iBrain legge la mente dello scienziato

Ricercatori statunitensi lavorano a un nuovo dispositivo potenzialmente in grado di facilitare Stephen Hawking nella sua fatica quotidiana del comunicare con i movimenti delle guance
Ricercatori statunitensi lavorano a un nuovo dispositivo potenzialmente in grado di facilitare Stephen Hawking nella sua fatica quotidiana del comunicare con i movimenti delle guance

La sclerosi laterale amiotrofica avanza, Stephen Hawking deve faticare sempre di più per interagire con il mondo e i ricercatori provano a ideare nuovi strumenti capaci di facilitare il compito al grande scienziato britannico. L’ultimo esempio in tal senso è iBrain, un caschetto che potrebbe permettere ad Hawking di comunicare direttamente con il pensiero .

Sviluppato dai ricercatori della società di San Diego NeuroVigil , iBrain è pensato per “leggere” pattern cerebrali specifici generati da pensieri altrettanto specifici, interpretarli e tradurli in comandi da inviare a un computer. Oltre alle esigenze peculiari di Hawking, iBrain potrebbe servire a monitorare e diagnosticare condizioni patologiche come depressione e autismo.

Al momento lo scienziato che studia i buchi neri riesce a comunicare attraverso il riconoscimento ottico di leggeri movimenti nelle guance, ma con il progredire della malattia è necessario pensare a strumenti ancora più avanzati del sistema computerizzato usato oggi da Hawking.

iBrain è ancora nella fase prototipale: i suoi creatori si sono fatti un viaggio a Cambridge per chiedere allo scienziato inglese di “immaginare di chiudere la sua mano a formare una palla”: il caschetto ha riconosciuto i pattern cerebrali corrispondenti a questo pensiero specifico, interpretandoli come “segnali” rappresentati da una serie di picchi su una griglia.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 04 2012
Link copiato negli appunti