Il Blu-ray di Sharp ronza dentro la TV

Il produttore giapponese ha lanciato la prima linea di televisori con integrato un drive a laser blu con funzionalità di registrazione e playback

Roma – C’è chi, come Apple , guarda ancora a Blu-ray con grande scetticismo , e c’è chi, come Sharp , ha invece deciso di integrare la tecnologia a laser blu su un’intera linea di televisori. Anche se (per ora) solo in Giappone.

La nuova serie di televisori LCD Aquos DX, che attualmente comprende ben 16 modelli con diagonale compresa fra 16 e 52 pollici, ha come caratteristica peculiare l’integrazione di un masterizzatore capace di leggere e scrivere dischi BD e DVD. L’unità è compatibile con i dischi BD-R e BD-RE (riscrivibili) a singolo e a doppio layer (50 GB), sui quali gli utenti possono registrare i programmi TV in alta definizione trasmessi dalle emittenti terrestri giapponesi.

Il tuner per la televisione digitale terrestre è incluso nell’apparecchio, e consente di registrare un programma mentre se ne sta guardando un altro. I video possono essere archiviati in formato H.264/AVC (Advanced Video Coding), e grazie alla modalità 5X Extended è possibile ridurre significativamente la dimensione dei file conservando praticamente la stessa qualità del video HD originale. I modi di registrazione 2X e 3X forniscono un minor livello di compressione ma, in compenso, permettono di registrare anche l’audio surround.

Il drive Blu-ray integrato nel televisore porta con sé diversi vantaggi, quali un minor numero di cavi e la possibilità di accedere alle funzioni di registrazione, riproduzione e sintonizzazione TV da un unico telecomando e da una singola interfaccia.

In Giappone il prezzo degli Aquos DX va dai 1200 ai 3200 euro circa.

