Il casco che riconosce gli urti

Misurare la violenza dell'impatto e la segnala a chi deve assistere lo sportivo

Rugby, hockey, football americano: questi sono sono alcuni degli sport nei quali la frequenza di infortuni dovuti a scontri e collisioni è davvero elevata. Per di più, in questa tipologia di attività agonistiche, è notevole la possibilità di riscontrare delle commozioni cerebrali. È per questa ragione che la startup di Cambridge, MC10, ha progettato in collaborazione con Reebok il dispositivo Impact-Sensing Skullcap for Sports.

Skullcap

Il progetto nasce dall’idea secondo la quale conoscere già al momento dell’impatto la potenza di collisione, consente di operare nell’immediato delle precauzioni mediche, allo scopo di limitare i danni che si potrebbero verificare a livello cerebrale.

Il dispositivo è costituito da una cuffietta, in stile nuotatore, sulla cui superficie sono applicati dei led colorati. Al momento dell’impatto, le luci assumono una diversa colorazione (verde, giallo e rosso) a seconda della violenza dell’urto. Avere un riscontro visivo immediato consente di decidere se sia il caso di procedere immediatamente con cure mediche ed eventuali esami diagnostici, o se può essere sufficiente rimanere a riposo.

Esistono già in commercio dei caschetti che operano la stessa funzione, ma il costo è davvero proibitivo per la maggior parte degli sportivi. Con questo progetto, MC10 e Reebok promettono di abbattere notevolmente i costi, per rendere la cuffietta disponibile ed alla portata di tutti.

Il dispositivo dovrebbe essere in commercio nei primi mesi del nuovo anno, anche se le aziende non hanno ancora reso noto dato ufficiali.

(via Technology Review )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • jaro scrive:
    Bella
    Belle queste applicazioni per chi vorrebbe Linux ma non lo sa. Mi pare che in giro ci sia qualcosa anche per trascinare le finestre tenendo premuto Alt. Sicuramente c'è qualcosa per simulare gli spazi di lavoro. Se posso dare un suggerimento agli eventuali programmatori qui presenti desiderosi di cimentarsi in un'impresa simile, a me piace la funzione "arrotola". Chissà se si può fare.
    • user_ scrive:
      Re: Bella
      - Scritto da: jaro
      Belle queste applicazioni per chi vorrebbe Linux
      ma non lo sa. Mi pare che in giro ci sia qualcosa
      anche per trascinare le finestre tenendo premuto
      Alt. Sicuramente c'è qualcosa per simulare gli
      spazi di lavoro. Se posso dare un suggerimento
      agli eventuali programmatori qui presenti
      desiderosi di cimentarsi in un'impresa simile, a
      me piace la funzione "arrotola". Chissà se si può
      fare.Eh no, io ho avuto linux per mesi ,ma in windows 7 non c'è alcun bisogno di muovere le finestre tenendo premuto alt, gli spazi di lavoro non mi servono e la funzione arrotola non mi serve. in compiz fusion mi piaceva la funzione che distorceva la grafica tipo gocce di pioggia sullo schermo e quell'altra funzione che rendeva le finestre gommose ma sono cazzatine che se vogliono mettono anche in windows. Ora che ci penso ci sono queste cose aggiuntive in windows, da installare in windows, vanno cercate su google... COme gli spazi di lavoro e altri funzioni grafiche copiate a linux forse. e altre come la dock degli os di apple...In linux mi mancavano tante cose, come programmi fatti bene e giochi belli e gioconi famosi grossi che ci sono in windows xp/7 (a win vista manco ci penso che l'ho saltato proprio..) Poi provai tanti player audio in linux ma come xmplay di win non ce ne sono! è molto meglio xmplay e l'audio di win.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 novembre 2012 23.31-----------------------------------------------------------
      • jaro scrive:
        Re: Bella
        - Scritto da: user_
        Eh no, io ho avuto linux per mesi ,ma in windows
        7 non c'è alcun bisogno di muovere le finestre
        tenendo premuto alt,Di' piuttosto che non <b
        hai </b
        bisogno di muovere le finestre con alt. Metti che hai bisogno di tenere aperte più finestre nello schermo. Per risparmiare spazio potresti portarne su una in modo che la barra del titolo resti fuori dallo schermo.
        gli spazi di lavoro non mi
        servonoIn effetti a casa li uso poco (ma in molti casi sono davvero pratici). Se li avessi al lavoro, dove uso Windows e ho spesso molte applicazioni e documenti aperti contemporaneamente, mi darebbero una grossa mano. Ho provato VirtuaWin Portable (http://portableapps.com/apps/utilities/virtuawin_portable), ma l'interfaccia MDI di Excel me lo rende fondamentalmente inutile.
        e la funzione arrotola non mi serve. in
        compiz fusion mi piaceva la funzione che
        distorceva la grafica tipo gocce di pioggia sullo
        schermo e quell'altra funzione che rendeva le
        finestre gommose ma sono cazzatine che se
        vogliono mettono anche in windows.Io mi trovo spesso a dover leggere da una finestra e scrivere su un'altra (ad es. se devo fare una traduzione, riassumere o copiare a mano), ed è molto comodo poter tenere un editor di testo davanti alla finestra da cui leggo, e far scorrere la pagina con la rotellina del mouse senza che l'editor le vada dietro per poi doverlo recuperare cercandolo sulla barra delle applicazioni. Per lo stesso motivo (non doverlo recuperare dalla barra delle applicazioni ingombra) trovo utile poterlo arrotolare quando devo leggere e srotolare quando devo scrivere.
        In linux mi mancavano tante cose, come programmi
        fatti bene e giochi belli e gioconi famosi grossi
        che ci sono in windows xp/7 (a win vista manco ci
        penso che l'ho saltato proprio..)Usando il tuo modo di ragionare potrei dire che "In Linux non c'è alcun bisogno di 'giochi belli e gioconi famosi'" (nel senso che non servono a me ... O meglio, quelli che già ci sono sono sufficienti per le mie esigenze). Capisco che per giocare e ascoltare musica le funzioni di cui parlavamo più sopra servono a ben poco.
        Poi provai tanti player audio in linux ma come
        xmplay di win non ce ne sono! è molto meglio
        xmplay e l'audio di
        win.Magari sarò io che non ho un buon orecchio, ma onestamente, tra l'audio dei due sistemi non trovo differenze apprezzabili.
  • sardonico scrive:
    E i commenti?
    Dove sono finiti i commenti (di un tizio che diceva "inutility" e il mio con cui gli rispondevo che, invece, per me questa funzionalita' e' molto utile)?
  • user_ scrive:
    Inutility
    inutility
    • sardonico scrive:
      Re: Inutility
      Al contrario.Uso un prodotto simile (AlwaysMouseWheel) e avendo un desktop esteso su piu' monitor la funzionalita' mi e' utilissima, risparmiandomi un sacco di click o di scrolling involontari sulla finestra sbagliata.
      • piero scrive:
        Re: Inutility
        anch'io uso più finestre su diversi monitor, semplicemente quando mi sposto su una finestra prima clicco con il mouse e poi uso lo scroll...
Chiudi i commenti