Il bianco BlackBerry Pearl nel listino TIM

La candida versione dello smartphone di RIM entra nel listino dell'offerta mobile dell'incumbent

Milano – Qualora gli utenti che apprezzano smartphone e palmofonini di RIM non lo avessero ancora saputo, da qualche giorno la versione bianca dello smartphone BlackBerry Pearl è disponibile nel listino TIM .

Caratteristiche evidenziate per questo apparecchio sono le funzionalità multimediali, tra cui spicca la fotocamera digitale da 1,3 Megapixel con flash integrato e zoom digitale 5x, nonché il media player per ascoltare musica e vedere video e la memoria interna da 64MB, espandibile grazie ad una card MicroSD.

Il dispositivo Non mancano il Voice Activated Dialling (VAD), suonerie polifoniche, MP3 e toni di chiamata MIDI, la gestione intuitiva delle chiamate (come per esempio il richiamo rapido da rubrica), funzione conference call, composizione veloce e forward automatico delle chiamate.

I clienti TIM possono acquistare il BlackBerry Pearl bianco a 349 euro, oppure ricevere lo smartphone sottoscrivendo l’offerta “Tutto Relax 30” a 99 euro. Il servizio email, chiarisce una nota, è disponibile per i clienti TIM sia in versione email “on the move” (ad un costo di 6 euro per MB) oppure attraverso un canone “flat” di 17 euro al mese, che consente un traffico illimitato di posta elettronica. Infine, a tutti i clienti che acquisteranno un BlackBerry, sarà offerto senza addebiti aggiuntivi un mese di servizio e-mail.

Per ulteriori informazioni sul BlackBerry Pearl bianco, il sito da visitare è questo .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Raffaele Pepe scrive:
    ...e poi cosa comunico?
    Premessa : sono un medico della CRI,....così contattato il parente o amico che cosa comunico e come comunico?Bisogna essere preparati a comunicare senza allarmare ma con chiarezza e garbo l' incidente che ha coinvolto la persona col cellulare ICE 1 ecc ecc eccUna volta che siamo sicuri di cosa dire e di come dirlo, il metodo del soccorritore britannico Bob Brotchie può diventare molto utile; in caso contrario diventa un boomerang.
  • Anonimo scrive:
    Meglio un foglietto
    Ci scrivi sopra medicine che prendi, allergie, se hai altro, e chi contattare. 1000 volte meglio che stare a cercare su un telefono e poi dover telefonare e magari anche non trovare.
  • Anonimo scrive:
    E' solo spam...
    Come da topic
    • Anonimo scrive:
      Re: E' solo spam...
      spam di cosa? e a che pro scusa?
      • Anonimo scrive:
        Re: E' solo spam...
        a che pro?non serve un pro allo spam, è dificile da capire?chi si occupa di chiamare i parenti è la POLIZIA, non gli infermieri, alla quale non interessano menate tipo ICE...questa è solo l'ennesima catena di S.Antonio, tu però sei libero di fare come vuoi ciao
  • mythsmith scrive:
    1ICE, non ICE1
    Ho letto di anteporre il numero all'acronimo ICE, in modo che sia visualizzato al primo posto della rubrica.
  • bt scrive:
    Carta regionale dei servizi?
    Ma non basterebbe portarsi dietro quella e far caricare su lì tutti i dati sanitari & co?Chiedo, non lo so... :$
    • Anonimo scrive:
      Re: Carta regionale dei servizi?
      - Scritto da: bt
      Ma non basterebbe portarsi dietro quella e far
      caricare su lì tutti i dati sanitari &
      co?