Secondo David Barnes, analista di mercato presso NPD Group , il prezzo dei televisori LCD è destinato a scendere molto rapidamente nei prossimi mesi. Entro Natale, negli USA, i televisori LCD da 32 pollici dovrebbero arrivare a costare 350 dollari (circa 260 euro), e quelli da 40-42 pollici scendere sotto la barriera dei 600 dollari.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • franci scrive:
    attenti
    In questa maniera, ricordatevi, potranno controllare tutti i vostri movimenti....basta posizionare i lettori RFID nei punti giusti e il gioco è fatto.Saluti(cylon)
  • marco birindelli scrive:
    parcheggi a pisa
    Credo che sia una buona soluzione l'adozione dei nuovi palmari con i nuovi permessi dotati di trasmettitore inquanto consentono di migliorare il lavoro degli ausiliari evitando di sanzionare quell'utente magari un po sbadato che non mette in modo visibile al controllo la sua autorizzazione o il ticket,cosi reputo positivo anche la possibilita di regolarizzare la propria posizione riguardo i rinnovi o le richieste di autorizzazione tramite internet.
    • marco scrive:
      Re: parcheggi a pisa
      - Scritto da: marco birindelli
      Credo che sia una buona soluzione l'adozione dei
      nuovi palmari con i nuovi permessi dotati di
      trasmettitore inquanto consentono di migliorare
      il lavoro degli ausiliari evitando di sanzionare
      quell'utente magari un po sbadato che non mette
      in modo visibile al controllo la sua
      autorizzazione o il ticket,cosi reputo positivo
      anche la possibilita di regolarizzare la propria
      posizione riguardo i rinnovi o le richieste di
      autorizzazione tramite
      internet.
  • Dante Spinelli scrive:
    Usare la targa no? Troppo facile?
    A Livorno i permessi vanno col numero di targa del veicolo. A Pisa no? Perché inventare un altro ID (RFID) quando ne esiste già uno?
  • A C scrive:
    E' troppo evidente
    Con quella patacca rossa con scritto PISA sul parabrezza sara' impossibile sostare a Livorno o a Lucca senza trovarsi la carrozzeria sfregiata (sperando di salvare i cristalli)
    • sa sizza scrive:
      Re: E' troppo evidente
      ahahahah giustissimo!
    • smuz scrive:
      Re: E' troppo evidente
      - Scritto da: A C
      Con quella patacca rossa con scritto PISA sul
      parabrezza sara' impossibile sostare a Livorno o
      a Lucca senza trovarsi la carrozzeria sfregiata
      (sperando di salvare i
      cristalli)anche a FI!'zzi vostri!
  • m00f scrive:
    Sempre più vicino
    RFID = NWOvi pisciano addosso e vi dicono che piove, e voi la bevete pure!WAKE UP COWS!
  • ZioTano. scrive:
    Secondo me è una genialata.
    come da oggetto!Magari permettendo entrambe le forma di pagamento iniziali...E' una gran rottura andare a cercare il biglietto ogni volta!E permette facili abbonamenti...tutto sul web...una figata.
    • Dr. House scrive:
      Re: Secondo me è una genialata.
      - Scritto da: ZioTano.
      come da oggetto!
      Magari permettendo entrambe le forma di pagamento
      iniziali...
      E' una gran rottura andare a cercare il biglietto
      ogni
      volta!
      E permette facili abbonamenti...tutto sul
      web...una
      figata.Leggendo l'articolo hanno intenzione di venire anche dalle mie parti... temo di fronte a ciò che potrebbero combinare qui....Ti quoto la tecnologia è interessante, sono le persone che la metteranno in forze che mi fanno paura
    • hunter scrive:
      Re: Secondo me è una genialata.
      figata un tubo, in questo modo come ti muovi con l'auto per la citta' sanno precisamente dove sei, proprio una genialata....per loro.eppoi e' una gran cavolata, quanta gente secondo voi e' capace di andare sul web a ricaricare il borsellino virtuale? e con quali mezzi?di persone anziane o avverse alla tecnologia ce ne e' tantissima se fosse visto solo come servizio in piu' opzionale andrebbe bene, ma imposto proprio no
      • ZioTano. scrive:
        Re: Secondo me è una genialata.
        è un rfid non un gps quindi una portata nell'ordine di alcuni metri, alcuni rfid sono anche all'interno dei vestiti come antitaccheggio e spesso ci dimentichiamo di toglierli, capisco la privacy ma questa è paranoia, e cmq questo pass puo' e dovrebbe essere fatto in maniera del tutto anonima, per pagare il parcheggio non è necessario sapere chi sei, e non dev'essere agganciato a nessuna targa ma spostabile da macchina a macchina. In più deve essere concessa l'alternativa del biglietto tradizionale.L'idea è fantastica, con alcuni banali accorgimenti come questi.
    • DarkSchneider scrive:
      Re: Secondo me è una genialata.
      - Scritto da: ZioTano.
      come da oggetto!
      Magari permettendo entrambe le forma di pagamento
      iniziali...
      E' una gran rottura andare a cercare il biglietto
      ogni
      volta!
      E permette facili abbonamenti...tutto sul
      web...una
      figata.Vi informo che la PI.sa.Mo ha messo in vendita degli abbonamenti digitali prepagati da un pezzo. hai il tuo aggeggino con display, imposti la tariffa dai start! L'ausiliario arriva, vede il tempo residuo e la tariffa impostata (inutile fare i furbi) e via. Nessuna corsa alla macchinetta! Con questi Rfid hai il vantaggio di non doverti ricordare di attivarlo, lo svantaggio è la ricarica online. Volete mettere rispetto all'acquisto di un prepagato preso in un qualsiaai tabacchino?
  • Dario Marchi scrive:
    Il progresso dimentica il buon senso
    Belle iniziative, lo ammetto, ma tutta questa informatizzazione si dimentica spesso delle regole del buon senso: per prima cosa, gli ausiliari del traffico di Pisa hanno i propri dispositivi per l'emissione delle contravvenzioni, che non permettono di cancellare una contravvenzione elevata erroneamente ( magari consentendo un limite temporale limitato che permetta all'operatore di accedere al sistema per cancellare la multa, se inoltrata per sbaglio). E' un problema con cui mi son scontrato personalmente, avendo lasciato l'auto pochi secondi per pagare il tagliando, ritrovandomi multato. Adesso devo far ricorso al Giudice di Pace per una questione di pochi euro, come se la Giustizia non avesse cose piu' importanti di cui occuparsi!
    • tony scrive:
      Re: Il progresso dimentica il buon senso
      Il buon senso forse l'ha dimenticato l'ausiliario. Formalmente non è possibile sapere se una macchina che non espone il tagliando è appena arrivata. Ammettendo che la macchinetta per i biglietti non sia lontana anni luce, quando l'ausiliario vede una macchina senza tagliando esposto dovrebbe attendere il tempo necessario a una persona per andare ad acquistarlo e tornare.Potrebbe tenerla d'occhio, e poi fare la multa...Ovviamente dipende da quanto tempo un utente ci mette ad andare alla macchinetta: qualcuno si ricorda la vecchina che andava a rispondere al telefono durante la scena della fucilazione nel film "Top secret"? Geniale!
      • Zeno scrive:
        Re: Il progresso dimentica il buon senso

        Ovviamente dipende da quanto tempo un utente ci
        mette ad andare alla macchinetta: qualcuno si
        ricorda la vecchina che andava a rispondere al
        telefono durante la scena della fucilazione nel
        film "Top secret"?
        Geniale!Scena strepitosa!Zeno
Chiudi i commenti