IBM: le decisioni si prendono in Second Life

Big Blue investirà 100 milioni di dollari in idee frutto di un brainstorming online che ha coinvolto 150mila persone. L'annuncio dei progetti è avvenuto nel mondo virtuale di Second Life
Big Blue investirà 100 milioni di dollari in idee frutto di un brainstorming online che ha coinvolto 150mila persone. L'annuncio dei progetti è avvenuto nel mondo virtuale di Second Life

Sam Palmisano, chief executive di IBM, annuncia un investimento di 100 milioni di dollari. Nulla di insolito, se non fosse che le idee su cui si investirà provengono da InnovationJam , un enorme incubatore di innovazione, una sessione di brainstorming collaborativo online basato sull’improvvisazione, sui grandi numeri e sui lampi di genio di una “folla intelligente”. Nulla di cui sorprendersi, se non fosse che l’investimento e le idee sono state presentate contemporaneamente in Cina e in una versione di pixel della “Città Proibita” di Pechino, situata su un’isola privata nel metamondo di Second Life .

Il brainstorming online è una strategia messa in atto da IBM a partire dal 2001. Ma la sessione di InnovationJam di giugno è stata inaudita per portata, per organizzazione e per brillantezza delle idee.

L’enorme brainstorming online ha coinvolto, nel giro 72 ore, più di 150mila avatar persone. Oltre ai dipendenti di IBM, sono stati invitati ad azzardare idee anche partner, utenti e membri delle famiglie dei dipendenti. Sono emerse cinquantamila idee, scremate fino a ridurle a dieci in una successiva sessione di voto.

Dalla lucidità e dall’esperienza dei dipendenti , dalla fantasia e dal punto di vista del consumatore sono emersi progetti che spaziano dai servizi di traduzione immediata, alle smart card per usufruire dei servizi medici, alle nanotecnologie per il filtraggio dell’acqua, da servizi di storage online all’Internet 3D. Progetti in cui Big Blue investirà quei 100 milioni di dollari.

Il CEO virtuale “Sam Palmisano ha chiarito che non vuole un ” business as usual “, ma idee radicalmente nuove “, annuncia David Yaun, vice presidente dei programmi di innovazione presso IBM.

Anche la presenza di IBM in Second Life sembra confermare la voglia di operare su idee radicalmente nuove. Palmisano si è già dotato di due avatar , uno casual, e uno vestito in un formale completo business (vedi immagine a lato), che ha debuttato nel metamondo in occasione della presentazione delle idee emerse da InnovationJam.

IBM ha già acquisito familiarità con Second Life e con i Massively Multiplayer Online Game (MMOG) : l'”evangelista dei mondi virtuali” Ian Hughes aveva spinto Big Blue a sondare un terreno ancora poco esplorato, ma dotato di potenzialità enormi.
IBM, in Second Life, ha come quartier generale Almaden Island , sede di conferenze e incontri di lavoro. L’annuncio dei risultati del progetto InnovationJam, è avvenuta, però, in una replica di pixel della Città Proibita. La Città Imperiale situata in Second Life è un’anticipazione del progetto ” The Forbidden City: Beyond Space and Time “, progetto che entro il 2008 consentirà ai turisti virtuali di visitare online una minuziosa ricostruzione immersiva del capolavoro dell’architettura classica cinese.

Big Blue, come spiega Irving Wladawsky-Berger nel suo blog , vede in Second Life un terreno fertile in cui investire. Uno spazio ludico , adatto ad ospitare conferenze e incontri più stimolanti rispetto a quelli organizzati nel mondo reale.

Il ” Bloc Party “, ad esempio, ha coinvolto avatar di dipendenti ed ex dipendenti, ha istituito uno spazio che favorisce lo scambio e il fluire di competenze ed esperienze.

Second Life, inoltre, è un ambiente adatto a simulare modelli di business , è una fucina di idee innovative, uno spazio in cui sperimentare routine professionali basate sulla decentralizzazione, per spingersi fino al cosiddetto crowdsourcing , la distribuzione di lavoro ad una comunità indistinta.

Numerosi progetti con un futuro florido sono frutto del lavoro dei team di sviluppatori IBM che hanno base in Second Life. Per citare un esempio, una catena di store immersivi , che fa da ponte tra Second Life e l’ecommerce tradizionale, basato sul modello del catalogo. Alcuni intravedono nel progetto una sorta di anticipazione dell’Internet 3D, che sarà uno dei progetti sovvenzionati da IBM con i 100 milioni di dollari.

I mondi virtuali, i MMOG, preconizza Irving Wladawsky-Berger, “avranno un grande impatto sulla sfera del business, sulla società e sulle nostre vite, ma nessuno di noi può predire con certezza di che impatto si tratterà.” Per ora basta esserci, sperimentare e analizzare. L’impatto che i MMOG avranno su business e società potrebbe dipendere da questo.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 11 2006
Link copiato negli appunti