      Chiedo, non lo so... :$E' nata per questo scopo ma riguardo il caricamento dei dati sanitari sulla smartcard non è ancora applicato in quanto ci sono da risorvere diverse problematiche legate alla confidenzialità dei dati
  • Anonimo scrive:
    L'esperienza
    Premessa: io sono un soccorritore. Tanto per cominciare vi posso dire che raramente, dipende dalle occasioni, si ha la possibilità (o il tempo, se preferite) di cercare su un cellulare un numero di telefono da chiamare. Proviamo a cercare "Mamma" o "Papà" ma questo funziona solo se si tratta di persone abbastanza giovani, spesso sugli adulti non troviamo questi numeri memorizzati ne cose tipo "amoruccio" o "trottolino" in quanto si tende a memorizzare il nome della moglie, è meno romantico ma si sa, il matrimonio è la tomba dell'amore :P . Una delle cose che si usa fare di solito è prendere un documento (se si sono salvati, ad esempio se non sono andati in fiamme) e comunicare gli estremi ai carabinieri i quali provano a rintracciare il numero di casa sperando che la persona non viva da sola. Molti non hanno genitori e non sono sposati, anche in quel caso diventa difficile ottenere informazioni, non tanto per noi quanto per l'ospedale. In Italia infatti la maggior parte delle informazioni servono all'ospedale in quanto noi ci occupiamo solo di preservare la vita senza poter in alcun modo effettuare una diagnosi o somministrare alcun farmaco terapeutico. Diverso è se esce anche il medico. Comunque, l'idea dell'ICE è veramente utile ma andrebbe associata anche ad altre operazioni, tipo comunicare ai propri parenti (o amici salvati sotto ICE) le proprie informazioni sanitare quali, ad esempio, il proprio gruppo o eventuali malattie importanti (diabete) o, ancora, allergie a farmaci. Sapere chi chiamare non serve a nulla se chi viene contattato non ha poi le suddette informazioni, è solo un ulteriore perdita di tempo. Sarebbe cosa buona e giusta conservare, insieme ai documenti, magari nella plastica che avvolge la carta di identità o la patente, un foglio con numeri da contattare ed eventuali comunicazioni sanitarie, costerebbe poco e farebbe risparmiare ancora più tempo.Un saluto a tutti
    • Anonimo scrive:
      Re: L'esperienza
      In effetti è vero, ci sono tante cose che potrebbero essere utili nel soccorso ma spesso non si è nelle condizioni di sfruttarle. Come i nuovi protocolli per la RCP che dicono persino come ci si deve muovere attorno al paziente. Ma dico, chi ha scritto quei protocolli non ha mai fatto un intervento sul campo, con le persone che hanno avuto un infarto in un piccolo bagno, o su un marciapiede stretto lungo una strada trafficata, o in una stanza affollata di mobili?
  • Anonimo scrive:
    UK - no obbligo documenti
    In Inghilterra :Non c'è la carta di identità e non c'è neppure l'obbligo di portare con se' la patente quando si guida. Non ci sono le certificazioni bollate o autenticate, i certificati di residenza o cittadinanza e altre obbligazioni analoghe.Quindi è stata lanciata questa idea.Da noi visto l'obbligo di girare con la carta d'identità potremmo anche avere un pezzo di carta con indicati gli ICE e le nostre patologie.Sempre che poi colui che è stato soccorso non faccia causa al 118 per avergli usato il cellulare o aperto il portafoglio.
    • Anonimo scrive:
      Re: UK - no obbligo documenti


      Sempre che poi colui che è stato soccorso non
      faccia causa al 118 per avergli usato il
      cellulare o aperto il
      portafoglio.Non avete idea di quante volte capita. Così come capita che si venga accusati di furto anche se qualcosa è stato perso nell'incidente, sempre ammesso che sia esistito. Purtroppo c'è chi ci prova...
    • Anonimo scrive:
      Re: UK - no obbligo documenti
      - Scritto da:
      un pezzo di carta
      con indicati gli ICE e le nostre
      patologie.In alcune regioni avremmo fatto anche di meglio: una sola tessera con Smart Card, detta Carta Regionale dei Servizi/Tessera Sanitaria/Carta Nazionale dei Servizi/Tessera Europea di Assicurazione Malattie.Con quella qualunque medico, in caso di emergenza, può accedere a tutta la mai storia medica. Lasciando la firma elettronica della sua TS. Aggiungiamo il campo ICE e avrà anche quello.Ah, già tutto si era arenato perché c'era da spartire la torta di chi doveva consegnare queste tessere (i comuni era troppo economico) e evitare che qualcuno usasse il certificato (gratuito) al suo interno per firmare una email: e poi chi lo comprava più un certificato digitale personale?Sembra la storia di Tremonti che aveva avuto la geniata di una Tessera con il codice a barre per tenere sott'occhio la spesa per le ricette mediche, facendo incacchiare Formigoni che gli aveva fatto notare che in Lombardia stavano distribuendo smart card e persino prevedendo la gestione della Privacy. Quando non ci si parla... :(
      • Anonimo scrive:
        Re: UK - no obbligo documenti
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        un pezzo di carta

        con indicati gli ICE e le nostre

        patologie.
        In alcune regioni avremmo fatto anche di meglio:
        una sola tessera con Smart Card, detta Carta
        Regionale dei Servizi/Tessera Sanitaria/Carta
        Nazionale dei Servizi/Tessera Europea di
        Assicurazione
        Malattie.
        Con quella qualunque medico, in caso di
        emergenza, può accedere a tutta la mai storia
        medica. Lasciando la firma elettronica della sua
        TS. Aggiungiamo il campo ICE e avrà anche
        quello.

