazione degli utenti di Solaris e HP-UX verso i propri sistemi operativi Unix-based, come AIX.

Il colosso di Armonk sa bene che gli utenti delle altre piattaforme non si corteggiano solo con i servizi ma anche e soprattutto con le applicazioni: a tale scopo IBM sta collaborando con 22 sviluppatori di software per il porting su Linux di una cinquantina di applicativi finanziari che girano su Solaris.

Oltre a Red Hat Linux, Big Blue commercializza con i propri server anche la distribuzione Linux di Novell: i due sistemi operativi girano su di un’ampia gamma di sistemi, dai piccoli server ai mainframe, tra cui quelli appartenenti alle linee xSeries, pSeries e zSeries.

Di recente Sun ha lanciato il proprio contrattacco alle piattaforme server Linux con Solaris 10 e OpenSolaris , progetto che a breve rilascerà sul canale open source buona parte del codice sorgente del nuovo sistema operativo di Sun.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 05 2005
Link copiato negli appunti