IBM: Linux avanti tutta, nonostante SCO

Big Blue mostra sicurezza e afferma di non essere preoccupata né per la causa legale con SCO né per le rivendicazioni di quest'ultima relative a Linux. Il gigante di Armonk procede indifferente e annuncia nuovi PC con Linux


Armonk (USA) – La causa in corso con SCO Group, e le minacce legali che quest’ultima ha lanciato a tutti gli utilizzatori di Linux, sembrano non turbare troppo quel secolare gigante, IBM, che negli ultimi anni si è fatto primo sostenitore nell’industria del noto sistema operativo free.

Scott Handy, director of Linux solutions marketing di IBM, ha assicurato che la sua azienda non cambierà di una virgola le attuali e future strategie su Linux, né lo faranno i propri partner.

“IBM – ha affermato perentorio Handy – appoggia attivamente Linux e continuerà a venderlo come di consueto”, aggiungendo poi che IBM “è perfettamente serena e fiduciosa di essere dalla parte della ragione”.

Big Blue è serena come soltanto un colosso delle sue proporzioni potrebbe esserlo mentre c’è chi pretende da lei 1 miliardo di dollari di risarcimento danni: tale è infatti la somma chiesta da SCO per la presunta violazione, da parte di IBM, di una serie di accordi, contratti e proprietà intellettuali relativi a Unix.

Una serenità, quella dimostrata dal vecchio colosso di Armonk, che la comunità Linux spera possa estendersi anche a quel migliaio di grosse aziende che usano Linux e che, poche settimane fa, sono state raggiunte dalla ormai celebre lettera in cui SCO definisce Linux “un derivato non autorizzato di Unix”.

La dimostrazione che IBM sembra voler andare avanti per la propria strada, senza troppo preoccuparsi dei proclami di SCO, è data dal fatto che proprio ieri ha introdotto sul mercato una nuova linea di PC desktop aziendali, ThinkCentre, che comprende una famiglia di computer (la “M”) con le distribuzioni Linux di Red Hat o SuSE preinstallate.

In questi anni IBM ha scommesso una cospicua parte del suo futuro su Linux ed è riuscita ad attorniarsi di un’ampia comunità di aziende e sviluppatori, imprimendo una forte spinta al mercato dell’open source: Big Blue sostiene che sono oltre 6.000 i clienti che hanno installato applicazioni Linux e quasi 5.000 i vendor che offrono software commerciale per Linux attraverso i propri siti. Un mercato la cui fortuna potrebbe ora dipendere dall’esito dell’attuale duello legale fra SCO e IBM.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    tutto in uno
    bella l'idea di fare un solo "apparecchio" che fa tutto ....cellulare + macchina fotografica ..amgari anche pda ed mp3/ogg player .......si ma poi la batteria quanto mi dura ????Normalmente la batteria del telefono deve sostenere solo l'uso del telefono .. ma se quando nn telefono uso il pda o ascolto mp3 e quando nn telefono e nn ascolto mp3 e nn uso il pda scatto una foto ?????? Quanto mi dura la batteria con utilizzo medio ???????????
    • SymoPd scrive:
      Re: tutto in uno
      Beh, se continui a scrivere "nn" invece di "non", potrebbe durarti 2 secondi in più.....
    • Mieru scrive:
      Re: tutto in uno

      bella l'idea di fare un solo "apparecchio"
      che fa tutto ....
      cellulare + macchina fotografica ..amgari
      anche pda ed mp3/ogg player [cut]io voglio che faccia anche da telecomando universale.Mierued i brevetti mancati
  • Anonimo scrive:
    scenderanno
    i prezzi per inviare una foto non potranno salire di molto.. nessuno pagherebbe 10 euro per inviare una foto....i prezzi dei servizi multimediali scenderanno.. cosi come è successo con le vecchie tariffe voce di qualche anno fa anche in italia...devono scendere.. altrimenti non li userà la grande massa ma solo i ricconi.. e l'umts fallirà... ma non credo che l'intenzione degli operatori sia questa..specie dopo l'esperienza wap .. e un po' anche gprs.
    • Anonimo scrive:
      Re: scenderanno
      - Scritto da: Anonimo
      i prezzi per inviare una foto non potranno
      salire di molto.. nessuno pagherebbe 10 euro
      per inviare una foto....

      i prezzi dei servizi multimediali
      scenderanno.. cosi come è successo con le
      vecchie tariffe voce di qualche anno fa
      anche in italia...

      devono scendere.. altrimenti non li userà la
      grande massa ma solo i ricconi.. e l'umts
      fallirà... ma non credo che l'intenzione
      degli operatori sia questa..

      specie dopo l'esperienza wap .. e un po'
      anche gprs.Infatti ora le tariffe voce e il costo di invio di un sms cresce (Omnitel che ha messo nuove tariffe in cui i costi sono MOOLTO più alti di 2 anni fa... ma i costi non dovevano scendere???)Evviva il cartello oligopolistico....
  • Anonimo scrive:
    grandi foto=molta banda ...chi guadagna?
    se devo spedire grandi foto via cellulare, ho bisogno di tanta banda (a meno di aspettare mezz'ora prima che l'invio di una immagine sia teminato).Allora la domanda e' ? ..e chi ci guadagna se io ho bisogno di piu' banda? a chi vanno i soldini che io spendo per avere piu' banda?o, mantenendo la stessa velocita' di prima, chi ci guadagna se d'ora in poi, per mandare una foto, ci impiego 10 minuti ogni volta?...a chi vanno i miei soldini ????
    • Anonimo scrive:
      Re: grandi foto=molta banda ...chi guadagna?
      ...non solo......il bello e' che ci guadagnano maggiormente anche ammettendo di usare una tecnologia come l' UMTS, in cui non si paga "a tempo" ma a quantita' di Kb spediti.....per cui, a foto piu' grande (e dettagliata), corrispondono piu' Kb da spedire... quindi piu' soldi che vanno a......a... ? ..a chi ?
      • Anonimo scrive:
        Re: grandi foto=molta banda ...chi guadagna?
        una parte va sicuramente alle ditte (come dove lavoro) che fanno apparati per le telecom 9e che adesso sono in crisi)quindi... scattate tante foto che dobbiamo vendere le dorsali a 80Gb/s !
    • DKDIB scrive:
      Re: grandi foto=molta banda ...chi guadagna?
      Anonimo wrote:
      ...a chi vanno i miei soldini ????Nessuno ti obbliga. -_-'Io, ad esempio, ho ancora un Motorola V100 (quello con tastiera qwerty) pagato 50 euro. Mi trovo stupendamente e nessuno mi costringe a cambiarlo. :DSe poi esistono pirla ke abboccano a queste cose pace: e' un problema loro e di nessun altro. :
Chiudi i commenti