        Ah, già tutto si era arenato perché c'era da
        spartire la torta di chi doveva consegnare queste
        tessere (i comuni era troppo economico) e evitare
        che qualcuno usasse il certificato (gratuito) al
        suo interno per firmare una email: e poi chi lo
        comprava più un certificato digitale
        personale?

        Sembra la storia di Tremonti che aveva avuto la
        geniata di una Tessera con il codice a barre per
        tenere sott'occhio la spesa per le ricette
        mediche, facendo incacchiare Formigoni che gli
        aveva fatto notare che in Lombardia stavano
        distribuendo smart card e persino prevedendo la
        gestione della Privacy. Quando non ci si parla...

        :(pensare che lo stato dovrebbe essere al servizio del cittadino, visto che grazie al cittadino può vivere.... invece lo stato e tutti quelli che ne fanno parte o ne entrano con buone intenzioni finiscono nel giro vorticoso di voler fare soldi senza far nulla ....
  • Anonimo scrive:
    Problemi con la rubrica
    Il problema è che se inserite dei nominativi in rubrica come ICE, quando vi chiamano invece di vedere, che so, il nome del vostro migliore amico, vedrete apparire ICE sul display.Comunque quasi tutti hanno CASA (o HOME) in rubrica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Problemi con la rubrica
      Infatti è un problema da non sottovalutare. Se metto lo stesso numero sia con il nome AMORE che ICE, se ricevo una chiamata da quel numero non mi apparirà nè l'uno nè l'altro nominativo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Problemi con la rubrica
        io ad esempio i miei li chiamo per nome e sono segnati col nome e non come mamma o papà...e...a casa nn ho telefono...!! chi mi soccorre!!!!???!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Problemi con la rubrica
          - Scritto da:
          io ad esempio i miei li chiamo per nome e sono
          segnati col nome e non come mamma o papà...e...a
          casa nn ho telefono...!! chi mi
          soccorre!!!!???!!Ecco bravi chi ha il voip e' destinato a morire dissanguato!
    • Anonimo scrive:
      Re: Problemi con la rubrica
      - Scritto da:
      Il problema è che se inserite dei nominativi in
      rubrica come ICE, quando vi chiamano invece di
      vedere, che so, il nome del vostro migliore
      amico, vedrete apparire ICE sul
      display.

      Comunque quasi tutti hanno CASA (o HOME) in
      rubrica.Si potrebbe risolvere semplicemente inserendo in rubrica il numero e il nome normalmente, e poi attaccando un'etichetta dietro al telefono con scritto "ICE" e il nome della persona da chiamare.Il soccorritore legge l'etichetta e poi cerca in rubrica il nome.Piuttosto, il vero problema è il PIN, che spesso si tiene attivato, rendendo la rubrica inaccessibile.Forse sarebbe più utile se fossero i produttori di telefonini ad inserire una funzione ICE sui telefoni, che renda il numero ICE disponibile sempre, anche quando il telefono è bloccato, e renderlo indipendente dall'uso normale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Problemi con la rubrica
      Enter the number with a * at the end - Adding a * to the end of the number when programming it into your mobile will avoid Caller ID renaming this contact ICE. Entering the * will still enable the call to be successfully connected. tratto da:http://www.vodafone.co.nz/aboutus/media_releases/20050807.jsp
  • Anonimo scrive:
    IO proporrei un altra cosa
    Premettendo che non tutti siano capaci di accedere a tutte le rubriche di tutti i cellulari. Dato che tutti i cellulari hanno la possibilità di usare un tasto di chiamata rapida, proporrei di scegliere il tasto 2 come chiamata di emergenza. In modo che basta sbloccare la tastiera e premere il tasto 2.
    • Anonimo scrive:
      Re: IO proporrei un altra cosa
      gradisco
    • Anonimo scrive:
      Re: IO proporrei un altra cosa
      - Scritto da:
      Premettendo che non tutti siano capaci di
      accedere a tutte le rubriche di tutti i
      cellulari. Dato che tutti i cellulari hanno la
      possibilità di usare un tasto di chiamata rapida,
      proporrei di scegliere il tasto 2 come chiamata
      di emergenza. In modo che basta sbloccare la
      tastiera e premere il tasto
      2.sì, premi il tasto 2 sul tuo cellulare... :s
      • Anonimo scrive:
        Re: IO proporrei un altra cosa
        si, infatti se premi due sul mo cellulare chiami la mia compagna. MA forse per te è troppo difficile.... ad ogni modo come V.d.S. preferirei il tasto due.
    • Anonimo scrive:
      Re: IO proporrei un altra cosa
      Se io premo il tasto 2 sul mio cell (Nokia 6230) mi compare il numero 2 sul display e non chiama nessun numero. Quindi come la mettiamo?
      • Anonimo scrive:
        Re: IO proporrei un altra cosa
        mettiamo che ti compri un altro cellulare perchè lo fanno tutti...o forse non hai inteso che la chiamata rapida funziona se premi e tieni premuto per circa un secondo....o pensavi che su ogni cellulare se ad esempio voglio chiamare il 112 non posso perchè ogni volta che premo due parte un'altra chiamata??
      • Anonimo scrive:
        Re: IO proporrei un altra cosa
        - Scritto da:
        Se io premo il tasto 2 sul mio cell (Nokia 6230)
        mi compare il numero 2 sul display e non chiama
        nessun numero. Quindi come la
        mettiamo?Devi tenerlo premuto.....
      • Anonimo scrive:
        Re: IO proporrei un altra cosa
        La mettiamo che dovresti leggere il manuale, almeno una volta. (una volta si diceva RTFM..) ;)Menu-
        Rubrica-
        Chiamate Rapide-
        AssegnaInserisci il numero e gli dai un nome.Poi rispondi "Si" alla domanda "Attivare le chiamate rapide?".Esci e prova a tenere premuto 2 ora... :-)Se invece alla domanda hai risposto "No", dopo aver premuto due premi anche il tasto verde.Per disattivare le chiamate rapide:Menu-
        Impostazioni-
        Chiamate-
        Chiamate RapideBuon ICE (rotfl)
    • Dirk Pitt scrive:
      Re: IO proporrei un altra cosa
      - Scritto da:
      Premettendo che non tutti siano capaci di
      accedere a tutte le rubriche di tutti i
      cellulari. Dato che tutti i cellulari hanno la
      possibilità di usare un tasto di chiamata rapida,
      proporrei di scegliere il tasto 2 come chiamata
      di emergenza. In modo che basta sbloccare la
      tastiera e premere il tasto
      2.Invece di inventarsi delle varianti, inserite sto benedetto numero abbinato al nome ICE e basta.E' così difficile?Possibile che ogni volta bisogna cercare di modificare le cose?dillatutta.com - perchè la verità... funziona
      • Anonimo scrive:
        Re: IO proporrei un altra cosa
        - Scritto da: Dirk Pitt
        Invece di inventarsi delle varianti, inserite sto
        benedetto numero abbinato al nome ICE e
        basta.Come disse una volta un comico, io associato al mio numero di emergenza ICE metterei il telefono del mio medico: se sto male che volete possa farci mia moglie per curarmi? :D
      • Anonimo scrive:
        Re: IO proporrei un altra cosa
        Quando le persone sono dei "cantinari dentro" non ci puoi fare nulla... il gusto della continua modifica per essere incompatibili...- Scritto da: Dirk Pitt

        - Scritto da:

        Premettendo che non tutti siano capaci di

        accedere a tutte le rubriche di tutti i

        cellulari. Dato che tutti i cellulari hanno la

        possibilità di usare un tasto di chiamata
        rapida,

        proporrei di scegliere il tasto 2 come chiamata

        di emergenza. In modo che basta sbloccare la

        tastiera e premere il tasto

        2.

        Invece di inventarsi delle varianti, inserite sto
        benedetto numero abbinato al nome ICE e
        basta.
        E' così difficile?
        Possibile che ogni volta bisogna cercare di
        modificare le
        cose?



        dillatutta.com - perchè la verità... funziona
  • Anonimo scrive:
    piu' che altro
    quando si ricevera una chiamata di un parente sul display comparira' ICE1, ICE2, etc, o al limite se 2 si mette lo stesso numero su ICE1 e "nome persona" comparira sulo il nr e non il chiamante.Preferisco come scritto da qualcuno prima, mamma papa, trottolina, casa, etc...
    • Anonimo scrive:
      Re: piu' che altro
      - Scritto da:
      quando si ricevera una chiamata di un parente sul
      display comparira' ICE1, ICE2, etc, o al limiteBasterebbe inserire come nome:"ICE nome_persona".Mi sfugge qualcosa?
    • Anonimo scrive:
      Re: piu' che altro
      Enter the number with a * at the end - Adding a * to the end of the number when programming it into your mobile will avoid Caller ID renaming this contact ICE. Entering the * will still enable the call to be successfully connected.tratto da:http://www.vodafone.co.nz/aboutus/media_releases/20050807.jsp
  • Xseven scrive:
    mà....
    mamma, papà, casa, amore, frugolino trotterelloso e altre bagianate simili non si capivano? :Dtutto questo per dire, primo!
Chiudi i commenti